E-gov, Spagna più avanti dell'Italia

Nei servizi pubblici diffusi online


Roma – Dalla capitale spagnola Madrid l’ultima rilevazione della Cap Gemini Ernst&Young suggerisce che i servizi pubblici disponibili online per i cittadini spagnoli sono più numerosi di quelli disponibili in Italia.

Secondo la ricerca, nei paesi UE mediamente il 55 per cento dei servizi è anche disponibile su web – in aumento del 10 per cento rispetto all’anno scorso. La Spagna è al 58 per cento e l’Italia al 51 per cento.

Guidano questa singolare classifica l’Irlanda (85 per cento), Svezia (81 per cento) e Finlandia (70 per cento).

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    E' tutta pubblicita'!
    In effetti vale sempre la regola che dice "parlatene bene o parlatene male ma parlate sempre di me!" Questi del wwf sono dei grandi comunicatori, non vi pare?
  • Anonimo scrive:
    Quelli del Wwf sono cerebrolesi??
    Ma come si fa a pretendere di avere il dominio (che se gli piaceva potevano tra l'altro registrarsi prima) strappandolo ad altri? Il panda e' diventata roba loro? Chiederanno delle royalty a tutti i parchi naturali che ospitano panda?
    • Anonimo scrive:
      Re: Quelli del Wwf sono cerebrolesi??
      concordo."panda" è un animale e come tale non è il lorodiverso sarebbe il discorso se un altra ditta o ente utilizzasse il simbolo del wwf col panda, in modo da far credere ai visitatori che il loro sito è legato all'ente (cosi che magari la gente creda che comprare li si faccia beneficienza al wwf)tra l'altro non capisco perche wwf del fondo natura sia piu importante del wwf del wrestrling (a parte considerazioni "morali"): sono due associazioni e per la lege sono/dovrebbero essere viste come uguali per cui il primo che arriva la registra
      • Anonimo scrive:
        Re: Quelli del Wwf sono cerebrolesi??

        tra l'altro non capisco perche wwf del fondo
        natura sia piu importante del wwf del
        wrestrling leggendo l'articolo al riguardo si evince che si è dato ragione ai panda piuttosto che ai wrestler perché il marchio dei primi è più vecchio dei secondi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Quelli del Wwf sono cerebrolesi??
        Molto più semplice: il WWF aveva registrato il marchio al momento della fondazione; la World Wrestling Federation, no.
  • Anonimo scrive:
    e allora, l'antivirus?
    magari adesso faranno anche cambiare nome a "panda antivirus", perchè sfrutta la notorietà del wwf per il loro prodotto...gia' non mi va giu' il fatto che abbiano tolto il sito alla world wrestling federation, che oltretutto aveva tutti i diritti di tenerlo.già, fa comodo fare gli alternativi finchè si tratta di farsi vedere, per poi rifugiarsi nelle aule di un tribunale quando si vuole ottenere qualcosa.
Chiudi i commenti