Droni per tutti i gusti

Dall'oggetto volante social, che posta in tempo reale via chat, a quello tascabile. Passando per il nuovo corso Intel, che tenta la via professionale

Milano – Si fa un gran parlare di realtà virtuale e realtà aumentata, ma c’è un mercato che è in un certo senso più maturo e soprattutto più diversificato: è quello dei droni, degli oggetti volanti pilotati da terra dotati di telecamera a bordo che consentono di effettuare riprese spettacolari un tempo esclusiva delle troupe cinematografiche di Hollywood. È un mercato fiorente, dove si moltiplica l’offerta : le ultime in ordine di tempo sono quelle della cinese Tencent (nota ai più come creatrice di WeChat), il tascabile Passport di Hoover e il professionale Falcon 8+ di Intel. Sì, esatto: Intel.

Cominciamo dal più social dei tre, lo Ying: prezzo fissato a circa 270 euro (299 dollari), monta una telecamera UHD con risoluzione massima 4K che è in grado anche di inviare in tempo reale un flusso video alla risoluzione 720p (HD) direttamente a una conversazione WeChat , celebre messenger di Tencent. A tutti gli effetti, Ying è un drone di classe “tascabile”: si tratta di prodotti con appendici ripiegabili e che entrano comodamente in un normale zaino per essere trasportati, con autonomia limitata (15-20 minuti) ma piuttosto facile da pilotare grazie a delle app mobile disponibili su smartphone iOS e Android.

È il prezzo il punto forte dello Ying: 299 dollari sono decisamente meno della concorrenza (su tutti la cinese DJI, che ha lanciato un prodotto simile poche settimane fa ma a 999 dollari), e dunque soprattutto il pubblico della madrepatria potrebbe trovare molto invitante l’offerta Tencent, che gode peraltro di una fama notevole a Pechino e dintorni. È un prodotto interessante lo Ying, con la possibilità di fargli seguire una rotta preimpostata per esempio, ma si tratta pur sempre di un prodotto consumer: la fotocamera da 4K di risoluzione è un bel passo in avanti, ma siamo ancora lontani dai prodotti da professionisti.

È a loro che si rivolge Intel: il chipmaker di Santa Clara sta puntando parecchio su questo settore, in parte anche per rinnovare il proprio portfolio prodotti, e ha dedicato a questa tecnologia ampio spazio durante il recente IDF di San Francisco che vi abbiamo raccontato su Punto Informatico . Il Falcon 8+ appena annunciato è frutto della tecnologia della acquisita Ascending Technology, che già produce droni di fascia alta destinati a scopi professionali: dotato di 8 rotori montati su una struttura tubolare, incorpora soluzioni di fascia alta tra cui sistemi di comunicazione e navigazione realizzati su misura, un radiocomando avanzato e un braccio su cui possono essere montate fotocamere e videocamere tradizionali che vengono stabilizzate da un giroscopio.

intel falcon 8+
intel falcon 8+

Chi acquisterà Falcon 8+ lo utilizzerà per monitoraggio del territorio, per il sorvolo e la mappatura di aree industriali , per scopi “professionali” insomma: ciò probabilmente giustificherà il prezzo di listino che, sebbene non sia stato ancora annunciato, sarà senz’altro di almeno un ordine di grandezza superiore a quello dello Ying. Si tratta di prodotti comunque decisamente diversi: il Falcon di Intel è più solido e più stabile, ha un’autonomia di poco superiore (arriva al massimo a 26 minuti) ma viaggia alla velocità massima di oltre 55 chilometri all’ora, e soprattutto dispone di tecnologie per il puntamento e l’allineamento con il soggetto della ripresa che dovrebbero garantire una precisione nell’ordine dei millimetri.

Una sorta di via di mezzo è il Passport di Hover : è un drone tascabile , ripiegabile su sé stesso, fotocamera con risoluzione 4K e grande quanto un grosso libro e pesante appena 242 grammi. Si controlla tramite WiFi, via smartphone, e può viaggiare al massimo a una 20ina di metri dal telefono con 10 minuti di autonomia. Il punto di forza di questo prodotto sono gli algoritmi di tracciamento dei soggetti: tramite sonar e videocamere integrate può tenere traccia di un viso o di una persona, può girargli attorno per effettuare riprese circolari e può anche decollare in autonomia e piazzarsi a una quota fissata perfettamente livellato. Per arrestarlo basta afferrarlo e il sistema spegnerà automaticamente i rotori.

Se le dimensioni per il voi contano, allora il Passport sarà una spesa costosa ma indispensabile: 549 dollari ( prezzo promozionale di lancio ) sono decisamente più di quanto costi lo Ying di Tencent, ma nella confezione ci sono anche una coppia di batterie (10 minuti di autonomia ciascuna) e una custodia per il trasporto. Come detto ormai l’offerta è ampia e variegata , e sembra davvero che il fenomeno droni sia in grado di durare un po’ di più del semplice tormentone estivo.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Giggi Giggi scrive:
    nome prodotto errato
    si chiama WebSphere Application Server
  • CBM scrive:
    chinese business machine
    IBM non fa parlare molto di sé, ma ovviamente ha lo stesso grado di marciume che c'è negli altri attori della farsa informatica.
    • Il fuddaro scrive:
      Re: chinese business machine
      - Scritto da: CBM
      IBM non fa parlare molto di sé, ma ovviamente ha
      lo stesso grado di marciume che c'è negli altri
      attori della farsa
      informatica.Che i ricercatori indipendenti iniziassero a non farsi più problemi di 'etica' tanto queste aziende ne hanno poca loro stesse, e iniziassero ad offrire la loro ricerca al miglior offerente.E quando dico offerente intendo chiunque paghi al meglio del lavoro svolto, che sia grigio, scuro, oppure chiaro!
      • bubba scrive:
        Re: chinese business machine
        - Scritto da: Il fuddaro
        - Scritto da: CBM

        IBM non fa parlare molto di sé, ma ovviamente ha

        lo stesso grado di marciume che c'è negli altri

        attori della farsa

        informatica.


        Che i ricercatori indipendenti iniziassero a non
        farsi più problemi di 'etica' tanto queste
        aziende ne hanno poca loro stesse, e iniziassero
        ad offrire la loro ricerca al miglior
        offerente.

        E quando dico offerente intendo chiunque paghi al
        meglio del lavoro svolto, che sia grigio, scuro,
        oppure
        chiaro!oh lo fanno lo fanno. Hai presente di chi era [ha venduto da poco] la Mediaservices srl (aka l'azienda per cui lavora il ricercatore suddetto)? :)
        • Il fuddaro scrive:
          Re: chinese business machine
          - Scritto da: bubba
          - Scritto da: Il fuddaro

          - Scritto da: CBM


          IBM non fa parlare molto di sé, ma ovviamente
          ha


          lo stesso grado di marciume che c'è negli
          altri


          attori della farsa


          informatica.





          Che i ricercatori indipendenti iniziassero a non

          farsi più problemi di 'etica' tanto queste

          aziende ne hanno poca loro stesse, e iniziassero

          ad offrire la loro ricerca al miglior

          offerente.



          E quando dico offerente intendo chiunque paghi
          al

          meglio del lavoro svolto, che sia grigio, scuro,

          oppure

          chiaro!
          oh lo fanno lo fanno. Hai presente di chi era [ha
          venduto da poco] la Mediaservices srl (aka
          l'azienda per cui lavora il ricercatore
          suddetto)?
          :)No! Sinceramente sul momento non ricordo di chi era la suddetta azienda.Ma basta googlare....
        • Il fuddaro scrive:
          Re: chinese business machine
          - Scritto da: bubba
          - Scritto da: Il fuddaro

          - Scritto da: CBM


          IBM non fa parlare molto di sé, ma ovviamente
          ha


          lo stesso grado di marciume che c'è negli
          altri


          attori della farsa


          informatica.





          Che i ricercatori indipendenti iniziassero a non

          farsi più problemi di 'etica' tanto queste

          aziende ne hanno poca loro stesse, e iniziassero

          ad offrire la loro ricerca al miglior

          offerente.



          E quando dico offerente intendo chiunque paghi
          al

          meglio del lavoro svolto, che sia grigio, scuro,

          oppure

          chiaro!
          oh lo fanno lo fanno. Hai presente di chi era [ha
          venduto da poco] la Mediaservices srl (aka
          l'azienda per cui lavora il ricercatore
          suddetto)?
          :)XXXXX!!! Non c'è stato nemmeno il bisogno di googlare, mi è venuto immediatamente vedendo il nick(che di fretta non avevo notato)Raptor, per capire di chi è la citata azienda.Certo come ho fatto ha non capirlo? Non sono mica Aphex_maya, cribbio, anche il solo averci a che fare tra dei monitor ti rende mezzo scemo come loro. :)XXXXXXX, se devi stare lontano da qualcuno.... è proprio da quel qualcuno che devi stare lontano!
Chiudi i commenti