Download/ Sei volte utility

Gestire icone, cartelle di sistema, partizioni e analisi del disco. Tutto gratuito, e qualcosa multipiattaforma

a cura di PI Download

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma quanto inquinano?
    So piccoli ma quanto inquinano sono biodegradabili?
  • Anonimo scrive:
    il senso dell'articolo
    L'occhio del grande fratello può nascondersi ovunque. Purtroppo per molti anni si è considerato 1984 un libro di fantascienza e ora molti ci ridono sopra, ma la cruda realtà sta prendendo forma... Ovvero, la realtà si sta deformando in tanti piccoli pezzettini chiamati informazione digitale. Assemblando questi pezzettini le persone vengono ricostruite e giudicate per quello che non sono. Benvenuti nel mondo post-reale!
    • Anonimo scrive:
      Re: il senso dell'articolo
      - Scritto da:
      L'occhio del grande fratello può nascondersi
      ovunque. Purtroppo per molti anni si è
      considerato 1984 un libro di fantascienza e ora
      molti ci ridono sopra, ma la cruda realtà sta
      prendendo forma... Ovvero, la realtà si sta
      deformando in tanti piccoli pezzettini chiamati
      informazione digitale. Assemblando questi
      pezzettini le persone vengono ricostruite e
      giudicate per quello che non sono. Benvenuti nel
      mondo
      post-reale!Quoto
  • Anonimo scrive:
    nel trasporto pubblico ci sono da tempo
    non so dove stavate guardando siore e siori, ma da anni ormai gli RFID si usano nel trasporto pubblico in tutte le grandi metropoli, a Londra le carte Oyster, a Parigi, Honk Kong, ma anche nelle nostre piccole Milano, Torino, Bologna... ma scusate, ve ne accorgete adesso che sono in tutte le tessere ? cosa pensate che siano le carte "contactless"? E comunque, scusate, qual'e' il problema degli RFID? I passivi intendo, quelli che vengono letti a 30-40 cm max? Qual'e' la sostanziale differenza che li rendono un pericolo per la privacy rispetto - per esempio - alla carta di credito? E' un "pericolo" solo teorico, mi pare che i pericoli per la liberta' e la privacy siano ben altri.p.
    • Anonimo scrive:
      Re: nel trasporto pubblico ci sono da te
      - Scritto da:
      non so dove stavate guardando siore e siori, ma
      da anni ormai gli RFID si usano nel trasporto
      pubblico in tutte le grandi metropoli, Ma che c'entra?
  • Anonimo scrive:
    anche a Gardaland
    ne ho visti per terra a Grdaland, ma sebravano inseriti apposta....
  • bandg4p scrive:
    Noi messi male?
    Il primo messo male sei tu. Intanto per strada si guarda dritto davanti a se per incrociare lo sguardo di qualche bella gnocca, altro che per terra!Poi sei proprio paranoico (e pure 'gnorantello)...RFID spioni? Maddechè?? Sono tali e quali ad un telepass, ne più ne meno.
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: Noi messi male?

      Intanto per strada si
      guarda dritto davanti a se per incrociare lo
      sguardo di qualche bella gnocca, altro che per
      terra!Così si pesta mezzo chilo di feci di qualche rottweiler, e bestemmiando butti via un paio di scarpe.La gnocca ti prende per uno dei tanti affetti da turbe mentali che infestano le metropoli, e non la cucchi comunque.
    • Anonimo scrive:
      Re: Noi messi male?
      - Scritto da: bandg4p
      Il primo messo male sei tu. Intanto per strada si
      guarda dritto davanti a se per incrociare lo
      sguardo di qualche bella gnocca, altro che per
      terra!
      Poi sei proprio paranoico (e pure
      'gnorantello)...RFID spioni? Maddechè?? Sono tali
      e quali ad un telepass, ne più ne
      meno.
      di solito chi predica bene razzola male ..RFID oggi sono innoqui ma domani chi lo sa.. volendo puoi essere rintracciato.. già è possibile oggi con una semplice triangolazione figuriamoci domani con qualche nano tecnologia nel mondo commerciale melius abusare quam deficere
      • Anonimo scrive:
        Re: Noi messi male?
        - Scritto da:

        - Scritto da: bandg4p

        Il primo messo male sei tu. Intanto per strada
        si

        guarda dritto davanti a se per incrociare lo

        sguardo di qualche bella gnocca, altro che per

        terra!

        Poi sei proprio paranoico (e pure

        'gnorantello)...RFID spioni? Maddechè?? Sono
        tali

        e quali ad un telepass, ne più ne

        meno.



        di solito chi predica bene razzola male ..te compreso...
        RFID oggi sono innoqui ma domani chi lo sa..anche le caramelle sono dannose se ne mangi 5 kg al giorno
        volendo puoi essere rintracciato.. già è
        possibile oggi con una semplice triangolazione
        figuriamoci domani con qualche nano tecnologiacosa c'entrano gli RFID con le nano-tecnologie?
        nel mondo commerciale melius abusare quam deficeremah....
  • Anonimo scrive:
    Che presunzione...
    ...definire un antenna per card contactless una prova del fatto che siamo già invasi dagli rfid.Queste antenne si usano pure nei badge aziendali di molte aziende senza parlare delle etichette antitaccheggio che si applicano da anni in libri e riviste.E bravo il nostro Sherlock Holmes...
  • Anonimo scrive:
    scarpe
    io ne ho trovato uno sotto la soletta di una scarpa, dopo mesi che l'avevo comprata...
  • Anonimo scrive:
    basta paranoie....
    ma sta gente che scrive sti articoli sulla privacy violata non ha niente da fare che crearsi ste paranoie da malato mentale?
    • Anonimo scrive:
      Paranoia? Forse no...
      - Scritto da:
      ma sta gente che scrive sti articoli sulla
      privacy violata non ha niente da fare che
      crearsi ste paranoie da malato
      mentale?Ci ha solo scritto che certe tecnologie, delle quali si discute per la loro importanza *potenziale* sulla società, alla chetichella entrano nella vita di tutti i giorni (e pure ne escono, se davvero quello per terra era un RFID distrutto).Comunque la privacy è quella cosa che non interessa a nessuno, finchè non viene violata la propria... Guarda come si sono improvvisamente svegliati sul tema della privacy i nostri deputati, beccati a legiferare contro le droghe mentre ne usano in abbondanza, oppure tutte le lobbies che hanno subito chiesto la distruzione delle (illegali, infatti) intercettazioni telefoniche che scoperchiavano la loro pentola...La società è un organismo complesso e imperfetto, che per convenienza deve nascondere giornalmente imperfezioni ed errori (e smascherarne altri, secondo criteri ed opportunità non sempre condivisibili). Non è una formula matematica dal risultato incontestabile, quindi non consente un approccio "nudo e trasparente". La privacy è IMHO come un esercizio di equilibrismo di piatti ruotanti di un giocoliere, e tutti devono muoversi (e parlarne) per non far cadere a terra (e in cocci) ciò a cui teniamo. Non tutti i movimenti sono utili, non tutti sembrano avere uno scopo, ma se il piatto resta a ruotare sul bastone... why not? ;)
      • SardinianBoy scrive:
        Re: Paranoia? Forse no...


        Comunque la privacy è quella cosa che non
        interessa a nessuno, finchè non viene violata la

        Non è una formula matematica dal risultato
        incontestabile, quindi non consente un approccio
        "nudo e trasparente".

        La privacy è IMHO come un esercizio di
        equilibrismo di piatti ruotanti di un giocoliere,
        e tutti devono muoversi (e parlarne) per non far
        cadere a terra (e in cocci) ciò a cui teniamo.
        Non tutti i movimenti sono utili, non tutti
        sembrano avere uno scopo, ma se il piatto resta a
        ruotare sul bastone... why not?
        ;)Siamo tutti Spiati! "Per ognuno di noi esistono dossier informativi con una infinità di notizie individuali catalogate "Ognuno di noi, dalla nascita alla morte, è fatto oggetto di un sistematico controllo da parte di una moltitudine di soggetti, statali e non.La moderna tecnologia, e una legislazione assai permissiva nonostante la recente legge sulla privacy, permettono di effettuare immense raccolte di dati quasi sempre a nostra insaputa.E l'Autority sulla privacy dorme e a questo punto mi chiedo a cosa c.a.z.z.o. serve l'autority sulla privacy se non quello di dare stipendi milionari ad un gruppo di parrucconi che per quanto mi riguarda stanno li a tirarsi le seghe alla faccia dei milioni di cittadini italiani.Quando George Orwell, nel suo celeberrimo romanzo 1984 raccontava di una società in cui ognuno era perennemente spiato in ogni attività dal famoso «Grande Fratello», certo non si sarebbe aspettato che un giorno quella mostruosità si sarebbe concretizzata in modo tanto simile. Leggete quel libro, prima o poi anche noi faremo la fine del protagonista, con una telecamera in casa che ci guarda e ci impartisce ordini.CXomuqnue, nessuna paranoia.(amiga)(amiga)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 ottobre 2006 11.48-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: Paranoia? Forse no...
        - Scritto da:
        - Scritto da:

        ma sta gente che scrive sti articoli sulla

        privacy violata non ha niente da fare che

        crearsi ste paranoie da malato

        mentale?

        Ci ha solo scritto che certe tecnologie, delle
        quali si discute per la loro importanza
        *potenziale* sulla società, alla chetichella
        entrano nella vita di tutti i giornialla chetichella? personalmente sono ben al corrente degli usi degli RFID
      • bandg4p scrive:
        Re: Paranoia? Forse no...
        Ma quale privacy? Mica c'è scritto il tuo nome e cognome su una tessera a perdere dell'autobus (o su un dispositivo anti taccheggio)!Paranoia, forse sì.
    • Anonimo scrive:
      Re: basta paranoie....
      - Scritto da:
      ma sta gente che scrive sti articoli sulla
      privacy violata non ha niente da fare che
      crearsi ste paranoie da malato
      mentale?no, speriamo che continuino, a me piacciono molto e non permetterti di parlare cosi'
      • SardinianBoy scrive:
        Re: basta paranoie....
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        ma sta gente che scrive sti articoli sulla

        privacy violata non ha niente da fare che

        crearsi ste paranoie da malato

        mentale?

        no, speriamo che continuino, a me piacciono molto
        e non permetterti di parlare
        cosi'Non sono paranoie.Sono solamente informazioni per educare e informare le persone sui rischi contro la privacy, o comunque sulla violazione della propria privacy.Se vai sul sito www.interlex.it si parla di Telecom, privacy e (in)sicurezza ; Io ci tengo alla mia privacy, come del resto i lettori di P.I., bello e utilissimo sito di info. Tu, invece se vuoi far sapere anche quante volte vai al bagno, beh..accomodati!
        • Anonimo scrive:
          Re: basta paranoie....
          - Scritto da: SardinianBoy
          Non sono paranoie.Sono solamente informazioni per
          educare e informare le persone sui rischi contro
          la privacy, o comunque sulla violazione della
          propria privacy.guarda che non stiamo mica parlando di RFID sottopelle... che problemi di privacy ci sono su una tessera per l'autobus non nominativa, o per un libro che ha l'RFID per l'antitaccheggio?Perché piuttosto non lamentarsi delle carte di credito, o del cellulare? se hai un cellulare acceso si può triangolare la tua posizione con una precisione di 5-10 metri. L'elenco movimenti della tua carta di credito ci dice tutti i posti ove sei stato (e anche cos'hai fatto...)
          • SardinianBoy scrive:
            Re: basta paranoie....
            violazione della

            propria privacy.

            guarda che non stiamo mica parlando di RFID
            sottopelle... che problemi di privacy ci sono su
            una tessera per l'autobus non nominativa, o per
            un libro che ha l'RFID per
            l'antitaccheggio?

            Perché piuttosto non lamentarsi delle carte di
            credito, o del cellulare? se hai un cellulare
            acceso si può triangolare la tua posizione con
            una precisione di 5-10 metri. L'elenco movimenti
            della tua carta di credito ci dice tutti i posti
            ove sei stato (e anche cos'hai
            fatto...)Amico mio,nel mio blog ho messo un articolo sulla fine della nostra privacy:www.bloggers.it/thepoweroflinux .....e comunque non è la carta di credito o il telefono che mi preoccupano.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: basta paranoie....
            Che ne dite delle telecamere onnipresenti a vigilare sugli accessi dei centri storici, sugli autovelox ecc..Non c'è bisogno di scomodare i Rfid, che poi anche questi possano essere utilizzati in modo malizioso per tracciare (o aiutare a tracciare insieme ad altri strumenti tipo cellulari, telecamere carte di credito ecc..) la vita di ciascuno di noi....Sono molte le tecnologie moderne con potenzialità spiogene, effettivamente il garante della Privacy mi sembra sensibile solo a garantirsi la Sua Privacy es. quanti soldi cucca al mese per il suo non lavoro?
          • Anonimo scrive:
            Re: basta paranoie....
            - Scritto da: SardinianBoy
            violazione della


            propria privacy.



            guarda che non stiamo mica parlando di RFID

            sottopelle... che problemi di privacy ci sono su

            una tessera per l'autobus non nominativa, o per

            un libro che ha l'RFID per

            l'antitaccheggio?



            Perché piuttosto non lamentarsi delle carte di

            credito, o del cellulare? se hai un cellulare

            acceso si può triangolare la tua posizione con

            una precisione di 5-10 metri. L'elenco movimenti

            della tua carta di credito ci dice tutti i posti

            ove sei stato (e anche cos'hai

            fatto...)



            Amico mio,nel mio blog ho messo un articolo sulla
            fine della nostra
            privacy:
            www.bloggers.it/thepoweroflinux
            .....e comunque non è la carta di credito o il
            telefono che mi
            preoccupano.se è per quello, a me non mi preoccupano neanche gli RFID...
          • SardinianBoy scrive:
            Re: basta paranoie....
            se è per quello, a me non mi preoccupano neanche gli RFID...neppure a me,non sono infatti gli RfID a destare preoccupazione,in quanto servono solo per tenere traccia di una merce.E fin quà tutto bene.E Un giorno ci imporranno, obbligatoriamente, l'innesto di una pulce per rispettare la sicurezza nazionale! (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • Anonimo scrive:
            Re: basta paranoie....
            a- Scritto da:

            - Scritto da: SardinianBoy

            violazione della



            propria privacy.





            guarda che non stiamo mica parlando di RFID


            sottopelle... che problemi di privacy ci sono
            su


            una tessera per l'autobus non nominativa, o
            per


            un libro che ha l'RFID per


            l'antitaccheggio?





            Perché piuttosto non lamentarsi delle carte di


            credito, o del cellulare? se hai un cellulare


            acceso si può triangolare la tua posizione con


            una precisione di 5-10 metri. L'elenco
            movimenti


            della tua carta di credito ci dice tutti i
            posti


            ove sei stato (e anche cos'hai


            fatto...)







            Amico mio,nel mio blog ho messo un articolo
            sulla

            fine della nostra

            privacy:

            www.bloggers.it/thepoweroflinux

            .....e comunque non è la carta di credito o il

            telefono che mi

            preoccupano.

            se è per quello, a me non mi preoccupano neanche
            gli
            RFID...a me preoccupano gli schermi del pc, odio che mi facciano dei primi piani
  • Anonimo scrive:
    Quindi?
    Onestamente non capisco il senso di questo articolo... a volte PI mi sorprende per la publicazione di certe "notizie"(?) che sembrano dei riempitivi oppure sembrano buttate lì solo per attirare lettori (magari perché l'argomento "tira"). A parte ciò, quell'RFID quadrato che si vede per strada, IMHO è un antitaccheggio come ce ne sono da 8-10 anni (li ricordo appiccicati nei libri della libreria universitaria). Cosa voleva dirci l'autore dell'articolo? Che si parla tanto di RFID e poi si usa poco? Forse è poco informato, perché di usi ce ne sono molti... mah...
    • Anonimo scrive:
      Re: Quindi?
      non so se sei un troll ...ma forse l'articolo lo dovresti rileggere....direi che non hai afferrato ne' il senso dell'articolo...ne di conseguenza la sua importanza...giobbe
      • Anonimo scrive:
        Re: Quindi?
        - Scritto da:
        non so se sei un troll ...ma forse l'articolo lo
        dovresti
        rileggere....

        direi che non hai afferrato ne' il senso
        dell'articolo...ne di conseguenza la sua
        importanza...



        giobbeSi' Si', capisci solo tu...
      • Ubu re scrive:
        Re: Quindi?
        - Scritto da:
        non so se sei un troll ...ma forse l'articolo lo
        dovresti
        rileggere....

        direi che non hai afferrato ne' il senso
        dell'articolo...ne di conseguenza la sua
        importanza...



        giobbeCiao Giobbe,non sono completamente d'accordo a metà con ha iniziato il thread, ma devo ammettere che non ho capito l'articolo.In sintesi:MC ha trovato un tag rotto per terra. Stupore, ma stupore, ma stupore, non era di un biglietto dell'autobus.Fine dell'articolo.Giobbe, dammi un aiutino. Da solo non ci arrivo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Quindi?
          - Scritto da: Ubu re

          non sono completamente d'accordo a metà con ha
          iniziato il thread, ma devo ammettere che non ho
          capito
          l'articolo.

          In sintesi:
          MC ha trovato un tag rotto per terra.
          Stupore, ma stupore, ma stupore, non era di un
          biglietto
          dell'autobus.
          Fine dell'articolo.

          Giobbe, dammi un aiutino. Da solo non ci arrivo.MC ha trovato un tag rotto per terra. Pensava fosse quello di una carta molto diffusaCe ne sono tante, allora siamo messi maleSpiega come e' fattaOops, l'RFID non e' di quellaAllora ci sono altri impieghi non noti a MC Allora ci sono piu' RFID di quelle che MC sapevaAllora non stiamo male, stiamo peggioIo l'ho capito cosi'
          • Anonimo scrive:
            Re: Quindi?
            - Scritto da:
            MC ha trovato un tag rotto per terra.
            Pensava fosse quello di una carta molto diffusa
            Ce ne sono tante, allora siamo messi male
            Spiega come e' fatta
            Oops, l'RFID non e' di quella
            Allora ci sono altri impieghi non noti a MC
            Allora ci sono piu' RFID di quelle che MC sapevaIl che significa che chi ha fatto l'articolo è poco informato sugli RFID, come detto da chi ha iniziato il thread
            Allora non stiamo male, stiamo peggioe perché mai?
          • Ubu re scrive:
            Cassata?
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            MC ha trovato un tag rotto per terra.

            Pensava fosse quello di una carta molto diffusa

            Ce ne sono tante, allora siamo messi male

            Spiega come e' fatta

            Oops, l'RFID non e' di quella

            Allora ci sono altri impieghi non noti a MC

            Allora ci sono piu' RFID di quelle che MC sapeva

            Il che significa che chi ha fatto l'articolo è
            poco informato sugli RFID, come detto da chi ha
            iniziato il
            thread


            Allora non stiamo male, stiamo peggio

            e perché mai?Non ho scritto per fare della sterile polemica, ma per fare della sana e prolifica polemica :).Io ritengo che gli RFID non siano altro che il nuovo codice a barre.Sarà ingenuità, ma il trovare per terra un codice a barre o un RFID non mi provoca nessuna reazione d'ansia. Se nello svegliarmi mi accorgo di avere un codice a barre tatuato in fronte o un rfid sotto pelle, si, questo mi può provocare una certa reazione d'ansia. In ogni caso sarete d'accordo nel dire che L'RFID sarebbe un gradevole passo avanti.Ma non ho scritto solo per dire ciò. Ho scritto per commentare la sconvolgente notizia in cui MC comunica di essere la nuova Cassandra.Ecco, questa si che è una triste notizia! perché, per carità anche Cassandra diceva le sue boiate, ma almeno era una bella gnocca.Ora manco quello.Evidentemente i tempi cambiano e come potete immaginare non può essere un rfid sbudellato su un marciapiedi a potermi intristire.PSGrazie a chi mi ha spiegato la notizia. Temevo di averla capita. :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Quindi?
        - Scritto da:
        non so se sei un troll ...ma forse l'articolo lo
        dovresti
        rileggere....

        direi che non hai afferrato ne' il senso
        dell'articolo...ne di conseguenza la sua
        importanza...Beh, visto che sembrerebbe siano in molti quelli che non l'hanno capito, magari spiegacelo tu, invece di postare commenti inutili
        • Anonimo scrive:
          Re: Quindi?

          Beh, visto che sembrerebbe siano in molti quelli
          che non l'hanno capito, magari spiegacelo tu,
          invece di postare commenti
          inutilichi e' causa del suo male pianga se stessogiobbe
          • Anonimo scrive:
            Re: Quindi?
            - Scritto da:


            Beh, visto che sembrerebbe siano in molti quelli

            che non l'hanno capito, magari spiegacelo tu,

            invece di postare commenti

            inutili


            chi e' causa del suo male pianga se stessoquesto vuol dire che non lo sai neanche tu...
    • Anonimo scrive:
      Re: Quindi?
      - Scritto da:
      Onestamente non capisco il senso di questo
      articolo... a volte PI mi sorprende per la
      publicazione di certe "notizie"(?) che sembrano
      dei riempitivi oppure sembrano buttate lì solo
      per attirare lettori (magari perché l'argomento
      "tira")tu non sai di cosa parli. questi temi sono interessanti ed e' irrilevante che tu non capisca il senso della loro pubblicazione. vai pure a leggere ziobudda.net
      • Anonimo scrive:
        Re: Quindi?
        - Scritto da:

        Onestamente non capisco il senso di questo

        articolo... a volte PI mi sorprende per la

        publicazione di certe "notizie"(?) che sembrano

        dei riempitivi oppure sembrano buttate lì solo

        per attirare lettori (magari perché l'argomento

        "tira")

        tu non sai di cosa parli. io lo so benissimo, perché li uso gli RFID
        questi temi sono
        interessantisicuramente
        ed e' irrilevante che tu non capisca
        il senso della loro pubblicazione.parlare di RFID è sicuramente interessante... questo articolo non è interessante...visto che sono ignorante, spiegamelo tu il senso di questo articolo: a me non pare molto rilevante il fatto che chi l'ha scritto non sa riconoscere quello che (visto in foto) sembra un semplice RFID da antitaccheggio
        vai pure a leggere ziobudda.netmai letto
  • Anonimo scrive:
    Articolo...
    ...inutile!
  • Anonimo scrive:
    Sono quelli antitaccheggio
    come da oggetto. Ci sono ormai da almeno 3/4 anni.Non credo siano propriamenti rfid.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono quelli antitaccheggio
      - Scritto da:
      come da oggetto.

      Ci sono ormai da almeno 3/4 anni.

      Non credo siano propriamenti rfid.Se per "propriamente" intendi che non hanno matricole riconoscibili e all'atto legale non sono tecnicamente qualificabili come antiT, allora vero.Se invece intendi che non possono eventualmente essere usati a questo scopo... beh, tutto e' possibile...
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono quelli antitaccheggio
      - Scritto da:
      come da oggetto.

      Ci sono ormai da almeno 3/4 anni.

      Non credo siano propriamenti rfid.il fatto che sia usato per antitaccheggio non esclude certo che sia RFID.. anzi... è abbastanza comodo come sistema antitaccheggo (se ha un antenna abbastanza larga..)
      • Matx scrive:
        Re: Sono quelli antitaccheggio
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        come da oggetto.



        Ci sono ormai da almeno 3/4 anni.



        Non credo siano propriamenti rfid.
        il fatto che sia usato per antitaccheggio non
        esclude certo che sia RFID.. anzi... è abbastanza
        comodo come sistema antitaccheggo (se ha un
        antenna abbastanza
        larga..)No, quelli usati per l'antitaccheggio nei negozi di abbigliamento (intendo quelli che quando vai alla cassa li tolgono dal vestito) non sono veri e propri rfid, perchè non hanno il chip e quindi non hanno memoria, numero di matricola o robe del genereQuesti falsi rfid vengono usati perchè non avendo nessun chip ovviamente costano di meno e perchè tanto deve essere rilevata solo la loro presenza, quindi non serve che contengano altre informazioni tipo il prezzoHanno però un antenna come quella dei veri rfid, quindi potrebbero essere confusi... (come mi sa che ha fatto Cassandra :D )
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono quelli antitaccheggio
        Contro il taccheggio di che, di una tessera dell'autobus?
        • Anonimo scrive:
          Re: Sono quelli antitaccheggio
          - Scritto da:
          Contro il taccheggio di che, di una tessera
          dell'autobus?
          svegliaaaa!!!!!!quello per terra è un antitaccheggio...
Chiudi i commenti