Domini .it? Tutti in Trentino

Se non tutti, molti: il CNR ha condotto un'indagine sulle regioni che registrano il maggior numero di domini italiani. Da questo trae dati con cui - afferma - si può vedere dove Internet è usata maggiormente


Roma – Un alto numero di domini registrati in una certa area del paese significa che in quell’area Internet è più diffusa che altrove? Ne sembrano convinti i ricercatori del CNR che hanno condotto un’indagine sulla “demografia” di un milione di domini.it , ottenendo risultati in qualche misura sorprendenti.

Anzitutto dal database dei domini italiani si scopre che la regione che primeggia per numero di registrazioni è il Trentino Alto Adige seguita a buona distanza da Toscana, Lazio e Lombardia. Secondo questi dati il Mezzogiorno è molto indietro: la prima provincia meridionale in “classifica” è Pescara, al 44esimo posto, con Napoli al 79esimo. Nessuna tra le prime dieci regioni, in termini di domini.it, è del Sud.

“La ricerca condotta dall’Istituto di Informatica e Telematica del Consiglio Nazionale delle Ricerche – si legge in una nota – non lascia dubbi : Pisa e Bolzano sono le province italiane dove è concentrato il maggior numero di utenti della Rete, davanti a Milano, Firenze e Roma”. Questo singolarissimo “indice” che lega numero di domini e diffusione dell’accesso ad Internet è definito dai ricercatori tasso di penetrazione , ossia “il numero di domini registrati ogni 10mila abitanti (o ogni 100 organizzazioni, per i dati relativi alle aziende e alle associazioni)”.

Altri dati del CNR riguardano i domini e le aziende: “E’ Pisa a fare la parte del leone, seguita da Bolzano, Milano, Roma, Firenze e Siena. Ancora male il Sud, con Napoli relegata al 41esimo posto. Enna chiude la classifica con valori ben al di sotto della media nazionale. Tra le regioni, bene le aziende del Trentino Alto Adige, prime in classifica davanti a Lombardia, Toscana e Lazio. Si distingue la Campania con un brillante 12esimo posto”.

Da segnalare, invece, che il grosso dei domini intestati ad associazioni si trova in provincia, in particolare in provincia di Roma e Milano, seguite da Pisa, Firenze e Bologna. “La ricerca – si legge nella nota diffusa dal CNR – ha dimostrato che l’associazionismo non può essere considerato come un fenomeno marginale nel settore ICT: non a caso i tassi di penetrazione per macro-aree (Nord, Centro e Sud-Isole) registrati dalle associazioni risultano più elevati rispetto a quelli delle imprese. Le associazioni hanno dunque una forte propensione all’utilizzo di Internet”.

Secondo Martinelli e Serrecchia, che hanno condotto lo studio, la ricerca dimostra che le regioni in ritardo sui fronti tradizionali dell’economia e delle infrastrutture lo sono anche nell’accesso alla rete. “E’ tutto da dimostrare – dicono – che le zone del paese con maggiori problemi infrastrutturali sulle reti materiali possano ridurre lo svantaggio puntando tutto sulla rete Internet: chi è indietro nello sviluppo economico perde ulteriori posizioni, probabilmente anche perché a esso si associa un minore interessamento alle nuove tecnologie e alla loro adozione”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Evidentemente si rendono conto....
    Evidentemente si rendono conto che c'è una dittatura anche in Australia : ah queste democrazie anglo-sassoni!
    • Anonimo scrive:
      Re: Evidentemente si rendono conto....
      - Scritto da: Anonimo
      Evidentemente si rendono conto che c'è una
      dittatura anche in Australia : ah queste
      democrazie anglo-sassoni! In fatto di democrazia i paesi anglosassoni possono camminare a testa alta più di tutti gli altri messi assieme.Se a te sta sulle balle Bush non vuol dire che il sistema non funzione: è Bush che non funziona.Evitiamo di dire castronerie.
      • Anonimo scrive:
        Re: Evidentemente si rendono conto....
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Evidentemente si rendono conto che c'è una

        dittatura anche in Australia : ah queste

        democrazie anglo-sassoni!


        In fatto di democrazia i paesi anglosassoni
        possono camminare a testa alta più di tutti gli
        altri messi assieme.

        Se a te sta sulle balle Bush non vuol dire che il
        sistema non funzione: è Bush che non funziona.

        Evitiamo di dire castronerie.E la strumentalizzazione sulla dipedenza delle tecnologie certo non è solo dei paesi anglosassoni : pensa te senza energia elettrica cosa faremo !
  • CoD scrive:
    Ci pensera' il governo
    Considerato l'ampio interesse che il governo Australiano nutre nel controllo e nella censura dei suoi cittadini non ho dubbi che tra pochi giorni verra' fuori un nuovo strumentino governativo per impedire alle giovani menti "lasciate sole con le loro emozioni" di navigare su siti non approvati dall'alto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci pensera' il governo
      - Scritto da: CoD
      Considerato l'ampio interesse che il governo
      Australiano nutre nel controllo e nella censura
      dei suoi cittadini non ho dubbi che tra pochi
      giorni verra' fuori un nuovo strumentino
      governativo per impedire alle giovani menti
      "lasciate sole con le loro emozioni" di navigare
      su siti non approvati dall'alto.Stanno provando 1984 aggiornato !
      • AnyFile scrive:
        Re: Ci pensera' il governo
        - Scritto da: Anonimo


        - Scritto da: CoD

        Considerato l'ampio interesse che il governo

        Australiano nutre nel controllo e nella censura

        dei suoi cittadini non ho dubbi che tra pochi

        giorni verra' fuori un nuovo strumentino

        governativo per impedire alle giovani menti

        "lasciate sole con le loro emozioni" di navigare

        su siti non approvati dall'alto.
        Stanno provando 1984 aggiornato !Invece quella di proibire di dire scempiaggini a destra e manca (per di piu' probabilmente pagati dal governo) non si fa mai.ma piuttosto che si chiedano perche' i ragazzi e giovani d'oggi passino tanto tempo al computer al posto che uscire di casa (forse perche' stare al pc costa relativamente molto meno che solo mettere il naso fuori di casa?)
Chiudi i commenti