Download/ E il Dvd fu! Col cubo

Dvd video al volo, download col Giga Net Grid, Javascript a mazzi e appunti multimediali. Col cubo risolto














a cura di PI Download

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Altair scrive:
    TCPA già realtà
    Fritz, palladium, tutti nomi conosciutissimi e odiatissimiInfatti hanno visto bene di cambiarli.provate a prendere un pc nuovo... se leggete le caratteristiche in piccolo noterete che ha un componente hardware in più... il "TMP 1.2".Secondo voi cos'è??? Sorpresa! Prima che cambiasse nome quel chip si chiamava "Fritz".Ormai la maggior parte dei nuovi pc, sia fissi che portatili ha già integrato nella scheda madre Fritz....Perché non ce ne siamo accorti? Semplice... Vista non lo usa ancora... inizierà il massacro con il prossimo service pack (probabilmente).Soluzione? Io vedo come difesa soltanto le vecchio versioni di Windows (non supportano Fritz) oppure le Distro di Linux (usano Fritz soltanto per criptare i messaggi dell'utente, e non per trasformare il pc nel grande fratello di 1984)PS: Da BIOS il TMP 1.2 è disattivatile ....speriamo in bene... la guerra è iniziata!
  • Anonimo scrive:
    chiavi di cifra
    pessima traduzione :S
  • Anonimo scrive:
    Il Trusted Computing può esser illegale?
    Art. 600 Codice Penale (Riduzione o mantenimento inschiavitu' o in servitù)[...]"...chiunque riduce o mantiene una persona in unostato di 1, costringendolaa prestazioni lavorative o sessuali ovveroall'accattonaggio o comunque a 2e' punito con la reclusione da otto a venti anni.La riduzione o il mantenimento nello stato disoggezione ha luogo quando la condotta e'attuata mediante violenza, minaccia, 3,4 o 5 unasituazione di inferiorita' fisica o psichica o di 6.[...]--------------------------------------------------------------------------(1)http://www.demauroparavia.itsog|ge|zió|nes.f.1 CO l?essere soggetto, sottoposto; stato, condizionedi sottomissione o (2)http://www.demauroparavia.itsfrut|ta|mén|tos.m.AU4 CO l?approfittare di una situazione per ricavarne unvantaggio personale: un abile s. di un momento di crisi(Cosa accadrebbe se l'utente fosse costretto adinstallare software TC-compliant ed un soggettoapprofittasse della situazione vendendoglielo?)(3)(Il TC sarà disabilitabile? E miglioradavvero la sicurezza dell'utente, intesa come la suacapacità di controllare ciò che accade sul suo PC?)(4)(Se un soggetto ha autorità sui PC, può una certacondotta essere considerata "abuso d'autorità"?)(5)(Se il TC diventa l'unico standard, l'utente si troverànella necessità di poter/dover usare solo computer esoftware trusted? E vi sono soggetti che potrebberoapprofittare di questo? Soprattutto alla luce del fattoche usare un computer è ormai DI FATTO una cosaindispensabile e necessaria per tante attività etransazioni?)(6)
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Trusted Computing può esser illeg
      Hmm temo che l'aver incluso alcune parole trasegni " " non sia stata una buona idea,forse il forum li ha interpretati come codici HTMLe non sono dunque state pubblicate correttamente.Le espressioni mancanti erano:(1)[ soggezione continuativa ](3)[ inganno ](4)[ abuso di autorità ](5)[ approfittamento ... di una situazione di necessità ]
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Trusted Computing può esser illeg
      - Scritto da: Anonimo
      Art. 600 Codice Penale (Riduzione o mantenimento
      in
      schiavitu' o in servitù)

      [...]

      "...chiunque riduce o mantiene una persona in uno
      stato di 1, costringendola
      a prestazioni lavorative o sessuali ovvero
      all'accattonaggio o comunque a ne comportino lo sfruttamento
      2

      e' punito con la reclusione da otto a venti anni.Mah... basta fare un giro in una città qualsiasi a contare i bambini che fanno gli accattoni (con l'aggravante che sono appunto bambini...) per capire che la realtà è un altra. Non mi preoccuperei quindi di questa legge...
  • Anonimo scrive:
    NELLA SOTRA C'E SEMPRE QUALCUNO....
    ...pronto a trovare giustificazioni anche x le peggiori nefandezze.Questo articolo di giustificazione del TC ne è un piccolo esempio.
    • Anonimo scrive:
      Re: NELLA SOTRA C'E SEMPRE QUALCUNO....
      - Scritto da: Anonimo
      ...pronto a trovare giustificazioni anche x le
      peggiori nefandezze.
      Questo articolo di giustificazione del TC ne è un
      piccolo esempio.Della serie parlo anche se non ho letto l'articolo fino in fondo
    • Anonimo scrive:
      Re: NELLA SOTRA C'E SEMPRE QUALCUNO....
      - Scritto da: Anonimo
      articolo di giustificazione del TCnon quoto altro
  • Anonimo scrive:
    Re: La SICUREZZA in Cambio della LIBERTA
    - Scritto da: Crazy
    questo sistema ci dara` si piu` sicurezzamah secondo me sto sistema dara + sicurezza solo a certi soggetti (tipo majors) ma a disccapito di molti altri (utenti)Qualcuno ha gia detto che per gl utenti finali i benefici del tc son quasi nulli
  • Gatto Selvaggio scrive:
    AHA!!!
    Finalmente ho capito!(battendomi una mano sulla fronte)"cifrare e decifrare file e documenti al volo, anche quando si tratta di oggetti di grande dimensione o persino di pesanti stream audio e/o video che devono essere trattati in tempo reale."Il film che acquisterai in rete verrà cifrato al volo con la chiave pubblica del "tuo" Fritz Chip in modo che solo il "tuo" computer possa decifrarlo con la propria chiave privata e fartelo vedere.Tale politica di distribuzione verrà chiamata qualcosa come "Acquisto di versioni personalizzate".
  • pierob scrive:
    tc controllo sociale censura esclusione
    "la vessatoria logica di funzionamento del Trusted Computing che prevede, lo ricordiamo, che il dispositivo dell'utente (e quindi l'utente) sia identificabile in maniera univoca in rete (nessuna possibilità di anonimato) e che questo dispositivo possa essere esaminato e "valutato" dal fornitore remoto di beni e di servizi (nessuna possibilità di "privacy" e nessuna possibilità di "mentire")."Non è tanto "mentire" anche se ci potrebbe essere qualche occasione in cui "mentire" diventa necessario per salvaguardare la propria privacy o peggio da un danno grave.La questione che mette fuori discussione il TC (con qualsiasi altro nome possa chiamarsi) è la NON ipotetica possibilità di controllo sociale, di censura e/o esclusione. L'impossibilità di poter criticare chi ha il potere, sia esso cinese o americano o più banalmente nostrano.
    • Anonimo scrive:
      Re: tc controllo sociale censura esclusi
      - Scritto da: pierob
      Trusted Computing che prevede, lo ricordiamo, che
      il dispositivo dell'utente (e quindi l'utente)
      sia identificabile in maniera univoca in rete
      (nessuna possibilità di anonimato) e che questo
      dispositivo possa essere esaminato e "valutato"
      dal fornitore remoto di beni e di servizi
      (nessuna possibilità di "privacy" e nessuna
      possibilità di "mentire")."già basterebbe questo per rifiutare il TCPC = Personal ComputerTC = Totally Controlled
  • grassman scrive:
    Rinnovo la mia richiesta
    La mia richiesta: mettere un bollino "fritz free" sull'harware di chi non lo impiega.Basterebbe un produttore che inizi, prenderebbe carovane di ordinazioni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Rinnovo la mia richiesta
      - Scritto da: grassman
      La mia richiesta: mettere un bollino "fritz free"
      sull'harware di chi non lo impiega.bellissima idea
    • Anonimo scrive:
      Re: Rinnovo la mia richiesta (joe-ized)

      La mia richiesta: mettere un bollino "fritz free"
      sull'harware di chi non lo impiega.
      Basterebbe un produttore che inizi, prenderebbe
      carovane di ordinazioni.Non avrebbe efficacia per un banale motivo: la disinformazione dei consumatori riguardo le controindicazioni del fritz chip.Perché continuiamo a spendere per un sistema che appena rilasciato mina in sicurezza e segretezza e deve essere subito rattoppato? E giù a service pack...joe
      • Gatto Selvaggio scrive:
        Re: Rinnovo la mia richiesta (joe-ized)

        Non avrebbe efficacia per un banale motivo: la
        disinformazione dei consumatori riguardo le
        controindicazioni del fritz chip.Non è necessario informarli: basta diffondere la voce che non potranno più scaricare i film gratis.
        • Anonimo scrive:
          Re: Rinnovo la mia richiesta (joe-ized)
          - Scritto da: Gatto Selvaggio

          Non avrebbe efficacia per un banale motivo: la

          disinformazione dei consumatori riguardo le

          controindicazioni del fritz chip.

          Non è necessario informarli: basta diffondere la
          voce che non potranno più scaricare i film
          gratis.Paradossale ciò che dici: se non informi, non diffondi.Mi sembra logico, no?Anche volendo far leva sul "non scarici più film gratis", ti ci metti tu in tempo e denaro ad aprire gli occhi a tutti?joe
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Rinnovo la mia richiesta (joe-ized)
            Mi riferivo al fatto che i tentativi di informare il pubblico da me finora letti puntano sul cercare di spiegare al lettore il funzionamento, addentrandosi in dettagli difficili da seguire e, di sicuro, fuori della portata di tutti quelli che conosco. Me escluso, ma giuro che faccio fatica a tener presenti, seguire e immaginare tutte le implicazioni, attuali e possibili, di questa tecnologia.Invece, sottolineando il punto che al pubblico importa (lecito o illecito che sia) si va subito al dunque: che uno si compra uno scatolone da mille euro e non può guardarsi i film scaricati. Allora perché comprarlo?
          • Anonimo scrive:
            Re: Rinnovo la mia richiesta (joe-ized)
            - Scritto da: Gatto Selvaggio
            Invece, sottolineando il punto che al pubblico
            importa (lecito o illecito che sia) si va subito
            al dunque: che uno si compra uno scatolone da
            mille euro e non può guardarsi i film scaricati.
            Allora perché comprarlo?In effetti è più facile spiegarlo alla gente in questo modo,questo è l'approccio da seguire per informare le masse.
          • Anonimo scrive:
            Re: (joe-ized)
            Cosa significa (joe-ized)?
          • Anonimo scrive:
            Re: (joe-ized)
            - Scritto da: Anonimo
            Cosa significa (joe-ized)?forse "thread hijacked by joe"?
          • Anonimo scrive:
            Re: (joe-ized)
            Pensavo a qualche oscuro collegamento con l'editor 'joe'.
    • pierob scrive:
      Re: Rinnovo la mia richiesta
      buona idea, la farò circolare, ciao Piero
  • willhunting scrive:
    Acquisto di un nuovo notebook
    Trusted computing, Fritz Chip, Digital Rights Management.Il rischio di una perdita di privacy e soprattuto di una limitazione concreta della libertà di utilizzo del proprio computer sembra farsi strada con preoccupante velocità. Come orientarsi nell'acquisto di un nuovo computer portatile!? é il caso di evitare tutti i notebook in cui sono presenti queste nuove tecnologie!? non è forse meglio rassegnarsi all'idea che questi dispositivi saranno la realtà di domani e quindi acquistare già "trusted computers"!?Grazie a tutti per i consigli
    • Anonimo scrive:
      Re: Acquisto di un nuovo notebook
      - Scritto da: willhunting
      non è forse meglio rassegnarsi
      all'idea che questi dispositivi saranno la realtà
      di domani e quindi acquistare già "trusted
      computers"!?E se invece la reazione del pubblico fosse talmente negativa da costringere le aziende a fare marcia indietro, come è già successo con il serial number del Pentium III? Ti ritroveresti ad essere uno dei pochi (o tanti) sfigati "controllabili" in un mondo di "incontrollabili".Comprati un bel laptop Acer o Asus senza Fritz Chip, finchè ce ne sono. Prendilo bello grosso, piazzaci sopra tanta RAM e installa Linux. Per un po' di anni dovrebbe bastare.
      • Anonimo scrive:
        Re: Acquisto di un nuovo notebook
        - Scritto da: Anonimo
        Comprati un bel laptop Acer o Asus senza Fritz
        Chip, finchè ce ne sono. Prendilo bello grosso,
        piazzaci sopra tanta RAM e installa Linux. Per un
        po' di anni dovrebbe bastare.Ma leggi nel pensiero? :D
        • willhunting scrive:
          Re: Acquisto di un nuovo notebook
          :) dunque mi avete confermato quello che pensavo, e cioè che è meglio prenderlo senza chip invasivi e fastidiosi...a questo punto vi chiedo..che ne dite di un vaio serie fe in particolare VGNFE11S.IT1?? ho già controllato su no1984.org perciò non dovrebbe avere problemi da un punto di vista hardware. ero indeciso tra questo e un asus con processore dual core..a proposito voi che ne dite di questo processore? meglio intel o amd?? (non sono molto ferrato in materia... :) ).ho già un asus e funziona bene solo che mi ha dato problemi di riconoscimento hardware quando ho provato a far girare una knoppix...a proposito io non sono molto pratico di linux, ho fatto da poco un corso introduttivo perchè ne vorrei capire di più...voi che ne dite di una ubuntu?!!? (ripeto non ne so tantissimo in generale... :) ) grazie a tutti ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Acquisto di un nuovo notebook
            - Scritto da: willhunting
            che ne dite di un vaio serie fe in
            particolare VGNFE11S.IT1?? ho già controllato su
            no1984.org perciò non dovrebbe avere problemi da
            un punto di vista hardware.Vaio è SONY... quella del "caso rootkit" di cui parlaronoi giornali... personalmente eviterei d'acquistarlo perchénon mi fido di loro per preservare la mia privacy.............
            ero indeciso tra questo e un asus con processore
            dual core..a proposito voi che ne dite di questo
            processore? meglio amd?L'Asus dovrebbe andar bene. Il processore AMD èmeglio 'in my humble opinion' perché AMD mi pare"rimasta indietro" con la questione TPM rispetto adIntel... per ora, comunque!Un processore AMD Athlon 64 FX
            dovrebbe ho già un asus e funziona bene solo che mi ha
            dato problemi di riconoscimento hardware quando
            ho provato a far girare una knoppix...Potrebbe dipendere dalla Knoppix (che comunqueresta uno dei migliori 'cd Live' in circolazione IMHO)
            io non sono molto pratico di linux, ho fatto da
            poco un corso introduttivo perchè ne vorrei
            capire di più...voi che ne dite di una ubuntu?!!?Ubuntu credo che sia molto potente e personalizzabilema se vuoi qualcosa di più facile usa Mandriva - nonche io ne sappia molto di più, comunque :-)Ciao
  • attackment scrive:
    Re: La SICUREZZA in Cambio della LIBERTA
    ti sei sposato con ogni post in cui si parla del tc?LOL
  • Anonimo scrive:
    hackers?
    ho letto hacker? :|
    • Anonimo scrive:
      Re: hackers?
      - Scritto da: Anonimo
      ho letto hacker? :|E basta con queste puntigliosità da primi della classe! Lo sappiamo tutti che "hacker" vuol dire "smanettone" e non "criminale". Non ne ha colpa nessuno di noi se il termine è stato risemantizzato dalle masse.Traduciamolo mentalmente con "cypher" o "cracker" o quello che vi pare senza rompere le balle al prossimo!
      • Rex1997 scrive:
        Re: hackers?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ho letto hacker? :|

        E basta con queste puntigliosità da primi della
        classe!

        Lo sappiamo tutti che "hacker" vuol dire
        "smanettone" e non "criminale". Non ne ha colpa
        nessuno di noi se il termine è stato
        risemantizzato dalle masse.

        Traduciamolo mentalmente con "cypher" o "cracker"
        o quello che vi pare senza rompere le balle al
        prossimo!Lasciar correre il corretto uso di un termine è la miglior anticamera per creare paure nelle persone.Quanti, non addette ai lavori, sono a conoscenza del differente significato tra hacker e cracker?E questo lasciar perdere aiuta chi di dovere... :@
    • Anonimo scrive:
      Re: hackers?
      ragà non stiamo a discutere sui terminiconcentriamoci sull'argomento del TC e sul fattoche potrebbe non essere una buona cosa per l'utente
  • Anonimo scrive:
    se si guasta qualcosa perdi tutto...
    se si guasta qualcosa butti via tutto il pc e soprattutto i dati crittati sull'hd diventano illeggibili ed irrecuperabili.e questa sarebbe sicurezza?!?
    • Anonimo scrive:
      Re: se si guasta qualcosa perdi tutto...
      - Scritto da: Anonimo
      se si guasta qualcosa butti via tutto il pc e
      soprattutto i dati crittati sull'hd diventano
      illeggibili ed irrecuperabili.
      e questa sarebbe sicurezza?!?Magnifico. Lo compro!
      • Anonimo scrive:
        Re: se si guasta qualcosa perdi tutto...
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        se si guasta qualcosa butti via tutto il pc e

        soprattutto i dati crittati sull'hd diventano

        illeggibili ed irrecuperabili.

        e questa sarebbe sicurezza?!?

        Magnifico. Lo compro!Ah, ma allora siamo tra sadomasochisti. Magnifico, mi aggiungo anch'io! :p :p :p
        • Anonimo scrive:
          Re: se si guasta qualcosa perdi tutto...
          - Scritto da: Anonimo

          Ah, ma allora siamo tra sadomasochisti.
          Magnifico, mi aggiungo anch'io! :p :p :pIo voglio quello che quando scoppia mi spara un migliaio di lame di rasoio in faccia.
    • Anonimo scrive:
      Re: se si guasta qualcosa perdi tutto...
      - Scritto da: Anonimo
      se si guasta qualcosa butti via tutto il pc e
      soprattutto i dati crittati sull'hd diventano
      illeggibili ed irrecuperabili.
      e questa sarebbe sicurezza?!?Lo standard TCG prevede una procedura per il recupero del sistema ("migrazione delle chiavi"), ad esempio per permettere il recupero dei dati se viene sostituita la motherboard. Comunque, anche con un sistema TC si possono fare i backup ed i restore. L'unica differenza è che bisogna tenere a portata di mano le password necessarie, esattamente come avviene da tempo con i filesystem crittografati di windows NT e Linux.I dati "sigillati", cioè quelli legati crittograficamente ad una specifica macchina, potrebbero non essere recuperabili su un'altra. Questo dipende dalla volontà di chi li ha cifrati. Non si può modificare questa caratteristica senza che perda completamente di significato.
      • Anonimo scrive:
        Re: se si guasta qualcosa perdi tutto...
        esattamente come avviene da tempo con i filesystem crittografati di windows NT ----ot: perchè posso fare questo su una cartella crittografata dopo aver reinstallato windows?http://foto.dsy.it/albums/trash/sikurezza.jpggrazie.
      • alex.tg scrive:
        Re: se si guasta qualcosa perdi tutto...

        L'unica differenza è che bisogna tenere
        a portata di mano le password necessarie,Non potrebbe essere un problema tenere a portata di mano una chiave da 2048 bit?
        • Anonimo scrive:
          Re: se si guasta qualcosa perdi tutto...
          - Scritto da: alex.tg

          L'unica differenza è che bisogna tenere

          a portata di mano le password necessarie,
          Non potrebbe essere un problema tenere a
          portata di mano una chiave da 2048 bit?Perche' ???Basta che te la fai tatuare avvolta intorno al corpo a mo di dragone / serpente dal collo alla caviglia :D
          • Anonimo scrive:
            Re: se si guasta qualcosa perdi tutto...
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: alex.tg
            Basta che te la fai tatuare avvolta intorno al
            corpo a mo di dragone / serpente dal collo alla
            caviglia :D mi sa che la scitala degli spartani era più pratica
    • Anonimo scrive:
      Re: se si guasta qualcosa perdi tutto...
      - Scritto da: Anonimo
      se si guasta qualcosa butti via tutto il pc e
      soprattutto i dati crittati sull'hd diventano
      illeggibili ed irrecuperabili.ne voglio uno per il mio peggior nemico
    • Anonimo scrive:
      Re: se si guasta qualcosa perdi tutto...
      - Scritto da: Anonimo
      se si guasta qualcosa butti via tutto il pc e
      soprattutto i dati crittati sull'hd diventano
      illeggibili ed irrecuperabili.
      e questa sarebbe sicurezza?!?Si. Sai che manna per chi tiene doppie contabilità.
  • Anonimo scrive:
    Spyware certificati...
    Se non ho capito male bisognerà "soltanto" pagare il TCG per il servizio di verifica e certificazione. Ma chi mi assicura che una grande azienda non possa inserire nei propri software in nome della "sicurezza" qualche porcheria che invii i miei dati personali a chissachi?A quel punto non avremo più ne sicurezza ne libertà. Liberi in una gabbia sempre più stretta.Meglio se mi vado a comprare un pò di ram per il mio 2600 visto che sarà il mio ultimo upgrade.
    • Anonimo scrive:
      Re: Spyware certificati...
      - Scritto da: Anonimo
      Se non ho capito male bisognerà "soltanto" pagare
      il TCG per il servizio di verifica e certificazione.ah bene siamo a posto allora :/
  • Marlenus scrive:
    Non si capisce perchè....
    Cito testualmente:"Non si capisce quindi perché non venga promosso l'uso di questi dispositivi invece della adozione su vasta scala di dispositivi controversi come i Fritz Chip (che oltretutto impongono di rinnovare il parco hardware esistente a spese dell'utente)."Mi permetto di rispondere, tralasciando la ovvia e a mio parere condivisibile argomentazione "per controllarti meglio".C'è un aspetto puramente commerciale. La tecnologia delle smartcard è europea. I brevetti su questa tecnologia (in particolare sui processi produttivi) sono europei. L'industria che le produce è (per lo più) europea.E' ragionevole pensare che nel clima di guerra commerciale che ormai pervade il mondo, chi ha il potere di decidere (o pensa di averlo) cerchi di favorire "gli amici". Quindi è difficile aspettarsi che una tecnologia fortemente voluta dalle lobby di Washington vada a scegliere come componente un prodotto che appartiene ad altri, che porta profitti ad altri e che introduce un elemento di incontrollabilità al progetto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non si capisce perchè....
      Stessa cosa che pensavo anche io.Tristezza immane.Comunque nell'articolo dire che solo microsoft è esposta a virus e linux & co no è irresponsabile e ignorante.Io sono sostenitore dei sistemi Unix ma mi rendo conto che la minore vulnerabilità è solo legata a questioni di market share... se voglio colpire con uno spyware/malware e fare soldi quale piattaforma scelgo? Windows (80%) o altri? Cerchiamo di valutare le cose dal punto di vista tecnico e non ideologico, please.
  • Anonimo scrive:
    ignoranti
    ignoranti e troll sono quelli che pensano che il tcpa non portera seri problemic'era chi diceva 'si e poi alla conquistra del mondo'non capiscono che il tcpa portera anche problemi in borsa, economici eccsi accentuera il divario tra ricchi e meno ricchi, tra chi è dentro e chi è fuorile piccole software house collasseranno altre non nasceranno, rimarranno solo microsoft e poche altreogni programma sara loro, non ci sara piu openoffice, firefox, linux eccricordo che il tcpa non si applichera solo ai computer ma a telefoni, lavatrici, videoregistratori, lettori dvd, divx, macchine, moto, stereo, macchine per diagnosi mediche ecc ecc eccma noi chiudiamo gli occhi come fece l'europa con hitler...il grande fratello sta arrivando, noi abbiamo il dovere di contrastarlo
    • Anonimo scrive:
      Re: ignoranti

      il grande fratello sta arrivando, noi abbiamo il
      dovere di contrastarlo.......perchè?
      • Anonimo scrive:
        Re: ignoranti
        - Scritto da: Anonimo

        il grande fratello sta arrivando, noi abbiamo il

        dovere di contrastarlo
        .......perchè?perchè quando avrà il potere assoluto non saremo liberi di fare nulla senza l'approvazione di qualcuno dall'alto?
        • Anonimo scrive:
          Re: ignoranti
          - Scritto da: Anonimo
          perchè quando avrà il potere assoluto non saremo
          liberi di fare nulla senza l'approvazione di
          qualcuno dall'alto?Non esagerare: saremo liberi di star zitti e pagare le tasse senza chiedere l'approvazione di nessuno.
      • Anonimo scrive:
        Re: ignoranti
        - Scritto da: Anonimo


        il grande fratello sta arrivando, noi abbiamo il

        dovere di contrastarlo

        .......perchè?perchè ci basta quello di mediaset!!!
  • Anonimo scrive:
    I cinesi han fatto wapi!
    e allora vorra' dire che o venderanno sistemi senza trusted... per risparmiare oppure proporranno qualche altra cosa...Certo e' delirante questa corsa a togliere liberta' agli acquirenti che pagano soldi buoni per macchine non completamente loro...Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: La SICUREZZA in Cambio della LIBERTA
    parole santeche tristezza
    • Anonimo scrive:
      Re: La SICUREZZA in Cambio della LIBERTA
      Ma diciamo le cose come stanno,se non si potranno scaricare e far girare porno aggratis,tutto il mondo di internet e dei nuovi computer è destinato a crollare!!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: La SICUREZZA in Cambio della LIBERTA
        - Scritto da: Anonimo
        Ma diciamo le cose come stanno,se non si potranno
        scaricare e far girare porno aggratis,tutto il
        mondo di internet e dei nuovi computer è
        destinato a crollare!!!!!Qualsiasi filmato nei formati che non supportano i DRM funzionerà come prima.Non funzioneranno le copie dei filmati basati sui formati che supportano DRM.Già oggi alcuni siti permettono di scaricare WMV solamente con DRM (non c'è bisogno di Vista o altro) ed è ovvio che tali siti vanno boicottati.
  • Anonimo scrive:
    sempre sulla sicurezza
    ma perche tutta questa paura che qualcuno possa vedere i tuoi dati?per i computer della polizia andrebbe bene un sistema di cifratura (ma non certo gestito dalle multinazionali)ma per i nostri computer di casa CHI CAZZO DEVE andare a curiosare, E CHE CAZZO deve mai trovare?
    • Anonimo scrive:
      Re: sempre sulla sicurezza
      - Scritto da: Anonimo
      ma perche tutta questa paura che qualcuno possa
      vedere i tuoi dati?La domanda da fare è:PERCHE' QUALCUNO DEVE VEDERE I TUOI DATI?
      ma per i nostri computer di casa CHI CAZZO DEVE
      andare a curiosare, E CHE CAZZO deve mai trovare?Gli affari miei. La mia *vita privata*. Numeri di carte dicredito, documenti e segreti aziendali, cose di questogenere.
      • Anonimo scrive:
        Re: sempre sulla sicurezza

        Numeri di carte di credito, documenti e segreti aziendalici sono molti programmi di cifratura che gestisci tu e tu solovisto che ti piace avere questi dati nel computer di casa puoi usarli senza paura, la crittografia è crittografia sia nel tcpa che con programmi di crittografiache ne pensi del fatto che pero col tcpa le multinazionali posso vedere questi tuoi, e ben altri, dati?
        • Anonimo scrive:
          Re: sempre sulla sicurezza
          - Scritto da: Anonimo
          che ne pensi del fatto che pero col tcpa le
          multinazionali posso vedere questi tuoi, e ben
          altri, dati?Ovviamente la possibilità che le multinazionalipossano vedere dati riservati non mi piace per nulla.Crittografia sì, ma senza TPM e sempre sotto ilcontrollo dell'acquirente del computer.
          • Anonimo scrive:
            Re: sempre sulla sicurezza
            Secondo me in Cina per esempio questi pc non hanno mercato .... ti pare che un cinese si va a comprare un pc con il controllo che gira da quelle parti?Già se naviga normalmente vede cose diverse dagli altri ... google yahoo ecc. aiutano il governo a prendere i dissidenti cioe persone che hanno opionioni diverse dai "rappresentati" non votati del governo.Lo sai che vi dicoBasta che qualcuno mi metta una lista di hardware che ha queste tecnologie e la sua solo presenza sara determinante per l'acquisto STOP.Non e che questa storia sui filtri di ip censura su intenet ecc.. possa essere "propedeutica" alla censura di un eventuale sito che dia l'elenco dell'hardware con queste tecnologie di controllo non utili all'utente?
          • Anonimo scrive:
            Re: sempre sulla sicurezza
            - Scritto da: Anonimo
            una lista di hardware che ha queste tecnologiequalcuno l'ha gia fatta?
          • Anonimo scrive:
            Re: sempre sulla sicurezza
            http://www.no1984.org/Hardware_TC-compliantragazzi diffondiamo queste informazioni a chiunque!dobbiamo dare una risopsta all ivello commerciale, cioè non comprando nulla che supporti tcpa
          • Anonimo scrive:
            Re: sempre sulla sicurezza
            - Scritto da: Anonimo
            http://www.no1984.org/Hardware_TC-compliantgrande! thanx!
            dobbiamo dare una risopsta all ivello
            commerciale, cioè non comprando nulla che
            supporti tcpaquella è l'idea!
  • Anonimo scrive:
    Re: La SICUREZZA in Cambio della LIBERTA
    - Scritto da: Crazy
    NO Gente, dobbiamo rifiutare questo Sistema,
    questo sistema ci dara` si piu` sicurezza, ma ci
    togliera` tanta liberta`Non sono d'accordo: NON c'e' alcuna garanzia che "questo sistema ci dara' piu' sicurezza" !Questo sistema dara' + sicurezza alle multinazionali, NON agli utenti. L'unica difesa per gli utenti e' l'informazione che ognuno deve acquisire per gestire il proprio computer: demandare in out-sourcing la gestione della sicurezza del proprio PC deve restare un opzione del legittimo proprietario e NON un obbligo x tutti.Non facciamoci prendere in giro. Le multinazionali non hanno fatto e non faranno MAI qualcosa nell'interesse dei loro clienti. L'interesse primario e assoluto e' il loro interesse.Per saperne di piu' sul comportamento delle Multinazionali nell'ultimo secolo, consiglio la visione del film "The Corporation".
  • Anonimo scrive:
    Re: La SICUREZZA in Cambio della LIBERTA
    - Scritto da: Crazy
    l'Utente viene privato della liberta` di
    utilizzare liberamente la sua Macchina.Già. Pare così anche a me.Qualcuno può confermare che il TPM puòessere *completamente* disabilitato? Ciònel 2002 non era possibile stando a questodocumento:http://www.cs.umd.edu/~waa/TCPA/TCPA-goodnbad.html Inoltre, vorrei sapere che ruolo ha il BIOSnel sistema del Trusted Computing? (Echi ha i privilegi giusti per aggiornare ilBIOS in un sistema del genere?)E infine, lo *acquirente del computer* è- al di là di ogni dubbio - la stessa personachiamata *system owner* dalla F.A.Q. sulTrusted Computing? Perché non viene maidetto che le due cose coincidono. Solo chel'owner (chiunque esso sia) ha il controllo totale...https://www.trustedcomputinggroup.org/faq/Grazie in anticipo per ogni rispostaC O S T R U T T I V A.P.S. Niente attacchi personali del tipo"paranoico" o "ignorante", grazie.
    • Anonimo scrive:
      Re: La SICUREZZA in Cambio della LIBERTA
      - Scritto da: Anonimo
      Qualcuno può confermare che il TPM può
      essere *completamente* disabilitato? Ciò
      nel 2002 non era possibile stando a questo
      documento:Il TPM è completamente disabilitabile secondo le specifiche del consorzio. Solo che, se lo disabiliti, ti chiudi fuori dal mondo con le tue mani: niente più accesso a documenti cifrati col TPM da altri utenti, niente più accesso a documenti multimediali protetti con sistemi DRM che fanno uso del TPM e via dicendo.Questo comunque vale solo per i sistemi che si attengono alle specifiche del consorzio. Sia ARM che VIA, per esempio, stanno producendo sistemi simil-trusted che non si attengono a queste specifiche.
      Inoltre, vorrei sapere che ruolo ha il BIOS
      nel sistema del Trusted Computing? (E
      chi ha i privilegi giusti per aggiornare il
      BIOS in un sistema del genere?)BIOS e TPM devono agire di comune accordo al momento del bootstrap per garantire che il PC utilizzi solo software "affidabile" (ma "affidabile" per chi?).Il BIOS deve anche contenere gli strumenti software necessari per attivare, disattivare e gestire il TPM.
      E infine, lo *acquirente del computer* è
      - al di là di ogni dubbio - la stessa persona
      chiamata *system owner* dalla F.A.Q. sul
      Trusted Computing? Perché non viene mai
      detto che le due cose coincidono. Solo che
      l'owner (chiunque esso sia) ha il controllo
      totale...
      https://www.trustedcomputinggroup.org/faq/No. "System Owner" è la persona che dispone delle chiavi "master" del sistema, cioè la persona che ha eseguito la procedura di "take ownership". Questa persona può generare altre chiavi, per vari usi, e configurare il sistema. Questo vuol dire che può anche generare e gestire altri account. L'Utente è il proprietario di uno di questi account. C'è lo stesso rapporto che c'è abitualmente tra sysadmin e user.In molti documenti sul TC, lo "utente" è "colui che sta usando le funzionalità del TPM in questo momento". Di conseguenza, l'utente può benissimo essere un perfetto estraneo, come un fornitore di software o di servizi che sta usando il TPM della macchina per proteggere il suo software ed i suoi file dalle azioni "illegali" del legittimo proprietario/utente del PC.
      • Anonimo scrive:
        Re: La SICUREZZA in Cambio della LIBERTA
        Grazie per le tue esaurienti (ed educate) risposte. :-)- Scritto da: Anonimo
        "System Owner" è la persona che dispone delle
        chiavi "master" del sistema, cioè la persona che
        ha eseguito la procedura di "take ownership".Scusate l'ignoranza ma... Chi esegue/può eseguireper primo questa procedura di "take ownership"divenendo così l'onnipotente "System Owner"?Il produttore dell'hardware, l'acquirente o...?Ed esiste solo una chiave "master" per ogni computer?Mi ritornano in mente due termini:1. Clipper Chiphttp://www.webopedia.com/TERM/K/Clipper_chip.html2. Key Escrowhttp://www.webopedia.com/TERM/K/key_escrow.html
        • Anonimo scrive:
          Re: La SICUREZZA in Cambio della LIBERTA
          - Scritto da: Anonimo
          Il produttore dell'hardware, l'acquirente o...?Uff non posso editare il post :| volevo cancellare questo
    • Crazy scrive:
      Re: La SICUREZZA in Cambio della LIBERTA

      c==================================Modificato dall'autore il 17/03/2006 13.34.11
    • Crazy scrive:
      DISABILITARE il famoso Chip Fritz
      CIAO


      Qualcuno può confermare che il TPM può
      essere *completamente* disabilitato? Ciò
      nel 2002 non era possibile stando a questo
      documento:
      http://www.cs.umd.edu/~waa/TCPA/TCPA-goodnbad.html
      Se il TPM si puo` disabilitare, tutto il concetto il Trusted Computing andrebbe a quel paese, ma, a quanto pare, questa concessione viene fatta, ma cosa succede se lo disabiliti?Semplice: Windows si rifiutera` di partire e lo stesso vale per Mac, Linux andra` solo nelle versioni non TC.Insomma, l'utente inesperto (l'80% del Mondo) si vede in un vicolo cieco, e lo riabilita`, perche` senza Windows, va in crisi.
      Inoltre, vorrei sapere che ruolo ha il BIOS
      nel sistema del Trusted Computing? (E
      chi ha i privilegi giusti per aggiornare il
      BIOS in un sistema del genere?)
      Il BIOS e` l'addetto al controllo Hardware: grazie al TPM il BIOS fa arrivare ad ogni componente del Computer, Schede Video, Lettori DVD, Schede Audio, HardDisk etc etc, dati cifrati secondo i codici del TC abbinati a chiavi generate dal TPM che si trova sulla Scheda Madre.Le altre componenti, potranno solo interpretare questi dati inviati in forma cifrata solo se hanno la chiave di decrittazione, altrimenti, non capirebbero le informazioni inviate e si troverebbero automaticamente isolati.Se tu monti, su un Computer TC un componente NON TC, tale componente non riuscira` a funzionare perche` tutte le componenti si "parlano" in codice e la nuova scheda non riesce a capire cosa gli stiano dicendo.
      E infine, lo *acquirente del computer* è
      - al di là di ogni dubbio - la stessa persona
      chiamata *system owner* dalla F.A.Q. sul
      Trusted Computing? Perché non viene mai
      detto che le due cose coincidono. Solo che
      l'owner (chiunque esso sia) ha il controllo
      totale...
      https://www.trustedcomputinggroup.org/faq /
      Perche` non e` cosi`, tu vieni chiamato padrone del Computer, ma in realta` non lo sei.Loro ti dicono che sei libero di disabilitare il TPM, ma non ti dicono che se lo disabiliti, tutto il Software scritto per TC si rifiutera` di funzionare.Non solo, se hai il TC attivo, il Sistema Operativo TC rifiutera` di effettura installazioni di Programmi che non siano certificati dal TC... insomma, ti dicono che sei padrone, poi in realta`, sono loro del TCG che decidono che cosa puoi e non puoi fare con il TUO Computer, anzi, Tuo a questo punto non lo e` piu`, e non e` nemmeno personal visto che il TPM provvede a fornire informazioni riguardanti il tuo Sistema ogni volta che ti colleghi ad Internet.Insomma, nel TC, c'e` un Pro e migliaia di Contro.
      Grazie in anticipo per ogni risposta
      C O S T R U T T I V A.
      Figurati, fa sempre piacere vedere che c'e` gente disposta a dare una mano in questa difficilissima Battaglia.DISTINTI SALUTI
      P.S. Niente attacchi personali del tipo
      "paranoico" o "ignorante", grazie.R.P.S.: a quelli bisogna abituarsici, non c'e` nulla da fare, io preferisco lasciarli stare e non dar loro risposta, preferisco dedicare il mio tempo a Post piu` costruttivi ed utili alla Comunita`
      • Anonimo scrive:
        Re: DISABILITARE il famoso Chip Fritz
        - Scritto da: THe_ZiPMaN

        cosa succede se lo disabiliti?
        Semplicemente che non ne puoi usare le
        funzionalità.insomma ci sarà un baratro tra pc trusted e nonperché per leggere i dati criptati serve un pc trusted
  • Anonimo scrive:
    Re: La SICUREZZA in Cambio della LIBERTA
    Crazy mi linki per favore un tuo intervento fatto in modo che possa stamparlo dove spieghi tutto del tcpa vorrei appenderlo per il corso del mio paese.
    • Crazy scrive:
      Link ad Altri Articoli
      - Scritto da: Anonimo
      Crazy mi linki per favore un tuo intervento fatto
      in modo che possa stamparlo dove spieghi tutto
      del tcpa vorrei appenderlo per il corso del mio
      paese.CIAOLink ad altri miai Articoli li puoi trovare anche nel mio profilo, comunque, eccoteli qui:Questo e` un Post lunghissimo dove ho cercati di spiegare e fare esempi su cio che succedera`, e` stato scritto ancora nel 2003 e poi e` stato rimodificato agli inizi del 2005, quindi, prendilo un po' con le pinze:" http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1101790&tid=1101790&p=1&r=PI " Questo invece lo ho scritto in maniera che fosse capibile anche dagli Utenti che di Infromatica proprio non ne capiscono cercando di sensibilizzarli al problema:" http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1264981&tid=1264981&p=1&r=PI " Poi ti do questo Link, in cui troverai 4 Link con un Fumetto disegnato, o meglio fotografato, prendendo come esempio uno dei miei tanti esempi, ringrazio ancora lo Smoking Gnu:" http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1273086&tid=1273086&p=1&r=PI "Poi, insomma, se vuoi altre pubblicazioni, scorriti i Post che ho scritto nel mio "Forum Post": " http://punto-informatico.it/community/postforum.asp?s=&nick=Crazy&p=1 "E se vuoi, ti mando la versioni stampabili, ma mi devi dare un indirizzo Email, quindi, dovresti iscriverti a PI e mandarmi un Messaggio Privato con il tuo Indirizzo, e ti mandero` cio` che vuoiDISTINTI SALUTI
  • Anonimo scrive:
    5 --
  • Anonimo scrive:
    L'insicurezza del TCPA
    Di per sè, per TCPA intendo Chip Crucco + LaGrande/Presidio.Citè: Tutto questo può essere ottenuto, da anni, senza dover sottostare alla vessatoria logica di funzionamento del Trusted Computing che prevede, lo ricordiamo, che il dispositivo dell'utente (e quindi l'utente) sia identificabile in maniera univoca in rete (nessuna possibilità di anonimato) e che questo dispositivo possa essere esaminato e "valutato" dal fornitore remoto di beni e di servizi (nessuna possibilità di "privacy" e nessuna possibilità di "mentire").-I tali, via Remote Attestation, possono controllare, nel computer, la presenza di un certo tipo di software. Cosa impedisce, a loro, d'individuare, nel mio computer, anche materiale illegale? Ecco che quella che poteva sembrare una panzana passata della MPAA/RIAA (riguardo il famoso programma che doveva passare per tutti i computers e rimuovere i files illegali), risulta essere, in realtà, il futuro.Citè: Nel giugno del 2004, il CERT (Computer Emergency Readiness Team) del DHS (Departement of Homeland Security) USA è arrivato persino a sconsigliare ufficialmente l'uso di MS Internet Explorer per la navigazione sul web a causa dei suoi molti, pericolosi ed irrisolti bug. L'avviso originale è reperibile qui. Un articolo esplicativo è disponibile qui.- In OS Windows Like (cioè Reactos), nel forum italiano, ci son alcuni personaggi che stan discutendo riguardo l'implementazione di alcuni sistemi di sicurezza a basso consumo di RAM, sebbene, vi sia un pirla che, pur non conoscendo un tubo (detto da lui, tra l'altro), si mette a impiantar le ruote a quell'altro. Cosa bella è che, ultimamente, pare che il "pigro" di turno, abbia anche affermato che Paolo Attivissimo sia un incapace, riguardo l'ambito informatico. Cioè.. questa sì che è grossa. Basta leggere 2 righe dei commenti che lui ha scritto nel forum, per capirne che ne sà molto di meno di tutti. Mi chiedo perchè il tizio delle proposte continui a dargli corda. Mah...Citè: Con questi precedenti, è veramente difficile pensare che Microsoft sia in grado di garantire una maggiore sicurezza ai suoi utenti solo perchè adotta una nuova tecnologia. I mezzi per ottenere questo risultato non le sono mai mancati. Se questo risultato non è stato ottenuto, come invece è invece stato ottenuto da Linux e da FreeBSDS, non è stato certo a causa della mancanza del Trusted Computing.-Solitamente, c'è un motivo di fondo, del percui certa gentaglia non voglia dei sistemi di sicurezza:1) Crede che basti un programma per proteggere tutto (vedi es. quelli che pensano che il TPM sia la scialuppa contro gli hacker cattivi)2) Solo per aver letto 2 righe su alcuni giornalacci, che trattano d'informatica, pensano di poter sostenere grosse discussioni, anche affossando ottime idee, solo per pura pigrizia, diffondendola al fine di accaparrarsi gli indecisi di turno, con ottimi sistemi di social engineering (es. tirando fuori finti problemi, atteggiandosi come reale conoscitore della sicurezza, quando non sà una beneamata cippa ecc...)
  • matro scrive:
    stavo leggendo con interesse, peccato
    l'articolo era piuttosto interessante, poi ho raggiunto il paragrafo che attribuisce solo a Microsoft i fenomeni di virus e bug ed ho subito abbandonato.peccato.
    • alex.tg scrive:
      Re: stavo leggendo con interesse, peccat
      L'articolo estremizza troppo la responsabilita` di Microsoft nell'agevolazione della diffusione di virus e malware in genere. Cosi` come non e` vero che altri software siano sicuri al 100%.Ma non e` cosi` lontano dalla verita`, e i motivi sono davvero tanti, anche al di la` della presenza dell'interprete di scripting, anche se, tutto sommato, il principio e` quasi sempre lo stesso: molti altri espedienti di "automazione" per venire incontro all'utente sono al centro degli exploit sfruttati dai programmi maliziosi.Per esempio, ideare un client di posta elettronica che automaticamente e per default, alla sua apertura: 1) controlla la presenza di posta in arrivo; 2) scarica i messaggi dal server; 3) esegue l'anteprima automatica del primo messaggio in cima alla lista; 4) esegue il rendering del messaggio usando l'interprete HTML; 5) lascia la possibilita` di eseguire allegati dall'interno del messaggio stesso facendo riferimento ad essi tramite tag HTML; 6) lascia che l'allegato infetto agisca potenzialmente su tutto il sistema senza neanche richiedere privilege escalation.Questi 6 passi in coincidenza perfetta significano che controllare la posta poteva significare prendere un virus e farsi molto male. Il semplice click sull'icona del programma di posta poteva rivelarsi fatale.Nessun sistema e/o applicazione e` immune da problemi di sicurezza, ma organizzare una serie di coincidenze come quella (che non e` neanche l'unica) significa ignorare completamente il fronte della sicurezza ed equivale, in fondo, a stendere un tappeto rosso per le intrusioni. Non so quanto possa contare il fatto che con queste filosofie del "tutto automatico" il sistema possa essere piu` semplice da usare, e magari anche piu` potente per via della migliore integrazione delle parti, se poi, integro, non sopravvive all'arrivo di un solo messaggio di posta elettronica "ben confezionato".
      • Alessandrox scrive:
        Re: stavo leggendo con interesse, peccat
        - Scritto da: alex.tg
        Questi 6 passi in coincidenza perfetta
        significano che controllare la posta poteva
        significare prendere un virus e farsi molto male.
        Il semplice click sull'icona del programma di
        posta poteva rivelarsi fatale.
        Nessun sistema e/o applicazione e` immune da
        problemi di sicurezza, ma organizzare una serie
        di coincidenze come quella (che non e` neanche
        l'unica) significa ignorare completamente il
        fronte della sicurezza ed equivale, in fondo, a
        stendere un tappeto rosso per le intrusioni. Non
        so quanto possa contare il fatto che con queste
        filosofie del "tutto automatico" il sistema possa
        essere piu` semplice da usare, e magari anche
        piu` potente per via della migliore integrazione
        delle parti, se poi, integro, non sopravvive
        all'arrivo di un solo messaggio di posta
        elettronica "ben confezionato".Il fatto e' che se non estremizza il concetto di semplificazione e automazione col cavolo che riesci a diffondere un S.O. cosi' come MS ha voluto.....Questo e' il diretto risultato della politica MS ma ormai la gente e' talmente abituata ed assuefatta che se vede un S.O. diverso con icone un po' differenti e disposte diversamente si mette le mani nei capelli, se c'e' qualcosina che non sembra a posto, anche se basta un minimo cambiamento nella configurazione o in certe impostazioni subito esclama: ma non si puo' mettere windows????Coem se Windows fosse la soluzione a tutti i problemi.==================================Modificato dall'autore il 18/03/2006 15.36.17
        • alex.tg scrive:
          Re: stavo leggendo con interesse, peccat
          Purtroppo lo so.Se vado a installare un mio programma su un qualche computer gestito da una classica terminalista metodica, la prima cosa che fa` e` assicurarsi, con tono minaccioso, che non gli sposti nessuna icona.Hai voglia di aneddoti... :) "ma ci devi proprio mettere una icona nuova?""eh, da qualche parte qualcosa dovro` pur metterlo""tutte le volte devo dirgli che invece di stampare tutte le pagine, voglio solo questa, ma non protrebbe capirlo da solo dopo un po'?""eh, purtroppo i computer telepatici non li hanno ancora inventati"
    • Anonimo scrive:
      Re: stavo leggendo con interesse, peccat
      - Scritto da: matro
      l'articolo era piuttosto interessante, poi ho
      raggiunto il paragrafo che attribuisce solo a
      Microsoft i fenomeni di virus e bug ed ho subito
      abbandonato.

      peccato.Microsoft si commenta da sola:http://www.securityfocus.com/archive/1/344254Bug e virus li avranno certamente anche gli altri, ma di sicuro non nella stessa misura di Microsoft! Soprattutto, gli altri non danno ai virus qualcosa da mangiare ed un posto sicuro dove nascondersi!
      • Anonimo scrive:
        Re: stavo leggendo con interesse, peccat
        - Scritto da: Anonimo
        Bug e virus li avranno certamente anche gli
        altri, ma di sicuro non nella stessa misura di
        Microsoft!Miglior Riassunto Dell'Anno 2006 :D
  • THe_ZiPMaN scrive:
    Superficiale.
    Articolo assolutamente superficiale e spesso anche inesatto.Solo per fare un esempio Linux, FreeBSD, MacOSX, OOo, FF, ecc. non sono assolutamente immuni da problemi di virus, semplicemente ne hanno avuti meno e probabilmente la loro qualità è superiore ed i loro utenti sono maggiormente intelligenti. Ma da qui a parlare di immunità ne passa.Anche se non ci fosse il tanto odiato Fritz, le stesse cose (come detto) si potrebbero ottenere anche con altri sistemi. Quindi che me frega se alla fine posso essere limitato/controllato ugualmente attraverso una SC?Troppe paranoie. Pensiamo a sfruttare le possibilità del TPM (come l'accelerazione crittografica) e piuttosto concentriamo i nostri sforzi sul boicottaggio dei prodotti che vorrebbero fare un uso illiberale di una tecnologià di per sè neutra (p.es. Vista).
    • Anonimo scrive:
      Re: Superficiale.
      - Scritto da: THe_ZiPMaN
      Troppe paranoie.Perché?
    • avvelenato scrive:
      Re: Superficiale.
      - Scritto da: THe_ZiPMaN
      Articolo assolutamente superficiale e spesso
      anche inesatto.
      Solo per fare un esempio Linux, FreeBSD, MacOSX,
      OOo, FF, ecc. non sono assolutamente immuni da
      problemi di virus, semplicemente ne hanno avuti
      meno e probabilmente la loro qualità è superiore
      ed i loro utenti sono maggiormente intelligenti.
      Ma da qui a parlare di immunità ne passa.

      Anche se non ci fosse il tanto odiato Fritz, le
      stesse cose (come detto) si potrebbero ottenere
      anche con altri sistemi. Quindi che me frega se
      alla fine posso essere limitato/controllato
      ugualmente attraverso una SC?

      Troppe paranoie. Pensiamo a sfruttare le
      possibilità del TPM (come l'accelerazione
      crittografica) e piuttosto concentriamo i nostri
      sforzi sul boicottaggio dei prodotti che
      vorrebbero fare un uso illiberale di una
      tecnologià di per sè neutra (p.es. Vista).quoto. Il tc sarà disabilitabile, anzi, si disabiliterà più spesso di quanto non si possa desiderare. E' inutile farsi prendere da paranoie. E' invece utile che persone intelligenti e liberali studino le specifiche del chip e inizino a macinarci su codice per vedere come rulla.In questi forum invece solitamente è pieno di fanfaroni che non sanno neanche cos'è un ciclo for, ma che parlano di boicottaggio con la retorica mussoliniana dei tempi in cui si proclamava l'autarchia.
      • Anonimo scrive:
        Re: Superficiale.
        - Scritto da: avvelenato
        Il tc sarà disabilitabilelink?
        E' inutile farsi prendere da paranoie.meno male che ci sei tu a rassicurarci, adesso sono tranquillo
        E' invece utile che persone
        intelligenti e liberali studino le specifiche del
        chip e inizino a macinarci su codice per vedere
        come rulla.bravo inizia a darti da fare, io non ho voglia di farlo ma non voglio neanche avere a che fare col TPM, il mio pc attuale funziona benissimo senza bisogno di smanettarci sopra
        In questi forum invece solitamente è pieno di
        fanfaroni che non sanno neanche cos'è un ciclo
        for, ma che parlano di boicottaggio con la
        retorica mussoliniana dei tempi in cui si
        proclamava l'autarchia.ricchezza di argomenti stasera
        • avvelenato scrive:
          Re: Superficiale.
          - Scritto da: Anonimo








          - Scritto da: avvelenato

          Il tc sarà disabilitabile

          link?
          le specifiche. cercatele prima di fare figure così meschine.
          • Anonimo scrive:
            Re: Superficiale.

            link?https://www.trustedcomputinggroup.org/about/faq/Chi sa se il TC, allo stato attuale, è disabilitabile dal *PROPRIETARIO DEL COMPUTER* (che anche differire dalla figura del *SYSTEM OWNER* menzionata nel link di cui sopra)?http://www.cs.umd.edu/~waa/TCPA/TCPA-goodnbad.html
      • Anonimo scrive:
        ri-superficiale

        quoto. Il tc sarà disabilitabile, anzi, si
        disabiliterà più spesso di quanto non si possa
        desiderare. OMETTI che la sua disattivazione porta conseguenze pesanti sull'hardware correlato che può funzionare limitatamente o non funzionare affatto. E' GRAVE. Disattivi fritz? Scordati la riproduzione digitale del tuo cd ad esempio
        E' inutile farsi prendere da paranoie. Come detto sopra stai omettendo particolari ESTREMAMENTE RILEVANTI. Facile pensare ad un mondo blindato dove la disattivazione di Fritz provoca l'isolamento totale dalla rete (ecommerce, banking online, ecc) o il funzionamento parziale del proprio PC che diventa un soprammobile.Microsoft Xbox, pc formato palladium release alpha per gli sviluppatori (poveracci i suoi acquirenti), gira solo ciò che vuole microsoft, microsoft aggiorna e maneggia a distanza come meglio crede. Peggio di quello non esiste come incubo teorico e ad un passo dal praticoE' invece utile che persone
        intelligenti e liberali studino le specifiche del
        chip e inizino a macinarci su codice per vedere
        come rulla.Infatti, se hai letto le specifiche, sembra strano che ti siano sfuggiti i particolari della disabilitazione di fritz. Ha buone potenzialità, ma è al servizio dei potenti, altro non fa che creare danni immensi.
        In questi forum invece solitamente è pieno di
        fanfaroni che non sanno neanche cos'è un ciclo
        for, ma che parlano di boicottaggio con la
        retorica mussoliniana dei tempi in cui si
        proclamava l'autarchia.Dall'alto di cotanta conoscenza, rinnovo la mia domanda, perchè hai OMESSO le conseguenze di una disattivazione di fritz?Come mai, ometti lo scenario molto probabile in cui una volta creata una maggioranza di pc blindati il controllo può passare in QUALSIASI MOMENTO a gente cui non affiderei neppure il mio cane?Una volta che fritz è presente, poi NESSUNO potrà più controllare la sua evoluzione. Paranoia? La paranoia è una cosa gli scenari probabili altre cose. Se Microsoft (progenitrice di palladium e ho detto tutto) finisce ogni giorno in tribunale NON E' PARANOIA, ma realtà.
        • Anonimo scrive:
          Re: ri-superficiale
          - Scritto da: Anonimo
          Paranoia? La paranoia è una cosa gli scenari
          probabili altre cose. Se Microsoft (progenitrice
          di palladium e ho detto tutto) finisce ogni
          giorno in tribunale NON E' PARANOIA, ma realtà.Storicamente la "paranoia", in passato, è stata a volteinvocata da persone a corto di argomenti o con secondifini. Se l'agnello non si fida del lupo ALLORA l'agnelloviene tacciato di essere paranoico (e le domandelegittime sull'oggetto della discussione continuanoad restare senza una VERA risposta).La falsa premessa è che se uno non si fida, allora èo deve essere paranoico. O bianco o nero.L' "interlocutore" non ammette l'esistenza di nessuna sfumatura di grigio.No, davvero, i sostenitori del TPM e di altre tecnologiepotenzialmente lesive della libertà e/o della privacydovrebbero trovare altri argomenti.
          • Anonimo scrive:
            Re: ri-superficiale
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            Paranoia? La paranoia è una cosa gli scenari

            probabili altre cose. Se Microsoft (progenitrice

            di palladium e ho detto tutto) finisce ogni

            giorno in tribunale NON E' PARANOIA, ma realtà.

            Storicamente la "paranoia", in passato, è stata a
            volte
            invocata da persone a corto di argomenti o con
            secondi
            fini. Se l'agnello non si fida del lupo ALLORA
            l'agnello
            viene tacciato di essere paranoico (e le domande
            legittime sull'oggetto della discussione
            continuano
            ad restare senza una VERA risposta).

            La falsa premessa è che se uno non si fida,
            allora è
            o deve essere paranoico. O bianco o nero.
            L' "interlocutore" non ammette l'esistenza di
            nessuna sfumatura di grigio.

            No, davvero, i sostenitori del TPM e di altre
            tecnologie
            potenzialmente lesive della libertà e/o della
            privacy
            dovrebbero trovare altri argomenti.Beh io qualche bella risposta al mio quesito ri-paranoico la aspetto ancora. Sono curioso di sapere perchè i paranoici sono tali, mentre chi non lo è ed invoca la CONOSCENZA del progetto omette volutamente (o meno) i particolari.L'informazione è tale quando è completa, diversamente io la chiamo disinformazione a scopo personale
          • Anonimo scrive:
            Re: ri-superficiale
            - Scritto da: Anonimo
            Beh io qualche bella risposta al mio quesito
            ri-paranoico la aspetto ancora. Infatti, non volevo criticarti ma solo evidenziarecome "Non Fidarsi" e "Paranoia" non sianosinonimi. Chissà se al quesito riceverai risposta.
        • avvelenato scrive:
          Re: ri-superficiale
          - Scritto da: Anonimo

          quoto. Il tc sarà disabilitabile, anzi, si

          disabiliterà più spesso di quanto non si possa

          desiderare.

          OMETTI che la sua disattivazione porta
          conseguenze pesanti sull'hardware correlato che
          può funzionare limitatamente o non funzionare
          affatto. E' GRAVE. Disattivi fritz? Scordati la
          riproduzione digitale del tuo cd ad esempio


          Un computer con fritz disabilitato avrà come conseguenza la disabilitazione di fritz, l'inacessibilità ai contenuti protetti o firmati con la chiave del tuo fritz, eccetera.Insomma, funzionerà esattamente come un pc senza fritz. Come quello che non stai usando.basta, mi sono rotto le palle di scrivere a chi non si prende la briga di leggersi una paginetta di scecifiche solo perché è in inglese.http://libri.search.ebay.it/inglese_Manuali-Corsi-Libri-di-testo_W0QQfsooZ2QQfsopZ2QQsacatZ1105torna quando sarai in grado.
        • THe_ZiPMaN scrive:
          Re: ri-superficiale

          OMETTI che la sua disattivazione porta
          conseguenze pesanti sull'hardware correlato che
          può funzionare limitatamente o non funzionare
          affatto.Documento che dice questa fesseria?
          • Anonimo scrive:
            Re: ri-superficiale
            - Scritto da: THe_ZiPMaN

            OMETTI che la sua disattivazione porta

            conseguenze pesanti sull'hardware correlato che

            può funzionare limitatamente o non funzionare

            affatto.

            Documento che dice questa fesseria?
            Ancora??? Ma perchè non andate A LEGGERVI le tonnellate di documentazioni e studi che ci sono sparsi per la rete, dai siti ufficiali a quelli non ufficiali sul tcpa? Gli unici a dire fesserie siete voi altri
          • THe_ZiPMaN scrive:
            Re: ri-superficiale
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: THe_ZiPMaN


            OMETTI che la sua disattivazione porta


            conseguenze pesanti sull'hardware correlato che


            può funzionare limitatamente o non funzionare


            affatto.



            Documento che dice questa fesseria?




            Ancora??? Ma perchè non andate A LEGGERVI le
            tonnellate di documentazioni e studi che ci sono
            sparsi per la rete, dai siti ufficiali a quelli
            non ufficiali sul tcpa?

            Gli unici a dire fesserie siete voi altriSe disattivi il TPM semplicemente il tuo PC non è più "trusted". Tutto funziona esattamente come prima, ma se un programma richiede che il PC sia trusted questo ovviamente non funzionerà. L'hw sarà sempre OK.
      • Alessandrox scrive:
        Re: Superficiale.
        - Scritto da: avvelenato
        quoto. Il tc sarà disabilitabile, anzi, si
        disabiliterà più spesso di quanto non si possa
        desiderare. E' inutile farsi prendere da
        paranoie. E' invece utile che persone
        intelligenti e liberali studino le specifiche del
        chip e inizino a macinarci su codice per vedere
        come rulla.speriamo che anche tutte le prossime evoluzioni delle specifiche saranno sempre aperte... e tu sai che di questo non vi e' certezza.Il fatto e' che questo sarebbe l' aspetto meno rilevante della questione: insieme a tante funzionalita' utili ce ne sono altre inutili per l' utente (il fatto che il chip debba risiedere per forza in modo permanente nella systemboard) e *potenzialmente* dannose come il "remote attestation"; : tante "piccole cose" che messe insieme rivelano come invece siano tutte estremamente utili per dei soggetti *esterni*, terzi che ne volessero fare un uso ai danni o comunque all' insaputa degli utenti.Il fatto che il tutto sia disabilitabile OGGI non vuol dire che in un prossimo futuro non possa diventare permanente se non addirittuta obbligatorio. Intanto c'e', intanto la gente viene abituata alla sua presenza.... il resto potra' venire con il tempo.Ricorda il miglior modo per avvelenare una persona senza insospettirla e' somministrargli il veleno a piccole dosi..... fino a raggiungere quella fatale.NON ha senso puntare a cio' che OGGI il TC puo' fare o non fare per giustificarne la sua sostanziale innocuita': sono i principi stessi del *controllo nascosto a distanza* e di uno sbilanciamento dei poteri dall' esterno verso l' interno (quindi praticamente vanificando qualsiasi principio di privacy) che NON devono passare MAI, nemmeno in forma disabilitabile, perche' una volta che e' passato non si leva PIU', ce lo teniamo per sempre e senza essere mai sicuri che qualcuno non se ne approfittera' mai. Ma tu sai che l' occasione fa l' uomo LADRO. E' il quadro d' insieme che rende preoccupante il TC; mettendo insieme i vari tasselli: TC, DRM, Filtri internet, a vari livelli, QoS spregiudicato ecc. ecc., se tutte queste cose dovessero (e sembrano proprio predisposte per esserlo) integrarsi si materializerebbe d' un colpo uno dei piu' brutti incubi della storia dell' umanita'. Come fai ad avere fiducia nei soggetti che propagandano questi sistemi? Chi ti da tanta certezza anche dopo il clamoroso caso del DRM Sony (che anche i piu' duri di comprendonio hanno compreso nelle sue potenzialita')?
        In questi forum invece solitamente è pieno di
        fanfaroni che non sanno neanche cos'è un ciclo
        for, ma che parlano di boicottaggio con la
        retorica mussoliniana dei tempi in cui si
        proclamava l'autarchia.Cioe' scusa avanzare dubbi e' diventato roba da fascisti??????Allora io sto ancora aspettando delle serie controargomentazioni, invece vedo piu' che altro anatemi, invettive, accuse campate in aria ma andiamo con ordine:"Anche se non ci fosse il tanto odiato Fritz, le stesse cose (come detto) si potrebbero ottenere anche con altri sistemi. Quindi che me frega se alla fine posso essere limitato/controllato ugualmente attraverso una SC?"Cioe' come? Se si tratta di sistemi alternativi SW e' CHIARO che per quanto possano essere invasivi e difficili da togliere non sarebbeto totalmente ineliminabili comunque NON sarebbero permanentiin ogni caso si puo' sempre scegliere di NON metterlii o di adottare S.O. in cui non sarebbe cosi' facile che si installassero di nascosto.Se dei sistemi SW fossero altrettanto POTENTI come quelli HW allora a che servirebbero questi ultimi? E' chiaro che cosi' NON e' e se lo fosse tutta la vostra argomentazione sull' utilita' del TC cadrebbe da sola.Quindi ipotizziamo di rimanere nel campo HW, che evidentemente per qualcuno fa' la differenza;se NOn ci fosse il Chip Fritz cosa ci sarebbe???? lo vogliamo chiamare Frantz? o Schultz?Stessa ZUPPA.... un sistema TC HW che **PUO'** essere controllato dall' esterno e che **PUO'** fornire il completo controllo della macchina ad un soggetto esterno. Cos' altro c'e' da aggiungere?Che non succedera' MAI che qualcuno ne faccia un' uso improprio?==================================Modificato dall'autore il 17/03/2006 2.30.45
        • Anonimo scrive:
          Re: Superficiale.


          Cos' altro c'e' da aggiungere?
          Che non succedera' MAI che qualcuno ne faccia un'
          uso improprio?

          In poche parole, è il ritorno del famoso Blue Lantern dell'FBI, il backdoor che doveva superare tutti i sistemi di difesa, per permettere alla psico-polizia di controllare quello che stai facendo in quel momento. Fiqo.. non ci voleva altro ora...
      • Rex1997 scrive:
        Re: Superficiale.
        - Scritto da: avvelenato[CUT]
        quoto. Il tc sarà disabilitabile, anzi, si
        disabiliterà più spesso di quanto non si possa
        desiderare. E' inutile farsi prendere da
        paranoie. E' invece utile che persone
        intelligenti e liberali studino le specifiche del
        chip e inizino a macinarci su codice per vedere
        come rulla.

        In questi forum invece solitamente è pieno di
        fanfaroni che non sanno neanche cos'è un ciclo
        for, ma che parlano di boicottaggio con la
        retorica mussoliniana dei tempi in cui si
        proclamava l'autarchia.Peccato che il TC (DRM, TCPA, Palladium, etc.etc.) sarà disabilitabile in modo direttamente proporzionale alla possibilità di disconnettere il FritzChip dalla scheda cui è collegato...e questo è capibile anche da chi non sa cosa sia un ciclo for.... :( :(Resta il fatto che dare la possibilità ad un soggetto remoto, di controllare il mio è molto pericoloso...Per essere paranoici al massimo cito:"C'è almeno un motivo per cui potremmo considerarci "compensati" del fatto che il Fritz Chip è in grado di controllare il nostro comportamento molto più di quanto noi possiamo controllare il suo?"Letta attentamente sembra il preludio alla SkyNet della serie Terminator...e la cosa è molto inquetante :( Comunque a proposito del FritzChip, è vero che esistono sistemi analoghi esterni da usarsi quando necessità la massima sicurezza nel trasmettere dati tra due sistemi (siano militari o civili ha poca importanza..), però tali sistemi usati ampiamenti da servizi segreti, militari e quant'altro mi possono andare bene in quanto non limitativi della mia libertà.Una volta che tale sistema è inamovibile le conseguenze sono nebulose, e IHMO questo rende il TC, come voluto dai vari associati al consorzio, molto inquetante .==================================Modificato dall'autore il 17/03/2006 9.17.56
        • Anonimo scrive:
          Re: Superficiale.
          - Scritto da: Rex1997
          sembra il preludio alla SkyNet della serie Terminator...
          e la cosa è molto inquetante :( Pensavo ad uno scenario fantascientifico...Che accadrebbe mettendo insieme questi elementi?1. Un'Intelligenza Artificiale che può guidare i veicolihttp://blog.tassoman.com/232,stanley-vince-il-darpa-grand-challenge2. Il TPM nei veicoli3. Un computer centrale autocoscienteP.S. Il punto 1 esiste già e il punto 2 non pare improbabile
          • Rex1997 scrive:
            Re: Superficiale.
            Beh, visto che quasi sempre la fasntascenza ha sbagliato per difetto, lo scenario mette i brividi.... :s :( :'(
        • Anonimo scrive:
          Re: Superficiale.
          - Scritto da: Rex1997
          - Scritto da: avvelenato
          [CUT]

          quoto. Il tc sarà disabilitabile, anzi, si

          disabiliterà più spesso di quanto non si possa

          desiderare. E' inutile farsi prendere da

          paranoie. E' invece utile che persone

          intelligenti e liberali studino le specifiche
          del

          chip e inizino a macinarci su codice per vedere

          come rulla.



          In questi forum invece solitamente è pieno di

          fanfaroni che non sanno neanche cos'è un ciclo

          for, ma che parlano di boicottaggio con la

          retorica mussoliniana dei tempi in cui si

          proclamava l'autarchia.

          Peccato che il TC (DRM, TCPA, Palladium,
          etc.etc.) sarà disabilitabile in modo
          direttamente proporzionale alla possibilità di
          disconnettere il FritzChip dalla scheda cui è
          collegato...e questo è capibile anche da chi non
          sa cosa sia un ciclo for....
          :( :(

          Resta il fatto che dare la possibilità ad un
          soggetto remoto, di controllare il mio è
          molto pericoloso...

          Per essere paranoici al massimo cito:
          "
          C'è almeno un motivo per cui potremmo
          considerarci "compensati" del fatto che il Fritz
          Chip è in grado di controllare il nostro
          comportamento molto più di quanto noi possiamo
          controllare il suo?
          "
          Letta attentamente sembra il preludio alla SkyNet
          della serie Terminator...e la cosa è molto
          inquetante :(

          Comunque a proposito del FritzChip, è vero che
          esistono sistemi analoghi esterni da usarsi
          quando necessità la massima sicurezza nel
          trasmettere dati tra due sistemi (siano militari
          o civili ha poca importanza..), però tali sistemi
          usati ampiamenti da servizi segreti, militari e
          quant'altro mi possono andare bene in quanto non
          limitativi della mia libertà.
          Una volta che tale sistema è inamovibile le
          conseguenze sono nebulose, e IHMO questo rende il
          TC, come voluto dai vari associati al consorzio,
          molto inquetante.

          ==================================
          Modificato dall'autore il 17/03/2006 9.17.56Condivido e quoto.
      • Gatto Selvaggio scrive:
        Re: Boicottaggio

        parlano di boicottaggio con la
        retorica mussoliniana dei tempi in
        cui si proclamava l'autarchia.E poi neppure lo praticano. LOL
        • Anonimo scrive:
          Re: Boicottaggio
          - Scritto da: Gatto Selvaggio
          E poi neppure lo praticano. LOLse lo dici tu
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Boicottaggio


            E poi neppure lo praticano. LOL
            se lo dici tuLo dico e parlo con cognizione di causa. Se a boicottare sono sempre in quattro è come se il boicottaggio non esistesse.Boicottaggi, petizioni, referendum... mi pare che negli ultimi dieci anni non abbiano sortito un bel nulla.
          • Anonimo scrive:
            Re: Boicottaggio
            - Scritto da: Gatto Selvaggio
            Se a boicottare sono sempre in quattro è come se il
            boicottaggio non esistesse.bisogna organizzarsi quindi
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Boicottaggio


            Se a boicottare sono sempre in quattro è come

            se il boicottaggio non esistesse.

            bisogna organizzarsi quindiAd esempio guarda che consenso plebiscitario ha riscosso questa mia proposta:http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1374726&tid=1374726&p=1&r=PI==================================Modificato dall'autore il 17/03/2006 15.59.16
          • Anonimo scrive:
            Re: Boicottaggio
            - Scritto da: Gatto Selvaggio

            bisogna organizzarsi quindi
            Ad esempio guarda che consenso plebiscitario ha
            avuto questa mia proposta:
            http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1374moltissimi tuoi punti sono condivisibili perché basati sulbuon senso ma esiste forse qualche candidato'indipendente' interessato a realizzarli?come dire, esistono le intenzioni e poi c'è la "realtà dei fatti" (nessuno dica status quo eh eh)ma la gente può sempre votare col portafogli non comprando prodotti anche solo potenzialmenterestrittivi della libertà e della riservatezzail vero potere sta nel portafogli non nella politica, un boycott è sempre più forte di un partito
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Boicottaggio

            http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1374

            moltissimi tuoi punti sono condivisibili perché
            basati sul
            buon senso ma esiste forse qualche candidato
            'indipendente' interessato a realizzarli?Temo non esista neppure un candidato in grado di concepirli. La mia proposta vorrebbe essere appunto una provocazione (è estremamente improbabile che una coalizione firmi un contratto simile, a meno che non lo inviino centomila elettori; e poi troverebbero un cavillo giuridico per invalidarlo) per mettere al corrente i candidati dell'esistenza di certe idee.
            ma la gente può sempre votare col portafogli non
            comprando prodotti anche solo potenzialmente
            restrittivi della libertà e della riservatezza

            il vero potere sta nel portafogli non nella
            politica, un boycott è sempre più forte di un
            partitoChe sul mercato del voto corrisponde a non votare. Mi piacerebbe un modo per boicottare le coalizioni esistenti non votando. Anche qui, se lo facesse un 40% degli elettori darebbe un segnale.==================================Modificato dall'autore il 17/03/2006 19.32.10
    • Anonimo scrive:
      Re: Superficiale.
      - Scritto da: THe_ZiPMaN Pensiamo a sfruttare le
      possibilità del TPM (come l'accelerazione
      crittografica) e piuttosto concentriamo i nostri
      sforzi sul boicottaggio dei prodotti che
      vorrebbero fare un uso illiberale di una
      tecnologià di per sè neutra (p.es. Vista).Ma non è stato dichiarato che Vista girerà tranquillamente anche senza Fritz/TPM e comunque Windows Vista non lo sfrutterà per sistemi DRM?A meno che tu non sappia qualcosa che noi mortali non sappiamo stai soltanto invitando la gente a boicottare la microsoft senza prove (poi i trolloni ci vanno a nozze quindi è meglio evitare).
      • THe_ZiPMaN scrive:
        Re: Superficiale.

        Ma non è stato dichiarato che Vista girerà
        tranquillamente anche senza Fritz/TPMSì.
        e comunque
        Windows Vista non lo sfrutterà per sistemi DRM?No. Questo non è stato detto.
        stai soltanto invitando la gente a
        boicottare la microsoft senza proveWait. Microsoft ha dichiarato che Windows Vista *farà* uso dell'NGSCB, e questo non me lo sono inventato ma lo puoi trovare anche sul loro sito.Dato che nessuno salvo M$ può effettivamente sapere in cosa consiste questo uso è più che legittimo dubitare (forti anche delle esperienze passate). Comunque per par condicio lo stesso vale per MacOSX, o Itunes, o qualsiasi altro prodotto che in futuro tragga benefici dall'uso "fraudolento" del TPM.
        (poi i
        trolloni ci vanno a nozze quindi è meglio
        evitare).
    • Anonimo scrive:
      Re: Superficiale.
      - Scritto da: THe_ZiPMaN
      Articolo assolutamente superficiale e spesso
      anche inesatto.[...]
      Anche se non ci fosse il tanto odiato Fritz, le
      stesse cose (come detto) si potrebbero ottenere
      anche con altri sistemi. Quindi che me frega se
      alla fine posso essere limitato/controllato
      ugualmente attraverso una SC?semplicemente perché la SC la scollego quando voglio e quindi mi dà maggiore libertà. C'è anche scritto nell'articolo......e io concordo pienamente con questo punto
      • THe_ZiPMaN scrive:
        Re: Superficiale.

        semplicemente perché la SC la scollego quando
        voglio e quindi mi dà maggiore libertà. C'è anche
        scritto nell'articolo...E allora anche il TPM lo puoi disabilitare quando vuoi.1-1 palla al centro.Se vuoi parlare invece di obblighi, gli stessi obblighi che posso imporre con il TPM, li potrei imporre obbligando ad utilizzare una smartcard, con gli stessi identici livelli di sicurezza e di inviolabilità (compreso il discorso delle endorsement key).Un esempio? Vuoi acquistare musica dal mio Secure Store? Devi inserire la tua smartcard nel lettore e dovrai averla dentro ogni qualvolta vorrai riprodurre il brano. Cosa c'è di diverso dall'uso del TPM?
        • Anonimo scrive:
          Re: Superficiale.
          - Scritto da: THe_ZiPMaN


          semplicemente perché la SC la scollego quando

          voglio e quindi mi dà maggiore libertà. C'è
          anche

          scritto nell'articolo...

          E allora anche il TPM lo puoi disabilitare quando
          vuoi.

          1-1 palla al centro.quando il fritz chip sarà integrato nella cpu nn lo potrai fare piu... quando sarà qualcun'altro che potrà "controllare" il computer che hai comprato con i tuoi soldi nn potrai decidere cosa fare o no...
          Se vuoi parlare invece di obblighi, gli stessi
          obblighi che posso imporre con il TPM, li potrei
          imporre obbligando ad utilizzare una smartcard,
          con gli stessi identici livelli di sicurezza e di
          inviolabilità (compreso il discorso delle
          endorsement key).

          Un esempio? Vuoi acquistare musica dal mio Secure
          Store? Devi inserire la tua smartcard nel lettore
          e dovrai averla dentro ogni qualvolta vorrai
          riprodurre il brano. Cosa c'è di diverso dall'uso
          del TPM?ti rigiro la domanda..se oggi esistono le SC esistono i firewall addirittura hardware incorporati nelle maiboard se ci sono sistemi operativi che non hanno (per un motivo o per l'altro) problemi di virus.. e insomma basta leggere l'articolo per capire che tutto cio che si vuole fittiziamente raggiungere con TC lo si ha anke adesso.. perke lo si vuole implementare? per di piu sui soldi degli utenti normali?a che socpo?protezione, virus spam ecc.. hai gia letto che sono ragigungibili adesso.. ane io che uso windows xp... non ho spam (spamihilator) nn ho virus, avg free, nn ho problemi di nessun tipo nn formatto nn perdo dati nn ho nessunussimo problema che si paventa di risolvere col TC.. e vado ankora a windows... quindi perke farlo usare?risposta.. per controllare le macchine degli utenti.. da quelli "user" a quelli piu "grossi" ma non solo si immetterà il TC nel mercato per una immensità di motivi nessuno dei quali è "giusto"... http://www.complessita.it/tcpa/ecco qui ross andersonn.. nn è l'ultimo venuto.. è un "luminare" della tecnologia e dell'economia... che fa "previsioni"dunque.. mettere il TC nei pc nn serve per impedire a 2 utonti di vedersi un film pirata... ma serve per "controllare" aziende governi ecc "imporre" cio che il "cartello del TC" decide.
          • THe_ZiPMaN scrive:
            Re: Superficiale.

            quando il fritz chip sarà integrato nella cpu nn
            lo potrai fare piu... quando per legge a tutti i bambini verrà impiantato un microchip nel cervello....Parliamo al presente. Il futuro ha ancora da venire, e è nostra facoltà cambiarlo.
            quando sarà qualcun'altro
            che potrà "controllare" il computer che hai
            comprato con i tuoi soldi nn potrai decidere cosa
            fare o no...Ciò non potrà mai avvenire. Posso usare tutti gli strumenti che uso oggi anche domani, nello stesso modo.
            ti rigiro la domanda..
            se oggi esistono le SC esistono i firewall
            addirittura hardware incorporati nelle maiboardDi cui tu infatti ti fidi ciecamente. Poi però ti fai le paranoie su quello che "potrebbe" essere.
            se ci sono sistemi operativi che non hanno (per
            un motivo o per l'altro) problemi di virus.. eLasciamo perdere questo argomento che non ha nulla a che fare col TC.
            insomma basta leggere l'articolo per capire cheL'articolo è assai poco indicativo, visto che è di una superficialità estrema.
            tutto cio che si vuole fittiziamente raggiungere
            con TC lo si ha anke adesso.. perke lo si vuole
            implementare?Scusa, ma che differenza ci trovi quindi? Se già adesso sono cose che si possono fare perché ti lamenti e perché non ti sei lamentato in precedenza? La differenza tra adesso e il futuro è solo che tale tecnologia sarà disponibile ovunque.
            per di piu sui soldi degli utenti normali?Ma che discorso è questo? Tutti i soldi sono quelli degli utenti.
            a che scopo?Allo scopo di rendere una tecnologia disponibile su tutte le apparecchiature.
            protezione, virus spam ecc.. Chi ritiene sia la lotta allo spam lo scopo del TC probabilmente non ha capito un'H.
            hai gia letto che
            sono ragigungibili adesso.. ane io che uso
            windows xp... non ho spam (spamihilator) nn ho
            virus, avg free,
            nn ho problemi di nessun tipo nn
            formatto nn perdo dati nn ho nessunussimo
            problema che si paventa di risolvere col TC.. e
            vado ankora a windows... Ma infatti il TC per l'utente finale non offre quasi nessun vantaggio.L'unica cosa realmente utilizzabile dall'utente finale è il TPM come acceleratore crittografico (io p.es. lo uso sul mio ThinkPad ed è effettivamente comodissimo e velocissimo).
            quindi perke farlo usare?Arridaje. CHI ti obbliga ad usarlo? Disabilita il tpm e vivi felice. Usa Linux e vivi felice. Non acquistare HW con TPM e vivi felice.
            risposta.. per controllare le macchine degli
            utenti.. da quelli "user" a quelli piu "grossi"
            ma non solo
            si immetterà il TC nel mercato per una immensità
            di motivi nessuno dei quali è "giusto"... In ambito aziendale sarebbe invece una risorsa utilissima. Potrei p.es. utilizzare un S.O. TC enabled per evitare che gli utenti possano installare sui PC aziendali dei software non autorizzati.
            http://www.complessita.it/tcpa/
            ecco qui ross andersonn.. nn è l'ultimo venuto..
            è un "luminare" della tecnologia e
            dell'economia... che fa "previsioni"Previsioni catastrofiche ne faccio quante vuoi. Quello che invece dico è di fare in modo che le previsioni catastrofiche non si avverino. La tecnologia è neutrale; bisogna fare in modo che venga usata bene, e questo è responsabilità dei singoli, non degli "altri".
            ma serve per "controllare" aziende governi ecc
            "imporre" cio che il "cartello del TC" decide.Questa è paranoia. Usa Linux e vedrai che nessuno può controllare ciò che non vuoi venga controllato.
          • Anonimo scrive:
            Re: Superficiale.
            - Scritto da: THe_ZiPMaN
            quando per legge a tutti i bambini verrà
            impiantato un microchip nel cervello....Quando per legge tutti i quindicenni riceverannola carta d'identità elettronica con chip... Eh eh. :-)
            Parliamo al presente. Il futuro ha ancora da venireQui sta la chiave di lettura del tuo intervento. Leinformazioni che dai sono valide per il PRESENTEma non sono necessariamente valide per il FUTURO.L'importante è cercare di prevederne la sua*plausibile* evoluzione. Non prevedo atterraggi diUFO ma d'altronde certe assicurazioni si tutelanocontro gli "atti di Dio" nei loro contratti...
            è nostra facoltà cambiarlo.A patto che il pubblico sia informato correttamentesul TPM/TCPA. Allora potrà fare una scelta informata.

            quando sarà qualcun'altro

            che potrà "controllare" il computer che hai

            comprato con i tuoi soldi nn potrai decidere

            cosa fare o no...

            Ciò non potrà mai avvenire. Perché no? Se non erro, in passato alcunisoggetti (vedi caso rootkit SONY/BMG)hanno mostrato un certo interesse per ilnostro hardware. Perché nel caso del TCdovremmo fidarci ciecamente dell'onestàdei produttori e delle loro motivazioni?
            Posso usare tutti gli strumenti che uso oggi
            anche domani, nello stesso modo.Anche connettermi ad Internet da un computernon-trusted a computer trusted? Anche fraqualche anno? Mai sentito parlare di TNC(Trusted Network Connect)? No? Leggi, leggi...http://arstechnica.com/news.ars/post/20060216-6202.html
            Vuoi acquistare musica dal mio Secure
            Store? Devi inserire la tua smartcard nel lettore
            e dovrai averla dentro ogni qualvolta vorrai
            riprodurre il brano. Cosa c'è di diverso dall'uso
            del TPM?Per quanto io ne sappia, ALMENO che la Smart Cardpuò essere inserita e tolta dal lettore quando mi pare,mentre il TPM sarà saldato alla motherboard oaddirittura incluso nel microprocessore. Suppongoche il TPM non me lo potrò portare appresso comela Smart Card. E' come lasciare le chiavi nel quadrocomandi dell'auto... Perché dovrei lasciare la chiavelì? Connessa al computer? Connessa ad... Internet?Volendo essere "paranoici" come dici tu, un ipoteticofuturo autoupdate del BIOS potrebbe togliere lapossibilità all'utente di disattivare il TPM. Heh heh.Ma sì. Non c'è di che preoccuparsi. Tutti lascianole chiavi nella toppa della porta d'ingresso. Giusto?

            a che scopo?
            Allo scopo di rendere una tecnologia disponibile
            su tutte le apparecchiature.Era proprio necessario renderla generosamentedisponibile su tutte le apparecchiature? A cosadobbiamo questo nobile servigio all'Umanità?
            il TC per l'utente finale non offre quasi nessun
            vantaggio.Chi ne trae vantaggio, dunque?
            CHI ti obbliga ad usarlo?OGGI nessuno, domani chissà? Hai letto la storiadell'infame proposta di legge S. 2048 del SenatoreFRITZ* Hollings che voleva un apparato (conosciutovolgarmente come POLICEWARE) installatoOBBLIGATORIAMENTE in TUTTI i computeracquistati in futuro dagli americani e cheprevedeva sanzioni fino a MEZZO MILIONE DIDOLLARI nonché fino a CINQUE ANNI DI PRIGIONEper i trasgressori? (*Sì, il chip si chiama come lui)La proposta di legge fu presentata nel 2002e - fortunatamente - stroncata in tempo:http://ochremedia.com/blog/index.php?m=20040415Questa è STORIA. Ma *non* ACQUA PASSATA.
            Disabilita il tpm e vivi felice.E disconnesso dal resto del mondo in pochi anni.
            Usa Linux e vivi felice.Finché dura.
            Non acquistare HW con TPM e vivi felice.Quasi tutti i produttori stanno entrando nella TCPA.
            In ambito aziendale sarebbe invece una risorsa
            utilissima.
            Potrei p.es. utilizzare un S.O. TC enabled per
            evitare che gli utenti possano installare sui PC
            aziendali dei software non autorizzati.La stessa cosa potrebbe farla il "System Owner"- chiunque esso sia - sui computer degli utentifinali.
            La tecnologia è neutrale; bisogna fare in modo che
            venga usata bene, e questo è responsabilità dei
            singoli, non degli "altri".L'importante è informarli correttamente. Solo cosìpotranno prendere una decisione informata.

            ma serve per "controllare" aziende governi ecc

            "imporre" cio che il "cartello del TC" decide.
            Questa è paranoia.Dipende dalla libertà o meno di far girare codice'non certificato' sui singoli PC. Sui computer connessiad una ipotetica (ma non implausibile, vedi sopra)Internet 'trusted', il TPM dovrebbe essere abilitatoe sui computer con TC attivo - per quanto io nesappia - non girerebbe codice 'non certificato'.
          • THe_ZiPMaN scrive:
            Re: Superficiale.


            Parliamo al presente. Il futuro ha ancora da
            venire

            Qui sta la chiave di lettura del tuo intervento.
            Le informazioni che dai sono valide per il PRESENTE
            ma non sono necessariamente valide per il FUTURO.Infatti il futuro non ci è permesso conoscerlo.
            L'importante è cercare di prevederne la sua
            *plausibile* evoluzione.E dare informazioni imparziali senza buttare FUD. E' OK dire cosa è teoricamente possibile fare, è sbagliato condannare la tecnologia solo perché permette di farlo.Un automobile a 200 Km/h in un corteo è peggio di una bomba. Quindi togliamo la possibilità di guidare automobili?

            è nostra facoltà cambiarlo.

            A patto che il pubblico sia informato correttamente
            sul TPM/TCPA. Allora potrà fare una scelta informata.Giusto. Correttamente e imparzialmente. Questo significa anche riconoscere i vantaggi della tecnologia, non solo i limiti.

            Ciò non potrà mai avvenire.

            Perché no?Perché puoi rifiutarti di usare PC TC compliant. Nessuno te li impone. Se poi tu VUOI usarli perché VUOI acquistare l'ultima canxzone del tuo idolo, allora è stata una TUA scelta.
            Se non erro, in passato alcuni
            soggetti (vedi caso rootkit SONY/BMG)
            hanno mostrato un certo interesse per il
            nostro hardware. Perché nel caso del TC
            dovremmo fidarci ciecamente dell'onestà
            dei produttori e delle loro motivazioni?MAI fidarsi di nessuno. Ma nemmeno demonizzare.Sony/BMG ha toppato, e molti hanno iniziato a boicottarla. Certo che se il 90% se ne strafotte non cambia nulla.

            Posso usare tutti gli strumenti che uso oggi

            anche domani, nello stesso modo.

            Anche connettermi ad Internet da un computer
            non-trusted a computer trusted? Anche fra
            qualche anno? Mai sentito parlare di TNC
            (Trusted Network Connect)? No? Leggi, leggi...
            http://arstechnica.com/news.ars/post/20060216-6202E' da anni che ne parlano. Anche di ipv6 ne parlano da anni.... e del successore dell'smtp, ecc.ecc.Questo è quello che "potrebbe" accadere. Ma dimmi, se né io, né tu, né il nostro amico, né l'amico dell'amico accettiamo di essere trusted, chi te lo può IMPORRE?Ci collegheremo solo fra di noi, ma se siamo in tanti si torna indietro in fretta.
            Per quanto io ne sappia, ALMENO che la Smart Card
            può essere inserita e tolta dal lettore quando mi
            pare, mentre il TPM sarà saldato alla motherboard o
            addirittura incluso nel microprocessore.Nel tuo discorso di prima parlavi di essere obbligati ad essere trusted per poter essere connessi a Internet, per acquistare online ecc.ecc. Se ci fosse questo obbligo, allora non potresti comunque togliere la tua smartcard. Sarebbe esattamente come un telefonino: senza è inutile.
            Suppongo che il TPM non me lo potrò portare
            appresso come la Smart Card.Vero, ma solo in parte. Sul TPM le chiavi puoi caricarle e scaricarle, quindi te le puoi portare appresso.
            E' come lasciare le
            chiavi nel quadro comandi dell'auto...Il TPM non rappresenta la chiave, ma il blocchetto di accensione dotato di immobilizer.
            Volendo essere "paranoici" come dici tu, un
            ipotetico futuro autoupdate del BIOS potrebbe togliere
            la possibilità all'utente di disattivare il TPM. Heh heh.Verissimo, ma allora non sarebbe più conforme alla specifica attuale. E comunque l'aggiornamento del BIOS lo devi fare tu, non si fa da solo.
            Era proprio necessario renderla generosamente
            disponibile su tutte le apparecchiature? A cosa
            dobbiamo questo nobile servigio all'Umanità?Ovviamente alla voglia di usarla. Come già detto sicuramente le major &C vorrebbero gli scenari da te prospettati, ma esiste la possibilità di scegliere, esiste il libero arbitrio.

            il TC per l'utente finale non offre quasi nessun

            vantaggio.

            Chi ne trae vantaggio, dunque?Solo le aziende. Per gli utenti finali l'unico vantaggio è l'accelerazione crittografica.

            CHI ti obbliga ad usarlo?

            OGGI nessuno, domani chissà?Ecco, l'hai detto. Domani CHISSA'. Facciamo in modo che nessuno ti obblighi, ma non per questo è necessario rinunciare ad una tecnologia con un ottimo potenziale.
            Questa è STORIA. Ma *non* ACQUA PASSATA.E sicuramente ve ne saranno ancora... guarda la storia infinita dei brevetti che ancora una volta tornano a farsi sentire.

            Disabilita il tpm e vivi felice.

            E disconnesso dal resto del mondo in pochi anni.Solo se tutti accetteranno questa imposizione.

            Usa Linux e vivi felice.

            Finché dura.Per sempre.

            Non acquistare HW con TPM e vivi felice.

            Quasi tutti i produttori stanno entrando nella
            TCPA.Resta l'hardware meno recente e certamente qualcuno offrirà HW senza TCPA se vi sarà richiesta.

            In ambito aziendale sarebbe invece una risorsa

            utilissima.

            Potrei p.es. utilizzare un S.O. TC enabled per

            evitare che gli utenti possano installare sui PC

            aziendali dei software non autorizzati.

            La stessa cosa potrebbe farla il "System Owner"
            - chiunque esso sia - sui computer degli utenti
            finali.Potrebbe. Se l'utente finale abilita il TPM. Ma nessuno può obbligarlo (in azienda invece sì).

            La tecnologia è neutrale; bisogna fare in modo che

            venga usata bene, e questo è responsabilità dei

            singoli, non degli "altri".

            L'importante è informarli correttamente. Solo così
            potranno prendere una decisione informata.Giusto. Quindi niente FUD ma fatti :-)
            Dipende dalla libertà o meno di far girare codice 'non
            certificato' sui singoli PC. Sui computer connessi ad
            una ipotetica (ma non implausibile, vedi sopra) Internet
            'trusted', il TPM dovrebbe essere abilitato e sui
            computer con TC attivo - per quanto io ne sappia - non
            girerebbe codice 'non certificato'.Ma ciò può avvenire solo se la maggioranza degli utenti è disponibile a farsi controllare. Internet siamo noi, non è un qualcosa di astratto.
          • Anonimo scrive:
            Re: I problemi del TC (quelli veri!)
            - Scritto da: THe_ZiPMaN
            sbagliato condannare la tecnologia solo perché
            permette di farlo.La tecnologia in sé è neutrale. Semplicemente nonvoglio che sia usata nel modo "sbagliato", cioé percontrollarmi o per limitare le mie possibilità/potenzialitào per obbligarmi a fare alcunché.Quando tutti i tiranni e i "control freaks" saranno sparitidalla faccia della Terra, potrò essere più ottimista sulfuturo dei computer e di Internet. Nel frattempo, sonorealista e dico che la tecnologia può essere usatabene... Ma anche male. E giustamente non sonopreoccupato dei potenziali usi benigni, ma deipotenziali usi maligni.(Fermo restando che il concetto di "bene" e quello di"male" sono SEMPRE riferiti a me... Ciò che è "bene"per me - essere umano *si spera* razionale - puòessere "male" per qualcun altro... E viceversa.).
            Un automobile a 200 Km/h in un corteo è peggio di
            una bomba. Quindi togliamo la possibilità di
            guidare automobili?Ovviamente no. Ma teniamole lontano dai cortei.Così per il TPM. Teniamolo lontano da tiranni e"control freaks" (maniaci del controllo). Cheesistono e vivono sul nostro stesso pianeta,sono una minoranza ma generalmente ricca epotente e spesso alla ricerca di nuovi "attrezzi"da aggiungere alla loro collezione totalitaria.E io, cittadino del mondo, vivo la mia vita manel contempo riconosco le potenziali minaccealla mia libertà e se del caso mi preparo al peggio.
            puoi rifiutarti di usare PC TC compliant.
            Nessuno te li impone.In senso assoluto, no. Tutti sono sempre liberi dirifiutare qualcosa, fino al sacrificio estremo (inquesto caso non parlo di morte ma di 'semplice'rinuncia ai computer, che per un appassionatodi lunga data come me è quasi come morire).Tornando a cose più pratiche, riconosciamo un fatto:che come individuo ho un'influenza molto limitata1. sul legislatore (che potrebbe imporre il TC per legge,magari su suggerimento delle lobby)2. sul mercato (che potrebbe imporre il TC comestandard, magari perché tutti i produttori lo adotterannoe/o perché la domanda aumenterà nonostante ilpotenziale negativo della tecnologia)3. sul mio ISP (che potrebbe decidere di usaresolo PC trusted, magari perché altri l'hanno fatto,magari perché è diventato lo standard di mercato)Queste variabili non le posso controllare da solo.Nessuno di questi tre soggetti ha davvero bisognodel mio consenso per decidere. Però, indirettamente,le loro scelte influiscono sulle mie possibilità. Perchése io rifiuto il TC:1. Ed il mio ISP sceglie PC 'trusted', devo trovarmiun ISP non-trusted (se ci sarà ancora, altrimenti...niente Internet, o comunque rischio di dover pagaredi più per avere la stessa libertà di prima).2. Ed il legislatore impone il TC per legge, sareidichiarato fuorilegge e rischierei delle sanzioni.3. Ed il mercato impone il TC come standard, sareilimitato nelle mie possibilità di scegliere un computernon-TC quando il mio attuale PC si romperà.Troppe, troppe incognite intorno al TPM secondo me.
            Se poi tu VUOI usarli
            perché VUOI acquistare l'ultima canxzone del tuo
            idolo, allora è stata una TUA scelta.Infatti boicotterò ogni ente od artista che si ostini adusare tecnologie contrarie ai miei princìpi.
            MAI fidarsi di nessuno. Ma nemmeno demonizzare.
            Sony/BMG ha toppato, e molti hanno iniziato a
            boicottarla.Sony Corporation è un membro "Contributor" del TCG.https://www.trustedcomputinggroup.org/about/members/(Questo è un fatto, te lo posso assicurare). :-)
            Questo è quello che "potrebbe" accadere. Ma
            dimmi, se né io, né tu, né il nostro amico, né
            l'amico dell'amico accettiamo di essere trusted,
            chi te lo può IMPORRE?
            Ci collegheremo solo fra di noi, ma se siamo in
            tanti si torna indietro in fretta.Lo spero. Ecco perché vorrei informare quante piùpersone possibile, affinché possano comprenderenon solo i benefìci ma anche i rischi di questa nuovatecnologia. (A proposito, non sempre i benefìci ed irischi sono presenti in ogni tecnologia in egual misura).
            Nel tuo discorso di prima parlavi di essere
            obbligati ad essere trusted per poter essere
            connessi a Internet, per acquistare online
            ecc.ecc. Se ci fosse questo obbligo, allora non
            potresti comunque togliere la tua smartcard.
            Sarebbe esattamente come un telefonino: senza è
            inutile.Non c'è nessun motivo, secondo me, per lasciarela smart card nel lettore. Mentre sono via, qualcunopotrebbe usarla contro il mio consenso e/o a miainsaputa, e questo non mi va. Un rischio remotoquanto vuoi. Ma esiste.
            Vero, ma solo in parte. Sul TPM le chiavi puoi
            caricarle e scaricarle, quindi te le puoi portare
            appresso.Dunque sul TPM c'è un qualche tipo di memoria.Di che tipo di memoria stiamo parlando? Unamemoria volatile tipo RAM oppure è più similead un mini hard disk? Nel secondo caso, pensoche potrebbe comunque esistere il rischio chele chiavi vengano "recuperate" dal TPM, cono senza un programma di "forensics" ovveroun programma per il recupero di dati.Fermo restando che aspetto ancora conferme- link e documenti indipendenti - sul *fatto* cheil TPM di un PC 'trusted' risponderà soltanto alproprietario del computer. :-)
            Il TPM non rappresenta la chiave, ma il
            blocchetto di accensione dotato di immobilizer.Ok, ho capito. :-) Mi pare di aver letto che primadell'avvio controlla addirittura se il BIOS è statoalterato dall'ultimo reboot. Il che, d'altro canto,pone il TPM su un piano addirittura superioreal BIOS e dunque potenzialmente in unacondizione 'migliore' per far danni nellemani della persona sbagliata...
            allora non sarebbe più conforme
            alla specifica attuale.Allora teniamo d'occhio l'evoluzione della specifica,e stiamo pronti a gridare "Cavallo di Troia!" sedovesse prendere una brutta piega. ^_^ Questosarà un compito per revisori indipendenti. E poiché'non bisogna fidarsi di nessuno', io non mi fidoneanche del TCG (che include Sony!) e aspettodei report davvero indipendenti.
            E comunque l'aggiornamento del BIOS lo devi
            fare tu, non si fa da solo.Davvero? Pensavo che esistesse anche il RemoteFlash BIOS, cioé l'aggiornamento da remoto (viaInternet e/o Intranet). :-)http://support.dell.com/support/edocs/systems/opgx200/en/ug/intro.htm#remote_bios_flash(E' un fatto.) :-)A questo punto, dipende da CHI è autorizzato adentrare in un PC... E con un TPM dentro il PCnon so se il cavallo è di legno pieno oppure secontiene guerrieri greci... Per questo prima diadottare una tecnologia aspetto i report *davvero*indipendenti.
            sicuramente le major &C vorrebbero gli scenari da
            te prospettati, ma esiste la possibilità di
            scegliere, esiste il libero arbitrio.Già. Informiamo tutti sui pro ed i contro del TPM, allora.Così ridurremo le 'asimmetrie informative' e la ge
          • Anonimo scrive:
            Re: I problemi del TC (quelli veri!)
            Bah, il mio post è stato troncato e ho perso l'ultimapagina. Non importa. Per ora concludo qui.
            sicuramente le major &C vorrebbero gli scenari da
            te prospettati, ma esiste la possibilità di
            scegliere, esiste il libero arbitrio.Già. Informiamo tutti sui pro ed i contro del TC, allora.Così ridurremo le 'asimmetrie informative' e la gentepotrà decidere in base alle informazioni che HA, nonin base a quelle che NON HA. :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: I problemi del TC (quelli veri!)

            Già. Informiamo tutti sui pro ed i contro del TC,
            allora.
            Così ridurremo le 'asimmetrie informative' e la
            gente
            potrà decidere in base alle informazioni che HA,
            non
            in base a quelle che NON HA. :-)+1concordo appieno. Giustissimo dare informazioni. Asteniamoci però dal commentarle e lasciamo che ognuno scelga secondo coscienza.
          • Anonimo scrive:
            Re: I problemi del TC (quelli veri!)
            - Scritto da: Anonimo
            +1Eh? Non ho il postcount perché sono Anonimo.Postare un messaggio in più o in meno non fadifferenza per me. Sono un'ombra di passaggio.
            Giustissimo dare informazioni. Asteniamoci
            però dal commentarle e lasciamo che
            ognuno scelga secondo coscienza.Questa è la sezione "forum", non "notizie".Le *notizie* devono essere oggettive. Quellele troviamo nella sezione "notizie".Poi le commentiamo qui. Ognuno a modo suo.Includendo link... E commentando pure quelli,se ci va. Tu chiamale, se vuoi... Opinioni.Se non posso dire che Sony (quella del rootkit)fa parte del TCG (fatto!) e che *io* non mi fidereidi loro per tutelare la mia sicurezza (opinione...*argomentata*!), cosa posso dire?Ciao.
  • Anonimo scrive:
    Lampo di genio
    Che ipocriti! Se volevano solo proteggere i dati degli utenti, il fritz e la sua "mamma" non sarebbero mai nati! Appare evidente il loro "secondo fine": sottomettere l'utente finale ai loro voleri! E poi, nulla di quello che offre il fritz vale la nostra libertà, specie se ottenibile in modi alternativi e non lesivi per l'utente. A proposito: riflettiamo un pò su LaGrande, ossia ciò che Intel ha progettato "attorno" al frizzolone... Chi crede che sia solo un caso, mi scagli la prima pietra.
    • Anonimo scrive:
      Re: Lampo di genio
      - Scritto da: Anonimo
      Appare evidente il loro
      "secondo fine": sottomettere l'utente finale ai
      loro voleri!Sì, e poi subito dopo la conquista del mondo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Lampo di genio
        - Scritto da: Anonimo
        Sì, e poi subito dopo la conquista del mondo.Oggi molte cose si fanno con i computer, chi detiene potere sui computer degli utenti (sia home users sia professionisti/aziende) potrebbe fare tante belle cosette, non sempre pulite o benintenzionate
    • Anonimo scrive:
      Re: Lampo di genio
      - Scritto da: Anonimo
      Che ipocriti! Se volevano solo proteggere i dati
      degli utenti, il fritz e la sua "mamma" non
      sarebbero mai nati! Appare evidente il loro
      "secondo fine": sottomettere l'utente finale ai
      loro voleri!è scritto nel manuale del potere, figliuolo... per far ingoiare una "pillola avvelenata" bisogna prima camuffarla e metterci lo "zucchero"... schema vecchio e collaudato da secoli
      nulla di quello che offre il fritz vale la nostra libertàquesto è fuor di dubbio
      • Anonimo scrive:
        Re: Lampo di genio

        è scritto nel manuale del potere, figliuolo...
        per far ingoiare una "pillola avvelenata" bisogna
        prima camuffarla e metterci lo "zucchero"...
        schema vecchio e collaudato da secolisi dice anche mettere prima la vaselina
  • Anonimo scrive:
    Drm, I suppose
    Ben venga qualsivoglia tecnologia che aumenti la sicurezza di chiunque, ma sviluppata secondo _principi_ di "etica". (ed un' altra dozzina che non cito)Per cio' che mi riguarda esistono poche argomentazioni in merito; ne cito una:la lavatrice deve fare cio'che desidero IO quando lo desidero IOil tostapane deve fare cio'che desidero IO quando lo desidero IO......il mio pc, PURE.viceversa iniziero' a pagare con danaro "evanescente"... o "simpatico", come l'inchiostroanche il danaro "Lassie".. quello che torna a casa,potra essere preso in esame.punto.
  • Anonimo scrive:
    Si insomma
    Lo dobbiamo prendere in quel posto e non sapere neppure perchè
    • Anonimo scrive:
      Re: Si insomma
      - Scritto da: Anonimo
      Lo dobbiamo prendere in quel posto e non sapere
      neppure perchèpercepisco un cambio nella politica di pubblicazione degli articoli
      • Anonimo scrive:
        Re: Si insomma
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        Lo dobbiamo prendere in quel posto e non sapere

        neppure perchè

        percepisco un cambio nella politica di
        pubblicazione degli articoli secondo me invece l'approccio e' corretto.Le cose si comprendono meglio se osservate da piu' punti di osservazione.Io .. d'istinto, odio il DRM & C..ma _anche_ questo articolo e' interessante, anzi..forse _soprattutto_ questo articolo.
  • Anonimo scrive:
    Demoni
    Il diavolo non è mai brutto come lo si dipinge... e qui mi sembra lo ritraggano come un santo
    • Anonimo scrive:
      Re: Demoni
      - Scritto da: Anonimo
      Il diavolo non è mai brutto come lo si dipinge...
      e qui mi sembra lo ritraggano come un santoaltrimenti non lo vorrebbe quasi nessuno
    • Anonimo scrive:
      Re: Demoni
      - Scritto da: Anonimo
      Il diavolo non è mai brutto come lo si dipinge...
      e qui mi sembra lo ritraggano come un santoEh, dobbiamo consolarci in qualche modo. Il TC é inevitabile, chiamate al boicottaggio o meno. Prima ce lo facciamo piacere, meglio é.
      • Anonimo scrive:
        Re: Demoni
        - Scritto da: Anonimo
        Eh, dobbiamo consolarci in qualche modo.Consolarci da cosa?
        Il TC é inevitabile, chiamate al boicottaggio o meno.Tu come fai a saperlo?
        Prima ce lo facciamo piacere, meglio é.Meglio per chi? Non per noi, questo è certo.Se cercavi l'articolo sui blogger dell'altro giorno hai sbagliato forum
        • Anonimo scrive:
          Re: Demoni
          - Scritto da: Anonimo

          Il TC é inevitabile, chiamate al boicottaggio o
          meno.

          Tu come fai a saperlo?


          Prima ce lo facciamo piacere, meglio é.

          Meglio per chi? Non per noi, questo è certo.

          Se cercavi l'articolo sui blogger dell'altro
          giorno hai sbagliato forumInutile che attacchi me. Io non sono per il TC, così come sono contrario al DRM. Sono stato ben lontano da ogni prodotto che supportasse il Macrovision per esempio, e non compro CD da 7 anni.Però guardiamo in faccia la realtà: praticamente tutti i produttori di HW supportano il TC, e più ce ne sono, più se ne aggiungeranno. Nessuno vorrà essere tagliato fuori, sarebbe un suicidio economico. Il TC sarà standard, nonostante i nostri sforzi.Boicottare? Certo. Lo faremo. Io, tu, saremo in tanti. Ma non abbastanza. Resisteremo uno, due, magari cinque anni. Tireremo avanti con il nostro hardware.Poi un bel giorno accadrà qualcosa: non potremo più accedere ai servizi online senza TC. I servizi online si stanno moltiplicando, diventerà sempre più difficile farne a meno. Allora, brontolando, ci compreremo un computer TC, con l'intenzione di usarlo SOLO per lo stretto indispensabile. O magari no, e ci taglieremo fuori per scelta.E un bel giorno, inevitabilmente, il nostro PC non-trusted si romperà. Tutto si rompe. Cosa faremo allora? Dove scappi quando non c'é più nessuno come te?E' una prospettiva che detesto, ma é meglio prepararvisi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Demoni
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo
            Inutile che attacchi me.Guarda che stavo solo facendo delle controdomande.
            guardiamo in faccia la realtàLa realtà è che le aziende hanno bisogno di vendereper restare sul mercato. Altrimenti a lungo andarepossono fallire.
            praticamente tutti i produttori di HW supportano il TC,
            e più ce ne sono, più se ne aggiungeranno. Nessuno
            vorrà essere tagliato fuori, sarebbe un suicidio
            economico.Se la gente fosse più informata, sarebbe un suicidioVENDERE hardware TC-compliant.
            Il TC sarà standard, nonostante i nostri sforzi.Allora tornerò ad usare i miei vecchi home computer.Qualche gioco funziona ancora...
            Boicottare? Certo. Lo faremo. Io, tu, saremo in
            tanti. Ma non abbastanza. Resisteremo uno, due,
            magari cinque anni. Tireremo avanti con il nostro
            hardware.Già.
            Poi un bel giorno accadrà qualcosa: non potremo
            più accedere ai servizi online senza TC.Però le cospirazioni non esistono. Beh, vorrà direche non comprerò nulla online. Ancora non micostringono ad usare la carta di credito perpane ed acqua. Per adesso. Forse il prossimopasso sarà quello?
            diventerà sempre più difficile farne a meno. Allora,
            brontolando, ci compreremo un computer TC, con
            l'intenzione di usarlo SOLO per lo stretto
            indispensabile. O magari no, e ci taglieremo
            fuori per scelta.La seconda che hai detto, fin quando è possibile.
            E un bel giorno, inevitabilmente, il nostro PC
            non-trusted si romperà.Dedicherò più tempo alla mia ragazza. Al diavoloi computer (nonostante io li adori).
            Cosa faremo allora? Dove scappi quando non c'é più
            nessuno come te?
            E' una prospettiva che detesto, ma é meglio
            prepararvisi."Maestà, il popolo non ha più pane."
Chiudi i commenti