DVD, i prezzi si impenneranno

Lecito attendersi un aumento di almeno il 10 per cento sui supporti registrabili: più costose le materie prime
Lecito attendersi un aumento di almeno il 10 per cento sui supporti registrabili: più costose le materie prime


Taipei – Arrivano da Taiwan le prime conferme dei rumors circolati in questo periodo con l’aumento ulteriore dei prezzi di alcuni derivati del petrolio, come il Benzene, utilizzati per produrre tra le altre cose anche i dischi ottici, in particolare i DVD+R/-R.

I produttori taiwanesi di settore, tra i maggiori del Mondo e le cui esportazioni raggiungono tutti i principali mercati, hanno infatti annunciato che nel corso del prossimo trimestre è lecito attendersi un aumento dei prezzi pari almeno al 10 per cento.

Ciò non si deve – a sentir loro – al desiderio di incrementare i margini di profitto quanto invece, come accennato, al fatto che i materiali di qualità utilizzati per la produzione dei dischi stanno subendo dei rialzi.

In realtà i prezzi ormai da diversi mesi sono sull’altalena, sebbene solo adesso i produttori sembrino legare esplicitamente l’aumento alla questione Benzene.

In molti paesi, Italia compresa, i supporti ottici vergini sono gravati alla vendita di una tassa suppletiva denominata “equo compenso” e pensata come remunerazione “a monte” di autori e produttori di contenuti commerciali le cui opere potrebbero essere riprodotte su quei supporti.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 06 2005
Link copiato negli appunti