download gratis
Licenza gratuito GNU GPL
Sistema Operativo Linux
Dimensione 1.01 Mb
Recensito da Luca Tringali

Fbi IMproved

Visualizzatore di immagini per terminale

Se c’è una cosa che per molte persone non ha nulla a che fare con un terminale di testo sono le immagini: è un prompt, è ovvio che non possa esserci nulla di grafico. Ma ciò non è del tutto vero: il terminale di GNU/Linux può lavorare anche con le immagini, non soltanto manipolandole con comandi come quelli forniti dal famoso ImageMagick, ma anche con dei visualizzatori. GNU/Linux offre infatti la possibilità di visualizzare immagini anche senza un ambiente grafico, grazie al framebuffer . Il visualizzatore per terminale più adatto per mostrare immagini senza dover ricorrere a Xorg si chiama fim . Ovviamente, uno dei vantaggi di questo programma è che funziona benissimo anche attraverso una sessione SSH, quindi si può utilizzare per controllare immagini su un server remoto, magari per avere un’anteprima e quindi essere sicuri di copiare i file giusti.

Il visualizzatore di immagini per framebuffer Linux si chiama fbi , e si trova su tutte le distro. Suggeriamo però di ricorrere al suo fork fim , che significa per l’appunto Fbi IMproved. È meno conosciuto, ma lo si trova su Debian e Ubuntu nei repository ufficiali, basta installarlo con il comando sudo apt-get install fim . È importante non confondersi con fmi , che è invece un pacchetto completamente diverso.

Per aprire un’immagine con fmi basta indicarne il percorso, ed è anche possibile visualizzare un’intera cartella di immagini (ad esempio con il comando fim ~/Immagini/* ). Il programma riconosce automaticamente l’ambiente e sceglie la modalità di output più valida. Per esempio, se ci si trova in un ambiente grafico verrà utilizzato il sistema sdl, se è disponibile il framebuffer viene utilizzato proprio il dispositivo /dev/fb0 e se è disponibile solo un terminale di testo l’immagine viene presentata come ASCII art. Nel caso di più immagini ne viene visualizzata una alla volta, e si può passare alla successiva con il tasto Pagina giù .

Se si vuole ottenere uno slideshow si può scrivere il comando fim -o aa --slideshow 5 ~/Immagini/* , che lascia ciascuna immagine sullo schermo per 5 secondi prima di passare alla successiva. L’opzione -o serve per specificare il tipo di output che si vuole: aa rappresenta l’ASCII art. Mentre il visualizzatore è attivo è possibile premere il tasto : per aprire un prompt simile a quello del programma vim. Alcuni dei comandi più interessanti sono i seguenti:

mirror: specchia l'immagine attorno l'asse verticale
flip: ribalta l'immagine attorno l'asse orizzontale
+50%: visualizza l'immagine al 50 per cento delle sue dimensioni originali
*2: raddoppia l'attuale zoom sull'immagine
rotate90: ruota l'immagine di 90 gradi in senso orario

Per chiudere il visualizzatore basta premere il tasto q . Per ulteriori informazioni è possibile leggere una descrizione dei comandi su questa pagina .

Altra caratteristica interessante di fmi è che può leggere le immagini direttamente dallo standard input. In altre parole, è possibile passare un’immagine a fim con la pipe:

curl "https://cdn.pixabay.com/photo/2015/06/03/13/13/cats-796437_960_720.jpg" | fim -o aa -i

Questo lo rende perfetto per realizzare degli script.