E-government, l'Avviso ora avvisa

Il ministero all'Innovazione scalpita ai nastri di partenza e spiega i criteri che gli enti locali dovranno seguire per presentare i progetti di sviluppo


Roma – Come promesso in precedenza, nelle scorse ore è stato pubblicato l’Avviso del ministero all’Innovazione che disciplina obiettivi, modalità e termini per la presentazione dei progetti di e-Government da parte di regioni ed enti locali.

L’Avviso è disponibile su internet al sito del Ministero , accompagnato dai servizi di informazione e di comunicazione legati alla gestione operativa dell’Avviso. In particolare, è possibile accedere: al testo del primo avviso; agli allegati; alla modulistica per la presentazione dei progetti; ai servizi di help desk on line; alla newsletter sulle novità dell’avviso.

In seguito alla registrazione del Decreto del Presidente del Consiglio (Dpcm) da parte della Corte dei Conti (lo scorso 14 febbraio), il Ministero – in attesa della pubblicazione ufficiale dell’Avviso e degli Allegati tecnici – ha infatti deciso di rendere comunque disponibili i documenti, così da fornire alle amministrazioni interessate le indicazioni necessarie per presentare i progetti di E-Government.

Il Dpcm, approvato il 31 scorso, disciplina le procedure per l’utilizzo dei circa 400 milioni di euro destinati al Piano nazionale per l’e-Government e prevede che circa 260 milioni di euro siano utilizzati per il co-finanziamento dei progetti presentati da regioni ed enti locali.

I singoli progetti saranno valutati da una commissione di tredici esperti e dovranno attenersi ai seguenti criteri generali: promuovere servizi ai cittadini e alle imprese realizzabili anche attraverso l’integrazione fra diverse amministrazioni; prevedere un piano di sviluppo e di avviamento dell’esercizio comprendente un piano economico complessivo; favorire progetti in compartecipazione di più amministrazioni; favorire la collaborazione tra settore pubblico e settore privato.

Il finanziamento di ciascun progetto selezionato sarà “pari a non più del 50 per cento dell’intero ammontare della spesa prevista per la sua realizzazione”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    NON ANDATE SU LUDONET
    Non cadiamo in queste trappole pubblicitarie da due soldi!!
    • Anonimo scrive:
      Re: NON ANDATE SU LUDONET
      Non andrei su ludonet neanche se mi pagassero 2 milioni di euro all'ora. - Scritto da: NiKy
      Non cadiamo in queste trappole pubblicitarie
      da due soldi!!
      • Anonimo scrive:
        Re: NON ANDATE SU LUDONET
        che è ludonet? O_o
      • Anonimo scrive:
        Re: (NON) ANDATE SU LUDONET !
        Qual è il problema: il sito ha accesso gratuito, si può chattare e ci sono 10 giochi in multiutenza (il tutto sempre gratis, ripeto!), senza pubblicità ci sta andando abbastanza regolarmente qualche migliaio di utenti che si divertono (dice nulla l'espressione "soddisfazione del cliente"?)... in fondo non è questo che vogliono i navigatori di Internet?- Scritto da: cgc
        Non andrei su ludonet neanche se mi
        pagassero 2 milioni di euro all'ora.

        - Scritto da: NiKy

        Non cadiamo in queste trappole
        pubblicitarie

        da due soldi!!
  • Anonimo scrive:
    :PP
    Ma questo non aveva nient'altro da fare?????!!???!!
    • Anonimo scrive:
      Re: :PP
      - Scritto da: BauX
      Ma questo non aveva nient'altro da
      fare?????!!???!!Ops mi ha sbagliato commento alla notizia..... ?
  • Anonimo scrive:
    link
    Faccio presente che ci sono un po' i link mischiati nell'articolo :)
  • Anonimo scrive:
    Re: ma ci sono anche le città virtuali... :)
    anche se ci sono degli elementi comuni, x riflettere bene su questi fenomeni nuovi bisogna fare dei distinguo:c'erano una volta le chat testuali (tipo IRC) e storicamente in parallelo i MUD; poi sono cambiati i videogiochi, da Doom ai FPS attuali; le città virtuali rientrano a mio parere nell'ambito delle communities. Eccetera...Il mio articolo verteva solamente sulle chat senza sconfinare in altri settori, ognuno dei quali richiederebbe considerazioni diverse, a mio avviso.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma ci sono anche le città virtuali... :)
      - Scritto da: Alessandro de Lachenal
      anche se ci sono degli elementi comuni, x
      riflettere bene su questi fenomeni nuovi
      bisogna fare dei distinguo:
      c'erano una volta le chat testuali (tipo
      IRC) e storicamente in parallelo i MUD; poi
      sono cambiati i videogiochi, da Doom ai
      FPSbhe... pure i mud sono testuali... molti si basano su dos... quindi... l'unica differenza è che nei mud si gioca di ruolo scrivendo i vari comandi testuali e in irc si parla del più e del meno entrando in quello o questo canale... tutto lì...
      attuali; le città virtuali rientrano a mio
      parere nell'ambito delle communities.
      Eccetera...non sono semplici communities... sono a mio avviso una evoluzione parallela delle più comuni chat e dei Mud... e questo grazie alle potenzialità che offrono asp e php con i database come mySQL etc...etc...
      Il mio articolo verteva solamente sulle chat
      senza sconfinare in altri settori, ognuno
      dei quali richiederebbe considerazioni
      diverse, a mio avviso.tanto di cappello al tuo articolo... che effettivamente mi è piaciuto... io ho solo fatto una precisazione ed un allargamento della questione visto che mi interessava sapere l'opinione di altre persone ^__^ e ti ringrazio per avermi risposto proprio tu ^___^se punto informatico vuole potrei scriverlo io un articolo sulle città virtuali esistenti... se ben ricordo ne avevano fatto uno mesi fà... ^__^
      • Anonimo scrive:
        Re: ma ci sono anche le città virtuali... :)
        Caro lordmilo,- Scritto da: lordmilo
        - Scritto da: Alessandro de Lachenal

        anche se ci sono degli elementi comuni, x

        riflettere bene su questi fenomeni nuovi

        bisogna fare dei distinguo:

        c'erano una volta le chat testuali (tipo

        IRC) e storicamente in parallelo i MUD;
        poi

        sono cambiati i videogiochi, da Doom ai

        FPS

        bhe... pure i mud sono testuali... molti
        si basano su dos... quindi... l'unica
        differenza è che nei mud si gioca di ruolo
        scrivendo i vari comandi testuali e in irc
        si parla del più e del meno entrando in
        quello o questo canale... tutto lì...


        attuali; le città virtuali rientrano a mio

        parere nell'ambito delle communities.

        Eccetera...

        non sono semplici communities... sono a mio
        avviso una evoluzione parallela delle più
        comuni chat e dei Mud... e questo grazie
        alle potenzialità che offrono asp e php con
        i database come mySQL etc...etc...


        Il mio articolo verteva solamente sulle
        chat

        senza sconfinare in altri settori, ognuno

        dei quali richiederebbe considerazioni

        diverse, a mio avviso.

        tanto di cappello al tuo articolo... che
        effettivamente mi è piaciuto... io ho solo
        fatto una precisazione ed un allargamento
        della questione visto che mi interessava
        sapere l'opinione di altre persone ^__^ e
        ti ringrazio per avermi risposto proprio tu
        ^___^

        se punto informatico vuole potrei scriverlo
        io un articolo sulle città virtuali
        esistenti... se ben ricordo ne avevano
        fatto uno mesi fà... ^__^sono grosso modo d'accordo con quello che hai scritto, ma non volevo entrare nel tecnico. Ti ringrazio dei complimenti, mi pare un'ottima idea proporre un articolo sulle città virtuali: contatta direttamente qualcuno dei responsabili del sito (Paolo o Andrea De Andreis, Alessandro Del Rosso) i cui link trovi in fondo a ogni pagina. CIAO
  • Anonimo scrive:
    IRC per sempre!
    Tutto il resto è roba per rammolliti.
    • Anonimo scrive:
      Re: IRC per sempre!
      bhe proprio per rammolliti no... però chattare su irc è molto più diretto, non ci sono kazzatine ke alla lunga danno noia...
      • Anonimo scrive:
        Re: IRC per sempre!
        io la trovo "povera" come metodologia di chat... ok... è più immediato... si parla e basta... ma......e poi?io credo che la piccola-media utenza di internet cerchi francamente qualcosa di più... ecco perchè sono nati gli instant messenger... da quello di yahoo, a quello di aol... a quello di M$ (che ha ovviamente copiato dagli altri messenger ^__^ )la gente ha bisogno di fare "azioni", disegnare icone, e magari far progredire il proprio nickname caratterizzandolo.. etc...etc... con la creazione di un avatar tutto è possibile ^___^ed è francamente più gradevole di irc... ovviamente questo è solo una mia opinione ^___^ criticabile o meno... ma sempre una mia opinione rimane ^__^
        • Anonimo scrive:
          Re: IRC per sempre!

          la gente ha bisogno di fare "azioni",
          disegnare icone, e magari far progredire il
          proprio nickname caratterizzandolo..
          etc...etc... con la creazione di un avatar
          tutto è possibile ^___^quando non si ha nulla da dire...si libera il genio artistico...
          ed è francamente più gradevole di irc... sai che bello...crescete bimbi....
          • Anonimo scrive:
            Re: IRC per sempre!

            quando non si ha nulla da dire...si libera
            il genio artistico...vabbè... se proprio insisti...

            ed è francamente più gradevole di irc...
            sai che bello...crescete bimbi....e allora togliamo tutte le cose inutili della vita... tanto che cavolo servono? sono state fatte soltanto per noi "bimbi viziati"... e allora via la televisione... via le case di cemento, etc...etc...ritorniamo tutti a vivere nelle capanne di legno e paglia e torniamo a cacciare e coltivare la terra per mangiare... così i "bimbi" cresceranno finalmente in fretta....ciao ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: IRC per sempre!

            e allora togliamo tutte le cose inutili
            della vita... tanto che cavolo servono?
            sono state fatte soltanto per noi "bimbi
            viziati"... e allora via la televisione...
            via le case di cemento, etc...etc...non intendevo via la televisione ma via il megaschermo da cinema con tutto annesso...e non perche serve ma per fare il fiko...
            ritorniamo tutti a vivere nelle capanne di
            legno e paglia e torniamo a cacciare e
            coltivare la terra per mangiare... così i
            "bimbi" cresceranno finalmente in fretta....non puoi negare che le nuove generazioni sono del tutto immature...e che anni fa crescevano e maturavano moltoooo piu in fretta...e la colpa (insieme a molto altro) e di tutte queste cose inutili che riempiono la vita...
          • Anonimo scrive:
            Re: IRC per sempre!
            - Scritto da: blah...
            non puoi negare che le nuove generazioni
            sono del tutto immature...e che anni fa
            crescevano e maturavano moltoooo piu in
            fretta...e la colpa (insieme a molto altro)
            e di tutte queste cose inutili che riempiono
            la vita...
            la colpa non e' delle cose, ma del valore che gli si da,chi e' immaturo il ragazzo che sta crescendo o l'adulto che da + importanza alle cose + che ai valori?ciao 48
Chiudi i commenti