EA scivola su una marcia

L'autore dell'inno delle squadre dell'università del Nevada denuncia Electronic Arts: ha incluso la composizione in dieci videogame sportivi senza chiedere alcun permesso

Roma – Electronic Arts viola il copyright di un autore di inni sportivi: il ritmo che scuote campi da football, da basket e da baseball battuti dai Rebels dell’università del Nevada è stato incluso in una serie di titoli videoludici senza aver ottenuto il permesso del detentore dei diritti.

Sarebbero 10 i videogiochi a cui Win With The Rebels fa da colonna sonora, game sportivi basati sui tornei universitari di basket, baseball e football della National Collegiate Athletic Association ( NCAA ). EA avrebbe associato l’inno alla squadra in campo sullo schermo senza chiedere né ottenere l’autorizzazione del compositore Gerald Willis.

Wilis, senza chiamare in causa l’università del Nevada che detiene la regolare licenza per animare squadre e pubblico con il brano, ora chiede a EA un risarcimento di 150mila dollari per ogni violazione, probabilmente identificate con le release dei titoli e non con le copie vendute. “La legge statunitense sul copyright permette di far valere i propri diritti – ha spiegato la legale dell’autore – confidiamo nel fatto che il giudice stabilisca cosa è appropriato in una situazione del genere”.

Nevada Sorprende che EA, antesignana dell’utilizzo della musica nei videogiochi, sia scivolata su un peana universitario. Il compositore è intenzionato a non lasciarsi sfuggire l’occasione: “la banda dell’università del Nevada è forte quando suona la canzone, questo è il motivo per cui è stata scritta – spiega la legale – non è stata scritta per farne un uso commerciale”. ( G.B. )

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • babelzeta scrive:
    eBay, vergogna!
    Su eBay avvengo quotidianamente aste palesemnte illegali: basta guardare le categorie: monete antiche (romane, greche, medievali) sono piene di venditori che non dimostrano minimamente la provenienza lecita e nessuna autorizzazione ministeriale, alcuni sono propri "tombaroli della domenica" che vanno in giro con il metal detector.Ho segnalato più volte decine di aste ma non mi risulta che nessuna misura sia stata presa, le risposte alle segnalazioni sono vaghe.Secondo me alla fine della fiera, il guadagno di eBay è proporzionale alle vendite, quindi non son per niente convinto che voglia far rispettare le leggi, almeno questa è l'impressione che ho avuto dalla mia esperienza.Ben venga il divieto di vendere avorio ma per me è anche e soprattutto una operazione d'immagine!
  • Max scrive:
    Ama gli elefanti e licenzia i dipendenti
    si rumoreggia ke vadano tutti a kasa i dipendenti di e-bay italia quindi quelli di e-bay amano gli elefanti e odiano le persone??
  • Dti Revenge scrive:
    OFF topic
    Ma perchè non vendono su ebay anche qualche pinguino(linux) linaro da tenere in cantina addomesticato?Andrebbe a ruba! :D :D (troll)
    • Debugger scrive:
      Re: OFF topic
      - Scritto da: Dti Revenge
      Ma perchè non vendono su ebay anche qualche
      pinguino(linux) linaro da tenere in cantina
      addomesticato?

      Andrebbe a ruba!


      :D :D (troll)Non funzionerebbe, gli interessati lo pretenderebbero gratis! (anonimo) (troll2)
    • Funz scrive:
      Re: OFF topic
      - Scritto da: Dti Revenge
      Ma perchè non vendono su ebay anche qualche
      pinguino(linux) linaro da tenere in cantina
      addomesticato?Che tristezza, anche avendo una ghiacciaia come quelle di una volta sarebbe una crudeltà assurda.Solo a un winaro potrebbe venire un'idea così orribile :(:p
Chiudi i commenti