E tutte le casse suonano senza fili

Perché cambiare speaker, quando possono diventare Bluetooth?

Uno speaker qualsiasi può ricevere musica in modalità senza fili. La mania del wireless ha contagiato anche le vetuste casse acustiche che possono trasformarsi in un sistema di ricezione e riproduzione musicale Bluetooth con il dispositivo The Vamp.

The Vamp

Questo cubo rosso nasce dall’idea del designer inglese Paul Cocksedge, che nel suo studio londinese ha sviluppato una tecnologia semplice per rendere compatibili con il protocollo Bluetooth anche le casse audio più antiquate.

All’interno del cubo sono presenti un circuito amplificatore collegato ad un ricevitore Bluetooth e una batteria ricaricabile. Il sistema, alimentato dalla batteria ricaricabile, riceve informazioni sonore via Bluetooth da qualsiasi dispositivo che implementi questa tecnologia (cellulari, smartphone, tablet, notebook, computer e via discorrendo) e permette di riprodurre i suoni collegandosi ad uno speaker con i tipici cavi rosso-nero presenti sul retro della cassa.

Il cubo è capace di restare saldo allo speaker per via della presenza di un magnete nella sua base e la batteria integrata garantisce un’autonomia superiore alle 10 ore di musica continuata. È comunque possibile realizzare un’alimentazione costante del dispositivo attraverso un apposito ingresso mini-USB presente sul retro, lo stesso che serve per ricaricare la batteria esaurita.

Il prodotto è compatibile con il protocollo Bluetooth 2.1 e supporta la riproduzione da qualsiasi dispositivo accoppiato che sia presente nel raggio di circa 10 metri.

Oltre a un collegamento senza fili, The Vamp supporta anche un collegamento tradizionale di tipo wired, permettendo così di collegare qualsiasi player ad un ingresso mini-jack da 3,5 mm.

Il limite di The Vamp è però nella qualità audio: nessuna riproduzione stereo, ma solo un output mono con un valore di picco di 4W.

The Vamp non è ancora in commercio, ma lo sarà presto grazie alla raccolta fondi di Kickstarter , al termine della quale il dispositivo entrerà in produzione. Il finanziamento sta dando infatti ottimi risultati e ad ancora 25 giorni dalla chiusura della raccolta, il progetto ha già ricevuto quasi 56mila sterline a fronte delle 35mila richieste.

Chiunque voglia contribuire, può aggiudicarsi un The Vamp in anteprima per circa 40 euro.

(via Mashable.com )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Angelo C scrive:
    Per forza chiavette a 4GB?
    Bello, come pure Unetbootin.A me pero' piacerebbe tanto un creatore di chiavette linux che ti dice PRIMA quanto spazio sara' occupato sulla USB ... cosi' potrei riciclare un bel numero di chiavette inferiori ai 4GB accumulate negli anni. Sogno, o esiste questa possibilita' di una "modalità tirchio"? :-)
    • Angelo C scrive:
      Re: Per forza chiavette a 4GB?
      Doverosa correzione: tra le sezioni in cui LiLi divide le distribuzioni c'e' n'e' una specifica "Linux leggeri". Ottimo.
  • panda rossa scrive:
    Formattata FAT ???
    [img]http://neoscript.altervista.org/blog/wp-content/uploads/2010/06/2005-08-06_040536_018_fry-argh.gif[/img]
    • anverone99 scrive:
      Re: Formattata FAT ???
      - Scritto da: panda rossa
      [img]http://neoscript.altervista.org/blog/wp-conteDov'e' il problema? Essendo in chiavetta, una fat32 mi pare la cosa piu' logica. Ci salvi un film con linux e lo puoi vedere anche attaccata a un pc win...
      • panda rossa scrive:
        Re: Formattata FAT ???
        - Scritto da: anverone99
        - Scritto da: panda rossa


        [img]http://neoscript.altervista.org/blog/wp-conte

        Dov'e' il problema? Dice che usa la chiavetta pure come memoria di massa, quindi ci scrive sopra.Ecco dov'e' il problema.
        Essendo in chiavetta, una fat32 mi pare la cosa
        piu' logica. Ci salvi un film con linux e lo puoi
        vedere anche attaccata a un pc
        win...L'ultima cosa che mi verrebbe mai in mente di fare e' quella di vedere un film da chiavetta su un win pc.
        • anverone99 scrive:
          Re: Formattata FAT ???
          - Scritto da: panda rossa
          L'ultima cosa che mi verrebbe mai in mente di
          fare e' quella di vedere un film da chiavetta su
          un win
          pc.AWWNNNNNN!! Hai solo amici con pc linux? Capisco perche' sei sempre XXXXXXXto :)Scherzo eh!!! :D
    • no grazie scrive:
      Re: Formattata FAT ???
      - Scritto da: panda rossa
      [img]http://neoscript.altervista.org/blog/wp-contenon è poi così strano:- supporto usb "fisso" per il backup: allora formatti ext3- supporto usb "mobile" per portare in giro i dati: allora formatti fat32 (magari criptando anche eh...)
      • panda rossa scrive:
        Re: Formattata FAT ???
        - Scritto da: no grazie
        - Scritto da: panda rossa


        [img]http://neoscript.altervista.org/blog/wp-conte

        non è poi così strano:
        - supporto usb "fisso" per il backup: allora
        formatti
        ext3
        - supporto usb "mobile" per portare in giro i
        dati: allora formatti fat32 (magari criptando
        anche
        eh...)Fare due partizioni sulla chiavetta, una fat per il loader e l'altra ext per tutto il resto era troppo?Avrebbe avuto il doppio vantaggio di avere sia la solidita' di una partizione ext che la sicurezza che se la infili in una macchina winsozz, manco te la vede.
  • anverone99 scrive:
    :-)
    Figo, ma continuo a preferire unetbootin :)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 aprile 2013 19.44-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti