Download/ Internet col poligamo

Accessori per la Rete: per mozillare Explorer, sdoppiare Msn e dare un'anima alla firma dell'email








a cura di Luca Schiavoni

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • silvio scrive:
    hanno violato la mia privacy diffondendo
    Buongiorno a tutti,sono qua a chiedervi un consiglio.un azienda agrituristica per cui lavoravo ha pensato bene di diffondere via voce e via mail informazioni personali riguardanti il mio stato di salute.Vivo in provincia e grazie a loro so che non potrò più aprire un locale come avevo programmato.Purtroppo l'ignoranza discrimina persone che come me possono avere dei problemi. Oddio non mi vergogno di nulla ma credo che sia un mio diritto informare o meno qualcuno sul mio stato di salute, anche perchè non credo di essere una persona socialmente pericolosa.Cosa posso fare, come mi posso comportare e posso chiedere dei danni in merito??Sono sbigottito dalla poca serietà che questa azienda ha dimostrato nei miei confronti.Vi ringrazio.
  • Anonimo scrive:
    Re: Basta con gli epipeti...

    Dico questo anche se non condivido affatto
    le opinioni espresse da Rodota' che per
    molti versi trovo dannosse e pericolose per
    le liberta' individuali faticosamente
    conquistate in anni lungo anni di storia e
    battaglie.Fai la morale ma io non vedo argomentazioni per le tue opinioni.
  • Anonimo scrive:
    Re: mi spiegate una cosa?

    be mia suocera ha il mio numero
    perchè lo ha avuto da me...tim/vodafone/wind hanno il tuo numero e ovviamente non hai nulla in contrario altrimenti non possiederesti un cellulare.
    se tu mi fai spedire un tuo messaggio da un amico
    (che ovviamente conosce il mio numero) come
    minimo con l'amico ci litigo...io il numero
    l'ho dato a lui non perchè possa
    ridistribuirlo in gironel caso degli sms elettorali non c'e' stata alcuna ridistribuzione.
    e neanche perchè lo usi per mandare sms parte
    terzi (se volevo sms da parte terzi davo il
    numero a terzi)benissimo, allora disdici l'abbonamento visto che sei tanto sensibile.


    inoltre poi il nostro caro presidente


    ha ammesso candidamente che il calo


    di fi è dovuto all'astensione

    questa e' la scusa per salvare la faccia

    visto che siamo stati il secondo (o

    terzo) paese per affluenza alle urne.
    che me frega siamo pure trai i primi per
    consumo di prodotti di cosmesi questo non
    significa che le industrie della cosmesi
    devono mandari smsforse siamo tra i primi anche perche' abbiamo avuto qualche votante in piu' con gli sms. lo puoi dire con certezza? certo che no.quello che non hai capito e' che astensione e calo di fi non hanno relazioni. gli sms c'entrano come i cavoli a merenda visto che hanno aumentato l'affluenza ma non i voti di fi che sono anzi calati.
    l'sms è partito dal governo!! tim era
    solo il tramite, a tim non gle ne frega di
    comunicarmi l'orario delle votazioni al
    governo si!l'sms e' partito da tim/vodafone/wind su richiesta del governo infatti il testo ricevuto era diverso da gestore a gestore: in sostanza il governo ha ordinato di mandare l'orario di voto a tutti e qualcuno negli uffici dei tre gestori ha scritto un messaggio di suo pugno. dove sta la violazione della privacy in tutto questo? DA NESSUNA PARTE, tutto e' nato da qualche politico di sinistra alla ricerca di un motivo per fare critiche (la politica ormai e' solo piu' questo!) e tutta una serie di pecoroni si e' accodata gridando contro una "violazione della privacy" che non esiste.
    se poi controlli bene ti
    accorgi che questa misura è ipotizata
    solo in situazioni straordinarieil voto al sabato e' una cosa straordinaria e per tanto e' stato esteso il permesso con un decreto. secondariamente la legge gia' esistente prima di berlusconi dice espressamente che e' ammesso informare i cittadini delle occasioni di voto con OGNI MEZZO IDONEO ed essendo il cellulare un mezzo di comunicazione ampiamente diffuso e' idoneo allo scopo. controlla bene tu piuttosto.
    (come la diretta tv a reti unificate già
    abusata da questo governo)perche'? quante ne ha fatte in tre anni scusa?
    il cittadino che avesse voluto prendere
    parte attivamente al suo diritto di voto era
    già stato ampiamente informato da
    settimane di spot televisi/radiofonici dalle
    notizie sui giornali (quotidiani e su alcuni
    settimanali) da speciali e
    telegiornali..insomma l'sms non serviva
    proprio a niente...sta di fatto che abbiamo avuto una delle piu' ampie affluenze in europa.
    siamo fra gli stati con minor numero di
    astensioni ma questo non c'entrà un
    piffero con l'sms, la prima prova di quando
    affermo sta nel fatto che stati con minor
    numero di astenuti non avevano inviato
    nessun sms viola privacy..alle elementari non ti hanno insegnato che si paragonano mele con mele e pere con pere? stati diversi, popoli diversi, abitudini e culture diverse: ci sono stati in cui si vota tutta la settimana e stati in cui l'affezione o la disaffezione per le urne e' molto diversa dalla nostra. inoltre dove starebbe la violazione della privacy non essendoci stato alcun trattamento di dati non autorizzato? da nessuna parte!okkupatamente vostro
    • Anonimo scrive:
      Re: mi spiegate una cosa?
      - Scritto da: Anonimo

      be mia suocera ha il mio numero

      perchè lo ha avuto da me...

      tim/vodafone/wind hanno il tuo numero e
      ovviamente non hai nulla in contrario
      altrimenti non possiederesti un cellulare.leggi prima tutto e non rispondere ogni silaba...i gestori hanno il mio numero ma non gli ho mai autorizzati a fare da portavoce a terzi!


      se tu mi fai spedire un tuo messaggio
      da un amico

      (che ovviamente conosce il mio numero)
      come

      minimo con l'amico ci litigo...io il
      numero

      l'ho dato a lui non perchè possa

      ridistribuirlo in giro

      nel caso degli sms elettorali non c'e' stata
      alcuna ridistribuzione.sai leggere?non hanno ridistribuito il mio numero ma hanno fatto da fottorini per terzi..che cambia all'atto pratico se danno il mio nomero a xyz e questo mi manda sms o se xyz da a loro il testo da inviarmi e sono loro a inviarmeli (be qualcosina cambia ma sempre mi devo subire gli sms indesiderati e che non erano stati autorizzati a spedirmi)...i gestori di telefonia non sono i portavoce dei dei vari partiteli!


      e neanche perchè lo usi per
      mandare sms parte

      terzi (se volevo sms da parte terzi
      davo il

      numero a terzi)

      benissimo, allora disdici l'abbonamento
      visto che sei tanto sensibile.scherzi?non devo essere io a privarmi del telefonino perchè a qualcuno salta in mente di violare i miei diritt, deve piuttosto essere impedito che mi arrivini sms indesiderati che violano la mia privacy.....perchè non ti disfi dell'automobile così nessuno te la ruba..ricordati di staccare la cassetta della posta, il telefono, il citofono....fammi il piacere non sparare castonerie!




      inoltre poi il nostro caro
      presidente



      ha ammesso candidamente che
      il calo



      di fi è dovuto
      all'astensione


      questa e' la scusa per salvare la
      faccia


      visto che siamo stati il secondo (o


      terzo) paese per affluenza alle
      urne.

      che me frega siamo pure trai i primi per

      consumo di prodotti di cosmesi questo
      non

      significa che le industrie della cosmesi

      devono mandari sms

      forse siamo tra i primi anche perche'
      abbiamo avuto qualche votante in piu' con
      gli sms. lo puoi dire con certezza? certo
      che no.neanche tu puoi dire il contrario..contrario che se anche ci fosse non giustifica la violazione della privacy di tanti cittadini...allora facciamo così: mandiamo un gendarme a prendere i cittadini fino casa per accompagnarli in sede elettorale così saremo quelli con il minor numero in assoluto di assenteisti

      quello che non hai capito e' che astensione
      e calo di fi non hanno relazioni. gli sms
      c'entrano come i cavoli a merenda visto che
      hanno aumentato l'affluenza ma non i voti di
      fi che sono anzi calati.


      l'sms è partito dal governo!!
      tim era

      solo il tramite, a tim non gle ne frega
      di

      comunicarmi l'orario delle votazioni al

      governo si!

      l'sms e' partito da tim/vodafone/wind su
      richiesta del governo infatti il testo
      ricevuto era diverso da gestore a gestore:
      in sostanza il governo ha ordinato di
      mandare l'orario di voto a tutti e qualcuno
      negli uffici dei tre gestori ha scritto un
      messaggio di suo pugno. dove sta la
      violazione della privacy in tutto questo?Non vuoi capire vero??be allora hai ragione tu...se ..su marte...HO RICEVUTO UN SMS SU UN NUMERO CHE DOVEVA ESSERE PRIVATO SENZA CHE CI FOSSE GIUSTIFICAZIONE (EMERGENZA NAZIONALE) PER TRATTARE I MIEI DATI AL FINE DELL'INVIO DEGLI SMS PRO-VOTO...che il trattamento sia stato solo commisionato e non anche compiuto da un governo arrogante non cambia nulla! DA
      NESSUNA PARTE, tutto e' nato da qualche
      politico di sinistra alla ricerca di un
      motivo per fare critichesi vogliono creare un martire.... (la politica ormai
      e' solo piu' questo!)lo è sempre stato e il tuo difeso signore dei tricicli (dalle battute che fa sempre su bici e tricicli) ne è l'esempio per eccellenza e tutta una serie di
      pecoronise uno ha un'opinione diversa è un pecorone...be già un passo avanti, 3 anni fa era un blackclock si e' accodata gridando contro una
      "violazione della privacy" che non esiste.esiste, esiste


      se poi controlli bene ti

      accorgi che questa misura è
      ipotizata

      solo in situazioni straordinarie

      il voto al sabato e' una cosa straordinariaakkio il voto il sabato non è ne una calamita naturale ne una guerra..di questo passo anche l'aumento del canone rai sarebbe straordinario
      e per tanto e' stato esteso il permesso con
      un decreto.appunto si è dovuto estendere il permesso con un decreto altrimenti non sarebbe stato possibile....che poi anche i decreti sono interventi straordinari non lo consideri..già qui si fa un decreto per ogni cosa che si vuole fare... secondariamente la legge gia'
      esistente prima di berlusconi dice
      espressamente che e' ammesso informare i
      cittadini delle occasioni di voto con OGNI
      MEZZO IDONEO ed essendo il cellulare un
      mezzo di comunicazione ampiamente diffusosi e'
      idoneo allo scopoma non ideneo perchè prevede un'accesso personale (il mio numero, a differenza della tv che invece riceve comunque segnali televisivi), numero che è appunto riservato grazie alla legge sulla privacy (da qui nascono le obiezioni dei cittadini no dai tuoi fantomatici complotti). controlla bene tuRifletti non guardare solo tg4/fede
      piuttosto.


      (come la diretta tv a reti unificate
      già

      abusata da questo governo)

      perche'? quante ne ha fatte in tre anni
      scusa?una di troppo! (nel senso che anche la diretta a reti unificate è regolamentata da leggi specifiche e che non sipuò andare li semplicemente a dire il prorpio programma politico; ma anche questo per te è forse un complotto dell'oposizione?)


      il cittadino che avesse voluto prendere

      parte attivamente al suo diritto di
      voto era

      già stato ampiamente informato da

      settimane di spot televisi/radiofonici
      dalle

      notizie sui giornali (quotidiani e su
      alcuni

      settimanali) da speciali e

      telegiornali..insomma l'sms non serviva

      proprio a niente...

      sta di fatto che abbiamo avuto una delle
      piu' ampie affluenze in europa.e le più ampie le hanno avute chi non ha rotto le b***e con gli sms..ti rendi conto che non c'entrà un piffero!!una statistica si fa su un campione valido e non su un singolo elemento!


      siamo fra gli stati con minor numero di

      astensioni ma questo non c'entrà
      un

      piffero con l'sms, la prima prova di
      quando

      affermo sta nel fatto che stati con
      minor

      numero di astenuti non avevano inviato

      nessun sms viola privacy..

      alle elementari non ti hanno insegnato che
      si paragonano mele con mele e pere con pere?????? tu le hai fatte o perli per sentito dire?
  • Anonimo scrive:
    Re: mi spiegate una cosa?
    - Scritto da: Anonimo


    benissimo, allora dove sta la
    violazione


    della privacy nel caso dei
    messaggini


    elettorali?

    nessuna violazione, solo rottura di c.

    e' una maggior rottura di c. l'sms della
    suocera che un sms con l'orario di voto
    quindi non nascondiamoci dietro un dito e
    diciamolo chiaro e tondo che e' solo una
    scusa per fare critiche all'avversario
    politico (d'altra parte la sinistra dice
    chiaro e tondo che fa alleanze "per vincere
    berlusconi").be mia suocera ha il mio numero perchè lo ha avuto da me...se tu mi fai spedire un tuo messaggio da un amico (che ovviamente conosce il mio numero) come minimo con l'amico ci litigo...io il numero l'ho dato a lui non perchè possa ridistribuirlo in giro e neanche perchè lo usi per mandare sms parte terzi (se volevo sms da parte terzi davo il numero a terzi)


    inoltre poi il nostro caro presidente ha

    ammesso candidamente che il calo di fi

    è dovuto all'astensione...ah
    ecco a

    che servivano i messaggini

    questa e' la scusa per salvare la faccia
    visto che siamo stati il secondo (o terzo)
    paese per affluenza alle urne.che me frega siamo pure trai i primi per consumo di prodotti di cosmesi questo non significa che le industrie della cosmesi devono mandari sms



    allora per coerenza bisognerebbe


    piantare una grana ogni volta che


    vodafone manda sms con


    informazioni sul servizio.

    infatti puoi disattivare l'opzione

    aspetta che mi fai venire in mente i moduli
    che alcuni militanti di sinistra
    distribuiscono tipo volantini per chiedere
    la cancellazione dagli elenchi e i danni a
    chi ne ha fatto uso non autorizzato. tenendo
    conto che l'sms e' partito dai gestori e non
    dal governol'sms è partito dal governo!! tim era solo il tramite, a tim non gle ne frega di comunicarmi l'orario delle votazioni al governo si!tim non avrebbe potuto contattarmi per motivi diversi da quelli dipendenti dal nostro rapporto (gestore/cliente) il governo si quindi è ovvio che il msg arrivi dal governo; se poi controlli bene ti accorgi che questa misura è ipotizata solo in situazioni straordinarie (come la diretta tv a reti unificate già abusata da questo governo) e questa non lo era..il cittadino che avesse voluto prendere parte attivamente al suo diritto di voto era già stato ampiamente informato da settimane di spot televisi/radiofonici dalle notizie sui giornali (quotidiani e su alcuni settimanali) da speciali e telegiornali..insomma l'sms non serviva proprio a niente...siamo fra gli stati con minor numero di astensioni ma questo non c'entrà un piffero con l'sms, la prima prova di quando affermo sta nel fatto che stati con minor numero di astenuti non avevano inviato nessun sms viola privacy..cerchiamo di non creare figure mitologiche: se il premier esce in piazza e dici 'lavorate italiani' non è che gli italiani vadano poi a lavorare perchè lo ha detto lui (manco fosse il papa o +).. come qualche zuccone pensa quel
    modulo chiederebbe i danni a tim, vodafone e
    wind e chiederebbe sempre a tim, vodafone e
    wind di cancellare i dati del proprio
    abbonamento. una cosa intelligente insomma!


    okkupatamente vostro
  • Anonimo scrive:
    Bravo Rodotà, e i giornalisti bastardi?
    Bravissimo Rodotà a proteggere la nostra Privacy dai rischi tecnologici, ma a quando una legge che punisca i giornalisti (ed i loro complici Giudici) che pur di fare uno scoop sputtanano anni di vita onesta di poveri professionisti sbandierando il loro nome sui loro lerci Giornali settimane prima che questi abbiano ricevuto l'avviso di garanzia? (LIBERO ????? Sì... di fare il Bastardo !!!). Ricordiamo che l'avviso di garanzia dovrebbe GARANTIRE l'indagato, non permettere ai Giornalisti di sputtanarlo; anche perchè nel caso questo sia assolto, gli stessi giornali non scriveranno nulla sulla sua assoluzione e l'opinione pubblica rimarrà per sempre con l'idea che Quel dato professionista è un Criminale. Questo modo di fare dei Giornalisti è molto più grave di qualsiasi rischio che possa derivare da Internet e Rodotà DEVE impegnarsi perchè Questi Giornalisti e questi Giudici vengano puniti con la GALERA (!!!) perchè violano la privacy molto di più di Internet e della tecnologiaUn Medico NON indagato, ma incazzato MARCIO !!!!!!P.S. Se continuiamo così, i malati si faranno curare da Giudici e Giornalisti; vedrete che marmellata
    • Anonimo scrive:
      Re: Bravo Rodotà, e i giornalisti bastardi?
      - Scritto da: Anonimo
      Bravissimo Rodotà a proteggere la
      nostra Privacy dai rischi tecnologici, ma a
      quando una legge che punisca i giornalisti
      (ed i loro complici Giudici) che pur di fare
      uno scoop sputtanano anni di vita onesta di
      poveri professionisti sbandierando il loro
      nome sui loro lerci Giornali settimane prima
      che questi abbiano ricevuto l'avviso di
      garanzia? (LIBERO ????? Sì... di fare
      il Bastardo !!!).
      Ricordiamo che l'avviso di garanzia dovrebbe
      GARANTIRE l'indagato, non permettere ai
      Giornalisti di sputtanarlo; anche
      perchè nel caso questo sia assolto,
      gli stessi giornali non scriveranno nulla
      sulla sua assoluzione e l'opinione pubblica
      rimarrà per sempre con l'idea che
      Quel dato professionista è un
      Criminale. Questo modo di fare dei
      Giornalisti è molto più grave
      di qualsiasi rischio che possa derivare da
      Internet e Rodotà DEVE impegnarsi
      perchè Questi Giornalisti e questi
      Giudici vengano puniti con la GALERA (!!!)
      perchè violano la privacy molto di
      più di Internet e della tecnologia
      Un Medico NON indagato, ma incazzato MARCIO
      !!!!!!
      P.S. Se continuiamo così, i malati si
      faranno curare da Giudici e Giornalisti;
      vedrete che marmellata o guarda visto come funziona la sanità non credo che cambi molto...cmq su tutto il resto ti dò ragione
      • Anonimo scrive:
        Re: Bravo Rodotà, e i giornalisti bastardi?
        Perchè, che ne sai tu di come funziona la Sanità?Hai avuto qualche esperienza o ti basi su quello che dicono alla Televisione? O magari sui Giornali?
    • cico scrive:
      Re: Bravo Rodotà, e i giornalisti bastar
      Hai completamente ragione!
  • Anonimo scrive:
    E io aspetto...
    ...sto ancora aspettando il dettaglio chiamate in chiaro da parte di telecom...altro che telecamere e controllo della mia privacy. Io non posso controllare il dettaglio delle mie telefonate che io pago.Si ricorda del convegno sulla privacy a Bruxelles? Sto aspettando da allora....
  • Anonimo scrive:
    Re: Basta con gli epipeti...
  • Anonimo scrive:
    Basta con gli epipeti...
    E' chiaro che quando si vuole screditare le idee di qualcuno lo si cerca di associare a termini che hanno un'immagine negativa nella mente di tutti: fascista, talebano, comunista (nel senso estremo del termine), razzista ecc... Questo e' un insulto all'intelligenza di chi ascolta.Invece di argomentare le proprie opinioni si cerca di demonizzare l'avversario, chiunque utilizzi questa tecnica dovrebbe essere screditato dalle persone di buon senso.Dico questo anche se non condivido affatto le opinioni espresse da Rodota' che per molti versi trovo dannosse e pericolose per le liberta' individuali faticosamente conquistate in anni lungo anni di storia e battaglie.
  • Anonimo scrive:
    Re: Bravo Rodotà!
    - Scritto da: Anonimo
    mi spiace per il garante, ma per le imprese
    e le amministrazioni, la privacy non
    è una risorsa ma un costo, enorme non
    giustificato in considerazione del fatto che
    la maggior parte dei dati trattati sono dati
    comuni, rilevabili su pubblici elenchi.
    [megacut]A me quelli come te fanno paura, davvero: sono gli stessi che per incentivare l'economia e la produttività sarebbero disposti a trasformare l'Italia in una nuova Cina anche domani. Certo che in Cina è tutto più semplice, è un regime totalitario, dei diritti del cittadino te ne sbatti, fanno quello che gli si dice.Se proprio devi lamentarti, lamentati contro il parlamento europeo che non prende nessun provvidemento all'export selvaggio cinese, invece di mettere pesanti dazi doganali per salvaguardare la nostra economia, ma non prendertela con il garante della privacy, perchè è un falso problema.
  • Anonimo scrive:
    Re: Bravo Rodotà!

    mi spiace per il garante, ma per le imprese
    e le amministrazioni, la privacy non
    è una risorsa ma un costo, enorme non
    giustificato in considerazione del fatto che
    la maggior parte dei dati trattati sono dati
    comuni, rilevabili su pubblici elenchi.Ma sei sicuro di quello che dico? coma fa la mia fattura ad essere un dato rilevabile da pubblici elenchi?o il mio cv?o la lettera con cui chiedo la sostituzione di un componente difettoso minacciando interventi vari se non accontantato?o la prenotazione di beni e servizi ?questi sono dati personali che non mi risulta siano presenti in elenchi pubblici.
    Ciò nonostante vanno protetti (da chi
    e perchè?) con sistemi che spesso
    rappresentano un ennesimo costo non
    giustificato in un mondo che incontra ora la
    concorrenza di paesi tipo la Cina che la
    privacy se la ridano ringraziando dei
    continui bastoni che gli stati mettono alle
    aziende locali.ptrotezione non significa solo evitare che altri ne vengano in possesso, che già come obiettivo mi sembra più che ragionevole (privacy ) ma significa anche che siano esatti , validi e funzionali, cioè servano al processo per cui sono raccolti.la norma , non solo italiana tanto per essere chiari, permette ad esempio l'uso di banche dati connesse per via telematica , per cui i miei dati anagrafici possono risiedere presso una struttura e essere utilizzati da altri al'interno di un preciso contesto. in questo caso l'applicaizone dellanorma permette di ottimizzare i costi di gestione ed immagazzinamento del dato limitando i trasferimento solo agli indici.Parlo di banche dati centralizzate.esiste internet che è questo , mica solo un modo per mandare messaggi ad altri , ma una grande rete di condivisione di informazioni, che vista i rilievi di importanza , devono essere esatti.

    Allora mi si deve dire perchè devo
    chiedere il consenso a trattare dati quali
    ragione sociale di uan azienda, quando
    questo mis erve per emettere fattura e senza
    il consenso non posso fare la vendita.Spiegami dove è richiesto il consenso per trattare questi dati, lo hai letto nei fumetti? Nel
    momento che una azienda fa un ordine, di
    fatti autorizza ilt rattamento dei dati per
    fini amministrativi, perchè devo poi
    proteggere in armadi chiusi queste fatture?intanto perche' io ho il diritto di far sapere solo a te che abbiamo avuto una trattativa.perchè altri devono sapere che cosa e da chi compro.se altri hanno il diritto di sapere cosa compro e da chi allora io volgio sapere quante volte scopano con la moglie o le amanti; spiegami dove sta la differenza.
    A chi interessano? Bastava dire che si era
    autorizzati a trattare tutti i dati per fini
    amministrativi e pure passarli a aziende
    collegate per sempre e solo fini
    amministrativi ed era vietato senza consenso
    il trattamento dei dati per fini
    pubblicitari.devi rileggerti li principi del consenso credo che tu abbia le idee molto confuse.

    Troppo semplice, e dati sensibili, ma quanti
    dati sensibili si hanno in auna azienda
    così importanti?moltissimi Buste paga che poi i
    dipendenti si confrontanolo fanno loro come interessati tu non puoi sovrapporti al volere dell'interessato, è come se io ti imponessi di mangiare in un certo modo piuttosto che in un altro. ma che a parte chi
    le paga poi normalmente non vengono viste da
    altri perchè chiuse in uffici
    appuositi, invece ora bisogna provvedere a
    prendere armadi chiusi a chiave, dividere id
    ati sensibili mettere registri dove il
    eprsonale segna ogni accesso ecc...questo è quello che tu immagini perche' vedi la tua realtà , ma il mondo no è fatto solo da quello che vedi e rispetto a pochi ssimi anni fa internet ha già insegnato che i limiti di conoscenza di ieri sono superati oggi. le leggi servono per tutti .

    MA SIAMO RIDICOLI!!!!!! Ospedali e comuni e
    medici e tutti coloro che trattano dati
    veramente sensibili dovrebbero adottare le
    misure minime di sicurezza, perchè
    trattanod ati veramente sensibili ma gli
    altri dovevano esserne esentati.ma se tu tratti i dati di malattia di un dipendente, perchè devi essere esentato?di recentre una donna si è giustamente incazzata perchè il suo datore di lavoro conservava non solo le pescrizioni ma anche le diagnosi, che poi ha comunicato ad altri per il riconoscimento di malattia professionale.ma perchè il datore deve sapere il motivo della mia malatti?, a lui deve bastare la prescrizione del medico , tanbto il conoscere la motivaizone non fa alcuna differenza sul rapporto , è solo volgare pettegolezzo.

    Chiedere il permesso di trattare dati a fini
    amministrativi, ridicolo. Ma quale permesso? Adempini esagerati
    e costi non giustificati e il garante li
    chiama risorse? Vivere con l'incubo che un
    cliente che c'è l'ha con te per
    qualcosa ora di denunci eprchè non
    gli hai fatto firmare il modulo per il
    trattamento dati comuni all'acquisto di
    determinata merce, o quelloc he si lamenta
    per l'eccessivo costo della riparazione di
    un tv color e ti denuncia perchè non
    ha firmato il foglio di consenso al momento
    della consegna dell'apparecchio.rivolgiti ad un esperto che ti spiegerà esattamente come stanno le cose .l'obbligo fondamentale della legge è far sapere cosa fai dei dati e questo lo assolvi con la nota informativa che può essere comunicata in modi molto ma molto semplici.
    Siamo tutti pazzi, la privacy è altra
    ma oggi ci si nasconde dietro la privacy per
    delle cazzate allucinanti. Poi non
    lamentiamoci se le aziende vanno dove
    produrre costa meno in soldi e burocrazia.ottimizzare le proprie informazioni non è un costo, se lo consideri un costo è perchè non hai la conoscenza su cosa significa trattare informazioni e sopratutto su quanto ti cotsa un informazione errata. questa norma impone che le informazioni siano corrette ! e questo obbligo mi sembra molto utile.quando fu promulgata la visentini per la gestione dei magazzini tutti erano incazzati, oggi tutti usano la visentini per gestire economicamente e gestionalmente il prorio magazzino, quella legge ha permesso a molti iggnoranti di conoscere come sprecavano i soldi in immagazzinamenti errati

    Legge 626 in cina non esiste.
    1000 euro netti di stipendio contro 20
    niente legge sulla privacy
    niente norme sull'inquinamento
    solo alcuni esempi ma cominciate a
    considerare i costi di tutto ciò. si ma quanto costa alla società la gamba rotta? o il morto.quella cinesa è una società che non pone l'uomo al centro di se stessa.

    Si sta perdendo di vista il fattore
    principale, la salute va tutelata ma
    evitiamo di dare alle aziende oneri non
    necessari e giustificati.un fermo per incidente non è un grave onere? se rispetti la 626 i rischi di fermo si riducono drastica
  • Anonimo scrive:
    Re: Bravo Rodotà!
    Tu sei come il gestore della birreria dove vado sempre: "non si può più lavorare e contributi di qua e scartoffie di la e mi tocca fare l'HACCP ma ti pare che si può sopravvivere così?"Eh si perché a me consumatore interessa poco delle tue beghe, voglio prorpio che tu faccia l'HACCP in modo che io abbia una garanzia minima perché al pronto soccorso a farmi il cortisone, per filibustieri che non controllano ne l'igiene, ne la scadenza delle cose, ci sono già finito.Prentendono che si porti la retina quando si fanno i panini? E ben venga così non mi trovo più gli schifosi capelli nel panino. E così via.Certo in Cina mica le guardano tutte queste cose, magari ti servono anche un topo come brasato.
  • Anonimo scrive:
    Re: Bravo Rodotà!
    - Scritto da: cico
    Sono contento che ci sia una persona come
    Rodotà che si interroga ancora sul
    valore della privacy non scadendo nel
    pragmatisco spiccio che alcune persone
    vorrebbero applicare nell'adozione di
    tecnologie per il controllo.

    Un plauso.mi spiace per il garante, ma per le imprese e le amministrazioni, la privacy non è una risorsa ma un costo, enorme non giustificato in considerazione del fatto che la maggior parte dei dati trattati sono dati comuni, rilevabili su pubblici elenchi. Ciò nonostante vanno protetti (da chi e perchè?) con sistemi che spesso rappresentano un ennesimo costo non giustificato in un mondo che incontra ora la concorrenza di paesi tipo la Cina che la privacy se la ridano ringraziando dei continui bastoni che gli stati mettono alle aziende locali.Allora mi si deve dire perchè devo chiedere il consenso a trattare dati quali ragione sociale di uan azienda, quando questo mis erve per emettere fattura e senza il consenso non posso fare la vendita. Nel momento che una azienda fa un ordine, di fatti autorizza ilt rattamento dei dati per fini amministrativi, perchè devo poi proteggere in armadi chiusi queste fatture? A chi interessano? Bastava dire che si era autorizzati a trattare tutti i dati per fini amministrativi e pure passarli a aziende collegate per sempre e solo fini amministrativi ed era vietato senza consenso il trattamento dei dati per fini pubblicitari.Troppo semplice, e dati sensibili, ma quanti dati sensibili si hanno in auna azienda così importanti? Buste paga che poi i dipendenti si confrontano ma che a parte chi le paga poi normalmente non vengono viste da altri perchè chiuse in uffici appuositi, invece ora bisogna provvedere a prendere armadi chiusi a chiave, dividere id ati sensibili mettere registri dove il eprsonale segna ogni accesso ecc...MA SIAMO RIDICOLI!!!!!! Ospedali e comuni e medici e tutti coloro che trattano dati veramente sensibili dovrebbero adottare le misure minime di sicurezza, perchè trattanod ati veramente sensibili ma gli altri dovevano esserne esentati.Chiedere il permesso di trattare dati a fini amministrativi, ridicolo. Adempini esagerati e costi non giustificati e il garante li chiama risorse? Vivere con l'incubo che un cliente che c'è l'ha con te per qualcosa ora di denunci eprchè non gli hai fatto firmare il modulo per il trattamento dati comuni all'acquisto di determinata merce, o quelloc he si lamenta per l'eccessivo costo della riparazione di un tv color e ti denuncia perchè non ha firmato il foglio di consenso al momento della consegna dell'apparecchio.Siamo tutti pazzi, la privacy è altra ma oggi ci si nasconde dietro la privacy per delle cazzate allucinanti. Poi non lamentiamoci se le aziende vanno dove produrre costa meno in soldi e burocrazia.Legge 626 in cina non esiste.1000 euro netti di stipendio contro 20niente legge sulla privacyniente norme sull'inquinamentosolo alcuni esempi ma cominciate a considerare i costi di tutto ciò. Si sta perdendo di vista il fattore principale, la salute va tutelata ma evitiamo di dare alle aziende oneri non necessari e giustificati.
  • Anonimo scrive:
    Re: Privacy come valore?
    - Scritto da: Anonimo
    Ma siamo sicuri che la privacy sia un valore
    da difendere? Io non condivido molto. Sono
    ben altri i valori che meritano di essere
    difesi.

    E siamo sicuri che la privacy sia una
    risorsa? Secondo me no!

    Io contesto l'attuale normativa sulla
    privacy, troppo complicata e assurda che
    sottrae risorse alle imprese e ai vari enti
    per destinarle in inutili pratiche
    burocratiche fini a se stesse.
    BEEEEEEEPP (troll) detected!
  • Anonimo scrive:
    Italia ancora indietro nell'e-democracy
    http://www.radioradicale.it/primopiano.php?mostra=914Italia ancora indietro nell'e-democracy, secondo i dati del Censis.18 giugno 2004Un'Italia rimasta indietro sul fronte dell'e-democracy è quella che emerge dai dati del rapporto Rur-Censis presentato dal direttore generale dell'istituto, Giuseppe Roma e dal ricercatore Gianni Dominici. La Pubblica amministrazione non offre ancora adeguati strumenti di democrazia telematica e il Paese appare diviso in due: ampie fasce della popolazione non hanno accesso a Internet e molti enti territoriali non si sono ancora adeguati agli standard tecnologici previsti dalla legge.
  • Anonimo scrive:
    Re: Diciamo la verita' una volta per tut

    E' stato senz'altro semplicista, ma ha
    ragione sul fatto che
    in Italia chi scrive le leggi in media
    è un perverso:
    da una legge che mi pone degli obblighi io
    cittadino PRETENDO che sia scritto
    chiaramente e completamente
    il modo di essere in regola.Per quanto mi riguarda hai ragione, anche sul resto dei commenti, ma non ho mai messo in discussione ne che la burocrazia fosse fumosa, tediosa, ne che fosse fonte di danaro (come un'altro ha scritto).Ma da qui a portarla ad uno dei mali principali in fatto di competività non è si fa ridicolo populismo, ma si fa anche finta di non vedere quelli che sono stati i problemi reali che ci hanno messo in queste condizioni.In ogni caso la legge sulla privacy rimane molto importante e sarei molto più contento di vedere sparire carteggi inutili per un'infinità di altre pratiche burocratiche fini a se stesse.
  • Anonimo scrive:
    Re: Diciamo la verita' una volta per tutte
    - Scritto da: Anonimo
    Si va dal mettere in sicurezza tutti i
    computer, tutti i dati, password e sistemi
    operativi, tutto certificato e
    ... ci sono oneri tipo ... come e dove
    tenere le password, come e dove tenere dati
    sensibili, serrature e lucchetti alle porte,
    nomina di addetti responsabili e molto altro
    ... un appesantimento mostruoso di ogni
    operazione!Ma certo, guarda io proporrei di _abolire_ la protezione della privacy: avrei anche già un suggerimento: appuntare a ricamo un un simbolino colorato sulla giacca: un trinagolino rosa i gay, una stella gialla gli ebrei, un... Come? E' un sistema già usato 60 anni fa da un certo Adolf?Cerchiamo di essere seri: se le imprese non sono in grado di mettere sotto chiave i propri database, è perchè mancano di serietà professionale. Domanda: il tuo medico scrive la diagnosi delle tue malattie sui post-it e poi le appende nella bacheca dell'ambulatorio? ciaofb
  • Anonimo scrive:
    Privacy come valore?
    Ma siamo sicuri che la privacy sia un valore da difendere? Io non condivido molto. Sono ben altri i valori che meritano di essere difesi.E siamo sicuri che la privacy sia una risorsa? Secondo me no!Io contesto l'attuale normativa sulla privacy, troppo complicata e assurda che sottrae risorse alle imprese e ai vari enti per destinarle in inutili pratiche burocratiche fini a se stesse.
  • Anonimo scrive:
    Re: Diciamo la verita' una volta per tutte
    Sono d'accordo e condivido. Ci sono troppe pastoie burocratiche che frenano e rendono poco competitivo il nostro sistema industriale ed economico.
  • Anonimo scrive:
    OT. Il signor Jenkins esiste
    Berlusconi ci ha resi piu' ricchi.Saddam Hussein era amico di Bin Laden e possedeva armi di distruzione di massa.L'aria e' meno inquinata rispetto a 500 anni fa.A Milano non c'e' il problema del traffico.La mafia non esiste.Punto-Informatico odia Rodota' con tutte le sue forze.Credo possa bastare. x chi legge Dylan Dog: Jenkins, l'assistente di Bloch, esiste davvero e oggi ci ha illustrato la sua teoria calcistica Rodota' vs Punto Informatico.x il signor Jenkins: e' normale che ti senta confuso, e' il vento dell'ironia che sfreccia a 200 all'ora. E non chiedere a me perche' tutti vogliono inviarti a dirigere il traffico ...
    • La Marmotta scrive:
      Re: OT. Il signor Jenkins esiste
      - Scritto da: Anonimo
      Berlusconi ci ha resi piu' ricchi.
      Saddam Hussein era amico di Bin Laden e
      possedeva armi di distruzione di massa.
      L'aria e' meno inquinata rispetto a 500 anni
      fa.
      A Milano non c'e' il problema del traffico.
      La mafia non esiste.
      Punto-Informatico odia Rodota' con tutte le
      sue forze.Già, e poi ci sono io! :D

      Credo possa bastare. x chi legge Dylan Dog:
      Jenkins, l'assistente di Bloch, esiste
      davvero e oggi ci ha illustrato la sua
      teoria calcistica Rodota' vs Punto
      Informatico.

      x il signor Jenkins: e' normale che ti senta
      confuso, e' il vento dell'ironia che
      sfreccia a 200 all'ora. E non chiedere a me
      perche' tutti vogliono inviarti a dirigere
      il traffico ...Mitico Jenkins!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Diciamo la verita' una volta per tut
    non sara' solo quanto dici ma il peso di una burocrazia esagerata c'e' e si sente.
  • Anonimo scrive:
    Privacy
    Secondo me il problema di fondo riguarda l'atteggiamento schizofrenico di molti riguardo la privacy per cui si spendono soldi e tempo a dotarsi di sistemi di protezione da intrusioni e nel contempo si ha quasi una sorta di benevolenza nei confronti dell'hacker di turno che viola le stesse.Per cui magari si alza un polverone sulle telecamere installate in una pubblica piazza dove è un pò difficile penso rivendicare una privacy e nel contempo si tollera l'uso demenziale di telecamere,telefonini e quant'altro per carpire immagini in maniera fraudolenta.
  • LockOne scrive:
    Re: Cara Redazione: Rodota' vs PI 1-0 =)
    - Scritto da: Anonimo
    Piuttosto: cara Redazione, non sei d'accordo
    con Rodota' ?
    Pazienza.
    Ma sbeffeggiarlo o irriderlo per far valere
    le vostre opinioni e' semplicemente
    meschino.
    Vergognatevi, soprattutto quando siete voi a
    pretendere di insegnare qualcosa.eh, addirittura. sbaglio o hai appena letto il punto di vista di rodota'? e dove? ma che combinazione, su PI.
    • Anonimo scrive:
      Re: Cara Redazione: Rodota' vs PI 1-0 =)
      errato: l'ho visto ieri sera in televisione.
      • LockOne scrive:
        Re: Cara Redazione: Rodota' vs PI 1-0 =)
        - Scritto da: Anonimo
        errato: l'ho visto ieri sera in televisione.
        ah, capito. e qui invece non c'e'.
        • Anonimo scrive:
          Re: Cara Redazione: Rodota' vs PI 1-0 =)
          Ma perchè invece di starvi a scannare sulle pagine di PI, che ha dimostrato (come in questo caso) di essere un LIBERO salotto di discussione sulle reali problematiche relative ad informatica, telecomunicazioni, annessi&connessi, non vi unite per difendere questa libertà sugli altri media che sono al 96% controllati da una persona sola?PI probabilmente è l'unico media che conosco dove è possibile una concertazione, un confronto, e su molte faccende (alcune molto scottanti) trovano spazio tutti gli attori con botta e risposta che spesso arrivano ad essere composti da 4-5 interventi multilaterali. Avete visto nulla del genere da Vespa, Costanzo, Socci, etc ? E su uno dei tanti giornali di qualunque tendenza o non tendenza o finta non tendenza ("Libero"..."Il Foglio"..."Il Riformista"...bah)?Mantellini la pensa in un modo, Rodotà in un altro, amen. L'importante è che il lettore possa maturare una sua idea ascoltando tutte le campane. Credo che questa sia l'unica cosa fondamentale, e PI la realizza, come pochi in Italia.In merito alle critiche ed alle osservazioni, devo rilevare che ho grande fiducia nel Garante; in genere i suoi interventi sono provvidenziali ogni qual volta c'e' un pericolo per la privacy. Ma come tutti gli uomini non è esente da errori: tempo fa aveva ipotizzato un listone aperto di indirizzi dove non è possibile mandare posta spazzatura...."Il mio indirizzo è questo, non voglio spam".... un po' come dire ad un ladro di non entrare in una casa che ha la porta aperta. Oppure ancora l'intervento del Garante arriva troppo spesso in ritardo; i provvedimenti sono in ritardo. Insomma, per quanta fiducia possa avere nel Garante, credo che anche il Garante soffra di alcuni dei difetti tutti italiani per cui le critiche di Mantellini per alcuni versi sono valide od almeno da tenere a mente nel tempo.ciaoRenton78- Scritto da: LockOne

          - Scritto da: Anonimo

          errato: l'ho visto ieri sera in
          televisione.



          ah, capito. e qui invece non c'e'.
  • Anonimo scrive:
    Re: sms pre-elettorali
    Quello che mi stupisce è vedere gente che ancora vota questi "nazisti"
    • Anonimo scrive:
      Re: sms pre-elettorali
      preferiresti vivere in una nazione tipo "Cina" ?
      • Anonimo scrive:
        Re: sms pre-elettorali
        - Scritto da: Anonimo
        preferiresti vivere in una nazione tipo
        "Cina" ?Si ma in sto caxxo di paese si puo' solo scegliere tra il nazismo di sforza italia o un regime stile cinese??Comunque dai risultati delle elezioni sembrerebbe di si.. infatti queste hanno evidenziato che ancora circa un 30% degli italiani votanti hanno il cervello a bagnomaria.
        • Anonimo scrive:
          Re: sms pre-elettorali
          Quando si ha ragione, si ha ragione e basta!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: sms pre-elettorali
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          preferiresti vivere in una nazione tipo

          "Cina" ?

          Si ma in sto caxxo di paese si puo' solo
          scegliere tra il nazismo di sforza italia o
          un regime stile cinese??

          Comunque dai risultati delle elezioni
          sembrerebbe di si.. infatti queste hanno
          evidenziato che ancora circa un 30% degli
          italiani votanti hanno il cervello a
          bagnomaria.A me l'SMS non è sembrato altro che una versione telefonicadei vecchi "Pubblicità Progresso".La violazione della privacy non mi sembra applicabile, il governo non ha acquisito i dati degli abbonati, ha comunicatoai gestori il messaggio da inviare agli abbonati, senza schedature di sorta.La tessera elettorale voluta e votata dal centrosinistra permette agli scrutatori di avere più dati personali sul votante degli zero dati che il governo ha acquisito facendo inviare gli SMS.Se ho tolto il voto a FI e lo ho dato a un'altra formazione delcentro-destra è per ben altri motivi, non ultima la loro "postdemocristianetà" che a tratti mi irrita.
          • Anonimo scrive:
            Re: sms pre-elettorali

            A me l'SMS non è sembrato altro che
            una versione telefonica
            dei vecchi "Pubblicità Progresso".
            La violazione della privacy non mi sembra
            applicabile, il governo non ha acquisito i
            dati degli abbonati, ha comunicato
            ai gestori il messaggio da inviare agli
            abbonati, senza schedature di sortama cosa centra?!?!!la privacy non si basa solo su una schedatura o acquisto di dati personali!!!se io non voglio che mi mandino messaggi senza la mia autorizzazione sul cellulare è un mio diritto io sto tutelando la mia privacy a non essere disturbato ne privato da nessuno
          • Anonimo scrive:
            Re: sms pre-elettorali

            la privacy non si basa solo su una
            schedatura o acquisto di dati personali!!!vista dalla legge e' solo questo.
            se io non voglio che mi mandino messaggi
            senza la mia autorizzazione sul cellulare
            è un mio diritto io sto tutelando la
            mia privacy a non essere disturbato ne
            privato da nessunoallora spegni il cellulare o invita chi produce cellulari a introdurre la possibilita' di bloccare una lista di numeri e i numeri ignoti. oggi nel momento in cui accendi il tuo cellulare comunichi al tuo gestore la volonta' di ricevere telefonate e messaggi e cosi' avviene.okkupatamente vostro
    • Zaleukos scrive:
      Re: sms pre-elettorali
      - Scritto da: Anonimo
      Quello che mi stupisce è vedere gente
      che ancora vota questi "nazisti"Sai com'è...La chiamano democrazia, o meglio, libertà di scegliere a chi dare il proprio consenso... Nn è detto ke tutti la pensino allo stesso modo... Ed è divertente ke proprio ki, come te, critica anke con accenti forti (eufemismo) ki c governa oggigiorno xkè, a suo dire, nn si dimostra eccessivamente democratico, nn riesca a capire ke c'è ki magari la pensa (democraticamente) in maniera diversa sullo stesso argomento...Saluti
  • Anonimo scrive:
    Re: mi spiegate una cosa?

    ma allora dove sta la violazione della
    privacy?non violi la legge sulla privacy se non comunichi a terzi i dati dell'interessato senza essere stato autorizzato (ad es. con il classico CC in chiaro delle e-mail), che è in pratica IL classico trattamento che può fare un privatoperò magari rompi le palle a chi riceve il messaggio non desiderato... violi la legge della simpatia?!? : -)(sempreché non sia un messaggio commerciale, allora cambia la questione)andrea
    • Anonimo scrive:
      Re: mi spiegate una cosa?


      ma allora dove sta la violazione della

      privacy?
      non violi la legge sulla privacy se non
      comunichi a terzi i dati dell'interessato
      senza essere stato autorizzatobenissimo, allora dove sta la violazione della privacy nel caso dei messaggini elettorali?
      però magari rompi le palle a chi
      riceve il messaggio non desiderato... violi
      la legge della simpatia?!? : -)allora per coerenza bisognerebbe piantare una grana ogni volta che vodafone manda sms con informazioni sul servizio.okkupatamente vostro
      • Anonimo scrive:
        Re: mi spiegate una cosa?

        benissimo, allora dove sta la violazione
        della privacy nel caso dei messaggini
        elettorali?nessuna violazione, solo rottura di c. inoltre poi il nostro caro presidente ha ammesso candidamente che il calo di fi è dovuto all'astensione...ah ecco a che servivano i messaggini
        allora per coerenza bisognerebbe piantare
        una grana ogni volta che vodafone manda sms
        con informazioni sul servizio.

        infatti puoi disattivare l'opzione
        • Anonimo scrive:
          Re: mi spiegate una cosa?


          benissimo, allora dove sta la violazione

          della privacy nel caso dei messaggini

          elettorali?
          nessuna violazione, solo rottura di c.e' una maggior rottura di c. l'sms della suocera che un sms con l'orario di voto quindi non nascondiamoci dietro un dito e diciamolo chiaro e tondo che e' solo una scusa per fare critiche all'avversario politico (d'altra parte la sinistra dice chiaro e tondo che fa alleanze "per vincere berlusconi").
          inoltre poi il nostro caro presidente ha
          ammesso candidamente che il calo di fi
          è dovuto all'astensione...ah ecco a
          che servivano i messagginiquesta e' la scusa per salvare la faccia visto che siamo stati il secondo (o terzo) paese per affluenza alle urne.

          allora per coerenza bisognerebbe

          piantare una grana ogni volta che

          vodafone manda sms con

          informazioni sul servizio.
          infatti puoi disattivare l'opzioneaspetta che mi fai venire in mente i moduli che alcuni militanti di sinistra distribuiscono tipo volantini per chiedere la cancellazione dagli elenchi e i danni a chi ne ha fatto uso non autorizzato. tenendo conto che l'sms e' partito dai gestori e non dal governo come qualche zuccone pensa quel modulo chiederebbe i danni a tim, vodafone e wind e chiederebbe sempre a tim, vodafone e wind di cancellare i dati del proprio abbonamento. una cosa intelligente insomma!okkupatamente vostro
  • Anonimo scrive:
    mi spiegate una cosa?
    se chiedo ad un amico di inviare da parte mia un sms a tutti i suoi contatti in rubrica violo la privacy di qualcuno?non vengo a sapere i numeri di chi ricevera' il mio sms (non mi occorre saperlo perche' fa tutto il mio amico)non vengo a sapere l'identita' di chi ricevera' il mio sms (non mi occorre saperlo perche' fa tutto il mio amico)non vengo a sapere gli indirizzi, i gusti, le abitudini di chi ricevera' il mio sms... (magari non li sa manco il mio amico)ma allora dove sta la violazione della privacy?okkupatamente vostro
  • Anonimo scrive:
    Cara Redazione: Rodota' vs PI 1-0 =)
    Rodota' m sembra, in un panorama desolante, una persona seria, e trovo sensate le sue affermazioni su un'accetazione a piccoli passi della tecnologia, specialmente quando questa rischia di invadere la nostra privacy senza che ce ne accorgiamo.Piuttosto: cara Redazione, non sei d'accordo con Rodota' ?Pazienza.Ma sbeffeggiarlo o irriderlo per far valere le vostre opinioni e' semplicemente meschino.Vergognatevi, soprattutto quando siete voi a pretendere di insegnare qualcosa.Saluti.
  • Anonimo scrive:
    siamo sicuri che talebano era in q. sens
    ma siamo sicuri che il modo in cui MAntellini ha usato la parola fosse quello inteso in questo caso dal garante?io no.
  • Anonimo scrive:
    sms pre-elettorali
    come la mettiamo?i prossimi sms sul canone rai?e i prossimi ancora?naturalmente rodotà non può denunciare chi lo tiene li per aver violato la mia privacy..
  • cico scrive:
    Bravo Rodotà!
    Sono contento che ci sia una persona come Rodotà che si interroga ancora sul valore della privacy non scadendo nel pragmatisco spiccio che alcune persone vorrebbero applicare nell'adozione di tecnologie per il controllo.Un plauso.
  • Anonimo scrive:
    Privacy e telefono
    Stasera mi è arrivana una strana telefonata, era la pubblicità di un vino, ma chi autorizza ste persone a fare ste cose?
    • Tecnomaya scrive:
      Re: Privacy e telefono
      - Scritto da: Jack Rackham
      Stasera mi è arrivana una strana
      telefonata, era la pubblicità di un
      vino, ma chi autorizza ste persone a fare
      ste cose?A te una sola? a me un paio a settimana altro che spam su internet!
      • Anonimo scrive:
        Re: Privacy e telefono
        non lo possono fare così "di colpo", prima devo chiedervi se volete accettare un messaggio pubblicitariose dite no, arrivederci, se dite sì loro rispettano la leggeidem per messaggi scritti.per le aziende (B2B per intenderci) invece è il contrario, possono farlo fino a quando non si dice no grazie.: -)andrea
        • Anonimo scrive:
          Re: Privacy e telefono
          -
          per le aziende (B2B per intenderci) invece
          è il contrario, possono farlo fino a
          quando non si dice no grazie.
          Questa è interessante: dove trovo maggiori informazioni a riguardo?Ciao - Giorgio
          • Anonimo scrive:
            Re: Privacy e telefono
            - Scritto da: Anonimo

            -
            per le aziende (B2B per intenderci)
            invece

            è il contrario, possono farlo
            fino a

            quando non si dice no grazie.


            Questa è interessante: dove trovo
            maggiori informazioni a riguardo?
            Ciao - Giorgiodi leggi la legge 196/2003 come goni buon cristiano :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Privacy e telefono
      Lascia stare...Piuttosto, non hai ancora risposto alla domanda: preferisci i rossi, i bianchi o i rosati?- Scritto da: Jack Rackham
      Stasera mi è arrivana una strana
      telefonata, era la pubblicità di un
      vino, ma chi autorizza ste persone a fare
      ste cose?
    • Anonimo scrive:
      Re: Privacy e telefono
      Ecco un esempio di spam telefonico, un comportamento che andrebbe punito con sanzioni salatissime da parte del Garante. Non è giusto che io venga disturbato al telefono da aziende che propongono vendite di prodotti ai quali non sono interessato. E' uno stillicidio che va bloccato prontamente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Privacy e telefono
        - Scritto da: Anonimo
        Ecco un esempio di spam telefonico, un
        comportamento che andrebbe punito con
        sanzioni salatissime da parte del Garante.
        Non è giusto che io venga disturbato
        al telefono da aziende che propongono
        vendite di prodotti ai quali non sono
        interessato. E' uno stillicidio che va
        bloccato prontamente.Mi sono ricordato la marca, era tale vino giordano, era un messaggio automatico che tra le altre cose mi ha tenuto la linea impegnata per circa due minuti, perchè anche se io chiudevo il sistema dall'altro lato non riagganciava.
  • Anonimo scrive:
    PRIMO
    HO VINTO!!!!:)
    • Anonimo scrive:
      Re: PRIMO
      - Scritto da: Anonimo
      HO VINTO!!!!:)clapclapclap
      • cico scrive:
        Re: PRIMO


        HO VINTO!!!!:)

        clapclapclapOra di domani sera sarà in coda a 200 msg :-)updated mi pento di essere andato in OT facendo apologia di post in OT 8)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 aprile 2006 22.19-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti