E-learning contro l'AIDS in Africa

L'idea è del gruppo Medkeik e di una ONG


Roma – Parte dal Dipartimento di Pediatria dell’Università di Padova, gruppo Medkeik, in collaborazione con l’Organizzazione non governativa olandese PharAccess un progetto che si propone di istruire e aggiornare il personale sanitario in “zone di confine” per l’AIDS, come molti paesi d’Africa, attraverso le nuove tecnologie.

“La formazione a distanza – ha spiegato il direttore del progetto Carlo Giaquinto – è importantissima nel sud del mondo”. Una formazione sentita anche dalla ONG, il cui esponente Joep Lange, che collabora al progetto, è anche presidente della International AIDS Society.

L’idea è quella di fornire strumenti di aggiornamento, forum aperto a tutto il personale sanitario nei diversi paesi, un tutor specializzato e altro ancora.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Dentro le mura
    Dentro le mura e' tutto vero, ma non ne sarei cosi' sicuro all'esterno...
  • Anonimo scrive:
    non ho capito
    In che senso e' l'unica citta' italiana se ci sono gia' dentro Torino e Firenze?
    • Anonimo scrive:
      Re: non ho capito

      In che senso e' l'unica citta' italiana se
      ci sono gia' dentro Torino e Firenze?Io leggo COMUNE DI SIENA e Università di Firenze e Politecnico di Torino.Direi che tra un Comune e delle strutture universitarie o comunque di ricerca la differenza è abbastanza evidente, se non ho male interpretato l'articolo.
Chiudi i commenti