Dude.it/Censura Su Misura

di Luca Vanzella. Dude sostiene la petizione di Punto Informatico contro la nuova legge sull'editoria: giornalista è chi sa fare informazione, non chi ha una tessera in tasca


Web – Basta. Basta con il corporativismo di una classe professionale che in Italia gode di privilegi quasi unici al mondo: in quasi nessun altro paese al mondo esiste un Ordine dei Giornalisti nato esplicitamente per garantire a una categoria privilegi inaccessibili al resto della popolazione. La figura del giornalista in Italia non solo gode di privilegi particolari – derivanti da un patto di sangue faustiano stipulato con le Autorità e che si basa su uno scambio di utili favori – ma rappresenta una delle figure più conservatrici e ostili allo sviluppo della libera informazione.

Arroccato in difesa del suo piccolo giardino privato, il giornalismo italiano è riuscito a farsi approvare una legge su misura per impedire a chiunque non abbia in tasca una tessera dell’ordine (e spesso anche di partito) di fare “certa informazione” sul Web.

Il ragionamento medievale che sta alla base di questa legge è che soltanto gli eletti iscritti a un circolo ristretto sono in grado di fare informazione in modo attendibile e indipendente. E che deve esistere soltanto una Informazione, necessariamente “istituzionalizzata”, che si nutra di veline di palazzo, frattaglie di comunicati Ansa e cascami di lanci stampa aziendali.

Secondo questa logica il giornalista scriva, e il lettore legga senza lamentarsi o proporre visioni alternative: è l’investitura feudale dell’Ordine che stabilisce chi è in grado di produrre informazione e chi no.
Tutto questo deve finire. Dal basso, da dietro le nostre tastiere non investite di alcun titolo nobiliare, rivendichiamo il diritto – anzi il vero e proprio dovere sociale e morale – di combattere questo elitarismo feudale. L’informazione è di tutti e si misura soltanto in base alla sua qualità, non all’autorevolezza delle fonti o alla potenza mediatica del mezzo che usa per propagarsi.

E ‘ giunta l’ora di una rivoluzione nel mondo dei media, che riporti l’informazione tra chi produce veramente Pensiero e testimonia direttamente degli eventi. O giornalista snob, che spesso disprezzi le opinioni del tuo lettore, scendi dalla cattedra e misurati alla pari con il tuo pubblico. Forse imparerai che non è necessaria una tessera per avere delle idee, anzi che il fatto di averne una spesso le idee le uccide.

Luca Vanzella

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Maxi denuncia?
    Premesso il fatto che di legge ne so meno di zero, non si potrebbe fare una maxi denuncia per tutti i siti istituzionali cosicchè capiscano a loro spese?
  • Anonimo scrive:
    e li votate ancora?
    ma non avete ancora capito?questa non è altra che la LOTA della vecchia repubblica..... come la chiamano loroè la solita monnezza la solita merdalo dico ancora: sta per venire finalmente BAFFONE!!!! e allora saranno guai grossi per il letamaioGuai ai VINTI........
  • Anonimo scrive:
    Ma non è che ci incavoliamo per nulla?
    Mi è giunta voce che tale legge in realtà non si applica a tutti i siti ad aggoirnamento periodico, ma solo a quelli che vogliono usufruire dei fondi per l'editoria... che dovrebbero dimostrare di avere dei requisiti per poter accedere a tali fondi...(e non mi pare tanto sbagliato!).Qualcuno ha analizzato meglio il testo della legge?Sapete dirmi se questa voce è vera?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma non è che ci incavoliamo per nulla?
      Ho letto le prime righe del testo di legge e mi pare che effettivamente questa non si applica alle pubblicazioni aziendali ma solo a chi intende farsi finanziare da questa legge.- Scritto da: Pippo
      Mi è giunta voce che tale legge in realtà
      non si applica a tutti i siti ad
      aggoirnamento periodico, ma solo a quelli
      che vogliono usufruire dei fondi per
      l'editoria... che dovrebbero dimostrare di
      avere dei requisiti per poter accedere a
      tali fondi...(e non mi pare tanto
      sbagliato!).
      Qualcuno ha analizzato meglio il testo della
      legge?
      Sapete dirmi se questa voce è vera?
  • Anonimo scrive:
    Prima il mongolismo, poi l'estinzione
    Quella dei giornalisti è una lobby assurda, che manda avanti raccomandati e calcinculati di tutte le risme.Provate a guardare un po' di telegiornali e a leggere un po' giornali facendo attenzione alle firme: i nomi cambiano ma i cognomi sono sempre gli stessi.L'ereditarietà è la norma. L'outsider l'eccezione.Questo è uno schifo ed è uno schifo vedere come, spaventati dall'avvento dell'editoria web, dalle nuove inziative iconoclaste, innovative, sferzanti, coraggiose (come ad esempio Giuda e molte altre) quresta lobby sia corsa ai ripari in violazione delle più elementari norme costituzionali e facendio ricorso ad una legge sull'editoria web di stampo fascista (come quella che ha istituto l'ordine, durante il ventennio, con lo scopo di controllare la stampa e non, come molti sostengono, per garantirla).Se questa legge funzionerà e metterà il bavaglio ai siti web, questo giornalismo incestuoso fatto di relazioni padri-figlie, di cognomi sempre uguali farà la fine genetica delle relazioni tra pari sangue. Prima il mongolismo, poi l'estinzione.Alla fase del mongolismo ci siamo già.
  • Anonimo scrive:
    Ma come si fa a denunciare un sito?
    Considerato che i siti elencati nell'articolo sono effettivamente fuorilegge, a me piacerebbe molto denunciarli all'autorità competente.Qualcuno ha idea di come si fa? Se vado in una normale stazione della polizia a denunciare il fatto, ci trovo un computer collegato in internet per dimostrare l'accusa? E se no, qual'è l'iter giusto?Poniamo che tutti i 20.000 che hanno firmato la petizione vadano nelle caserme a sporgere denuncia, cosa succederebbe?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma come si fa a denunciare un sito?

      Qualcuno ha idea di come si fa? Se vado in
      una normale stazione della polizia a
      denunciare il fatto, ci trovo un computer
      collegato in internet per dimostrare
      l'accusa? E se no, qual'è l'iter giusto?Probabilmente devi fare una stampa in triplice copia di tutti i contenuti del sito, e spedire periodicamente la stampa degli aggiornamenti alla questura fino alla chiusura del processo :DDDD
      Poniamo che tutti i 20.000 che hanno firmato
      la petizione vadano nelle caserme a sporgere
      denuncia, cosa succederebbe?Difficilmente il caos della burocrazia italiana potrebbe peggiorare ;)Ciao a tutti e complimenti alla redazione di PI: continuate così, ragazzi !!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma come si fa a denunciare un sito?
      - Scritto da: Delatore Convinto
      Considerato che i siti elencati
      nell'articolo sono effettivamente
      fuorilegge, a me piacerebbe molto
      denunciarli all'autorità competente.

      Qualcuno ha idea di come si fa? Se vado in
      una normale stazione della polizia a
      denunciare il fatto, ci trovo un computer
      collegato in internet per dimostrare
      l'accusa? E se no, qual'è l'iter giusto?Essendo un reato penale, l'azione del magistrato e' obbligatoria.Questo fa si che in ogni procura ci sia una montagna enorme di denunce penali, dalle quali i magistrati estraggono quelle che viene loro detto dall'alto.Quindi, IN TEORIA basta che tu vada alla procura e denunci l'accaduto.In pratica, succedera' che la tua denuncia rimarra' nel mucchio, finche' i siti in questione si saranno aggiornati, dopodiche' o viene archiviata o ti viene fatta una controquerela e ti viene detto che la tua denuncia corrisponde al falso.Semplicemente, esistono in italia alcune istituzioni che vanno smantellate e ricostruite,o smantellate e basta.La magistratura va smantellata e ricostruita daccapo, l'ordine dei giornalisti va smantellato e basta.Anzi, diciamo anche vietato.Non vedo come sia possibile parlare di trust nel caso di berlusconi se ha tre TV e poi si permette ad una sola asociazione di avere il 100% dei giornalisti!Lev
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma come si fa a denunciare un sito?

        Non vedo come sia possibile parlare di trust
        nel caso di berlusconi se ha tre TV e poi si
        permette ad una sola asociazione di avere il
        100% dei giornalisti!Secondo me hai ragione sui giornalisti.Ma per il Berlusca: sara' mica perche' quando sara' a capo del Governo Italiano avra' i lcontrollo ANCHE della RAI, e di mooooolto altro ??
  • Anonimo scrive:
    dai ragazzi tenete duro!!
    Sono felice nel vedere che esiste ancora gente come voi di giuda che non rimangono passivi ed inermi di fronte alle cazzate che ci vengono imposte dall'alto.Nessuno mi fraintenda: non sono un attivista politica si nessana fazione, sono solo uno che ragiona!
    • Anonimo scrive:
      Re: dai ragazzi tenete duro!!
      - Scritto da: Giovanni
      Nessuno mi fraintenda: non sono un attivista
      politica si nessana fazione, sono solo uno
      che ragiona!Ma se invece fossi un'attivista politicO te ne vergogneresti ?Non capisco questa tua frase ... :-(
  • Anonimo scrive:
    E allora anche ...
    ...se tu vuoi questo allora io voglio il bollino SIAE su tutti i canzonieri delle chiese e parrocchie e gruppi educativi e di volontariato, nonchè su pensierini temi e tesi di ogni scolaro e studente italiano.(sarebbe divertente denunciarli...)Non che mi interessi qualcosa, ma è la legge......e continuiamo a dare più del 50% dei voti a quei due o tre partiti di uomini ex-pentapartitisti, a destra e a sinistra. Di cosa vogliamo lamentarci se vengono fuori queste leggi legate esclusivamente agli interessi economici e di potere di pochi?? p.s. poichè posto periodicamente, a breve nominerò un direttore responsabile dei miei inserti editoriali.... ;)
  • Anonimo scrive:
    yawn
  • Anonimo scrive:
    FINITELA d'aver PAURA come delle bestie impaurite.
    Fate come me, trasferite i domini all'esteroe utilizzate servers internazionalie cosi' non dovrete PIU' PREOCCUPARVIdelle solite SPARATE dei parlamentari di questoREDICOLO PAESE che in quanto a libertà....SOLO la CINA gli tiene il passo.Viva l'Italia (SI, MA SOLO LE DONNE ITALIANE, il resto E' TUTTO DA RIFARE, o da buttar VIA in blocco?);-)
    • Anonimo scrive:
      Re: FINITELA d'aver PAURA come delle bestie impaurite.
      - Scritto da: MAX
      Fate come me, trasferite i domini all'estero
      e utilizzate servers internazionaliVeramente io vorrei avere liberta' di parola a casa mia, anziche' dover scappare all'estero:-)
      • Anonimo scrive:
        Re: FINITELA d'aver PAURA come delle bestie impaurite.

        [...]
        Veramente io vorrei avere liberta' di parola
        a casa mia, anziche' dover scappare
        all'estero
        :-) Anche perchè, con questa legge, per avere libertà di parola dovresti SCAPPARE VERAMENTE all'estero, non solo trasferirci il server come diceva MAX. E' un po' come per gli altri "crimini" (infatti pubblicare sul Web senza autorizzazione diverrebbe un reato vero e proprio, "stampa clandestina"), se li vuoi commettere devi essere pronto alla latitanza.Ma guarda un po' dove siamo arrivati...M'immagino i "Padri della Costituzione" che si rivoltano nella tomba... :-((((
    • Anonimo scrive:
      Re: FINITELA d'aver PAURA come delle bestie impaurite.
      - Scritto da: MAX
      Fate come me, trasferite i domini all'estero
      e utilizzate servers internazionali
      Mi spiace deluderti ma stando alla legge 62 (quella in oggetto) anche se fai download/upload dall'Italia devi "teoricamente" sottostare alle disposizioni in oggetto.
      • Anonimo scrive:
        Re: FINITELA d'aver PAURA come delle bestie impaurite.
        MI DISPIACE DELUDERE TE CARO AMIGOche hai PAURA delle leggi italiane.LO STATO ITALIANO NON PUO' INTERFERIRE CON LA GIURISDIZIONE DI UN PAESE ESTEROOGNI STATO HA LE SUE LEGGI e l'Italia NON PUO' FAR NULLAse il sito ed il server NON SONO ITALIANI.ABBIATE PIU' CORAGGIO, E CREDETE NELLE VOSTRE IDEEPORTANDOLE AVANTI SENZA AVER PAURAdei BUFFONI di STATO.Vi Saluto- Scritto da: Francesco


        - Scritto da: MAX

        Fate come me, trasferite i domini
        all'estero

        e utilizzate servers internazionali


        Mi spiace deluderti ma stando alla legge 62
        (quella in oggetto) anche se fai
        download/upload dall'Italia devi
        "teoricamente" sottostare alle disposizioni
        in oggetto.
        • Anonimo scrive:
          Re: FINITELA d'aver PAURA come delle bestie impaurite.
          - Scritto da: MAX
          MI DISPIACE DELUDERE TE CARO AMIGO
          che hai PAURA delle leggi italiane.

          LO STATO ITALIANO NON PUO' INTERFERIRE CON
          LA GIURISDIZIONE DI UN PAESE ESTERO

          OGNI STATO HA LE SUE LEGGI e l'Italia NON
          PUO' FAR NULLA
          se il sito ed il server NON SONO ITALIANI.

          ABBIATE PIU' CORAGGIO, E CREDETE NELLE
          VOSTRE IDEE
          PORTANDOLE AVANTI SENZA AVER PAURA
          dei BUFFONI di STATO.

          Vi Saluto
          Vallo a dire a Pavarotti, Alberto Tomba e a qualsiasi altro cittadino italiano che ha guadagnato dei soldi all'estero, se li e' fatti depositare su una banca estera ed e' finito nelle grane per evasione fiscale (giusto o sbagliato che sia).
  • Anonimo scrive:
    Tutto perfetto
    Non c'e' che dire.... hai semplicemente ragione.Vorrei conoscere le opinioni di una persona, se esiste, che non la pensa come te (e me).La cosa che piu' m'inquieta e' che moltissimi dei politici che hanno votato questa legge non hanno la piu' pallida idea di cosa sia Internet (o una BBS). E non penso sia una scusa.A proposito, sapete se sono obbligato dalla legge a scrivere il mio nome anche se scrivo un commento al giorno in un forum? ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutto perfetto
      - Scritto da: Roberto Norbedo
      A proposito, sapete se sono obbligato dalla
      legge a scrivere il mio nome anche se scrivo
      un commento al giorno in un forum? ;-)Sei un giornalista iscritto all'ordine?No? (*)Allora chi ci assicura che il nome che scrivi sia veramente quello vero? :-) L'Ordine e' una Garanzia(*)Anzi, se non sei un giornalista iscritto all'ordine e dici di non esserlo, chi ci assicura che tu veramente non lo sia? :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Tutto perfetto. O quasi
        - Scritto da: Stampatrice clandestina



        L'Ordine e' una Garanzia

        L'ordine è una garanzia? E di cosa? Del fatto che i siti d'informazione (proprio come i giornali e i telegiornali) saranno diretti da giornalisti con una tessera di partito in tasca. Pronti a cambiarla, naturalmente, dopo le elezioni...
        • Anonimo scrive:
          Re: Tutto perfetto. O quasi
          - Scritto da: voltaire2001

          L'Ordine e' una Garanzia
          L'ordine è una garanzia? E di cosa?Secondo me era una battuta...
          • Anonimo scrive:
            Re: Tutto perfetto. O quasi
            - Scritto da: ZioBudda

            - Scritto da: voltaire2001


            L'Ordine e' una Garanzia

            L'ordine è una garanzia? E di cosa?

            Secondo me era una battuta...Infatti.Ma siccome non sono giornalista iscrittaall'ordine non posso darlo per certo :-)
Chiudi i commenti