e-Content, FSF Europe sulle audizioni

Sui lavori della Commissione sui contenuti e la pirateria nell'era digitale interviene FSF Europe sezione italiana, che replica a NewGlobal.it e precisa quanto accaduto


Roma – Riceviamo e volentieri pubblichiamo una replica della sezione italiana di Free Software Foundation Europe alle dichiarazioni di Newglobal.it (a firma Ettore Panella) pubblicate come risposta alle precisazioni del presidente della commissione e-content Paolo Vigevano . Quest’ultimo è stato reso edotto della pubblicazione di questa e di tutte le altre lettere apparse sull’argomento su PI.

Gentile Panella,
le faccio presente che la FSFE *non* è stata audita dalla Commissione Vigevano, come lei erroneamente riporta nella sua lettera aperta all’ing. Vigevano pubblicata su Punto Informatico il 18 Ottobre.

L’unica associazione che ha avuto l’onore e l’onere di rappresentare le istanze di tutta la comunità del software libero è stata l’Associazione Software Libero. Tale associazione ha approfittato al meglio dell’opportunità concessale e speriamo che le sue considerazioni non vengano ignorate nella relazione finale della Commissione.

Purtroppo non possiamo fare a meno di notare che la Commissione ha affidato alle spalle dell’Associazione Software Libero un fardello che, dall’altra parte della barricata, è stato invece diviso tra associazioni di categoria e singoli interessati. Di fatto non si capisce se da un lato hanno titolo a parlare sia Microsoft che Apple che BSA, sia Mediaset che Endemol che Einstein, dall’altro non sono state ascoltate le due associazioni più importanti del panorama italiano del software libero.

Cordiali saluti
Stefano Maffulli
Presidente sezione italiana
Free Software Foundation Europe

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    e' una mera...
    fuffa commerciale....
  • Anonimo scrive:
    bene cosi si fa
    e perchè lo fanno?perchè la pressione dell'opinione pubblica, o per lo meno una parte (che loro reputano aumenterà e quindi giocano d'anticipo) glielo impone una ditta capisce per forza di cose solo i soldi, la moralità non porta dividendi, ma se fa alzare le azioni vedi che tutti diventano più giustiNon faintendetemi, non penso che tutte le ditte siano dei mostri, sono "animali" che agiscono secondo la loro natura, quella di fare soldi, cosi come un lupo che non va colpevolizzato se sgozza gli agnellini. Semplicemente questi episodi dimostrano che si possono tenere sotto controllo anzi si devono; e non con leggi che poi si riescono ad eludere, ma con l'unica legge che capiscono: il mercato: ti comporti male, fai incollare le tue scarpe da 150 euro ai bambini brasiliani, e io non te ne compro più
    • Giambo scrive:
      Re: bene cosi si fa
      - Scritto da: ishitawa
      Non faintendetemi, non penso che tutte le
      ditte siano dei mostri, sono "animali" che
      agiscono secondo la loro natura, quella di
      fare soldi, cosi come un lupo che non va
      colpevolizzato se sgozza gli agnellini. Purtroppo hai ragione, piu' le ditte si ingrandiscono e piu' perdono la loro "umanita'". Si trasformani in semplice macchine per produrre sempre piu' soldi.
      Semplicemente questi episodi dimostrano che
      si possono tenere sotto controllo anzi si
      devono; e non con leggi che poi si riescono
      ad eludere, ma con l'unica legge che
      capiscono: il mercato: ti comporti male, fai
      incollare le tue scarpe da 150 euro ai
      bambini brasiliani, e io non te ne compro
      più Il problema e' sempre quello di far arrivare l'informazione integra e non distorta al potenziale cliente.E poi sperare che il cliente abbia tempo per assimilare la notizia ed evenualmente organizzare una sua linea di condotta morale.Purtroppo, bombardati come siamo di morti dilaniati in Iraq e cloni di GrandeFratello, il nostro cervello diventa impermiabile e immune a molte cose.
      • Akiro scrive:
        Re: bene cosi si fa

        Purtroppo hai ragione, piu' le ditte si
        ingrandiscono e piu' perdono la loro
        "umanita'". Si trasformani in semplice
        macchine per produrre sempre piu' soldi.il problema è che molte persone accettano questo tipo di situazione, ed infatti in un futuro ci saranno solo quelle
        • Giambo scrive:
          Re: bene cosi si fa
          - Scritto da: Akiro

          Purtroppo hai ragione, piu' le ditte si

          ingrandiscono e piu' perdono la loro

          "umanita'". Si trasformani in semplice

          macchine per produrre sempre piu' soldi.

          il problema è che molte persone
          accettano questo tipo di situazione, ed
          infatti in un futuro ci saranno solo quelleUh, spero di no, ho letto fin troppa fantascienza a proposito :-( ...
  • Anonimo scrive:
    certo dopo aver armato l'iraq
    prima armano Saddam (erano tra coloro che hanno armato Saddam, loro si che hanno aiutato ad mettere in piedi sistemi di organizzazione, gestione, ottimizzazione per le venture armi di distruzione di massa e/o puntamenti e/o altro) e poi parlano di correttezzascommetto che loro non si servono nemmeno di manodopera cinese o di altri paesi in cui non esiste diritto dei lavoratori.ma allora perchè non fanno lavorare gli americani e gli europei mettendosi d'accordo con i sindacati? tutti belli corretti, dai
    • Anonimo scrive:
      Re: certo dopo aver armato l'iraq
      Personalmente trovo che in un paese democratico, liberale e "evoluto" come il nostro dovrebbe essere facile capire che tutti hanno gli stessi diritti.Sia Saddam che Ciampi (un che brutto parallelo, non mi torna proprio :P ) hanno diritto a dotare i loro paesi di una sitema di puntamento o di altro.Che senso ha l'embargo in una societa' che proclama la liberta' per tutti e la colpevolezza SOLO dopo un processo?Chi potrebbe decidere a chi dare la tecnologia e a chi no?Se ci fosse un organismo preposto a dire "no, tu no!" verrebbe meno automaticamente quell'idea di "liberta'" tanto sbandierata da tv e giornali.Quindi non attacchiamo una azienda solo perche' vende tecnologia ad un paese che non ci piace o a un tizio che ci sta sulle scatole, dicendo: ecco non e' giusto, deve venderla solo a chi dico io.La nostra liberta', in tutte le cose, si ferma la' dove inizia la liberta' di un altro.Se poi quell'altro ha un comportamente deviante e criminale si punira' IL SINGOLO, ma non si puo' fare una legge PREVENTIVA decidendo a priori chi puo' e chi non puo' avere qualcosa.Questo e' il mio parere (disponibilissimo a discuterne)CoD
      • Anonimo scrive:
        Re: embargo e diritto

        Sia Saddam che Ciampi (un che brutto
        parallelo, non mi torna proprio :p ) hanno
        diritto a dotare i loro paesi di una sitema
        di puntamento o di altro.In linea di principio sono d'accordo. Poi ci sono paesi più pericolosi di altri - ad esempio il regime di Saddam costituiva un pericolo locale, i deliri dei neoconservatori che formano il governo americano sembrano un pericolo per tutto il mondo.
        Che senso ha l'embargo in una societa' che
        proclama la liberta' per tutti e la
        colpevolezza SOLO dopo un processo?Il governo di un paese ha diritto (in senso giuridico, non morale) di stabilire un embargo verso un altro paese giudicato ostile, imporre alle *sue* aziende di non avere rapporti con tale paese, convincere gli alleati a fare altrettanto.Quanto all'intervento armato in Iraq, personalmente non lo contesto - meno regimi assassini in giro, meglio è - ma il modo in cui hanno calpestato il diritto è ignobile.Inoltre sorge la domanda: quando il ruolo del regime assassino lo ricoprono gli Stati Uniti, chi interviene?
    • Anonimo scrive:
      Re: certo dopo aver armato l'iraq
      - Scritto da: Anonimo
      prima armano Saddam (erano tra coloro che
      hanno armato Saddam, loro si che hanno
      aiutato ad mettere in piedi sistemi di
      organizzazione, gestione, ottimizzazione per
      le venture armi di distruzione di massa e/o
      puntamenti e/o altro) e poi parlano di
      correttezzaAi tempi Saddam era "amico", i nemici erano gli Ayatollah.
      scommetto che loro non si servono nemmeno di
      manodopera cinese o di altri paesi in cui
      non esiste diritto dei lavoratori.Dell mi pare sia assemblato in Irlanda.
      ma allora perchè non fanno lavorare
      gli americani e gli europei mettendosi
      d'accordo con i sindacati? tutti belli
      corretti, daiSeeee, e poi l'agnello dormira' accanto al leone :-)Quando si tratta di fare ancora piu' soldi, queste grandi imprese non guardano in faccia a nessuno !
Chiudi i commenti