Due virus per cellulari s'alleano

La variante di un cavallo di Troia per SymbianOS ha stretto amicizia con un altro vermicello per cellulari. Insieme si divertono a far venire il malditesta ai telefonini che si credono più intelligenti


Roma – Periodo nero per i cellulari di nuova generazione: una nuova minaccia è infatti emersa nelle scorse ore, poco più di una settimana dopo la comparsa di Skulls ,cavallo di Troia che “si diverte” a disegnare teschietti sui telefoni cellulari basati su SymbianOS. Ora la società antivirus F-Secure ha rivelato l’esistenza di una nuova variante del codicillo che “porta in grembo” Cabir, “parassita” dei cellulari passato alla storia come il primo worm per SymbianOS .

Skulls.B ha funzionalità simili a quelle del suo progenitore ma, a differenza di questo, tenta di depistare gli antivirus utilizzando file e cartelle diversi. Ma la sua più importante caratteristica, come si è detto, è quella di contenere il worm Cabir.B e installarlo sui dispositivi in cui viene eseguito. La variante “B” di Cabir è identica all’originale tranne per il fatto di visualizzare un messaggio di testo lievemente diverso, “Caribe-VZ/29a” invece del semplice “Cabir”, e di utilizzare un pacchetto d’installazione SIS modificato.

Cabir sfrutta la tecnologia Bluetooth per propagarsi attraverso gli smartphone che utilizzano Symbian OS, fra cui la piattaforma Series 60 di Nokia: una volta installatosi, il vermicello tenta di sfruttare le connessioni wireless per infettare altri telefoni.

In linea con la sua natura di cavallo di Troia, Skulls.B non è in grado di diffondersi in modo autonomo. Questa variante è contenuta in un file SIS chiamato “icons” e, a differenza di Skulls.A, sostituisce le icone delle applicazioni con immagini meno macabre dei teschietti con le ossa incrociate.

Mikko Hypponen, dirigente della ricerca in F-Secure, ha spiegato che la pericolosità di questi virus è ancora molto limitata, soprattutto per la loro scarsa capacità di replicarsi verso altri dispositivi. L’emergere di codici malevoli come le nuove varianti di Skulls e Cabir rappresenta però, secondo il dirigente di F-Secure, un campanello d’allarme da non sottovalutare, “che ci avverte di come i creatori di virus stiano interessandosi sempre più alle piattaforme mobili”.

“La più grande differenza tra i virus per PC e quelli per le applicazioni di telefonia è data dal fatto che i secondi possono accedere direttamente ai soldi dell’utente”, ha detto Hypponen. “Chi riesce a infettare un telefono cellulare può infatti utilizzare immediatamente il credito telefonico della SIM card per effettuare chiamate o inviare SMS”. Brrrr…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Aggiungo anche la mia

    beh, allora per applicazioni web ecommerce
    andrebbe molto meglio Access... tabelle e
    stored queries a go go ... e il progetto lo
    fai in un lampo senza invidiare nulla a
    MySql

    per applicazioni mission critical,
    sinceramente non utilizzerei nessuno dei dueChe useresti? Oracle?Da notare che non e' il database a fare l'applicazione.(mi riferisco in particolar modo al sistema informativo studenti della Sapienza)
  • Anonimo scrive:
    Re: il mondo MS pieno di neo-luddismo
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo




    anzi direi che in ambito server
    windows


    avanza, e come se avanza!



    Dalle mie parti lo sostituiscono,
    eccome se

    lo sostituiscono!

    probabilmente sostituiscono i vecchi NT/2000
    con qualche fedora gratis...

    dubito che chi abbia provato il 2003 passi
    al pinguino... (o quanto meno lo escluda dal
    parco macchine)Questa l'ho già sentita quando è uscito Win 2000...
  • Anonimo scrive:
    Re: Aggiungo anche la mia
    Lei e' pagata di piu' perche' sa il tedesco, tu no :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: il mondo MS pieno di neo-luddismo

    dubito che chi abbia provato il 2003 passi
    al pinguino... (o quanto meno lo escluda dal
    parco macchine)Se rileggi l'articolo (tanto per non finire OT)sembra che una aziendina a conduzione familiare(mi sembra si chiami Deutsche Bahn) lo stia facendo ...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ecco,ora gli schianti sono assicurat
    - Scritto da: Anonimo
    Non sono d'accordo veramente li schianti li
    fa sempre e solo M$!!!!Ah gia', la storia di quel ministro che a momenti muoresoffocato nella sua auto perche' portiere e finestrinierano pilotati da windows embedded immancabilmenteandato in crash ... :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ecco,ora gli schianti sono assicurat

    Come al solito nessuno e' in grado di
    rispondere con argomenti tecnici
    intelligenti.
    Non un accenno alle regex, e neppure alla
    gavetta cacciavitara che abbiamo comunque
    dovuto fare tutti...

    Mi sembrate come quel mio collega html-ista
    che quando dice di essere programmatore html
    e viene smentito ricordandogli che l'html
    non e' un linguaggio di programmazione, si
    offende e s'incazza finche' non gli dici "si
    si hai ragione torna a programmare il tuo
    html...".Concordo con tutto cio' che hai detto ora e conlo sfogo precedente. Pero' vorrei farti notare che l'HTMLe' a tutti gli effetti un linguaggio di programmazionenel senso piu' generale del termine.
  • Anonimo scrive:
    Re: Buttati via migliaia di posti di lav

    State attenti, l'open source è come
    "internet gratis"... o prima o poi non
    reggerà più... ma sarà
    troppo tardi.Un esempio: devo acquistare un nuovo pc.Installo linux anziche' windows risparmiando 90eu;quindi posso raddoppiare la capienza del disco o lacapacita' della ram o prendere la cpu con 200MHz in piu'.Questo ovviamente non puo' che agevolare i chipmaker.A tutto vantaggio dell'economia.Ovviamente non e' tutto cosi' lineare. Ma e' per rendere l'idea.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Buttati via migliaia di posti di lav
    - Scritto da: Mechano

    - Scritto da: Anonimo


    è un po' come se tu avessi una
    specie

    di fobia contro chi crea soluzioni a
    larga

    scala e ha una denominazione sociale
    che non

    sia FSF



    secondo me non bisogna disprezzare
    nessun

    prodotto solo perchè dietro

    c'è il marchio di una qualche
    azienda

    Non e' vero! Io sempre premiato le aziende
    che facevano dei bei programmi a prezzo
    onesto. E' dai tempi di Amiga che compro
    prodotti di Scala Multimedia, Cloanto e
    altre. E ho comprato almeno una volta
    RedHat e Suse e la Mandrake quando l'azienda
    era in pericolo di fallimento, e cio' pur
    avendone la disponibilita' di una versione
    gratuita o piratata.
    Nel momento pero' che l'azienda inizia a
    crescere troppo e si mette strane idee in
    testa, di far pagare anche delle stronzate,
    di chiudere i formati, di non collaborare
    con sviluppatori e community, di voler
    istituire un monopolio, allora mi diventa
    antipatica e non compro piu' i suoi prodotti
    oltre a farle cattiva pubblicita'.


    per me sei solo un fanatico con i
    capelli

    tesi che ripete sempre

    Capelli tesi? Allora non mi conosci...
    Perche' io porto la sfumatura "alta"... :)



    "Micro$ozz...Micro$ozz....Micro$ozz...."...

    ma falla finita e vai a lavorare

    Riesco a lavorare, produrre idee, portali e
    programmi e rispondere agli sciocchi inutili
    come te, contemporaneamente.

    --
    Mr. MechanoNon perdere tempo a rispondere. Non legge manco le tue risposte.Lo fa solo per stuzzicarti.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti su Marte

    Se tu non sai neanche cos'è apt,
    urpmi o swaret, allora non puoi dire di
    conoscere linux e quindi i tuoi giudizi
    lasciano il tempo che trovano.Hai scordato "portage". Gentoo Italiae' diventata una piacevole realta'.
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti su Marte


    giusto per fare un esempio... con linux

    è praticamente impossibile
    installare

    una periferica USB (la stessa cosa
    accadeva

    con windows 95 1° edition 1995, ovvero 9

    anni fa')

    Pensa che invece a me le periferiche USB
    supportate funzionano molto meglio che su
    Winzozz. Perche' su Winzozz tutto e'
    supportato solo vitualmente, poi ci sono
    problemi di driver, versioni bacate e
    conflitti vari. Su Linux se c'e' scritto che
    funziona, sta pur certo che funzionera'.Una cosa che mi e' capitata:Tutte le istruzioni per l'inizializzazione della mia nuovissimawebcam sono a 32 bit, sequenze di 4 bytes.Beh, nell'INF dei driver windows la stringadi inizializzazione era composta da 25 bytes ... Apportata la modifica la webcam ha cominciato a funzionare.Non ho altro da aggiungere.
  • Anonimo scrive:
    Re: Buttati via migliaia di posti di lav

    l'open source non potrà mai avere una
    diffusione massiccia, niente può
    avere una diffusione massiccia se dietro non
    c'è un interesse centralizzato con
    tanto di investimenti e marketingUn solo controesempio: ApacheNe vuoi qualche altra decina?
  • Anonimo scrive:
    Re: tco
    - Scritto da: jclark

    Comunque c'e' da dire che linux non e'

    ancora pronto per i desktop.

    E ho qualche dubbio che mai lo sara'.

    Approvo e sottoscrivo



    Paradossalmente e' piu' semplice

    installare linux su un server che su una

    workstation/desktop.

    qui non sono d'accordo alcune distro linux
    ormai fanno l'incredibile da sole ( e non
    sono assolutamente sicuro che sia del tutto
    un bene) il problema a mio avviso e' di
    natura diversa e sono gli applicativi che
    mancano.Gli applicativi ci sono quasi tutti. A casa ho rinunciato a windowssenza troppi problemi. In ufficio lavoro con la mia workstation linux(paradossalmente il pc di casa e' 4 volte superiore :-).In un angolino resta un vecchio Duron con Windows, per fare quellequattro cose che ancora a linux mancano.Comunque dicevo a proposito di server/desktop che e' piu' sempliceinstallare una server. Ho i miei motivi. Quando si acquista l'hardwareper un server, ci si affida a materiale di marca, gia' collaudato. Viceversaper una workstation/desktop si prova spesso a prendere l'ultimissimascheda video, la mobo con winmodem, il controller raid sata di ultimagenerazione. E di conseguenza e' facile imbattersi in un componentedi cui non esistono ancora i driver o sono in fase di beta-testing.Ciao
  • Anonimo scrive:
    state tranquilli!!
    Esiste gente che conosce solo cobol e ancora riesce a lavorare e percepire uno stipendio. Non devete preoccuparvi, c'e' ancora tempo prima che le quattro cose che sapete non valgano piu' niente. Continuate a fare il vostro lavoro, studiatevi .NET e prodigatevi a risolvere i problemi dei vostri amici imbranati che si sono devastati il PC. Se prima o poi capitera' che proprio non potrete esimervi da imparare a usare Linux e che sara' mai, non sarete gli unici e dopo un po' di tempo potrete ricominciare a fare i fighi con i vostri amici. Il futuro non e' poi cosi' malaccio.
  • Anonimo scrive:
    Re: troll è chi il troll fa :)

    Dove l'hai letto di gazia? Ho solo scritto
    che lavora in Germania, su tecnologia oracle
    (che non è open) e java (idem con
    patate). La differenza è che entrambi
    girano sia sotto linux che sotto win. La
    parola "portabilità" ti dice nulla?


    sei un povero (troll) che vorrebbe

    distorcere la realtà a suo favore

    solo perchè di .Net non ci hai
    capito

    una mazza e sicuramente non ti cag*
    nessuno

    Se dovessi distorcerla a mio favore direi
    che .net è la manna scesa dal cielo
    per salvare il mondo, visto che le
    esperienze più recenti scitte sul mio
    curriculum sono in .net. Hai mai scritto un
    curriculum? Sai perchè si parte dalla
    fine? Perchè l'ultima è quella
    che conta di più.

    Quindi caro il mio troll tutto sto facendo
    fur che portare acqua al mio mulino, mi sto
    anzi dando la zappa sui piedi per amore
    dell'obbiettività.

    Punto 2: non sarò un genio, io stesso
    mi sono definito "operaio del software" non
    a caso, per me programmare è un
    lavoro, ma ho una vita anche al di fuori
    dell'ufficio. Tuttavia nella mia
    società ci sono parecchi certificati
    MS che apprezzano il mio lavoro, non vedo
    proprio perchè dovrei prendermi
    insulti gratuiti dal primo anonimo che
    scrive sul forum.eh si risparmiare il prezzo della licenza permette dipagare la gente il doppio(troll)(troll)
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti su Marte
    - Scritto da: Anonimo
    ma cosa c'entra... l'interfaccia grafica di
    xp è ferma al 2001...

    in windows puoi installare applicazioni e
    periferiche in un clic, su linux sono
    necessari invece gli smanettoni, esattamente
    come accadeva con MSDos 4.0Se vuoi installare un programma, senza troppi sbattimenti, ti basta cercare il pacchetto per la tua distribuzione (rpm, deb, tgz).Perchè ho l'impressione che il più delle volte criticate qualcosa che non conoscete? Io per esempio del Mac so poco e nulla e non mi permetto di dire "è fantastico" oppure "fa schifo" o altro ancora, l'ho visto solo un paio di volte, e non posso giudicare.Se tu non sai neanche cos'è apt, urpmi o swaret, allora non puoi dire di conoscere linux e quindi i tuoi giudizi lasciano il tempo che trovano.Stesso discorso per le periferiche usb: lì non dipende dalla gestione di linux delle porte usb, ma dal fatto che spesso molte aziende di hardware non rilasciano i driver.
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti su Marte
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo





    sarai punito dalla storia, come tutti
    coloro

    che hanno ostacolato il progresso

    tecnico-economico



    da quello che vedo, l'open source è
    in uno stadio palesemente precedente al
    software commerciale...
    ma io non ce l'ho con il software di nessuna
    natura, io semplicemente odio il fanatismo
    dietro l'open source fatto di bufale, luoghi
    comuni e tanta ignoranzaSi, si, anch'io ce l'ho con gli ottusi e gli ignoranti ...
    giusto per fare un esempio... con linux
    è praticamente impossibile installare
    una periferica USB (la stessa cosa accadeva
    con windows 95 1° edition 1995, ovvero 9
    anni fa')Ah, questa dove l'hai sentita? Io uso da diversi anni scanner, stampante, Zip e mouse usb con Linux senza avere nessun problema (riconoscimento e configurazione automatica). E poi si parla di ignoranza...
    ricordati.... windows 2003 cresce e cresce
    tanto, e vediamo se fra qualche mese avrai
    ancora il coraggio di chiamarmi luddista, ma
    io spero ad una stasi del 50:50 che male non
    fa' mai

    /*un sistemista web NT/LinuxSe te sei un sistemista Linux io sono Maria Teresa di Calcutta, ma vai a prendere aria da qualche parte troll, i problemi con l'USB Linux li aveva nel 2000.Prospero
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti su Marte
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo





    sarai punito dalla storia, come tutti
    coloro

    che hanno ostacolato il progresso

    tecnico-economico



    da quello che vedo, l'open source è
    in uno stadio palesemente precedente al
    software commerciale...http://www.linuxinsider.com/story/Venezuelas-MED-Saves-21-Million-with-Open-Source-38513.htmlsembra che non la pensano come te
    giusto per fare un esempio... con linux
    è praticamente impossibile installare
    una periferica USB (la stessa cosa accadeva
    con windows 95 1° edition 1995, ovvero 9
    anni fa')balle
    ricordati.... windows 2003 cresce e cresce
    tantoa me basta far vedere ai miei clienti che non ne hanno bisogno
    , e vediamo se fra qualche mese avrai
    ancora il coraggio di chiamarmi luddista, luddista sei e sarai
  • Anonimo scrive:
    Re: il mondo MS pieno di neo-luddismo
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo




    anzi direi che in ambito server
    windows


    avanza, e come se avanza!



    Dalle mie parti lo sostituiscono,
    eccome se

    lo sostituiscono!

    probabilmente sostituiscono i vecchi NT/2000
    con qualche fedora gratis...

    dubito che chi abbia provato il 2003 passi
    al pinguino... (o quanto meno lo escluda dal
    parco macchine)e perché no?dubito che chi assaggia la licenza gratuita, poi torni indietro
  • Anonimo scrive:
    Re: Aggiungo che sei un TROLL
  • Anonimo scrive:
    Re: Aggiungo che sei un TROLL
  • Mechano scrive:
    Re: Aggiungo anche la mia
    - Scritto da: Anonimo
    Guarda, avrai anche preso il tuo bel 26-30
    all'università all'esame dal solito
    professore ignorante che non ha mai scritto
    un pezzo di codice reale in vita sua per un
    prodotto vendibile ma fossi in te mi armerei
    di umiltà e studierei da zero tutto
    perchè si vede che non sai di cosa
    stai parlando.Hai qualche argomento in piu' per dimostrare quello che scrivi?Perche' dare dell'ignorante a qualcuno senza neppure mostrargli dove ha sbagliato non e' che ci si fa una figura con un'immagine di credibilita'...--Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    Re: Aggiungo anche la mia
    - Scritto da: Anonimo

    Non esagerare adesso, Access ?? E credi sia
    meglio di MySQL ? Ma li hai mai usati , o
    meglio, hai mai realizzato qualcosa di
    commerciale partendo da zero senza usare
    tool di sviluppo che ti fanno codice ad-hoc
    (e solitamente inefficiente) ?scrivo direttamente il codice a mano... niente wizard, niente librerie, niente di niente, e ti posso garantire che per piccoli e medi portali e applicazioni ecommerce, access è più che sufficienteinoltre è molto più pratico nella gestione (e su questo non puoi contraddirmi dai...)unico limite sono i 256 accessi simultanei e i 2 gb del limite fileho usato pure MySql in alcune circostanze (spesso perchè lo richiede espressamente il cliente), ma non credo si noti differenza per tabelle sotto le 20 mila tuplecon mysql si perde troppo tempo a gestire gli attributi e le query e per piccole applicazioni preferisco di gran lunga accessripeto che per applicazioni mission critical passerei ad altro (ad esempio sql server, o msde che è gratuito)postgree non l'ho mai provato :(
  • Anonimo scrive:
    Re: Aggiungo anche la mia
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Mechano



    - Scritto da: Anonimo





    E Linux, PHP, MySQL a costi

    pressocche'



    nulli di licenza.


    Per fare cose serie andrebbe usato


    PostgreSQL al posto di MySQL se
    non si

    vuole


    impazzire.



    Si ma PostgreSQL non fa query su
    migliai di

    record nell'ordine dei decimi di
    secondo.



    E' solo la criticita' dei dati e delle

    transazioni a richiedere uno strumento

    diverso.

    E per un'applicazione web di commerce
    non

    vedo che controindicazioni possano
    esserci

    nello spendere un po' di piu' in
    controlli

    lato programma per guadagnare in
    velocita'

    globale usando MySQL.



    beh, allora per applicazioni web ecommerce
    andrebbe molto meglio Access... tabelle e
    stored queries a go go ... e il progetto lo
    fai in un lampo senza invidiare nulla a
    MySql

    per applicazioni mission critical,
    sinceramente non utilizzerei nessuno dei dueNon esagerare adesso, Access ?? E credi sia meglio di MySQL ? Ma li hai mai usati , o meglio, hai mai realizzato qualcosa di commerciale partendo da zero senza usare tool di sviluppo che ti fanno codice ad-hoc (e solitamente inefficiente) ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Aggiungo anche la mia
    - Scritto da: Mechano

    - Scritto da: Anonimo



    E Linux, PHP, MySQL a costi
    pressocche'


    nulli di licenza.

    Per fare cose serie andrebbe usato

    PostgreSQL al posto di MySQL se non si
    vuole

    impazzire.

    Si ma PostgreSQL non fa query su migliai di
    record nell'ordine dei decimi di secondo.

    E' solo la criticita' dei dati e delle
    transazioni a richiedere uno strumento
    diverso.
    E per un'applicazione web di commerce non
    vedo che controindicazioni possano esserci
    nello spendere un po' di piu' in controlli
    lato programma per guadagnare in velocita'
    globale usando MySQL.

    --
    Mr. MechanoGuarda, avrai anche preso il tuo bel 26-30 all'università all'esame dal solito professore ignorante che non ha mai scritto un pezzo di codice reale in vita sua per un prodotto vendibile ma fossi in te mi armerei di umiltà e studierei da zero tutto perchè si vede che non sai di cosa stai parlando.
  • Anonimo scrive:
    Re: Aggiungo anche la mia
    - Scritto da: allanon
    Una mia ex collega oggi lavora in Gemania.

    Quando lavoravamo insieme le ho insegnato le
    prime basi di oracle, e lei mi ha dato i
    primi rudimenti di java e web-sphere.

    Tecnicamente eravamo più o meno allo
    stesso livello, con la differenza che lei
    conosceva il tedesco ed io ovviamente no.

    Dopo circa un anno entrambi abbiamo cambiato
    lavoro, soltanto che lei ha accettato
    l'offerta di una società tedesca.

    La mia nuova società (mio malgrado)
    usa dot.net al posto di java, ed in generale
    tecnologie MS. Tutto sommato non ho di che
    lamentarmi, il mio stipendio è
    piuttosto alto per un "operaio del software"
    quale mi considero, e di certo non ho avuto
    difficoltà a passare da una
    tecnologia ad un altra, basta un minimo di
    elasticità mentale.

    Il fatto è che la mia ex-collega oggi
    prende uno stipendio doppio rispetto al mio.

    Ora mi chiedo: tutti quelli che sparano a
    zero contro l'open souce con il pretesto che
    uccide i programmatori, sanno di cosa
    parlano oppure danno fiato alla bocca tanto
    per fare?

    Probabilmente la mia ex-collega ora è
    pagata meglio di me semplicemente
    perchè le aziende che hanno investito
    sull'open source in Germania ora hanno
    più soldi per pagare gli
    sviluppatori.Sì, sì, tutti esperti, basta un pò di elasticità mentale che uno è esperto in tutto.. sicuro.. va benissimo..eh! :(:(:(
  • Anonimo scrive:
    Re: Aggiungo anche la mia
    - Scritto da: Mechano

    - Scritto da: Anonimo



    E Linux, PHP, MySQL a costi
    pressocche'


    nulli di licenza.

    Per fare cose serie andrebbe usato

    PostgreSQL al posto di MySQL se non si
    vuole

    impazzire.

    Si ma PostgreSQL non fa query su migliai di
    record nell'ordine dei decimi di secondo.

    E' solo la criticita' dei dati e delle
    transazioni a richiedere uno strumento
    diverso.
    E per un'applicazione web di commerce non
    vedo che controindicazioni possano esserci
    nello spendere un po' di piu' in controlli
    lato programma per guadagnare in velocita'
    globale usando MySQL.
    beh, allora per applicazioni web ecommerce andrebbe molto meglio Access... tabelle e stored queries a go go ... e il progetto lo fai in un lampo senza invidiare nulla a MySqlper applicazioni mission critical, sinceramente non utilizzerei nessuno dei due
  • Anonimo scrive:
    Re: il mondo MS pieno di neo-luddismo
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    anzi direi che in ambito server windows

    avanza, e come se avanza!

    Dalle mie parti lo sostituiscono, eccome se
    lo sostituiscono!probabilmente sostituiscono i vecchi NT/2000 con qualche fedora gratis...dubito che chi abbia provato il 2003 passi al pinguino... (o quanto meno lo escluda dal parco macchine)
  • Mechano scrive:
    Re: Aggiungo anche la mia
    - Scritto da: Anonimo

    E Linux, PHP, MySQL a costi pressocche'

    nulli di licenza.
    Per fare cose serie andrebbe usato
    PostgreSQL al posto di MySQL se non si vuole
    impazzire.Si ma PostgreSQL non fa query su migliai di record nell'ordine dei decimi di secondo.E' solo la criticita' dei dati e delle transazioni a richiedere uno strumento diverso.E per un'applicazione web di commerce non vedo che controindicazioni possano esserci nello spendere un po' di piu' in controlli lato programma per guadagnare in velocita' globale usando MySQL.--Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT]Re: Ecco,ora gli schianti sono assic
    - Scritto da: 4ndrew87

    - Scritto da: Anonimo

    grazie allo schifo open-source .. :(

    hmm...schifo eh?

    ma si buttiamolo l'opensource(linux):Decco, finalmente una decision saggia(win)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ecco,ora gli schianti sono assicurat
    - Scritto da: Mechano

    Non un accenno alle regex, e neppure alla
    gavetta cacciavitara che abbiamo comunque
    dovuto fare tutti...ma dove vorresti arrivare ? Vuoi fare delle dimostrazioni su quanto non ci capisci un tubo di regular e di tutto il resto?vai a giocare va...
  • allanon scrive:
    Re: Aggiungo anche la mia
    - Scritto da: Anonimo
    ti dico la mia allora. Un mio amico che
    lavorava qui e che sviluppava gestionali in
    database con java e C++ è andato in
    Inghilterra e con .net sta andando alla
    grande. Non importa open o closed, windows o
    linux, all'estero si sta meglio
    perchè le aziende fanno cose serie e
    pagano gli informatici quanto valgono.Probabile che sia vero, io in fondo non sono un fondamentalista: preferisco i prodotti open ma lavoro dove mi pagano. Soltanto mi fanno girare parecchio le affermazioni dei fondamentalisti MS sempre sullo stesso patetico tono: "l'OS è gratis, quindi uccide i programmatori", "quelli che non lavorano con MS sono tutti coministi", e altre boiate simili.Prendendo a motto la recente campagna di disinformazione MS posso solo rispondere: guardate i fatti!Il fatto è che il mercato open cresce, e se cresce nonostante la sleale concorrenza monopolistica di MS ci sarà una ragione, no?
  • Anonimo scrive:
    Re: Buttati via migliaia di posti di lav
    - Scritto da: Anonimo
    Questo sarà imho inevitabile.Sicuro?
    Non sto a difendere MS, voglio solo
    evidenziare che l'open source non è
    un prodotto nazionaleNon sapevo che MS fosse tedesca.
    State attenti, l'open source è come
    "internet gratis"... o prima o poi non
    reggerà più... ma sarà
    troppo tardi.A me sembra invece che regga, soltanto va in una certa direzione. Passata il periodo di abbrutimento tipo "guadagna navigando!" (giusto se fai lo scafista) la gente ha capito che il web è una possibilita' commerciale di offrire al pubblico servizi e prodotti.PI x esempio ti offre un servizio gratuito (news e forum) ma in cambio ti guardi gli sponsor che pagano PI (quindi il prezzo di PI è il ricoglionimento "get the facts", purtroppo :D )A parte gli scherzi...L'open source è lo stesso: su quella piattaforma aperta possono intervenire tantissime sw house, che possono offrire miglioramento e manutenzione e il committente può scegliere liberamente a chi affidarsi, senza essere legato mani e piedi a chi gliel'ha venduta.
  • Anonimo scrive:
    Re: Aggiungo anche la mia
    - Scritto da: Mechano
    E Linux, PHP, MySQL a costi pressocche'
    nulli di licenza.Per fare cose serie andrebbe usato PostgreSQL al posto di MySQL se non si vuole impazzire.
  • Anonimo scrive:
    Re: il mondo MS pieno di neo-luddismo
    - Scritto da: Anonimo
    anzi direi che in ambito server windows
    avanza, e come se avanza!Dalle mie parti lo sostituiscono, eccome se lo sostituiscono!
  • Mechano scrive:
    Re: Ecco,ora gli schianti sono assicurat
    - Scritto da: Anonimo
    solo un informatico sfigato e incapace di
    rendersi utile potrebbe dire le idiozie che
    hai appena vomitatoCome al solito nessuno e' in grado di rispondere con argomenti tecnici intelligenti. Non un accenno alle regex, e neppure alla gavetta cacciavitara che abbiamo comunque dovuto fare tutti...Mi sembrate come quel mio collega html-ista che quando dice di essere programmatore html e viene smentito ricordandogli che l'html non e' un linguaggio di programmazione, si offende e s'incazza finche' non gli dici "si si hai ragione torna a programmare il tuo html...".--Mr. Mechano
  • Mechano scrive:
    Re: Aggiungo anche la mia
    - Scritto da: Anonimo
    ti dico la mia allora. Un mio amico che
    lavorava qui e che sviluppava gestionali in
    database con java e C++ è andato in
    Inghilterra e con .net sta andando alla
    grande. Non importa open o closed, windows o
    linux, all'estero si sta meglio
    perchè le aziende fanno cose serie e
    pagano gli informatici quanto valgono.La cosa e' casuale...E dipende dalla personale dose di culo.Questo visto dal lato di chi cerca lavoro.Certo e' che se dovessi aprire te un'azienda che sviluppa software e siti di ecommerce valuteresti diversamente.Dato che l'importante sono i contenuti e non tanto lo strumento che usi per metterli online e renderli dinamici avresti 2 possibilita' .NET con IIS e SQL server con le relative licenze e costi.E Linux, PHP, MySQL a costi pressocche' nulli di licenza.Il costo dei programmatori e sistemisti grossomodo si equivale. Devi solo avere l'accortezza durante la selezione di prenderne qualcuno appassionato ed esperto di opensource.Innanzitutto con l'opensource hai gia' costi praticamente nulli per le licenze, hai un costo fisso iniziale se proprio vuoi una RedHat o una Suse Enterprise.Poi ci sono i costi di aggiornamento e nuove versioni di Winzozz e dei suoi strumenti.Con Linux apt-get o yum, o yast e ti aggiorni perennemente aggratis.Non c'e' storia, l'opensource e' meglio anche per chi vuole iniziare nel settore dell'e-commerce e dei servizi online, c'e' gia' un risparmio che puo' essere rigirato sui clienti dando un costo inferiore dei servizi, perche' ci sono investimenti iniziali inferiori da riprendere. E quindi partire con maggiore competitivita nel mercato.--Mr. Mechano
  • allanon scrive:
    troll è chi il troll fa :)

    da quello che dici sembrerebbe che in
    germania esista quasi esclusivamente l'open
    sourceDove l'hai letto di gazia? Ho solo scritto che lavora in Germania, su tecnologia oracle (che non è open) e java (idem con patate). La differenza è che entrambi girano sia sotto linux che sotto win. La parola "portabilità" ti dice nulla?
    sei un povero (troll) che vorrebbe
    distorcere la realtà a suo favore
    solo perchè di .Net non ci hai capito
    una mazza e sicuramente non ti cag* nessunoSe dovessi distorcerla a mio favore direi che .net è la manna scesa dal cielo per salvare il mondo, visto che le esperienze più recenti scitte sul mio curriculum sono in .net. Hai mai scritto un curriculum? Sai perchè si parte dalla fine? Perchè l'ultima è quella che conta di più.Quindi caro il mio troll tutto sto facendo fur che portare acqua al mio mulino, mi sto anzi dando la zappa sui piedi per amore dell'obbiettività.Punto 2: non sarò un genio, io stesso mi sono definito "operaio del software" non a caso, per me programmare è un lavoro, ma ho una vita anche al di fuori dell'ufficio. Tuttavia nella mia società ci sono parecchi certificati MS che apprezzano il mio lavoro, non vedo proprio perchè dovrei prendermi insulti gratuiti dal primo anonimo che scrive sul forum.
  • Mechano scrive:
    Re: Luddisti su Marte
    - Scritto da: Anonimo
    in windows puoi installare applicazioni e
    periferiche in un clic, su linux sono
    necessari invece gli smanettoni, esattamente
    come accadeva con MSDos 4.0Le macchine multifunzione HP che ho in azienda non sono daccordo con te.Linux mi permette di controllarle e condividerle in rete per scannerizzare, stampare, mandare e ricevere fax.Stesso dicasi per il masterizzatore e le periferiche USB che siano dei dischi o degli USB Memory Storage standard il che comprende fotocamere, lettori mp3 e tutto cio' che implichi un trasferimento dati.Non c'e' problema perfino con modem ADSL PCI e schede WiFi PCI e miniPCI di qualsiasi tipo.Solo i Winmodem mi fanno smadonnare ancora un po'. Ma ormai se trovi il driver giusto installi con 2 comandi anche quelli.--Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    Re: Aggiungo anche la mia
    ti dico la mia allora. Un mio amico che lavorava qui e che sviluppava gestionali in database con java e C++ è andato in Inghilterra e con .net sta andando alla grande. Non importa open o closed, windows o linux, all'estero si sta meglio perchè le aziende fanno cose serie e pagano gli informatici quanto valgono.
  • Anonimo scrive:
    Re: Aggiungo che sei un TROLL
    - Scritto da: allanon

    Probabilmente la mia ex-collega ora è
    pagata meglio di me semplicemente
    perchè le aziende che hanno investito
    sull'open source in Germania ora hanno
    più soldi per pagare gli
    sviluppatori.
    da quello che dici sembrerebbe che in germania esista quasi esclusivamente l'open sourcesei un povero (troll) che vorrebbe distorcere la realtà a suo favore solo perchè di .Net non ci hai capito una mazza e sicuramente non ti cag* nessuno
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti su Marte
    - Scritto da: Anonimo
    da quello che vedo, l'open source è
    in uno stadio palesemente precedente al
    software commerciale...[cut]
    (la stessa cosa accadeva
    con windows 95 1° edition 1995, ovvero 9
    anni fa')
    ricordati.... windows 2003 cresce e cresce
    tanto, e vediamo se fra qualche mese avrai
    ancora il coraggio di chiamarmi luddista, ma
    io spero ad una stasi del 50:50 che male non
    fa' maiUhm... mi viene in mente una certa cosa chiamata File System Journaled... con quanti decenni di ritardo è arrivata la Microsoft?
  • allanon scrive:
    Aggiungo anche la mia
    Una mia ex collega oggi lavora in Gemania.Quando lavoravamo insieme le ho insegnato le prime basi di oracle, e lei mi ha dato i primi rudimenti di java e web-sphere.Tecnicamente eravamo più o meno allo stesso livello, con la differenza che lei conosceva il tedesco ed io ovviamente no.Dopo circa un anno entrambi abbiamo cambiato lavoro, soltanto che lei ha accettato l'offerta di una società tedesca. La mia nuova società (mio malgrado) usa dot.net al posto di java, ed in generale tecnologie MS. Tutto sommato non ho di che lamentarmi, il mio stipendio è piuttosto alto per un "operaio del software" quale mi considero, e di certo non ho avuto difficoltà a passare da una tecnologia ad un altra, basta un minimo di elasticità mentale.Il fatto è che la mia ex-collega oggi prende uno stipendio doppio rispetto al mio.Ora mi chiedo: tutti quelli che sparano a zero contro l'open souce con il pretesto che uccide i programmatori, sanno di cosa parlano oppure danno fiato alla bocca tanto per fare?Probabilmente la mia ex-collega ora è pagata meglio di me semplicemente perchè le aziende che hanno investito sull'open source in Germania ora hanno più soldi per pagare gli sviluppatori.
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti su Marte
    - Scritto da: Mechano

    - Scritto da: Anonimo


    da quello che vedo, l'open source
    è

    in uno stadio palesemente precedente al

    software commerciale...

    Falso! Potevi avere ragione fino al '99...
    Ma ora non ha piu' alcun senso.
    KDE e' superiore all'interfaccia caramellosa
    di XP in tutto, soprattutto ha dellema cosa c'entra... l'interfaccia grafica di xp è ferma al 2001...in windows puoi installare applicazioni e periferiche in un clic, su linux sono necessari invece gli smanettoni, esattamente come accadeva con MSDos 4.0
  • Anonimo scrive:
    Re: Ecco,ora gli schianti sono assicurat

    Immagino quanti schianti di treni ci saranno
    grazie allo schifo open-source .. :(Direi esattamente il contrario:http://www.techworld.com/opsys/news/index.cfm?NewsID=2275
  • Anonimo scrive:
    Re: il mondo MS pieno di neo-luddismo
    - Scritto da: Anonimo
    non sei in grado di stare al passo coi tempi?
    Il metodo di sviluppo più conveniente
    non è più quello su cui ti sei
    formato?
    a parte chi lavora nelle webfarm, non mi sembra che ci siano situazioni in cui convenga passare a linux...anzi direi che in ambito server windows avanza, e come se avanza!
  • Mechano scrive:
    Re: Luddisti su Marte
    - Scritto da: Anonimo
    da quello che vedo, l'open source è
    in uno stadio palesemente precedente al
    software commerciale...Falso! Potevi avere ragione fino al '99... Ma ora non ha piu' alcun senso.KDE e' superiore all'interfaccia caramellosa di XP in tutto, soprattutto ha delle funzioni di navigazione del file system che se attivate rendono il computer piu' utilizzabile da varie tipologie di utenti.I grafici troveranno eccezionale la miniatura gigante nel tooltip delle immagini e dei documenti. I sistemisti vorranno un directory listing minimalista e piu' veloce.Con XP hai un solo tipo di interfaccia e poche opzioni. Per non confondere, per risparmiare in funzioni complesse. Alla fine hai un sistema che si' va bene per tutto, ma fa tutto in modo mediocre.
    ma io non ce l'ho con il software di nessuna
    natura, io semplicemente odio il fanatismo
    dietro l'open source fatto di bufale, luoghi
    comuni e tanta ignoranzaMa che bufale del menga!Se c'e' qualcuno di cui ci si puo' realmente fidare e' una community opensource.Non ho mai visto un software che facesse ne' piu' ne' meno di quanto promesso nel mondo commerciale. Con l'opensource puoi seguire i progetti, partecipare. Se tra le specifiche c'e' scritto che fa questo e questo e che quest'altro non e' ancora supportato allora sta pur certo che e' cosi'.Nel mondo closed ho visto promettere mare e monti e possibilita' mirabolanti e poi c'erano bug e funzioni astruse e masturbazioni mentali per arrivare comunque a non riuscire a fare il 10% di quello che prometteva la sua brochure pubblicitaria.
    giusto per fare un esempio... con linux
    è praticamente impossibile installare
    una periferica USB (la stessa cosa accadeva
    con windows 95 1° edition 1995, ovvero 9
    anni fa')Pensa che invece a me le periferiche USB supportate funzionano molto meglio che su Winzozz. Perche' su Winzozz tutto e' supportato solo vitualmente, poi ci sono problemi di driver, versioni bacate e conflitti vari. Su Linux se c'e' scritto che funziona, sta pur certo che funzionera'.--Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    Re: Ecco,ora gli schianti sono assicurat
  • Anonimo scrive:
    Re: Buttati via migliaia di posti di lav
    - Scritto da: Anonimo
    Questo sarà imho inevitabile.

    Non sto a difendere MS, voglio solo
    evidenziare che l'open source non è
    un prodotto nazionale (come alcuni qui
    vorrebbero far capire) e che quindi, ad
    esempio, open office, non darà
    neanche un solo posto di lavoro e
    annullerà di fatto tutti i tentativi
    di concorrenza.

    State attenti, l'open source è come
    "internet gratis"... o prima o poi non
    reggerà più... ma sarà
    troppo tardi.ma tu non hai mai avuto la sensazione che nella situazione attuale i soldi vadano a finire sempre nelle stesse tasche?
  • Mechano scrive:
    Re: Buttati via migliaia di posti di lav
    - Scritto da: Anonimo
    è un po' come se tu avessi una specie
    di fobia contro chi crea soluzioni a larga
    scala e ha una denominazione sociale che non
    sia FSF

    secondo me non bisogna disprezzare nessun
    prodotto solo perchè dietro
    c'è il marchio di una qualche aziendaNon e' vero! Io sempre premiato le aziende che facevano dei bei programmi a prezzo onesto. E' dai tempi di Amiga che compro prodotti di Scala Multimedia, Cloanto e altre. E ho comprato almeno una volta RedHat e Suse e la Mandrake quando l'azienda era in pericolo di fallimento, e cio' pur avendone la disponibilita' di una versione gratuita o piratata. Nel momento pero' che l'azienda inizia a crescere troppo e si mette strane idee in testa, di far pagare anche delle stronzate, di chiudere i formati, di non collaborare con sviluppatori e community, di voler istituire un monopolio, allora mi diventa antipatica e non compro piu' i suoi prodotti oltre a farle cattiva pubblicita'.
    per me sei solo un fanatico con i capelli
    tesi che ripete sempreCapelli tesi? Allora non mi conosci... Perche' io porto la sfumatura "alta"... :-)
    "Micro$ozz...Micro$ozz....Micro$ozz...."...
    ma falla finita e vai a lavorareRiesco a lavorare, produrre idee, portali e programmi e rispondere agli sciocchi inutili come te, contemporaneamente.--Mr. Mechano
  • gerry scrive:
    Re: tco
    - Scritto da: jclark
    Fammici girare un Autocad 3d o un cad
    elettrico sempre su base autodesk e ti pago
    la cena subito dove vuoi,Però CAD è uno strumento molto specifico, un conto è avere esigenze di progettazione ed un conto è avere un tot di impiegati che magari hanno solo bisogno di office automation.Non è che linux deve uccidere tutti, magari adesso ha più possibilità di espandersi in certi settori rispetto a prima.
  • Anonimo scrive:
    Re: Buttati via migliaia di posti di lav
    - Scritto da: Anonimo
    Questo sarà imho inevitabile.

    Non sto a difendere MS, voglio solo
    evidenziare che l'open source non è
    un prodotto nazionale (come alcuni qui
    vorrebbero far capire) e che quindi, ad
    esempio, open office, non darà
    neanche un solo posto di lavoro e
    annullerà di fatto tutti i tentativi
    di concorrenza.

    State attenti, l'open source è come
    "internet gratis"... o prima o poi non
    reggerà più... ma sarà
    troppo tardi. certamente, cosi' come Ricci ha compromesso la finanziaria.
  • gerry scrive:
    Re: Luddisti su Marte
    - Scritto da: Anonimo
    giusto per fare un esempio... con linux
    è praticamente impossibile installare
    una periferica USB (la stessa cosa accadeva
    con windows 95 1° edition 1995, ovvero 9
    anni fa')Sarà, ma ieri il mio collega è arrivato raggiante perchè con knoppix è riuscito a masterizzare un DVD con uno iomega esterno che windows non voleva saperne di far funzionare....
  • vince65 scrive:
    Re: Buttati via migliaia di posti di lav
    - Scritto da: Anonimo

    non ci crederai ma è la
    verità... linux offre manodopera
    quasia costo zero (perlerei già di
    sfruttamento del lavoro)... ecco
    perchè IBM e Sun si tuffano a picco
    nelle comunità... e voi polli che gli
    lustrate le scarpe... vergognatevi !!!Hai ragione, in effetti non credo ad una sola parola delle panzane che spari.In primis, IBM e Sun sono, come Micro$oft, delle aziende con dei manager i cui stipendi sicuramente non sono 5-6.000 Euro al mese; se le stupidate che scrivi avessero un minimo di fondo di verità, mio caro anonimo Ballmer-clone, ci sarebbero solo due spiegazioni per i pagamenti dei loro stipendi e di quelli delle migliaia di dipendenti che entrambe le aziende hanno (e non parliamo, poi, dei rispettivi costi di infrastruttura):- verso fine mese indossano una maschera, impugnano i Kalashnikov (naturalmente, no?) e le bombe a mano, rubano qualche decina di pullmann e si precipitano a rapinare qualche centinaia di banche nei vari States dell'Unione;- verso fine mese si recano, tutti quanti appassionatamente insieme, negli orti che si trovano sul retro delle rispettive sedi e, tenendosi romanticamente per mano e cantando a squarciagola gli inni delle rispettive aziende, raccolgono gioiosamente dai rami degli alberi e delle piantine i rispettivi frutti che generosamente vi crescono ogni mese, consistenti non già in banali ortaggi e verdure, ma in milioni di banconote da 10, 100 e 1.000 $ cadauna.A parte ciò, potremmo anche parlare del fatto che Sun produce Solaris (che non è Linux) e che IBM dà un appoggio esterno al mondo Open Source, concentrandosi invece sull'offerta di altri prodotti e servizi (fai pure tranquillamente una visitina sul loro sito internet per informarti, cosa che peraltro sarebbe auspicabile prima di nascondersi dietro l'anonimato per sparare spropositi su argomenti che evidentemente non si conoscono).Una volta finita questa prima parte, potremmo poi anche parlare del fatto che Micro$oft ha già migliaia di dipendenti in India, dove è risaputo che i lavori sono di gran lunga più tutelati e gli stipendi sono infinitamente volte più alti che in Europa o negli USA, e ne sta assumendo altre migliaia oltre ad ampliare i propri campus (notizie pubbliche delle ultime 2 settimane, basta leggere un po' in giro da fonti che non siano Micro$oft per saperlo: vedi ad esempio zdnet o TechRepublic, siti - giusto precisarlo... - non sovietici, cubani o cinesi, ma americani).E magari, come dessert, potremmo anche concludere discutendo delle aziende che vivono di Open Source offrendo i propri servizi (a pagamento, e non per 10 Euro l'ora) come sistemisti, analisti, tecnici, consulenti, formatori, ecc. ecc. (e qui parliamo di realtà locali e non di multinazionali come Micro$oft, Sun o IBM); i nomi? Basta andare su un motore di ricerca (ad esempio Google, Altavista o Virgilio) per trovarne...Potremmo, già... ma credo che per oggi la passeggiata sia sufficiente, ora torna pure a rilassarti con i discorsi dei cari Bill e Steve per illuderti un altro po' di vivere in un mondo reale.
  • Anonimo scrive:
    Re: Buttati via migliaia di posti di lav
    - Scritto da: Mechano

    Io mi sono gia' svegliato, la mia
    workstation e tutti i miei server si basano
    esclusivamente su Linux e software
    opensource. Tutto cio' che sviluppo e'
    basato su questi strumenti e non obbligo
    nessuno a comprare Micro$ozz.
    è un po' come se tu avessi una specie di fobia contro chi crea soluzioni a larga scala e ha una denominazione sociale che non sia FSFsecondo me non bisogna disprezzare nessun prodotto solo perchè dietro c'è il marchio di una qualche aziendaper me sei solo un fanatico con i capelli tesi che ripete sempre "Micro$ozz...Micro$ozz....Micro$ozz...."... ma falla finita e vai a lavorare
  • jclark scrive:
    Re: tco


    Ti scrivo anch'io dal mio nuovo posto di
    lavoro trovato grazie alle conoscenze Linux
    avanzate e da una workstation P4 chipset
    intel830 e tutti i componenti perfettamente
    supportati, con un KDE3.2.3, apache, php,
    mysql e vari tools di sviluppo.

    Linux non sara' pronto per l'home computing
    e l'utonto cerebroleso, ma come workstation
    in qualsiasi tipo di azienda funziona
    benissimo!Fammici girare un Autocad 3d o un cad elettrico sempre su base autodesk e ti pago la cena subito dove vuoi, per me avere workstation linux sarebbe una manna, N.B. ho detto Autocad e cad basato autodesk non alternative i 38 GB di progetti archivio i progettieri li devono poter leggere subito e senza conversioni di nessun tipo inoltre devono anche poterli salvare nel formato dwg standard per farli leggere al resto del mondo ( so gia' che il .dwg non e' piu' protetto da brevetto ma e' praticamente utilizzabile da chiunque)Rispondo anche io da una postazione linux non blasonata come la tua ma piu' che decorosa, e posso permettermi di farlo perche' in ditta non faccio niente di quello che fanno gli altri, ma provvedo a che gli altri possano fare, per produrre documenti leggibili a tutti e soprattutto per non sbattere in fanteria anni di lavoro prodotto per ora e per credo ancora lungo tempo tempo bisogna chinare il crapone e andare alla mecca di redmond.Se parliamo di documenti di tsto da salvare in pdf, di navigazione e di posta elettronica allora un desktop linux ha la sua ragione di esistere in produzione, dipende sempre da cosa devi fare, ma non sto dicendo nulla di nuovo vero?cordialita'
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti su Marte
    - Scritto da: Anonimo


    sarai punito dalla storia, come tutti coloro
    che hanno ostacolato il progresso
    tecnico-economico
    da quello che vedo, l'open source è in uno stadio palesemente precedente al software commerciale...ma io non ce l'ho con il software di nessuna natura, io semplicemente odio il fanatismo dietro l'open source fatto di bufale, luoghi comuni e tanta ignoranzagiusto per fare un esempio... con linux è praticamente impossibile installare una periferica USB (la stessa cosa accadeva con windows 95 1° edition 1995, ovvero 9 anni fa')ricordati.... windows 2003 cresce e cresce tanto, e vediamo se fra qualche mese avrai ancora il coraggio di chiamarmi luddista, ma io spero ad una stasi del 50:50 che male non fa' mai/*un sistemista web NT/Linux
  • Anonimo scrive:
    Re: Ecco,ora gli schianti sono assicurat
    Non sono d'accordo veramente li schianti li fa sempre e solo M$!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddista mentitore
    ti si contestava:

    I soldi che vanno a redmond sono appena il

    2% del fatturato in italia...
    Assolutamente falso!!!non hai controsmentitoperché non puoiSei un mentitore
  • Anonimo scrive:
    Re: Buttati via migliaia di posti di lav
    - Scritto da: Mechano

    Queste aziende da una diffusione massiccia
    del'opensource avrebbero delle perdite, ma
    che possono essere sistemate formando il
    personale e i programmatori o assumendone di
    esperti nel nuovo settore.
    l'open source non potrà mai avere una diffusione massiccia, niente può avere una diffusione massiccia se dietro non c'è un interesse centralizzato con tanto di investimenti e marketingil caso IBM è solo una conseguenza temporanea, IBM vende hardware e nessuno investirebbe il suo denaro per diffondere il verbo del gratis... tra l'altro i prodotti gratis sono sempre di bassa qualità o quanto meno primitiviresta il fatto che dove l'open source mette radici si perdono dei posti di lavoro (diretti o indiretti) per far largo ai software gratis scaricati dal web o dalle riviste in edicola
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti su Marte
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    luddista

    il luddista sei tu.no. io uso e so usare sistemi più competitivi di quelli ormai morti che vorretsti mantenere in vita artificialmente tuSei un luddista perché non accetti che qalcosa di diverso da quel che sai usare divenga di largo usosarai punito dalla storia, come tutti coloro che hanno ostacolato il progresso tecnico-economico
  • jclark scrive:
    Re: tco

    Comunque c'e' da dire che linux non e'
    ancora pronto per i desktop.
    E ho qualche dubbio che mai lo sara'.Approvo e sottoscrivo
    Paradossalmente e' piu' semplice
    installare linux su un server che su una
    workstation/desktop.qui non sono d'accordo alcune distro linux ormai fanno l'incredibile da sole ( e non sono assolutamente sicuro che sia del tutto un bene) il problema a mio avviso e' di natura diversa e sono gli applicativi che mancano.Cordialita'
  • Mechano scrive:
    Re: Buttati via migliaia di posti di lav
    - Scritto da: Anonimo
    Micro$oft-based ??? e tu cosa sei, $un-based
    ??? oppure sei il cucciolo di IBM ???E' un modo per dire che il loro lavoro e le competenze si basano solo su prodotti Micro$oft.Io mi sono gia' svegliato, la mia workstation e tutti i miei server si basano esclusivamente su Linux e software opensource. Tutto cio' che sviluppo e' basato su questi strumenti e non obbligo nessuno a comprare Micro$ozz.--Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti su Marte
    - Scritto da: Anonimo

    luddistail luddista sei tu... evidentemente non sai nemmeno il significato di una parola che ripeti istericamente 1000 volte al giorno
  • Anonimo scrive:
    il mondo MS pieno di neo-luddismo
    non sei in grado di stare al passo coi tempi?Il metodo di sviluppo più conveniente non è più quello su cui ti sei formato?Niente paura: c'è il movimento neo-Luddista che ti aiuta.Noi rompiamo le macchine cun Linux installato a suon di mazzate e facciamo tornare i bei vecchi tempi in cui la ruota era brevettata da Microsoft, per permetterle di rimanere monopolio ad libitumRicordate: Il Neo-Luddismo ti dà una mano
  • Mechano scrive:
    Re: Buttati via migliaia di posti di lav
    - Scritto da: Anonimo
    in italia ci sono circa 15 mila impiegati
    microsoft diretti ...
    I soldi che vanno a redmond sono appena il
    2% del fatturato in italia...Assolutamente falso!!!E' vero il contrario invece, che solo il 2% resta in Italia per la struttura italiana di Micro$ozz.La sede italiana di Micro$oft e' molto piccola ma in fondo non puo' essere diversamente perche' il suo ruolo e' marginale, si tratta solo di vendita e rappresentanza con i servizi annessi.Ci sono i partner o i certified partner che sono aziende italiane che vivono di servizi attorno ai prodotti Micro$oft e solo marginalmente delle vendite dei suoi prodotti dato che i margini lordi non superano il 6%.Queste aziende da una diffusione massiccia del'opensource avrebbero delle perdite, ma che possono essere sistemate formando il personale e i programmatori o assumendone di esperti nel nuovo settore.Dove stanno i danni? I li vedo solo per i pigri e gli incompetenti che hanno difficolta' ad imparare sistemi piu' complessi.--Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    Re: Buttati via migliaia di posti di lav
    - Scritto da: Mechano
    Ossia, o gli
    attuali conoscitori e sviluppatori
    Micro$oft-based si aggiornano e sanno dare
    assistenza e programmare per i sistemi
    opensource che si stanno diffondendo, o
    saranno sostituiti da chi ha competenze in
    questi nuovi settori.
    Micro$oft-based ??? e tu cosa sei, $un-based ??? oppure sei il cucciolo di IBM ???ma svegliati va...
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti su Marte
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: vince65

    - Scritto da: Anonimo


    Questo sarà imho
    inevitabile.



    Hai ragione, in effetti sistemisti,

    sviluppatori e formatori delle
    piattaforme

    Linux/Unix non sono posti di lavoro,
    sono

    solo degli inutili parassiti che
    oltretutto

    lavorano a gratis e non pretendono
    nemmeno

    lo stipendio a fine mese.

    non ci crederai ma è la
    verità... infatti non ci credere, perché è na vera menzogna
    linux offre manodopera
    quasia costo zero (perlerei già di
    sfruttamento del lavoro)...è tutto il contrario: è windows ch ti mette con le chiappe in terra
    ecco
    perchè IBM e Sun si tuffano a picco
    nelle comunità... e voi polli che gli
    lustrate le scarpe... vergognatevi !!!io ci lavoro con l'OS.A me quindi conviene, luddista
  • Anonimo scrive:
    Re: Ludditi su Marte
    - Scritto da: Anonimo
    ma dove vivete ? linari preistorici...occhio, luddista che se non impari a usare la tessitrice meccanica perdi ilposto...
    uscite dalle cantine e aggiornatevi, il
    mondo sta cambiando e i tempi di stalin son
    finiti.non li ho mai vissuti, luddista
  • Anonimo scrive:
    Re: Buttati via migliaia di posti di lav
    - Scritto da: vince65
    - Scritto da: Anonimo

    Questo sarà imho inevitabile.

    Hai ragione, in effetti sistemisti,
    sviluppatori e formatori delle piattaforme
    Linux/Unix non sono posti di lavoro, sono
    solo degli inutili parassiti che oltretutto
    lavorano a gratis e non pretendono nemmeno
    lo stipendio a fine mese.non ci crederai ma è la verità... linux offre manodopera quasia costo zero (perlerei già di sfruttamento del lavoro)... ecco perchè IBM e Sun si tuffano a picco nelle comunità... e voi polli che gli lustrate le scarpe... vergognatevi !!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Buttati via migliaia di posti di lav
    - Scritto da: Anonimo

    Non sto a difendere MS, voglio solo

    evidenziare che l'open source non
    è

    un prodotto nazionale (come alcuni qui

    vorrebbero far capire) e che quindi, ad

    esempio, open office, non darà

    neanche un solo posto di lavoro e

    annullerà di fatto tutti i
    tentativi

    di concorrenza.

    Ma che dici?
    Perché, MS è un "prodotto
    nazionale"??
    Usare MS da posti di lavoro in Germania?
    Semmai è proprio lo standard aperto
    che da la possibilità di far
    sviluppare e supportare il software in piena
    compatibilità anche da piccole e
    medie società locali!in italia ci sono circa 15 mila impiegati microsoft diretti ... I soldi che vanno a redmond sono appena il 2% del fatturato in italia...e allora che dici... cacciamo la MS dall'europa? allora cacciamo anche la fiat dalla polonia ???ma dove vivete ? linari preistorici... uscite dalle cantine e aggiornatevi, il mondo sta cambiando e i tempi di stalin son finiti.
  • Mechano scrive:
    Re: Buttati via migliaia di posti di lav
    - Scritto da: Anonimo
    Non sto a difendere MS, voglio solo
    evidenziare che l'open source non è
    un prodotto nazionale (come alcuni qui
    vorrebbero far capire) e che quindi, ad
    esempio, open office, non darà
    neanche un solo posto di lavoro e
    annullerà di fatto tutti i tentativi
    di concorrenza.
    State attenti, l'open source è come
    "internet gratis"... o prima o poi non
    reggerà più... ma sarà
    troppo tardi.Manco i prodotti Micro$oft sono nazionali. Al massimo Micro$oft ha una sede nazionale con alcune aziende partner.I prodotti Micro$oft essendo molto diffusi oggi, danno lavoro a molti tecnici che li conoscono gia' e sanno farci assistenza e sviluppare software che ci si interfacciano.Una diffusione di altri prodotti, nel nostro caso opensource, non puo' fare altro che far cambiare di mano le competenze. Ossia, o gli attuali conoscitori e sviluppatori Micro$oft-based si aggiornano e sanno dare assistenza e programmare per i sistemi opensource che si stanno diffondendo, o saranno sostituiti da chi ha competenze in questi nuovi settori.L'opensource non toglie lavoro a nessuno, semplicemente e' come cambiare un set di strumenti, e per un montatore meccanico sarebbe solo come avere diverse pinze e cacciaviti ed una diversa morsa.Per chi ha gia' le basi della programmazione strutturata o della OOP non ci vorra' molto per adattarsi a Linux e i suoi strumenti.Quindi non vedo dove stia il problema dei posti di lavoro. O e' solo pigrizia di ex-cacciavitari che hanno imparato ad amministrare e programmare solo un tipo di sistemi?L'adozione di software opensource e' invece molto vantaggiosa per le economie locali che nella maggior parte dei casi non vanno a pagare moltissimi strumenti software, che nel caso del mondo Micro$oft sono tutti prodotti da aziende americane (la stessa Micro$oft e' americana).In questo caso se si spende meno per le licenze software rimangono in cassa molti soldi che possono essere usati per commissionare software specifici e gestionali e personalizzazioni degli stessi.Che per una grande azienda con molte centinaia di client puo' significare cifre nell'ordine delle centinaia di migliaia di euro.In definitiva quindi l'adozione massiccia di opensource fa bene, anzi molto bene alle economie locali delle aziende che lo adottano, lasciando a "bocca asciutta" i soliti noti distributori e sviluppatori di software Micro$oft based e aprendo le porte a tutta una serie di nuovi sviluppatori e sistemisti a cui commissionare molti piu' lavori di quanti se ne potrebbero commissionare a quelli Micro$oft-addicted, grazie ai soldi risparmiati con l'adozione massiccia di prodotti opensource.--Mr. Mechano
  • vince65 scrive:
    Re: Buttati via migliaia di posti di lav
    - Scritto da: Anonimo
    Questo sarà imho inevitabile.Hai ragione, in effetti sistemisti, sviluppatori e formatori delle piattaforme Linux/Unix non sono posti di lavoro, sono solo degli inutili parassiti che oltretutto lavorano a gratis e non pretendono nemmeno lo stipendio a fine mese.
    Non sto a difendere MS, voglio solo
    evidenziare che l'open source non è
    un prodotto nazionale (come alcuni qui
    vorrebbero far capire) e che quindi, ad
    esempio, open office, non darà
    neanche un solo posto di lavoro e
    annullerà di fatto tutti i tentativi
    di concorrenza....mentre a tutti gli effetti lo è M$, azienda notoriamente italiana (con sede a Rossomondo), tedesca (con sede a Rotmund), francese (con sede a Rougemond) spagnola (con sede a Rojomundo), ecc. ecc. (senza menzioniare le sedi indiane, fra l'altro in fase di piena espansione), al contrario ad esempio di SuSe e Mandrake, aziende notoriamente cinesi con sede a Shanghai rispettivamente Hong Kong...E poi evitiamo, per pura modestia, di menzionare che Micro$oft non ha mai fatto nulla per annullare i tentativi di concorrenza, anzi, di fatto ha sempre cercato di favorirla. Se poi quei pirla di concorrenti non ne hanno voluto approfittare, cosa ne può mai lo zio Bill?
    State attenti, l'open source è come
    "internet gratis"... o prima o poi non
    reggerà più... ma sarà
    troppo tardi.Mi fai venire in mente il recente intervento di Ballmer ad un convegno in Asia, che in diversi casi è stato riportato con l'eloquente titolo «Ballmer: "Use our software or someone could get hurt"» (tradotto sarebbe all'incirca «Ballmer: "Usate i nostri programmi, o qualcuno potrebbe farsi male"»)...Ma naturalmente sarà solo una coincidenza...
  • vince65 scrive:
    Re: Occhio agli scambi.....
    - Scritto da: Anonimo
    mi fido di piu' di una gestione di stampo
    *Nix che di stampo MS Windows per la
    gestione degli scambi dei treni.Già mi vedo, al momento di far eseguire il comando per far girare lo scambio, apparire la schermata blu "Si è verificato un errore e Windows ha arrestato il sistema per impedire danni"... ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: Buttati via migliaia di posti di lav

    Non sto a difendere MS, voglio solo
    evidenziare che l'open source non è
    un prodotto nazionale (come alcuni qui
    vorrebbero far capire) e che quindi, ad
    esempio, open office, non darà
    neanche un solo posto di lavoro e
    annullerà di fatto tutti i tentativi
    di concorrenza.Ma che dici?Perché, MS è un "prodotto nazionale"??Usare MS da posti di lavoro in Germania?Semmai è proprio lo standard aperto che da la possibilità di far sviluppare e supportare il software in piena compatibilità anche da piccole e medie società locali!
  • Anonimo scrive:
    Re: luddismo puro
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    io uso Linux come sistema desktop, e
    uso una

    connessione gratuita dai tempi di
    Tiscali

    freelosophy



    ciao, mr luddista



    ti piace il gratis, eh?ne faccio un lavoro
  • Anonimo scrive:
    Re: luddismo puro
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    io uso Linux come sistema desktop, e
    uso una

    connessione gratuita dai tempi di
    Tiscali

    freelosophy



    ciao, mr luddista



    ti piace il gratis, eh? Non sono quello a cui hai risposto, ma ti pongo lo stesso una domanda: mentre tu hai tutti i programmi originali installati sul tuo PC?
  • Anonimo scrive:
    Re: luddismo puro
    - Scritto da: Anonimo

    io uso Linux come sistema desktop, e uso una
    connessione gratuita dai tempi di Tiscali
    freelosophy

    ciao, mr luddista
    ti piace il gratis, eh?
  • Anonimo scrive:
    Re: luddismo puro
    - Scritto da: Anonimo
    State attenti, l'open source è come
    "internet gratis"... o prima o poi non
    reggerà più... ma sarà
    troppo tardi.ah! a propositoio uso Linux come sistema desktop, e uso una connessione gratuita dai tempi di Tiscali freelosophyciao, mr luddista
  • Anonimo scrive:
    Re: tco
    - Scritto da: FDG
    - Scritto da: Anonimo



    Paradossalmente e' piu' semplice


    installare linux su un server che
    su una


    workstation/desktop.



    non se il desktop deve fare
    attività

    d'ufficio;

    Considerate tutte quelle installazioni in
    cui la configurazione della macchina rimante
    stabile.ok, ho considerato.non cambia nulla, la facilità rimane
  • Anonimo scrive:
    TORNANO migliaia di luddisti
    - Scritto da: Anonimo
    Non sto a difendere MS, voglio solo
    evidenziare che l'open source non è
    un prodotto nazionale dillo a chi sviluppa per SUSE
    (come alcuni qui
    vorrebbero far capire) e che quindi, ad
    esempio, open office, non darà
    neanche un solo posto di lavoro e
    annullerà di fatto tutti i tentativi
    di concorrenza.forse perché non c'è concorrenza che tenga con prodotti buoni e a prezzo infimo.Ti dò una novità: qualunque prodotto può essere perfezionato e il prezzo può anche cadere, quando non è gestito in un mercato monopolistico.
    State attenti, l'open source è come
    "internet gratis"... o prima o poi non
    reggerà più... ma sarà
    troppo tardi.questo si chiama luddismo."attenzione, che usare le macchine per produrre tessuti prima o poi non reggerà più, ma sarà troppo tardi"Con la differenza che ora tutti abbiamo i tessuti che servono a basso prezzo, e questa larga diffusione si sta spostando semplicemente verso altri fronti produttivi come il software.Nel frattempo sono stata creati molti posti di lavoro per progettare e produrre le macchine che toglievano lavoro ai tessitori a mano.bentornato, luddismo.
  • Anonimo scrive:
    Buttati via migliaia di posti di lavoro
    Questo sarà imho inevitabile.Non sto a difendere MS, voglio solo evidenziare che l'open source non è un prodotto nazionale (come alcuni qui vorrebbero far capire) e che quindi, ad esempio, open office, non darà neanche un solo posto di lavoro e annullerà di fatto tutti i tentativi di concorrenza.State attenti, l'open source è come "internet gratis"... o prima o poi non reggerà più... ma sarà troppo tardi.
  • FDG scrive:
    Re: tco
    - Scritto da: Anonimo

    Paradossalmente e' piu' semplice

    installare linux su un server che su una

    workstation/desktop.

    non se il desktop deve fare attività
    d'ufficio;Considerate tutte quelle installazioni in cui la configurazione della macchina rimante stabile.
  • gerry scrive:
    Re: tco
    - Scritto da: Anonimo
    Comunque c'e' da dire che linux non e'
    ancora pronto per i desktop.
    E ho qualche dubbio che mai lo sara'.
    Paradossalmente e' piu' semplice
    installare linux su un server che su una
    workstation/desktop.IMHO sbagliate target, linux può fare il botto come sistema embedded.Le distro sono complicate perchè vogliono lasciare ampia possibilità all'utente che di solito la richiede.Ma se infili linux in un cellulare o in un media center non hai problemi ad installarlo e configurarlo.
  • Anonimo scrive:
    E intanto in Itaglia......
  • Anonimo scrive:
    Re: tco
    - Scritto da: Anonimo
    Comunque c'e' da dire che linux non e'
    ancora pronto per i desktop.
    E ho qualche dubbio che mai lo sara'.
    Paradossalmente e' piu' semplice
    installare linux su un server che su una
    workstation/desktop.Ti scrivo anch'io dal mio nuovo posto di lavoro trovato grazie alle conoscenze Linux avanzate e da una workstation P4 chipset intel830 e tutti i componenti perfettamente supportati, con un KDE3.2.3, apache, php, mysql e vari tools di sviluppo.Linux non sara' pronto per l'home computing e l'utonto cerebroleso, ma come workstation in qualsiasi tipo di azienda funziona benissimo!
  • Anonimo scrive:
    Re: tco 2 - la vendetta
    - Scritto da: Anonimo
    "taglio dei costi"
    ....

    e qualcuno ancora crede alle BALLE di
    BALLMER sul TCO ??Qualcuno UFFICIALMENTE ha pensato di rispondere per le rime: :Dhttp://www.novell.com/it-it/linux/truth/è non sono stati tanto leggeri! 8)
  • Anonimo scrive:
    Re: tco
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    "taglio dei costi"

    ....



    e qualcuno ancora crede alle BALLE di

    BALLMER sul TCO ??
    Paradossalmente e' piu' semplice
    installare linux su un server che su una
    workstation/desktop.non se il desktop deve fare attività d'ufficio;in questo caso la facilità è uguale, ormai
  • Anonimo scrive:
    Re: tco
    - Scritto da: Anonimo
    "taglio dei costi"
    ....

    e qualcuno ancora crede alle BALLE di
    BALLMER sul TCO ??Perche'? Non mi dirai che qualcuno c'ha creduto per piu' di 10 secondi :)Devo dire che anni fa ho perso un sacco di tempo con linux. Ma e'stato un ottimo investimento. Grazie alle mie conoscenze ora houn solido posto di lavoro.Comunque c'e' da dire che linux non e' ancora pronto per i desktop.E ho qualche dubbio che mai lo sara'. Paradossalmente e' piu' sempliceinstallare linux su un server che su una workstation/desktop.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: In parte un par de bale
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Entro il 2007 tuta la DB sarà su

    LINUX e Open-Source, anche i desk-top

    quindi, non solo i Server.

    e noi qui, a buttar soldi verso la
    multinazionale monopolista d'oltreoceano...Qui da noi vigono solo RIMBA, UTONTI, e ITALIOTI!
  • Anonimo scrive:
    Re: tco
    - Scritto da: Anonimo
    "taglio dei costi"
    ....

    e qualcuno ancora crede alle BALLE di
    BALLMER sul TCO ??neanche lui s'accorge delle trappole che tende a se stesso.Voleva spingere il mercato a produrre PC a 100 dollari, senza accorgersi che esistono già, ma con Linux (senza Windows):http://www.cbronline.com/article_news.asp?guid=F9B51937-4CD3-4910-8D67-18887FF5B090
  • Anonimo scrive:
    Re: Occhio agli scambi.....
    - Scritto da: Anonimo
    mi fido di piu' di una gestione di stampo
    *Nix che di stampo MS Windows per la
    gestione degli scambi dei treni.Temo che l'applicazione che gestisce il traffico siascritto per piattaforma windows. Magari in visual basic.
  • Anonimo scrive:
    Re: tco
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    "taglio dei costi"

    ....



    e qualcuno ancora crede alle BALLE di

    BALLMER sul TCO ??

    linux è bello costa pocolinux costa ZERO euroscaricatelo dahttp://www.linuxiso.org
    chissa dove sta la verità.....non certo dalla parte di uno che si chiama BALLmer e che dirige un'azienda monopolistica già pluricondannata in ambito internazionale per abuso sul mercato
  • Anonimo scrive:
    Re: La Germania
    ma LOL i benefici... più che altro i bonifici nelle casse di MS Purtroppo non ci sarà mai nessuna testata che scriverà quanti Euro vanno oltre oceano in licenze... mah... come sempre arriveremo in ritardo, e ci daranno in testa pure i paesi del 3° mondo (con tutto il rispetto verso quella povera gente) Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: tco
    - Scritto da: Anonimo
    "taglio dei costi"
    ....

    e qualcuno ancora crede alle BALLE di
    BALLMER sul TCO ??linux è bello costa poco e funziona alla grande eppure lo usano in pochissimi ......chissa dove sta la verità.....
  • Anonimo scrive:
    Re: La Germania
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    concordo al 100%



    Aggiungo che un governo dovrebbe
    sostenere

    la propria economia e sviluppo
    incoraggiando

    l'utilizzo di software nazionale: vedi
    Suse

    in Germania, vedi Mandrake in Francia.



    poi quando viene qui zio Bill, tutti i
    giornali a parlare dei benefici di m$ per la
    nostra economiaAhahahahahahahahahahahahah. che ridere ... benefici ... sei grande.
  • Anonimo scrive:
    Re: tco
    - Scritto da: Anonimo
    "taglio dei costi"
    ....

    e qualcuno ancora crede alle BALLE di
    BALLMER sul TCO ??sui giornali c'e' un mucchio di pubblicita' microsoft relativa a indagini "indipendenti" spiegando che conviene assare da linux a microcess
  • Anonimo scrive:
    Re: La Germania
    - Scritto da: Anonimo
    concordo al 100%

    Aggiungo che un governo dovrebbe sostenere
    la propria economia e sviluppo incoraggiando
    l'utilizzo di software nazionale: vedi Suse
    in Germania, vedi Mandrake in Francia.
    poi quando viene qui zio Bill, tutti i giornali a parlare dei benefici di m$ per la nostra economia
  • Anonimo scrive:
    Re: La Germania
    - Scritto da: Anonimo
    concordo al 100%

    Aggiungo che un governo dovrebbe sostenere
    la propria economia e sviluppo incoraggiando
    l'utilizzo di software nazionale: vedi Suse
    in Germania, vedi Mandrake in Francia.
    si e vedi magic bill in itaglia
  • Anonimo scrive:
    Re: Occhio agli scambi.....
    mi fido di piu' di una gestione di stampo *Nix che di stampo MS Windows per la gestione degli scambi dei treni.
  • Anonimo scrive:
    Re: La Germania
    concordo al 100%Aggiungo che un governo dovrebbe sostenere la propria economia e sviluppo incoraggiando l'utilizzo di software nazionale: vedi Suse in Germania, vedi Mandrake in Francia.
  • Anonimo scrive:
    La Germania
    Che la Germania stia puntando fortemente su Linux è evidente e questo a parer mio è dovuto al fatto che Suse è di fatto un prodotto Tedesco (anche se Novell è americana) e il desktop è basato su QT che sono di Trolltech, altro prodotto di natura commerciale di queste parti (Svedese).Quindi il fatto che si decida di usare questo tipo di prodotti in Europa, in una Banca, in una Ferrovia o nell'amministrazione pubblica (vedi Monaco), non penso sia dettato da un semplice tentativo di abbassare solo i costi ma da una precisa volontà.Loro. a differenza di altri, pensano che lo sviluppo di un prodotto e l'utilizzo dello stesso siano un fatto positivo che valorizza l'industria locale e fornisce una maggior tutela del Know How.Per quello che riguarda la qualità penso che una KDE (free di Debian), un OpenOffice e un Firefox siano sufficienti per la maggior parte dei lavori d'ufficio e oltre. Io fino ad ora non ho mai avuto problemi se non con qualche stampante scanner o winmodem bastardo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Occhio agli scambi.....
  • Anonimo scrive:
    Re: In parte un par de bale
    - Scritto da: Anonimo
    Entro il 2007 tuta la DB sarà su
    LINUX e Open-Source, anche i desk-top
    quindi, non solo i Server.e noi qui, a buttar soldi verso la multinazionale monopolista d'oltreoceano...
  • Anonimo scrive:
    In parte un par de bale
    Entro il 2007 tuta la DB sarà su LINUX e Open-Source, anche i desk-top quindi, non solo i Server.
  • Anonimo scrive:
    tco
    "taglio dei costi"....e qualcuno ancora crede alle BALLE di BALLMER sul TCO ??
  • Anonimo scrive:
    Occhio agli scambi.....
    ....c'è il rischio di fare un frontale.
Chiudi i commenti