Doxa: tre milioni gli utenti da casa

I risultati di uno studio della società di rilevazione indicano un aumento consistente degli utenti internet italiani che si collegano alla rete da casa. Ma i PC sono ancora pochi


Web (internet) – Il sondaggio Doxa-Onetone, i cui dati sono stati diffusi nelle scorse ore da Repubblica.it e da IlSole24Ore, sembra indicare un rapido aumento di utenti italiani che si collegano ad internet da casa.

Stando alle cifre diffuse da Doxa, sono tre milioni gli italiani che oggi usano internet non solo per scambiare messaggi di posta elettronica ma anche per consultare servizi informativi di varia natura da casa e a tutte le ore del giorno. La metà di questi tre milioni, inoltre, pare che utilizzi internet soltanto tra le pareti domestiche.

Le cifre dell’indagine evidenziano che il 40 per cento degli utenti ha sottoscritto un abbonamento di connessione alla rete da non più di sei mesi e che ben il 36 per cento di loro si serve di internet almeno una volta al giorno. Di interesse anche il dato secondo cui alla rete una “sessione di connessione” dura per l’utente medio 45 minuti circa e il 20 per cento degli intervistati ha dichiarato di passare online più di un’ora e mezza quando si connette.

La crescita rilevata da Doxa negli ultimi mesi è dunque notevolissima. Una informazione preziosa che va però associata alla diffusione dei personal computer nelle case, considerata ancora modesta e pari al 24 per cento sul totale. Coloro che hanno un PC dotato di modem, però, nella quasi totalità dei casi si connettono alla rete sfruttando gli abbonamenti gratuiti delle freenet.

La rilevazione è stata condotta dalla Doxa in compartecipazione con Onetone , società che ha intenzione di individuare mille utenti in un “campione statistico” per effettuare rilevazioni periodiche sul modo in cui gli italiani usano la rete e sulla sua diffusione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti