DRAM in picchiata libera

Il prezzo non accenna a stabilizzarsi continuando a crollare sia sul mercato americano che su quello europeo. La ripresa della domanda è prevista soltanto per la fine del 2001: è il momento di potenziare i sistemi?
Il prezzo non accenna a stabilizzarsi continuando a crollare sia sul mercato americano che su quello europeo. La ripresa della domanda è prevista soltanto per la fine del 2001: è il momento di potenziare i sistemi?


Tokyo (Giappone) – Quella tendenza che dall’autunno scorso ad oggi ha portato il prezzo delle memorie DRAM a diminuire costantemente sembra destinata a protrarsi per molti mesi ancora.

Secondo l’osservatorio dei prezzi delle memorie di ICIS-LOR, durante i 30 giorni che sono andati dal 14 dicembre 2000 al 12 gennaio 2001, il prezzo di un modulo di memoria PC133 da 128 MB in Europa sarebbe sceso, rispetto alle quattro settimane precedenti, di oltre il 10%.

Secondo gli analisti, la causa principale del calo del prezzo delle memorie DRAM sarebbe ancora dovuto alla diminuzione della domanda sul mercato dei PC.

L’industria delle memorie spera in Whistler. Con l’uscita del sistemone di Microsoft, prevista per il tardo autunno, gli analisti prevedono infatti che la richiesta di moduli di memoria potrà nuovamente riprendere quota facendo tornare al profitto i chipmaker.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

31 01 2001
Link copiato negli appunti