EdisonTel mette in campo 10 gigabit di DWDM

La compagnia TLC annuncia l'attivazione del primo collegamento italiano in fibra ottica su tecnologia ultraveloce DWDM, 80 volte l'SDH
La compagnia TLC annuncia l'attivazione del primo collegamento italiano in fibra ottica su tecnologia ultraveloce DWDM, 80 volte l'SDH


Roma – Si snoda per circa 900 km. lungo la dorsale tirrenica fra Milano e Roma e fornisce connettività digitale a larga banda il nuovo backbone attivato da EdisonTel . Un sistemone capace di trasmettere fino a 120.000 chiamate telefoniche per canale e che potrà trasportare contemporaneamente oltre 9 milioni di chiamate e servizi dati.

La tecnologia sfruttata è la fibra ottica su DWDM (Dense Wavelength Division Multiplexing) che opera alla velocità di 10 Gigabit al secondo tra le centrali di Roma e di Milano. “Si tratta – si legge in una nota dell’azienda – del primo collegamento del genere in Italia e tra i primi al mondo.”

Oltre Milano e Roma, sono collegati con questa tecnologia anche i nodi EdisonTel di Torino, Alessandria, Genova, Pisa e Grosseto presenti lungo la dorsale tirrenica per 900 Km. di fibra ottica in tutto. A questi si aggiungono i circa 100 Km. di rete metropolitana di Roma, Milano e Torino.

“Il collegamento – spiega l’azienda – fornisce connettività digitale a banda larga in grado di ampliare l’offerta di servizi interattivi e multimediali rispetto ai servizi tradizionali ed utilizza attualmente 2 degli 80 canali disponibili”.

Il primo dei due canali opera a 10 Gigabit al secondo ed è in grado di trasmettere fino a 120.000 chiamate telefoniche e trasportare contemporaneamente servizi dati a larga banda. Il secondo canale, invece, “corre” a 2.5 Gigabit al secondo ed è utilizzato per offrire capacità di banda ad altri carrier nazionali ed internazionali.

“Il sistema DWDM attivato da EdisonTel e fornito da Marconi – si legge nella nota diffusa da EdisonTel – ottimizza la stessa coppia di fibre ottiche per trasportare una capacità 80 volte superiore alla tecnologia tradizionale SDH (Synchronous Digital Hierarchy) e consente, quindi, di trasmettere contemporaneamente oltre 9 milioni di chiamate telefoniche.”

Grazie al nuovo backbone di rete, EdisonTel sarà in grado di offrire anche servizi di trasporto interamente ottici ad altri operatori di telecomunicazioni (ogni singolo canale ottico viene trasportato con una lunghezza d’onda dedicata su DWDM per coppia di fibra).

Il cavo utilizzato per il backbone è costituito da 48 fibre ottiche, mentre in ambito metropolitano viene impiegato un cavo da 96/144 fibre. La fibra risponde alle specifiche internazionali ITU-T G.655 e massimizza il numero di canali ottici e la banda trasportata da ciascun canale.

Il nuovo collegamento tra Milano e Roma costituisce solo una parte dell’anello in fibra ottica che entro la fine dell’anno l’azienda intende completare risalendo dalla capitale verso Milano attraverso i nodi di rete di Perugia, Arezzo, Firenze, Bologna, Ferrara, Padova, Verona e Brescia.

EdisonTel dispone ad oggi di circa 2.300 Km. di rete proprietaria in fibra ottica già posata, di cui 1.400 Km. in esercizio, e prevede di raggiungere i 6.100 km. entro il 2003.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 09 2001
Link copiato negli appunti