Don Mazzi scomunica The Sims

Il celebre videogame che arriva in Italia insieme a Sim City 4 attira le pesanti critiche anche di monsignor Riboldi. Videogiochi nel mirino perché suggeriscono tentazioni che dovrebbero essere evitate. E vai con gli allarmismi


Roma – Le ultime edizioni del celebre videogioco The Sims arrivano in Italia assieme a Sims City 4 ed ecco che arriva la scomunica di don Mazzi e di monsignor Giuseppe Riboldi, allarmati per quello che questi videogame a loro parere rappresentano.

“Una volta nei giochi ci si identificava con l’eroe o con il re – ha dichiarato don Mazzi – Adesso si è valicato anche l’ultimo limite: un’eterna tentazione dell’uomo diventa realtà grazie al computer e alla PlayStation”.

Le clamorose affermazioni del celebre parroco si devono alle caratteristiche del gioco che propone anche un “quadro divino” per mettersi nei panni del creatore e tirare le fila degli umani destini.

“Mi sembra – ha continuato don Mazzi – un segno di grande immaturità, soprattutto nel momento in cui si inizia a confondere il reale e il virtuale e il gioco smette di essere soltanto un gioco”.

Non meno appassionato l’allarme lanciato da monsignor Riboldi. Questi giochi – ha affermato – “sono un’invenzione ben riuscita per fare soldi. Nessuno può sostituirsi a Dio e giochi come questi sono un grosso imbroglio che, però, diventa emblematico di una confusione diffusa. Gli uomini non vogliono ammettere che sono nelle mani di Dio, hanno voglia di avere un perché e un gioco come questo, anche se costituisce quasi un tentativo di saperne di più, si trasforma in una sorta di triste mercato delle anime”.

La scomunica lascia perlopiù indifferenti gli psicologi, secondo cui i giochi che consentono ai più piccoli di scaricare le frustrazioni possono avere un ruolo terapeutico. “L’unico accorgimento – ha dichiarato a questo proposito la docente di psicologia presso l’Università La Sapienza di Roma Anna Oliverio Ferraris – è che i genitori non spariscano ma che stiano vicino ai bambini, spiegando ciò che è bene e ciò che è male. L’importante, insomma, è che il gioco non venga preso troppo alla lettera, che sia sempre chiaro il confine tra fantasia, divertimento e realtà”.

Ora bisognerà però spiegarlo ai due religiosi.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    prezzi
    Non so se sia lecito o meno..ma a me sembra un furto bello e buono...Oggi mi è arrivata da pagare la bolletta della bella e cara Telecom....e che dire di fronte ad un 149,50?di ciu 50? sono di telefonate effettive ed il resto sono ..sentite bene..ABBONAMENTI E SERVIZIimmagino telefono e ADSL di cui dispong...Complimenti è proprio vero che fare i ladri al giorno d'oggi conviene!!!
  • Anonimo scrive:
    SONO DEI MONOPOLISTI
    La mia odissea dura da ottobre 2002, fino ad ora sono solo riuscito a farmi montare la presa telefonica, ho ricevuto un primo modem guasto, dopo continue richieste al 187 mi è stato consegnato un secondo modem, di effettuare una connessione non se ne parla, la linea non funziona, premetto che ho stipulato l'abbonamento Alice con tecnico domicilio,( mai visto...) ho fatto continue richieste e solleciti al 187 per avere un tecnico,non ho mai avuto riscontro, intanto pago i primi canoni pur non avendo mai effettuato una connessione.A questo punto mi sono rivolto ad un legale ho mandato un telegramma alla sede telecom della mia provincia ( Messina)intimando l'idea di citarli per danni, non ci crederete, sono passate due settimane senza nessuna risposta... a questo punto mi stanno venendo dei complessi esistenziali...
  • Anonimo scrive:
    copione
    afferma l'Autorità garante del mercato che risponde alla richiesta di intervento presentata dai consumatori della ADUC. La posizione Telecom comunque al vaglio dell'Autorità TLC che dovrà dare un parere. Il nodo è irrisolto 04/02/03 - Telefonia & C. - Roma - Telecom Italia non abusa della propria posizione sul mercato e dunque non crea indebiti danni né agli operatori concorrenti né agli utenti. Questa la risposta dell'Autorità garante del mercato all'associazione dei diritti di consumatori ed utenti ADUC che aveva richiesto l'intervento dell'organismo di controllo per la complessa situazione del mercato della connettività italiano. Opinioni e commenti Scrivi nuovo | Leggi (12) Re: QUALI piccoli comuni ..? spero mai hacker? Re: QUALI piccoli comuni ..? spero mai La richiesta dell'ADUC riguardava nello specifico la posizione di Telecom nel settore della banda larga e partiva dalle cifre ufficiali di novembre 2002 secondo cui all'epoca in Italia l'ex monopolista disponeva di 650mila clienti broadband contro i 76mila raccolti complessivamente da tutti i suoi concorrenti."Telecom Italia era ed è più brava e quindi conquista più utenti? - si è chiesta l'ADUC in una nota diramata dopo la risposta dell'Autorità - Sarebbe bene poterlo pensare e dire, ma non ci sembra, perchè gli operatori alternativi comprano quasi esclusivamente all'ingrosso da Telecom Italia, e poi rivendono al dettaglio (solo il 3% delle linee Dsl era all'epoca -e non crediamo che oggi i numeri siano molto superiori- fornito attraverso il sistema dell'ultimo miglio, pagando il noleggio a Telecom, e tecnologicamente completamente autonomi)".Va detto che proprio sulla questione della banda larga Telecom Italia è nel mirino della concorrenza da lungo tempo. Già nello scorso maggio 2001 l'Autorità TLC sanzionò l'azienda con una multa pari a 115 miliardi di lire. E proprio dall'Autorità, quando recentemente è piovuta una ulteriore sanzione da 145mila euro per i comportamenti sul mercato, era giunto un campanello d'allarme sul mercato del broad band. "Si aprono - aveva detto il commissario dell'Autorità Alessandro Luciano - nuovi ambiti di contenzioso: penso ad esempio alla carrier preselection, all'unbundling del local loop e all'xdsl e banda larga". Tutti settori sui quali i competitor di Telecom Italia hanno già presentato una serie di denunce.Le critiche a Telecom in materia di banda larga e ADSL sono peraltro molteplici e vanno dalla questione della copertura sul territorio alla gestione delle offerte ADSL proposte dall'azienda.L'Autorità garante del mercato nella sua risposta ai consumatori ha comunque sottolineato di aver chiesto di valutare la posizione di Telecom per quanto di sua competenza anche all'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni che dovrà quindi esprimere un parere in merito.
  • Anonimo scrive:
    hacker?
    in fondo a questa notizia, il link alla notizia precedente è http://punto-informatico.it/p.asp?i=42968. E' giusto?Ciao,Luca
    • Lamb scrive:
      Re: hacker?
      - Scritto da: Anonimo
      in fondo a questa notizia, il link alla
      notizia precedente è
      http://punto-informatico.it/p.asp?i=42968.
      E' giusto?

      Ciao,
      LucaSi, e' scattato un automatismo di troppo :-)Ciao!!!Lamberto
  • NeutrinoPesante scrive:
    Telecom sa fare (e fa) le reti
    Gli altri si limitano a fare interrogazioni al garante per poter usare la rete di TI con prezzo e modalita' decisi da loro.Comodo.A quando uno che si vuol mettere a costruire automobili usando gli impianti della FIAT al prezzo che decide lui?E' decisamente la soluzione del futuro: nessun piano industriale da fare, nessun investimento di capitale richiesto, nessun know how necessario!Spero che tutti i rivenditori di banda falliscano rapidamente, e che rimangano solo i gruppi che hanno la tecnologia e fanno le reti, come TI e Fastweb.Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Telecom sa fare (e fa) le reti
      Senza esagerare, speriamo che imparino afare le reti anche gli altri, oltre a fare piagnistei.Così che nasca una reale concorrenza.
    • Anonimo scrive:
      Re: Telecom sa fare (e fa) le reti
      - Scritto da: NeutrinoPesante
      Gli altri si limitano a fare interrogazioni
      al garante per poter usare la rete di TI con
      prezzo e modalita' decisi da loro.

      Comodo.

      A quando uno che si vuol mettere a costruire
      automobili usando gli impianti della FIAT al
      prezzo che decide lui?C'è una parte di verità in quanto dici, tuttavia non sobbiamo dimenticarci in che modo Telecom Italia è riuscita ad arrivare dove è adesso. Non possiamo prescindere da questo. Telecom, una volta SIP, ha avuto la possibilità di fare il bello e il cattivo tempo come monopolista, prima pubblico poi privato, e di fatto lo fa ancora :-]. In realtà gli investimenti per le infrastrutture di Telecom sono stati fatti sulle spalle degli utenti che hanno pagato bollette da capogiro, canoni, balzelli, anticipi e quant'altro in questi ...ant'anni.E nonostante tutto siamo ancora una nazione con un'infrastruttura telematica molto arretrata rispetto ad altre nel nostro continente.
      E' decisamente la soluzione del futuro:
      nessun piano industriale da fare, nessun
      investimento di capitale richiesto, nessun
      know how necessario!:-) Capisco il tuo risentimento. Io stesso lo ho provato di recente. Una compagnia diversa da Telecom aveva cominciato a cablare una parte della città al limitare della quale io vivo, e a portare dunque un sistema in unbundling con ADSL a 2 MBit etc etc etc. Molto interessante. Ad una richiesta su quando si prevedeva che potessero portarlo anche qui da me (a pochi chilometri da dove hanno già cablato loro) mi sono sentito rispondere "mai".Questo perché le piccole aziende con una o due linee telefoniche a loro non interessano, dato che non sarebbe abbastanza redditizio mettere su l'ambaradan...
      Spero che tutti i rivenditori di banda
      falliscano rapidamente, e che rimangano solo
      i gruppi che hanno la tecnologia e fanno le
      reti, come TI e Fastweb.Io spero di no, perché in fondo la presenza, per quanto difficoltosa, di una certa qual concorrenza ha comunque, per quanto poco, migliorato la situazione per noi usufruitori di questi servizi; ricordo che ci fu un periodo, quando la Telecom era ancora monopolista sul cavo (non solo di fatto ma anche di nome) mentre già c'era un po' di concorrenza sui cellulari, in cui si era arrivati che di sabato mattina una telefonata col cellulare (family) fatta ad un numero fisso costava meno di una analoga telefonata via cavo in interurbana. Questo perché sul cavo avevano il monopolio e sul wireless no.
      Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: Telecom sa fare (e fa) le reti
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: NeutrinoPesante

        Gli altri si limitano a fare
        interrogazioni

        al garante per poter usare la rete di TI
        con

        prezzo e modalita' decisi da loro.



        Comodo.



        A quando uno che si vuol mettere a
        costruire

        automobili usando gli impianti della FIAT
        al

        prezzo che decide lui?

        C'è una parte di verità in quanto dici,
        tuttavia non sobbiamo dimenticarci in che
        modo Telecom Italia è riuscita ad arrivare
        dove è adesso. Non possiamo prescindere da
        questo. Telecom, una volta SIP, ha avuto la
        possibilità di fare il bello e il cattivo
        tempo come monopolista, prima pubblico poi
        privato, e di fatto lo fa ancora :-]. In
        realtà gli investimenti per le
        infrastrutture di Telecom sono stati fatti
        sulle spalle degli utenti che hanno pagato
        bollette da capogiro, canoni, balzelli,
        anticipi e quant'altro in questi
        ...ant'anni.
        E nonostante tutto siamo ancora una nazione
        con un'infrastruttura telematica molto
        arretrata rispetto ad altre nel nostro
        continente.


        E' decisamente la soluzione del futuro:

        nessun piano industriale da fare, nessun

        investimento di capitale richiesto, nessun

        know how necessario!

        :-) Capisco il tuo risentimento. Io stesso
        lo ho provato di recente. Una compagnia
        diversa da Telecom aveva cominciato a
        cablare una parte della città al limitare
        della quale io vivo, e a portare dunque un
        sistema in unbundling con ADSL a 2 MBit etc
        etc etc. Molto interessante. Ad una
        richiesta su quando si prevedeva che
        potessero portarlo anche qui da me (a pochi
        chilometri da dove hanno già cablato loro)
        mi sono sentito rispondere "mai".
        Questo perché le piccole aziende con una o
        due linee telefoniche a loro non
        interessano, dato che non sarebbe abbastanza
        redditizio mettere su l'ambaradan...


        Spero che tutti i rivenditori di banda

        falliscano rapidamente, e che rimangano
        solo

        i gruppi che hanno la tecnologia e fanno
        le

        reti, come TI e Fastweb.

        Io spero di no, perché in fondo la presenza,
        per quanto difficoltosa, di una certa qual
        concorrenza ha comunque, per quanto poco,
        migliorato la situazione per noi usufruitori
        di questi servizi; ricordo che ci fu un
        periodo, quando la Telecom era ancora
        monopolista sul cavo (non solo di fatto ma
        anche di nome) mentre già c'era un po' di
        concorrenza sui cellulari, in cui si era
        arrivati che di sabato mattina una
        telefonata col cellulare (family) fatta ad
        un numero fisso costava meno di una analoga
        telefonata via cavo in interurbana. Questo
        perché sul cavo avevano il monopolio e sul
        wireless no.


        Saluti Il masochismo è una peculiarità dei bischeri, si dice in Toscana. Nessuno vuol togliere a questi signori il diritto di farsi fregare con l'uso dei soldi da loro; e da noi; stessi pagati con l'uso della prepotenza e della coercizione (monopolio pubblico). Pagate, se vi fa piacere, cari amici, auspicando che torni il monopolio e che si torni ai prezzi di prima. Tanto ci vuol poco: se quello che c'è non è monopolio è suo fratello minore. Come godranno i Tronchetti a vedere che c'è gente che paga il doppio ed è contenta! Ciao
    • Akiro scrive:
      Re: Telecom sa fare (e fa) le reti
      invece è giusto che Telecom lucri a più non posso con i poveri utenti...
    • Anonimo scrive:
      Re: Telecom sa fare (e fa) le reti
      - Scritto da: NeutrinoPesante
      Gli altri si limitano a fare interrogazioni
      al garante per poter usare la rete di TI con
      prezzo e modalita' decisi da loro.Bene, iniziano ogi a fare le reti.Tra dieci anni (forse) ne hanno fatte abbastanza per fare un minimo di concorrenza.Intanto strapaghiamo l'adsl...Scorporo della Telecom tra attività infrastrutturale e vendita di servizi, altrimenti non ci sarà mai vera concorrenza.Domanda: ma esiste ancora la golden share?
      • Anonimo scrive:
        Re: Telecom sa fare (e fa) le reti
        Lo scorporo nei fatti già ma poi a che servirebbe, anche se ci fosse un' azienda totalmente indipendente, che gestisce l' unica rete dispoonibile, sarebbe sempre e cmq una monopolistaLa realtà è un altra, è arrivata l' ora di dire alla altre aziende: bene, la festa è finita avete 10 anni di tempo per creare reti che vi garantiscano almeno di supportare il 50% (o altre percentuali) del vs traffico, escludendo ovviamente e categoricamente l' ultimo miglio.Il problema è che nessuno si sogna di proporlo perchè per gli anti Telecom sarebbe un regalo (ma dove) all' ex famigerato monopolista, per le aziende come Wind sarebbe la fine della pacchia.Oltretutto un legislatore intelligente avrebbe dovuto già fare questo discorso dalla fine del monopolio in modo che le aziende si sarebbero potute organizzare investendo in infrastrutture.Non ritego giusto che si pretenda da telecom di investire soldi mentre gli altri sta lì pronti al piagnisteo per lucrare senza rischiare.Diciamo la verità noi strapaghiamo l' adsl per colpa di questa concorrenza creata per legge, sappiate solo che Telecom sarebbe in grado di darvi l'adsl al metà del prezzo che propone ora in versione flat, prezzo che non può tagliare per colpa delle concorrenti, in pratica noi paghiamo.Un ultima cosa imparate da Fastweb!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Telecom sa fare (e fa) le reti
      Condivido al 100%. I provider che non hanno il coraggio di fare investimenti e puntare in alto non fanno gli interessi di noi utenti. Cercano soltanto di far soldi rivendendo il lavoro (e i rischi) di altri.Le posizioni monopoliste di Telecom cambieranno solo quando avrà una concorrenza reale come quella di Fastweb.
  • Anonimo scrive:
    QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?
    su questa lista di comuni dove e' vendibile (o di imminente commercializzazione) ci sono tanti comuni piccoli e anche piccolissimi.mi chiedo: ma davvero in tutti questi comuni arrivera' l'ADSL ?http://www.wireline.telecomitalia.it/gen/0,1271,17078,00.html?LANGCODE=I
    • Anonimo scrive:
      Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?

      su questa lista di comuni dove e' vendibile
      (o di imminente commercializzazione) ci sono
      tanti comuni piccoli e anche piccolissimi.

      mi chiedo: ma davvero in tutti questi comuni
      arrivera' l'ADSL ?

      http://www.wireline.telecomitalia.it/gen/0,12
      Gia', anche io me lo chiedo, anche a fronte delfatto che la pianificazione mostra solo un comunedi prossima attivazione ed in comuni moltopiccoli come il mio se ne parla da 3 anni ormaihttp://www.wireline.telecomitalia.it/gen/1,1271,14314,00.html?LANGCODE=I
      • Anonimo scrive:
        Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?


        Gia', anche io me lo chiedo, anche a fronte
        del
        fatto che la pianificazione mostra solo un
        comune
        di prossima attivazione ed in comuni molto
        piccoli come il mio se ne parla da 3 anni
        ormai fanciullo l'adsl non è mica indispensabile come l'aria.Telecom è privata e se allacciare un paesino è antieconomiconon lo fa.Punto
        • SymoPd scrive:
          Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?
          Si, ma ti pare corretto che Telecom decida che per casa mia, a metà strada tra Padova (5km) e Abano Terme (6Km), entrambe cablate, poichè l'adsl è antieconomica, non possano esistere alternative?La struttura dovrebbe esistere a priori, indipendentemente dal mercato successivo.Immagina che per la casa in montagna tu voglia il telefono e Telecom ti dica che è antieconomico: picche!Internet non è il telefono. Però per qualcuno può essere anche più importante (per chi lavora, per chi è appassionato, e anche per chi rappresenta un modo per poter alzarsi da una sedia a rotelle: alla faccia dell'antieconomico!)La gestione delle reti Telecom andrebbe scorporata: questo è fuori da ogni discussione.
          • Anonimo scrive:
            Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?

            Si, ma ti pare corretto che Telecom decida
            che per casa mia, a metà strada tra Padova
            (5km) e Abano Terme (6Km), entrambe cablate,
            poichè l'adsl è antieconomica, non possano
            esistere alternative?Ripeto : telecom è una società privataSe ne sbatte allegramente ,e giustamente,delle necessità delcittadino cosi come te (e tutti ) ti sbatti delle necessità di telecom.
          • Anonimo scrive:
            Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?

            Ripeto : telecom è una società privata
            Se ne sbatte allegramente ,e
            giustamente,delle necessità del
            cittadino cosi come te (e tutti ) ti sbatti
            delle necessità di telecom.si... allora perchè prendono finanziamenti del governo per lo sviluppo della barda larga !!! sti ladri !!!!
          • SultanOfSwing scrive:
            Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?

            si... allora perchè prendono finanziamenti
            del governo per lo sviluppo della barda
            larga !!! sti ladri !!!!Dove hai letto questa castroneria?
          • Anonimo scrive:
            Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?

            Se ne sbatte allegramente ,e
            giustamente,delle necessità del
            cittadino cosi come te (e tutti ) ti sbatti
            delle necessità di telecom.Sta p**irlata mi starebbe bene se la maggiorparte dell'infrastruttura della concorrenza nonfosse dipendente da Telecom che l'harealizzata grazie ad un regime monopolisticoche ha mantenuto per anni con i soldi deicontribuenti.
          • Anonimo scrive:
            Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?

            Sta p**irlata mi starebbe bene se la maggior
            parte dell'infrastruttura della concorrenza
            nonMa chi ? Wind che affitta da telecom e subaffitta ?Fastweb rigorosamente nel centro di Milano e Roma?Lasciamo stare i pesciolini
            fosse dipendente da Telecom che l'ha
            realizzata grazie ad un regime monopolistico
            che ha mantenuto per anni con i soldi dei
            contribuenti.Dunque chiariamo,la telecom attuale ha comprato alprezzo più basso che ha potuto dallo stato.Io quando cambio automobile mi faccio il giro dei concessionari e la prendo da chi mi fa meno. Te no eh...fai presente che ti fanno troppo scono.La telecom attuale investe se e quando gli conviene.Nessunovieta alla presunta concorrenza di fare ...concorrenza.Bello sarebbe che infostrada si offrisse di adslizzare un paesotto di ... facciamo 5.000 abitanti ? Col piffero che lo fa. Aspetta che ci pensi telecom e poi si accoda piangendo che TL non gli affitta le linee al prezzo che vuole lei. Se questa è concorrenza.
          • Anonimo scrive:
            Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?
            Tralascio i tuoi deliri su macchine econcessionari.Come sta cercando di farti capireanche qualcun'altro l'accesso ad unatecnologia di quel tipo a basso costoe' importante per il paese, tanto piu'che i governi danno sovvenzioni perla banda larga.Qualcuno, con le sovvenzioni o quant'altro,_dovrebbe_ rendere disponibile la tecnologia,come ha detto l'altro "giustamente".Nessuno parla di gratis ma di equo, allostato attuale tirare una dedicata al paesellocosta troppo per un libero professionista (alquale quindi nessuno paga la linea perlavoro).Le tue semplificazioni con il modello dellibero mercato sono solo irritanti.
          • SymoPd scrive:
            Ripetere una frase...
            ...non la fa diventare vera!Lo so che Telecom è privata!Ma come si fanno tante menate sulla privatizzazione Rai, monopoli sui mass media, etc, etc, etc, non vedo perchè la gestione di un'infrastruttura necessaria all'intero paese debba essere demandata ad una singola azienda.Persino tra aziende private è chiaro che una cosa che serve a tutti non può essere di uno solo: ad esempio il Mix (e se non sai cos'è cercalo, anche in PI)La gestione della rete fisica dovrebbe essere demandata ad una singola società con l'obbligo di vendere solo ed esclusivamente ai rivenditori finali.A tutti piace andare a comperare agli spacci aziendali presso le fabbriche, ma se lo facessimo tutti, dopo qualche tempo non avremmo nemmeno un negozio, in giro....In più, se esistesse solo uno spaccio in tutta Italia, sai che convenienza? Farebbe i prezzi che vuole lui, o no?Infatti, Telecom li fa.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ripetere una frase...
            - Scritto da: SymoPd
            ...non la fa diventare vera!

            Lo so che Telecom è privata!come me e te.Se fallisci io me ne sbatto e viceversa

            Ma come si fanno tante menate sulla
            privatizzazione Rai, monopoli sui mass
            media, etc, etc, etc, non vedo perchè la
            gestione di un'infrastruttura necessaria
            all'intero paese debba essere demandata ad
            una singola azienda.Necessaria ? Se è necessaria per lavoro uno se la fa pagare.Se è necessaria per sollazzo uno la paga.Vedi cinema,discoteca,stadio e via dicendo.Navigare costa (tariffateleconomy) 1.200 £ all'ora altri spassi a prezzo minore on ne conosco.
            Persino tra aziende private è chiaro che una
            cosa che serve a tutti non può essere di uno
            solo: ad esempio il Mix (e se non sai cos'è
            cercalo, anche in PI)Se la concorrenza è latente non è colpa di telecom
            La gestione della rete fisica dovrebbe
            essere demandata ad una singola società con
            l'obbligo di vendere solo ed esclusivamente
            ai rivenditori finali.Seeeee un ente di beneficenza che vende sottocosto.Babbo natale viene una volta l'anno.
            A tutti piace andare a comperare agli spacci
            aziendali presso le fabbriche, ma se lo
            facessimo tutti, dopo qualche tempo non
            avremmo nemmeno un negozio, in giro....

            In più, se esistesse solo uno spaccio in
            tutta Italia, sai che convenienza? Farebbe i
            prezzi che vuole lui, o no?

            Infatti, Telecom li fa.Vediamo,io navigo molto pago 40 euro il mese (alice 256)sempre al massimo,non mi pare molto.Se uno non ha adslvedi tariffa sopra. Ma gia...internet deve essere gratis perprinipio.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ripetere una frase...
            - Scritto da: Anonimo
            Vediamo,io navigo molto pago 40 euro il mese
            (alice 256)
            sempre al massimo,non mi pare molto.Se uno
            non ha adsl
            vedi tariffa sopra. Ma gia...internet deve
            essere gratis per
            prinipio. 40 euro al mese per una adsl monca come alice 256 sono un'enormita'. Confrontala con le "normali" offerte adsl all'estero e poi ne riparliamo.Telecom strangola la presunta concorrenza sul nascere e l'autorita' che dovrebbe controllare il mercato non fa che favorirne le pratiche monopolistiche con sentenze sciocche come questa. Cornuti e mazziati mi sembra un po' troppo.Quando saranno rimasti solo loro forse aprirai gli occhi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ripetere una frase...

            40 euro al mese per una adsl monca come
            alice 256 sono un'enormita'. moscia non direi ,32 fissi (siti permettendo).Secondo te quale sarebbe il prezzo giusto?Tieni presente che in un cinema si pagano 3.5 euri/ora1 caffe 85 ct e via dicendoConfrontala con
            le "normali" offerte adsl all'estero e poi
            ne riparliamo.Siamo in Italia,io mi ci trovo bene.Se qualcuno preferisce l'estero può sempre andarci.
            Telecom strangola la presunta concorrenzatutte le ditte al mondo cercano di farlo.Forse dovelavori te è diverso ? Non credo
            sul nascere e l'autorita' che dovrebbe
            controllare il mercato non fa che favorirne
            le pratiche monopolistiche con sentenze
            sciocche come questa.
            Cornuti e mazziati mi sembra un po' troppo.
            Quando saranno rimasti solo loro forse
            aprirai gli occhi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ripetere una frase...
            - Scritto da: Anonimo
            Tieni presente che in un cinema si pagano
            3.5 euri/orasi forse al cinema della parrocchia, da me se paga ?.7 poi se il film dura 1 ora o 3 non cambia nulla!ciao gio
          • Anonimo scrive:
            Re: Ripetere una frase...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Tieni presente che in un cinema si pagano

            3.5 euri/ora

            si forse al cinema della parrocchia, da me
            se paga ?.7 poi se il film dura 1 ora o 3
            non cambia nulla!

            ciao gioho scritto 3.5/h ovvero 7 eurodovrebbe intervenire il garante ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ripetere una frase...
            - Scritto da: Anonimo
            ho scritto 3.5/h ovvero 7 euro
            dovrebbe intervenire il garante ?Se il 95% delle sale fossero di un unico proprietario.Se questi affittasse una parte delle sale a canoni da strozzino succhiandosi almeno un terzo del prezzo dei biglietti.Se lo stesso proprietario chiedesse ai clienti di pagare un abbonamento salato anche a quelli che frequentano solo le sale non direttamente gestite da lui.Se si volesse garantire la libera concorrenza e non fare la solita cosa all'italiana, si', il garante dovrebbe intervenire. Ma tutto questo e' fantascienza e c'e' anche chi e' soddisfatto dello status quo. Che paese...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ripetere una frase...
            - Scritto da: Anonimo


            40 euro al mese per una adsl monca come

            alice 256 sono un'enormita'.
            moscia non direi ,32 fissi (siti
            permettendo).Secondo te quale sarebbe il
            prezzo giusto?
            Tieni presente che in un cinema si pagano
            3.5 euri/ora
            1 caffe 85 ct e via dicendoNon piu' di 15 euro. 32 kb per adsl sono penosi, solo in italia hanno il coraggio di chiamarla banda larga.
            Confrontala con

            le "normali" offerte adsl all'estero e poi

            ne riparliamo.
            Siamo in Italia,io mi ci trovo bene.Se
            qualcuno preferisce l'estero può sempre
            andarci.Caspita che peperino, se non mi piacciono i monopolisti dovrei emigrare per forza?

            Telecom strangola la presunta concorrenza
            tutte le ditte al mondo cercano di
            farlo.Forse dove
            lavori te è diverso ? Non credoA quello dovrebbe servire il garante, ad evitare che qualcuno abusi di una posizione dominante. Le regole del libero mercato le conosci? Non si direbbe.
          • Anonimo scrive:
            Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?
            - Scritto da: Anonimo


            Si, ma ti pare corretto che Telecom decida

            che per casa mia, a metà strada tra Padova

            (5km) e Abano Terme (6Km), entrambe
            cablate,

            poichè l'adsl è antieconomica, non possano

            esistere alternative?
            Ripeto : telecom è una società privata
            Se ne sbatte allegramente ,e
            giustamente,delle necessità del
            cittadino cosi come te (e tutti ) ti sbatti
            delle necessità di telecom.Posso capire "l'allegramente", ma non il "Giustamente".Se Telecom fosse effettivamente solo una societa' privata in mezzo a tente altre ti darei perfettamente ragione, ma visto che DETIENE il monopolio della gestione delle linee (cosa che per legge NON dovrebbe poter fare) io, come privato citttadino mi aspetto di poter ricevere lo stesso servizio in un paesino di 2000 abitanti cosi' come chi lo ha in una grande citta.Se tutti vivessero nelle citta l'Italia andrebbe allo sfascio totale...Non che ora ci siamo poi tanto lontani :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?
            - Scritto da: SymoPd
            Si, ma ti pare corretto che Telecom decida
            che per casa mia, a metà strada tra Padova
            (5km) e Abano Terme (6Km), entrambe cablate,
            poichè l'adsl è antieconomica, non possano
            esistere alternative?Hai visto la mia mappa su http://www.profuso.com/adsl.html ?Teolo e Torreglia avranno copertura ADSL (in almeno una centrale per comune) nei prossimissimi mesi. I comuni versoDue Carrare invece hanno gia` copertura WLL di Trivenet.Mi potresti per favore scrivere in privato all'indirizzo beppe@profuso.com ?grazie, Giuseppe
        • Anonimo scrive:
          Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?

          fanciullo l'adsl non è mica indispensabile
          come l'aria.
          Telecom è privata e se allacciare un paesino
          è antieconomico
          non lo fa.PuntoFanciullo, neppure la ISDN e' indispensabilein un paese di un migliaio di abitanti eppurearriva. Dato che il salto tecnologico perattivarla e' modesto potrebbero farlo.Alcuni lo usano anche per lavoro esarebbero disposti a pagare qualcosain piu' per fare l'allacciamento.Ovviamente non i prezzi esosi diuna linea dedicata.
    • Anonimo scrive:
      Re: QUALI piccoli comuni ..? spero mai
      e allora tu che sei in citta', che cazzo pretendi a fare l'aria pulita, l'acqua non inquinata e il vivere in una citta' silenziosa, PERLA!
      • Anonimo scrive:
        Re: QUALI piccoli comuni ..? spero mai
        - Scritto da: Anonimo
        e allora tu che sei in citta', che cazzo
        pretendi a fare l'aria pulita, l'acqua non
        inquinata e il vivere in una citta'
        silenziosa, PERLA!so pendolare razzone se fosse per me la citta la vedrei solo in cartolina (come esempio di luogo contaminato), e blocchere di domenica le strade per evitare l'invasione di voi topi di citta
        • Anonimo scrive:
          Re: QUALI piccoli comuni ..? spero mai

          so pendolare razzone se fosse per me la
          citta la vedrei solo in cartolina (come
          esempio di luogo contaminato), e blocchere
          di domenica le strade per evitare
          l'invasione di voi topi di cittatesta di Razzo, non sono di citta', e continua a respirare smog e sparare cazzate, Toglione!
    • Anonimo scrive:
      Re: QUALI piccoli comuni ..? spero mai
      scusa non capisco perhce uno in campagna non dovrebbe avere l adsl...mica inquina l adsl...
      • Anonimo scrive:
        Re: QUALI piccoli comuni ..? spero mai
        - Scritto da: Anonimo
        scusa non capisco perhce uno in campagna non
        dovrebbe avere l adsl...
        mica inquina l adsl...che te lo spiego a fare già il fatto che poni questa domanda ti esclude dalla possibilità di poter capire le motivazioni
        • Anonimo scrive:
          MA DAI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
          e tu a rispondere cosi' ti limita dall'essere menzionato come persona con del cervello.Io abito in campagna, MA CAMPAGNA VERA, e per puro miracolo e strani ammenicoli sono riuscito a farmi arrivare l'ADSL ... E PER FORTUNA.1) ti ci colleghi tu da casa con un 56K alla facolta' per minimo 4 ore al giorno2) perdi tu il tempo a stare scaricare mega e mega di documentazioni e progetti3) spendi tu in telefonate con i tuoi compagni di facolta' che in certi periodi dell'anno sono a moooolti chilometri di distanza (viva ICQ e simili)4) sperimenti tu la possibilita' di tirare su un server che possa offrire servizi veri con un 56Kio senza l'ADSL sarei veramente tagliato fuori dagli studi e dagli esperimenti !!!!rendiamoci conto che vivere in campgna con l'ADSL non c'ha nulla a che vedere.non si rovina la natura, mi da la possibilita' di rimanerci (in campagna) senza dover spostarmi come un imbeci||e con il treno.Tutto dipende sempre dall'uso e da quanto realmente si sfrutta
    • godzilla scrive:
      Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL
      il mio comune è tra quelli "rossi": staremo a vedere!
    • Anonimo scrive:
      Re: QUALI piccoli comuni ..? spero mai


      Io ci vivo al paesello ed avere la ADSL non

      mi priva del fatto di andare a pescare e

      godermi la natura.



      contento te che te devo di me raccomando
      quando navighi con l'adslllll , non
      dimenticare di tener attivi i 4 cellulari
      che possiedi...Di cellulare ne ho uno (e dai tempi di Etacsne ho cambiati in totale 3, ampiamente sottola media nazionale) e mi serve per lavoro.Il mio cellulare se non sono reperibile e'spento o scarico dimenticato in qualcheangolo della casa con le vibrazioni.Avere la ADSL a casa mi permetterebbe dipassare piu' tempo nella natura al paesellofacendo parte del lavoro a casa (in parte perquesto va bene anche la ISDN, ma seguendoil tuo ragionamento...)
      be se questo per te e il concetto di natura
      tranquillita, siamo conciati male,La faccina era messa li' apposta, se questoe' il tuo livello di comprensione _sei_ conciatomale
      ovviamente tu sei il tipo che gli viene er
      batticuore quando le tacche der cellulare
      sono meno di due.....a dire il vero non me ne puo' sbattere di meno,trovo molto piu' invasivo il cellulare che unatecnologia che mi permette di lavoraretranquillamente a casa, per questo lo tengospento spesso e volentieri.
      comunque mi dispiace per te, spiegarti
      perche stai sbagliando è inutile e come
      spiegare a un pazzo che è pazzo non ti
      credera mai.sorry, ma sei solo un pallone gonfiato :-/
    • Anonimo scrive:
      Re: QUALI piccoli comuni? BESTIE!!
      MA CI FOSSE STATO UNO, NON DICO DUE, MA UNO CHE SI FOSSE DEGNATO DI RISPONDERE IN MODO "TECNICO"!MA CHE CAXXO E' QUELLA LISTA ??MA CHISSENEFREGA DELLE VOSTRE CAXXATE SU CITTA/CAMPAGNA???SI PUO' SAPERE COSA VUOL DIRE QUELLA LISTA ???????http://wireline.telecomitalia.it/gen/0,1271,17052,00.html?LANGCODE=IGRAZIE :-=)
      • Anonimo scrive:
        Re: QUALI piccoli comuni? BESTIE!!

        MA CI FOSSE STATO UNO, NON DICO DUE, MA UNO
        CHE SI FOSSE DEGNATO DI RISPONDERE IN MODO
        "TECNICO"!

        MA CHE CAXXO E' QUELLA LISTA ??

        MA CHISSENEFREGA DELLE VOSTRE CAXXATE SU
        CITTA/CAMPAGNA???

        SI PUO' SAPERE COSA VUOL DIRE QUELLA LISTA
        ???????

        http://wireline.telecomitalia.it/gen/0,1271,1

        GRAZIE :-=)Troll e' abbastanza tecnico ?
    • Anonimo scrive:
      Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?
      Purtroppo no, a prima vista sembrava cosi', ma leggi bene la scritta in piccolo in alto:"COPERTURA CVP SIMMETRICO DA 2 A 8 MBIT/S "Cioe' puoi farti arrivare una cvp da 8 Mbit, ma una adsl no!ma in che mani siamo?
      • Anonimo scrive:
        Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?
        - Scritto da: Anonimo
        Purtroppo no, a prima vista sembrava cosi',
        ma leggi bene la scritta in piccolo in
        alto:"COPERTURA CVP SIMMETRICO DA 2 A 8
        MBIT/S "

        Cioe' puoi farti arrivare una cvp da 8 Mbit,
        ma una adsl no!

        ma in che mani siamo?Grazie della risposta: FINALMENTE!! :)CIOE' :-((((
      • Anonimo scrive:
        Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?
        - Scritto da: Anonimo
        Purtroppo no, a prima vista sembrava cosi',
        ma leggi bene la scritta in piccolo in
        alto:"COPERTURA CVP SIMMETRICO DA 2 A 8
        MBIT/S "

        Cioe' puoi farti arrivare una cvp da 8 Mbit,
        ma una adsl no!

        ma in che mani siamo? CVP SIMMETRICO DA 2 A 8 MBIT/S ovvero hdsl a 2 MBIT/S, adsl è ASSIMETRICA, pertanto x i comuni + piccoli campa cavallo...!
        • Anonimo scrive:
          Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?

          CVP SIMMETRICO DA 2 A 8 MBIT/S ovvero hdsl
          a 2 MBIT/S, adsl è ASSIMETRICA, pertanto x
          i comuni + piccoli campa cavallo...!non ho capito: e' risaputo che HDSL arriva dappertutto dove c'e' ADSL...non e' una contraddizione allora questa lista di piccoli comuni ?riusciremo a capirci qualcosa ?
          • Anonimo scrive:
            Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?

            riusciremo a capirci qualcosa ?la risposta e' semplice.se vuoi una cvp, spendendo dei bei quattrini, ti stendono soto i piedi il tappeto rosso, se vuoi un adsl che costi poco, te lo prendi nel...
          • giu scrive:
            Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?

            non ho capito: e' risaputo che HDSL arriva
            dappertutto dove c'e' ADSL...

            non e' una contraddizione allora questa
            lista di piccoli comuni ?

            riusciremo a capirci qualcosa ?HDSL e` tecnicamente disponibile *ovunque*, ma Wind e altri gestori hanno costretto l'authority a costringere Telecom a poter vendere HDSL solo nelle "aree geografiche" dove e`attiva anche ADSL.Pertanto HDSL e` offribile in tutta l'area comunale a condizione che *almeno* una centrale sita nel comune sia coperta da ADSL.Pertanto la copertura di HDSL e` maggiore di quella di ADSL.Se sai che un comune sara` coperto da HDSL, allora puoi tentare di capire se il tuo numero lo sara`, facendoti una mappa delle centrali nel tuo comune. Puoi ottenere una vista di insieme della struttura della rete telefonica nella tua zona usando la mappa a pagina 14 dell'avantielenco. A questo punto devi andare nelle pagine del tuo comune e vedere quanti prefissi diversi ci sono (le prime 6-8 cifre). Una centrale puo` coprire uno o piu` prefissi. Inserisci un numero a caso per ogni prefisso nel motore di ricerca di copertura sul sito http://www.copadsl.atlanet.it/ e ottieni il nome della centrale a cui fa capo.Usi i dati raccolti per fare una mappa delle centrali nel tuo comune e poi ci ragioni sopra....Avrai delle sorprese... ad esempio nel mio comune, che credevo avere una sola centrale, ce ne sono in realta` quattro...Non e` detto che delle 4 centrali copriranno la piu` grande (facendo i maligni a Telecom converrebbe coprire quella con due potenziali utenti in modo da spendere poco e poter poi vendere HDSL alle aziende di tutto il comune :-)Giuseppe
          • Anonimo scrive:
            Re: QUALI piccoli comuni HDSL/ADSL...
            - Scritto da: giu
            Pertanto HDSL e` offribile in tutta l'area
            comunale a condizione che *almeno* una
            centrale sita nel comune sia coperta da ADSL.
            Giuseppeabbi pazienza, ma nella maggior parte dei piccoli comuni di quella "famigerata" lista di cui all'inizio di questo terribile thread, NON ESISTE L'ADSL !!secondo me il tuo ragionamento puo' essere ok tecnicamente ma non regge nella realta' dei fatti.Pertanto HDSL e` offribile in tutta l'area comunale a condizione che *almeno* una centrale sita nel comune sia coperta da ADSL.alla prossima puntata della telenovela.---
            in quella lista ci sono comuni letteralmente "fuori dal mondo": e' assurdo che ci arrivi l'HDSL (per gli allevatori di bestiame??) ma non l'ADSL ...italietta :((
          • Anonimo scrive:
            Re: QUALI piccoli comuni HDSL/ADSL...
            ---
            ERRATA CORRIGE ...- Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: giu

            Pertanto HDSL e` offribile in tutta l'area

            comunale a condizione che *almeno* una

            centrale sita nel comune sia coperta da
            ADSL.

            Giuseppe

            abbi pazienza, ma nella maggior parte dei
            piccoli comuni di quella "famigerata" lista
            di cui all'inizio di questo terribile
            thread, NON ESISTE L'ADSL !!

            secondo me il tuo ragionamento puo' essere
            ok tecnicamente ma non regge nella realta'
            dei fatti.

            alla prossima puntata della telenovela.

            ---
            in quella lista ci sono comuni
            letteralmente "fuori dal mondo": e' assurdo
            che ci arrivi l'HDSL (per gli allevatori di
            bestiame??) ma non l'ADSL ...

            italietta :((
          • Anonimo scrive:
            Re: QUALI piccoli comuni HDSL/ADSL...


            italietta :((puoi sempre espatriare
          • Anonimo scrive:
            Re: QUALI piccoli comuni HDSL/ADSL...
            - Scritto da: Anonimo



            italietta :((
            puoi sempre espatriaresi potrebbe sempre cercare di migliorare le cose ...
          • Anonimo scrive:
            Re: QUALI piccoli comuni HDSL/ADSL...

            si potrebbe sempre cercare di migliorare le
            cose ...te per esempio cosa hai fatto per migliorarle?
          • Anonimo scrive:
            Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?
            - Scritto da: Anonimo

            CVP SIMMETRICO DA 2 A 8 MBIT/S ovvero
            hdsl

            a 2 MBIT/S, adsl è ASSIMETRICA, pertanto
            x

            i comuni + piccoli campa cavallo...!

            non ho capito: e' risaputo che HDSL arriva
            dappertutto dove c'e' ADSL...

            non e' una contraddizione allora questa
            lista di piccoli comuni ?

            riusciremo a capirci qualcosa ?anche se sembra complicato..., effettivamente non lo è, spiego meglio, la difficolta di copertura con ADSL stà nella tecnologia stessa, ovvero per poter "avere" adsl oltre alla centrale telefonica di riferimento che deve essere attrezzata, bisogna essere ad una distanza non superiore ai 5 km +o- dalla centrale stessa perchè la tecnologia adsl non può essere sfrutta su "tratte" maggiori, capita di avere la centrale attrezzata ma abitarci distante e di conseguenza non poter avere l'Adsl, mentre l'hdsl ha una maggiore possibilità di utilizzo su distanze oltre i 5 km, ha però il "diffetto" di costare cara!ciao gio
      • SultanOfSwing scrive:
        Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?

        Purtroppo no, a prima vista sembrava cosi',
        ma leggi bene la scritta in piccolo in
        alto:"COPERTURA CVP SIMMETRICO DA 2 A 8
        MBIT/S "

        Cioe' puoi farti arrivare una cvp da 8 Mbit,
        ma una adsl no!

        ma in che mani siamo?Perdonami, ma tu sai la differenza che esiste tra un collegamento ADSL e uno HDSL e che impatto, in termini economici, richiedano i due tipi di collegamento?Da quello che dici ho idea di no.Oggi Telecom (anche se la cosa può non apparire scontata a chi non ha a che fare con il mercato delle tlc) è una azienda che fa un investimento SE E SOLO SE questo investimento ha dei ritorni pressoché immediati. Per cui un impianto ADSL, che richiede costi dell'ordine di centinaia di migliaia di euro, si fa solo laddove renda, nel più breve tempo possibile (il che significa un bacino di utenza di almeno 500 utenti da attivare entro un anno). Un impiando HDSL ha costi 10 vilte più bassi e garantisce canoni molto più alti. La differenza di canone tra i due servizi è giustificata dalle economie di scala che si riescono ad ottenere con l'ADSL all'interno della rete di trasporto, non sull'accesso (che è lo stesso). E ovviamente anche le prestazioni sono ben diverse.
        • SultanOfSwing scrive:
          Re:QUALI comuni con HDSL avranno l'ADSL?

          in un altro post parli di "bufala" riguardo
          all'obbligo per Telecom di portare ADSL
          laddove voglia vendere ANCHE l'HDSL.
          puoi spiegarti meglio ?
          quell'obbligo e' decaduto?

          oppure e' aggirabile per la questione della
          maggiore distanza dalle centraline che
          supporta l'HDSL rispetto all'ADSL?

          vorrei capire meglio almeno questo aspetto.Ribadisco quanto detto anche in un altro post: non conosco la normativa dell'Autority che regolamenta il mercato. Facevo riferimento esclusivamente ad una questione squisitamente tecnologica. HDSL e ADSL non dipendono l'una dall'altra. Se un operatore di tlc decide di mettere ADSL in una sua centrale è perché pensa di avere un bacino di utenza sufficiente (tipicamente da 500 a 1000 utenti da realizzare entro un anno) per coprire l'investimento. Per portare HDSL basta molto ma molto meno: per Telecom, a che so io, un solo cliente molto ben disposto a pagare servizi a consumo, piuttosto che a canone, è più che sufficiente.
          • Anonimo scrive:
            Re:QUALI comuni con HDSL avranno l'ADSL?
            - Scritto da: SultanOfSwing
            Per portare HDSL basta molto ma molto
            meno: per Telecom, a che so io, un solo
            cliente molto ben disposto a pagare
            servizi a consumo, piuttosto che a canone,
            è più che sufficiente.ma allora esiste anche l'HDSL a forfait ?
    • SultanOfSwing scrive:
      Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?

      su questa lista di comuni dove e' vendibile
      (o di imminente commercializzazione) ci sono
      tanti comuni piccoli e anche piccolissimi.

      mi chiedo: ma davvero in tutti questi comuni
      arrivera' l'ADSL ?

      http://www.wireline.telecomitalia.it/gen/0,12In quel link sono contenute le località su cui è vendibile un altro servizio (CVP, basato su tecnologia HDSL con ben altri costi e prestazioni).Il link a cui tu fai riferimento è questo:http://www.wireline.telecomitalia.it/gen/0,1271,14313,00.html?LANGCODE=I?LANGCODE=Ie, almeno nella mia regione (Lazio), i "piccoli" comuni partono da 15.000 abitanti, il che nella provincia di Viterbo significa solo 4 comuni, capoluogo compreso.
      • Anonimo scrive:
        Re: QUALI PICCOLI COMUNI AVRANNO L'ADSL?
        - Scritto da: SultanOfSwing

        su questa lista di comuni dove e'
        vendibile

        (o di imminente commercializzazione) ci
        sono

        tanti comuni piccoli e anche piccolissimi.

        mi chiedo: ma davvero in tutti questi
        comuni

        arrivera' l'ADSL ?
        http://www.wireline.telecomitalia.it/gen/0,12
        In quel link sono contenute le località su
        cui è vendibile un altro servizio (CVP,
        basato su tecnologia HDSL con ben altri
        costi e prestazioni).dunque, si e' detto spesso che l'HDSL non e' vendibile in nessun comune dove non ci sia "almeno 1 centralina" abilitata all'ADSL ?bene: e allora CHE CAXXO e' quella lista con paeselli che avrebbero l'HDSL ma non l'ADSL ?continuo a non capire :-(---
        nella mia regione ho visto che fra gli altri posti e' presente anche un DELIZIOSO paesino di montagna dove l'unica attivita' economica e' LA COOPERATIVA DEL LATTE FRESCO!porteranno l'HDSL anche ai mandriani ?in compenso a pochi KM di distanza ci sono paesi con molte aziende piccole e medie che non hanno e non avranno (??) linee veloci.
        Il link a cui tu fai riferimento è questo:
        http://www.wireline.telecomitalia.it/gen/0,12
        e, almeno nella mia regione (Lazio), i
        "piccoli" comuni partono da 15.000 abitanti,
        il che nella provincia di Viterbo significa
        solo 4 comuni, capoluogo compreso.ovviamente conosco questo link: e a maggior ragione mi chiedo e ti chiedo:ma non ti sembra un po' "strano" che l'ADSL e' presente nei comuni con OLTRE 15 mila abitanti mentre l'HDSL e' presente anche in comuni moooolto piu' piccoli ?quasi sull'orlo di una crisi di nervi :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: QUALI PICCOLI COMUNI AVRANNO L'ADSL?
          A parte il si dice che .... dova sta scritto che l'HDSL si può avere solo dove ci sono centrali abilitate all'ADSL ???Questo non per difendere Telecom naturalmente, ma mi pare che di boiate se ne dicano in abbondanza senza sapere neanche di che cosa si parla. Io non so se quel che si dice è vero. Ma è senz'altro vero che tecnicamente si può dare HDSL senza avere la centrale abilitata all'ADSL.
          • Anonimo scrive:
            Re: QUALI PICCOLI COMUNI AVRANNO L'ADSL?
            - Scritto da: Anonimo
            A parte il si dice che .... dova sta scritto
            che l'HDSL si può avere solo dove ci sono
            centrali abilitate all'ADSL ???un uccellino mi ha detto che era intervenuta l'authority ... intervenuta dopo sollecito dei concorrenti di telecozz che non potevano offrire lo stesso servizio, se ho capito bene.
        • SultanOfSwing scrive:
          Re: QUALI PICCOLI COMUNI AVRANNO L'ADSL?

          dunque, si e' detto spesso che l'HDSL non e'
          vendibile in nessun comune dove non ci sia
          "almeno 1 centralina" abilitata all'ADSL ?Bene, si è detto spesso una boiata.
          bene: e allora CHE CAXXO e' quella lista con
          paeselli che avrebbero l'HDSL ma non l'ADSLSono tecnologie assolutamente diverse e non necessariamente interdipendenti, a meno che per HDSL tu non intenda SHDSL.
          continuo a non capire :-(Magari chiarisciti le idee, prima
          porteranno l'HDSL anche ai mandriani ?Perché no, se pagano?
          in compenso a pochi KM di distanza ci sono
          paesi con molte aziende piccole e medie che
          non hanno e non avranno (??) linee veloci.Potrebbero esserci motivi ben più seri: ad esempio molte località sono servite solo ed esclusivamente in ponte radio, e su questo tipo di collegamento non è possibile sviluppare ADSL
          ovviamente conosco questo link: e a maggior
          ragione mi chiedo e ti chiedo:
          ma non ti sembra un po' "strano" che l'ADSL
          e' presente nei comuni con OLTRE 15 mila
          abitanti mentre l'HDSL e' presente anche in
          comuni moooolto piu' piccoli ?Lavorando nel settore ti rispondo con certezza che la cosa è possibilissima.
          quasi sull'orlo di una crisi di nervi :-)Mi spiace per te, ma puoi farci ben poco. Take it easy.
          • Anonimo scrive:
            Re: QUALI PICCOLI COMUNI AVRANNO L'ADSL?
            - Scritto da: SultanOfSwing

            dunque, si e' detto spesso che l'HDSL non

            e' vendibile in nessun comune dove non ci

            sia "almeno 1 centralina" abilitata all'ADSL ?
            Bene, si è detto spesso una boiata.potresti chiarire meglio ?ricordo anche che l'offerta di Telecom venne bloccata per qualche tempo ...link a riguardo?

            continuo a non capire :-(
            Magari chiarisciti le idee, primama allora secondo te PERCHE' scriverei su questi forum ??solo per passare il tempo ? :-))

            porteranno l'HDSL anche ai mandriani ?
            Perché no, se pagano?se era una battuta mi sembra fuori luogo.anyway, invidio chi vive in montagna: almeno per il verde e l'aria meno sporca che respirano.

            quasi sull'orlo di una crisi di nervi :-)
            Mi spiace per te, ma puoi farci ben poco.vero: ma "poco" e' sempre molto piu' di niente.e quindi cerco di CAPIRE.io partivo dal presupposto che per esserciHDSL deve necessariamente esserci ANCHE ADSL (almeno parzialmente, ma deve esserci).tu dici che questa storia e' una bufala: ti spieghi meglio ?
          • SultanOfSwing scrive:
            Re: QUALI PICCOLI COMUNI AVRANNO L'ADSL?



            e' vendibile in nessun comune dove non
            ci

            sia "almeno 1 centralina" abilitata
            all'ADSL ?

            Bene, si è detto spesso una boiata.

            potresti chiarire meglio ?Come ripetuto HDSL e ADSL usano tecnologie profondamente differenti
            ricordo anche che l'offerta di Telecom venne
            bloccata per qualche tempo ...Il motivo era un altro, se non ricordo male. Era l'impossibilità, da parte degli altri operatori di TLC, di offrire lo stesso servizio.
            link a riguardo?Ora non lo ricordo, ma sul sito dell'Authority dovresti trovare quello che cerchi.


            continuo a non capire :-(

            Magari chiarisciti le idee, prima

            ma allora secondo te PERCHE' scriverei su
            questi forum ??

            solo per passare il tempo ? :-))Qui sopra trovi tanta disinformazione, riguardo alle tlc, da quello che leggo. Ma non da parte dei redattori di PI, che sono anzi eccellenti, piuttosto dai lettori. Se non approfondisci quello che ti interessa su siti, diciamo, "ufficili", rimarranno solo chiacchiere da bar.


            porteranno l'HDSL anche ai mandriani ?

            Perché no, se pagano?

            se era una battuta mi sembra fuori luogo.E perché? Credi che le compagnie telefoniche abbiano ancora l'obbligo del servizio universale?
            anyway, invidio chi vive in montagna: almeno
            per il verde e l'aria meno sporca che
            respirano.Questo è indubbio.


            quasi sull'orlo di una crisi di nervi
            :-)

            Mi spiace per te, ma puoi farci ben poco.

            vero: ma "poco" e' sempre molto piu' di
            niente.Peccato, per "ben poco" intendevo eufemisticamente "niente" :-)
            io partivo dal presupposto che per
            esserciHDSL deve necessariamente esserci
            ANCHE ADSL (almeno parzialmente, ma deve
            esserci).Presupposto completamente falso, quindi riparti da zero.
            tu dici che questa storia e' una bufala: ti
            spieghi meglio ?Leggi più avanti.
          • Anonimo scrive:
            Re: la "BUFALA" dell'HDSL... ?
            - Scritto da: SultanOfSwing

            dunque, si e' detto spesso che l'HDSL non

            é vendibile in nessun comune dove non ci

            sia "almeno 1 centralina" abilitata

            all'ADSL ?
            Bene, si è detto spesso una boiata.Si puo' sapere se era davvvero una bufala o piu' semplicemente e' una norma aggirabile diciamo ... all'italiana ?
          • SultanOfSwing scrive:
            Re: la "BUFALA" dell'HDSL... ?



            sia "almeno 1 centralina" abilitata


            all'ADSL ?

            Bene, si è detto spesso una boiata.

            Si puo' sapere se era davvvero una bufala o
            piu' semplicemente e' una norma aggirabile
            diciamo ... all'italiana ?Non parlo di normative, che mi sono ignote: parlo di tecnologia. L'HDSL con l'ADSL, assonanza a parte, non ha nulla a che vedere, tecnologicamente parlando. La prima tecnologia sfrutta dei terminali di linea simmetrici (uno in centrale, uno a casa del cliente), con velocità pari a 2 Mbit/s, con una modulazione numerica ben precisa, e su cui può essere veicolato di tutto: Frame Relay, ATM, Circuiti Diretti Numerici, o addirittura primari ISDN. La seconda, lato centrale, utilizza dei multiplatori statistici (quelli che vengono chiamati DSLAM) che concentrano le celle ATM (unico tipo di dati trasportabili dall'ADSL) provenienti dagli utenti verso la i nodi della rete ATM dei provider (quelli che ce l'hanno), oppure verso gli access server (router che "traducono" l'ATM in TCP/IP). Tra le altre differenze, da citare che l'HDSL è simmetrico anche rispetto alla velocità, identica nei due sensi Tx/Rx (o upload/download, se vi è più facile), mentre l'ADSL ha collegamenti asimmetrici, in genere molto più veloci in Rx che in Tx (lato utente).Ciò comporta che gli investimenti, da parte di un carrier, per rendere disponibili le due tecnologie sono ben diversi, come lo sono i rientri: a fronte di un minor costo dei terminali HDSL si hanno grossi rientri dovuti ai canoni per il tipo di servizi vendibili su di essi, mentre gli investimenti per impianti ADSL devono essere recuperati con un numero molto grandi di clienti che pagano canoni relativamente bassi.Ecco perché è più facile aumentare la copertura HDSL che non quella ADSL.
          • Anonimo scrive:
            Re: la "BUFALA" dell'HDSL... ?
            Io invece ci ho capito anzi avrei voluto saperne di piu'....come la mettiamo? ;)Per gli utonti c'è: www.calzettadellanonna.itCiao
          • Anonimo scrive:
            Re: la "BUFALA" dell'HDSL... ?
            - Scritto da: Anonimo
            Io invece ci ho capito anzi avrei voluto
            saperne di piu'....come la mettiamo? ;)
            Per gli utonti c'è: www.calzettadellanonna.it
            Ciaoper chi non sa leggere invece non c'e' rimedio :(
      • Anonimo scrive:
        Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?
        - Scritto da: SultanOfSwing
        ... e, almeno nella mia regione (Lazio), i
        "piccoli" comuni partono da 15.000 abitanti,
        il che nella provincia di Viterbo significa
        solo 4 comuni, capoluogo compreso.ricapitolando, in provincia di Viterbo HDSL e' attivabile in 16 comuni: ADSL invece solo in 4.Quindi HDSL "batte" ADSL per 16 a 4!GOAL :-=)
        • Anonimo scrive:
          Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: SultanOfSwing

          ... e, almeno nella mia regione (Lazio), i

          "piccoli" comuni partono da 15.000 abitanti,

          il che nella provincia di Viterbo
          significa

          solo 4 comuni, capoluogo compreso.
          ricapitolando, in provincia di Viterbo HDSL
          e' attivabile in 16 comuni: ADSL invece solo
          in 4.anche in Molise la stessa cosa: in tutta la regione spòp 5 localita' con ADSL ma ben 27 con HDSL!ma non dovrebbe essere, al massimo, alla rovescia?
          • Anonimo scrive:
            QUANTI comuni con HDSL avranno l'ADSL?


            ricapitolando, in provincia di Viterbo HDSL

            e' attivabile in 16 comuni: ADSL invece

            solo in 4.
            anche in Molise la stessa cosa: in tutta la
            regione solo 5 localita' con ADSL ma ben 27
            con HDSL!
            ma non dovrebbe essere, al massimo, alla
            rovescia?in provincia di Savona solo 23 localita' con ADSL ma circa 47 con HDSL...
          • Anonimo scrive:
            Re: QUANTI comuni con HDSL avranno l'ADSL?



            in provincia di Viterbo HDSL


            e' attivabile in 16 comuni: ADSL invece


            solo in 4.

            anche in Molise la stessa cosa: in tutta

            la regione solo 5 localita' con ADSL ma

            ben 27 con HDSL!

            ma non dovrebbe essere, al massimo, alla

            rovescia?
            in provincia di Savona solo 23 localita' con
            ADSL ma circa 47 con HDSL...perche' ?
        • SultanOfSwing scrive:
          Re: QUALI piccoli comuni avranno l'ADSL ?

          ricapitolando, in provincia di Viterbo HDSL
          e' attivabile in 16 comuni: ADSL invece solo
          in 4.

          Quindi HDSL "batte" ADSL per 16 a 4!C'è da tener presente che i distretti telefonici (su cui Telecom sviluppa le proprie reti) non coincidono con i confini delle regioni, per cui la "diversità" dipende anche da come questi distretti sono collegati tra loro. Ad esempio, per la provincia di Viterbo, che conosco da residente, è "coperta" da tre distretti telefonici (Viterbo, Civitavecchia e Orvieto, pur essendo quest'ultima in provincia di Terni e Civitavecchia in provincia di Roma). Il distretto di Civitavecchia, addirittura, appartiene alla rete telefonica di Roma, per cui il suo sviluppo viene curato necessariamente in maniera differente da Viterbo e Orvieto. Per assurdo, un circuito dedicato richiesto da un ipotetico cliente tra Tarquinia e Tuscania, distanti tra loro 15 km ed entrambi comuni della provincia di Viterbo ma appartenenti a distretti telefonici e regioni "telefoniche" differenti, dovrebbe necessariamente passare per Roma.
  • Alessandrox scrive:
    Antibufala: telecom piu' brava?
    Telecom italia E' l' ex monopolio di stato SIP e da esso eredita TUTTA la parte infrastrutturale, tecnologica e produttiva (tutta pagata con i soldi dello stato, ex soldi dei contribuenti) che poi rivende sia al dettaglio direttamente ai privati tramite la sua parte commerciale, sia all' ingrosso, ad operatori "alternativi" i quali poi rivendono al dettaglio. Da notare che TELECOM EX SIP e' l' UNICO produttore di infrastrutture teleconunicative di un certo rilievo nel nostro paese.Da tutto questo, la nostra "'Autorità garante del mercato" riesce a dedurre senza ombra di dubbio che:"Telecom Italia non abusa della propria posizione sul mercato e dunque non crea indebiti danni né agli operatori concorrenti né agli utenti".Tanto per chiarire lo stato delle cose nella nostra repubblichetta (delle banane).Giudicate voi in che mani disgraziate siamo...
    • DPY scrive:
      Re: Antibufala: telecom piu' brava?
      - Scritto da: Alessandrox
      Telecom italia E' l' ex monopolio di stato
      SIP e da esso eredita TUTTA la parte
      infrastrutturale, tecnologica e produttiva
      (tutta pagata con i soldi dello stato, ex
      soldi dei contribuenti)Ok, siamo al solito Piove, Telecom ladra . Che Telecom abbia le sue magagne è indubbio, ma non è ripetendo la solita solfa, o addossandogli tutti i crimini dell'umanità, che può cambiare qualcosa. Telecom ha costruito la sua rete con i soldi degli abbonati, non per niente tutte le richieste (fatte in anni non recenti, e che tu probabilmente non hai mai sentito, per motivi di età) di riduzione del costo della telefonia venivano negate con la scusa che erano necessari investimenti per tenere la rete al passo con i tempi. Fortunatamente questi investimenti ci sono stati: negli anni '70 la rete era una cosa assurda, sulle interurbane avevi tempi di connessione sull'ordine del minuto, qualità della fonia bassissima e alta probabilità di cadute di linea. Le centrali elettromeccaniche (se preferisci, a carbone) facevano quello che potevano, ma al minimo evento eccezionale (vedasi ad esempio, una nevicata) andavano in saturazione e anche fare un'urbana diventava un'impresa. In caso di eventi un po' più eccezionali (vedasi il terremoto del '76) la rete crollava su se stessa senza neanche riuscire a gestire le internazionali entranti.Deduco anche che non conosci i tempi delle bollette incomprensibili, con le 1000 lire fisse giustificate come Addebiti vari o per più causali , e che nessuno mai spiegò cosa fossero... Non ricordi neanche che per attaccare un modem o un fax era necessario pagare la Tassa per sede di utente telegrafico , il noleggio del telefono era obbligatorio e per avere più prese in casa dovevi parimenti noleggiarle da Telecom?La rete Telecom è stata pagata con i soldi degli abbonati, abbonati che hanno pagato per avere un servizio (scarso quanto vuoi, ma era un servizio) e che (sfortunatamente per loro) ora non possono pretendere alcunché, smettiamola con i soliti luoghi comuni.
      • Anonimo scrive:
        Re: Antibufala: telecom piu' brava?
        Giusto... è vero...negli anni '70 era tragica, adesso va meglio...va peggio che negli usa o in francia, ma meglio che in tanti altri posti...eppoi su una cosa occorre dare ragione a telecom, la loro copertura è la più capillare, dove nessuna altra ditta portetà mai una fibra o un coassiale e nemmeno un doppino adsl per paura di rimetterci dei soldi.nel mio paesino penso di essere l'unico o forse ve ne sono altri 2 o tre ad avere adsl, vado sempre a tutta banda e delle volte anche il doppio del contratto, chi altri mi avrebbe cablato una ADSL gratis (perchè ho anche ISDN quindi hanno portato anche un nuovo cavo) senza attivazione e me la fa usare per miseri 35 euro al mese?
        • Anonimo scrive:
          Re: Antibufala: telecom piu' brava?

          (perchè ho anche ISDN quindi hanno portato
          anche un nuovo cavo) senza attivazione e meEcco e' esattamente questo che mi faincavolare, l'ISDN ormai c'e' quindi civuole ben poco....Senza tante digressioni...
      • Anonimo scrive:
        Re: Antibufala: telecom piu' brava?
        - Scritto da: DPY

        Ok, siamo al solito Piove, Telecom
        ladra. Che Telecom abbia le sue magagne
        è indubbio, ma non è ripetendo la solita
        solfa, o addossandogli tutti i crimini
        dell'umanità, che può cambiare qualcosa.
        Telecom ha costruito la sua rete con i soldi
        degli abbonati, non per niente tutte le
        richieste (fatte in anni non recenti, e che
        tu probabilmente non hai mai sentito, per
        motivi di età) di riduzione del costo della
        telefonia venivano negate con la scusa che
        erano necessari investimenti per tenere la
        rete al passo con i tempi. Fortunatamente
        questi investimenti ci sono stati: negli
        anni '70 la rete era una cosa assurda, sulle
        interurbane avevi tempi di connessione
        sull'ordine del minuto, qualità della fonia
        bassissima e alta probabilità di cadute di
        linea. Le centrali elettromeccaniche (se
        preferisci, a carbone) facevano quello che
        potevano, ma al minimo evento eccezionale
        (vedasi ad esempio, una nevicata) andavano
        in saturazione e anche fare un'urbana
        diventava un'impresa. In caso di eventi un
        po' più eccezionali (vedasi il terremoto del
        '76) la rete crollava su se stessa senza
        neanche riuscire a gestire le internazionali
        entranti.
        Deduco anche che non conosci i tempi delle
        bollette incomprensibili, con le 1000 lire
        fisse giustificate come Addebiti vari o
        per più causali, e che nessuno mai
        spiegò cosa fossero... Non ricordi neanche
        che per attaccare un modem o un fax era
        necessario pagare la Tassa per sede di
        utente telegrafico, il noleggio del
        telefono era obbligatorio e per avere più
        prese in casa dovevi parimenti noleggiarle
        da Telecom?
        La rete Telecom è stata pagata con i soldi
        degli abbonati, abbonati che hanno pagato
        per avere un servizio (scarso quanto vuoi,
        ma era un servizio) e che (sfortunatamente
        per loro) ora non possono pretendere
        alcunché, smettiamola con i soliti luoghi
        comuni.finalmente un po' di buon senso!
        • Alessandrox scrive:
          Re: Antibufala: telecom piu' brava?
          Mi dispiace che:1)non abbiate capito nulla di cio' che ho scritto2) siate tra quelle (la maggioranza purtroppo) persone che sono contente di prenderlo nel...Bonta' vostra si dira'... in realta' contribuite a farlo mettere anche a chi non gli piace.Senza nulla togliere agli indubbi cambiamenti positivi dagli anni '70 ad oggi la BUFALA che vi bevete e' che OGGI Telecom esprima le piene potenzialita' di un servizio rispetto a quanto NOI paghiamo per esso; che Si sia in un regime di libera concorrenza quando CHI produce VENDE al dettaglio ed e' l' UNICO rivenditore all' ingrosso (forse, nonostante la vostra veneranda eta' non avete ben chiari questi concetti come nemmeno quelo di libero mercato): chiamatela come volete ma questa non e' liberalizzazione.Questo non significa "addossargli tutti i crimini dell' umanita'" o riempirla di responsabilita' che in effetti non sono tutte sue...Quando fu privatizzata lo stato avrebbe dovuto scorporare l' attivita' commerciale di vendita al dettaglio da quella produttiva/Tecnologica.Questo sarebbe stato il modo corretto di procedere.Voi stessi avete affermato che telecom si e' guadagnata la posizione che all' epoca del monopolio grazie alle bollette pagate dagli abbonati. Ma lllora era un monopolio PER LEGGE e come fa' un'azienda nata dopo la fine del monopolio a raggiungere il suo stesso livello di sviluppo, di investimenti e guadagni?Il vantaggio che Telecom ha lo ha aquisito per LEGGE belli miei dormienti.Per decenni LO STATO favorisce un' azienda poi liberalizza il mercato... e' OVVIO che questa azienda NON puo' avere concorrenti e che quindi di fatto NON c'e' concorrenza.ma in quale pianeta vivete?Certo che dormite proprio SODO...- Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: DPY



          Ok, siamo al solito Piove, Telecom

          ladra. Che Telecom abbia le sue magagne

          è indubbio, ma non è ripetendo la solita

          solfa, o addossandogli tutti i crimini

          dell'umanità, che può cambiare qualcosa.

          Telecom ha costruito la sua rete con i
          soldi

          degli abbonati, non per niente tutte le

          richieste (fatte in anni non recenti, e
          che

          tu probabilmente non hai mai sentito, per

          motivi di età) di riduzione del costo
          della

          telefonia venivano negate con la scusa che

          erano necessari investimenti per tenere la

          rete al passo con i tempi. Fortunatamente

          questi investimenti ci sono stati: negli

          anni '70 la rete era una cosa assurda,
          sulle

          interurbane avevi tempi di connessione

          sull'ordine del minuto, qualità della
          fonia

          bassissima e alta probabilità di cadute di

          linea. Le centrali elettromeccaniche (se

          preferisci, a carbone) facevano quello che

          potevano, ma al minimo evento eccezionale

          (vedasi ad esempio, una nevicata) andavano

          in saturazione e anche fare un'urbana

          diventava un'impresa. In caso di eventi un

          po' più eccezionali (vedasi il terremoto
          del

          '76) la rete crollava su se stessa senza

          neanche riuscire a gestire le
          internazionali

          entranti.

          Deduco anche che non conosci i tempi delle

          bollette incomprensibili, con le 1000 lire

          fisse giustificate come Addebiti vari o

          per più causali, e che nessuno mai

          spiegò cosa fossero... Non ricordi neanche

          che per attaccare un modem o un fax era

          necessario pagare la Tassa per sede di

          utente telegrafico, il noleggio del

          telefono era obbligatorio e per avere più

          prese in casa dovevi parimenti noleggiarle

          da Telecom?

          La rete Telecom è stata pagata con i soldi

          degli abbonati, abbonati che hanno pagato

          per avere un servizio (scarso quanto vuoi,

          ma era un servizio) e che (sfortunatamente

          per loro) ora non possono pretendere

          alcunché, smettiamola con i soliti luoghi

          comuni.

          finalmente un po' di buon senso!
  • Vaira scrive:
    Come no
    Telecom Italia non abusa della propria posizione sul mercato e dunque non crea indebiti danni né agli operatori concorrenti né agli utenti.E Cicciolina è vergine.
  • Anonimo scrive:
    Tanto fa schifo lo stesso...
    ...per le pubblicità ingannevoli, per la bassa qualità del servizio, per l'indolenza, la prepotenza e tutto il resto che ne carfatterizza a tutt'oggi un atteggiamento da monopolista de facto.Evviva :(((((Max
  • Anonimo scrive:
    amen
    vediamo cosa succederà con la battaglia majors della musica e ISP grossi ... la telecom ha già mostrato di avere un bel po' di potere ... vediamo come la mette con la siae ...
Chiudi i commenti