E-skin, cerotto-display ultrasottile

Ricercatori giapponesi lavorano allo sviluppo di display flessibili capaci di aderire alla pelle, una tecnologia con potenzialità notevoli sul fronte della biotecnologia, ma ancora tutta da sviluppare

Dall’Università di Tokyo arriva E-skin , tecnologia che assomiglia a un cerotto hi-tech e che promette, di qui a qualche anno, di favorire lo sviluppo di importanti applicazioni biotecnologiche come la misurazione in tempo reale delle condizioni fisiologiche del paziente.

Gli ideatori di E-skin hanno spinto al massimo sul fronte della miniaturizzazione dei componenti, usando composti quali ossinitruro di silicio e polimeri come il Parylene per realizzare un substrato ultra-sottile su cui sono stati poi montati display OLED altrettanto infinitesimali con diodi fotosensibili.

Il risultato finale assomiglia appunto a un cerotto capace di resistere alle sollecitazioni elastiche della pelle e di rimanere attaccato alla zona interessata per giorni interi, contro gli esperimenti analoghi che erano fin qui riusciti a resistere solo per poche ore.

Una versione pienamente funzionante di E-skin avrebbe la capacità di misurare il livello di stress e i vari parametri fisiologici di una persona, anche se il lavoro da fare per lo sviluppo completo della tecnologia è ancora parecchio: al momento il prototipo cerotto hi-tech necessita di alimentazione elettrica esterna e non è in grado di misurare alcunché.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • truffaut scrive:
    strumentalizzazione
    il presidente Roxana Robinson per non perdere la faccia dopo la sconfitta, tira in ballo diritti infranti e redistribuzione della ricchezza.Ha ragione sulla ridistribuzione della ricchezza, di tutti i settori, in quanto queste mega-aziende afferiscono ad un manipolo relativamente ristretto di persone ricchissime, sottraendo implicitamente reddito ai singoli, in proporzioni planetarie.Ma è la strumentalizzazione di una verità.Gli autori ci guadagnano, come le cifre sulle vendite dimostrano, perché la pubblicità è l'anima del commercio.Anche se marcio, come quello del mondo mediatico.
  • Attonito scrive:
    Ma come?
    Io che sono pro-pro nipote di Goethe ora dovrei lavorare per vivere?
  • panda rossa scrive:
    Un altro passo che schiaccia i parassiti
    Abbiamo compiuto un altro passo che calpesta questi inutili parassiti che pretendono di ostacolare la diffusione della cultura, per un proprio meschino tornaconto.Un applauso alla corte suprema, e una pernacchia agli intermediari parassiti.
    • Il fuddaro scrive:
      Re: Un altro passo che schiaccia i parassiti
      - Scritto da: panda rossa
      Abbiamo compiuto un altro passo che calpesta
      questi inutili parassiti che pretendono di
      ostacolare la diffusione della cultura, per un
      proprio meschino
      tornaconto.

      Un applauso alla corte suprema, e una pernacchia
      agli intermediari
      parassiti. Olè!
    • prova123 scrive:
      Re: Un altro passo che schiaccia i parassiti
      Più che una pernacchia è più appropriata una XXXXXXXXXX in faccia. :)
      • Il petomane scrive:
        Re: Un altro passo che schiaccia i parassiti
        - Scritto da: prova123
        Più che una pernacchia è più appropriata una
        XXXXXXXXXX in faccia.
        :) PPPPPPPPPPRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!!!!!!
Chiudi i commenti