Ecco la memoria della PS3

Si tratta del primo chip di memoria XDR DRAM da 512 Mbit di Samsung


Milano – Samsung ha annunciato il primo prototipo di memoria XDR (eXtreme Data Rate) DRAM da 512 Megabit XDR costruito con un processo a 90 nanometri.

Samsung ha detto che la propria memoria XDR DRAM può trasmettere dati fino alla velocità di 9,6 GB/s, un valore 12 volte superiore a quello delle memorie DDR400 e 6 volte superiore a quello delle memorie RDRAM PC800, finora leader di mercato. Il nuovo chip di Samsung raggiunge un picco di velocità operativa di 4,8 Gbps a 1,8 volt.

“La XDR DRAM è stata studiata appositamente per applicazioni che richiedono prestazioni multimediali avanzate, tra cui la grafica 3D, come per esempio le più recenti console per i videogiochi, le TV digitali, i server di fascia alta e le più sofisticate workstation”, ha affermato Samsung in un comunicato.

Non a caso le XDR DRAM di Samsung saranno adottate nella PlayStation 3, la nuova console da gioco che Sony lancerà sul mercato nel 2006.

I moduli di memoria di Samsung saranno disponibili nelle versioni x2, x4, x8 e x16.

L’ interfaccia XDR è stata sviluppata negli scorsi anni da Rambus con l’intento di spingere le performance delle memorie e rilanciare la sfida alle più economiche e diffuse DDR SDRAM. Secondo la società di ricerca IDC, il mercato delle XDR DRAM salirà notevolmente nei prossimi tre anni (2006-2009) fino a raggiungere 800 milioni di unità.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • JackVentura scrive:
    Era ora! Nun se poteva senti'....
    A parte le scelte poco sagge in fatto di prodotti da lanciare sul mercato, il nome PalmOne era proprio inascoltabile in italiano (sfido chiunque a contare quelli che lo leggono "palmuan"! :D).Per il resto, Palm(One) forse si accorgera', prima o poi, che le tastiere per Hobbit non sono comode e i display per ipervedenti neppure, o che i PDA tradizionali devono essere connessi e diventare ibridi smartphone, prima o poi... se si limita ad acquistare la tecnologia di altri (leggi: HandSpring) senza apportare alcuna innovazione, non credo fara' molta strada... Jackwww.jackventura.com
Chiudi i commenti