Don Benzi assolve le chat

Il religioso spiega che non è lo strumento a fare dell'uomo un peccatore e incalza: le chat sono mezzi aggregativi che possono rappresentare una risposta all'isolamento. Chiesa e Internet, rapporto più facile?

Roma – Non si può e non si deve criminalizzare gli strumenti messi a disposizione dalla tecnologia, perché è l’uomo che determina il loro utilizzo e il proprio rapporto con essi, dunque i nuovi strumenti della comunicazione vanno assolti, a partire dalle chat. Questo in sintesi il pensiero espresso ieri da don Oreste Benzi, cuore della comunità Papa Giovanni XXIII di Rimini.

Il religioso ha spiegato che “usare Internet in chat non è peccato. Dipende invece da cosa vuole ottenere e dove vuole arriva ogni individuo”. Parole espresse dalla tribuna di un singolare convegno dal titolo “Il diavolo in Rete: Chiesa, codice e costume di fronte al fenomeno chat”. Convegno che si è tenuto alla Fiera di Padova nell’ambito di Mitexpo.com.

Don Benzi è sembrato voler proporre una “riconciliazione” tra Chiesa ed Internet, un rapporto complesso altalenante tra entusiasmi e critiche, sostenendo che “non è certo usando uno strumento avanzato che si commette peccato. E ‘ sempre l’uomo che deve scegliere ciò che è oggettivamente bene e ciò che è oggettivamente male”.

Abolita la intrinseca soggettività delle scelte, don Benzi ha incalzato il pubblico della Fiera sostenendo che il Diavolo non ha una casa su Internet, perché “è dentro l’uomo e non nel Web. Il diavolo è colui che tenta l’uomo al male e che stravolge il normale senso delle cose e va oltre la moralità”.

Secondo don Benzi, troppo spesso si associa la “questione chat” al disagio giovanile, un’operazione di sintesi non felice perché se c’è un dramma nei giovani di oggi, sostiene don Benzi, sta nella difficoltà di crescere e di riconoscersi come adulto.

In questo senso, dunque, ben venga la chat che consente ai giovani di “stare in gruppo”. “La società oggi – ha spiegato il prelato – vuol far loro mettere la testa nell’ammasso. Essi, invece, devono difendersi creando dei mondi virtuali nuovi dove affrontare la realtà e discutere i problemi per trovarne la soluzione”. Di recente il Papa si era espresso “a favore” di Internet, spiegando: “Consideriamo le trasmissioni satellitari di cerimonie religiose che spesso raggiungono un pubblico mondiale, o la capacità positiva di Internet di trasmettere informazioni e insegnamenti di carattere religioso oltre le barriere e le frontiere. Nella nostra epoca è necessario un utilizzo attivo e creativo dei mezzi di comunicazione sociale da parte della Chiesa”.

Secondo il Papa “Il mondo dei mezzi di comunicazione sociale può a volte sembrare indifferente e perfino ostile alla fede e alla morale cristiana. Questo è dovuto al fatto che la cultura è imbevuta di un senso tipicamente postmoderno, che la sola verità assoluta è che non esistono verità assolute o che, se esistessero, sarebbero inaccessibili alla ragione umana e quindi irrilevanti”.

Qualche tempo prima, invece, sull’informazione online, si era espresso ben diversamente l’arcivescovo di Bologna, cardinale Giacomo Biffi, che aveva parlato delle “nuove piccole strade di salvezza” proposte dalla società moderna. Strade tra le quali “un’arte informatica sempre più sofisticata” in cui ormai in molti “si spendono totalmente e si perdono, e così in tempo reale riescono a sapere tutto, tranne ciò che davvero vale per dare senso all’esistere”.

Che il rapporto tra Chiesa e Rete stia migliorando, inoltre, lo sottolinea l’incessante dibattito che da qualche tempo ha preso vigore sul dare ad Internet un “santo patrono”. Un dibattito ripreso con una certa ilarità dai media ma che sembra essere centrale in una strategia di “riavvicinamento” ad Internet da parte del Vaticano, che ha peraltro abbracciato in grande anticipo le nuove tecnologie di comunicazione, come sua tradizione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    NON E' NEMMENO NELL' EURO.........
    L' Inghilterra da sempre è stata l' orecchio e l' occhio degli USA in Europa, vuoi per motivi etnici, vuoi per motivi politici, vuoi per riconoscenza storica.Appena gli USA parlano, gli Inglesi rispondono, anche in modo opposto rispetto agli altri Paesi Europei.Sono pure fuori dall' EURO, per adesso, un popolo come il loro prima vuole vedere le cose come vanno, poi decideranno.Chissà se gli altri Paesi Europei avranno la fermezza di fargli pagare pegno quando decideranno ad entrare nell' EURO.Credo che per loro sarà inevitabile a meno che non vorranno adottare il $.Viste le premesse, ancora adesso c'è ben poco da aspettarsi dagli Inglesi; ricordo che il principale orecchio di "echelon" è piazzato proprio in Inghilterra e gestito da Inglesi e Americani (USA).Per l' Europa quello di "echelon" è e sarà 1 grossa gatta da pelare, perchè tutti i nodi vengono al pettine.Nel frattempo, almeno noi personalmente, usiamo tutti i mezzi tecnologici HW/SW per rendere la vita il più difficile possibile a quegli SPIONI.
  • Anonimo scrive:
    Re: considerando...

    E' anche vero che è un regno... ma allora
    che restino isolati. Che cavolo avranno da
    dare al mondo che non ne si possa fare a
    meno?Scherzi? Il 99.9% periodico dei giornaletti scandalistici, nonchè trasmissioni tipo Falsissimo (pardon, Verissimo), andrebbero in fallimento senza il contributo fondamentale della austera Famiglia Reale a scandali di dimensione modiale. Cosa faranno le casalingue di casa nostra senza le chiacchere sul Principe Carlo e la sua adorata cavallina?...Condoglianze.
    • Anonimo scrive:
      Re: considerando...
      per non parlare di quello che alcuni membri della loro famiglia "reale" spendono in corse di cavalli,....facendo un cazzo tutto il giorno devono pur trovarsi qualcosa da fare.e il bello e' che gli inglesi sono pure contenti di pagarseli quelli li.mi associo alle condoglianze.
  • Anonimo scrive:
    STORIELLA SU ECHELON........................
    Ci radunavamo a cerchio sotto il porticato, e se 1 di noi, ragazzi o ragazze, aveva fatto una spiata, in coro si cantava:"SPIA SPIA NON E' FIGLIO DI MARIA - NON E' FIGLIO DI GESU' - QUANDO MUORE VA LAGGIU' - VA LAGGIU' DA QUELL' OMETTO CHE SI CHIAMA DIAVOLETTO".Da trattare allo stesso modo "Echelom, ma con un linguaggio molto più colorito.Del resto, come volete trattare chi Vi SPIA?!!!!Meditate gente, meditate.
  • Anonimo scrive:
    Xenofobia?
    A volte, come in questo caso, quando leggo tutti interventi dello stesso tono (e nella stessa direzione), mi viene il dubbio che a scriverli tutti siano due o tre persone che si sono messe daccordo.Preciso che non conosco la GB e non so dire se si comporta male con il resto dell'UE, ma gli interventi che ho letto finora mi sono sembrati abbastanza estremisti.
    • Anonimo scrive:
      Tutto è ralativo?
      Può essere che sia anche uno solo a scrivere gli interventi, cambiando nome (ammesso che riesca a scrivere prima bene e poi sgrammaticato "personalizzato") ... ciononostante io credo che ad un certo punto, quando sono 20, 30... ci sia molta gente d'accordo.A questo punto mi viene in mente questo:non è detto che se 30 persone dicono una cosa sia vera.Ma è altrettanto giusto dire che spesso, quando 30 persone dicono una cosa e una persona non è d'accordo, SPESSO costui è in torto.Dico spesso.Perchè non è detto che il numero dia la ragione ... non è detto, parlando di verità, che "la maggioranza vince". La maggioranza vince in quanto a potenza, a prepotenza, a potere ... ma non necessariamente in quanto a verità e giustizia: se 100 persone dicono tutte una cazzata, resta una cazzata.Ma spesso se un intero bar dice ad un ubriaco che è ubriaco... lui afferma di non esserlo.-------------------- Scritto da: Rompi.B
      A volte, come in questo caso, quando leggo
      tutti interventi dello stesso tono (e nella
      stessa direzione), mi viene il dubbio che a
      scriverli tutti siano due o tre persone che
      si sono messe daccordo.
      Preciso che non conosco la GB e non so dire
      se si comporta male con il resto dell'UE, ma
      gli interventi che ho letto finora mi sono
      sembrati abbastanza estremisti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Tutto è ralativo?

        Ma spesso se un intero bar dice ad un
        ubriaco che è ubriaco... lui afferma di non
        esserlo.Dipende dal sistema di riferimento, inerziale o meno. Se per l'ubriaco il mondo gira, chi sono io per contraddire il suo senso dell'equilibrio?
    • Anonimo scrive:
      Re: Xenofobia?
      - Scritto da: Rompi.B
      A volte, come in questo caso, quando leggo
      tutti interventi dello stesso tono (e nella
      stessa direzione), mi viene il dubbio che a
      scriverli tutti siano due o tre persone che
      si sono messe daccordo.
      Preciso che non conosco la GB e non so dire
      se si comporta male con il resto dell'UE, ma
      gli interventi che ho letto finora mi sono
      sembrati abbastanza estremisti.E' un argomento difficcile, posso solo chiedermi-chiederti (come già feci): "Andove sta' a'destra e aonde sta' a sinistra?"
  • Anonimo scrive:
    UE e GB
    La Gran Bretagna sta nella Unione Europea solo ed esclusivamente come quinta colonna degli USA. Un'Europa unita e funzionante sarebbe un grosso problema per loro ed allora hanno inacricato il loro satellite di creare danno e divisioni all'interno della UE. Il tutto e' poi facilitato dalle varie spinte regionalistiche ed egemoniche di varie componenti quali francesi e tedeschi, nonche' di elementi alla Haider o Bossi (che tanto sono identici, a parte la canottiera del nostro...).Vedi la mucca pazza : di quello dobbiamo ringraziare la Thatcher. Le farine animali sono state usate per decenni nell'alimentazione ma, durante il governo della suindicata e' stata presa una decisione fondamentale : per risparmiare sui costi si e' passati da una sterilizzazione del materiale da impiegare fatta a 130 gradi (che strilizzava al 100%) ad una fatta a 70 gradi (che strilizza al 98%, tanto cosa vuoi che sia un 2 % di differenza).Risultato, la Scrapie, ovvero morbo della pecora pazza, conisciuto nei paesi anglofoni da oltre 200 anni, e' passata, evolvendosi, ai bovini e poi agli umani.E come questo, di casi eclatanti, ne abbiamo a decine.Per cui promuoverei un referendum di tipo europeo: fuori l'Inghilterra dalla UE!!!!
    • Anonimo scrive:
      siiii fuori tutti!!!
      E gli alieni? E l'area 51?... se non ti piace qualcuno: FUORI! questa è la tua politica eh?Pensa all'Italia... se a qualcuno non piacesse quello che fanno i NOSTRI politici, fuori, in Europa, potrebbero dirci: ok, fuori: EMBRAGO.E io e te, che non abbiamo di certo fatto niente ... ce la prenderemo nel deretano.E perché? solo perché abbiamo chi sta sopra di noi che ha agito in una determinata maniera.E' sempre la massa bovina e pigra che non si rende conto di niente ad essere parecchio in colpa.Se sai e non fai niente, metti in pericolo anche chi non è in grado di capire.E poi hai poco da incolpare la classe politica e la classe dirigente: se lasci fare i comodacci a tutti... e poi ti lamenti a disastro fatto... che vuoi?--------------- Scritto da: Umberto
      La Gran Bretagna sta nella Unione Europea
      solo ed esclusivamente come quinta colonna
      degli USA. Un'Europa unita e funzionante
      sarebbe un grosso problema per loro ed
      allora hanno inacricato il loro satellite di
      creare danno e divisioni all'interno della
      UE. Il tutto e' poi facilitato dalle varie
      spinte regionalistiche ed egemoniche di
      varie componenti quali francesi e tedeschi,
      nonche' di elementi alla Haider o Bossi (che
      tanto sono identici, a parte la canottiera
      del nostro...).
      Vedi la mucca pazza : di quello dobbiamo
      ringraziare la Thatcher. Le farine animali
      sono state usate per decenni
      nell'alimentazione ma, durante il governo
      della suindicata e' stata presa una
      decisione fondamentale : per risparmiare sui
      costi si e' passati da una sterilizzazione
      del materiale da impiegare fatta a 130 gradi
      (che strilizzava al 100%) ad una fatta a 70
      gradi (che strilizza al 98%, tanto cosa vuoi
      che sia un 2 % di differenza).
      Risultato, la Scrapie, ovvero morbo della
      pecora pazza, conisciuto nei paesi anglofoni
      da oltre 200 anni, e' passata, evolvendosi,
      ai bovini e poi agli umani.
      E come questo, di casi eclatanti, ne abbiamo
      a decine.
      Per cui promuoverei un referendum di tipo
      europeo: fuori l'Inghilterra dalla UE!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: siiii fuori tutti!!!
        - Scritto da: POLITTIKAMON


        E gli alieni? E l'area 51?Dimentichi i misteri dell'Atlantide. E le notizie nsacoste nelle Piramidi.
        ... se non ti piace qualcuno: FUORI! questa
        è la tua politica eh?
        Pensa all'Italia... se a qualcuno non
        piacesse quello che fanno i NOSTRI politici,
        fuori, in Europa, potrebbero dirci: ok,
        fuori: EMBRAGO.Sono o non sono, i politici, espressione della volontà popolare? Se sbagliano loro, pagano tutti.La prossima volta, si vota meglio, eh?
        E io e te, che non abbiamo di certo fatto
        niente ... ce la prenderemo nel deretano.
        E perché? solo perché abbiamo chi sta sopra
        di noi che ha agito in una determinata
        maniera.Dovremmo passare alla Monarchia, così se ci gira per il verso sbagliato buttiamo giù il Re e ne facciamo un'altro...
        E' sempre la massa bovina e pigra che non si
        rende conto di niente ad essere parecchio in
        colpa.
        Se sai e non fai niente, metti in pericolo
        anche chi non è in grado di capire.
        E poi hai poco da incolpare la classe
        politica e la classe dirigente: se lasci
        fare i comodacci a tutti... e poi ti lamenti
        a disastro fatto... che vuoi?Ecco la risposta: terrorismo a oltranza. I politici sono la malattia, il terrorismo la cura.Auguri...
  • Anonimo scrive:
    La GB e l'europa.
    Anche io penso che l'europa possa fare a meno della GB, che di privaci se ne fregano (della nostra, perchè la loro è sacra).Ma perchè L'europa, con Prodi in testa, contiua ad accettare certe violenza. Perchè non escludono completamente dalle tratte commerciali la GB, non credo sia impossibile ...Però a pensarci bene se noi non entravamo nell'euro eravamo finito. La GB se n'è tirata fuori, ed ora la sterlina viaggia a + di 3.000 con punte di 3.3 Kl. e qui la cosa non quadra. Poi vogliono far entrare in europa Turchia, Polonia, rep. del Baltico, Tunisia e Israele(!) Intanto la GB è in Europa solo dove vuole LEI, viaggia a 1000 e noi arranchiamo ...
    • Anonimo scrive:
      Re: La GB e l'europa.
      Infatti! Pensa che tempo fa una ragazza inglese mi ha detto "noi non entriamo nell'euro perchè dovremmo aiutare solo i paesi più deboli".Capite bene che se dall'UE vogliono solo averne benefici non andranno lontano. Ci vogliono solo sfruttare!- Scritto da: The Raptus!
      Anche io penso che l'europa possa fare a
      meno della GB, che di privaci se ne fregano
      (della nostra, perchè la loro è sacra).
      Ma perchè L'europa, con Prodi in testa,
      contiua ad accettare certe violenza. Perchè
      non escludono completamente dalle tratte
      commerciali la GB, non credo sia impossibile
      ...
      Però a pensarci bene se noi non entravamo
      nell'euro eravamo finito. La GB se n'è
      tirata fuori, ed ora la sterlina viaggia a +
      di 3.000 con punte di 3.3 Kl. e qui la cosa
      non quadra. Poi vogliono far entrare in
      europa Turchia, Polonia, rep. del Baltico,
      Tunisia e Israele(!)
      Intanto la GB è in Europa solo dove vuole
      LEI, viaggia a 1000 e noi arranchiamo ...
  • Anonimo scrive:
    Viva la retroguardia
    Un tempo, nemmeno molto temo fa, la Gran Bretagna veniva considerata un modello di civiltà, una sorta di avanguardia soprattutto per quanto concerne il rispetto della privacy. Oggi pare che ambiscano a distinguersi per il mancato rispetto della suddetta. Se questa è l'avanguardia, sono fiero di trovarmi nella retroguardia.
  • Anonimo scrive:
    La GB dovrebbe essere esclusa dall'UE
    Più ho a che fare con Inglesi e più mi rendo conto che essi non comprendono cosa l'Unione Europea rappresenti e cosa voglia essere.I motivi di tutto ciò sono soprattutto storici: basti pensare all'isolamento di cui l'Isola ha sempre goduto rispetto al "Continente" (così l'Europa continentale veniva e viene chiamata con disprezzo).Per capire di cosa stiamo parlando, vi dico soltanto che qualche giorno fa in una emittente inglese satellitare c'era un giornalista che si faceva quattro risate parlando dell'Euro.Credo sempre più che avere la Gran Bretagna per membro dell'Unione Europea, equivalga ad avere una serpe in seno.
    • Anonimo scrive:
      Re: La GB dovrebbe essere esclusa dall'UE
      sono sostanzialmente d'accordo.li lascerei nel loro brodo (di mucca pazza) in maniera tale che possano goderselo come (sembra) che preferiscano.
      Più ho a che fare con Inglesi e più mi rendo
      conto che essi non comprendono cosa l'Unione
      Europea rappresenti e cosa voglia essere.
      I motivi di tutto ciò sono soprattutto
      storici: basti pensare all'isolamento di cui
      l'Isola ha sempre goduto rispetto al
      "Continente" (così l'Europa continentale
      veniva e viene chiamata con disprezzo).
      Per capire di cosa stiamo parlando, vi dico
      soltanto che qualche giorno fa in una
      emittente inglese satellitare c'era un
      giornalista che si faceva quattro risate
      parlando dell'Euro.
      Credo sempre più che avere la Gran Bretagna
      per membro dell'Unione Europea, equivalga ad
      avere una serpe in seno.
    • Anonimo scrive:
      Re: La GB dovrebbe essere esclusa dall'UE

      Più ho a che fare con Inglesi e più mi rendo
      conto che essi non comprendono cosa l'Unione
      Europea rappresenti e cosa voglia essere.Basta pensare che prima del tunnel sotto la Manica quando c'era mare mosso e i traghetti erano fermi dicevano:"L'Europa è isolata!"Ha ragione Asterix quando dice sonopazi questi Britanni
    • Anonimo scrive:
      Re: La GB dovrebbe essere esclusa dall'UE
      - Scritto da: Picky
      Più ho a che fare con Inglesi e più mi rendo
      conto che essi non comprendono cosa l'Unione
      Europea rappresenti e cosa voglia essere.
      I motivi di tutto ciò sono soprattutto
      storici: basti pensare all'isolamento di cui
      l'Isola ha sempre goduto rispetto al
      "Continente" (così l'Europa continentale
      veniva e viene chiamata con disprezzo).
      Per capire di cosa stiamo parlando, vi dico
      soltanto che qualche giorno fa in una
      emittente inglese satellitare c'era un
      giornalista che si faceva quattro risate
      parlando dell'Euro......HEI HEI HEIIIIIII: RIDE BENE CHI RIDE ULTIMO; MANCA POCO SAI?.e ALLORA VEDREMO CHE PIEGA PERENDERANNO GLI AMICI DELL' ISOLA.ciao
      Credo sempre più che avere la Gran Bretagna
      per membro dell'Unione Europea, equivalga ad
      avere una serpe in seno.
      • Anonimo scrive:
        Re: La GB dovrebbe essere esclusa dall'UE
        Perfettamente d'accordo... non è nemmeno da escludere che la "superprepotenza" d'oltereoceano abbia consentito alla GB di entrare nell'Unione Europea proprio per rallentarne la crescita, se non proprio per boicottarne il progetto..Speriamo di riuscire ad andare avanti "nonostante" gli inglesi.
        Credo sempre più che avere la Gran Bretagna
        per membro dell'Unione Europea,
        equivalga ad avere una serpe in seno.
Chiudi i commenti