Eccede su Xbox Live, in galera

Era arrivato a chiedere una foto intima ad un giocatore di 13 anni. Rischia 20 anni di carcere

È in galera e vi rimarrà almeno fino alla conclusione del processo perché non può pagarsi la cauzione: è lo statunitense di 24 anni Ryan Edwin Donker, arrestato per le sue chat “bollenti” con un utente di Xbox Live con cui si è trovato a chiacchierare durante le sessioni di gaming.

Stando agli inquirenti, l’uomo avrebbe intrattenuto conversazioni su temi a sfondo sessuale in più occasioni con il ragazzo, un 13enne che dopo qualche tempo ha parlato di queste chat ai propri genitori. Gli investigatori che hanno tenuto d’occhio e registrato quelle conversazioni, ritengono che fossero tipiche di un tentativo di adescamento a sfondo pedofilo.

La polizia si è però mossa quando Donker è arrivato a chiedere al ragazzo di farsi una fotografia senza vestiti addosso con il suo cellulare e di spedirgliela sul proprio telefonino. Da lì all’arresto sono passate poche ore. Donker da parte sua ammette di aver chattato in quel modo col giovane, ricorda di avergli detto che questi comportamenti erano per lui, Donker, potenzialmente pericolosi ma sottolinea che la richiesta di quella foto voleva solo essere uno scherzo.

Il processo inizierà formalmente il prossimo 2 febbraio: secondo le leggi dello stato di Washington dove è stato estradato dalla sua Virginia, Donker rischia fino a 20 anni di carcere e fino a 15mila dollari di multa.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • una ragazza scrive:
    ma... già ci sono i bollini!!!
    Ma C****! i bollini già ci sono!!!!Vogliamo arrivare ad incartare completamente la scatola del videogioco di rosso sangue con il titolo solo sul dorso?O magari mettiamo qualche sanzione hai negozianti che li vendono ai minorenni, visto che sembrano più pericolori di sigarette ed alcol?!?Forse è abbastanza!Forse questo Baca (ma anche gli altri) non se ne rende conto... ma continuando a dire "i videogiochi sono cattivi" non farà che accrescerne l'interesse ("dicono che è violento... allora sarà fico!")Un pò come da noi "Rule of Rose", se non ne parlavano rimaneva negli scaffali a far polvere come ha fatto in Giappone!
    • francososo scrive:
      Re: ma... già ci sono i bollini!!!
      Ecco appunto, ma siccome talmente mentecatti che pensano siano i videogiochi a far scattare la violenza....!
  • lol scrive:
    L'abuso di videogiochi on fa male
    L'abuso di videogiochi violenti non fa male, io ne abuso da almeno 20 anni e non ho mai avuto problemi, stesso discorso per altri maniaci del vidieogioco che conosco. Anzi, aiutano moltissimo a scaricare lo stress.L'unico male rintracciabile nell'abuso di videogiochi è che contribuiscono a ridurre le relazioni sociali con gli altri nel mondo reale.
  • Disgraziato scrive:
    E le armi?
    Ma perchè prima di censurare i videogiochi non si preoccupano delle armi che (almeno in alcuni stati) spesso e volentieri sono disponibili al supermercato? E dove il porto d'armi è conXXXXX persino a un infante? http://it.peacereporter.net/articolo/7964/Usa,+il+baby-pistolero
    • francososo scrive:
      Re: E le armi?
      Perchè lì le lobby sono come la mafia : non riesci a toccarle e se le tocchi ti fanno male !Allora a me che piace giocare con determinati giochi di guerra secondo loro cosa dovrei fare ?Uscire di casa e ammazzare tutti ?Quelli vendono armi e fanno detenere le armi persino ai ragazzini e poi demonizzano i videogiochi violenti : ma che caxxo hanno nella testa , i pioppini ? :s :s
  • Korin Duval scrive:
    Rassicurare? ?__?

    "Attenzione: un'esposizione eccessiva a videogiochi violenti e alla
    violenza veicolata da altri media è stata correlata a comportamenti
    aggressivi". È quanto recita il bollino che gli Stati Uniti
    potrebbero apporre sulla confezione di ogni prodotto videoludico che
    sia stato giudicato adatto ai soli maggiori di 13 anni.
    La proposta di legge, denominata The Video Game Health Labeling Act
    of 2009 e presentata dal representative democratico Joe Baca,
    imporrà ai produttori di videogiochi di etichettare i game con un
    avvertimento che possa rassicurare i genitori più apprensivi, La dicitura mi sembra tutto tranne che rassicurante! O__O
  • Leonida scrive:
    Baca...
    Non per dire, ma se non erro in giapponese "baca" vuol dire "stupido". Che ci sia una correlazione? :D
  • giovanni fracasso scrive:
    non è un paese per vecchi
    il fatto che alcuni credano che i ragazzi possano essere influenzati negativamente dai videogiochi sono quelli dello stesso ceppo culturale che 30 anni fa se la prendevano con i cartoni animati giapponesi "fatti al computer" (panzana) troppo violenti.di tanto in tanto spuntano.con le loro teorie e medicine.altrimenti dicasi XXXXXXX.una piccola nota personale: il bambino, 4 anni e mezzo, mi rompe i maroni per giocare con la xbox. si diverte con Cars anche se non è proprio bravo. Quando mi vede giocare a gears of war si avvicina e mi dice: "stai XXXXndo i nemici? ma perchè poi ti uccidono sempre? come mai non sei tanto bravo" e non lo vedo assolutamente sconvolto o credere che la realtà sia quella lì...ha più problemi a capire quando è oggi o domani ;-) che non a distinguere tra le realtà e il virtuale (videogiochi, foto, cartoni, telefilm etc...). Ed è tutto il contrario di un bambino violento (cioè nella norma: gioca ai cowboy e ai poliziotti con le pistole giocattolo ma tiriamo via anche quelle?)
Chiudi i commenti