Ecco l'iPAQ Mobile Messenger

HP è pronta a lanciare sul mercato italiano il primo modello di un PDA phone dotato di tastiera che integra connettività wireless, funzionalità telefoniche e navigazione GPS. Sfida agli smartphone Treo

Milano – A partire da luglio, HP lancerà sul mercato nostrano il tanto anticipato iPAQ hw6500 Mobile Messenger, un PDA phone che combina quattro differenti standard di connettività wireless per la trasmissione dati e voce e il sistema di navigazione satellitare GPS.

Progettata sia per gli utenti professionali che consumer, la nuova serie di iPAQ sarà disponibile in Italia attraverso il modello hw6515 , che include una fotocamera digitale da 1,3 megapixel in grado di scattare foto alla risoluzione massima di 1.280 x 1.024 punti.

“Il nuovo HP iPAQ hw6515 rappresenta uno strumento unico per i professionisti mobili”, ha dichiarato Andrea Astolfi, area category manager handheld del Personal Systems Group di HP. “Grazie a questo nuovo palmare possono utilizzare lo stesso dispositivo per la navigazione satellitare GPS e l’accesso alle e-mail e ai dati dell’azienda in modo semplice e sicuro, da casa o dall’ufficio, grazie al collegamento a reti wireless ad alta velocità per la trasmissione di dati e voce”.

iPAQ hw6500 Mobile Messenger L’hw6515 è compatibile con le reti mobili GSM/GPRS e EDGE e con lo standard wireless Bluetooth, mentre non include alcun modulo Wi-Fi: questo può essere aggiunto dall’utente tramite l’acquisto di una scheda add-on. Il palmare dispone poi di un ricevitore GPS integrato e del software di navigazione satellitare TomTom Navigator.

Sebbene l’iPAQ Mobile Messenger non sia uno smartphone in senso stretto, ed includa infatti il sistema operativo per Pocket PC Windows Mobile 2003 SE Phone Edition, si pone come rivale abbastanza diretto del Treo 650 di PalmOne : i due dispositivi hanno dimensioni e peso simili, dispongono entrambi di una tastiera QWERTY fissa e di una fotocamera da 1,3 megapixel, e forniscono supporto nativo agli stessi standard wireless. Il Treo manca del navigatore satellitare integrato, ma proprio poche settimane fa palmOne ha lanciato un bundle che comprende un ricevitore GPS Bluetooth e il software TomTom Navigator.

Oltre alle applicazioni integrate in Windows Mobile 2003, tra cui le versioni pocket di Outlook, Word, Excel e Internet Explorer, nel corredo di software dell’hw6515 c’è anche Pocket X-Press, una soluzione “push” delle e-mail che consente agli utenti di ricevere ed inviare le e-mail in tempo reale, effettuare il download selettivo dei messaggi o il forward diretto degli allegati senza necessità di scaricarli.

Il nuovo PDA phone di HP è dotato di un processore Intel PXA270 da 312 MHz, 64 MB di memoria RAM (di cui 55 MB disponibili per l’utente) e altri 64 MB di ROM, un display TFT QWGA da 3 pollici, slot di espansione in standard SD e Mini SD, e una batteria rimovibile agli ioni di litio da 1.200 mAh.

L’iPAQ hw6500 sarà disponibile nelle prossime settimane ad un prezzo al pubblico di 699 euro.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    fine o apertura di java
    Che cosa resta da vendere a SUN?? Ormai ha aperto tutto, riuscirà in questo modo ad accapparrarsi le simpatie del mondo open ed a vendere così le sue workstation e server (rigorosamente senza OS, tanto l'OS ce lo mettono poi loro)??Se non ci riuscirà, prima di scomparire che cosa farà? regalerà alla comunità anche i sorgenti di java oppure si trascinerà tale linguaggio nella tomba assieme a lei?Chissà, troppe variabili in gioco, impossibile fare previsioni neppure sul medio termine.SUN sempre più in diretta concorrenza con Apple, rispetto alla quale è avantaggiata da soluzioni server che possono scalare sino allinverosimile (ma nonostante il buon prodotto di grid computin non ho ancora visto una SUN nei posti che contano della TOP 500) ma svantaggiata verso il basso (mancanza di notebook e di soluzione prettamente SOHO)
    • Anonimo scrive:
      Re: fine o apertura di java

      non ho ancora visto una SUN nei posti che contano
      della TOP 500forse non hai visto eBay (e non dico italia, ma worldwide) e molta della PA italiana... se poi questi siano posti che non contano, non so.
  • Mazinga@ scrive:
    Bravissima Sun...
    Finalmente hai centrato il bersaglio!! 8)Hai capito (non da ieri ma da tempo... :D) che il mondo dei sysadmin si divide in 2:gli pseudo-improvised dal winzozz upgrade...("IO: "Cos'e' questo??" "WZSYS: Ah... non lo so... a me basta che funzioni... quello che fa lui poi non lo voglio neanche sapere...")e altri tipi, + smanettoni, che vogliono avere il sacrosanto diritto di guardare e, al limite, mettere qualche pezza qua e la nel caso il pgm faccia cilecca (o anche solo x provare...).Ogni volta che sento parlare della Sun, sono quasi sempre cose belle... (non si puo' dire altrettanto di 2-3 ditte che sto' pensando...)Se la Sun stessa sostenesse in prima linea la campagna antibrevetti, x me IBM ci resterebbe fregata, mentre tanta gente si avvicinerebbe d+ a questo terreno x alcuni (me compreso) alquanto inesplorato...X la CDDL, devo ammettere che ancora non l'ho letta (o meglio, avevo iniziato mesi fa ma chi si ricorda +)... Se qualcuno ha da riassumerne i momenti scendenti sono qui ad ascoltare... :P
    • Anonimo scrive:
      Re: Bravissima Sun...
      Bravo bel discorso anche io stimo a bestia Sun
    • EffeElle scrive:
      Re: Bravissima Sun...
      Devo dire che SUN ultimamente si sta guadagnando parecchi punti, vista l'apertura dei sorgenti delle sue più importanti applicazioni e l'Open Solaris. In più sembra proprio che ci credano nella filosofia Open Source e a vedere dalla Java Conference di quest'anno stanno investendo parecchio in essa. Al contrario di una certa casa di Redmond che invece pensa solo a distruggere l'informatica con le sue politiche fasciste e con i suoi prodotti fuffa.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bravissima Sun...
        Certo che ci credono. Su 100.000 smanettoni che andranno a sistemare il suo codice, qualcuno che farà qualcosa di buono ci sarà... ah, il tutto gratis, ovviamente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bravissima Sun...

        Devo dire che SUN ultimamente si sta guadagnando
        parecchi punti, vista l'apertura dei sorgenti
        delle sue più importanti applicazioni e l'Open
        Solaris. In più sembra proprio che ci credano
        nella filosofia Open Source e a vedere dalla Java
        Conference di quest'anno stanno investendo
        parecchio in essa. Al contrario di una certa casacertoaltrimenti mono gli ruba pure il posto sulle macchine unixcome .net gliel'ha tolto su quelle windows.java e' rimasto key technology solo sui server sun.diciamo che se la fanno sotto
        di Redmond che invece pensa solo a distruggere
        l'informatica con le sue politiche fasciste e con
        i suoi prodotti fuffa.voglio raccontarti una storiella zenla faro' brevedue monaci camminavano in un bosco quando inizia a pioverepiove molto e il letto di un vicino ruscello si gonfia fino ad impedire il guado ad una ragazza che si trovava sulla spondauno dei due monaci la carica in braccio e la porta dall'altro latogiunti ad un tempio, il secondo monaco chiede al primo"tu sai che noi monaci non possiamo neanche parlare con una donna e tu quella ragazza l'hai addirittura presa in braccio, perche'?"e l'altro risponde"io quella fanciulla l'ho lasciata sulla sponda del fiume, tu ancora la porti con te"questo per dirti che questa ossessione per Microsoft come unica fonte del male, ti appanna la vista.perche' IBM non rilascia open prodotti chiave della sua linea, come ad esempio OS/400 magari sotto licenza GPL e non semi proprietaria?Sun e tutte le sua amichette non credono nell'open source, lo sfruttano per vendere hardware, il loro core business.
        • Anonimo scrive:
          Re: Bravissima Sun...
          - Scritto da: Anonimo
          "io quella fanciulla l'ho lasciata sulla sponda
          del fiume, tu ancora la porti con te"
          questo per dirti che questa ossessione per
          Microsoft come unica fonte del male, ti appanna
          la vista.
          perche' IBM non rilascia open prodotti chiave
          della sua linea, come ad esempio OS/400 magari
          sotto licenza GPL e non semi proprietaria?
          Sun e tutte le sua amichette non credono
          nell'open source, lo sfruttano per vendere
          hardware, il loro core business.bella storia, se ci spieghi anche cosa c'entra..quando lo sfruttamento e' reciproco il rapporto si chiama simbiosi, sun investe nell'open per vendere piu' hardware slegato da licenze capestro,e l'umanita' tutta si ritrova del software gratuito che funziona su qualunque architettura, se mettessimo anche la pena di morte per chi produce hardware fuori standard che richiede SW propietario per funzionare, il mercato sarebbe finalmente libero di scegliere la soluzione migliore, ma voi catto.com delle storielle zen preferite sempre i poteri forti.
Chiudi i commenti