Licenza
freemium
Sistema operativo
IOS
Lingua
Italiano
Dimensione
42 Mb
Recensito da

Utility

Tiny Scanner

Digitalizzazione a mezzo fotocamera, per iOS

Quante volte vi siete trovati nella necessità di dover digitalizzare un documento, ma di essere sprovvisti di scanner? Ricevute, fatture, scontrini, moduli, immagini e documenti di ogni tipo: lo scanner non è una periferica di larghissima diffusione, e sicuramente a molti di voi sarà venuto in mente di utilizzare la camera dello smartphone per svolgere la stessa funzione. Vista la qualità delle fotografie scattate dalle ultime generazioni di telefonini, la cosa è certamente fattibile (se le pretese non sono troppo elevate) ma ci si scontra con una serie di piccoli inconvenienti e lavori extra che portano via molto tempo: scontornare la foto, correggere la prospettiva (sembra facile ma non è così immediato tenere il telefono perfettamente centrato e parallelo al documento) convertire in bianco e nero (se parliamo di documenti di testo) con il giusto livello di contrasto, salvare in PDF se si tratta di qualcosa che vogliamo archiviare o che dobbiamo spedire a qualcuno...
Tutte queste operazioni si possono effettuare in modo pressoché automatico con diverse applicazioni specifiche, una delle quali è Tiny Scanner. Disponibile gratuitamente per dispositivi iOS 7 e versioni successive per quanto riguarda le funzioni principali, Tiny Scanner permette di effettuare esattamente tutto quello che abbiamo descritto sopra.

Si parte dallo scatto, con la possibilità di sovrapporre una griglia all'immagine inquadrata, così da facilitare la fotografia nella corretta posizione; dopodiché Tiny Scanner riconosce automaticamente il margine del documento (ma consente anche di modificare gli angoli dello stesso, per le situazioni meno chiare) e ricava dal nostro scatto solo la parte utile debitamente corretta nella prospettiva.




A questo punto ci troviamo di fronte al nostro documento, e possiamo decidere se convertirlo in bianco e nero, scala di grigi, (entrambi con diversi livelli di luminosità) o trattarlo come se fosse un documento fotografico. Una volta selezionata la soluzione migliore per i nostri scopi, possiamo chiudere l'acquisizione o aggiungere altre pagine al nostro documento, fino ad arrivare alla fine e salvare il tutto col nome desiderato.





Dopo aver fatto tutto ciò, occorre anche accedere al nostro documento scansionato, e in tal caso Tiny Scanner offre numerose possibilità, alcune delle quali accessibili solo con la versione pro (il cui upgrade costa 4,99 euro): possiamo salvarlo in Dropbox, in Google Drive, stamparlo, inviarlo via mail, aprirlo in un'altra applicazione, o anche spedirlo via fax. Sebbene alcune di queste opzioni siano accessibili solo con la versione "pro", il fatto di poter aprire il file in un'altra applicazione ci permette in realtà di aggirare il problema, ma ci sono due opzioni particolari sulle quali vorrei spendere quale parola in più.




La prima è la possibilità di inviare il documento via fax, opzione che in realtà richiama un'altra app dello stesso sviluppatore, Tiny Fax , che pur essendo gratuita richiede l'acquisto di pacchetti di crediti per l'invio dei documenti. La seconda possibilità si trova invece nascosta nelle impostazioni dell'applicazione, ed è quella che consente di abilitare l'accesso ai documenti tramite browser, da qualsiasi altro dispositivo collegato sulla stessa rete WiFi.





Ci sono diverse app che fanno lo stesso lavoro di Tiny Scanner, ma quest'ultima (oltre ad essere gratuita nelle sue funzioni basilari) è una di quelle più semplici e immediate da utilizzare. L'aggiornamento alla versione "pro", oltre all'accesso diretto ai servizi di cloud (a cui abbiamo accennato sopra) offre la possibilità di stampare direttamente dall'app, di creare processi batch per digitalizzare in modo più immediato i documenti più lunghi, e consente di archiviare un numero illimitato di documenti.


blog puce72

Gli altri interventi di sono disponibili a questo indirizzo