E' Compaq il più potente supercomputer italiano

Installato presso il Cineca, il supercomputer di Compaq verrà utilizzato dall'AGIP per velocizzare di dieci volte l'analisi dei dati nella ricerca di nuovi giacimenti petroliferi. Una sfida internazionale
Installato presso il Cineca, il supercomputer di Compaq verrà utilizzato dall'AGIP per velocizzare di dieci volte l'analisi dei dati nella ricerca di nuovi giacimenti petroliferi. Una sfida internazionale


Milano – Con l’obiettivo di incrementare la propria competitività in ambito internazionale, AGIP, la divisione dell’ENI che si occupa della ricerca e produzione di idrocarburi, ha annunciato l’adozione del più potente supercomputer esistente in Italia, un mostro targato Compaq che consentirà all’azienda petrolifera italiana di migliorare di 10 volte la velocità di analisi dei dati sismici provenienti dai luoghi di prospezione dislocati in tutto il mondo.

L’accordo, che secondo Compaq “rappresenta un nuovo modello di collaborazione fra industria e università per lo sviluppo di un progetto di forte matrice italiana”, coinvolge anche due importanti realtà del supercalcolo nazionale: Cineca (Consorzio Interuniversitario) e Quadrics Supercomputers World (Qsw) una società del gruppo Finmeccanica. Il Cineca, oltre ad ospitare fisicamente il supercomputer presso il suo centro di Bologna, si occuperà anche della sua gestione. Qsw collaborerà strettamente con Cineca per lo sviluppo dei programmi di calcolo specifici per l’analisi numerica.

Per soddisfare gli elevati standard di affidabilità richiesti dal progetto, il supercomputer è composto da 32 server Compaq modello ES45 ad alte prestazioni, equipaggiati ciascuno con 4 microprocessori 64 bit Alpha EV68 a 1 GHz e sistema operativo Tru64 Unix, collegati tra loro con una connessione di nuova concezione sviluppata da QSW. Questo mostriciattolo è in grado di macinare 260 Gigaflops (miliardi di operazioni al secondo), battendo così il primato che apparteneva al Cray T3E1200 installato proprio presso il Cineca di Bologna ed in grado di fornire 222 GigaFlops.

Solo pochi giorni fa Compaq ha soffiato ad IBM il vertice della Top500 , la lista dei supercomputer più potenti al mondo, con un bestione da 6.000 miliardi di operazioni al secondo. L’azienda ha poi annunciato, per il prossimo anno, il debutto di un nuovo supercomputer capace di 30 TeraOPS (trentamila miliardi di operazioni al secondo).

“Questa installazione testimonia gli altissimi livelli di prestazioni, scalabilità e affidabilità dell’architettura Alpha” ha dichiarato Paolo Panzanini, business manager della High Performance Systems Division di Compaq. “Desidero sottolineare come in questo caso le caratteristiche tecnologiche siano state di grande supporto ad un progetto in cui il calcolo e la ricerca sono strettamente collegati all’industria, secondo un modello di relazioni da perseguire e sviluppare sempre più anche in Italia.”

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 12 2001
Link copiato negli appunti