e-family, convegno a Milano

Il prossimo 27 gennaio. Partecipa Stanca


Roma – Federcomin, la Federazione di Confindustria delle aziende di telecomunicazioni, radiotelevisione ed informatica, ed Anie, la Federazione nazionale imprese elettrotecniche ed elettroniche hanno organizzato un Convegno su “L’Italia dell’e-family” che si svolgerà a Milano, al Sito di Brera, il 27 gennaio 2003 (ore 10,00).

Il Presidente di Federcomin, Alberto Tripi, e il Presidente della Federazione Anie, Renzo Tani, introdurranno i lavori e presenteranno i risultati di una ricerca realizzata in collaborazione con Niche Consulting. Al Convegno interverrà – oltre ai professori Giancarlo Lizzeri e Giampaolo Fabris – il Ministro dell’Innovazione e Tecnologie, Lucio Stanca.

La ricerca si focalizza sull’uso da parte della famiglia italiana di strumenti informatici (personal computer, internet), audio-video (tv, videogiochi, videocamera, dvd, ricezione satellitare, pay-tv, hi-fi) e di telecomunicazioni (cellulare, larga banda, fax, segreteria telefonica).

“L’e-family – si legge in una nota – supera anche i tradizionali ritardi legati alla geografia del nostro Paese e dimostra che il Mezzogiorno ha le potenzialità per reggere il confronto con le realtà più avanzate”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    bid.it: dove osano le banche :P
    AHAHAHAAH il titolo del commento non ha niente a che vedere con il contenuto del messaggio. A parte i 2 post inutili ed evidentemente intrisi di malcontento, vorrei solo mettere in evidenza che solo un KITE-MMORTO [colui che pratica il kite-serf] come A.Manno poteva trasformare il fallimento di un azienda come bid.it in un tanto discusso movie.. solo 2 cose mi vengono in mente in questo momento:1 - tonio.. sarai sempre il nostro capitano2 - tremate o vari magnaroni che avete voluto fare sti casini!3 - addio
  • Anonimo scrive:
    Costretta?
    Come sarebbe a dire "Costretta"? e produci, fatturi e hai profitti nessuno ti costringe al fallimento... se sei in perdita e i soci decidono di non ricapitalzizare (è un loro sacrosanto diritto) perchè magari non hanno più fiducia nel progetto... saluti! "Costretto al fallimento" sembra che l'azienda navigasse nell'oro e qualcuno si sia accaparrato i soldi.Invece mi risulta fosse il contrario.
    • hoff scrive:
      Re: Costretta?

      "Costretto al fallimento" sembra che
      l'azienda navigasse nell'oro e qualcuno si
      sia accaparrato i soldi.
      Costretta dal fatto che non aveva più soldi.
Chiudi i commenti