Ed ecco l'hard disk biometrico

Si tratta di un dispositivo di archiviazione esterno, con interfaccia USB, che è possibile attivare solo attraverso un sistema di autenticazione biometrico. Ma la sicurezza ha un prezzo salato


San Francisco (USA) – Le tecnologie di autenticazione biometrica vengono ormai integrate in una varietà di dispositivi, inclusi i telefonini e, da oggi, anche gli hard disk esterni.

Memory Experts International ha lanciato proprio in questi giorni un disco fisso portatile di dimensioni molto compatte che, una volta connesso alla porta USB di un computer, può essere attivato solo attraverso la verifica dell’impronta digitale dell’utente. L’accesso all’hard disk è ristretto unicamente alle persone che hanno la propria impronta registrata sull’hard disk.

Il drive è stato introdotto in versioni da 20 e 40 GB e, secondo il suo produttore, può sopportare cadute fino a 3 metri di altezza. Il dispositivo è indirizzato a chi viaggia molto e ha la necessità di portarsi dietro una grande mole di dati da tenere “sotto chiave”.

In aggiunta al sistema di autenticazione biometrico, l’hard disk di Memory Experts può introdurre un altro livello di sicurezza chiedendo, ad ogni accensione, un PIN composto da nove cifre.

Chi possiede l'”account” di amministrazione dell’hard disk può aggiungere o cancellare le impronte digitali. Il produttore suggerisce di registrare almeno due impronte: il rischio, secondo un portavoce dell’azienda, è infatti quello che “se non volendo vi graffiate il polpastrello mentre lavorate in giardino, non ci sarà nessun altro modo per accedere ai dati memorizzati sul disco”.

Il disco dispone di un’interfaccia USB 2.0 e al momento supporta unicamente Windows. Memory Experts si è detta tuttavia al lavoro per rendere il proprio prodotto compatibile anche con Macintosh e Linux.

L’hard disk è stato introdotto sul mercato americano ad un prezzo non proprio economico: 450 dollari per la versione da 20 GB e 650 dollari per la versione da 40 GB. Presto verrà lanciato anche in Europa.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    E' vero che palle
    Un nuovo formato al giorno ?! Ci stiamo rompendo le palle di buttare continuamente via soldi per cose che cambiano domani mattina... e di non poter reimpiegare formati che già avevamo, e abbastanza piccoli da essere impiegati senza problemi, anche l'informatica ormai sta perdendo il senso delle cose e diventa fine a sè stessa... ma che ce ne facciamo di 1000 cose inutili.Basta non comperare, il mercato farà piazza pulita del'inutile.
  • Anonimo scrive:
    Non servono a un tubo
    Il formato e' assurdo ...già mi impicco a montare la simcard ..e ho dita normali credetemi ..per queste serviranno le pinzette e la lente da orologiaio ...IO Ho preso una macchina fotografica che legge le sia Compact Flash che Smart MediaIMHO l'unico formato umano e' il Compact Flash type II... speriamo che durinio MOOOLTO a lungo
  • Anonimo scrive:
    E n'antro formato...
    E che palle... ogni 6 mesi un formato nuovo... ho una pila di memory card inutilizzabili a causa dell'uscita di nuovi formati... DECIDETEVEEEE
    • Anonimo scrive:
      Re: E n'antro formato...
      Anonimo wrote:
      ho una pila di memory card inutilizzabili a causa dell'uscita
      di nuovi formati...Francamente non vedo il problema: gli unici formati non letti dai lettori universali (17 euro su USB 2.0) sono xD (costi della licenza) e le varie skede per cellulari (ha poco senso leggerle su PC e sono tutt' altro ke diffuse).
      • avvelenato scrive:
        Re: E n'antro formato...
        - Scritto da: Anonimo
        Anonimo wrote:

        ho una pila di memory card
        inutilizzabili a causa dell'uscita

        di nuovi formati...

        Francamente non vedo il problema: gli unici
        formati non letti dai lettori universali (17
        euro su USB 2.0) sono xD (costi della
        licenza) e le varie skede per cellulari (ha
        poco senso leggerle su PC e sono tutt' altro
        ke diffuse).il problema è che queste schede dovrebbero essere riutilizzabili sugli strumenti elettronici digitali, invece se mi voglio comprare una fotocamera devo verificare che la scheda sarà compatibile con l'eventuale futuro lettore mp3 e l'eventuale futuro pda. avvelenato che ha scelto le SD come formato scheda preferito edit: le xD possono esser lette tramite adattatore x CF.==================================Modificato dall'autore il 02/03/2004 9.49.14
        • Anonimo scrive:
          Re: E n'antro formato...
          Avvelenato wrote:
          avvelenato che ha scelto le SD come formato scheda
          preferitoDebbo quotarti pure oggi! :DAvvelenato also wrote:
          edit: le xD possono esser lette tramite adattatore x CF.Questo e' vero... addirittura sui PDA il lettore di CF viene sfruttato come se fosse la una versione mini dello slot PCMCIA/PCCard (son sinonimi?).Peccato ke costino 2 occhi della testa: 50 euro (by Olympus: sempre per via delle licenze li fan lei e Fujifilm) per un cosino del genere sono una rapina a mano armata! O_O''L' unica alternativa plausibile sarebbe ke hp ed Epson si mettano a produrre lettori portatili multistandard.Ma ne dubito fortemente. :P
    • Anonimo scrive:
      Re: E n'antro formato...
      a chi lo dici..pensa che ho un p800 con memory stick, con una certa fiducia ho comprato una macchina digitale sony in quanto esiste un adattatore che mi fa usare la card del telefono sulla digitale, pensavo "finalmente...ora potrò fare delle belle foto e poi trasmetterle in allegato o con mms dal telefono..." ed invece NIENTE le foto le conserva ma il p800 non le vede...incompatibilità software al 100%, grazie sony.
Chiudi i commenti