DTT, la UE indaga sull'Italia

Mentre viene confermato il rinvio del passaggio alla televisione arrivata sulla Terra, il commissario UE alla concorrenza apre una procedura di infrazione per i finanziamenti pubblici ai decoder Tv


Roma – Notizie preoccupanti per l’avventura italiana verso il DTT, la televisione digitale terrestre, sono giunte nelle scorse ore da Bruxelles: le autorità di controllo dei mercati hanno infatti deciso di indagare sul modo in cui nel nostro paese è stata condotta la campagna per stimolare gli acquisti dei decoder televisivi digitali.

In particolare, il Commissario UE alla concorrenza, Neelie Kroes, ha confermato l’avvio di una procedura di infrazione che prende di mira, nello specifico, il ricorso al finanziamento pubblico per l’acquisto dei decoder: come avevano denunciato in tanti, compresi anche interessati competitor del DTT, in particolare SKY, i contributi a pioggia per l’acquisto di questi set-top box si può configurare come un diretto intervento dello Stato sul mercato in un modo che contrasta con le direttive europee in materia. In particolare dovrà essere accertato se questi finanziamenti sono avvenuti o meno in un’ottica di “neutralità tecnologica”, uno dei criteri utilizzati per verificare la violazione della normativa comunitaria. Inutile sottolineare l’ amara soddisfazione espressa dai consumatori per le decisioni di Kroes che contribuiscono, a loro parere, ad allontanare l’ipotesi di nuovi stanziamenti pubblici per il DTT nel 2006.

Come previsto nei giorni scorsi, intanto, il Consiglio dei Ministri ha formalizzato il rinvio dello switch-off , ossia del momento del passaggio dalla televisione analogica a quella digitale, portandolo dalla fine del 2006 al 31 dicembre 2008.

Secondo il ministro delle Comunicazioni Mario Landolfi il rinvio rappresenta un ottimo traguardo tecnico in quanto in quella data l’Unione Europea prevede di “cominciare a livello europeo il passaggio dalla tecnologia analogica a quella digitale”. A Bruxelles, poco prima dell’annuncio di Landolfi, i ministri delle Comunicazioni europei hanno concordato una roadmap verso il DTT destinata ad uniformare gli sforzi dei diversi paesi, oggi molto diversificati . Lo switch-off è stato così fatto passare dal periodo 2010-2012 al periodo 2008-2012, un cambiamento che il Ministro ha descritto come un’accelerazione.

Landolfi ha anche voluto sottolineare come, nonostante la plateale opposizione di alcune istituzioni locali, la sperimentazione in Sardegna e Valle d’Aosta non verrà cancellata e andrà avanti. Questo significa che, salvo correzioni all’indomani delle elezioni politiche generali previste a primavera, il 31 luglio 2006 entrambe le regioni dovranno diventare “all digital”. Di interesse segnalare che a due settimane dalle elezioni, il 15 marzo, dovranno convertirsi al DTT i capoluoghi di provincia delle due regioni “sperimentatrici”.

Secondo Landolfi, una volta eseguito il passaggio in quelle due aree, via via verranno individuate le altre regioni da convertire , che saranno man mano scelte in base a “parametri oggettivi, quali la isolabilità della zona, la popolazione e il numero degli operatori”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Morte a Skype
    la storia insegna, i migliori vanno sempre all'inferno per colpa di qualcun'altro, è un dato di fatto.Skype fa bene il suo mestiere? benissimo! allora va ricattata e condannata alla sua triste fine.al suo posto... l'altro monopolista?
    • Anonimo scrive:
      Re: Morte a Skype
      Se si realizzasse l'effettiva diffusione di Skype in ambito privato ed aziendale in cui molti (almeno in questo forum) sperano, non ci troveremmo forse di fronte ad un monopolio, un monopolio globale?Nessuno critica le capacità di Skype: quello che si critica è l'architettura chiusa della rete (... passi quella del software in sè)!!Se un produttore non è libero di implementare una tecnologia aperta e costruire un telefono VoIP (degno di chiamarsi così) non sarebbe forse una bella perdita in termini di concorrenzialità e apertura del mercato? O vi immaginate tutti i managers col telefono USB Skype collegato al portatile?Veramente desiderate che ci sia solo Skype come operatore sul mercato VoIP? Sarà anche comodo, facile e carino, ma veramente non vi interessa la concorrenza? La telefonia via Internet ha APERTO il mercato della telefonia tradizionale ad operatori che prima mai avrebbero potuto fornire un servizio telefonico a causa degli enormi investimenti necessari. Volete ora che un unico operatore-produttoreSe sarà tutto Skype, allora ci sarà SOLO Skype, perchè non ci saranno nè operatori, nè produttori di software concorrenti... Qui mi sembra che la gente non veda l'ora di trovarsi un'altra Microsoft, a cui dare addosso tra 5-6 anni quando dominerà il mercato!PietroVoIPblog.it
  • Anonimo scrive:
    Telecom vuole impedire SkypeIN
    Skype offre un servizio di portabilità del numero perfetto, in pratica ti da un numero da cui ti si può chiamare ovunque ti sia collegato con skype, anche in aereo. Il problema è che in certi paesi certe compagnie telefoniche stanno facendo ostruzionismo ed impediscono a Skype il servizio SkypeIN di redirezione del numero. Due paesi in particolare: CINA E ITALIA, ovvero Telecom.Vogliamo denunciare questo regime di monopolio contro ogni forma di libera concorrenza o no?
    • Anonimo scrive:
      Re: Telecom vuole impedire SkypeIN
      Per portabilità del numero si intende la possibilità di mantenere il tuo numero (es. quello di Telecom Italia) quando cambi operatori (es. verso un operatore VoIP). E' questo a cui ti stai riferendo?
  • marchino scrive:
    Re: Perché Skype è il MIGLIORE

    1) Skype è l'UNICO software al momento capace di
    superare NAT e Firewall senza alcuna
    configurazione addizionale. Se volete fare
    chiamate negli uffici, spesso firwallati o
    nattati, Skype è l'unica scelta attualmente.Opinabile, ci sono soluzioni sia CISCO che 3Com che con un investimento minimo (5/600 euro) ti permettono di far la stessa cosa.Se hai il SIP, non occorre un sistemista mega per la configurazione attraverso transversal nat o similari.Basta che il provider lo supporti, e oramai tutti stanno andando in quella direzione.
    2) Skype è l'unico che offre la crittografia dei
    pacchetti sulle chiamate, garantendo la non
    intercettabilità, perlomeno non senza strumenti
    massicci (leggi: NSA).Non ho dati, dovrei verificare.
    3) Skype ha una API per gli sviluppatori che sta
    realizzando un mercato tutto suo, al punto che
    già oggi esistono decine di segreterie
    telefoniche software (Es. Pamela), organizer,
    rubriche, etc. che funzionano in accoppiata con
    Skype.Lo stesso dicasi per SIP, anzi di più.
    4) Skype ha già versioni del client per tutte le
    piattaforme più diffuse, dai PocketPC agli
    Smartphone.Idem SIP.
    5) La prossima versione di Skype attualmente in
    beta, la 2.0, aggiunge le VIDEO CHIAMATE. Sarà
    quindi il primo sistema di videochiamate al mondo
    a funzionare attraverso i nat, e questo lo
    renderà uno standard per le conferenze aziendali
    istantaneo.E sai di che me ne faccio.. Per far quello TRA PC mi basta anche Netmeeting, altri usi non ludici non ne vedo. IDEM dicasi per le videochiamate sui cellulari eh..
    6) Skype consente il trasferimento dei file in
    modo anonimo e criptato, cosa per cui si è
    diffuso molto tra i file sharer.Ah si.. E sticavoli.. Idem come sopra.
    7) I concorrenti di Skype, usano il protocollo
    SIP, che è un protocollo nato "monco" non potendo
    attraversare i NAT:Opinabile, vedi punto 1.
    8) Le aziende e gli uffici che vogliono usare
    internamente SIP, per essere accessibili devono
    chiamare (con costi aggiuntivi) amministratori di
    rete che configurano server STUN, attualmente il
    solo modo per SIP di passare attraverso i NAT.
    Sfortunatamente STUN non funziona su molti Router
    e comunque non funziona se la chiamata va da NAT
    a NAT. Un nuovo sistema, ICE, promette di
    risolvere i problemi di STUN, ma per ora non
    arriva ai livelli di Skype:Sei rimasto parecchio indietro, oramai router seri lo supportano, analogamente a quelli che supportano servizi VoIP.
    9) IAX2 è un protocollo nato per superare i
    problemi di SIP, ma non riesce comunque a
    funzionare in tutti i casi:E ti paiono situazioni "NORMALI" ??
    10) ultima ma forse la più importante: Skype è il
    protocollo VoIP con più utenti AL MONDO (68
    MILIONI DI UTENTI). Il che è di per se, per un
    applicazione di telefonia, una killer feature per
    chi deve scegliere.E certo è uscito prima.
    Insomma, io dubito che ormai qualcuno possa
    impedire a Skype di diventare lo standard per la
    telefonia nei prossimi anni. Lo standard lo diventa se diventa aperto, altrimenti è un proprietario, che "non serve a nessuno", virgolettato d'obbligo. Va da se che già qui in italia sta offrendo servizi SIP a costi inferiori di Skype, e quello alla fine conta molto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Perché Skype è il MIGLIORE
      - Scritto da: marchino

      1) Skype è l'UNICO software al momento capace di

      superare NAT e Firewall senza alcuna

      configurazione addizionale. Se volete fare

      chiamate negli uffici, spesso firwallati o

      nattati, Skype è l'unica scelta attualmente.

      Opinabile, ci sono soluzioni sia CISCO che 3Com
      che con un investimento minimo (5/600 euro) ti
      permettono di far la stessa cosa. Certo. Quindi tu mi confronti Skype che è gratis e funziona con una roba che costa 600 euro e non funziona sempre.Complimenti, hai un futuro come manager.
      Basta che il provider lo supporti, e oramai tutti
      stanno andando in quella direzione. Ma chi? La metà dei provider da problemi con SIP, ci sono i forum pieni di gente che si lamenta che non riescono a chiamare in ufficio. Sveglia.
      E sai di che me ne faccio.. Per far quello TRA PC
      mi basta anche Netmeeting Certo, come no. Prova a usare Netmeeting dietro un NAT.

      6) Skype consente il trasferimento dei file in

      modo anonimo e criptato, cosa per cui si è

      diffuso molto tra i file sharer.

      Ah si.. E sticavoli.. Idem come sopra. Quindi tu ad una azienda che deve permettere ai propri dipendenti di trasferirsi tra loro file excel o documenti inerenti al loro business e quindi sensibili di usare SIP senza crittografia?Ripeto, hai un futuro come manager.
      Sei rimasto parecchio indietro, oramai router
      seri lo supportano, analogamente a quelli che
      supportano servizi VoIP. I router seri non sono la base installata, e la base installata di router di mezza internet non supporta l'hairpinning (e lo devono supportare entrambi per funzionare).Quindi tu cosa proponi? DI investire milioni per rinnovare tutti i router aziendali o semplicemente scaricare Skype che è gratis e funziona sempre?Ah, già, dimenticavo. Tu sei il futuro manager.
      E ti paiono situazioni "NORMALI" ?? Svegliati. Anche se funzionasse nel 90% dei casi, Skype funziona nel 100% dei casi. Ma cosa più importante, non puoi sapere quando non funzionerà. Lo dici tu al tuo cliente che una certa chiamata importante non la può fare perchè guarda caso il loro router non è compatibile?
      E certo è uscito prima. Informati: SIP è in giro da molto prima di Skype. Ma non si è mai affermato proprio per la sua incapacità di superare i NAT.
      Lo standard lo diventa se diventa aperto Windows è lo standard de facto su pc, e non mi sembra proprio che sia aperto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Perché Skype è il MIGLIORE

        Windows è lo standard de facto su pc, e non mi
        sembra proprio che sia aperto.WIndows non è mica standrd....che sia installato sul 89% di pc non vuol dire che lo sia
        • Anonimo scrive:
          Re: Perché Skype è il MIGLIORE

          WIndows non è mica standrd....che sia installato
          sul 89% di pc non vuol dire che lo siaHo detto standard "de facto". Ovvero:De Facto StandardsA de facto technology standard is usually established by market share. When a particular owner of a technology has a large enough market share, it is said to be a de facto standard. Windows is a de facto standard.da: http://www.craigburton.com/stories/storyReader$36
        • Anonimo scrive:
          Re: Perché Skype è il MIGLIORE
          - Scritto da: Anonimo
          WIndows non è mica standrd....che sia installato
          sul 89% di pc non vuol dire che lo siaQuando si dice nascondersi dietro un dito.O arrampicarsi sugli specchi......
  • Anonimo scrive:
    niente tasse ma REGOLE certe per VoIP
    il VoIP ha bisogno di regole...se si ha bisogno di attivare una linea telefonica e si sceglie una linea dati con VoIP integrato, occorre essere certi di tempi di attivazione ragionevoli e della qualità e della continuità del servizio, che devono essere garantite contrattualmente e dalla legge.Troppi provider si stanno improvvisando "gestori telefonici" senza avere adeguata struttura tecnico-amministrativa, dunque senza garanzie serie per gli utenti.Esempi?Gli attuali contratti prevedono tempi di attivazione anche di 90gg.: è normale attendere 90 giorni per avere una linea telefonica, sia pure VoIP?
    • Anonimo scrive:
      Re: niente tasse ma REGOLE certe per VoI
      - Scritto da: Anonimo
      Gli attuali contratti prevedono tempi di
      attivazione anche di 90gg.: è normale attendere
      90 giorni per avere una linea telefonica, sia
      pure VoIP?Alt ... falso.Lavoro per un provider e attivo linee VoIP in real time, 5 minuti e la linea è attiva ed il numero è assegnato (abbiamo scorta di numeri sui vari prefissi).Il ritardo a cui tu ti riferisci è quando si richiede la Number Portability ... è vero, da 30 a 90 giorni.Ma secondo te ... chi è che "ci fa aspettare" quel tempo ? :-)Bye ...
      • Anonimo scrive:
        Re: niente tasse ma REGOLE certe per VoI
        ma aziende in cui si può fare sto voip con portability number?
        • Anonimo scrive:
          Re: niente tasse ma REGOLE certe per VoI
          - Scritto da: Anonimo
          ma aziende in cui si può fare sto voip con
          portability number?Skype. Ti da il tuo numero e ti possono chiamare ovunque tu sei.Si chiama "Skype In". Il problema come al solito è che è attivo in tutti i paesi, tranne che in italia perché Telecom lo sta impedendo, contro ogni regola di concorrenza.
          • Anonimo scrive:
            Re: niente tasse ma REGOLE certe per VoI
            - Scritto da: Anonimo
            ma aziende in cui si può fare sto voip con
            portability number?Non mi piace fare pubblicità ... dimmi la zona dove sei e vedo di darti un consiglio ...
            Skype. Ti da il tuo numero e ti possono chiamare
            ovunque tu sei.
            Si chiama "Skype In". Il problema come al solito
            è che è attivo in tutti i paesi, tranne che in
            italia perché Telecom lo sta impedendo, contro
            ogni regola di concorrenza.Questo lo fanno quasi tutti gli ISP tranne skype (che non è propriamente un ISP). Skype oltretutto ha una piattaforma "leggermente" proprietaria ed è impossibile interfacciarla con TUTTI gli altri. Della serie ... "ti regalo (quasi) tutto" ... ma ti blocco con me.Senza contare che è anche possibile portarsi dietro il proprio numero di telefono di Telecom Italia (Number Portability) ... e questo lo fanno nuovamente quasi tutti gli ISP.Un saluto ..._b4jod3l_
    • Anonimo scrive:
      Re: niente tasse ma REGOLE certe per VoI
      Le regole certe sarebbe bello se ci fossero anche solo per le aziende telefoniche tradizionali.Un mio parente in questi giorni non può più ricevere telefonate: chimando il suo numero risponde un altra utenza!!!telecom lo ha informato che il problema sarà risolto entro 3 giorni lavorativi.Sempre nella stessa zona (e probabilmente non è un caso) un mio amico da Giovedi' non è più in grado di ricevere telefonate: telecom lo ha rassicurato che uscirà al più presto la squadra.............Onestamente mi pare un troppo per un servizio che viene sbandierato come "necessario" per contrapporlo alle aleatorie linee voip
  • Anonimo scrive:
    ancora con questo SIP!
    ma quando lo capirete che SIP e altri protocolli è basato su un concetto vecchio in quanto richiede un server centrale per funzionare. Il futuro è p2p e quelli di Skype l'hanno capito. Il costo "nascosto" che si paga è la cessione di una parte della propria banda per sostenere la rete Skype in cambio della possibilità di parlare gratis con altri utenti collegati.Si tratta di una scambio più che accettabile. Semmai sarebbe opportuna una maggiore trasparenza per sapere quanto sto "spendendo" e magari dei piccoli premi aggiuntivi per gli utenti "supernodi" (quelli con ip pubblico) che inconsapevolmente fanno da server agli utenti che stanno dietro NAT.Se facessero una versione specificamente rivolta alle aziende con la possibilità di configurare centralmente i client e controllarne il traffico sarebbe una vera killer application
    • Anonimo scrive:
      Re: ancora con questo SIP!
      - Scritto da: Anonimo
      ma quando lo capirete che SIP e altri protocolli
      è basato su un concetto vecchio in quanto
      richiede un server centrale per funzionare. Il
      futuro è p2p e quelli di Skype l'hanno capito. Il
      costo "nascosto" che si paga è la cessione di una
      parte della propria banda per sostenere la rete
      Skype in cambio della possibilità di parlare
      gratis con altri utenti collegati.Uhmmm... forse hai un po' di confusione. Vai a vedere il protocollo di skype e poi ne riparliamo. Esiste un UNICO sistema per l'autenticazione (controllato da skype ovviamente). Anche sui supernodi rimangono molti dubbi (prova a controllare con che supernodi sei collegato e guarda a che reti corrispondono).Io paragono Skype ad AOL IM, un sistema chiuso non collegabile ad altri sistemi se non quello che fornisce skype.Con SIP mi posso fare un mio server sotto il mio controllo e comunicare con tutti tramite l'ENUM (bye bye telefonia tradizionale).
      Si tratta di una scambio più che accettabile.
      Semmai sarebbe opportuna una maggiore trasparenza
      per sapere quanto sto "spendendo" e magari dei
      piccoli premi aggiuntivi per gli utenti
      "supernodi" (quelli con ip pubblico) che
      inconsapevolmente fanno da server agli utenti che
      stanno dietro NAT.
      Se facessero una versione specificamente rivolta
      alle aziende con la possibilità di configurare
      centralmente i client e controllarne il traffico
      sarebbe una vera killer applicationStai forse parlando di asterisk (ovviamente basato su sip)? :)))
      • Anonimo scrive:
        Re: ancora con questo SIP!
        la forza di Skype è appunto che non richiede un server per funzionare
        • fasibia scrive:
          Re: ancora con questo SIP!
          - Scritto da: Anonimo
          la forza di Skype è appunto che non richiede un
          server per funzionareConfermo quanto detto da chi mi ha preceduto:le aziende usano sistemi basati su asterisk. Assolutemente non Skype.
  • Anonimo scrive:
    bah
    skype skype..come se prima non si era in grado di fare videochiamate, un account free su no-ip, netmeeting, una webcam, e via, tasseranno il voip? e chi se ne frega, l'importante è che finalmente si possono avere solo linee dati, una flat adsl e si è sistemati
    • Anonimo scrive:
      Re: bah
      Scusate l'ignoranza, ma Tiscali non offre già un servizio del genere gratuito? E se non sbaglio per tutte le chiamate nazionali su fisso.
      • Anonimo scrive:
        Re: bah
        - Scritto da: Anonimo
        Scusate l'ignoranza, ma Tiscali non offre già un
        servizio del genere gratuito? E se non sbaglio
        per tutte le chiamate nazionali su fisso.si qualcosa del genere tiscali già la forniva, mi ricordo che un giorno mio cugino mi chiamò a casa dal suo pc, ma non so bene come si chiami e che protocolli usasse, il discorso mio era un altro, in barba alle numerazioni telefoniche si può chiamare direttamente l'ip/host fisso bypassando le aziende di telefonia e di voip, con un programma oltretutto già integrato nel windows 95
        • Alessandrox scrive:
          Re: bah
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo

          Scusate l'ignoranza, ma Tiscali non offre già un

          servizio del genere gratuito? E se non sbaglio

          per tutte le chiamate nazionali su fisso.
          si qualcosa del genere tiscali già la forniva, mi
          ricordo che un giorno mio cugino mi chiamò a casa
          dal suo pc, ma non so bene come si chiami e che
          protocolli usasse, il discorso mio era un altro,
          in barba alle numerazioni telefoniche si può
          chiamare direttamente l'ip/host fisso bypassando
          le aziende di telefonia e di voip, con un
          programma oltretutto già integrato nel windows 95E' il net meeting... ma del resto l' IP fisso diffuso e' roba relativamente recente e di solito per contratti aziendali.
          • Anonimo scrive:
            Re: bah

            E' il net meeting... ma del resto l' IP fisso
            diffuso e' roba relativamente recente e di
            solito per contratti aziendali.non ip fisso, ip dinamico ma col client no ip che gratuitamente ti trasforma l'ip in un indirizzo tipo ciccio.servequalcosa.com, indirizzo che resta immutato quando ti riconnetti a internet e hai un ip nuovo...
  • Anonimo scrive:
    Se tassano il VoIP sarà rivolta
    Come dice Beppe Grillo, è fondamentale che ogni tanto ributtiamo indietro un po' di quella m...a che ci opinano quotidianamente. Tassare il VoIP sarebbe un'insulto all'intelligenza, un affronto allo standard della tecnologia. Le varie TeleCom ci spolpano fino all'osso chiedendoci per telefonare cifre esagerate (ne so qualcosa io che ho la ragazza a Londra). Appena trovo un sistema per risparmiare i pochi soldi che guadagno qui in Italia, ecco che lo stato me lo vorrebbe opinare nel deretano. Non lasciamoci prendere per il c..o e reagiamo. Anche per telefonare tra di voi usate SKYPE. Il più possibile, e vedrete che i prezzi scenderanno, e chi ha fatto il furbo fino ad oggi, forse si renderà conto che non era l'uomo più intelligente del mondo, semmai uno dei tanti asini che ha attraversato il fiume con un carico di spugne, ed è affondato. E' proprio quello che gli auguro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Se tassano il VoIP sarà rivolta
      - Scritto da: Anonimo
      nel deretano. Non lasciamoci prendere per il c..o
      e reagiamo. Anche per telefonare tra di voi usate
      SKYPE. Il più possibile, e vedrete che i prezzi
      scenderanno, e chi ha fatto il furbo fino ad
      oggi, forse si renderà conto che non era l'uomo
      più intelligente del mondo, semmai uno dei tanti
      asini che ha attraversato il fiume con un carico
      di spugne, ed è affondato. E' proprio quello che
      gli auguro.Si ma in Italia cadrebbe nell'oblio qualsiasi protesta. Sia perché gli organio di informazione sono fortemente controllati da poteri politici, sia perché le Telco italiane sono le aziende più ricche e quelle che investono di più in pubblicità su tutti i mass media, che non vorranno mai inimicarsele...
    • chef scrive:
      Re: Se tassano il VoIP sarà rivolta
      Anche io rabbrividisco all'idea di tassare il voip.Non dico che beni e servizi non vadano tassati, ma le tasse le stiamo gia' pagando per quello.pago quando prendo lo stipendiopago quando compro gli apparecchipago quando mi arriva il canone mensile della linea internet.... basta !saranno cazzi miei quello che ci faccio con la linea dati ? sarebbe come imporre una tassa sui martelli in base a quanti chiodi ti diverti a piantare.Purtroppo in Italia tante cose avrebbero dovuto suscitare una rivolta.Non per criticare sempre il governo, ma un prez del consiglio con processi che vanno in prescrizione grazie a leggi approvate dalla sua maggioranza non sarebbe motivo di rivolta ?Cosi come anche tante minchiate fatte dalla sinistra lo sono.Non voglio finire in un flame DX-vs-SX, voglio solo dire che ci sono state infinite porcate che avrebbero meritato una rivolta eppure siamo qui a pagare ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Se tassano il VoIP sarà rivolta
      spero che qui in italia quando io non ci sarò (perchè sarò andato a lavorare in un altro, migliore, paese) ci sarà una rivolta contro il governoe anche l'esercito che si rivolta al governo... Sarebbe troppo :D
  • Anonimo scrive:
    Skype + Asterisk
    Mancherebbe il tassello di un gateway tra Skype e Asterisk allora avremmo la soluzione definitiva ....Sto usando asterisk con due schede ISDN della trust (recuperate) e va da dio come interfaccia VOIP su centralini tradizionali ISDN ... Vantaggi ? Dall'america chiamano qualsiasi numero interno aziendale e possono anche uscire al resto dell'italia... in pratica lo skypeout a spese dei centralini aziendali..
    • Anonimo scrive:
      Re: Skype + Asterisk
      Esiste già il protocollo SIP che ti da tutto quanto tu auspichi. Skype (almeno per ora) è un giochino per fare comunicazione person2person non è la soluzione nel caso di comunicazione aziendale, SIP è molto meglio e peraltro ti consente di costruire soluzioni aperte e configurate come pare a te ... Skype funziona come Skype decide e questo non cambierà...purtroppo. :
      • Anonimo scrive:
        Re: Skype + Asterisk
        ma appunto , visto che asterisk supporta SIP, IAX2 e h323 piu i vari codec tra cui il 729 (che pultroppo vuole una licenza ma che si puo abilitare per uso non commerciale) aggiungendo anche il gateway su skype avresti tutti collegati e sfrutteresti le capacita di skype di diffusione e lo skypeout te lo fai con asterisk...
        • Anonimo scrive:
          Re: Skype + Asterisk
          Visto che per il momento Skype non fornisce un software per integrare il suo VoIP con Asterisk con un po' d'ingegno si puoi comunque creare lo stesso questo gateway usando per Asterisk una scheda PCI oppure un adapter ATA- SIP esterno FXS, collegato ad un USB adapter telefonico per Skype via linea telefonica analogica, il tutto a sua volta collegato ad un PC sul quale deve funzionare SKYPE. Non sarà proprio lo stesso ma si ottiene che le chiamate che arrivamo da Skype vengono gestite dal centralino Asterisk ed aggiungendo un secondo ATA-FXO ad un secondo USB adapter si potrà anche chiamare sempre con Skype-OUT.Per il momento questa è la soluzione semplice e funzionale che ho trovato ma sembra che ora esiste uno sviluppatore che ha realizzato un software da far funzionare assieme sullo stesso PC...SIP to SkypeSkype to SIP, non l'ho provato ma forse funziona !_______________________________SGw 2.0 detailshttp://www.rsdevs.com/psgw.shtmlPSGw (Personal Skype to H.323/SIP gateway) is an application that allows to connect Skype network with H.323 and SIP networks. PSGw works as router that should be placed between Skype and H.323 or SIP network and route calls according to user-defined rules.PSGw 2.0 gives more flexibility for users and lower the prices: most popular application PSGw 2.0 Standard (SIP version) is available only for $29.95 ! PSGw supports only one concurrent connection between Skype and SIP/H.323 network. PSGw 2.0 testimonial:"...I am delighted to announce that the interface between Skype and SIP works like a charm, and at the remarkably good voice quality often reported by Skype users. We run PSGw with single Skype account to receive calls and route them to our telephone operator, to be forwarded on our Asterisk PBX to the intended recipient (or conference box).
    • Kheru scrive:
      Re: Skype + Asterisk
      - Scritto da: Anonimo
      Mancherebbe il tassello di un gateway tra Skype e
      Asterisk allora avremmo la soluzione definitivahttp://share.skype.com/directory/psgw_1.0/view/
  • Anonimo scrive:
    Skype li farà fuori tutti
    Questi provider che cercano di rivendere alla gente un servizio che Skype offre gratuitamente faranno una brutta fine. La gente non è stupida, e ho conosciuto molte persone che hanno provato questi VoIP "locali" e poi sono passati a Skype.Ora che quasi tutti i fornitori (anche i peggiori come qualità del servizio, come Telecom) offrono ADSL senza voce, l'uso di Skype per la voce si sta affermando anche in Italia.Speriamo che il Tronchetto dell'Infelicità stavolta capisca che sul VoIP è una guerra già persa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Skype li farà fuori tutti
      Sinceramente Telecom con Alice offre il servizio migliore del mercato italiano...non so se hai provato adsl di tele2, infostrada, tiscali...sempre a parlar male di telecom, microsoft ecc ecc e magari con l'adsl poi ci guardi solo i siti!- Scritto da: Anonimo

      Questi provider che cercano di rivendere alla
      gente un servizio che Skype offre gratuitamente
      faranno una brutta fine.

      La gente non è stupida, e ho conosciuto molte
      persone che hanno provato questi VoIP "locali" e
      poi sono passati a Skype.

      Ora che quasi tutti i fornitori (anche i peggiori
      come qualità del servizio, come Telecom) offrono
      ADSL senza voce, l'uso di Skype per la voce si
      sta affermando anche in Italia.

      Speriamo che il Tronchetto dell'Infelicità
      stavolta capisca che sul VoIP è una guerra già
      persa.
      • sNicker scrive:
        Re: Skype li farà fuori tutti
        - Scritto da: Anonimo
        Sinceramente Telecom con Alice offre il servizio
        migliore del mercato italiano...

        non so se hai provato adsl di tele2, infostrada,
        tiscali...

        sempre a parlar male di telecom, microsoft ecc
        ecc e magari con l'adsl poi ci guardi solo i
        siti!

        Ci mancherebbe che alice fosse un pessimo servizio, visto che l'infrastruttura hardware la controlla la Telecom...
      • Anonimo scrive:
        Re: Skype li farà fuori tutti
        - Scritto da: Anonimo
        Sinceramente Telecom con Alice offre il servizio
        migliore del mercato italiano...sviolinata al datore di lavoro

        non so se hai provato adsl di tele2, infostrada,
        tiscali...bastonata ai concorrenti
        sempre a parlar male di telecom, microsoft ecc
        ecc e magari con l'adsl poi ci guardi solo i
        siti!lamento puerile conclusivo
      • Anonimo scrive:
        Re: Skype li farà fuori tutti
        - Scritto da: Anonimo
        Sinceramente Telecom con Alice offre il servizio
        migliore del mercato italiano...

        non so se hai provato adsl di tele2, infostrada,
        tiscali... Guarda, ripassa quando hai provato Fastweb... allora capirai perché Alice è una truffa legalizzata.
Chiudi i commenti