DRM, Copenhagen al fianco di Parigi

Anche la Danimarca vuole DRM interoperabili per i contenuti multimediali digitali venduti online. Il ministro della cultura Brian Mikkelsen: legislazione ad hoc entro il 2007. iTunes nel mirino


Copenhagen – Il governo danese è completamente favorevole all’introduzione di nuove norme che forzino l’ interoperabilità dei sistemi DRM per la protezione dei contenuti multimediali in formato digitale. Brian Mikkelsen, il ministro danese della cultura, ha affermato che il governo è pronto a spingere una legge su questa delicatissima questione entro il 2007.

Mikkelsen auspica un mercato multimediale dove i consumatori siano liberi di acquistare musica da qualsiasi servizio, come ad esempio iTunes , ed essere in grado di riprodurla su qualsiasi tipo di periferica. Uno scenario non gradito dai vertici di Apple , che hanno costruito il successo commerciale di iTunes sulla possibilità di ascoltarne i prodotti soltanto con la tecnologia dei lettori iPod, esclusiva dall’azienda di Steve Jobs.

La linea danese ha trovato immediatamente il supporto di due grandi gruppi industriali della piccola democrazia baltica: il colosso dei trasporti Maersk ed il primo operatore telefonico nazionale, TDC . Il CEO di TDC, Gert Rieder, ha dichiarato sul sito Politiken.dk che “non possiamo fare a meno di desiderare una situazione simile a quella francese”, in quanto “i consumatori hanno bisogno del maggior numero possibile di libertà ed opportunità quando si trovano ad acquistare musica”.

L’ effetto domino innescato dalla riforma francese sul diritto d’autore , che impone la compatibilità totale tra sistemi DRM, è destinato ad avere importanti ripercussioni sul mercato europeo dei contenuti multimediali.

La decisione francese mette innanzitutto a repentaglio il dominio di Apple sul mercato della musica digitale. Secondo numerosi analisti ed esperti d’economia, l’azienda californiana si trova adesso di fronte ad un bivio: condividere la propria tecnologia con la concorrenza oppure ritirarsi dal mercato . Ma molti mettono in dubbio la bontà delle decisioni francesi, soprattutto perché non sembrano affrontare la questione a monte, vale a dire l’oligopolio dei grandi gruppi della musica industriale internazionale.

Una situazione quantomeno complicata per Apple, che l’azienda ha stigmatizzato , incassando poi in questi giorni l’appoggio dell’amministrazione americana. Carlos Gutierrez, segretario per il Dipartimento del Commercio di Washington DC, si è detto “indignato ed arrabbiato” per la condotta della Francia, “capace di mettere a repentaglio i diritti della proprietà intellettuale”.

Gutierrez ha così aggiunto il peso dell’amministrazione Bush alle critiche mosse da Apple nei confronti della Francia. La Mela ha apostrofato la riforma francese come “un incentivo statale alla pirateria multimediale”, in quanto depenalizza la circonvenzione delle misure DRM .

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    Vorrei chiedere all'evidente propagandista di destra chi ha mai detto che la digitalizzazione è negativa...Si sono fatte solo giuste considerazioni sul fatto che il FORMATO utilizzato per archiviare i documenti dovrebbe essere eternamente accessibile, perciò libero (leggi OpenDocument anziché i lunatici formati Microsoft, ad esempio). Problema che con la carta, palesemente, non si presenta. Non è la digitalizzazione che si critica, ma il fatto che sia stata fatta con strutture dati incerte ed inconoscibili.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma da quanto se ne parla ....
    - Scritto da: Anonimo

    Ah come godo da quando esiste l'invio telematico

    insieme all'adsl... quanto tempo risparmiato!
    E ringraziamo che la digitalizzazione sia in atto.
    Senza il gran lavoro di Stanca questo non
    esisterebbe.Ma la finisci di fare propaganda ???Siete come i burattini porco cane.............Ma siete in grado di discutere civilmente senza fare inutili propagande ???P.S. Son fiducioso riguardo alla digitalizzazione delle PA, speriamo che egli anni le cose migliorino sensibilmente !
  • mARCOs scrive:
    Re: Millanterie
    - Scritto da: Anonimo
    Per come sono scritte le norme del codice delle
    amministrazioni digitali, invece, pare che il
    cittadino abbia il diritto di interagire con le
    PA in modo totalmente informatico da subito. Dove sta scritto? Puoi citare la fonte?
  • mARCOs scrive:
    Re: Annotazione scettica
    - Scritto da: Santos-Dumont
    Non ne dubito, i nastri durano di più, sono più
    affidabili e in genere le aziende si affidano a
    loro per i backup. Ma i costi? E di quanti ordini
    di grandezza questi supporti si dimostrano più
    efficienti e resistenti di un supporto ottico?Se i nastri solo la soluzione generalmente utilizzata dalle aziende per il backup, mi pare evidente che siano la soluzione migliore per costo, efficienza e resistenza.
  • mARCOs scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: Anonimo

    È una critica sensata
    Ah! Se volevi farmi ridere ci sei riuscito.
    La critica è priva totalmente di sensatezza.Opinione tua. Sono felice per te che i tuoi dischetti (è di questo che si parlava qui) sono perfettamente leggibili dopo anni.

    documenti che ritengo importanti preferisco

    sempre stamparli o almeno conservarli in una mia

    webmail.
    E la webmail, notoriamente è fatta di carta...sei
    un po' incoerente...e nemmeno te ne accorgi.Forse sei tu che non leggi. Non mi fido dei sistemi di archiviazione "casalinghi" (floppy e cd). Degli altri sì.
    Nella PA viene fatta una cosa che a livello
    consumer (privati) è abbastanza sconosciuta: il
    BACKUP. [...]
    Il BACKUP permette di evitare i problemi di cui
    parli.[...]
    Torna a scuola...È la stessa cosa che ho detto io "la PA non archivia i dati sui dischetti da 720 ma su macchine molto più affidabili".Forse sei tu che dovresti tornare a scuola. Non hai nemmeno imparato che, prima di rispondere a qualcuno, occorre leggere e capire quello che ha scritto.
  • mARCOs scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: Anonimo
    per dire la verità, c'è più di un precedente
    (sentenze della cassazione e se non sbaglio norme
    ben precise) che prevedono l'obbligo da parte
    della PA di non richiedere un documento già
    consegnato precedentemente.È vero, mi ricordo anche io di questa notizia. Ma non mi pare che sia ancora una realtà effettiva. E cmq, se il documento è cartaceo, come faccio a dimostrare ad un ente X di averlo già consegnato/esibito all'ente Y? Con la digitalizzazione il controllo sui documenti presentati può essere istantaneo.
    oltre a ciò, io credo che tutto questa foga con
    cui si vuole informatizzare la PA abbia qualche
    altra specifica finalità, ovvero ribaltare sul
    singolo cittadino i costi di collegamento per
    l'utilizzo, la conservazione e la stampa dei
    documenti.In che senso?La conservazione ha tutt'ora un costo, mica è gratis. Riguardo alla stampa dei documenti, la digitalizzazione vorrebbe proprio evitarla.Un'altra spesa che si evita è quella della copia/spedizione dei documenti. Se ad un ufficio servono delle carte, non deve richiederne copia a qualche altro ufficio ma deve semplicemente farseli mandare per via telematica: più veloce, più economico, più sicuro.
    se così non fosse, per essere coerente la PA
    dovrebbe licenziare una marea di dipendenti che
    quindi non servono più e dovrebbe abbassare le
    tasse visto che ci sono molti meno costi da
    sostenere a carico della collettività, oppure, in
    alternativa, destinare queste risorse ad altri
    settori più in crisi (invece di tagliare, coem
    fanno, sulla sanità/pensioni).Invece di licenziare, potrebbero rendere più efficiente il servizio, perchè l'apporto umano è ancora indispensabile. Nell'ufficio postale vicino casa mia sono aperti quasi sempre la metà degli sportelli totali e nei periodi "caldi" (quando c'è qualche scadenza) ci sono sempre file interminabili. Potrebbero destinare gli impiegati "che non servono più" e velocizzare queste code.
  • Anonimo scrive:
    Re: Come faranno i burocrati?
    - Scritto da: Anonimo
    La riforma parte sempre dal Governo.
    In questo caso dal Governo Berlusconi.
    Come vedete, anche se velatamente, si scopre
    piano piano che gli investimenti durante questi
    anni sono stati fatti e sono di ingente quantità.
    I risultati verranno.quotando il messaggio censurato:"vai a cagare"
    Mandate a cagare il coglione che fa propaganda per favore...
  • sandcreek scrive:
    La questione ecologica
    Secondo me e' questo il punto fondamentale ma ho l'impressione che non "tiri" ne' sul piano elettorale ne' appunto negli interessi della gente. Eppure e' una cosa cosi' enorme
  • rock and troll scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    ah ah
  • Anonimo scrive:
    Re: Annotazione scettica
    - Scritto da: Anonimo


    Concordo. Per non parlare poi del formato di
    tali

    documenti digitali...

    Oggi si trovano negli archivi documenti cartacei

    leggibili a distanza di centinaia di anni. Per

    quanto tempo si potrà leggere un documento

    scritto con Office 4.2???

    Questa non è una supposizione, è già una triste
    realtà. Lavoro come consulente per aziende ed
    enti pubblici e purtroppo mi trovo spesso
    nell'impossibilità di leggere documenti creati
    "solo" 10 anni fa. I principali problemi sono
    due:
    - Il supporto fisico (il floppy si cancella, non
    ci sono più i lettori per i vecchi supporti, i CD
    sono garantiti solo poche decine di anni, dei
    nastri non ne parliamo)
    - Il formato (mi leggete un file fatto con
    l'applicativo pincopallino della
    ditta_che_non_esiste_più)

    Come la metteremo tra vent'anni ?se le informazioni cominciamo a scriverle in xml piuttosto che in altri formati, direi che non abbiamo grossi problemi: leggero, standard e documentato.tutto il resto è potenzialmente illeggibile
  • Anonimo scrive:
    Re: Come faranno i burocrati?
    - Scritto da: Anonimo

    Sono molto scettico su una riforma della P.A.
    che

    parta dall'esterno e non dall'interno.
    La riforma parte sempre dal Governo.
    In questo caso dal Governo Berlusconi.
    Come vedete, anche se velatamente, si scopre
    piano piano che gli investimenti durante questi
    anni sono stati fatti e sono di ingente quantità.
    I risultati verranno.Visto che si censurano i messaggi, perché non vengono censurati anche questi ridicoli post di propaganda elettorale?
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: Anonimo

    E tu naturalmente sei in grado di vedere in

    trasparenza attraverso il forum il colore

    politico di ognuno di loro ?
    Quella di PI sicuramente è chiara a tutti.
    Se non la vedi hai il prosciutto (o la mortadella
    rotfl!!!) sugli occhi.sei sgradevolmente e prosciuttamente otti'
  • Anonimo scrive:
    Re: ...a fagiolo per voto elettronico!
    - Scritto da: Anonimo
    Quanta ignoranza.

    Non è voto elettronico ma scrutino elettronico.
    Lo scrutatore usarà un computer invece di un
    registro cartaceo per la conta dei voti.Oltretutto per ora è sperimentale e non ha alcun valore ai fini del risultato.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    La carta si rovina in

    poco tempo.

    La carta occupa spazio.

    La carta pesa.

    La carta non permette ricerche veloci.
    La carta non scompare alla pressione di un tastoInfatti esiste una cosa che tu non conosci...si chiama Back-Up. Se svanisce qualcosa con un tasto (e nota che c'è la conferma...devi essere proprio tonto per sbagliare), c'è il backup che tutte le imprese serie e tutte le amministrazioni pubbliche fanno. A volte anche uno all'ora se non più spesso. Questo quando le informazioni sono critiche. Ma che ne puoi sapere tu? Vai alle superiori?
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra

    No, se governano loro fanno un centesimo di
    quanto è stato fatto e lo propagandano per
    innovazione. Come fecero dal '96 al 2001,
    informatizzando solo qualche ufficio nelle
    regioni rosse per far scena e lasciando l'Italia
    senza ma con progetti e previsioni di spesa per
    il futuro, molto remoto. Magari poi decidono di
    farci su 2-3 commissioni di inchiesta "per
    velocizzare" i lavori, così si finisce come nei
    passati 60 anni, con chiacchiere e niente fatti.E dire che adesso l'Emilia Romagna si pubblicizza attraverso il digitale terrestre...che prima osteggiava!E' proprio vero!
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra

    E tu naturalmente sei in grado di vedere in
    trasparenza attraverso il forum il colore
    politico di ognuno di loro ? Quella di PI sicuramente è chiara a tutti.Se non la vedi hai il prosciutto (o la mortadella rotfl!!!) sugli occhi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta

    Credo che queste valutazioni debbano essere
    effettuate tenendo conto della realtà di altri
    Paesi più evoluti del nostro. La prenotazione on
    line delle visite mediche o degli esami
    universitari è realtà in Olanda da almeno tre
    anni.Be quando andavo all'università pubblica, c'era pure da noi la prenotazione on line...e parlo del 2002. Così come c'erano molti altri servizi, quali un portale che veniva utilizzato per fornire agli studenti documenti, esercizi e informazioni varie. Direi che le cose nel frattempo siano molto migliorate. Non ci lamentiamo sempre. In certi ambiti anche noi siamo all'avanguardia.La digitalizzazione è cosa recente, degli ultimi anni.
  • Anonimo scrive:
    Re: Annotazione scettica

    Non ne dubito, i nastri durano di più, sono più
    affidabili e in genere le aziende si affidano a
    loro per i backup. Ma i costi? E di quanti ordini
    di grandezza questi supporti si dimostrano più
    efficienti e resistenti di un supporto ottico?Sicuramente sono più convenienti del gestire un archivio cartaceo. E' qui il punto fondamentale.
  • Anonimo scrive:
    Re: Annotazione scettica

    Vero. Sono i meno soggetti a deterioramento,
    tutti i clienti dell'azienda in cui lavoravo in
    Italia facevano backup giornalieri su nastro e/o
    su HD di backup.Io ho ancora delle micro cassette di un vecchissimo sinclair...però quelle non hanno resistito molto :(Devo dire però che le ho tenute in cantina dov'è pieno d'umidità!
  • Anonimo scrive:
    Re: Annotazione scettica

    Non capisco che c'entri la politica in questo
    temaNon lo capisco nemmeno io.E' punto informatico che ce lo dovrebbe spiegare.Basta alla propaganda di sinistra sul forum.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta

    Se evitassero di scrivere sempre e comunque
    articoli di parteQuesto articolo tutto mi sembra meno che di parte.. Capisco che non sai a cosa attaccarti :|
  • Anonimo scrive:
    Re: Annotazione scettica

    In merito ai supporti, ne riparliamo quando ti
    servirá un dimostrativo di pagamento di cinque
    anni prima e ti sará proibito l'accesso al
    CD/DVD.Forse non ti è ben chiaro che gli archivi vengono continuamente backuppati.E forse ti sfugge che cd e dvd sono supportati anche dai nuovi lettori. E lo saranno anche nei prossimi 10 anni.Tu raffronti l'obsolescenza del tuo pc con quella dei computer della PA. In realtà, ma forse ti è difficile arrivarci, i computer che vengono utilizzati nell'amministrazione pubblica durano molto di più. La pa non insegue costantemente l'ultimo modello. Non sta a guardare chi ha il GHz più elevato o cazzate del genere. Lì si spendono oculatamente i soldi per prodotti che possano durare nel tempo e che difficilmente verranno cambiati nell'immediato.Quanto agli archivi. Come pensi che faccia l'FBI? O la Nasa? O la CIA? Pensi non abbiano gli stessi problemi? Eppure loro non si sono mica opposti alla digitalizzazione. Anzi, l'hanno svilupata proprio loro. Informati, vedrai che è così.Solo in Italia e solo una certa sinistra retrograda è contro ogni forma di innovazione. Fosse per loro torneremmo all'età della pietra...e si lamenterebbero pure dell'uso della pietra!
  • Anonimo scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta
    - Scritto da: Anonimo


    E il tutto fatto, spesso non lo si ricorda,
    dal


    ministro Lucio Stanca del Governo Berlusconi.

    E' possibile evitare la propaganda elettorale
    per

    favore? Peraltro molto fuori luogo.
    E' assolutamente fuori luogo, ma purtroppo per
    noi Punto Informatico persegue fini politici e il
    forum gli va dietro.
    Se evitassero di scrivere sempre e comunque
    articoli di parte, il forum tratterebbe più
    seriamente gli argomenti invece di buttarla
    sempre in cagnara politica volta a screditare il
    Governo Berlusconi, che ha investito molto
    nell'innovazione della amministrazione pubblica.Non vorrei buttarla in politica ulteriormente ma a me sembra lapalissiano che buona parte dei meriti della digitalizzazione della P.A. sia del governo Berlusconi, per il semplice fatto che ha governato fra il 2001 e il 2006. Cinque anni fa molte soluzioni non erano tecnologicamente possibili o non erano ancora standard consolidati..vi ricordo che navigavamo ancora a 56k fino ad un paio di anni fa! Non glorifichiamo o demoinzziamo Berlusconi: ha semplicemente governato in un periodo storico in cui l'evoluzione tecnologica ha consentito certe novità. Se vogliamo essere onesti da un punto di vista intellettuale allora dovremmo ringraziare anche la riforma Bassanini (centrosinistra) che ha notevolmente semplificato l'attività della P.A. e quindi ha reso più agevole dal punto di vista procedurale il passaggio dal cartaceo al digitale.Credo che queste valutazioni debbano essere effettuate tenendo conto della realtà di altri Paesi più evoluti del nostro. La prenotazione on line delle visite mediche o degli esami universitari è realtà in Olanda da almeno tre anni.
  • Anonimo scrive:
    Re: Annotazione scettica


    Assolutamente doverosa e dobbiamo ringraziare il

    Governo Berlusconi per aver messo Lucio Stanca
    al

    Ministero per l'Innovazione.
    Ringrazialo pure tu se vuoi, a me sembra che
    abbia parlato tanto e concluso poco. O meglio
    legiferato tanto, senza nessuna verifica se poi
    le leggi venivano effettivamente applicate.A me sembra che non abbia parlato praticamente mai. Stanca è un tecnico scelto proveniente dall'IBM che ha lavorato al meglio. Dimmi semmai qualcosa che abbia fatto e che non doveva fare...Per favore, basta con 'sta propaganda da quattro soldi.I siti della pubblica amministrazione sono sotto gli occhi di tutti. Prova a fare un salto sul portale per le imprese, sulla camera di commercio, sui vari siti comunali/regionali, sui vari siti di governo/parlamento e ministeri vari. C'è un'enormità di servizi che prima non esisteva. Gran parte del lavoro è stata fatta dal Governo Berlusconi. Si tratta di continuare, non di tornare indietro agli uomini delle caverne come qualcuno auspica.
  • Anonimo scrive:
    Re: Annotazione scettica


    I pdf non possono essere modificati...vuoi altri

    esempi?
    I PDF possono essere modificati, sia con gli
    applicativi di Adobe che con applicazioni di
    terzi... A meno che non siano stati resi
    esplicitamente immodificabili.E i programmi Adobe sono notoriamente gratuiti...ma per piacere!
  • Anonimo scrive:
    Re: Annotazione scettica


    Tu ne sai più di tutti messi insieme vero?
    Di tutti no, non esageriamo. Diciamo del 99,9%
    periodico.Ti manca qualche concetto base di matematica...figuriamoci che ne sai di backup...99,9% periodico significa esattamente100%...torna a studiare mate...
    Cavolate a parte,Almeno riconosci di aver detto una cavolata.
  • Anonimo scrive:
    Re: Millanterie


    Forse dovresti provare davvero. Prova ad andare

    sul portale per le imprese. Ti renderai conto

    delle sciocchezze che dici.
    Si sapeva già che le pratiche che hanno a che fare
    con la Camera di commercio si fanno con la smart
    cardBene. Prima esisteva?
    Ma le altre pubbliche
    amministrazioni? Il CODICE parla di una cosa che
    non
    esisteNo. Il Codice parla di diritti che ha acquisito il cittadino.Diritti che se non rispettati possono essere fatti valere contro lo Stato. Quanto alle mail, vengono usate in quasi tutti gli uffici. Forse dovresti solo informarti di più.

    La digitalizzazione sicuramente ha ancora molto

    da fare, ma la strada è stata intrapresa negli

    ultimi 5 anni.
    Ma va, se ne parla a vanvera almeno da 10 e si
    sono spesi miliardi di lire prima e milioni di
    euro poi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Millanterie
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    Forse dovresti provare davvero. Prova ad andare

    sul portale per le imprese. Ti renderai conto

    delle sciocchezze che dici.

    Ci sono andato, e allora?
    Si sapeva già che le pratiche che hanno a che fare
    con la Camera di commercio si fanno con la smart
    card
    (venduta da Infocamere). Ma le altre pubbliche
    amministrazioni? Il CODICE parla di una cosa che
    non
    esiste, e cioè della possibilità di fare a meno
    della
    carta per *qualsiasi* pratica avviata presso
    *qualsiasi*
    PA italiana.


    La digitalizzazione sicuramente ha ancora molto

    da fare, ma la strada è stata intrapresa negli

    ultimi 5 anni.
    Ma va, se ne parla a vanvera almeno da 10Ma certo. Solo che tra 96 e 2001 se ne parlava solo.Col Governo Berlusconi si è partiti con gli investimenti e si è realmente fatto qualcosa.Ti pare che nel 96 (quando quasi non esisteva Internet in Italia) ci fosse qualcosa della PA in Rete? E nel 2001? Ricordi qualche sito? Qualche servizio on line?La PA non era digitalizzata, quindi i servizi non esistevano. A differenza di oggi.Nei prossimi anni, grazie alla digitalizzazione del front-office, si potranno offrire sempre più servizi. E tutto grazie alla digitalizzazione del back-office avvenuta in questi ultimi 5 anni di governo di centro-destra.
  • Anonimo scrive:
    Re: Millanterie
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    Per come sono scritte le norme del codice
    delle


    amministrazioni digitali, invece, pare che il


    cittadino abbia il diritto di interagire con
    le


    PA in modo totalmente informatico da subito

    Ma certo. Si sono introdotti nuovi diritti. Per

    te è un male?

    Sta alla PA far valere quei diritti. E se non lo

    fanno, tu puoi rivolgerti ad un gudice per farti

    rimborsare per il danno subito.
    e chi dice che è un male. Lui dice solo che non è
    vero, come al solito in Italia il mondo della
    legge è separato dal mondo della realtà.Le leggi servono per dare diritti. Questo è fondamentale. Il Ministro Stanca, con il Codice Digitale, ci ha dato nuovi diritti che possiamo far valere. Nessuno dice che valgano già in toto, si dice però che se questi diritti non vengono rispettati, si può agire contro lo Stato. Cosa che prima non era possibile.Quindi ben venga il Codice dell'Amministrazione Digitale voluto dal Governo Berlusconi.
  • Santos-Dumont scrive:
    Re: [semi OT] Brasil
    - Scritto da: Anonimo
    ... "la foresta Amazzonica deve essere
    interamente abbattuta per produrre la carta
    indispensabile ai moduli dei burocrati, così da
    soddisfare la loro sacrosanta esigenza di tenere
    tutto in ordine" ...

    Brazil, lala lala lala lala, Brazil Brazil!

    :| :| :| :| :|Da dove viene? Se é una citazione dal film perdonami ma non conosco i dialoghi a memoria, per quanto mi sia piaciuto... :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta


    E il tutto fatto, spesso non lo si ricorda, dal

    ministro Lucio Stanca del Governo Berlusconi.
    E' possibile evitare la propaganda elettorale per
    favore? Peraltro molto fuori luogo.E' assolutamente fuori luogo, ma purtroppo per noi Punto Informatico persegue fini politici e il forum gli va dietro.Se evitassero di scrivere sempre e comunque articoli di parte, il forum tratterebbe più seriamente gli argomenti invece di buttarla sempre in cagnara politica volta a screditare il Governo Berlusconi, che ha investito molto nell'innovazione della amministrazione pubblica.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta


    Rifarlo o farlo la prima volta non cambia
    niente,

    forse ti confondi con il rinnovo.
    No, se hai già avuto un passaporto, la procedura
    è molto più semplice e veloce.Lascialo perdere, scrive tanto per occupare il tempo e screditare il Governo che ben ha fatto nella digitalizzazione in questi anni.
  • Santos-Dumont scrive:
    Re: Annotazione scettica
    - Scritto da: Anonimo

    Non penseranno mica di usare supporti ottici per

    fare backup dei documenti, VERO? Con la loro

    attuale affidabilità stiamo freschi... La
    maggior

    parte dura pochi anni. Quel che non
    spenderebbero

    più in carta lo spenderebbero in supporti nuovi
    e

    in personale addetto ai backup dei backup...

    (cylon)
    Tu ne sai più di tutti messi insieme vero?Di tutti no, non esageriamo. Diciamo del 99,9% periodico....Cavolate a parte, oltre a "lanciare il sasso" sai darmi dei numeri sulla durata dei supporti di memorizzazione magneto-ottica che mi facciano ricredere sull'opportunitá di continuare a usare la carta?
  • Santos-Dumont scrive:
    Re: Annotazione scettica
    - Scritto da: mARCOs

    - Scritto da: Santos-Dumont

    Non penseranno mica di usare supporti ottici per

    fare backup dei documenti, VERO? Con la loro

    attuale affidabilità stiamo freschi... La
    maggior

    parte dura pochi anni. Quel che non
    spenderebbero

    più in carta lo spenderebbero in supporti nuovi
    e

    in personale addetto ai backup dei backup...

    (cylon)

    Forse utilizzeranno soluzinoi più professionali.

    http://www-5.ibm.com/storage/europe/it/tape/drivesNon ne dubito, i nastri durano di più, sono più affidabili e in genere le aziende si affidano a loro per i backup. Ma i costi? E di quanti ordini di grandezza questi supporti si dimostrano più efficienti e resistenti di un supporto ottico?
  • Santos-Dumont scrive:
    Re: Annotazione scettica
    - Scritto da: Anonimo

    - Il supporto fisico (il floppy si cancella, non

    ci sono più i lettori per i vecchi supporti, i
    CD

    sono garantiti solo poche decine di anni, dei

    nastri non ne parliamo)
    Per archiviare una gran mole di dati i nastri
    vengono usati ancora oggi in tutto il mondo.
    Aggiornati.Vero. Sono i meno soggetti a deterioramento, tutti i clienti dell'azienda in cui lavoravo in Italia facevano backup giornalieri su nastro e/o su HD di backup.
  • Santos-Dumont scrive:
    Re: Annotazione scettica
    - Scritto da: Anonimo

    E' la Torre di Babele dei tempi moderni.

    E' più facile conservare una stampa vecchia

    di qualche secolo che tutti i supporti
    digitali.

    La sfnge ci guarda .....
    E allora torniamo alla carta?
    Ma voi comunisti riuscite pure a parlar male
    della digitalizzazione in atto?
    Che vuoi, tornare ai papiri?
    La carta di rovina in poco tempo, i papiri non
    possono essere esposti alla luce del sole.
    Non esiste un supporto immune da richi in
    assoluto. Se tu non fossi tanto ipocrita forse lo
    capiresti da te.Non capisco che c'entri la politica in questo tema, si sta discutendo di un problema reale quale l'affidabilità dei supporti di memorizzazione. Purtroppo (e lo dico nel vero senso del termine, non ironicamente) un foglio di carta di buona qualità resiste molto più di un supporto ottico. Ho dei CD anche di marca discreta che dopo qualche anno mostrano segni di cedimento con aree illeggibili... E se ci avessi salvato la copia di una ricevuta di pagamento che mi serve a tutti i costi?Secondo me, o si rivede radicalmente i criteri qualitativi nella produzione di supporti ottici, aumentandone grandemente i costi, oppure la carta rimane suo malgrado il supporto ancora più affidabile cui affidare dati critici.
  • Anonimo scrive:
    Utilizzare meglio i documenti digitali?
    A proposito di documenti elettronici io, per il mio lavoro, ho esclusivamente documenti elettronici: manuali, guide, riferimenti, appunti, ecc.I formati vanno dal PDF, al DOC di Word al semplice TXT.Problema:Ho difficolta' a utilizzare (cioe' leggere) piu' di un documento alla volta. Nel senso che mi capita di dover lavorare su del materiale che e' sparso in 3-4 documenti e passare dall'uno all'altro con alt-tab non e' per niente pratico ed efficiente. In effetti e' molto piu' semplice stamparsi le pagine che servono e sparpagliarle sulla scrivania.Qualcuno ha un software da suggerirmi ?Un software (magari multiformato) che permetta di disporre a schermo piu' documenti simultaneamente, spostabili con un click del mouse, zoomabili con lo scroll del mouse, annotabili, evidenziabili, linkabili l'uno all'altro, ecc....Grazie per l'aiuto.L.
  • Santos-Dumont scrive:
    Re: Annotazione scettica
    - Scritto da: Anonimo


    E' la Torre di Babele dei tempi moderni.


    E' più facile conservare una stampa vecchia


    di qualche secolo che tutti i supporti

    digitali.


    La sfnge ci guarda .....

    Ma secondo voi ci sono alternative?
    Ma certo che no. Qualsiasi supporto ha una durata
    limitata nel tempo.
    Persino le scorie nucleari non vivono per sempre.Se mi procuri un supporto che abbia un tempo di "dimezzamento" pari o superiore a 10^3 anni abbraccio senza rimpianti il nuovo medium di backup.

    Credo che la svolta verso la digitalizzazione
    sia

    oltre che doverosa, anche inevitabile...
    Assolutamente doverosa e dobbiamo ringraziare il
    Governo Berlusconi per aver messo Lucio Stanca al
    Ministero per l'Innovazione.In merito ai supporti, ne riparliamo quando ti servirá un dimostrativo di pagamento di cinque anni prima e ti sará proibito l'accesso al CD/DVD... ;)
  • Santos-Dumont scrive:
    Re: Annotazione scettica
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    OK. Non posso che concordare...


    Ma secondo voi ci sono alternative?


    Credo che la svolta verso la digitalizzazione

    sia


    oltre che doverosa, anche inevitabile...



    Non molte, forse un passo avanti sarebbe quello

    di obbligare le PA e i produttori di software
    per

    PA ad usare solo certi formati ampiamente

    documentati e abbastanza testati (PDF, XML, PNG,

    OpenDocument...).OD testato?
    Ma se ancora non ha passato la
    certificazione...ma dove vivi?
    I pdf non possono essere modificati...vuoi altri
    esempi?I PDF possono essere modificati, sia con gli applicativi di Adobe che con applicazioni di terzi... A meno che non siano stati resi esplicitamente immodificabili.
  • Santos-Dumont scrive:
    Re: Annotazione scettica
    - Scritto da: Anonimo

    OK. Non posso che concordare...

    Ma secondo voi ci sono alternative?

    Credo che la svolta verso la digitalizzazione
    sia

    oltre che doverosa, anche inevitabile...

    Non molte, forse un passo avanti sarebbe quello
    di obbligare le PA e i produttori di software per
    PA ad usare solo certi formati ampiamente
    documentati e abbastanza testati (PDF, XML, PNG,
    OpenDocument...).
    Oppure addirittura definire dei nuovi formati di
    file assieme agli altri membri UE.
    Ovviamente questo non risolve il problema del
    supporto.
    Però considerati i politici che abbiamo ora
    (gerontocrazia tecnologicamente ignorante) e
    visti i rigurgiti di normative tecnicamente
    ridicole prodotte negli ultimi anni (la legge
    terrorismo psicologico antitencologico di Pisanu
    e l'incomprensibile e ininterpretabile slalom
    della privacy 196/2003)... cosa pensate sarà in
    grado di uscirne fuori ?
    Omettendo l'aspetto del supporto, credo che l'unico modo per conservare i dati sacrificando la forma ma mantenendo una compatibilitá illimitata, consista nel salvarli in formato testo. Se proprio bisogna salvare anche l'aspetto grafico, senza disprezzare altri formati magari piú "prestanti" abbiamo il PDF che é uno standard de facto...
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: Anonimo



    Mi pare assurdo il vostro discorso.



    Nel momento in cui un documento viene
    scritto

    al



    computer, non vedo perchè dovrebbe essere



    stampato e inviato con metodi tradizionali
    al



    destinatario, quando si potrebbe impiegare
    la



    posta elettronica.


    Lascia perdere, il forum è infestato dai

    sinistri.


    I DS hanno sguinzagliato i loro servi su
    tutti i


    forum via internet.





    E così si riesce persino a dire che la carta è


    meglio dell'archiviazione elettronica...alla


    faccia dell'innovazione.





    Prevedo che per i prossimi 5 anni, se sarà al


    governo la sinistra verranno gettati al fuoci


    tutti i pc, considerati armi del demonio. Che


    retrogradi. :(



    Bha, io la cosa piu' di sinistra che vedo sono
    le

    tue accuse
    Sbagli. Il problema è che chi frequenta il forum
    vuole negare la digitalizzazione e tornare ai
    vecchi sistemi a carta. Si vuole che il Paese
    torni indietro. Che schifo.E tu naturalmente sei in grado di vedere in trasparenza attraverso il forum il colore politico di ognuno di loro ? (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: Anonimo

    Mi pare assurdo il vostro discorso.

    Nel momento in cui un documento viene scritto al

    computer, non vedo perchè dovrebbe essere

    stampato e inviato con metodi tradizionali al

    destinatario, quando si potrebbe impiegare la

    posta elettronica.
    Lascia perdere, il forum è infestato dai sinistri.
    I DS hanno sguinzagliato i loro servi su tutti i
    forum via internet.

    E così si riesce persino a dire che la carta è
    meglio dell'archiviazione elettronica...alla
    faccia dell'innovazione.

    Prevedo che per i prossimi 5 anni, se sarà al
    governo la sinistra verranno gettati al fuoci
    tutti i pc, considerati armi del demonio. Che
    retrogradi. :(No, se governano loro fanno un centesimo di quanto è stato fatto e lo propagandano per innovazione. Come fecero dal '96 al 2001, informatizzando solo qualche ufficio nelle regioni rosse per far scena e lasciando l'Italia senza ma con progetti e previsioni di spesa per il futuro, molto remoto. Magari poi decidono di farci su 2-3 commissioni di inchiesta "per velocizzare" i lavori, così si finisce come nei passati 60 anni, con chiacchiere e niente fatti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma da quanto se ne parla ....
    ...ma basta con questo Stanca, vai a fare propaganda altrove
  • Anonimo scrive:
    9 --
  • Anonimo scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta
    - Scritto da: Anonimo

    Va molto bene che finalmente si facciano girare
    e

    si archivino documenti e informazioni digitali,

    invece di fogli di carta bollata.

    Ma purtroppo il problema resta, ed è di

    mentalità: ci vuole meno carta (e meno bit)

    perché ci vuole prima di di tutto meno

    burocrazia.
    Guarda che è esattamente quel che viene fatto.
    Grazie alla trasmissione di comunicati via email
    anziché via posta cartacea, già oggi si
    risparmiano centinaia di milioni di euro. La
    digitalizzazione della pubblica amministrazione è
    anche questo.
    E il tutto fatto, spesso non lo si ricorda, dal
    ministro Lucio Stanca del Governo Berlusconi.E' possibile evitare la propaganda elettorale per favore? Peraltro molto fuori luogo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: Anonimo
    La carta si rovina in
    poco tempo.
    La carta occupa spazio.
    La carta pesa.
    La carta non permette ricerche veloci.La carta non scompare alla pressione di un tasto
  • Anonimo scrive:
    mah
    http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Unique&id=4409
  • Anonimo scrive:
    Re: Annotazione scettica
    - Scritto da: Anonimo
    Assolutamente doverosa e dobbiamo ringraziare il
    Governo Berlusconi per aver messo Lucio Stanca al
    Ministero per l'Innovazione.Ringrazialo pure tu se vuoi, a me sembra che abbia parlato tanto e concluso poco. O meglio legiferato tanto, senza nessuna verifica se poi le leggi venivano effettivamente applicate.
  • Anonimo scrive:
    Re: Millanterie
    - Scritto da: Anonimo
    Forse dovresti provare davvero. Prova ad andare
    sul portale per le imprese. Ti renderai conto
    delle sciocchezze che dici.Ci sono andato, e allora? Si sapeva già che le pratiche che hanno a che farecon la Camera di commercio si fanno con la smart card(venduta da Infocamere). Ma le altre pubbliche amministrazioni? Il CODICE parla di una cosa che nonesiste, e cioè della possibilità di fare a meno dellacarta per *qualsiasi* pratica avviata presso *qualsiasi* PA italiana.
    La digitalizzazione sicuramente ha ancora molto
    da fare, ma la strada è stata intrapresa negli
    ultimi 5 anni.Ma va, se ne parla a vanvera almeno da 10 e si sono spesi miliardi di lire prima e milioni di euro poi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Millanterie
    - Scritto da: Anonimo

    Per come sono scritte le norme del codice delle

    amministrazioni digitali, invece, pare che il

    cittadino abbia il diritto di interagire con le

    PA in modo totalmente informatico da subito
    Ma certo. Si sono introdotti nuovi diritti. Per
    te è un male?
    Sta alla PA far valere quei diritti. E se non lo
    fanno, tu puoi rivolgerti ad un gudice per farti
    rimborsare per il danno subito.e chi dice che è un male. Lui dice solo che non è vero, come al solito in Italia il mondo della legge è separato dal mondo della realtà.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra


    Ma mi astengo dallo stressarvi.
    e stressaci!Quoto...strassaci! Vediamo quante cavolate riesci ad inventarti per argomentare che i papiri sono meglio dei supporti elettronici!!!Solo i sinistri possono riuscire in tale impresa AHAHAHA
  • Anonimo scrive:
    Re: Annotazione scettica
    - Scritto da: Anonimo

    OK. Non posso che concordare...

    Ma secondo voi ci sono alternative?

    Credo che la svolta verso la digitalizzazione
    sia

    oltre che doverosa, anche inevitabile...

    Non molte, forse un passo avanti sarebbe quello
    di obbligare le PA e i produttori di software per
    PA ad usare solo certi formati ampiamente
    documentati e abbastanza testati (PDF, XML, PNG,
    OpenDocument...).OD testato?Ma se ancora non ha passato la certificazione...ma dove vivi?I pdf non possono essere modificati...vuoi altri esempi?
  • teddybear scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta
    - Scritto da: Anonimo
    Rifarlo o farlo la prima volta non cambia niente,
    forse ti confondi con il rinnovo.No, se hai già avuto un passaporto, la procedura è molto più semplice e veloce.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma da quanto se ne parla ....

    Ah come godo da quando esiste l'invio telematico
    insieme all'adsl... quanto tempo risparmiato!E ringraziamo che la digitalizzazione sia in atto.Senza il gran lavoro di Stanca questo non esisterebbe.
  • Anonimo scrive:
    Re: Si potrebbe risparmiare di piu'...

    Se eliminassimo GLI APPUNTI presi (su carta) ai
    dibattiti ... p)Ma se non vogliono neppure che si portino dati statistici presi dall'Istat...Mortadella ha paura dei risultati del Governo Berlusconi.Basterebbe un pc connesso ad internet per sbugiardare la mortadella!
  • Anonimo scrive:
    Re: Millanterie

    Per come sono scritte le norme del codice delle
    amministrazioni digitali, invece, pare che il
    cittadino abbia il diritto di interagire con le
    PA in modo totalmente informatico da subitoMa certo. Si sono introdotti nuovi diritti. Per te è un male?Sta alla PA far valere quei diritti. E se non lo fanno, tu puoi rivolgerti ad un gudice per farti rimborsare per il danno subito.
  • Anonimo scrive:
    Re: Millanterie

    Non è vero che stanno dematerializzando e non è
    vero che si può usare il documento informatico.
    Provate ad avviare una pratica con un ministero o
    con una qualsiasi pubblica amministrazione usando
    il documento informatico.Forse dovresti provare davvero. Prova ad andare sul portale per le imprese. Ti renderai conto delle sciocchezze che dici.Poi certo che se qualcuno sul forum riesce pure a dire che i papiri sono meglio della digitalizzazione...beh che dire? Questione di politiche.La digitalizzazione sicuramente ha ancora molto da fare, ma la strada è stata intrapresa negli ultimi 5 anni.
  • Anonimo scrive:
    Re: E' tutto vero, esperienza diretta

    Meno carta, meno spese, purtroppo è proprio così!!Perché purtroppo?La carta inquina e devasta la natura.E sicuramente è più dispendioso mantenere un archivio cartaceo piuttosto che supporti elettronici.Ringraziamo che sia avvenuto l'ammodernamento del Paese in questi ultimi anni.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra


    La verità è che vi brucia che l'ammodernamento

    della PA sia stato fatto dalla destra.
    A me sembra che sia a te che queste cose bruciano
    tantoIl problema è che qui qualcuno pensa che digitalizzare la Pubblica Amministrazione sia un male da rinengare.E lo si legge dai post del forum di chi diche che la carta sia meglio...baggianate.Vi dà fastidio che l'ammodernamento del Paese sia stato portato avanti e con buoni risultati.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra



    Mi pare assurdo il vostro discorso.


    Nel momento in cui un documento viene scritto
    al


    computer, non vedo perchè dovrebbe essere


    stampato e inviato con metodi tradizionali al


    destinatario, quando si potrebbe impiegare la


    posta elettronica.

    Lascia perdere, il forum è infestato dai
    sinistri.

    I DS hanno sguinzagliato i loro servi su tutti i

    forum via internet.



    E così si riesce persino a dire che la carta è

    meglio dell'archiviazione elettronica...alla

    faccia dell'innovazione.



    Prevedo che per i prossimi 5 anni, se sarà al

    governo la sinistra verranno gettati al fuoci

    tutti i pc, considerati armi del demonio. Che

    retrogradi. :(

    Bha, io la cosa piu' di sinistra che vedo sono le
    tue accuseSbagli. Il problema è che chi frequenta il forum vuole negare la digitalizzazione e tornare ai vecchi sistemi a carta. Si vuole che il Paese torni indietro. Che schifo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra

    io credo che tutto questa foga con
    cui si vuole informatizzare la PA abbia qualche
    altra specifica finalità, ovvero ribaltare sul
    singolo cittadino i costi di collegamento per
    l'utilizzo, la conservazione e la stampa dei
    documenti.Falso. La digitalizzazione fa risparmiare. I costi non aumentano, bensì diminuiscono. Dove hai sentito la baggianata per cui i costi dovrebbero aumentare?La digitalizzazione riduce i tempi, gli spazi per l'archiviazione e di conseguenza i costi.Chiunque abbia un cervello ci arriverebbe.Solo i sinistri potrebbero sostenere che la digitalizzazione porti solo svantaggi.
    se così non fosse, per essere coerente la PA
    dovrebbe licenziare una marea di dipendentiFalso. Ma questo è un concetto leggermente più difficile da comprendere. E capisco che tu possa non arrivarci. Provo a spiegartelo.La PA non licenzia nessuno. Altrimenti sai che ritorsioni sindacali. La PA fa una cosa molto più furba: quando un dipendente va in pensione, questo non viene sostituito da un altro dipendente. Questo permette di risparmiare senza fare macelleria sociale.Quando senti parlare del Governo Berlusconi che blocca i turn over nella PA (cosa persino osteggiata dai sinistri), ci si riferisce esattamente a questo.Il problema semmai è che spessi gli enti locali non rispettano il blocco del turn over (che consentirebbe ampi risparmi). Ma questo non può essere controllato dallo Stato centrale.Poi non capisco come facciano i rossi che viaggano continuamente su questo forum a sostenere che l'archiviazione su carta sia meglio di quella elettronica. Solo chi vive ancora nell'età della caverna non capirebbe gli enormi vantaggi della carta.Non oso pensare a cosa succederebbe se vincesse la mortadella. La digitalizzazione verrebbe bloccata?Si tornerebbe alla tv in bianco e nero (visto che i sinistri ebbero pure l'ostinazione di bloccare la tv a colori)?
  • AndreaMilano scrive:
    Re: Ma da quanto se ne parla ....
    Ah come godo da quando esiste l'invio telematico insieme all'adsl... quanto tempo risparmiato!- Scritto da: Anonimo

    Ma da quanto tempo se ne parla?



    Quante tonnellata di carta hanno gia' prodotto i

    vari studi? ... altro che meno carta ....



    E oltre alla carta un sacco di altre spese

    (convegni, studi, consulenze, ecc.)



    Se avessero voluta veramente fare la riduzione

    della carta l'avrebbero gia' fatta!
    Parli senza cognizione di causa.
    Evidentemente non hai la minima competenza in
    materia.
    I passi avanti fatti in questi ultimi anni sono
    enormi.
    Siamo passati da essere il 12 Paese in classifica
    per la digitalizzazione della PA nel 2001 all'8
    posto nel 2005.
    Non è un passo da poco. C'è stato un gran lavoro
    dietro.
    Se poi qui, volete negarlo, siete liberi di
    farlo. Ma negare l'evidenza è da stolti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra

    È una critica sensataAh! Se volevi farmi ridere ci sei riuscito.La critica è priva totalmente di sensatezza.
    i
    documenti che ritengo importanti preferisco
    sempre stamparli o almeno conservarli in una mia
    webmail.E la webmail, notoriamente è fatta di carta...sei un po' incoerente...e nemmeno te ne accorgi.Nella PA viene fatta una cosa che a livello consumer (privati) è abbastanza sconosciuta: il BACKUP.Questa cosa ai più sconosciuta è la regola nelle imprese serie, così come lo è nella Pubblica Amministrazione.Il BACKUP permette di evitare i problemi di cui parli.Torna a scuola...
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: Anonimo
    La verità è che vi brucia che l'ammodernamento
    della PA sia stato fatto dalla destra. A me sembra che sia a te che queste cose bruciano tanto, visto che in tua assenza non si sarebbe mai parlato di destra o di sinistra !!!Te sei malato dentro !
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra

    "la pubblica amministrazione non è un cittadino
    privato che se deve sbrigare le cose da sè, si
    preoccuperà lei di mantenere compatibili i
    formati nel tempo."
    AH AH AH AH AH AH AH!!!!!!!
    Questa non era male.Ecco il solito trolletto inviato dai sinistri per parlar male del Governo Berlusconi.La verità è che vi brucia che l'ammodernamento della PA sia stato fatto dalla destra. E ora, non potendo più sostenere che non è stato fatto cambiate strada dicendo che l'ammodernamento non serve e a nulla.Fosse per la mortadella e per tutti i sinistri la digitalizzazione della PA sarebbe cancellata dall'Italia.Siamo all'ottavo posto in classifica nell'ammodernamento della Pubblica Amministrazione. Nel 2001 eravano al 12esimo. Un brutto posto ereditato dalla sinistra. Il Governo Berlusconi ha incentivato la digitalizzazione e ora che ciò è indiscutibilmente dimostrato, voi sinistri dovreste vergognarvi di voler tornare alla carta.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: Anonimo

    Mi pare assurdo il vostro discorso.

    Nel momento in cui un documento viene scritto al

    computer, non vedo perchè dovrebbe essere

    stampato e inviato con metodi tradizionali al

    destinatario, quando si potrebbe impiegare la

    posta elettronica.
    Lascia perdere, il forum è infestato dai sinistri.
    I DS hanno sguinzagliato i loro servi su tutti i
    forum via internet.

    E così si riesce persino a dire che la carta è
    meglio dell'archiviazione elettronica...alla
    faccia dell'innovazione.

    Prevedo che per i prossimi 5 anni, se sarà al
    governo la sinistra verranno gettati al fuoci
    tutti i pc, considerati armi del demonio. Che
    retrogradi. :(Bha, io la cosa piu' di sinistra che vedo sono le tue accuse, ma probabilmente sei uno di quelli che vede la politica dappertutto... Tipo secondo te le tendine della cucina sono di destra o di sinistra ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra

    Mi pare assurdo il vostro discorso.
    Nel momento in cui un documento viene scritto al
    computer, non vedo perchè dovrebbe essere
    stampato e inviato con metodi tradizionali al
    destinatario, quando si potrebbe impiegare la
    posta elettronica.Lascia perdere, il forum è infestato dai sinistri.I DS hanno sguinzagliato i loro servi su tutti i forum via internet.E così si riesce persino a dire che la carta è meglio dell'archiviazione elettronica...alla faccia dell'innovazione.Prevedo che per i prossimi 5 anni, se sarà al governo la sinistra verranno gettati al fuoci tutti i pc, considerati armi del demonio. Che retrogradi. :(
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra

    semplicemente risparmiamo
    una risorsa naturale (gli alberi) per fare la
    carta e la sotituiamo con l'energia (che costa).
    In effetti il vero problema non è il supportoIl supporto è un grande problema. Come fai a non capirlo?La carta non può essere utilizzata per archivi che devono durare nel tempo.Incredibile che pure su un sito di informatica arrivino i sinistri per dire che non si deve procedere alla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione.Prima dicevate che la digitalizzazione non era in atto, ora che è impossibile dire il contrario, venite a raccontarci che è meglio non farla e che si dovrebbe tornare ad utilizzare i papiri, magari in atmosfera controllata in eterno.Voi sinistri siete semplicemente ridicoli.E dovreste soltanto ringraziare il Ministro Stanca per i miliardi di euro di finanziamenti che ogni anno è riuscito ad ottenere per l'ammodernamento della PA:Questo è un pregio dell'attuale Governo Berlusconi e a voi sinistri brucia. Questa è la realtà.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra

    Ma.... stai perdendo colpi tu o perdo colpi io?
    Trovo che il tuo messaggio sia sensatoQuel messaggio non è sensato.La carta non può essere utilizzata per archivi che devono durare nel tempo.Incredibile che pure su un sito di informatica arrivino i sinistri per dire che non si deve procedere alla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione.Prima dicevate che la digitalizzazione non era in atto, ora che è impossibile dire il contrario, venite a raccontarci che è meglio non farla e che si dovrebbe tornare ad utilizzare i papiri, magari in atmosfera controllata in eterno.Voi sinistri siete semplicemente ridicoli.E dovreste soltanto ringraziare il Ministro Stanca per i miliardi di euro di finanziamenti che ogni anno è riuscito ad ottenere per l'ammodernamento della PA:Questo è un pregio dell'attuale Governo Berlusconi e a voi sinistri brucia. Questa è la realtà.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra

    L'informatica ci avrebbe dovuto risolvere i
    problemi...invece ne ha creati di nuoviLa tua ignoranza crea problemi. Non l'informatica.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra

    Oltre a queste giuste obiezioni ce ne sarebbero
    altre di carattere piu paranoide. Ma mi astengo
    dallo stressarvi.Ma tu sei fuori di testa. La carta si rovina in poco tempo.La carta occupa spazio.La carta pesa.La carta non permette ricerche veloci.Sei un troglodita se credi alle fandonie scritte dal tuo amico rosso.Torna alle caverne!La digitalizzazione della PA è stata per fortuna portata avanti dal Governo Berlusconi. Se qualcuno preferisce utilizzare i papiri se ne vada in qualche paese del terzo mondo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra

    ah ah vorrei proprio vedere dove sta il
    risparmio, se per legger un ebook del
    cavolo...devo usare un p4 con aimentatore da
    500w!!!E tu non usare un p4...passa al mac e vedrai che risparmi.Oppure comincia ad alzare le chiappe e a promuovere il nucleare.Solo in Italia si compra tutta l'energia nucleare all'estero per un masochismo nazionale senza paragoni al mondo.
    La documentazione su carta e' sempre
    leggibile...il suo formato non diventara' mai
    obsoleto e dura nel tempo.Ma che sei un troll?Allora tu perché usi un pc? Non puoi fare tutto a mano.La tua mi sa tanto di ideologia che non ha riscontri con la realtà.La digitalizzazione della PA è doverosa il Governo la sta portando avanti da 5 anni. Ringrazia per tutto ciò che viene fatto, invece di lamentarti.La carta ha pochi anni di vita e occupa parecchio spazio. Inoltre la ricerca di un documento fra altri miliardi è assolutamente complessa e lunga.Il risparmio per la PA si arrira intorno alle centinaia di milioni di euro ogni anno.Se poi tu vuoi restare alla carta...o ai papiri...butta via il tuo pc.
    infatti si possono ancora leggere libri di 700
    anni fa...Certo, non portandoli al sole...mantenendo i libri in atmosfera controllata...ma per favore.
  • Anonimo scrive:
    Re: Annotazione scettica


    E' la Torre di Babele dei tempi moderni.

    E' più facile conservare una stampa vecchia

    di qualche secolo che tutti i supporti
    digitali.

    La sfnge ci guarda .....
    Ma secondo voi ci sono alternative?Ma certo che no. Qualsiasi supporto ha una durata limitata nel tempo.Persino le scorie nucleari non vivono per sempre.
    Credo che la svolta verso la digitalizzazione sia
    oltre che doverosa, anche inevitabile...Assolutamente doverosa e dobbiamo ringraziare il Governo Berlusconi per aver messo Lucio Stanca al Ministero per l'Innovazione.
  • Anonimo scrive:
    Re: Annotazione scettica

    E' la Torre di Babele dei tempi moderni.
    E' più facile conservare una stampa vecchia
    di qualche secolo che tutti i supporti digitali.
    La sfnge ci guarda .....E allora torniamo alla carta?Ma voi comunisti riuscite pure a parlar male della digitalizzazione in atto?Che vuoi, tornare ai papiri?La carta di rovina in poco tempo, i papiri non possono essere esposti alla luce del sole.Non esiste un supporto immune da richi in assoluto. Se tu non fossi tanto ipocrita forse lo capiresti da te.
  • Anonimo scrive:
    Re: Annotazione scettica

    - Il supporto fisico (il floppy si cancella, non
    ci sono più i lettori per i vecchi supporti, i CD
    sono garantiti solo poche decine di anni, dei
    nastri non ne parliamo)Per archiviare una gran mole di dati i nastri vengono usati ancora oggi in tutto il mondo. Aggiornati.
  • Anonimo scrive:
    Re: forma e sosaza

    Usare più mail e meno raccomandate
    è secondo me un aspetto secondario.Questo solo nella tua mente.La realtà è che l'utilizzo delle mail nella PA permette di risparmiare centinaia di milioni di euro in carta, spedizioni e archivi vari. Giusto per la tua età...magari riesci a comrpendere che far stare una libreria in un dvd è molto meno costoso che tenere in piedi una libreria. Ecco, moltiplica questo per milioni e milioni di documenti che ogni giorno venivano prodotti in formato cartaceo e capirai che la digitalizzazione non è secondaria affatto.
    Il vero prolema sono e migliaia di leggi,
    leggine, norme, regolamenti, circolari
    che gonfiano i costi informatici e sono
    causa di una burocrazia asfissiante
    e persecutoria.Su questo versante il Governo Berlusconi ha operato una serie di tagli impressionante, per nostra fortuna.Ovviamente non si tratta di tagli alla spesa, ma tagli alle leggi. Quando senti parlare di testi unici, quello è esattamente lo strumento a disposizione di un governo per ridurre la complessità della legislazione attraverso l'emanazione di codici che riepilogano tutte le leggi su una data materia. Costruire questi codici non è cosa da poco, ma il risultato è utile a tutti. Questo è stato fatto dal Governo Berlusconi in vari ambiti. Prova ad informarti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Annotazione scettica

    Non penseranno mica di usare supporti ottici per
    fare backup dei documenti, VERO? Con la loro
    attuale affidabilità stiamo freschi... La maggior
    parte dura pochi anni. Quel che non spenderebbero
    più in carta lo spenderebbero in supporti nuovi e
    in personale addetto ai backup dei backup...
    (cylon)Tu ne sai più di tutti messi insieme vero?
  • Anonimo scrive:
    Re: ...a fagiolo per voto elettronico!

    Bella notizia, non c'e' dubbio.
    Ma e' sospetta la coincidenza con la polemica sul
    "Voto elettronico" che in tutta fretta stanno
    allestendo in alcune regioni italiane (guarda
    caso quelle che erano in bilico alle
    amministrative) senza troppa trasparenza...Che baggianata.Il voto elettronico è sicuro forse più del voto normale.Hai idea di quante schede vengano date buone quando non lo sono e nulle quando sono buone?Hai mai fatto lo scrutatore?Hai mai letto come andrebbe svolta la procedura?Ebbene, praticamente nessuno la segue, perché ritenuta lunga.Il voto elettronico dà la garanzia che il voto non venga mal interpretato dagli scrutatori a seconda della loro inclinazione politica. E inoltre si evitano molte schede nulle per disegni e fumetti vari (chi ha fatto lo scrutatore sa che intendo).
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma da quanto se ne parla ....

    Ma da quanto tempo se ne parla?

    Quante tonnellata di carta hanno gia' prodotto i
    vari studi? ... altro che meno carta ....

    E oltre alla carta un sacco di altre spese
    (convegni, studi, consulenze, ecc.)

    Se avessero voluta veramente fare la riduzione
    della carta l'avrebbero gia' fatta!Parli senza cognizione di causa.Evidentemente non hai la minima competenza in materia.I passi avanti fatti in questi ultimi anni sono enormi.Siamo passati da essere il 12 Paese in classifica per la digitalizzazione della PA nel 2001 all'8 posto nel 2005.Non è un passo da poco. C'è stato un gran lavoro dietro.Se poi qui, volete negarlo, siete liberi di farlo. Ma negare l'evidenza è da stolti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta


    ora è la validazione informatica, ma il problema

    è rimasto tale e quale.Sbagli in toto. La differenza è abissale. Si risparmia denaro.La burocrazia non viene cancellata con un colpo di bacchetta ovviamente. Ci va del tempo, ma questa è la strada giusta intrapresa da Lucio Stanca e dal Governo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta


    Piccolo esempio: questa mattina per rifare il

    passaporto (a Milano) mi hanno detto in questura

    che ci vorranno due/tre mesi. E' una vera

    assurdità, altro che alba digitale.
    Mi sa che dappertutto ci va quel tempo.
    Io, a Torino, l'ho aspettato tre mesi.E che vuol dire? I progetti sono stati messi in pratica.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta

    Va molto bene che finalmente si facciano girare e
    si archivino documenti e informazioni digitali,
    invece di fogli di carta bollata.
    Ma purtroppo il problema resta, ed è di
    mentalità: ci vuole meno carta (e meno bit)
    perché ci vuole prima di di tutto meno
    burocrazia.Guarda che è esattamente quel che viene fatto. Grazie alla trasmissione di comunicati via email anziché via posta cartacea, già oggi si risparmiano centinaia di milioni di euro. La digitalizzazione della pubblica amministrazione è anche questo.E il tutto fatto, spesso non lo si ricorda, dal ministro Lucio Stanca del Governo Berlusconi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Come faranno i burocrati?

    Sono molto scettico su una riforma della P.A. che
    parta dall'esterno e non dall'interno.La riforma parte sempre dal Governo.In questo caso dal Governo Berlusconi.Come vedete, anche se velatamente, si scopre piano piano che gli investimenti durante questi anni sono stati fatti e sono di ingente quantità. I risultati verranno.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta
    - Scritto da: teddybear

    - Scritto da: Anonimo

    L'ho appena rifatto, Milano: 2 settimane.

    Rifarlo non è un problema.
    Il problema è farlo la prima volta.Rifarlo o farlo la prima volta non cambia niente, forse ti confondi con il rinnovo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: mARCOs

    In questo senso il documento informatico è
    superiore. Posto che gli archivi siano collegati
    in rete, non si avrà più bisogno di presentare un
    documento già esibito/consegnato in passato ad un
    altro ufficio. Di qui l'enorme vantaggio per
    l'amministrazione e per il cittadino: meno carta,
    meno moduli da compilare, file più rapide agli
    sportelli, ecc.per dire la verità, c'è più di un precedente (sentenze della cassazione e se non sbaglio norme ben precise) che prevedono l'obbligo da parte della PA di non richiedere un documento già consegnato precedentemente.oltre a ciò, io credo che tutto questa foga con cui si vuole informatizzare la PA abbia qualche altra specifica finalità, ovvero ribaltare sul singolo cittadino i costi di collegamento per l'utilizzo, la conservazione e la stampa dei documenti.se così non fosse, per essere coerente la PA dovrebbe licenziare una marea di dipendenti che quindi non servono più e dovrebbe abbassare le tasse visto che ci sono molti meno costi da sostenere a carico della collettività, oppure, in alternativa, destinare queste risorse ad altri settori più in crisi (invece di tagliare, coem fanno, sulla sanità/pensioni).lo faranno? io credo di no.ciao :)
  • teddybear scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta
    - Scritto da: Anonimo
    L'ho appena rifatto, Milano: 2 settimane.Rifarlo non è un problema.Il problema è farlo la prima volta.L'ho chiesto il 4 gennaio. Mi hanno detto 20/25 giorni...Se alla fine non sollecitavo tramite conoscenze, il 18 marzo non sarei partito. Me lo hanno dato il 17 sera. Ho parlato con una persona, e mi ha confermato che la richiesta era ancora chiusa nella busta come quando consegnata.
  • Anonimo scrive:
    Re: Millanterie
    - Scritto da: mARCOs

    Guarda che si parla di "progressiva
    introduzione del digitale" e si ammette anche
    che "manca ancora una significativa azione di
    sensibilizzazione e di formazione del personale
    coinvolto per realizzare la tanto auspicata
    scomparsa della carta".

    Nessuno ha mai detto che già puoi interagire con
    tutti gli enti usando le nuove tecnologie.Per come sono scritte le norme del codice delle amministrazioni digitali, invece, pare che il cittadino abbia il diritto di interagire con le PA in modo totalmente informatico da subito. E ricordo che la normativa sulla firma digitale in Italia ha quasi 10 anni; se non ci sono riusciti in tutto questo tempo, vuol dire che non lo faranno mai....Ricordo anche che il protocollo informatico è obbligatorio dal 2004, e ancora adesso nessuno ce l'ha (a me risulta che non lo ha neppure Stanca).
  • mARCOs scrive:
    Re: Annotazione scettica
    - Scritto da: Santos-Dumont
    Non penseranno mica di usare supporti ottici per
    fare backup dei documenti, VERO? Con la loro
    attuale affidabilità stiamo freschi... La maggior
    parte dura pochi anni. Quel che non spenderebbero
    più in carta lo spenderebbero in supporti nuovi e
    in personale addetto ai backup dei backup...
    (cylon)Forse utilizzeranno soluzinoi più professionali.http://www-5.ibm.com/storage/europe/it/tape/drives/index.html
  • mARCOs scrive:
    Re: Millanterie
    - Scritto da: Anonimo
    Non è vero che stanno dematerializzando e non è
    vero che si può usare il documento informatico.
    Provate ad avviare una pratica con un ministero o
    con una qualsiasi pubblica amministrazione usando
    il documento informatico. [...]Guarda che si parla di " progressiva introduzione del digitale " e si ammette anche che " manca ancora una significativa azione di sensibilizzazione e di formazione del personale coinvolto per realizzare la tanto auspicata scomparsa della carta ".Nessuno ha mai detto che già puoi interagire con tutti gli enti usando le nuove tecnologie.
  • mARCOs scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: rock and troll
    La documentazione su carta e' sempre
    leggibile...il suo formato non diventara' mai
    obsoleto e dura nel tempo!!
    infatti si possono ancora leggere libri di 700
    anni fa...chi di voi riesce ancora a leggere le
    ricerche scritte sui floppy dell amiga 1200???È una critica sensata, in effetti. Io non mi fido ciecamente dell'archiviazione informatica (quella "casalinga", fatta di floppy, cd, ecc) e i documenti che ritengo importanti preferisco sempre stamparli o almeno conservarli in una mia webmail.Ciò premesso, il problema risiede non solo nella conservazione delle informazioni (va detto cmq che la PA non archivia i dati sui dischetti da 720 ma su macchine molto più affidabili) ma soprattutto nella accessibilità e quindi nella veloce disponibilità dei dati a chi ne fa richiesta.In questo senso il documento informatico è superiore. Posto che gli archivi siano collegati in rete, non si avrà più bisogno di presentare un documento già esibito/consegnato in passato ad un altro ufficio. Di qui l'enorme vantaggio per l'amministrazione e per il cittadino: meno carta, meno moduli da compilare, file più rapide agli sportelli, ecc.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    "la pubblica amministrazione non è un cittadino privato che se deve sbrigare le cose da sè, si preoccuperà lei di mantenere compatibili i formati nel tempo."AH AH AH AH AH AH AH!!!!!!!Questa non era male.Grazie, mi ci volevano proprio 2 risate...J.J.
  • Anonimo scrive:
    Re: Annotazione scettica

    OK. Non posso che concordare...
    Ma secondo voi ci sono alternative?
    Credo che la svolta verso la digitalizzazione sia
    oltre che doverosa, anche inevitabile...Non molte, forse un passo avanti sarebbe quello di obbligare le PA e i produttori di software per PA ad usare solo certi formati ampiamente documentati e abbastanza testati (PDF, XML, PNG, OpenDocument...).Oppure addirittura definire dei nuovi formati di file assieme agli altri membri UE.Ovviamente questo non risolve il problema del supporto.Però considerati i politici che abbiamo ora (gerontocrazia tecnologicamente ignorante) e visti i rigurgiti di normative tecnicamente ridicole prodotte negli ultimi anni (la legge terrorismo psicologico antitencologico di Pisanu e l'incomprensibile e ininterpretabile slalom della privacy 196/2003)... cosa pensate sarà in grado di uscirne fuori ?
  • AlessioC scrive:
    Re: Annotazione scettica
    - Scritto da: Anonimo
    E' la Torre di Babele dei tempi moderni.
    E' più facile conservare una stampa vecchia
    di qualche secolo che tutti i supporti digitali.
    La sfnge ci guarda .....OK. Non posso che concordare...Ma secondo voi ci sono alternative?Credo che la svolta verso la digitalizzazione sia oltre che doverosa, anche inevitabile...AC
  • Anonimo scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta

    Ma dico, costava tanto dare un codice quando si
    prenotava, così se uno ha bisogno di disdire va
    sul sito dell'ospedale, inserisce i suoi dati e
    il codice e ha fatto tutto.Concordo, ottima idea.Sai quante idee vengono in mente vivendo la giornata? Tante.Anche quelle sulla pubblica sicurezza. Pazzesco.Avrei decine e decine di casi e soluzioni, che non dovrei prendere io, ma chi dirige le autorità locali, e/o regionali.Sai quanta rabbia viene a vedere un sacco di gente ignorante, che non si lamenta, che è lassiva-lassista (pelandroni) che gli va bene cosi? Tanta.E poi quando qualcuno propone, innova, cambia un po le cose... PAMMM, loro si lamentano, mica perchè è peggio il nuovo sistema, NO, NO, ma solo perchè ci si devono abituare, devono capirlo, ma non si sforzano, non ne hanno voglia, e quindi si lamentano.Persone poco dinamiche, anche mentalmente.Byexx...Christian-Rimini
  • Anonimo scrive:
    E' tutto vero, esperienza diretta
    Ho collaborato per una casa editrice che ha fallito.Le spese primarie erano proprio la carta (parliamo di miliardi di budget e di voce fissa nel bilancio).Negli ultimi tempi era stata fatta una operazione di revisione dell'attività della casa editrice. E' stato modificato un semplice passaggio (la versione provvisoria dei testi da pubblicare, invece che su cartaceo venivano forniti su supporto elettronico, da dare direttamente allo stampatore, dopodichè le correzioni venivano fatte sempre su file) ed in questo modo c'è stato un taglio netto di 1milione di euro!!!!!Meno carta, meno spese, purtroppo è proprio così!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Annotazione scettica
    E' la Torre di Babele dei tempi moderni.E' più facile conservare una stampa vecchiadi qualche secolo che tutti i supporti digitali. La sfnge ci guarda .....
  • Anonimo scrive:
    Re: forma e sostanza
    Scusate, rettifico il titolo.
  • Anonimo scrive:
    Re: forma e sosaza
    Usare più mail e meno raccomandateè secondo me un aspetto secondario.Il vero prolema sono e migliaia di leggi,leggine, norme, regolamenti, circolariche gonfiano i costi informatici e sonocausa di una burocrazia asfissiantee persecutoria.Faccio un esempio: negli anni '70 hoiniziato a farmi la dichiarazione dei redditipersoalmente. Chi si ricorda il vecchio 740marroncino ? Ora dopo varie "semplificazioni"pur avendo poco da dichiarare non sarei piùin grado. Dopo qualche 730 (obolo al CAAF)ho ripreso a farlo telematico solo grazieal software dell'agenzia delle entrate chemi guida nella compilazione.Ma se la dihiarazione fosse menocoplicata quanto il cittadino avrebbe risparmato ?E quanto avrebbe risparmiato lo stato ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Annotazione scettica

    Concordo. Per non parlare poi del formato di tali
    documenti digitali...
    Oggi si trovano negli archivi documenti cartacei
    leggibili a distanza di centinaia di anni. Per
    quanto tempo si potrà leggere un documento
    scritto con Office 4.2???Questa non è una supposizione, è già una triste realtà. Lavoro come consulente per aziende ed enti pubblici e purtroppo mi trovo spesso nell'impossibilità di leggere documenti creati "solo" 10 anni fa. I principali problemi sono due:- Il supporto fisico (il floppy si cancella, non ci sono più i lettori per i vecchi supporti, i CD sono garantiti solo poche decine di anni, dei nastri non ne parliamo)- Il formato (mi leggete un file fatto con l'applicativo pincopallino della ditta_che_non_esiste_più)Come la metteremo tra vent'anni ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Annotazione scettica
    - Scritto da: AlessioC
    Oggi si trovano negli archivi documenti cartacei
    leggibili a distanza di centinaia di anni. Per
    quanto tempo si potrà leggere un documento
    scritto con Office 4.2???Prossimamente: Farenheit v2.0
  • Anonimo scrive:
    Re: ...a fagiolo per voto elettronico!
    - Scritto da: Anonimo
    Lo scrutatore usarà un computer invece di un
    registro cartaceo per la conta dei voti."Non è chi vota a contare, ma chi conta i voti."- Josif Stalin
  • Anonimo scrive:
    Re: Come faranno i burocrati?
    [Sono molto scettico su una riforma della P.A. che parta dall'esterno e non dall'interno.]ma.. veramente la riforma parte proprio dall'interno..hai mai provato i vantaggi delle ICT applicata al rapporto tra il privato e la PA? parlo per esperienza personale, e siamo solo all'inizio.Ovviamente, non sarà un processo lineare, e i svariati milioni di dipendenti della PA non risponderanno allo stesso modo...ma mi sembra più conservatore dire "è una buffonata inutile" che accogliere il cambiamento con fiducia.
  • AnyFile scrive:
    Ma da quanto se ne parla ....
    Ma da quanto tempo se ne parla?Quante tonnellata di carta hanno gia' prodotto i vari studi? ... altro che meno carta ....E oltre alla carta un sacco di altre spese (convegni, studi, consulenze, ecc.)Se avessero voluta veramente fare la riduzione della carta l'avrebbero gia' fatta!
  • Anonimo scrive:
    Re: ...a fagiolo per voto elettronico!
    Quanta ignoranza.Non è voto elettronico ma scrutino elettronico. Lo scrutatore usarà un computer invece di un registro cartaceo per la conta dei voti.
  • Anonimo scrive:
    Millanterie
    Non è vero che stanno dematerializzando e non è vero che si può usare il documento informatico. Provate ad avviare una pratica con un ministero o con una qualsiasi pubblica amministrazione usando il documento informatico. Non sanno neanche come fare a cominciare, perché non hanno un sistema di gestione dei documenti informatici (cioè un protocollo informatico). Tra i milioni di dipendenti pubblici quelli che hanno una vaga idea del concetto di firma digitale e documento informatico sono pochissimi, e tra i dirigenti si conteranno ad alcune decine, quindi nessuna meraviglia che le leggi portentose siano del tutto disapplicate, sono come le famose "grida" citate da Manzoni nei Promessi Sposi. Intanto i vertici si riempiono la bocca parlando di risparmi.
  • Anonimo scrive:
    Re: [semi OT] Brasil
    ... "la foresta Amazzonica deve essere interamente abbattuta per produrre la carta indispensabile ai moduli dei burocrati, così da soddisfare la loro sacrosanta esigenza di tenere tutto in ordine" ...Brazil, lala lala lala lala, Brazil Brazil! :| :| :| :| :|
  • Anonimo scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta
    - Scritto da: Anonimo
    Piccolo esempio: questa mattina per rifare il
    passaporto (a Milano) mi hanno detto in questura
    che ci vorranno due/tre mesi. E' una vera
    assurdità, altro che alba digitale.Fai un esempio però che riguarda un supporto fisico: il passaporto. Un documento richiede di essere stampato in un centro apposito e non è come stampare una fotocopia, è una cosa che richiederà sempre passaggi fisici e non potrà mai essere spedito per posta elettronica. Dipende tutto dalla zona in cui vivi, se c'è tanta gente che deve rinnovare l'attesa aumenta. Lì riguarda più un problema di carenza del personale.Io invece avevo prenotato 4 mesi fa una visita nell'unico ospedale che la fa in Italia, la visita è ad aprile. Volevo disdire perché ormai mi hanno operato altrove e della visita non ho più bisogno. Ho provato per una settimana a chiamare il numero indicato sul foglio, eppure non riesco mai a parlare con nessuno, solo una volta la segreteria ha risposto e poi mi ha passato un interno...dopo 20 minuti è caduta la linea.Io ci ho rinunciato, probabilmente qualcuno poteva anticipare la visita e invece dovrà aspettare.Ma dico, costava tanto dare un codice quando si prenotava, così se uno ha bisogno di disdire va sul sito dell'ospedale, inserisce i suoi dati e il codice e ha fatto tutto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta
    L'ho appena rifatto, Milano: 2 settimane.
  • AlessioC scrive:
    Re: Annotazione scettica
    - Scritto da: Santos-Dumont
    Non penseranno mica di usare supporti ottici per
    fare backup dei documenti, VERO? Con la loro
    attuale affidabilità stiamo freschi... La maggior
    parte dura pochi anni. Quel che non spenderebbero
    più in carta lo spenderebbero in supporti nuovi e
    in personale addetto ai backup dei backup...
    (cylon)Concordo. Per non parlare poi del formato di tali documenti digitali...Oggi si trovano negli archivi documenti cartacei leggibili a distanza di centinaia di anni. Per quanto tempo si potrà leggere un documento scritto con Office 4.2???AC
  • Anonimo scrive:
    Bravo Berlusca
    ... bravi
  • Baruch scrive:
    ...a fagiolo per voto elettronico!
    Bella notizia, non c'e' dubbio.Ma e' sospetta la coincidenza con la polemica sul "Voto elettronico" che in tutta fretta stanno allestendo in alcune regioni italiane (guarda caso quelle che erano in bilico alle amministrative) senza troppa trasparenza...Di questi tempi a pensar male non si sbaglia.
  • Anonimo scrive:
    Si potrebbe risparmiare di piu'...
    Se eliminassimo GLI APPUNTI presi (su carta) ai dibattiti ... p)
  • Anonimo scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta
    Idem a Roma: 2 settimane.e non in questura, ma nella stazione alla periferia della città.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: rock and troll
    ah ah vorrei proprio vedere dove sta il
    risparmio, se per legger un ebook del
    cavolo...devo usare un p4 con aimentatore da
    500w!!!Il risparmio energetico non conta niente. Qui non si parla di obbligare tutto il paese a eliminare la carta, ma solo per i documenti della pubblica amministrazione. I vantaggi sono palesi: -semplicità d'archiviazione (riduzione degli spazi e ricerca dei documenti agevolata)-velocità di spedizione dei documenti tra un ufficio all'altro (anziché spedire per raccomanda che ha anche un costo e richiede i suoi tempi, si userà la posta elettronica certificata)-riduzione dei costi per la cartoleria-il problema di formato non si pone, la pubblica amministrazione non è un cittadino privato che se deve sbrigare le cose da sè, si preoccuperà lei di mantenere compatibili i formati nel tempo.
  • s. scrive:
    Come faranno i burocrati?
    Sono molto scettico su una riforma della P.A. che parta dall'esterno e non dall'interno.Nella maggior parte dei casi infatti gli effetti deleteri della burocrazia sono dati da comportamenti assunti dai pubblici funzionari o dagli impiegati.Al burocrate (e con questo termine intendo il pubblico funzionario che bada solo al suo interesse e non a quello della collettività alla quale è al servizio) preme solamente:a - pararsi le spalleb - esercitare il suo potereNel caso a) non c'è riforma che tenga.Il burocrate farà di tutto per evitare di assumersi responsabilità, per cui invece di spedire raccomandate spedirà mail di p.e.c.Il risultano non cambierà rispetto ad adesso.Anzi, il burocrate terrà via tutte le stampe di ciò che ha fatto per provare in ogni momento che "non è stata colpa sua".Nel caso b) non c'è bisogno di strumenti particolari.Il potere lo eserciti anche con il silenzio (se ti interessa).Purtroppo non sarà così semplice costruire un nuovo sistema: troppo dipende dalle persone.
  • Anonimo scrive:
    9 --
  • EdGreen scrive:
    Re: tua sorella,io TI AVVISO 2 volta!
    Questo thread è la fiera dell'insulto.....Buaahahahhahahahahahahahahaahhaah
  • Anonimo scrive:
    9 --
  • Anonimo scrive:
    9 --
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    Mi pare assurdo il vostro discorso.Nel momento in cui un documento viene scritto al computer, non vedo perchè dovrebbe essere stampato e inviato con metodi tradizionali al destinatario, quando si potrebbe impiegare la posta elettronica.In ogni caso verrebbe usato il computer e non il lapis per scrivere. La scusa del "costo energetico" è quindi una considerazione che lascia il tempo che trova.
  • Anonimo scrive:
    9 --
  • Anonimo scrive:
    9 --
  • Anonimo scrive:
    Re: [semi OT] Brasil
    Grazie per il chiarimento.
  • Anonimo scrive:
    NEL PAESE DEGLI ITALIOTI.....
    CI SARÀ + CARTA X PULIRSI IL CULO!
  • Anonimo scrive:
    9 --
  • Anonimo scrive:
    9 --
  • Anonimo scrive:
    9 --
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    Sai che hai ragione, semplicemente risparmiamo una risorsa naturale (gli alberi) per fare la carta e la sotituiamo con l'energia (che costa). In effetti il vero problema non è il supporto documentale, ma l'eccesso di documentazione e di burocrazia.E' lì che si dovrebbe intevenire principlamente!
  • Anonimo scrive:
    9 --
  • Santos-Dumont scrive:
    Annotazione scettica
    Non penseranno mica di usare supporti ottici per fare backup dei documenti, VERO? Con la loro attuale affidabilità stiamo freschi... La maggior parte dura pochi anni. Quel che non spenderebbero più in carta lo spenderebbero in supporti nuovi e in personale addetto ai backup dei backup... (cylon)
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: rock and troll

    ah ah ah secondo me la soluzione migliore e'

    stampare tutto finche' si puo'!!

    la carta sarà resa illegale in nome della
    salvaguardia della natura! :P

    avremo tutti la nostra maglietta SOCING però :PLa carta inquina una volta sola ed è riciclabile, il computer ogni volta che lo usi, anche se poco... mah... chi lo sa cos'è più inquinante. (newbie) (newbie)
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: rock and troll
    ah ah vorrei proprio vedere dove sta il
    risparmio, se per legger un ebook del
    cavolo...devo usare un p4 con aimentatore da
    500w!!!

    La documentazione su carta e' sempre
    leggibile...il suo formato non diventara' mai
    obsoleto e dura nel tempo!!
    infatti si possono ancora leggere libri di 700
    anni fa...chi di voi riesce ancora a leggere le
    ricerche scritte sui floppy dell amiga 1200???Ma.... stai perdendo colpi tu o perdo colpi io? Trovo che il tuo messaggio sia sensato
  • Santos-Dumont scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta
    - Scritto da: Anonimo
    Va molto bene che finalmente si facciano girare e
    si archivino documenti e informazioni digitali,
    invece di fogli di carta bollata.
    Ma purtroppo il problema resta, ed è di
    mentalità: ci vuole meno carta (e meno bit)
    perché ci vuole prima di di tutto meno
    burocrazia.
    Altrimenti si arriva al paradosso che la nostra
    PA ricostruisce digitalmente nei workflow
    informatici le assurdità dei suoi dedali
    burocratici, e alla fine non cambia niente. Prima
    era il timbro che non arrivava (magari per mesi),
    ora è la validazione informatica, ma il problema
    è rimasto tale e quale.

    Piccolo esempio: questa mattina per rifare il
    passaporto (a Milano) mi hanno detto in questura
    che ci vorranno due/tre mesi. E' una vera
    assurdità, altro che alba digitale.Cambia da questura a questura, due anni fa a Treviso ci hanno messo un paio di settimane, se ben ricordo.
  • Santos-Dumont scrive:
    Re: [semi OT] Brasil
    - Scritto da: Anonimo
    segnalo a questo proposito il bel film BRASIL:
    chiedetevi perchè il titolo è proprio questo.Si intitola BRAZIL (e non BRASIL) a causa di un sogno a occhi aperti di Gilliam: un uomo su una spiaggia nera che ascolta immobile dalla radio il motivo di Aquarela do Brasil di Ary Barroso. Motivo che diventa il tema principale del film e ne ispira il titolo definitivo. Per la storia completa della genesi:http://www.fantascienza.com/magazine/speciali/6757
  • Anonimo scrive:
    9 --
  • Anonimo scrive:
    Cucù, cucù...
    ... l'atto di proprietà della tua casa non c'è più! :D... speriamo ci resti almeno una ricevuta cartacea :E
  • Anonimo scrive:
    IMPARATE AI VOSTRI MODERATORI LA PARITA'
    DI ESSERE PAR-CONDICIO E NON DI ESTREMA SINISTRA!!E' UN SITO MOLTO POCO DEMOCRATICO....VI DOVRESTE VERGOGNARE,DI APPOGGIARE IL MORTADELLA....E DEMIGRARE,L'ALTRO.....BISOGNA ESSERE NEUTRI DI NESSUNO!!MODERATORI DELLE P....!!!!.....ma chi cavolo siete??nullla......vi diamo noi da mangiare con la pubblicita'...quindi....siate onesti,e poco beceri..!!!! cazzzooo....qui siamo in molti incazz...!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta
    Prendendo a prestito il buon vecchio Reagan: Il problema non è riformare la burocrazia, il problema è la burocrazia.
  • Anonimo scrive:
    Re: [semi OT] Brasil
    Spiega.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: rock and troll
    ah ah ah secondo me la soluzione migliore e'
    stampare tutto finche' si puo'!!la carta sarà resa illegale in nome della salvaguardia della natura! :Pavremo tutti la nostra maglietta SOCING però :P
  • rock and troll scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    non intendevo leggere il supporto...che ci si riesce ad arrangiare anche tramite emulatori....anche se vorrei vedere se con xp puoi leggere i floppy da 512k o come recuperare le cassette dell'atari...vabohMA SE VOGLIO USARE UN DOCUMENTO SCRITTO IN UN FORMATO CHIUSO CHE NON PUO' PIU' ESSERE LETTO...SONO FREGATO!!! Ah ah ah con la vecchia e cara carta di cellulosa no!!Certo se dobbiamo leggere solo dei txt si cambia la codiFICA ascii e possiamo leggerli...ma per i binari....che si fa??esempio se io avevo dai file realizzati per andare su un database, o foglio di calcolo...che faccio se il programma non c'e' piu' o non posso piu' usarlo??ah ah ah secondo me la soluzione migliore e' stampare tutto finche' si puo'!!e registrare tutto in fare file zip,txt, html o jpg , masterizzandoli su un cd iso 9660 senza joiletin formato 8+3ah ah rivoluzione al contrario!!! L'informatica ci avrebbe dovuto risolvere i problemi...invece ne ha creati di nuovi ah ah ah ah
  • Anonimo scrive:
    Re: Non è solo un problema di carta

    Piccolo esempio: questa mattina per rifare il
    passaporto (a Milano) mi hanno detto in questura
    che ci vorranno due/tre mesi. E' una vera
    assurdità, altro che alba digitale.Mi sa che dappertutto ci va quel tempo.Io, a Torino, l'ho aspettato tre mesi.
  • Anonimo scrive:
    Re: HANNO SCOPERTO L' ACQUA CALDA?
    - Scritto da: Anonimo
    Ogni tanto qualcuno si sveglia e sembra che
    scopra l' acqua calda.
    E il bello è che la cosa viene presentata come
    cosa dovuta a GRANDE INTELLIGENZA di un qualcuno
    che ruouta a turno per prendersi il plauso dei
    soliti BBAMBA.
    Adesso è la volta del risparmio della carta
    usando i supporti digitali.....cova ovviamente
    ovvia che si riisparmierebbe MOLTA carta con
    beneficio di risparmi, ma + ancora beneficio di
    alberi che non saranno tagliati.

    Prima o poi un qualche BEOTA ITALIOTA ariverà con
    l' altra NOTIZIONA SCOOP dicendo trafelato e
    emozionato che si potrebbero risparmiare MILIONI
    di Euro in licenze SW adottando smplicemente SW
    Open Sorcio.

    Siamo in Italia, paese degli ITALIOTI dove
    sarebbe facile avere come presidente del
    consiglio Al Capone se fosse ancora vivo, ma non
    disperiamo, eredi di Al Capone ne abbiamo a
    bizzeffe qui.ahahahahah forse non hai tutti i torti, ma se non altro è apprezzabile lo sforzo nella direzione della digitalizzazione...anche se io non me la sentirei di affidare delle informazioni di lavoro ad una macchina windows...ma questi sono problemi miei.speriamo che il prossimo governo si decida a dare delle spinte importanti verso l'open source...sarebbe una bella cosa...
  • Anonimo scrive:
    Pro e contro della "Dematerializzazione"
    O.K.Quali sono vantaggi e svantaggi dellacosiddetta "dematerializzazione"?Suggerisco di scrivere nel formato:PRO1. blablabla2. blablabla3. blablablaCONTRO1. blablabla2. blablabla3. blablablaDiscutete! ^_^
  • Anonimo scrive:
    HANNO SCOPERTO L' ACQUA CALDA?
    Ogni tanto qualcuno si sveglia e sembra che scopra l' acqua calda.E il bello è che la cosa viene presentata come cosa dovuta a GRANDE INTELLIGENZA di un qualcuno che ruouta a turno per prendersi il plauso dei soliti BBAMBA.Adesso è la volta del risparmio della carta usando i supporti digitali.....cova ovviamente ovvia che si riisparmierebbe MOLTA carta con beneficio di risparmi, ma + ancora beneficio di alberi che non saranno tagliati.Prima o poi un qualche BEOTA ITALIOTA ariverà con l' altra NOTIZIONA SCOOP dicendo trafelato e emozionato che si potrebbero risparmiare MILIONI di Euro in licenze SW adottando smplicemente SW Open Sorcio.Siamo in Italia, paese degli ITALIOTI dove sarebbe facile avere come presidente del consiglio Al Capone se fosse ancora vivo, ma non disperiamo, eredi di Al Capone ne abbiamo a bizzeffe qui.
  • Anonimo scrive:
    [semi OT] Brasil
    segnalo a questo proposito il bel film BRASIL: chiedetevi perchè il titolo è proprio questo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: NSA
    Ma mi astengo dallo stressarvi.e stressaci!
  • TADsince1995 scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: rock and troll
    ah ah vorrei proprio vedere dove sta il
    risparmio, se per legger un ebook del
    cavolo...devo usare un p4 con aimentatore da
    500w!!!

    La documentazione su carta e' sempre
    leggibile...il suo formato non diventara' mai
    obsoleto e dura nel tempo!!
    infatti si possono ancora leggere libri di 700
    anni fa...chi di voi riesce ancora a leggere le
    ricerche scritte sui floppy dell amiga 1200???Io. Ho ancora i floppy di 15 anni fa perfettamente leggibili e se li voglio leggere sul pc no problem. System/Storage/Dosdrivers/Pc0: lo metto in un bel floppy 720K e me li leggo tranquillamente sul PC.TAD
  • Anonimo scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: rock and troll
    ah ah vorrei proprio vedere dove sta il
    risparmio, se per legger un ebook del
    cavolo...devo usare un p4 con aimentatore da
    500w!!!shhhh non dirglielo! :P
    dura nel tempo!!è quello il problema! :P
    infatti si possono ancora leggere libri di 700
    anni fa...nooo ma anche quelli messi all'indice? giammai!
    chi di voi riesce ancora a leggere le
    ricerche scritte sui floppy dell amiga 1200???io! su A500 però! :P
  • NSA scrive:
    Re: Perche' la corrente elettrica e' gra
    - Scritto da: rock and troll
    ah ah vorrei proprio vedere dove sta il
    risparmio, se per legger un ebook del
    cavolo...devo usare un p4 con aimentatore da
    500w!!!

    La documentazione su carta e' sempre
    leggibile...il suo formato non diventara' mai
    obsoleto e dura nel tempo!!
    infatti si possono ancora leggere libri di 700
    anni fa...chi di voi riesce ancora a leggere le
    ricerche scritte sui floppy dell amiga 1200???Oltre a queste giuste obiezioni ce ne sarebbero altre di carattere piu paranoide. Ma mi astengo dallo stressarvi.
  • Anonimo scrive:
    Non è solo un problema di carta
    Va molto bene che finalmente si facciano girare e si archivino documenti e informazioni digitali, invece di fogli di carta bollata. Ma purtroppo il problema resta, ed è di mentalità: ci vuole meno carta (e meno bit) perché ci vuole prima di di tutto meno burocrazia.Altrimenti si arriva al paradosso che la nostra PA ricostruisce digitalmente nei workflow informatici le assurdità dei suoi dedali burocratici, e alla fine non cambia niente. Prima era il timbro che non arrivava (magari per mesi), ora è la validazione informatica, ma il problema è rimasto tale e quale.Piccolo esempio: questa mattina per rifare il passaporto (a Milano) mi hanno detto in questura che ci vorranno due/tre mesi. E' una vera assurdità, altro che alba digitale.
  • rock and troll scrive:
    Perche' la corrente elettrica e' gratis?
    ah ah vorrei proprio vedere dove sta il risparmio, se per legger un ebook del cavolo...devo usare un p4 con aimentatore da 500w!!!La documentazione su carta e' sempre leggibile...il suo formato non diventara' mai obsoleto e dura nel tempo!!infatti si possono ancora leggere libri di 700 anni fa...chi di voi riesce ancora a leggere le ricerche scritte sui floppy dell amiga 1200???
Chiudi i commenti