E-gov in Iraq, l'esperto italiano

Nomina ufficiale


Roma – In una nota il dipartimento all’Innovazione ha fatto sapere che, di concerto con il ministero degli Esteri, è stato nominato un esperto dell’unità tecnica e-government della Presidenza del Consiglio affinché contribuisca allo sviluppo dei progetti di e-gov iraqeni.

La nomina è avvenuta dietro richiesta del ministro per la Scienza e la Tecnologia del governo provvisorio di Baghdad, Rashad Mandan Omar. Il consulente italiano sarà nella capitale iraqena nelle prossime ore nell’ambito della “Task Force Iraq” istituita dal ministero degli Esteri.

“Primo compito dell?esperto inviato dal ministro Stanca – si legge in una nota del Dipartimento – sarà quello di avviare entro la fine di quest?anno la realizzazione della rete di governo irachena (…) che ha l’obiettivo di collegare tecnologicamente le amministrazioni centrali dello Stato per consentire di interoperare e di avviare il coordinamento delle attività di ricostruzione del Paese, la condivisione delle informazioni e la collaborazione attiva delle diverse amministrazioni”.

Il progetto di e-Government per l?Iraq gode del sostegno anche della Banca Mondiale.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    L'illusione del cliente pagante
    Vedo che nella risposta di Alberigo Massucci e in vari altri interventi si manifesta l'illusione che chi paga ottiene di piu' e viene trattato meglio di chi usufruisce di servizi gratuiti: ma non vi ricordate quante volte sono comparse un po' dappertutto lettere di protesta per Adsl, tariffe flat, cambi di gestore etc etc che non rispettavano le condizioni contrattuali e non fornivano cio' per cui si era pagato?In un libro di Le Carre' si descrive in modo magistrale come chi vende quadri falsificati li faccia pagare al prezzo di quelli autentici, e proprio per creare l'illusione che non siano dei falsi. Pagare, e magari pagare molto, non da' alcuna garanzia. Nemmeno nel mondo reale, dove ad esempio le compagnie di assicurazione sono estremamente efficienti quando si tratta di incassare i premi assicurativi, ma quando c'e' da pagare dopo un sinistro ecco che le linee sono occupate o cadono o le sollecitazioni restano senza risposta ...I servizi gratuiti vanno presi per quello che sono, chi non si fa troppe illusioni non resta deluso, avere un back up dei messaggi scritti e ricevuti, e sperare per il meglio.Certo ci si puo' anche far sentire dai webmaster, se hanno messo su un servizio probabilmente avranno i loro buoni motivi per tenerlo in piedi e non perdere utenti.Una piccola nota su come sfrutterebbero i dati personali raccolti: possono mandare tutta la pubblicita' che vogliono, tanto neanche la apro, e a giudicare dai titoli piu' che preoccuparsi che qualche grande fratello scopra tutto di noi mi sembra piuttosto che il rimprovero da fare a questa gente e' che non ci azzeccano neanche un po', a giudicare appunto dalle loro offerte (se ci prendessero, e quindi mi offrissero proprio quello che mi interessa, al limite ne sarei addirittura contento, invece succede il contrario, ma proprio per questo non riescono a vendere niente, almeno a me).Paolo
  • RAFFANGEL scrive:
    SERVIZI INTERNET ??!!
    Ok, credo che non si possa dipendere totalmente dalla rete, nè si debba contare poi su di essa a meno che non si paghi o non si faccia il server di sè stesso. Ad ogni modo, se ben ricordo, agli albori della net le connessioni si pagavano ai browser, quindi...Non c'è solo Yahoo, se uno non funziona se ne prova un altro, finché è gratis... Per me la vecchia cara posta cartacea rimane insuperata, nulla togliendo alla rapidità di quella in rete, ma resta pur sempre il fatto che io non affiderò mai ad essa la mia "reale" corrispondenza.Saluti a tuttiRaff==================================Modificato dall'autore il 25/08/2004 17.22.14
  • Anonimo scrive:
    Se vi lamentate di Yahoo...
    ... che dire di hotmail. Poco meno di 10 minuti e il tuo account te lo trasformo in un mio account cambiandoci la password di accesso. Chissa' quando si accorgeranno che la bagnarola Hotmail fa acqua da tutte le parti !Tutti e 2 i casi sono sgradevoli. Ma vuoi mettere trovarti di fronte ad un account chiuso rispetto a trovarti di fronte ad un account RUBATO?Lascio a voi immaginare le conseguenze...
    • Anonimo scrive:
      Re: Se vi lamentate di Yahoo...
      - Scritto da: Anonimo
      ... che dire di hotmail. Poco meno di 10
      minuti e il tuo account te lo trasformo in
      un mio account cambiandoci la password di
      accesso. Chissa' quando si accorgeranno che
      la bagnarola Hotmail fa acqua da tutte le
      parti !

      Tutti e 2 i casi sono sgradevoli. Ma vuoi
      mettere trovarti di fronte ad un account
      chiuso rispetto a trovarti di fronte ad un
      account RUBATO?

      Lascio a voi immaginare le conseguenze...parole parole paroleeeeeeeeeeeeee
  • Anonimo scrive:
    la soluzione?
    fare contratti un cacchio va bene?fare backup cercarsi un'altro che offra il servizio e riconfigurare tutto! e diffondere la notizia di quelli che fanno i furbi,il servizio e' gratis perche mi guardo i loro cacchio di banner. soldi non ne vogliamo cacciare neanche un nichelino se non faccio un sito di quelli col carrellino.i soldi fateli con i dialer, almeno pagano i polli, e basta cercare di cavar samgue dalle rape!
  • emab scrive:
    Forse esageriamo un po' con le pretese
    Con l'arrivo della "new economy" c'è stato il boom dei servizi email gratuiti, ma dobbiamo renderci conto che per una società costa mantenere milioni di indirizzi email senza chiedere neanche un soldo agli utenti.Tanto più che non ci accontentiamo di un semplice indirizzo email, ma vogliamo anche assistenza immediata se qualcosa non funziona, e protestiamo al minimo disservizio.Aldilà del caso specifico, penso che se iniziamo ad usare un'email in modo continuo, magari per lavoro, sia il caso di pagare quei pochi euro che ci chiedono per la versione a pagamento del servizio email. Ho visto che supereva, citata da un altro utente, ora con 12 euro dà spazio illimitato sull'email per un anno, backup e altre funzioni.Visto che 12 euro si spendono spesso per delle cose inutili, forse sarebbe il caso di spenderle anche per delle cose che usiamo tutti i giorni come un indirizzo email no?
    • Kranz1958 scrive:
      Re: Forse esageriamo un po' con le pretese
      Tutti gli operatori economici che hanno proposto servizi "internet" gratuiti, lo hanno sempre fatto con l'unico e specifico scopo di farci dei soldi (direttamente o indirettamente)..... e questo vale, a grandi linee, per TUTTI.Salvo ovviamente alcuni enti no profit.Il problema posto e' reale e in uno stato civile la questione va regolamentata (al di la delle norme contrattuali che prevedono tutto a vantaggio del proponente) per legge.Mi spiego; anche chi offre servizi gratuiti (con scopi comunque commerciali e quindi di profitto) deve comunque sottostare a una serie di impegni verso il Cliente.Alcune norme aspecifiche esistono, nel nostro codice, ma e' impossibile ottenerne l'applicazione su situazioni minimali.saluti a tutti==================================Modificato dall'autore il 25/08/2004 13.06.54
    • Anonimo scrive:
      Re: Forse esageriamo un po' con le pretese
      - Scritto da: emab
      Con l'arrivo della "new economy" c'è
      stato il boom dei servizi email gratuiti, ma
      dobbiamo renderci conto che per una
      società costa mantenere milioni di
      indirizzi email senza chiedere neanche un
      soldo agli utenti.
      Tanto più che non ci accontentiamo di
      un semplice indirizzo email, ma vogliamo
      anche assistenza immediata se qualcosa non
      funziona, e protestiamo al minimo
      disservizio.Vale a dire che siccome quando entri in un edificio a piu' piani, magari un megastore, non paghi l'ascensore, non devi lamentarti se questo si guasta con te chiuso dentro...La serieta' di chiunque offre un servizio (sia esso gratuito o a pagamento) si misura con la qualita' del servizio stesso.Non esiste da nessuna parte dire: "Tanto era gratis, di che ti lamenti".
      • Anonimo scrive:
        Re: Forse esageriamo un po' con le pretese
        - Scritto da: Anonimo


        - Scritto da: emab

        Con l'arrivo della "new economy"
        c'è

        stato il boom dei servizi email
        gratuiti, ma

        dobbiamo renderci conto che per una

        società costa mantenere milioni
        di

        indirizzi email senza chiedere neanche
        un

        soldo agli utenti.

        Tanto più che non ci
        accontentiamo di

        un semplice indirizzo email, ma vogliamo

        anche assistenza immediata se qualcosa
        non

        funziona, e protestiamo al minimo

        disservizio.

        Vale a dire che siccome quando entri in un
        edificio a piu' piani, magari un megastore,
        non paghi l'ascensore, non devi lamentarti
        se questo si guasta con te chiuso dentro...

        La serieta' di chiunque offre un servizio
        (sia esso gratuito o a pagamento) si misura
        con la qualita' del servizio stesso.

        Non esiste da nessuna parte dire: "Tanto era
        gratis, di che ti lamenti".
        ragionamento potenzialmente fuorviante, senza guadagni nessuna qualità è sostenibile nel tempo, visto che spesso muore prima il servizio ancor prima della sua qualità...
    • Anonimo scrive:
      Forse esagerANO con le offerte
      - Scritto da: emab
      Con l'arrivo della "new economy" c'è
      stato il boom dei servizi email gratuiti, ma
      dobbiamo renderci conto che per una
      società costa mantenere milioni di
      indirizzi email senza chiedere neanche un
      soldo agli utenti.alora non devono nemmeno pubblicizzarbne l'esistenza o creare il servizio. ad un certo punto quello che dici di dare lo dai.se non puoi darlo, ok, ma non devi dismettere il servizio in modo così disonesto.mi avverti una settimana prima, mi dai il tempo di migrare, poi chiudi che io sia pronto o no, ma mi hai dato sette giorni.
      Tanto più che non ci accontentiamo di
      un semplice indirizzo email, ma vogliamo
      anche assistenza immediata se qualcosa non
      funziona, e protestiamo al minimo
      disservizio.senti, se dicono di dare una cosa, la danno, altrimenti facciano a meno.è giusto che vengano sputtanati alla stragrande quando fanno cappelle del genere.errori o disservizi ok, ma lasciare gli utenti inascoltati è la peggior cosa.
      Aldilà del caso specifico, penso che
      se iniziamo ad usare un'email in modo
      continuo, magari per lavoro, sia il caso di
      pagare quei pochi euro che ci chiedono per
      la versione a pagamento del servizio email.tua opinione, condivisibile.resta il fatto che se uno dice "TI DO GRATIS QUESTO SERVIZIO!!!!" lo deve dare. altrimenti sta mentendo.e chi mente deve essere ben noto.
      Ho visto che supereva, citata da un altro
      utente, ora con 12 euro dà spazio
      illimitato sull'email per un anno, backup e
      altre funzioni.google e spycom ti danno UN GIGABYTE gratis per sempre.spycom con accesso pop e smtp.le poste ti danno 15 mega, pop, smtp, imap, accesso SSL, wembail, antivirus trendmicro.completamente gratis e senza banner.
      Visto che 12 euro si spendono spesso per
      delle cose inutili, forse sarebbe il caso di
      spenderle anche per delle cose che usiamo
      tutti i giorni come un indirizzo email no?certo, ma non ha alcuna attinenza con il problema: se dici di dare un servizio, lo dai, altrimenti non lo dai. non puoi bellarti di una pubblicità cghe punta sul gratis e poi dire "lo vuoi FUNZIONANTE? allora paga!"è abbastanza chiaro?
      • emab scrive:
        Re: Forse esagerANO con le offerte
        - Scritto da: Anonimo

        resta il fatto che se uno dice "TI DO GRATIS
        QUESTO SERVIZIO!!!!" lo deve dare.
        altrimenti sta mentendo.
        e chi mente deve essere ben noto.Certo, su questo siamo daccordo. Ma non puoi dire che Yahoo o altri grossi portali facciamo promesse false quando ti dicono che ti danno un'email (o altro) gratuitamente. Il punto è che bisognerebbe leggere bene tutte le condizioni che si accettano spesso senza leggere quando ci si registra. E' probabile che l'utente che ha perso la sua email non avesse rispettato una delle condizioni d'uso stabilite da Yahoo, e da lui accettate al momento della registrazione.Ad esempio quando si attivano questi servizi gratuiti c'è scritto che se non usiamo il servizio per un tot di tempo, ci viene disattivato. Questa è una condizione inaccettabile per uno che l'email la usa per lavoro. Perciò torno a dire che vale la pena acquistare la versione a pagamento.
        google e spycom ti danno UN GIGABYTE gratis
        per sempre.
        spycom con accesso pop e smtp.Leggi bene le condizioni che accetti al momento dell'iscrizione. Sicuramente non c'è scritto che è "per sempre". Anzi c'è scritto che si riservano il diritto di sospendere il servizio senza che tu possa protestare un bel niente per nessun tipo di danno che ti viene arrecato.
  • Anonimo scrive:
    Consigli per caselle a pagamento
    Ciao, visto che anch'io ho una casella yahoo e cmq meditavo di passare alla mail yahoo associata a un dominio, ma vista questa mail sono titubante.Ho inoltre un dominio con mail su aruba, di cui sono moolto insoddisfatto, quindi almeno per le mail vorrei cercare un buon fornitore di email a prezzi non stellari.Qualcuno ha suggerimenti o esperienze positive?Vanno bene anche gestori stranieri :) pieggi
    • Anonimo scrive:
      Re: Consigli per caselle a pagamento
      - Scritto da: Anonimo
      Ho inoltre un dominio con mail su aruba, di
      cui sono moolto insoddisfatto, quindi almeno
      per le mail vorrei cercare un buon fornitore
      di email a prezzi non stellari.Per le caselle email con dominio non so, però so che supereva offre vari domini su cui prendere una casella email (@freemail.it, @freeweb.org, @mybox.it, @clarence.com, @files.it e altri) e puoi prenderti una casella email a pagamento con soli 20 euro l'anno (ora c'è un'offerta per 12 euro l'anno), e ti danno spazio illimitato, accesso pop3, backup, antivirus, e altre cose. Credo sia uno dei più convenienti. L'indirizzo è http://webmail.supereva.it
      • Anonimo scrive:
        Re: Consigli per caselle a pagamento
        la frase "con soli 20 euro" tradisce il fatto che lavori per supereva. Non dico siano tanti pero' usare 'sto linguaggio da venditore ambulante...
        • Anonimo scrive:
          Re: Consigli per caselle a pagamento
          - Scritto da: Anonimo
          la frase "con soli 20 euro" tradisce il
          fatto che lavori per supereva. Non dico
          siano tanti pero' usare 'sto linguaggio da
          venditore ambulante...Ti sbagli, ho detto "soli" perché prima di abbonarmi ho visto quanto costava dagli altri. Il venditore lo faccio, ma di abbigliamento :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Consigli per caselle a pagamento
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            la frase "con soli 20 euro" tradisce il

            fatto che lavori per supereva. Non dico

            siano tanti pero' usare 'sto linguaggio
            da

            venditore ambulante...

            Ti sbagli, ho detto "soli" perché
            prima di abbonarmi ho visto quanto costava
            dagli altri. Il venditore lo faccio, ma di
            abbigliamento :)Ah, allora ho capito: sei un cravattaro!:D
    • tillo scrive:
      Re: Consigli per caselle a pagamento
      - Scritto da: Anonimo
      per le mail vorrei cercare un buon fornitore
      di email a prezzi non stellari.
      Qualcuno ha suggerimenti o esperienze
      positive?CUT
      pieggiio amministro una società che fra l'altro fa anche email hosting... possiamo effettuare un trasferimento del tuo dominio da aruba, e ci sono molti altri servizi... tu dimmi cos'avresti bisogno a tillo@leva-questa-roba.httpdnet.com e vedrò di farti un preventivo... alcune offerte di base sono già state decise nonostante il sito non sia ancora online, le manderò alla tua email se lo desiderilieto di esserti utile==================================Modificato dall'autore il 25/08/2004 10.53.18
      • Anonimo scrive:
        Re: Consigli per caselle a pagamento
        - Scritto da: tillo
        - Scritto da: Anonimo

        per le mail vorrei cercare un buon
        fornitore

        di email a prezzi non stellari.

        Qualcuno ha suggerimenti o esperienze

        positive?
        CUT

        pieggi

        io amministro una società che fra
        l'altro fa anche email hosting... possiamo
        effettuare un trasferimento del tuo dominio
        da aruba, e ci sono molti altri servizi...
        tu dimmi cos'avresti bisogno a
        tillo@leva-questa-roba.httpdnet.com e
        vedrò di farti un preventivo...
        alcune offerte di base sono già state
        decise nonostante il sito non sia ancora
        online, le manderò alla tua email se
        lo desideriok, ti scrivo, anche se poi registrerei il tutto fra 20 giorni, non subito
        lieto di esserti utile

        ==================================
        Modificato dall'autore il 25/08/2004 10.53.18:P :D pieggi
    • Anonimo scrive:
      Re: Consigli per caselle a pagamento
      http://www.aconet.itlavoro per questa società e gestisco il mail server...quindi niente sotterfuggi puoi contattare i nostri commerciali e valutare l'offertavedi tu insomma....ciaoAndrea
      • Anonimo scrive:
        Re: Consigli per caselle a pagamento
        - Scritto da: Anonimo
        www.aconet.it
        lavoro per questa società e gestisco
        il mail server...quindi niente sotterfuggi
        puoi contattare i nostri commerciali e
        valutare l'offerta
        vedi tu insomma....

        ciao
        Andreagrazie, ho visitato il sito, ma ho visto solo soluzioni per aziende, e io sono una semplice persona fisica ;)Cmq contatterò anche aconet :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Consigli per caselle a pagamento
      - Scritto da: Anonimo
      Ciao, visto che anch'io ho una casella yahoo
      e cmq meditavo di passare alla mail yahoo
      associata a un dominio, ma vista questa mail
      sono titubante.
      Ho inoltre un dominio con mail su aruba, di
      cui sono moolto insoddisfatto, quindi almeno
      per le mail vorrei cercare un buon fornitore
      di email a prezzi non stellari.
      Qualcuno ha suggerimenti o esperienze
      positive?
      Vanno bene anche gestori stranieri :)

      pieggiemail.it (15 mb, pop, smtp, imap, webmail), gratis, aggiunta di messaggi pubblicitari alle mail in uscitaposte.it (15 mb, pop, smtp, imap, webmail in https, accesso SSL dai client, antivirus trendmicro) gratis, eccellente.punto informatico ;-) solo webmail ecc ecc ... ma comunque quello che dicono danno.ciao!
      • Anonimo scrive:
        Re: Consigli per caselle a pagamento
        - Scritto da: Anonimo

        Qualcuno ha suggerimenti o esperienze

        positive?

        Vanno bene anche gestori stranieri :)



        pieggi


        email.it (15 mb, pop, smtp, imap, webmail),
        gratis, aggiunta di messaggi pubblicitari
        alle mail in uscita

        poste.it (15 mb, pop, smtp, imap, webmail in
        https, accesso SSL dai client, antivirus
        trendmicro) gratis, eccellente.

        punto informatico ;)   solo
        webmail ecc ecc ... ma comunque quello che
        dicono danno.

        ciao!per chi sa il tedesco gmx è eccellente.
        • Anonimo scrive:
          Re: Consigli per caselle a pagamento
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          Qualcuno ha suggerimenti o
          esperienze


          positive?


          Vanno bene anche gestori stranieri
          :)





          pieggi





          email.it (15 mb, pop, smtp, imap,
          webmail),

          gratis, aggiunta di messaggi
          pubblicitari

          alle mail in uscita



          poste.it (15 mb, pop, smtp, imap,
          webmail in

          https, accesso SSL dai client, antivirus

          trendmicro) gratis, eccellente.



          punto informatico ;) solo

          webmail ecc ecc ... ma comunque quello
          che

          dicono danno.



          ciao!


          per chi sa il tedesco gmx è
          eccellente.gmx ce l'ho da quando era anche in italiano, ma ora ho solo l'accesso pop3 e la uso pochissimo perchè non ci capisco una cippa di tedesco :) pieggi
    • Anonimo scrive:
      Re: Consigli per caselle a pagamento
      - Scritto da: Anonimo
      Ciao, visto che anch'io ho una casella yahoo
      e cmq meditavo di passare alla mail yahoo
      associata a un dominio, ma vista questa mail
      sono titubante.
      Ho inoltre un dominio con mail su aruba, di
      cui sono moolto insoddisfatto, quindi almeno
      per le mail vorrei cercare un buon fornitore
      di email a prezzi non stellari.
      Qualcuno ha suggerimenti o esperienze
      positive?
      Vanno bene anche gestori stranieri :)

      pieggi..io senza nasconderlo pendo fortemente da una parte:mclinkprima come cliente e poi quasi per caso diventando rivenditore...il customer care ti chiama per saprere come va anche se NON hai problemi....simone@fabretti.net
  • Anonimo scrive:
    ...e tiscali?Molto poco professionale
    Ho un account di posta elettronica su tiscali, dal 1998.tutto ha sempre funzionato bene fino a che, un giorno, entro dal sito tramite webmail per controllare la mia posta e ...tutto sparito! :@Questo è successo 3 mesi fa e da allora, dopo aver scritto 15 email al supporto tecnico e dopo essere riuscito ad avere un numero telefonico, nulla.Via email nessuna risposta, via telefono mi dicono che la situazione sarà ripristinata... :sSecondo me hanno preso un virus sui server di posta, non fanno backup e quindi hanno perso tutta la mia posta.Ah..dimenticavo: il mio account è gratuito, ma se avessi pagato e fosse accaduto lo stesso? Mah.. meno male che faccio sempre la copia di tutto! :D
    • antinua scrive:
      Re: ...e tiscali?Molto poco professional
      ho anche io una casella su tiscali - (gratuita)e non ho mai avuto problemi e mai perso una mail...cmq non tutto é perfetto e molto probabilmetne qualche problema c'é stato...
    • Anonimo scrive:
      Re: ...e tiscali?Molto poco professionale
      - Scritto da: Anonimo
      Ho un account di posta elettronica su
      tiscali, dal 1998.
      Ah..dimenticavo: il mio account è
      gratuito, ma se avessi pagato e fosse
      accaduto lo stesso? Mah.. meno male che
      faccio sempre la copia di tutto! :Dtanto gratuito non è: paghi attraverso la connessione telefonica.non c'è abbonamento, ma paghi a consumo.
  • samu scrive:
    ma leggere mai ?
    questi servizi, al momento della sottoscrizione sono chiari,basta leggere le "righe piccole" quando li si sottoscrive, non devono fornire eventuali spiegazioni per chiusure di account.E' interessante notare inoltre il modus operandi di questo utente.. prima contatta l'assistenza, poi legge sulla pagina gli eventuali motivi della disattivazione dell'account e che cosa fare per contattare il servizio assistenza... ma documentarsi prima no? leggere quello che scrivono ?
    • Anonimo scrive:
      Re: ma leggere mai ?
      - Scritto da: samu
      questi servizi, al momento della
      sottoscrizione sono chiari,
      basta leggere le "righe piccole" quando li
      si sottoscrive, non devono fornire eventuali
      spiegazioni per chiusure di account.

      E' interessante notare inoltre il modus
      operandi di questo utente.. prima contatta
      l'assistenza, poi legge sulla pagina gli
      eventuali motivi della disattivazione
      dell'account e che cosa fare per contattare
      il servizio assistenza... ma documentarsi
      prima no? leggere quello che scrivono ?quindi per te le paraculate sono giuste.interessante questo, piuttosto.gente come te si è già adeguata a questo modo di operare. io preferisco l'onestà , la corretezza e la Giustizia alla stesura di qualche testicolo (piccolo testo) da brindire quando poi si passa a rullo sopra le vite delle persone (non si muore mica, ma tutto il tempo speso ...)abituarsi a permettere di trattarci di merda tutta questa gente ... mi pare un errore.
      • Anonimo scrive:
        Re: ma leggere mai ?
        Ma sei proprio di coccio...Se prima di stipulare il contratto online dico chiaro 'questo e' gratis ma se voglio lo riprendo senza preavviso' e tu premi OK...hai accettato anche questa mia clausola.fine.
  • lmari scrive:
    Gratis non significa professionalità
    Quando un servizio o un prodotto diventa importante e la sua cessazione può creare problemi, allora non ci si puo' basare su servizi gratuiti.Questo ce lo dice semplicemente il buon senso.Ovviamente pagare un servizio non significa per forza acquistare professionalità, ma credo ci siano un minimo di garanzie.Credo sia anche inutile lamentarsi!-- Lino Mari==================================Modificato dall'autore il 25/08/2004 9.53.03
    • Anonimo scrive:
      Re: Gratis non significa professionalità

      Quando un servizio o un prodotto diventa
      importante e la sua cessazione può
      creare problemi, allora non ci si puo'
      basare su servizi gratuiti.

      Questo ce lo dice semplicemente il buon
      senso.

      Ovviamente pagare un servizio non significa
      per forza acquistare professionalità,
      ma credo ci siano un minimo di garanzie.

      Credo sia anche inutile lamentarsi!
      Scusa, ma non condivido pienamenteil tuo punto di vista.Beninteso, anche io "a naso" mi fido sicuramente più di un servizio a pagamento che di uno gratis, ma questo perché ci sono costretto a causa del nostro (sbagliato) modo di pensare.Sta di fatto però che io utilizzo da circa 6 anni la stessa casella di posta gratis di un provider nazionale che non mi ha dato alcun problema, mentre ricordo, ai tempi, di averne avuti molti con il servizio di connessione a pagamento della flat di Galactica. I casi negativi esistono quindi da entrambe le parti.Quella che dici tu è una regola non scritta che non dovrebbe esistere, dato che chi offre un servizio gratis non è un benefattore dell'umanità, ma guadagna soldi per altre vie tipo pubblicità, e comunque ti fa sottoscrivere anche per il suo servizio gratis un contratto in cui si prende degli impegni precisi; il servizio non è regolato dal "nulla".Nella pratica, in un mondo dove ormai non resta che pagare solo l'aria, il fatto che per un servizio (come un concerto, uno spettacolo o anche un oggetto) non si spenda ce lo fa in qualche modo piacere di meno (qualcuno dirà sempre: "ci deve essere la fregatura") e lascia sempre adito a chi lo offre di rispondere nel caso qualcosa non vada "E che ti aspettavi? Te l'ho dato gratis, anche se non funziona, non ti puoi lamentare!". Questo deriva, come dici tu, solo dalla scarsa professionalità dell'azienda, ma di casi come questo ce n'e' pieno anche in servizi a pagamento, basta vedere per esempio "Mi manda RaiTre" (o come si chiama).Se la grande azienda X offre un serizio gratis Y e si sparge la voce che non mantiene le promesse, la grande azienda X sicuramente ci rimetterà economicamente.La scarsa professionalità è frequente in tutti i casi.
    • Anonimo scrive:
      Tre riflessioni sul gratis

      Quando un servizio o un prodotto diventa
      importante e la sua cessazione può
      creare problemi, allora non ci si puo'
      basare su servizi gratuiti.E'vero e sensato, ma come tutte le cose non è una verità assoluta.Prima riflessione.Ci sono servizi e prodotti rilasciati gratuitamente perchè anche se nessuno, di solito regala nulla...- all'autore và di fare così- l'autore spera di guadagnarci in un secondo tempo- probabilmente non si poteva fare diversamenteAd esempio, usiamo tutti il protocollo tcp/ip che è stato sviluppato gratuitamente, nessuno ci chiede rojalties per comunicare usando quel protocollo, eppure funziona ed è costato svilupparlo debuggarlo, mantenerlo, espanderlo, testarlo su una rete di milioni di utenti invece che su poche decine di università come era inizialmente...questo perchè non si poteva fare altrimenti, cioè nelle sue proiezioni ogni società aveva interesse a creare il suo protocollo chiuso e non intercomunicabile con gli altri se non dietro lauto compenso in licenze e consulenze per dare col contagocce le specifiche.Uscire dalla logica che nell'immediato era (sembrava?) premiante ha consentito alle reti di esplodere come mai era stato concepito e di riflesso ha fatto diventare qualcuno questi signori.A volte il gratis rompe gli schemi di profitto immediato, IMHO è molto importante. Seconda riflessione, se qualcuno si mette a fornire un servizio, non può farlo in maniera fraudolenta sia che sia gratuito o meno: in altre parole, se dichiara che il servizio avrà 99,99% di uptime e non è vero, se dichiara che darà una mail di 5 giga e non è vero, se dichiara che la privacy sarà rispettata e non è vero e tanti altri casi che configurano reato o violazione degli impegni presi... il fornitore ne deve comunque rispondere.Chi si prende la responsabilità di dare un servizio, anche se gratuito, gratuito deve definire per bene e CON CHIAREZZA nei confronti dell'utente ciò che gli promette, in altre parole non deve commettere illeciti, non deve fare pubblicità ingannevole o disinformazione, non può non ottemperare agli impegni che in piena libertà si prende, nemmeno a gratis, dato che è liberissimo di non prendersi quegli impegni.Quanto a restare nella liceità (privacy, non ingannevolezza delle offerte) dovrebbe farlo sempre e comunque, quindi niente lo scarica da questo tipo di responsabilità.In sostanza, siamo tutti quanti liberi, per i più vari ed anche validi motivi (riflessione 1), di dare servizi gratuiti, ma in ogni caso a) ci sono limiti di liceità che ogni privato cittadino, che dia rervizi o no, deve rispettare e b) dobbiamo definire per bene le nostre responsabilità e a meno che non sia stabilito per legge quali siano le responsabilità e garanzie minime che dobbiamo dare siamo liberissimi di darci responsabilità proporzionate all'impegno che vogliamo profondere e se le sforiamo ricadiamo in inadempienze da punto a)
      Ovviamente pagare un servizio non significa
      per forza acquistare professionalità,
      ma credo ci siano un minimo di garanzie.Ecco un terzo spunto di riflessione, valido specialmente in campi in rapida evoluzione come le nuove tecnologie: c'è gente che vende m**da per oro.C'è sempre stata, ci sarà sempre, in ogni campo.Ma i campi più alieni al pubblico buon senso sono quelli più a rischio ciarlatani.Purtroppo è anche vero che basta una mela marcia per mettere in cattiva luce tutta la categoria, figuriamoci quando in un certo campo tutti hanno mano libera a fare le mele marce e chiedere 500 euro per una pagina html statica o 5000 per un db attrezzato perchè il cliente non riesce a distinguere la vera professionalità dalla ciarlataneria. In questo modo si affossa la categoria perchè si tira sul prezzo su cose che dopo poco ovviamente saranno fattibili a prezzi stracciati da legioni di wannabe che satureranno l'offerta, e nel contempo si legano i clienti ad un modo di lavorare che difficilmente abbandoneranno per qualcosa di più professionale e quindi più professionalizzante per la categoria. Nel discorso ricadono anche quelli che per gestire una tabella ti vendono un AS/400 o una soluzione sap, vero, nel senso di vendere una soluzione totalmente sproporzionata (e magari nemmeno aderente) alle esigenze del cliente solo per fare budget.Così spingono tra le braccia del primo smanettone l'azienda che si è scottata spendendo molto per avere un ritorno nullo perchè non è stata dovutamente addestarta a sfruttarne le potenzialità (eccerto, le consulenze pagano bene!), dato che pensa che dal mezzo non si possa ottenere nulla, almeno lo faranno spendendo meno...La diffusione (e PUBBLICIZZAZIONE! dato che è nell'interesse della categoria E dei clienti) di prodotti gratuiti non può che portare maggiore chiarezza, consentendo ai clienti di non scottarsi nè in un senso nè nell'altro perchè potranno vedere prima come sono stati affrontati i loro problemi, eliminando dal mercato i ciarlatani che vendono poco a molto, o anche molto (ma quando non serve!) a molto... poi, come detto, sempre ci sono esempre ci saranno i venditori di fumo, ma almeno il cliente potrà provare in prima persona come si affrontano le sue esigenze e forse con maggiore fiducia nei mezzi che vede e tocca con mano (che brutta espressione) potrà rendersi conto di avere certamente anche tante altre esigenze a cui l'informatica può rispondere.Insomma, la chiarezza per una categoria professionale è sempre utile e poter provare il gratis IMHO in molti casi aiuta sia a fare chiarezza nelle teste dei clienti (che almeno hanno l'incentivo del gratis per mettersi dietro a fare delle prove, anche guidate, magari, dato che comunque ci devono spendere del tempo) sia a limitare la percentuale di venditori di fumo di varia natura e orientamento.
      • lmari scrive:
        Re: Tre riflessioni sul gratis
        le tue riflessioni sono condividibili.il mio discorso era molto piu' semplice: ti serve un account di posta per avere contatti e per gestire degli ulteriori servizi? allora cerca un servizio che ti propone anche delle garanzie e non affidarti ad un servizio gratuito.gli account gratuiti vanno bene per chi non da alcun valore allo stesso e rinunciarci non comporta alcun problema.-- Lino Mari
    • Anonimo scrive:
      Re: Gratis non significa professionalità
      - Scritto da: lmari
      Quando un servizio o un prodotto diventa
      importante e la sua cessazione può
      creare problemi, allora non ci si puo'
      basare su servizi gratuiti.

      Questo ce lo dice semplicemente il buon
      senso.è la solita solfa.devono essere chiari e dire che lo chiudono quando gli pare, che non ci puoi contare eccetera. non dire che ha ottime caratteristiche ... il business del gratis lo hanno scelto loro ed è ovvio che gratis non è, né come spese, nè come guadagni.gli utenti sono il veicolo e il propolsore, ma il business si basa su altro. detto questo, il comportamento che hanno nei confronti della gente a cui dicono qualcosa, non è corretto.gratis o no, loro trattano QUELLO.
      • Anonimo scrive:
        Re: Gratis non significa professionalità


        è la solita solfa.
        devono essere chiari e dire che lo chiudono
        quando gli pare, che non ci puoi contare
        eccetera. non dire che ha ottime
        caratteristiche ...
        infatti te lo dicono... ovviamente non sperare che sia in caratteri superiore all'8 ;)
      • lmari scrive:
        Re: Gratis non significa professionalità
        il mio discorso non si basa sulla qualità o meno dei servizi gratuiti, guardo lato utente che ha bisogno di un servizio e che la sua cessazione potrebbe creare dei problemi.in questo caso credo sia assurdo affidarsi ad un servizio gratuito. a prescindere da tutti i discorsi che ci sono dietro e al business di chi propone questi servizi.resta il fatto che i contratti sono ad uso e consumo di chi fornisce il servizio, quindi lamentarsi serve a poco-- Lino Mari
    • Alessandrox scrive:
      Ma nemmeno prese per i fondelli...
      - Scritto da: lmari
      Quando un servizio o un prodotto diventa
      importante e la sua cessazione può
      creare problemi, allora non ci si puo'
      basare su servizi gratuiti.
      Questo ce lo dice semplicemente il buon
      senso.Ma sii sincero...in realta' te lo dice l' esperienza, soprattutto di quelli che lo hanno preso in quel posticino...Scommerttiamo che se nessuno si fosse mai lamentato tu non avresti mai pensato che un servizio email gratuito non sia una cosa conveniente?
      Ovviamente pagare un servizio non significa
      per forza acquistare professionalità,
      ma credo ci siano un minimo di garanzie.Errore, il minimo di garanzie SCATTANO allorquando IO ti dico di offrirti un servizio senza specificare CHIARAMENTE e senza ambiguita' che queste garanzie NON ci saranno.Il pagare o meno NON ha e NON puo' avere nessuna importanza, l' unica cosa che conta e' il NERO su BIANCO: se io ti dico che offro qualcosa, lo scrivo e lo pubblicizzo e tu accetti, se quanto offro NON corrisponde a quanto pubblicizzato SONO in torto MARCIO a prescindere dai soldi. E' il contratto di adesione che CONTA, insieme alle caratteristiche pubblicizzate.... (altrimenti incorrerei nel reato di pubblicita' ingannevole).Ma appunto quello che propagandano questi servizi altro non e' che pubblicita' ingannevole.
      Credo sia anche inutile lamentarsi!Si soprattutto quando lo hanno gia' fatto gli altri....==================================Modificato dall'autore il 25/08/2004 22.10.02
  • tillo scrive:
    Utenti Y&&HM&&vari...
    concordo con l'articolo... e con yahoo. non possono farci niente, anche ammettendo un delay automatico di una settimana con email di avviso allegata, per l'eliminazione di una casella postale, significa risorse usate in più... e potrebbe essere benissimo un problema, se qualcuno sfruttasse queste risorse in più per creare un DoS... cosa piuttosto fattibile.ma a parte questo discorso, che potrei mettere molto sul tecnico... voglio invece proporvi un mio servizio di emails gratuite, anche se fra un po' metterò a numero limitato, poiché le mie risorse non sono quelle di Y||HM... su www.tillo.ch vi registrate e vi fate la vostra mail... con un paio di domini, magari in seguito ne aggiungerò altri.non voglio fare dello spam, ma rendermi utile... lì almeno non avete né banners né limiti di spazio... (neanche webmail, IMHO inutile: con techemail.com potete benissimo controllare anche una casella pop3)
    • Anonimo scrive:
      Re: Utenti Y&&HM&&vari...
      - Scritto da: tillo
      ma a parte questo discorso, che potrei
      mettere molto sul tecnico... voglio invece
      proporvi un mio servizio di emails gratuite,
      anche se fra un po' metterò a numero
      limitato, poiché le mie risorse non
      sono quelle di Y||HM... su www.tillo.ch vi
      registrate e vi fate la vostra mail... con
      un paio di domini, magari in seguito ne
      aggiungerò altri. :|
      non voglio fare dello spam, ma rendermi
      utile... lì almeno non avete
      né banners né limiti di
      spazio... (neanche webmail, IMHO inutile:
      con techemail.com potete benissimo
      controllare anche una casella pop3)e tu controlli la nostra mail? :o
      • tillo scrive:
        Re: Utenti Y&&HM&&vari...
        al lavoro posso controllare la mail di un paio di centinaia di dipendenti... ma a parte il contratto, ho imparato che la morale è una cosa importante... no, non le controllo... ti dovrai fidare della mia parola, visto che non ho il tempo e i soldi per pagare un notaio e farmi fare un contratto su misura come quello di yahoo e hotmail... ma almeno io non cancello accounts per abuses inesistenti ;)
    • antinua scrive:
      Re: Utenti Y&&HM&&vari...
      - Scritto da: tillo
      (neanche webmail, IMHO inutile:
      con techemail.com potete benissimo
      controllare anche una casella pop3)Se non avessi la webmail sarei morta da tempo :|per me che ho necessità di spostarmi giornalmente in posti diversi consultare la mail on line é quasi vitale...
      • tillo scrive:
        Re: Utenti Y&&HM&&vari...
        - Scritto da: antinua

        - Scritto da: tillo

        (neanche webmail, IMHO inutile:

        con techemail.com potete benissimo

        controllare anche una casella pop3)

        Se non avessi la webmail sarei morta da
        tempo :|
        per me che ho necessità di spostarmi
        giornalmente in posti diversi consultare la
        mail on line é quasi vitale... sono d'accordo: infatti io uso un account techemail unicamente per leggere la posta via web quando sono in vacanza: se lo eliminano, ci metto un attimo a rifarlo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Utenti Y&&HM&&vari...

      ma a parte questo discorso, che potrei
      mettere molto sul tecnico... voglio invece
      proporvi un mio servizio di emails gratuite,
      anche se fra un po' metterò a numero
      limitato, poiché le mie risorse nonper avere l'e-mail, uno dei dati da mettere obbligatoriamente è l'e-mail.ottimo.
  • Akiro scrive:
    idem con supereva
    m'è capitata la stessa cosa con supereva... non ho mai saputo cos'è sucesso dato che risponder alle mail degli utenti si fa fatica -_-bye bye supereva.(linux)
  • LockOne scrive:
    Yahoo ci dica...
    yahoo ci dica se questi standard si applicano pure ai servizi a pagamento.io dispongo (dal '95!) di una casella di posta @yahoo.com, di cui sono alquanto contento. il servizio e' efficiente e le misure antispam funzionano bene; tant'e' che ho in mente, da tempo, di upgradare al servizio a pagamento, che consente vari optionals per pochi dollari l'anno (intorno ai 20-25$, se ricordo bene).pero', son notizie come queste che mi fan rimandare, e io continuo ad usare il servizio di posta di yahoo come una cosa su cui non fare mai troppo conto. peccato, perche' io i miei dollaroni li darei pure.
    • Anonimo scrive:
      Re: Yahoo ci dica...
      - Scritto da: LockOne
      yahoo ci dica se questi standard si
      applicano pure ai servizi a pagamento.
      io dispongo (dal '95!) di una casella di
      posta @yahoo.com, di cui sono alquanto
      contento. il servizio e' efficiente e le
      misure antispam funzionano bene; tant'e' che
      ho in mente, da tempo, di upgradare al
      servizio a pagamento, che consente vari
      optionals per pochi dollari l'anno (intorno
      ai 20-25$, se ricordo bene).
      pero', son notizie come queste che mi fan
      rimandare, e io continuo ad usare il
      servizio di posta di yahoo come una cosa su
      cui non fare mai troppo conto.
      peccato, perche' io i miei dollaroni li
      darei pure.Anche io stavo meditando di passare alle caselle a pagamento associate al dominio.. sto solo aspettando che adeguino l'offerta (ora danno 100 mega gratis e le caselle a pagamento sono ferme a 25 mega ciascuna : )Altrimenti alternative a yahoo?Io finora ho trovato un servizio di mail nettamente superiore agli altriAlcide
    • Anonimo scrive:
      Re: Yahoo ci dica...
      - Scritto da: LockOne
      yahoo ci dica se questi standard si
      applicano pure ai servizi a pagamento.
      io dispongo (dal '95!) di una casella di
      posta @yahoo.com, di cui sono alquanto
      contento. il servizio e' efficiente e le
      misure antispam funzionano bene; Pure io ho un account @yahoo.com che risale piu' o meno a quegli anni li'.Mai nessun problema.E adesso con i 100 mega e' veramente una pacchia.Certo che sentire che succedono queste cose, che dalla sera alla mattina chiudono un account, non e' una bella cosa.Ma siamo proprio sicuri che si tratti di un abuso di potere?Cioe' questi si svegliano, chiudono un account a caso e chi si e' visto si e' visto?Secondo me il tipo dell'articolo non la racconta giusta.Parla della mail di yahoo, ma anche della chat e di altre cose.Avrei preferito trovare nell'articolo qualcosa del genere:"Ho usato la chat di yahoo in modo apertamente improprio e questi mi hanno chiuso pure la mail"Invece cosi' sembra che chiunque sia a rischio, e per alcuni la cosa potrebbe anche causare un danno, per esempio a me che la mail di yahoo e' il mio riferimento anche per lavoro, ci conservo i backup di documenti importanti etc...
      • nightpassage scrive:
        Re: Yahoo ci dica...
        Io ho un account @yahoo.com che deriva da un vecchio account Geocities quando questo portale per spazio web gratis venne acquisito da Yahoo. Mi sono trovato sempre bene ma certo notizie così preoccupano, anche perché su Yahoo utilizzo molti servizi: la "Valigetta" ad esempio come spazio disco virtuale, che ultimamente s'è rivelata una scelta vitale visto che mi si è fuso il disco rigido ma i documenti importanti erano su Yahoo. e My Yahoo per i bookmark. Cmq se cercate un servizio alternativo valido, fatevi madare da qualcuno un invito per Gmail, la posta di Google. Ho un account Gmail ed è ottimo.http://nightpassage.free.fr
  • Anonimo scrive:
    non dicono "gratis e quindi scarso"
    dato che poi c'è sempre quello pronto a dire "hai speso poco, di cosa ti lamenti?" ... allora dovrebbero dirlo nelle campagne pubblicitarie "vieni con noi ! è gratis! fa schifo! non ti cagheremo e ti chiuderemo l'account senza guardarci indietro dato che lo possiamo fare per contratto!"inutile giustificare le chiusure con gli zero dollari.è chiaro che per loro non sono zero dollari, altrimenti non lo farebbero.loro dicono di dare un certo servizio: allora che lo dìano, altrimenti sono solo balle.e un'altra cosa: le modalità, innanzi tutto!!!! che diano almeno una settimana di preavviso, che uno si regoli ... ok, non è *dovuto* ma sarebbe quantomeno corretto.si avvisa, e dopo una settimana si stacca inopinatamente.
    • Alessandrox scrive:
      Re: non dicono "gratis e quindi scarso"
      - Scritto da: Anonimo
      dato che poi c'è sempre quello pronto
      a dire "hai speso poco, di cosa ti lamenti?"
      ... allora dovrebbero dirlo nelle campagne
      pubblicitarie "vieni con noi ! è
      gratis! fa schifo! non ti cagheremo e ti
      chiuderemo l'account senza guardarci
      indietro dato che lo possiamo fare per
      contratto!"

      inutile giustificare le chiusure con gli
      zero dollari.

      è chiaro che per loro non sono zero
      dollari, altrimenti non lo farebbero.

      loro dicono di dare un certo servizio:
      allora che lo dìano, altrimenti sono
      solo balle.


      e un'altra cosa: le modalità, innanzi
      tutto!!!! che diano almeno una settimana di
      preavviso, che uno si regoli ... ok, non
      è *dovuto* ma sarebbe quantomeno
      corretto.

      si avvisa, e dopo una settimana si stacca
      inopinatamente.Assolutamente condivisibile: si appaia perfettamente con il mio intervento:http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=721902Dovrebbe esserci un minimo di garanzie anche perche' NON GLI COSTEREBBERO NULLA ...==================================Modificato dall'autore il 25/08/2004 21.57.33
  • Anonimo scrive:
    Assurdo Giustificare
    Assurdo, cose d'altro mondo, prima ti propongono i servizi gratis e poi te li tolgono. Avete capito bene? I servizi li hanno proposti loro non siamo andati noi a chiederli supplicandoli. Al posto tuo, dopo esser sicuro di non aver violato alcun aspetto contrattuale, avrei fatto una denuncia o un esposto. Sono certo che ti avrebbero riattivato il servizio il giorno dopo :-)ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Assurdo Giustificare
      - Scritto da: Anonimo
      Assurdo, cose d'altro mondo, prima ti
      propongono i servizi gratis e poi te li
      tolgono. Avete capito bene? I servizi li
      hanno proposti loro non siamo andati noi a
      chiederli supplicandoli.

      Al posto tuo, dopo esser sicuro di non aver
      violato alcun aspetto contrattuale, avrei
      fatto una denuncia o un esposto. Sono certo
      che ti avrebbero riattivato il servizio il
      giorno dopo :)avvertici quando lo fai, che vengo a ridere, anche io con la mia copia del contratto che dice che LO POSSONO FARE , che mi ci fai sopra l'autografo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Assurdo Giustificare
        Quel contratto sul tavolo di un tribunale avrebbe scarso valore legale. Comunque se succeddesse a me lo farei. Sai una cosa? Se un cliente non mi paga il mantenimento dell'hosting e gli sospendo il sito, probabilemente verrei denunciato. Nelle aule dei tribunali si giudicherà poi se un contratto è legittimo o meno.....
    • shevathas scrive:
      Re: Assurdo Giustificare
      - Scritto da: Anonimo
      Assurdo, cose d'altro mondo, prima ti
      propongono i servizi gratis e poi te li
      tolgono. Avete capito bene? I servizi li
      hanno proposti loro non siamo andati noi a
      chiederli supplicandoli.
      ma non l'ha neppure ordinato il dottore di usarli. E in più è scritto a chiare lettere nel contratto di accettazione che possono chiderli, senza fornire spiegazioni, quando più gli aggrada.E' scortese ma, almeno dal punto di vista legale, legittimo.
      Al posto tuo, dopo esser sicuro di non aver
      violato alcun aspetto contrattuale, avrei
      fatto una denuncia o un esposto. Sono certo
      che ti avrebbero riattivato il servizio il
      giorno dopo :)
      E su cosa baseresti la denuncia? Distruzione di mail? Impedimento di comunicazione?Inadempienza contrattuale?Certo sarebbe preferibile un po' più di cortesia nella cessazione dei servizi: una mail del tipo "gentile utente fra 15 giorni si stacca" sarebbe cosa gradita.Comunque prima di schierarsi pro utente o pro yahoo sarebbe opportuno sentire anche l'altra campana.
    • Anonimo scrive:
      Re: Assurdo Giustificare
      - Scritto da: Anonimo
      Assurdo, cose d'altro mondo, prima ti
      propongono i servizi gratis e poi te li
      tolgono. Avete capito bene? I servizi li
      hanno proposti loro non siamo andati noi a
      chiederli supplicandoli.E chiaramente nessuno ti obbliga ad usarli.
      Al posto tuo, dopo esser sicuro di non aver
      violato alcun aspetto contrattuale, avrei
      fatto una denuncia o un esposto. Sono certo
      che ti avrebbero riattivato il servizio il
      giorno dopo :)Ma non diciamo sciocchezze! La verita' e' che i servizi costano, e qualcuno li deve pagare. Punto.Se ti avanza qualche centinaio di migliaia di dollari, regalalo a Yahoo per comprarsi server, banda e persone, vedrai che il servizio poi te lo riaccendono.Come tutte le aziende, anche quelle della net economy devono produrre utili, la bolla e' scoppiata da parecchio.Non so se ti sei accorto che negli ultimi anni tutto sta diventando a pagamento, come e' giusto che sia per avere servizi garantiti e di qualita'.LoZio
      • Anonimo scrive:
        Re: Assurdo Giustificare
        La verità sta nel mezzo...Loro offrono il servizio... gratis o a pagamento non importa.Rimane il fatto che le email sono MIE PERSONALI e non LORO. Essendo una mia proprietà NON mi possono impedirea) senza giustificare il perchèb) senza darmi modo di rientrare in possesso delle mie proprietàdi accedere alla mia email.Morale: per i gestori sarebbe meglio agire come segue:- bloccare l'smtp in modo di non far ricevere più email al tizio- inviare con 15 gg di preavviso un warning al titolare della inbox al fine di permettergli di ritirarsi tutte le sue "proprietà"- alla scadenza del termine chiudere anche il popNessun tribunale darà ragione au provider che neghi il permesso di accedere a MIEI documenti (che potrebbero avere peraltro valore LEGALE!).Quelle clausole sono vessatorie. A questo punto CHIUNQUE potrebbe mettere quelle clusole (es. il mio provider di spazio e dominio su un sito MIO che ho pagato o un provider free come Yahoo) e mandare a carte 48 tutte le email che vuole...Vi ricordo che per la legislazione italiana un'email è un documento ufficiale a tutti gli effetti.Per fare un parallelismo... se avete un fermoposta e violate un regolamento.... mica vi cambiano la chiusura della cassetta e vi lasciano dentro la vostra posta!!!Quindi... blocco arbitrario si... ma della legalità vogliamo riparlarne?Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Assurdo Giustificare

          Vi ricordo che per la legislazione italiana
          un'email è un documento ufficiale a
          tutti gli effetti.
          pur concordando su tutto il resto volevo segnalare questa leggera imprecisione... non c'è nessuna legge italiana che dica questo, ne che parla espressamente di email; ci sono, questo sì, delle sentenze di giudici (opinabili, ma questo è una mio pensiero, dovuto al fatto che dubito che un giudice capisca quanto è facile fakerare un header) che hanno parificato sulla base della 445/2000 (che non parla di email) le email al documento cartaceo; tuttavia l'Italia non è un paese common law per cui l'interpretazione di alcuni giudici (Bari, Torino, Roma etc) rimane un'interpretazione, sicchè un giudice che legge la 445 in modo diverso (e forse più furbo) potrebbe (come è stato in passato) dare un'interpretazione diversa
          • Anonimo scrive:
            Re: Assurdo Giustificare
            Quando ci sono analogie ricorrenti la partita è già vinta per 3/4 ....quindi dai la giusta importanza alla cosa.
  • Anonimo scrive:
    Disse la volpe all'uva.
    "Di servizi come il tuo, di certo, non ho bisogno"Stop
  • Anonimo scrive:
    che pezzente che sei
    • Anonimo scrive:
      Re: che pezzente che sei
      - Scritto da: Anonimo
      ma non ce l'hai 2 euro al mese per attivarti
      un dominio con mailbox professionali?
      se paghi hai diritto a lamentarti
      Se hai il servizio gratuito e l'hai usato,
      come dici, per anni, senza pagare una lira,
      pretendi anche che magari ti chiedano
      scusa??
      ma fammi il piacere...quoto.a caval donato.....
      • Anonimo scrive:
        Ragione a meta'
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        ma non ce l'hai 2 euro al mese per
        attivarti

        un dominio con mailbox professionali?

        se paghi hai diritto a lamentarti

        Se hai il servizio gratuito e l'hai
        usato,

        come dici, per anni, senza pagare una
        lira,

        pretendi anche che magari ti chiedano

        scusa??

        ma fammi il piacere...
        quoto.
        a caval donato.....Sottoscrivo ma con qualche riserva:il principio in se e' giusto ma consideriamo una cosa: se le cose stanno cosi' che senso hanno le mailbox gratuite? Nessuno a parte quello di attirare IGNARI (e sottolineo ignari) utenti in un piccolo (dipende da quanta importanza ha quella mailbox) tranello commerciale. Si perche' ma maggioranza dell' utenza di servizi gratuiti non ha, almeno all' inizio, la percezione della estrema precarieta' del servizio cui si affidano...ma intanto si fidano di quel servizio e TUTTO, nel sito che lo fornisce e' descritto e strutturato (apparentemente) in modo da far percepire il servizio come solido e affidabile...ma la verita' VERA e' magari scritta in un lunghissimo, tedioso disclaimer che pochissimi si prendono la briga di leggere (tanto non si ha scelta se si vuole il servizio le condizioni son quelle e piu' o meno uguali per tutti i fornitori) poi di punto in bianco patatrac! Crolla tutto. Perche'? Perche' si e' ingenui? E che colpa c'e' nell' ingenuita'? Ma piuttosto c'e' colpa nello sfruttare l' altrui ingenuita' ?Ti forniamo una lussuosissimo aereo sul quale potrai caricarci di tutto, dalla famiglia all' amante... e sulla quale potrai fare comodissimi viaggi tutto aggratis... dov'e' il trucco? C'e' ed e' scritto piccolissimo e in mezzo a centinaia di righe: l' aereo potrebbe, senza nessun preavviso, entrare in avaria e precipitare.Non a questi livelli e in questo modo ma le compagnie che forniscono voli a bassissimi costo ma con mezzi scadenti purtroppo ci sono e ogni tanto qualcuno si schianta.OK il campo di applicazione e' diverso e di diverso peso ma il (malsano) concetto e' il medesimo.Ma si danno in giro servizi cosi'?Va bene ben vengano ma allora che non li imbellettino cosi' da farli apparire chissacosa... che dicano chiaramente che sono traballanti che che per uffici importanti hanno l' apposito servizio a pagamento con le solite tariffe differenziate, almeno cosi' la gente si rende consapevole e magari e' anche piu' spinta ad acquistare il servizio a pagamento almeno per le mailbox di una certa importanza... nonci guadagnerebbero? oltre ad evitare inutili pene ai loro utenti? Evidentemente no oppure sono STUPIDI.
        • soulista scrive:
          Re: Ragione a meta'

          Ma si danno in giro servizi cosi'?
          Va bene ben vengano ma allora che non li
          imbellettino cosi' da farli apparire
          chissacosa... che dicano chiaramente che
          sono traballanti che che per uffici
          importanti hanno l' apposito servizio a
          pagamento con le solite tariffe
          differenziate, almeno cosi' la gente si
          rende consapevole e magari e' anche piu'
          spinta ad acquistare il servizio a pagamento
          almeno per le mailbox di una certa
          importanza... nonci guadagnerebbero? oltre
          ad evitare inutili pene ai loro utenti?
          Evidentemente no oppure sono STUPIDI.Tra pubblicità, magna-magna e affini ci guadagnano comunque, perchè nessuno fa niente per niente: io sinceramente non intendo pagare per un servizio e-mail, piuttosto evito rivolgo ad un provider che sia utilizzato da miliardi di utenti e che, essendo praticamente in regime di monopolio, può permettersi comportamenti scorretti nei confronti degli utenti...Perchè, anche se é scritto nei disclaimer che il servizio può essere interrotto senza preavviso e senza fornire spiegazioni, si tratta comunque di una scorrettezza.
          • soulista scrive:
            Errata coccige

            sinceramente non intendo pagare per un
            servizio e-mail, piuttosto evito rivolgo ad
            un provider che sia utilizzato da miliardi... evito di rivolgermi....
    • Anonimo scrive:
      Re: che pezzente che sei
      Chi ha scritto questo messaggio proprio non ha capito nulla. Con la tua logica se compri un biglietto aereo da 9,99 con qualche compagnia low cost non ti stupiresti più di tanto se ti lasciassero a terra annullando il volo.Io mi incazzerei molto invece!Le regole le hanno fatte loro e vanno rispettate....che costi tanto, che costi poco o che sia gratis!
      • Anonimo scrive:
        Re: che pezzente che sei

        Le regole le hanno fatte loro e vanno
        rispettate....che costi tanto, che costi
        poco o che sia gratis!
        Appunto. se la regola e' 'Paghi poco ma faccio come voglio io' e tu accetti sono poi fatti tuoi...Mi sembra che qui tutti voglian la botte piena e la moglie ubriaca...
  • Anonimo scrive:
    E vero è successo anche a me
    E' bastato seguire la procedure di "rigenerazione" della password, perchè evidentemente non si sognano neanche di storare nei DB le password in chiaro (forse usanp l'hash MD5).Basta indicare l'ID, l'animale preferito, provenienza e l'account è riabilitato.
  • Anonimo scrive:
    provabile sia stato un reclamo da altri
    come da topic......provabilmente sei stato bannato perche' hanno ricevuto messaggi di abuso..........a volte basta un bricconcello pe rovinarti......
    • Anonimo scrive:
      Re: provabile sia stato un reclamo da a
      - Scritto da: Anonimo
      come da topic......


      provabilmente sei stato bannato perche'
      hanno ricevuto messaggi di abuso..........a
      volte basta un bricconcello pe
      rovinarti......gli header se li inventa?
      • Anonimo scrive:
        Re: provabile sia stato un reclamo da a
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        come da topic......





        provabilmente sei stato bannato perche'

        hanno ricevuto messaggi di
        abuso..........a

        volte basta un bricconcello pe

        rovinarti......

        gli header se li inventa?No, li tarocca.Tempo fa sul forum di pi lessi un post di uno americano che in un blog raccontava come si era creato una casella hotmail, poi senza aver mai inviato mail da quell'account ha inviato all'abuse di hotmail una mail con gli header falsificati un minimo.. ebbene, dopo un paio di giorni l'account gli è stato chiuso senza spiegazioni e soprattutto *senza aver inviato una mail da quell'account*Quindi probabilmente si riesce a fare anche con yahoo :(
    • soulista scrive:
      provabile?
      non dovrebbe essere "probabile"?grazie comunque per aver messo in moto il mio cervello, questa mattina: non sapevo dell'esistenza di questa parolahttp://www.demauroparavia.it/88218http://www.demauroparavia.it/87079
    • Anonimo scrive:
      Re: prov_
Chiudi i commenti