DL Urbani, interviene l'on. Carlucci

Relatrice del provvedimento, la parlamentare di Forza Italia ha ieri diramato una nota per spiegare le novità previste dal decreto che si avvia, nelle prossime settimane, ad essere convertito in legge dello Stato. Ecco il testo


Roma – “Decreto-legge Urbani: attenuate e graduate le sanzioni contro la pirateria (da 1.500 a 154 euro), ma estese a tutte le opere dell’ingegno (musica editoria, software)”

L’on.Gabriella Carlucci, responsabile spettacolo di Forza Italia, relatrice sul decreto-legge anti-pirateria fortemente voluto dal Ministro Urbani, segnala che il Governo ha accolto, facendoli propri, tutti gli emendamenti della relatrice, i quali prevedono un’attenuazione delle sanzioni contro la pirateria per coloro che agiscono per uso esclusivamente personale e senza fini di lucro, ed un’estensione delle norme all’insieme delle opere dell’ingegno.

Carlucci si dichiara soddisfatta, perché questo risultato cerca di coniugare intelligentemente le ragioni della libertà individuale, di cui internet è lo strumento sovrano, e le comunque legittime esigenze di tutelare i diritti degli autori e dei produttori di contenuto. Il “content” (musica, cinema, audiovisivo, editoria) si conferma come la risorsa più preziosa della cultura e dell’economia nazionale.

Il risultato è frutto di una delega che Carlucci ha acquisito dal Ministro Urbani, d’intesa con Gasparri e Stanca, affinché venissero ascoltate le voci più rappresentative dell’universo internet italiano, dai provider a Telecom e Fastweb, dalla Siae alle associazioni di consumatori, e venissero identificati i più adeguati correttivi alla prima versione del decreto-legge, approvato d’urgenza dal Consiglio dei Ministri il 12 marzo.

La relatrice si è quindi fatta promotrice di un rapido ma ampio giro di consultazioni, ed ha elaborato una serie di emendamenti che sono stati apprezzati anche dall’opposizione: dal sen. Cortiana (Verdi) agli onn. Grignaffini e Chiaromonte (Ds) a on. Colasio (Margherita). Il “popolo della rete” vede confermata la sua libertà, ma viene imposto il rispetto di regole essenziali per lo sviluppo delle industrie creative nazionali.

La nuova versione del decreto-legge elimina la sanzione amministrativa inizialmente prevista, riconducendo la trasgressione nell’ambito della vigente normativa sul diritto d’autore: la sanzione amministrativa è stata ridotta da 1.500 a 154 euro, che salgono a 1.032 soltanto in caso di recidiva.

La nuova norma prevede che qualsiasi opera dell’ingegno resa disponibile su internet, anche con sistemi di condivisione (file-sharing), debba recare un avviso relativo l’avvenuto rispetto degli obblighi previsti dalla legge sul diritto d’autore.

Il decreto conferma la liceità della cosiddetta “copia privata”, ovvero della riproduzione privata di fonogrammi e videogrammi, effettuata da persona fisica per uso esclusivamente personale, senza scopo di lucro e senza fini direttamente o indirettamente commerciali. Pesanti le sanzioni penali, invece, se il fatto è commesso per uso non personale: reclusione da 6 mesi a 3 anni.

Infine, è stato introdotto un prelievo del 3 per cento sul prezzi al listino dei masterizzatori di dvd (esiste già, dal 1992, un prelievo simile per i videoregistratori e registratori audio).

Il provvedimento diverrà legge dello Stato entro poche settimane.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Lotty scrive:
    Furto d'identità
    informazioni su furto di identità
  • Redazione Moderatame nte scrive:
    Furto Identità
    Gli italiani privati della loro identità. E quanto emerge dai dati forniti dell'Osservatorio Crif (Centrale rischi finanziari) sulle frodi creditizie. Sono infatti oltre 17mila le frodi creditizie a danno degli italiani mediante furto didentità vale a dire l'uso fraudolento dei dati anagrafici di un'altra persona - avvenute nel 2006, per un valore superiore agli 80 milioni di euro. E il fenomeno, secondo l84% degli operatori del settore, è destinato a crescere nel 2007.Continua ....http://www.moderatamente.com/richiamo.asp?val=1
  • Anonimo scrive:
    l'ID theft E ID
    l'ID theft cosa è?sulle chat di irc molti prendono l'id usando la cosidetta ban o espulsione dalla chat oppure cosa ci possono fare?è un reato??ciao ciao
    • liberx scrive:
      Re: l'ID theft E ID

      l'ID theft cosa è?Un esempio banaleTu hai un sistema di riconoscimento per l'accesso al sito della tua banca dove puoi disporre bonifici ecc.Un terzo viene in qualche modo a conoscenza di quei dati e presso la banca si fa passare per te per prelevare i tuoi soldi.Altro esempioLavori con un IM, tipo ICQ o MSN, e li' hai i tuoi contatti di lavoro. Sei un industriale. Un concorrente sconosciuto prende il tuo posto, si rende conto di quali sono i tuoi contatti e ne approfitta, magari per gettare cattiva luce su di te o semplicemente per spionaggio industriale.Roba cosi'
  • Anonimo scrive:
    Gli interessi della gente comune...
    Quando si tratta di difendere gli interessi dei potenti si mettono in campo le tecnologie più disparate, vedi la protezione dei CD musicali e le smart card per la pay-tv. Quando invece si tratta di proteggere l' utente comune gli si danno carte magnetiche con memorizzati i PIN in chiaro (bancomat). Ma è possibile che nel 2004 si possa succhiar via i soldi dal conto corrente di qualcuno solo conoscendo il numero di carta di credito, che è stampigliato in bella vista sulla carta stessa? Cercano di inventare qualcosa di nuovo (VISA Electron ad esempio), che poi non viene usato da nessuno.
  • Anonimo scrive:
    emh ...
    che punisce, con la reclusione fino ad un anno, chi "induce taluno in errore, sostituendo illegittimamente la propria alla altrui persona, o attribuendo a sé o ad altri un falso nome, o un falso stato, ovvero una qualità a cui la legge attribuisce effetti giuridici"Emh ... quindi io e la stragrande maggioranza delle persone in internet dovremmo andare in galera un anno perché quando registriamo una casella di posta gratuita o quant'altro per cui ci sc@%%a dover scrivere dati veri ne scriviamo falsi? Beh ... imho la legge va inasprita da una parte per il furto di identità vero, ma nel caso che ho citato a mio avviso non si può parlare di reato ... vorrei sapere chi ha scritto dati veri ad es. registrando la casella di yahoo
    • Anonimo scrive:
      Re: emh ...
      - Scritto da: Anonimo

      vorrei sapere chi ha scritto dati veri ad
      es. registrando la casella di yahooNon lo so ma a giudicare dal ciarlare continuo su gmail, devono essere in molti.
    • HotEngine scrive:
      Re: emh ...
      - Scritto da: Anonimo
      che punisce, con la reclusione fino ad un
      anno, chi "induce taluno in errore,
      sostituendo illegittimamente la propria alla
      altrui persona, o attribuendo a sé o
      ad altri un falso nome, o un falso stato,
      ovvero una qualità a cui la legge
      attribuisce effetti giuridici"

      Emh ... quindi io e la stragrande
      maggioranza delle persone in internet
      dovremmo andare in galera un annoMah... Considera che è stato tagliato il primo pezzo dell'articolo, dove si dice: "Chiunque, al fine di procurare a sè o ad altri un vantaggio o di recare ad altri un danno, induce..."
      • Anonimo scrive:
        Re: emh ...
        se valuti a fine di vantaggio o a fine di danno altrui..... si riferisce l'articolo su yahoo non fai vantaggi ne danni.taluni delinquenti che aderiscono di tali comportamenti somatici come le carte di credito...sono sempre esistiti nella vita sociale e cosi esistono nel computer ma prima e poi vengono beccati!riguardo a l'ID theft cosa è?
Chiudi i commenti