Download/ Tutto un altro XP (seconda parte)

Ormai l'eXPerienza è stata fatta, è ora di manomettere il sistemone. Again and again


StyleXP (shareware 20$ per WindowsXP, 6003k)
Guarda che Luna, riguarda che Luna, guarda ancora la Luna.. e poi non ne puoi più! Per quanto l’aspetto di XP possa a prima vista piacere.. il tema “Luna” ha fatto il suo tempo e questo piccolo e potente programmino corre in soccorso degli edonisti digitali.

StyleXP usa il sistema integrato di XP che gestisce i temi e le personalizzazioni della forma delle finestre e del desktop, e tramite una semplice interfaccia permette di modificare in pochi secondi la schermata iniziale, il tema di Windows e gli sfondi. Decine e decine di temi belli e meno belli sono disponibili su siti come http://www.ThemeXP.org da guardare subito per rendersi conto dei risultati ottenibili. Con StyleXP sarà presto possibile anche gestire i suoni, i salvaschermo ed i cursori. In altre parole: tutto il superfluo in punta di clic!

Visto che l’occhio vuol sempre la sua parte, altrimenti si addormenta, vale la pena provare che effetto fa lavorare su XP con un altro aspetto, che magari scimmiotta altri sistemi operativi tanto piu stilosi. Tanto per frenare le smanie dei cyberinvidiosetti…

Una volta installato, il programma si attiva automaticamente insieme a XP e, a detta dei produttori, usare i temi di XP detti “Visual Styles” non rallenta il sistema… non più di quanto già lo faccia il tema “Luna” (e chi non ha un computer comprato l’altroieri sa di cosa sto parlando).

Visto che StyleXP è disponibile in prova per 30 giorni completamente funzionante, e visto che si tratta di un programma che non aggiunge nessuna funzione ad XP se non il piacere di un aspetto diverso, l’unico vero modo per capire se vale la pena o meno spendere i 20 dollari della registrazione è scaricarlo, installarlo, guardarsi i temi inclusi (che sono molto belli!) o scaricarne altri e, come sempre, “stupire i vostri amici”.

Chi volesse costruire un tema da zero, o modificare un tema esistente ottenendone praticamente infinite varianti, può raddoppiare la spesa accaparrandosi StyleBuilder per lo stesso prezzo.


TweakNow PowerPack 2003 Standard (Shareware 25$ per Windows Xp, 2879k)
Pacchetto di utility, tutte inglobate in una comoda e ordinata interfaccia, che permettono di mettere le mani un po’ dappertutto dentro XP, o di eseguire alcune azioni anche per migliorarne le prestazioni. Come sempre, in questo tipo di utility abbondano le opzioni per smanettoni maniacali (o qualcuno ha veramente la necessità di rimuovere voci dalla finestra “Schermo” del pannello di controllo?), ma l’importante è che PowerPack contiene anche piccole chicche come Ram Idle Professional, per gestire al meglio la memoria di Windows, o un sistema di gestione di dekstop virtuali, e una utility che permette di visualizzare le dimensioni di tutte le cartelle presenti in un determinato disco con pochi click.

L’interfaccia propone le opzioni di “settaggio” raggruppate per tipologia, cominciando per “Control Panel” (modifiche del Pannello di Controllo di Windows), Special Tools (spegnimento automatico del Pc, dischi virtuali, modifica dei programmi che partono insieme a Windows e altro ancora), System Tweaks (gestione Ram e “calibratura” di Windows), Desktop and Explorer (modifica del menu contestuale, gestione icone e altro), Internet (per ottimizzare la connessione), System Info e Windows Cleaner (per lavare a fondo i dischi, eliminare file superflui ed altro ancora). Tutte le opzioni e bottoncini da cliccare sono a volte un po’ troppo brevemente descritti nella guida, rigorosamente in inglese come il programma.

Il PowerPack è disponibile in prova per 10 giorni, o per 45 uilizzi, sia in versione Standard solo per Xp che in versione “pro” compatibile per tutti i Windows che però costa 5 dollari in più.

ClearTweak (gratuito per WindowsXp, 327k)
Per chi vuol vedere meglio quel che combina arriva ClearTweak, la utility per manipolare ClearType. Quest’ultima è la tecnologia che permette a WindowsXp di ottimizzare la visualizzazione sui monitor Lcd.
Una guida approfondita alla configurazione del contrasto dei caratteri su schermo è presente nel sito SwZone.it , e questo programmino è un utile accessorio che permette di modificare con pochi clic la visualizzazione del testo.


BootXP (shareware 8$, per WindowsXP/2000, 617k)
Tutto un altro boot: ovvero come modificare lo schermo iniziale di XP (quello con il logo e la barra colorata che scorre mentre il sistema si carica, tanto per capirci).
Per complicarsi la vita, XP tiene quella schermata dentro un file chiamato NTOSKRNL.EXE, in formato bitmap. BootXP permette di creare un file alternativo contenente l’immagine da usare, selezionabile dall’utente a mano o in maniera casuale all’avvio di Windows. E’ possibile utilizzare anche immagini salvate in altri formati (che verranno all’occorrenza convertite in bitmap 640x480x16colori da BootXP), risparmiando così parecchio spazio per conservare tutte le immagini necessarie (visto che una BMP di quelle dimensioni occupa circa 2 mega).

L’operazione comporta qualche rischio se qualcosa non va come dovrebbe visto che si va a modificare il file di avvio di WindowsXp. Mica bruscoloni!, per cui il programa mostra vari “avvertimenti” e crea una copia di sicurezza del file di avvio per ripristinarlo in casi estremi. E’ possibile, per avere un’idea, dare un’occhiata ad una galleria di immagini utilizzabili come BootScreens , presenti anche su molti siti dedicati alla personalizzazione di Xp.

Registrando il programma per 8 dollari spariscono le varie schermate “ti prego registrami!”, si guadagna un supporto email e si aiuta l’autore a continuare il suo lavoro.

Logon Loader (gratuito per WindowsXp, 912k)
Conosciuto come Logon XP, questo programmino permette di modificare la schermata di logon (o login), quella nella quale il sistema permette di selezionare l’utente che vuole entrare e laddove si digitano le password di accesso (chiede le password ovviamente, o qualcuno si fida a lasciare che il sistema si avvii senza chiederla?).

La semplice interfaccia del programma consente di selezionare l’immagine o una cartella di immagini, di selezionare l’opzione con cui Logon Loader mostra un’immagine casuale ad ogni avvio di sistema. Con un semplice clic è poi possibile ripristinare l’immagine “della casa”, ovvero quella tutta blu fornita con Xp.

Una grande galleria di schermi Login/Logon da scaricare è disponibile sul sito ThemeXp o DeskMod .


pserv.cpl (gratuito per WindowsNT/2000/XP, 137k)
Pserv.cpl non è un vero e proprio programma ma un modulo per il pannello di controllo di Windows. Viene distribuito sotto forma di eseguibile che “inserisce” nel pannello di controllo una utility chiamata Services and Devices.
A che serve in pratica? A gestire i cosiddetti “servizi”, in sostituzione della “MMC – Microsoft Management Console”.

L’autore del programma, che definisce il sistema di gestione fornito con i sistemi Nt in maniera…non traducibile, ha creato questa alternativa che distribuisce gratuitamente e che, a suo parere, è più veloce, intuitiva e pratica. Con Pserv.cpl inoltre qualsiasi eseguibile può essere configurato e lanciato come servizio di sistema.

PowerToys TweakUI (gratuito per WindowsXP, 564k)
Mamma Microsoft si era dimenticata dei pezzi? O semplicemente dei programmatori di Redmond hanno finito il loro lavoro quando la scatola di Xp era già chiusa? Fatto sta che non è la prima volta che vengono rilasciati dei “PowerToys”, programmini che aggiungono funzionalità e opzioni al sistema. Quelli di Xp sono disponibili solo in inglese, per ora, ma visto che c’è qualcosa di interessante vale forse la pena farci un giro.

L’elenco completo è disponibile sulla pagina dedicata a loro del sito Microsoft .
Il gioiellino di famiglia è sempre TweakUI, che consente di modificare con pochi clic parecchi interruttorini nascosti dentro il sistema. Mouse, barre di explorer, icone, voci del menu contestuale e varie configurazioni del pannello di controllo sono disponibili per la modifica in punta di clic nella semplice interfaccia (in inglese!).

PowerToys Alt-Tab Replacement
(gratuito per WindowsXp, 564k)
Perchè usare le risorse di sistema per le applicazioni quando si possono sfruttare con una utility del genere? La combinazione di tasti ALT+Tab che consente di passare da una applicazione all’altra mostra solitamente le icone dei programmi in questione (dai primi Windows è così…) ma questa modifica by Microsoft permette di selezionare l’applicazione scorrendo le icone ma visualizzando anche le miniature dell’applicazione stessa.

Webcam Timershot (gratuito per WindowsXp, 610k)
Programmino che permette ai possessori di Webcam di catturare ad intervalli regolari un’immagine, e di salvarla su disco o su un sito internet. E’ possibile salvare l’immagine sempre con lo stesso nome (nel caso si volesse includere in una pagina Web una immagine “in tempo reale” ) o con una serie di numeri sequenziale nel caso si volesse usare questo software per monitorare quel che succede in propria assenza nei dintorni del computer…

Image Resizer (gratuito per WindowsXp, 521k)
Ridimensionamento a portata di clic, nel menu contestuale per la precisione. Con Image Resizer è possibile creare al volo una copia dell’immagine selezionata in un formato standard (640×480, 800×600, 1024×768 o 240×320, ad uso e consumo dei palmari).
Utility imperdibile per coloro che si ostinano ad inviare enormi fotografie scaricate dalla macchina fotografica digitale e non sanno come fare a rimpicciolirle prima di spedirle per posta elettronica.


Tweak-XP (Shareware 60$ per WindowsXp, 2587k)
Quando lo smanettamento diventa droga, quando la modifica è necessità, quando l’intromissione del naso nei più reconditi aspetti di un sistema operativo diventa una ragione di vita, quando il chiodo fisso si chiama Xp, quando il cane si chiama Kernel, quando il desiderio si fa cliccabile… vale la pena spendere il costo di un giochetto per impadronirsi della utility totale di smaneggiamento di Xp: 37 utility, alcune delle quali contengono a loro volta decine di opzioni dentro un interfaccia intuitiva ed in italiano.

Per motivi di sicurezza il programma crea un punto di ripristino quando viene avviato, e questo farà sudare senz’altro meno quelli che cliccheranno su bottoncini a caso.

Le utility ed opzioni sono divise in 4 grandi famiglie: “Prestazioni del sistema”, “Ottimizzazione”, “Utilità” e “Ottimizzazione Internet”.

Le Prestazioni possono essere modificate mettendo mano sui parametri della cache, della Ram oppure ottimizzando la scheda video o il processore. L’Ottimizzazione include decine di piccole modifiche attuabili sulle cartelle di sistema, il menu avvio, il pannello di controllo e tra le varie cose anche il corretto settaggio di ClearType, per visualizzare più nitidamente i caratteri di testo sui monitor Lcd.

Tra le Utilità invece trovano spazio tra le altre cose un programmino per rinominare velocemente grandi quantità di file, un generatore password, un semplice sistema di crittografia per proteggere cartelle, un “ZipDoctor” che promette di recuperare file da file Zip danneggiati, una lavatrice per il Registro e persino un Backup per l’attivazione di Xp nel caso lo si voglia reinstallare pulito risparmiandosi di ripetere tutte le fasi dell’attivazione.

Completano la raccolta le utility contenute in Ottimizzazione Internet tra cui – oltre alle solite pulizie di Cronologia, cookies e file temporanei – è anche presente un sistema per bloccare le finestre PopUp ed un programmino che lava dalla pubblicità le pagine visitate.
Beninteso.. non si tratta di programmini a sé stanti, ma di una grande collezione di utilità contenute all’interno di un unica piccola e semplice interfaccia.

Il prezzo certo non è basso, ma sommando le numerose opzioni e programmi che comprende è più che giustificato anche se una versione “light” con eventuali moduli acquistabili a parte sarebbe stata sicuramente una scelta migliore per accontentare più pubblico, che magari è interessato a qualche utility veramente utile ma non avrà mai la necessità impellente e improrogabile di far diventare trasparente il menu avvio.

vedi anche: Download/ Tutto un altro XP (prima parte)

a cura di Luca Schiavoni

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Addio HD
    Con le nuove memorie flash le meccaniche degli hd non hanno più ragione di esistere. Forse si va verso gli hd "allo stato solido".
    • Anonimo scrive:
      Re: Addio HD
      - Scritto da: Anonimo
      Con le nuove memorie flash le meccaniche
      degli hd non hanno più ragione di esistere.
      Forse si va verso gli hd "allo stato
      solido".Speriamo
    • Cesco scrive:
      Re: Addio HD
      circa 1 anno fa leggevo su queste pagine di un supporto di formato carta di credito in grado di immagazzinare circa 10-11 terabyte di dati e che serebbe doovuto costare approssimativamente 50 dollari.Si diceva che si trattasse di testine ottiche immerse in un gel olografico o qualcosa di simile.. ora non ricordo più i particolari della notizia ma a questo punto le possibilità sono 2:-era una bufala-gli interessi economici dei produttori di tecnologie concorrenti erano troppo forti per consentire che questa tecnologia si sviluppasse e raggiungese il mercato.Queale delle due possibilità è vera?
      • localhost scrive:
        Re: Addio HD
        Le memorie olografiche esistono (per lo meno nei laboratori) già da qualche tempo, ma, sempre che di quelle si parlasse nell'articolo che citi, sono read-only, cioè si possono registrare una volta sola e staticamente.Per quanto riguarda le memorie a stato solido, è auspicabile che facciano sparire gli hard disk, anche per ragioni ecologiche (per fare 10 G di memoria serve molto meno materiale ed energia che per 10 G di hard disk)ciao- Scritto da: Cesco
        circa 1 anno fa leggevo su queste pagine di
        un supporto di formato carta di credito in
        grado di immagazzinare circa 10-11 terabyte
        di dati e che serebbe doovuto costare
        approssimativamente 50 dollari.
        Si diceva che si trattasse di testine
        ottiche immerse in un gel olografico o
        qualcosa di simile.. ora non ricordo più i
        particolari della notizia ma a questo punto
        le possibilità sono 2:
        -era una bufala
        -gli interessi economici dei produttori di
        tecnologie concorrenti erano troppo forti
        per consentire che questa tecnologia si
        sviluppasse e raggiungese il mercato.

        Queale delle due possibilità è vera?
        • Anonimo scrive:
          Re: Addio HD
          Vero, ed infatti non capisco come mai, considerato che sono gia in giro "chiavette" USB da 1Gb, nessuno abbia ancora commercializzato una memoria di massa, anche solo da 10Gb, con memorie flash. E' un dato di fatto però che sia IBM che Quantum si siano liberati delle loro divisioni HD vendendole a Maxtor. Forse il mercato degli HD è davvero finito.
          • Sarge scrive:
            Re: Addio HD
            - Scritto da: Anonimo
            Vero, ed infatti non capisco come mai,
            considerato che sono gia in giro "chiavette"
            USB da 1Gb, nessuno abbia ancora
            commercializzato una memoria di massa, anche
            solo da 10Gb, con memorie flash. E' un dato
            di fatto però che sia IBM che Quantum si
            siano liberati delle loro divisioni HD
            vendendole a Maxtor. Forse il mercato degli
            HD è davvero finito.Ci vorra' tempo.Per adesso sono lente, piu' lente degli HD.Anche io spero si vada in questa direzione. Per la cronaca, ci sono gia' unita' flash da 3 giga.Saluti.
Chiudi i commenti