Editoria/ I provider italiani sconfessano Chiti

Il presidente dell'AIIP fa sentire la voce preoccupata dei fornitori di servizi Internet: la legge così com'è non va. Non bastano le dichiarazioni e le confuse interpretazioni a calmare le acque. Petizione a quota 36mila


Roma – Una nuova autorevole voce si è levata ieri sera contro la nuova legge sull’editoria e le pericolose ambiguità che contiene. Si tratta della voce di Paolo Nuti, presidente dell’Associazione italiana Internet provider (AIIP), che raccoglie molti dei principali fornitori di servizi Internet.

Nuti ha attaccato la nuova legge, nella quale “la definizione di prodotto editoriale è così ampia che anche una pagina web creata da un bambino potrebbe farne parte”. Una posizione in assoluto contrasto con quella espressa da alcuni dei protagonisti di questa legge e che nasce evidentemente dalla preoccupazione degli operatori Internet di dover far fronte a obblighi poco chiari e, dunque, alla discrezionalità dei tribunali in un settore così delicato.

Nuti ha criticato coloro che in questi giorni hanno fornito interpretazioni della legge – interpretazioni peraltro spesso contraddittorie – e in particolare il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Vannino Chiti, strenuo difensore della legge: “Se anche l’interpretazione di chi ha realizzato la legge non era così ampia, può esserlo ora che deve essere applicata e a decidere sarà il giudice. La preoccupazione è che a Parlamento sciolto non si può fare nulla e al momento l’unica interpretazione è quella data dal sottosegretario Vannino Chiti in una intervista: sinceramente è un po ‘ poco”.

Nuti ha anche espresso perplessità sulla mancata chiarezza della legge relativamente ai contributi alle attività editoriali online.

La petizione contro la legge, intanto, sostenuta da quasi 3mila siti, è ormai stata sottoscritta da quasi 36mila utenti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    LA MUSUCA E' CULTURA
    La musica è cultura, esattamente come i libri, non è giusto che i cd abbiano costi cosi' elevati,devono essere alla portata di tutti, soprattutto dei giovani che quasi mai hanno molto da spendere.Perchè , come nei libri , non esistono le edizioni economiche, per esempio?Perchè anche dopo un anno un cd non posso comprarlo al prezzo di un libro versione economica? Non è giusto, c'è da capire chi si affida ad internet per poter godere di qualcosa che diversamente non potrebbe avere.
  • Anonimo scrive:
    i discografici raccolgono quello che seminano....
    devono cambiare testa e .......prezzi!
  • Anonimo scrive:
    cd --
    siete voi che avete prezzi da pirati! non vi costano piu di seimila lire ! ci sono pirati per cd,video,tabacchi ecc. tutte cose che potrebbero costare molto meno al mercato ufficiale e quindi anche noi ci facciamo gli affari nostri.
  • Anonimo scrive:
    Paghiamo SOLO i diritti
    Ho un'idea, facciamo in modo che per ogni CD masterizzato si possano versare 1000 lire al gruppo che ha registrato l'originale, in caso di una compialtion si fa' 1000/ numero di song, io credo sia giusto, tanto non credo che le case discografiche diano molto di piu' agli artisti.
  • Anonimo scrive:
    IO SONO UN COMMERCIANTE ALL'INGROSSO DI CD
    MI PIACEREBBE VERAMENTE DISCUTERNE,SERIAMENTE,CON TUTTI QUELLI CHE CRITICANO IL PREZZO DEI CD.ADESSO LO SI CRITICA PERCHE SI DICE TROPPO ALTO,PERCHE SI HA L APOSSIBILITA' DI AVERLO QUASI GRATIS,VEDI MP3 MASTERIZZAZIONE FALSI ECC. ECC.VORREI CHE TUTTI QUELLI CHE SONO DACCORDO DEL POSSIBILE FALLIMENTO DEL SETTORE DISCHI UN DOMANI POSSA TOCCARE AL LORO SETTORE.PRONTO A TUTTE LE RISPOSTE
    • Anonimo scrive:
      Re: IO SONO UN COMMERCIANTE ALL'INGROSSO DI CD
      Salve,Io sono un acquirente di Cd, ne compro almeno 25/30 l'anno, altri mi arrivano come promo (scrivo per una rivista musicale) ed altri li masterizzo, e posso dirti che spesso e volentieri il prezzo e' l'unico impedimento alla vendita massiccia dei CD, si perche', caro grossista, per me e' piu' facile prendere un album nuovo a 10 o 12 dollari da CDnow (24 - 26 mila lire) che non a 35 milalire in uno store qualsiasi italiano, certo nei momenti in cui il dollaro non e' alto, ma spesso la convenienza c'e' e si sente, quindi abbassare il prezzo, ma anche diversificare lo spettro di vendita, quindi di materliale pubblicizzato, non si puo' sperare di vendere album che al grande poubblico risulta quasi sconosciuto usando come traino i soliti 5/6 nomi.Oltretutto servirebbe anche una legge giusta sulla messa in onda di video (in TV o dei passaggi in radio) perche' si riempe lo schermo delle solite 10 /20 canzoni rendendo il mercato stretto e pericolosamentechiuso a novita' anche estreme.ciao a tutti www.metalitalia.com- Scritto da: GRENDA
      MI PIACEREBBE VERAMENTE
      DISCUTERNE,SERIAMENTE,CON TUTTI QUELLI CHE
      CRITICANO IL PREZZO DEI CD.
    • Anonimo scrive:
      Re: IO SONO UN COMMERCIANTE ALL'INGROSSO DI CD
      VORREI FARTI NOTARE CHE NON E' SOLO "DA ADESSO" (COME TU DICI) CHE SI CRITICA IL PREZZO TROPPO ALTO DEI CD, E' GIA' DA UN PO': FORSE E MEGLIO CHE TI TIENI AGGIORNATO ED APRI GLI OCCHI.- Scritto da: GRENDA
      MI PIACEREBBE VERAMENTE
      DISCUTERNE,SERIAMENTE,CON TUTTI QUELLI CHE
      CRITICANO IL PREZZO DEI CD.
      ADESSO LO SI CRITICA PERCHE SI DICE TROPPO
      ALTO,
      PERCHE SI HA L APOSSIBILITA' DI AVERLO QUASI
      GRATIS,VEDI MP3 MASTERIZZAZIONE FALSI ECC.
      ECC.
      VORREI CHE TUTTI QUELLI CHE SONO DACCORDO
      DEL POSSIBILE FALLIMENTO DEL SETTORE DISCHI
      UN DOMANI POSSA TOCCARE AL LORO SETTORE.
      PRONTO A TUTTE LE RISPOSTE
  • Anonimo scrive:
    facessero pagare di meno i CD
    facessero pagare di meno i CDmagari la gente sarebbe più invogliata a comprare gli originali piuttosto che a scaricarsi i brani in mp3.
  • Anonimo scrive:
    Speriamo falliscano tutti ...
    ...così hanno finito di rompere le scatole con queste fregnate sulla diminuzione delle venditePS Usate in massa i software di sharing! ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Speriamo falliscano tutti ...
      Se falliscono le case discografiche chi li produce gli album ?Facciamo una colletta ?- Scritto da: Francesco
      ...così hanno finito di rompere le scatole
      con queste fregnate sulla diminuzione delle
      vendite
      PS
      Usate in massa i software di sharing! ;-)
  • Anonimo scrive:
    soldi...soldi...soldi.....!!!!!
    soldi...soldi...soldi...soldi!!!!!sono convinto che se anche un CD costasse 1/4, 10000 lire, anziche 40000 lire, la gente non comprerebbe lo stesso!!!!Un CDR varia dalle 1500£ alle 3500£ a seconda delle varie marche, nella società in cui ci troviamo, che va a guardare le 10£ per risparmiare sulla cartaigenica, o qualsiasi altro articolo, figuriamoci se andrebbe a pagare il prezzo di un CD 10000£ quando per averlo, (male che vada) lo paga meta prezzo tenendo conto di tutte le spese che incorrono per una masterizzazione,(CD, luce, tempo perso, ecc...).Purtroppo è vero i CD in Italia sono cari non c'è niente da dire (lo so perchè viaggio parecchio all'estero), ma prevale sempre il risparmiare le singola lira per aumentare sempre più il conto in banca, ma io mi chiedo:"si vive una sola volta, a cosa serve risparmiare soldi.....soldi....soldi...., ma quando andrette nella tomba cosa ne fatte, li cocolate??"......ma la mentalità della maggior parte della gente, pensa solo a risparmiare....e si ritrova avvolte con delle schifezze in mano!!!Per che cosa poi!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: soldi...soldi...soldi.....!!!!!
      Non sono daccordo con te,mi dispiace che tu la pensi in questo modo.purtroppo non tutti si possono permettere di spendere 40000 x un cd,piuttosto li spendono x mangiare....comunque non preoccuparti,chi li ha i soldi non li risparmia,almeno x quanto ne so io.Se la gente risparmia ci sara un perche,non trovi?E poi x favore ,ma è esagerato(insisto)far pagare un cd al prezzo di una t-shirt e di tante altre cose!- Scritto da: hooo!
      soldi...soldi...soldi...soldi!!!!!


      sono convinto che se anche un CD costasse
      1/4, 10000 lire, anziche 40000 lire, la
      gente non comprerebbe lo stesso!!!!

      Un CDR varia dalle 1500£ alle 3500£ a
      seconda delle varie marche, nella società in
      cui ci troviamo, che va a guardare le 10£
      per risparmiare sulla cartaigenica, o
      qualsiasi altro articolo, figuriamoci se
      andrebbe a pagare il prezzo di un CD 10000£
      quando per averlo, (male che vada) lo paga
      meta prezzo tenendo conto di tutte le spese
      che incorrono per una masterizzazione,(CD,
      luce, tempo perso, ecc...).

      Purtroppo è vero i CD in Italia sono cari
      non c'è niente da dire (lo so perchè viaggio
      parecchio all'estero), ma prevale sempre il
      risparmiare le singola lira per aumentare
      sempre più il conto in banca, ma io mi
      chiedo:

      "si vive una sola volta, a cosa serve
      risparmiare soldi.....soldi....soldi...., ma
      quando andrette nella tomba cosa ne fatte,
      li cocolate??"

      ......ma la mentalità della maggior parte
      della gente, pensa solo a risparmiare....e
      si ritrova avvolte con delle schifezze in
      mano!!!

      Per che cosa poi!!!!
  • Anonimo scrive:
    furfanti !!
    Ma di che si lamentano ?? 38k lire per un cd e' semplicemnete UN FURTO !!.Se fossero meno avidi non ci sarebbe mai stato il problema ! Che piangano del loro male ora ovvero quello di essere dei furfanti !!
  • Anonimo scrive:
    La legge del mercato
    Diciamoci la verita`;se la gente non spende 40.000 per un CDe` perche` quel CD 40.000 non ce le vale;e` inutile prendersela con Napster..IO HO LE PA..E PIENE DELLE PROMOZIONIFATTE PER RADIO; SONO ANNI CHE INVECEDI SENTIRE BUONA MUSICA SI SENTONO SOLTANTOLE ULTIME NOVITA` - LE RADIO SONO ASSERVITEALLE CASE DISCOGRAFICHE CON L'UNICO SCOPODI PUBBLICIZZARE I NUOVI DISCHI ED I "NUOVI TALENTI" - ANNI ED ANNI DI MUSICA DA 4 SOLDI PROMOSSA SOLO PERFARE SUBITO SOLDI HANNO ABITUATO GENERAZIONIDI ITALIANI A LIVELLI COSI` BASSI DI QUALITA`CHE PER TROVARE LA BUONA MUSICABISOGNA SCARICARSELA DALLA RETEVi lascio ricordando il titolodella piu` famosa canzone di Marco Masini:V%^&#($#$)(!!!W la democrazia
    • Anonimo scrive:
      Re: La legge del mercato
      SOTTOSCRIVO PIENAMENTE!Il livello musicale, specialmente quello italiano, totalmente dominato dalle cosiddette Major, è INFIMO!Hano fatto praticamente il lavaggio del cervello a tutti propinando solo ed esclusivamente CACCA!Per uno che vuol sentire della buona musica non rimangono alternative:1 -Suicidarsi spendendo un patrimonio per acquistare CD a scatola chiusa (dato che i media passano solo i "grandi successi").2 - Scaricare dalla Rete ed informarsi su ciò che non esiste e poi semmai accquistare ciò che ritiene veramente valido.- Scritto da: W la democrazia
      Diciamoci la verita`;
      se la gente non spende 40.000 per un CD
      e` perche` quel CD 40.000 non ce le vale;
      e` inutile prendersela con Napster..

      IO HO LE PA..E PIENE DELLE PROMOZIONI
      FATTE PER RADIO; SONO ANNI CHE INVECE
      DI SENTIRE BUONA MUSICA SI SENTONO SOLTANTO
      LE ULTIME NOVITA` - LE RADIO SONO ASSERVITE
      ALLE CASE DISCOGRAFICHE CON L'UNICO SCOPO
      DI PUBBLICIZZARE I NUOVI DISCHI ED I
      "NUOVI TALENTI" - ANNI ED ANNI DI
      MUSICA DA 4 SOLDI PROMOSSA SOLO PER
      FARE SUBITO SOLDI HANNO ABITUATO GENERAZIONI
      DI ITALIANI A LIVELLI COSI` BASSI DI QUALITA`
      CHE PER TROVARE LA BUONA MUSICA
      BISOGNA SCARICARSELA DALLA RETE

      Vi lascio ricordando il titolo
      della piu` famosa canzone di Marco Masini:
      V%^&#($#$)(!!!


      W la democrazia
  • Anonimo scrive:
    Quesito
    Perché negli USA un CD costa intorno alle 25000 L. e qui no?Poveri discografici & c., come sono indigenti. Si vede che fanno la fame!W Robespierre!
    • Anonimo scrive:
      Re: Quesito: prezzo CD vs stipendio medio !
      Per non parlare che in America si guadagna almeno il triplo che in Italia.(se guadagni $3000/mese sei gia' uno di quelli che guadagnano poco)Dunque se in America I CD costano 25-30mila lire,vorrebbe dire che a parita' di stipendio, in Italia i CD dovrebbero costare SOTTO LE 10mila lire !!!Abbassate i prezzi dei CD e la pirateria diminuira' drasticamente:avete presente l'effetto inibizione ?Bene, immaginate che i CD costassero 10mila:Questo farebbe si che la gente non ci pensa due volte a comprare un CD anche se non e' il top dei top. (della serie: tanto sono solamente 10mila)moltiplicate la cosa per 365 giorni e vedrete che alla fine dei conti l'utente ha speso MOLTO DI PIU' che comprando pochi CD da 40mila.Discografici: SVEEEEEEEEGLIAAAAA, DRIIIIN .qualcuno ha un seccho d'acqua gelida da gettargli addosso per svegliarli ???- Scritto da: Un giacobino
      Perché negli USA un CD costa intorno alle
      25000 L. e qui no?
      Poveri discografici & c., come sono
      indigenti. Si vede che fanno la fame!
      W Robespierre!
  • Anonimo scrive:
    ma andate a f........
    un CD lo compro per £ 3.500, certamente non andrò mai da loro
  • Anonimo scrive:
    Io le 40.000£ me le tengo!
    Si lamentano perché in Italia si vende poco!Non mi dispiace affatto, anche perché vedo che i cantanti si mantengono bene lo stesso!E poi non ho intenzione di spendere 40.000£ per un CD di cui in media mi piacciono 2 / 3 canzoni!Ah no! Le 40.000£ io me le tengo in saccoccia!
    • Anonimo scrive:
      Re: Io le 40.000£ me le tengo!
      FORZA RAGAZZI SE RESTIAMO COMPATTI CE LA FAREMO!!!ADESSO LI AUMENTERANNO ANCORA A L. 50.000 PER UN CD CHE COMPRERANNO SOLO I FESSI E GLI AUDIOFILI.QUANDO CAPIRANNO CHE..........
  • Anonimo scrive:
    LA DURA LEGGE D'ELLECONOMIA (un trattato..)
    Esiste una legge dell'economia per cui se le tasse diventano troppo alte la gente, pur ritenendo che sia giusto pagarle perche si hanno i servizi le strade ecc ecc, preferisce rischiare ed evaderle.lo stesso accade per i cd perche bisogna ricordarsi che le industrie musicali sono imprese commerciali MA LA MUSICA NO!!!La musica e' un bene culturale e io stesso non ne vorrei mai fare a meno!!!!!Non essendo un bene sostituibile la musica la gente preferisce masterizzare il cd che comprarlo e fa bene!!!Cosi dice l'economia:o fai quello che ti dice il mercato o,mia cara casa discografica, vai a casa tua e lasci il posto aqualcun altro!!!JaNnAz
  • Anonimo scrive:
    ah ah!me ne frego!
    dico solo una cosa:io con quarantamila lire preferisco comprare una maglietta piuttosto che darla a loro!per quanto mi riguarda possono andare tutti in fallimento,per me non si rendono conto di quanto sia assurdo far pagare un cd a quella cifra....anche perche alcuni non se lo meritano proprio.Chi ha orecchie x intendere...
  • Anonimo scrive:
    Sicuro non è colpa nostra
    La colpa non è sicuramente nostra, un CD vergine costa esageriamo 1000L, la copertina a stamparla costa esageriamo 1000L, il CD a scriverci sopra tra traccia e immagine costa esageriamo 1000L, aggiungiamoci 1000L non so per cosa ma aggiungiamole e il CD è costato 4000L se lo vendi a 20000L mi sembra che ci guadagni abbastanza se poi lo vendi a 40000L allora sei pirla poi non ti lamentare se la gente li masterizza o li scarica......
  • Anonimo scrive:
    ho altri problemi, io
    Non ho molto da aggiungere a quanto scritto da altri lettori.Pero' spendere uno, due milioni di dollari per produrre il video di Michael Jaclson e della Spears non mi sembra essere un oculato modo per contenere le spese e non lamentarsi se i profitti si riducono: signori discografici, producete meno merda e vedrete che venderete di piu' ... gente come i Coldplay non pretende suite imperiali per due mesi e tecnici da 10000 dollari al giorno per fare musica "sintetica".Gente cosi' ha qualcosa da dire, la dice e bene, per giunta: quanto costa produrre un CD dei Coldplay? Penso meno di un decimo di quello di Madonna, ma vende lo stesso.Se poi a questo aggiungiamo quanto detto che se i CD costassero dalle 25000 a lle 30000 si venderebbero di piu'.IO spendo almeno 200000 lire al mese in dischi: tutti best price.L'ultima uscita a 40000 la lascio al negoziante....Mp3? bah, ma secondo voi la qualita' di un Mp3 interessa ad un amante della "MUSICA"?...Infine: l'anno scorso il mio fatturato e' stato inferiore del 55% rispetto al '99. Vendo software. Ma per questo non mi sono messo a piangere e ad accusare i tostatori: mi sono rimboccato le maniche e ho cercato di dare al mio mercato quanto mi stava chiedendo e ad educare i miei clienti che copiare SW non e' bene....Sono un illuso?Forse, ma per me questa e' la strada giusta.CiaoStefano
    • Anonimo scrive:
      Re: ho altri problemi, io
      BRAVO! BRAVO! BRAVO!!!Cosa aggiungere? Hai detto tutto...La penso come te- Scritto da: Geko
      Non ho molto da aggiungere a quanto scritto
      da altri lettori.
      Pero' spendere uno, due milioni di dollari
      per produrre il video di Michael Jaclson e
      della Spears non mi sembra essere un oculato
      modo per contenere le spese e non lamentarsi
      se i profitti si riducono: signori
      discografici, producete meno merda e vedrete
      che venderete di piu' ... gente come i
      Coldplay non pretende suite imperiali per
      due mesi e tecnici da 10000 dollari al
      giorno per fare musica "sintetica".
      Gente cosi' ha qualcosa da dire, la dice e
      bene, per giunta: quanto costa produrre un
      CD dei Coldplay? Penso meno di un decimo di
      quello di Madonna, ma vende lo stesso.
      Se poi a questo aggiungiamo quanto detto che
      se i CD costassero dalle 25000 a lle 30000
      si venderebbero di piu'.
      IO spendo almeno 200000 lire al mese in
      dischi: tutti best price.
      L'ultima uscita a 40000 la lascio al
      negoziante.
      ...
      Mp3? bah, ma secondo voi la qualita' di un
      Mp3 interessa ad un amante della "MUSICA"?
      ...
      Infine: l'anno scorso il mio fatturato e'
      stato inferiore del 55% rispetto al '99.
      Vendo software. Ma per questo non mi sono
      messo a piangere e ad accusare i tostatori:
      mi sono rimboccato le maniche e ho cercato
      di dare al mio mercato quanto mi stava
      chiedendo e ad educare i miei clienti che
      copiare SW non e' bene.
      ...
      Sono un illuso?
      Forse, ma per me questa e' la strada giusta.
      Ciao
      Stefano
      • Anonimo scrive:
        Re: ho altri problemi, io
        - Scritto da: Beppe
        BRAVO! BRAVO! BRAVO!!!

        Cosa aggiungere? Hai detto tutto...
        La penso come teBeh, almeno siamo in due ;-)))CiapsStefano
      • Anonimo scrive:
        Re: ho altri problemi, io
        Dai, insomma, leggendo i commenti siamo piu' di due !Ste'
  • Anonimo scrive:
    Abbassassero i prezzi!
    E poi vedrebbero quanti CD venderebbero...io ormai compro tutto in edizione budget-economica, col cavolo che spendo 40 carte per un CD appena uscito!
  • Anonimo scrive:
    Ma non sono gli stessi??
    Ma dico io, la sony che è una delle più grandi case discografiche non produce anche i masterizzatori?
  • Anonimo scrive:
    I discocrafici piangono
    Visto il calo delle vendite, una riduzione dei prezzi potrebbe migliorare la situazione, invece di incolpare l'HI-TECH.
    • Anonimo scrive:
      Re: I discocrafici piangono
      sai, a me e credo a molti, quello che dici sembra ovvio, ma pultroppo, NON C'E' PEGGIOR SORDO DI CHI NON VUOL SENTIRE... quindi, tanto vale strapparsi i capelli e fare le vittime dell'Hi Tech (che poi, è il motivo per cui un CD viene venduto ad un prezzo il 50% rispetto le musicassette che però vengono a costare di più in fase di produzione: tecnologicamente superiore...)- Scritto da: Luca
      Visto il calo delle vendite, una riduzione
      dei prezzi potrebbe migliorare la
      situazione, invece di incolpare l'HI-TECH.
  • Anonimo scrive:
    Sono contento
    Spero solo che tutti i discografici falliscano,od almeno lamentino perdite elevatissime,per quanto mi riguarda continuero' a scaricare mp3 via napster,gnutella,od un qualsiasi altro mezzo,e piuttosto che sovvenzionare questi cari signori a botte di 40000l. a cd(dove il costo reale,tasse comprese ,non supera le 10000),spendo tutto quello che ho in beneficenza.
  • Anonimo scrive:
    Solo l'1,3? Bisogna aumentare....
    Allora... io non sono a favore della pirateria e non sono a favore della SIAE.Ritengo ingiusto pagare un CD 40.000 quando in effeti se costasse 20.000 (ed alcune volte si trovano, quindi è possibile venderlo) probabilmente se ne venderebbero più del doppio.A 15.000 non ne parliamo.Non so se è un caso oppure no, ma mi ricordo che prima dell'avvento dei supporti DVD a costi intorno alle 25.000 i DVD originali costavano in media 40.000 adesso la media è di 50.000... Lo fanno apposta a far vendere i pirati?Secondo me si. Senza la pirateria (leggi gioco a 10.000 che poi se lo avesse fatto il pirata o una software house sarebbe stato uguale) la playstation non avrebbe avuto la stessa diffusione (Nintendo ancora piange, ma i suoi sistemi sono più difficili da copiare). Stessa cosa per quanto riguarda il pc o i lettori cd. Bill Gates ne sa qualcosa... in effetti il suo sistema operativo è un cd non protetto perfettamente copiabile... Perchè? Perchè nessuna protezione?E' sintomatico ... più basso è il prezzo più gente compra.Se si volesse stroncare il mercato della pirateria non ci vorrebbe molto.. ma possibile che nessuno lo capisca? No ci sono altri interessi nella pirateria... altri introiti.. e poi facciamo finta di combatterla.. ma non diciamo menate.... Passiamo all'argomento internet... ancora pochi hanno ADSL visto il costo, ma fra qualche tempo la diffusione sicuramente aumenterà. Io personalmente con un 56k se dovessi scaricarmi gli mp3 per farmi un cd spenderei molto di più in telefonate che andare in piazzetta a prendermi il cd a 10.000. Se non mi funziona il cd me lo cambiano.. se l'mp3 è fallato me lo devo scaricare da un'altra parte. Se il cd originale mi costa 15.000 me lo compro direttamente almeno ho pure la copertina fatta bene.E' internet che fa perdere guadagni? O anche la Telecom è invischiata?Signori apriamo gli occhi.. la pirateria fa comodo... i mezzi per combatterla ci sono, sia fra protezioni (che durano poco, ma rompono) sia fra una politica di prezzo giusta, ma nessuno li attua.Messo il dito su una piaga????
  • Anonimo scrive:
    Basterebbe usare più criterio?
    A parte che in effetti un calo dell'1% (4% in italia) è ridicolo e non necessariamente imputabile a Napster e masterizzatori... e non sarà certo il primo calo della storia, il mercato è fatto così...Io quando ero giovane come è normale sono stata FAN di vari gruppi, andavo a periodi, e comperavo TUTTO quello che li riguardava, cd singoli, CD Limitati, picture disk... tutto. Se mi piacevano e basta ma non ero FAN comunque mi comperavo il CD/LP, e se mi piacevano così così me li facevo registrare in cassetta da un amico. Viceversa con i miei amici, loro prendevano i dischi dei loro gruppi e io registravo loro i miei.Ho speso più 10 Milioni in dischi quando ero adolescente... ora non seguo più e ascolto la radio che si fa prima, ma il succo è:se sei FAN o ti piace abbastanza un gruppo, non ti prenderai mai il CD masterizzato, ma l'originale, il CD copiato sostituisce la vecchia cassetta registrata, solo che all'epoca non erano così incalliti contro la pirateria.ES: cd di Vasco appena uscito-
    andato a ruba! Quindi si vende... si vende...Però non ho mai capito Una cosa...quando sono usciti i primi CD (anni '80), sono usciti a circa 30.000, e i vinili costavano meno di 20.000. Poi seppi che in realtà costava meno fare un CD, ma dovevano smaltire il vinile (il materiale)... OK, l'Hanno smaltito ora o no? Ma i cd non sono mai calati! Anzi!Poi facciamo un esempio: una famiglia, casa in affitto, luce, gas acqua, macchina, ecc... ecc... in più bimbo da mantenere, a scuola, vestiti, giochi LA PLAY! Quello in 3 giorni ti finisce un gioco che costa più di 100K, e tu che fai? Se non glie ne prendi un altro a scuola lo prendono in giro perchè non ha il gioco X e i suoi amici si...Io sono programmatore, quindi so che costa swiluppare SW come creare un disco, basta trovare una via di mezzo, del resto con la grossa distribuzione si possono fare prezzi accettabili per tutti. Calando i prezzi ne venderebbero di più ma probabilmente alla fine guadagnerebbero uguale... e loro invece vorrebbero guadagnare, guadagnare, guadagnare... Sapete alla fin fine in Italia di chi è la colpa se tutto costa così tanto o facciamo fatica a permettercelo? DELLE TONNELLATE DI TASSE a cui siamo sottoposti, ci sono tasse su ogni singolo passaggio del confezionamento di un CD, SW o Audio che sia, che ne gonfiano il costo, tasse sui guadagni di chi li vende, di chi li produce, di chi li canta, tasse su tutto che indeboliscono le nostre entrate rendendo assurda una spesa di 40k, che magari con uno stipendio meno tassato e meno tasse da pagare con quello stipendio non sarebbero neppure tante...NOI ITALIANI SIAMO RIDICOLI, ma evidentemente CI STA BENE COSI`!
  • Anonimo scrive:
    43.000 ecco perche calano!!
    I cd li comprerei originali.... ma non a 43.000!Prateria rullez
  • Anonimo scrive:
    Mmmm... Cala la domanda?
    ...Aumentate l'offerta!!Cosa vale lamentarsi tanto!! Le leggi del mercato non sono state inventate negli ultimi mesi, e valgono per qualsiasi prodotto!Diminuiscono le vendite di dischi? E allora diminuite i prezzi fintantochè non riprendono tornano ad aumentare le vendite.Lo volete capire si o no che i prezzi li DEVE fare il mercato?Le uniche eccezioni devono essere quei beni necessari (es. medicine, quindi tutt'altra cosa) che, semmai, devono essere calmierati rispetto la domanda.Farsi un CD dagli MP3 scaricati da Internet NON E' A COSTO 0. Costa anche la connessione, il supporto, il tempo ecc.. Mi sapete dire perchè mai uno dovrebbe perdere tempo se in negozio trova il CD bello e pronto ad un prezzo RAGIONEVOLE?Io non scarico MP3, ma in ogni caso NON COMPRO CD sopra le 25.000 (preciso: è una mia personale scelta, non vuole essere un suggerimento - visto che poi le denunce fioccano...). Quando trovo i "NICE PRICE" (19.000 circa) posso uscire dal negozio con 2 o 3 CD. Chi scarica gli MP3 oggi sono le stesse persone che registravano le canzoni dalla radio ieri. Gli MP3, secondo me, sono una comoda scappatoia per non ammettere che i prezzi sono troppo alti e DEVONO scendere se si vogliono vedere salire le vendite.Mi permetto di fare una richiesta a P.I.: potreste pubblicare una tabellina che evidenzi, come si viene a formare il prezzo di un CD, ad esempio di 38.000?
  • Anonimo scrive:
    CHI E' CAUSA DEL SUO MALE PIANGA SE STESSO
    Alle case produttrici creare un CD cosa poco più di 1500 lire (gia imballato, dentro la custodia e con il librettino!!!)... come mai noi lo paghiamo 40.000 lire???... per quanto mi riguarda ho un'opinione (e a quanto posso vedere è condivisa da parecchia gente):SE COSTASSERO IL GIUSTO LA GENTE LI COMPREREBBEma se le case discografiche RUBANO ai danni dei consumatori... allora non si possono lamentare se anche i comsumatori rubano a loro (gli hanno dato l'esempio... e i consumatori hanno imparato la lezione).Se si paga il giusto tutti pagano ma se si paga molto al di sopra la gente cerca (e spesso trova) il modo di evitare le spese eccessive :-)ciaoCJkl
    • Anonimo scrive:
      Re: CHI E' CAUSA DEL SUO MALE PIANGA SE STESSO
      parole sante..personalmente vorrei aggiungere che chi ama la musica normalmente è anche cosciente dei problemi degli artisti (non di quelli dei discografici, che andassero all'inferno loro e i loro prezzi d capogiro)..io sostengo gli artisti che stimo o comprando i loro dischi, o andando ai concerti, o comprandomi la magliettina truzza con su scritto "sono un gioviale ammiratore del gruppo XY"..Dov'è il problema? se mi copio il cd, bene, ho quaranta carte di più in tasca e mi vedrò uno (o 2 opiù) concerti in più...saludos- Scritto da: CJkl
      Alle case produttrici creare un CD cosa poco
      più di 1500 lire (gia imballato, dentro la
      custodia e con il librettino!!!)... come mai
      noi lo paghiamo 40.000 lire???... per quanto
      mi riguarda ho un'opinione (e a quanto posso
      vedere è condivisa da parecchia gente):

      SE COSTASSERO IL GIUSTO LA GENTE LI
      COMPREREBBE

      ma se le case discografiche RUBANO ai danni
      dei consumatori... allora non si possono
      lamentare se anche i comsumatori rubano a
      loro (gli hanno dato l'esempio... e i
      consumatori hanno imparato la lezione).

      Se si paga il giusto tutti pagano ma se si
      paga molto al di sopra la gente cerca (e
      spesso trova) il modo di evitare le spese
      eccessive :-)


      ciao
      CJkl
    • Anonimo scrive:
      Re: CHI E' CAUSA DEL SUO MALE PIANGA SE STESSO
      Adesso non esageriamo, alle case discografiche un cd non costa proprio 1500 lire, ci sono i costi di produzione che sono alti. La verità è che spesso paghiamo 40.000 lire un disco che ne vale di meno. Un esempio: Quando Pino Daniele o Zucchero, sforna l'ultimo CD, considerando l'ingaggio degli artisti, la maggior parte stranieri, i costi di registrazione ecc.. possiamo dire che si sono spese delle considerevoli cifre, che non giustificano in ogni caso il costo dell'attuale CD. La cosa che invece mi fà girare le balle è, che sempre con le solite 40.000 lire, un ragazzino, deve acquistare musica prodotta in casa, vedi Gigi D'agostino e simili, che facendo un po' di rumore con qualche sint vintage e alcune scorreggine elettroniche, si becca gli stessi soldi di chi lavora veramente. In ogni caso, comunque, la buona musica si puo' fare senza investire dei grossi capitali, e dal momento che ormai è una norma per i Big Italiani, registrare negli studi Inglesi o americani, si ricorre spesso all'espediente dello sponsor per rientrare dalle eccessive uscite...Lucio Dalla con la Telecom, Baglioni con infostrada, Zucchero con la barilla...e per noi poveri musicanti di strada....il cannolo di Arturo, l'unico cannolo che resta sempre duro. :-)ciao e buona musica a tutti - Scritto da: CJkl
      Alle case produttrici creare un CD cosa poco
      più di 1500 lire (gia imballato, dentro la
      custodia e con il librettino!!!)... come mai
      noi lo paghiamo 40.000 lire???... per quanto
      mi riguarda ho un'opinione (e a quanto posso
      vedere è condivisa da parecchia gente):

      SE COSTASSERO IL GIUSTO LA GENTE LI
      COMPREREBBE

      ma se le case discografiche RUBANO ai danni
      dei consumatori... allora non si possono
      lamentare se anche i comsumatori rubano a
      loro (gli hanno dato l'esempio... e i
      consumatori hanno imparato la lezione).

      Se si paga il giusto tutti pagano ma se si
      paga molto al di sopra la gente cerca (e
      spesso trova) il modo di evitare le spese
      eccessive :-)


      ciao
      CJkl
  • Anonimo scrive:
    A me piace...
    ...piace leggere i testi delle canzoni.Piace guardare le copertine con le foto, eccetera.Tuttavia ho la mia ADSL e scarico con gnutella.Come tanti, con o senza ADSL.Per un motivo molto semplice: un CD costa 40.000,e di queste si e no 1500 vanno agli artisti , cioe' a coloro che mandano avanti la barca.Altre 22.000 finiscono alla casa, e il resto del prezzo se ne va tra negozio, distribuzione, siae ,trasporto.Onestamente, credo che un giorno inviero' un vaglia con dei soldi agli artisti che ascolto, direttamente nel conto corrente o a domicilio.Credo sia l'unico modo per retribuire adeguatamente gli artisti per il lavoro che fanno.Zio Tomato
    • Anonimo scrive:
      i log di PI - ti auto accusi
      dato che un utente è stato denunciato e che è quindi chiaro che PI mantiene i log e dà la possibilità alle autorità giudiziarie di rintracciare le persone, ti pare il caso di affermare chiaramente che, secondo le leggi attualmente in vigore, stai rubando?

      Tuttavia ho la mia ADSL e scarico con
      gnutella.
      Come tanti, con o senza ADSL.
      • Anonimo scrive:
        Re: i log di PI - ti auto accusi

        dato che un utente è stato denunciato e che
        è quindi chiaro che PI mantiene i log e dà
        la possibilità alle autorità giudiziarie di
        rintracciare le persone, ti pare il caso di
        affermare chiaramente che, secondo le leggi
        attualmente in vigore, stai rubando?Se le leggi non sono giuste, vanno combattuteanche passando dalla parte del torto.Io mi sono promesso di non comprare piu' un CDmusicale originale a prezzo intero.Continuavo a comprare i CD anche se mi eroaccorto che in Italia costavano molto di piu'che in altri mercati europei.Ma da qualche tempo, - dopo che RIAA ha iniziatola battaglia contro Napster, e dopo la sciaguratalegge pro-SIAE sul software - ho smesso di acquistare materiale originale.Sto mantenendo la promessa, aspettando di finiresotto processo (in buona compagnia, credo) o divedere i produttori soccombere e annunciaredi aver cambiato strategia ...
  • Anonimo scrive:
    rispetto (lungo)
    Un tempo, quando la musica valeva qualcosa, gli appassionati seguivano i loro artisti preferiti, compravano i dischi con timore reverenziale, incelofanati, li ascoltavano con attenzione...Col cavolo che avrebbero scaricato mp3 compressi (orrore) o masterizzato senza copertina.Ma oggi gli adolescenti che cultura musicale hanno? La sorellina della mia ragazza (12 anni, il target ideale del gruppo) ha comprato il cd dei lunapop, lo ha ascoltato 2 volte e ora non sa nemmeno dove lo ha messo... secondo voi cosa gliene frega se un cd è masterizzato o compresso?Hanno preso a calci in culo gli artisti veri.Negli ultimi 10 anni hanno prodotto solo cagate (tranne rare eccezioni).Hanno rovinato musicalmente una generazione.Possono crepare, in fondo è il rischio di impresa, lo sanno tutti gli industriali, non si può essere sempre in attivo!Scusate lo sfogo quasi OT, ma quando guardo MTV mi viene da piangere.
    • Anonimo scrive:
      Re: rispetto (lungo)

      Un tempo, quando la musica valeva qualcosa,
      gli appassionati seguivano i loro artisti
      preferiti, compravano i dischi con timore
      reverenziale, incelofanati, li ascoltavano
      con attenzione...
      Col cavolo che avrebbero scaricato mp3
      compressi (orrore) o masterizzato senza
      copertina.
      Ma oggi gli adolescenti che cultura musicale
      hanno?
      La sorellina della mia ragazza (12 anni, il
      target ideale del gruppo) ha comprato il cd
      dei lunapop, lo ha ascoltato 2 volte e ora
      non sa nemmeno dove lo ha messo... secondo
      voi cosa gliene frega se un cd è
      masterizzato o compresso?

      Hanno preso a calci in culo gli artisti veri.
      Negli ultimi 10 anni hanno prodotto solo
      cagate (tranne rare eccezioni).
      Hanno rovinato musicalmente una generazione.

      Possono crepare, in fondo è il rischio di
      impresa, lo sanno tutti gli industriali, non
      si può essere sempre in attivo!

      Scusate lo sfogo quasi OT, ma quando guardo
      MTV mi viene da piangere.Sottoscrivo in pieno!!
  • Anonimo scrive:
    Ma i masterizzatori......
    E' colpa di napster, va bene.....adesso lo hanno chiuso (+ o -); visto che pero' danno la colpa anche hai masterizzatori, adesso mi fanno il favore di vietarne la vendita, soprattutto di quelli Sony, visto che e' anche una delle major discografiche che si lamenta sempre.....E' inutile stare qui a parlare....noi commentiamo delle notizie dette in altre sedi e nessuno rispondera' mai ai nostri commenti.....non c'e' mai stato uno scontro diretto tra le major e l'utente finale, non c'e' mai stato nessuno che abbia chiesto loro il perche' i cd costino cosi' tanto ( e che abbia preteso una risposta seria!!!!), non c'e' mai stato nessuno che abbia chiesto a Sony il perche' continui a vendere masterizzatori, quando Lei stessa sostiene che vengono usati per copiare illegalmente cd, non c'e' mai stato nessuno che abbia chiesto al nostro Governo perche' e' stato dato il potere di "emanare leggi" alla SIAE che fino a prova contraria e' un'ente associativo ( la nuova legge sul diritto d'autore demanda alla SIAE il compito di redigere un regolamento attuativo della legge),insomma, non c'e' mai stato nessuno (di quelli che contano e che possono, io non conto niente e anche se ci provassi, non riuscire a chiedere niente a nessuno se non al portinaio) che abbia avuto il coraggio di aprire un dibattito serio e finalizzato a trovare delle soluzioni......
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma i masterizzatori......
      Non aggiungiamo confusione alla confusione.I masterizzatori sono un ottimo sistema di backup a basso prezzo, vietarli sarebbe una bestemmia... cosa vuoi backuppare con i floppy oppure spendendo 10, 20 volte tanto???Lo scontro major-utenti finali? L'utente finale può ridurre le major in mutande se decide di non comprare più CD (chiaro che un utente non fa nulla, faccio riferimento alla totalità degli utenti). - Scritto da: Uno stufo del sistema!!!
      E' colpa di napster, va bene.....adesso lo
      hanno chiuso (+ o -); visto che pero' danno
      la colpa anche hai masterizzatori, adesso mi
      fanno il favore di vietarne la vendita,
      soprattutto di quelli Sony, visto che e'
      anche una delle major discografiche che si
      lamenta sempre.....


      E' inutile stare qui a parlare....noi
      commentiamo delle notizie dette in altre
      sedi e nessuno rispondera' mai ai nostri
      commenti.....non c'e' mai stato uno scontro
      diretto tra le major e l'utente finale, non
      c'e' mai stato nessuno che abbia chiesto
      loro il perche' i cd costino cosi' tanto ( e
      che abbia preteso una risposta seria!!!!),
      non c'e' mai stato nessuno che abbia chiesto
      a Sony il perche' continui a vendere
      masterizzatori, quando Lei stessa sostiene
      che vengono usati per copiare illegalmente
      cd, non c'e' mai stato nessuno che abbia
      chiesto al nostro Governo perche' e' stato
      dato il potere di "emanare leggi" alla SIAE
      che fino a prova contraria e' un'ente
      associativo ( la nuova legge sul diritto
      d'autore demanda alla SIAE il compito di
      redigere un regolamento attuativo della
      legge),
      insomma, non c'e' mai stato nessuno (di
      quelli che contano e che possono, io non
      conto niente e anche se ci provassi, non
      riuscire a chiedere niente a nessuno se non
      al portinaio) che abbia avuto il coraggio di
      aprire un dibattito serio e finalizzato a
      trovare delle soluzioni......

      • Anonimo scrive:
        Re: Ma i masterizzatori......
        E' chiaro che il divieto proposto da "uno stufo..." è una provocazione.Ricordati che se il masterizzatore è oggi installato in incredibili quantità è grazie ai privati a casa che copiano CD, non grazie alle aziende. Vedi il fatto che non esistono strumenti di backup su CD ancora realmente maturi.Fermo restando che il backup è ancora tristemente un concetto "difficile": è difficile che l'azienda abbia un server + un nastro!Ripeto: il divieto mi sembra una provocazione.Ciao, Marco- Scritto da: Franco
        Non aggiungiamo confusione alla confusione.

        I masterizzatori sono un ottimo sistema di
        backup a basso prezzo, vietarli sarebbe una
        bestemmia... cosa vuoi backuppare con i
        floppy oppure spendendo 10, 20 volte
        tanto???

        Lo scontro major-utenti finali? L'utente
        finale può ridurre le major in mutande se
        decide di non comprare più CD (chiaro che un
        utente non fa nulla, faccio riferimento alla
        totalità degli utenti). - Scritto da: Uno
        stufo del sistema!!!

        E' colpa di napster, va bene.....adesso lo

        hanno chiuso (+ o -); visto che pero'
        danno

        la colpa anche hai masterizzatori, adesso
        mi

        fanno il favore di vietarne la vendita,

        soprattutto di quelli Sony, visto che e'

        anche una delle major discografiche che si

        lamenta sempre.....





        E' inutile stare qui a parlare....noi

        commentiamo delle notizie dette in altre

        sedi e nessuno rispondera' mai ai nostri

        commenti.....non c'e' mai stato uno
        scontro

        diretto tra le major e l'utente finale,
        non

        c'e' mai stato nessuno che abbia chiesto

        loro il perche' i cd costino cosi' tanto
        ( e

        che abbia preteso una risposta seria!!!!),

        non c'e' mai stato nessuno che abbia
        chiesto

        a Sony il perche' continui a vendere

        masterizzatori, quando Lei stessa sostiene

        che vengono usati per copiare illegalmente

        cd, non c'e' mai stato nessuno che abbia

        chiesto al nostro Governo perche' e' stato

        dato il potere di "emanare leggi" alla
        SIAE

        che fino a prova contraria e' un'ente

        associativo ( la nuova legge sul diritto

        d'autore demanda alla SIAE il compito di

        redigere un regolamento attuativo della

        legge),

        insomma, non c'e' mai stato nessuno (di

        quelli che contano e che possono, io non

        conto niente e anche se ci provassi, non

        riuscire a chiedere niente a nessuno se
        non

        al portinaio) che abbia avuto il coraggio
        di

        aprire un dibattito serio e finalizzato a

        trovare delle soluzioni......



        • Anonimo scrive:
          Re: Ma i masterizzatori......
          - Scritto da: Marco
          E' chiaro che il divieto proposto da "uno
          stufo..." è una provocazione.

          Ricordati che se il masterizzatore è oggi
          installato in incredibili quantità è grazie
          ai privati a casa che copiano CD, non grazie
          alle aziende. Vedi il fatto che non esistono
          strumenti di backup su CD ancora realmente
          maturi.
          Fermo restando che il backup è ancora
          tristemente un concetto "difficile": è
          difficile che l'azienda abbia un server + un
          nastro!

          Ripeto: il divieto mi sembra una
          provocazione.

          Ciao,
          MarcoRispondo anche se in ritardo: si' era una provocazione!!!E' chiaro che i masterizzatori non servono solo a copiare i cd illegalmente, ci sono tanti altri utilizzi, ma e' altrettanto chiaro che se i masterizzatori sono cosi' diffusi e a bassissimo prezzo, non e' certo per fare dei backup!!!!!Pero' le major non possono vernirmi a dire che se si copiano i cd e' colpa dei masterizzatori, men che meno la Sony.Quello che pero' mi da piu' fastidio, e' il sistema....loro possono dire tutto cio' che vogliono, perche' sanno che non ci sara' mai nessuno con il loro potere finanziario che sconfessera' quello che dicono!!!
  • Anonimo scrive:
    Stipendio infinito
    - Dobbiamo comprare l'ultimo sw perchè non è compatibile con i vecchi- Dobbiamo comperarci l'ultimo cellulare- Dobbiamo avere sempre Hw moderno pena l'inutilizzo degli ultimi programmi- Dobbiamo comperarci il ricevitore satellitare + abbonamento perchè in TV non c'è più una mazza- Dobbiamo subirci i rincari della benzina. Impossibile fare a meno dell'auto perchè il trasporto pubblico fa schifo.- Dobbiamo cambiare l'auto perchè hanno deciso che inquina di meno usare un'auto nuova invece che tutto il processo per costruire quella nuova auto e smaltire quella vecchia.- Dobbiamo, se nessuno dei genii delle case commerciali, anche mangiare, dormire e stare al caldo sotto il tetto di casa nostra.Datemi uno stipendio di 10.000.000 al mese e vi compro tutti i CD originali che volete.
  • Anonimo scrive:
    é vero ma...
    Ragazzi io sono contro la pirateria ma la capisco benissimo....se solo i programmi e giochi costassero meno sono certo che ci sarebbe tanta gente che lo comprerebbe...faccio due esempi....se i giochi costassero attorno alle 40/50.000 e i programmi al posto di costare 1.700.000 o piu costassero massimo 200.000 credo che tutti sarebbero orgogliosi di comprarseli avendo anche istruzioni etc....Stesso discorso per la musica.....Suvvia case produttrici fate la prova di abbassare i prezzi ed aumenterete di sicuro le vendite....
    • Anonimo scrive:
      Re: é vero ma...
      - Scritto da: Tiatix
      Ragazzi io sono contro la pirateria ma la
      capisco benissimo....
      se solo i programmi e giochi costassero meno
      sono certo che ci sarebbe tanta gente che lo
      comprerebbe...faccio due esempi....
      se i giochi costassero attorno alle
      40/50.000 e i programmi al posto di costare
      1.700.000 o piu costassero massimo 200.000Non sparare cifre a caso.... giochi a 10.000 e via. E vedrai quanti che se li vanno a comperare originali.
      • Anonimo scrive:
        Re: é vero ma...
        beh 10k sono veramente troppo poche 50 sono accessibili a tutti credo almeno per me se costassero cosi avrei molti + giochi di sicuro- Scritto da: l


        - Scritto da: Tiatix

        Ragazzi io sono contro la pirateria ma la

        capisco benissimo....

        se solo i programmi e giochi costassero
        meno

        sono certo che ci sarebbe tanta gente che
        lo

        comprerebbe...faccio due esempi....

        se i giochi costassero attorno alle

        40/50.000 e i programmi al posto di
        costare

        1.700.000 o piu costassero massimo 200.000

        Non sparare cifre a caso.... giochi a 10.000
        e via. E vedrai quanti che se li vanno a
        comperare originali.
        • Anonimo scrive:
          Re: é vero ma...

          beh 10k sono veramente troppo poche 50 sono
          accessibili a tutti credo almeno per me se
          costassero cosi avrei molti + giochi di
          sicuroGuarda che i videogiochi costano già adesso 10.000 lire. Prova a guardare in edicola e allegato ad ogni rivista di videogames ci trovi un sacco di giochi originali.Diablo I, Commando, Lords Of The Realm 2, solo per citarne alcuni.L'importante è non averli comprati a prezzo pieno appena sono usciti. Come al solito, gli "early buyers" vengono spolpati.
    • Anonimo scrive:
      Re: é vero ma...
      Con quali parametri decidete quanto deve costare un prodotto?Avete , per caso , letto un consuntivo di tutti i costi per portare avanti un progetto di un Game?Quanto costa un programmatore che lavora 2 anni (minimo) su un gioco? Quanti programmatori lavorano su un gioco ?Se avete visto lo special di Granturismo 1 per psx (appare quando si e' vinto quasi tutto) con tutte le persone che hanno collaborato all progetto vi renderete conto che i costi produzione sono simili a quelli di un FILM..Quindi.........- Scritto da: Tiatix
      Ragazzi io sono contro la pirateria ma la
      capisco benissimo....
      se solo i programmi e giochi costassero meno
      sono certo che ci sarebbe tanta gente che lo
      comprerebbe...faccio due esempi....
      se i giochi costassero attorno alle
      40/50.000 e i programmi al posto di costare
      1.700.000 o piu costassero massimo 200.000
      credo che tutti sarebbero orgogliosi di
      comprarseli avendo anche istruzioni etc....
      Stesso discorso per la musica.....
      Suvvia case produttrici fate la prova di
      abbassare i prezzi ed aumenterete di sicuro
      le vendite....
      • Anonimo scrive:
        Re: é vero ma...
        - Scritto da: PSX

        Con quali parametri decidete quanto deve
        costare un prodotto?
        Avete , per caso , letto un consuntivo di
        tutti i costi per portare avanti un progetto
        di un Game?Quanto costa un programmatore che
        lavora 2 anni (minimo) su un gioco? Quanti
        programmatori lavorano su un gioco ?
        Se avete visto lo special di Granturismo 1
        per psx (appare quando si e' vinto quasi
        tutto) con tutte le persone che hanno
        collaborato all progetto vi renderete conto
        che i costi produzione sono simili a quelli
        di un FILM..
        Quindi.........Il problema è un altro; il fatto è che non vogliono guadagnare, ma vogliono straguadagnare per farsi subito una villa alla bill gates. Se la possono sognare di questi tempi, è finita la cucagna.

      • Anonimo scrive:
        Re: é vero ma...
        con il buonsenso!!non mi sembra di vedere film che costano 100 carte in giro...- Scritto da: PSX

        Con quali parametri decidete quanto deve
        costare un prodotto?
        Avete , per caso , letto un consuntivo di
        tutti i costi per portare avanti un progetto
        di un Game?Quanto costa un programmatore che
        lavora 2 anni (minimo) su un gioco? Quanti
        programmatori lavorano su un gioco ?
        Se avete visto lo special di Granturismo 1
        per psx (appare quando si e' vinto quasi
        tutto) con tutte le persone che hanno
        collaborato all progetto vi renderete conto
        che i costi produzione sono simili a quelli
        di un FILM..
        Quindi.........



        - Scritto da: Tiatix

        Ragazzi io sono contro la pirateria ma la

        capisco benissimo....

        se solo i programmi e giochi costassero
        meno

        sono certo che ci sarebbe tanta gente che
        lo

        comprerebbe...faccio due esempi....

        se i giochi costassero attorno alle

        40/50.000 e i programmi al posto di
        costare

        1.700.000 o piu costassero massimo 200.000

        credo che tutti sarebbero orgogliosi di

        comprarseli avendo anche istruzioni
        etc....

        Stesso discorso per la musica.....

        Suvvia case produttrici fate la prova di

        abbassare i prezzi ed aumenterete di
        sicuro

        le vendite....
      • Anonimo scrive:
        Re: é vero ma...
        Paghi 100.000 lire tu per andare al cinema? Io ne pago 12000 e il filme se lo strapagano, di solito, i produttori.il capitalismo funziona finche' si ricerca il profitto. Il problema e' che attualemente si cerca il MASSIMO profitto. E la cosa non funziona piu'.Ciao,wishmerhill
      • Anonimo scrive:
        Re: é vero ma...
        Frena un secondo.E' vero che il costo di produzione di ALCUNI videogiochi si aggira a livelli enormi, ma è assurdo vendermi a 100.000 o 130.000 lire giochi che si finiscono in meno di 3-4 ore (la maggior parte dei giochi della psx1-2 per esempio).Se i giochi costassero sulle 50-60.000 lire allora avrebbero un impatto differente e un mercato potenziale molto più vasto.Ti faccio l'esempio di Pray for Death per PC un videogioco piuttosto vecchio, ma era l'unico a costare 50.000 (contro le 100.000 degli altri) e a valerne fino in fondo i soldi spesi.Anche se era un picchiaduro con solo 8pg e 2 boss ci volevano settimane per tirarci fuori tutti i segreti e ogni mese su qualche rivista comparivano trucchi per sbloccare arene, mosse segrete e strambe modalità!Vendette come nessun'altro prodotto e i suoi creatori inkassarono grosse cifre proprio per le grandi quantità di copie che avevano venduto.Un conto è guadagnare, ma le leggi del marketing parlano chiaro: "Più un prodotto di qualità ha un prezzo accessibile, più facilmente troverà un acquirente!"Ovvero se costa 100.000 e vende 5milioni di copie è molto probabile che a 60-70 ne venda 10milioni di copie.Cosa cambia?? solo il tempo impiegato a raggiungere il punto di pareggio..da li in poi sono solo guadagni al 100%Basta poco per convincere un utente a comprare qualcosa :)- Scritto da: PSX

        Con quali parametri decidete quanto deve
        costare un prodotto?
        Avete , per caso , letto un consuntivo di
        tutti i costi per portare avanti un progetto
        di un Game?Quanto costa un programmatore che
        lavora 2 anni (minimo) su un gioco? Quanti
        programmatori lavorano su un gioco ?
        Se avete visto lo special di Granturismo 1
        per psx (appare quando si e' vinto quasi
        tutto) con tutte le persone che hanno
        collaborato all progetto vi renderete conto
        che i costi produzione sono simili a quelli
        di un FILM..
        Quindi.........



        - Scritto da: Tiatix

        Ragazzi io sono contro la pirateria ma la

        capisco benissimo....

        se solo i programmi e giochi costassero
        meno

        sono certo che ci sarebbe tanta gente che
        lo

        comprerebbe...faccio due esempi....

        se i giochi costassero attorno alle

        40/50.000 e i programmi al posto di
        costare

        1.700.000 o piu costassero massimo 200.000

        credo che tutti sarebbero orgogliosi di

        comprarseli avendo anche istruzioni
        etc....

        Stesso discorso per la musica.....

        Suvvia case produttrici fate la prova di

        abbassare i prezzi ed aumenterete di
        sicuro

        le vendite....
        • Anonimo scrive:
          Pary For Death
          Mi sembra che poi la ditta produttrice Italiana di Pray avesse fatto il botto... Altro che soldoni... gli incompetenti si sono estinti.Ricordo anche di aver letto delle recensioni non proprio lusinghiere, a parte quelle scritte dai soliti amici degli amici (vedi TGM)- Scritto da: Solidsnake
          Frena un secondo.
          E' vero che il costo di produzione di ALCUNI
          videogiochi si aggira a livelli enormi, ma è
          assurdo vendermi a 100.000 o 130.000 lire
          giochi che si finiscono in meno di 3-4 ore
          (la maggior parte dei giochi della psx1-2
          per esempio).
          Se i giochi costassero sulle 50-60.000 lire
          allora avrebbero un impatto differente e un
          mercato potenziale molto più vasto.
          Ti faccio l'esempio di Pray for Death per PC
          un videogioco piuttosto vecchio, ma era
          l'unico a costare 50.000 (contro le 100.000
          degli altri) e a valerne fino in fondo i
          soldi spesi.
          Anche se era un picchiaduro con solo 8pg e 2
          boss ci volevano settimane per tirarci fuori
          tutti i segreti e ogni mese su qualche
          rivista comparivano trucchi per sbloccare
          arene, mosse segrete e strambe modalità!
          Vendette come nessun'altro prodotto e i suoi
          creatori inkassarono grosse cifre proprio
          per le grandi quantità di copie che avevano
          venduto.

          Un conto è guadagnare, ma le leggi del
          marketing parlano chiaro: "Più un prodotto
          di qualità ha un prezzo accessibile, più
          facilmente troverà un acquirente!"
          Ovvero se costa 100.000 e vende 5milioni di
          copie è molto probabile che a 60-70 ne venda
          10milioni di copie.
          Cosa cambia?? solo il tempo impiegato a
          raggiungere il punto di pareggio..da li in
          poi sono solo guadagni al 100%
          Basta poco per convincere un utente a
          comprare qualcosa :)

          - Scritto da: PSX



          Con quali parametri decidete quanto deve

          costare un prodotto?

          Avete , per caso , letto un consuntivo di

          tutti i costi per portare avanti un
          progetto

          di un Game?Quanto costa un programmatore
          che

          lavora 2 anni (minimo) su un gioco? Quanti

          programmatori lavorano su un gioco ?

          Se avete visto lo special di Granturismo
          1

          per psx (appare quando si e' vinto quasi

          tutto) con tutte le persone che hanno

          collaborato all progetto vi renderete
          conto

          che i costi produzione sono simili a
          quelli

          di un FILM..

          Quindi.........







          - Scritto da: Tiatix


          Ragazzi io sono contro la pirateria ma
          la


          capisco benissimo....


          se solo i programmi e giochi costassero

          meno


          sono certo che ci sarebbe tanta gente
          che

          lo


          comprerebbe...faccio due esempi....


          se i giochi costassero attorno alle


          40/50.000 e i programmi al posto di

          costare


          1.700.000 o piu costassero massimo
          200.000


          credo che tutti sarebbero orgogliosi di


          comprarseli avendo anche istruzioni

          etc....


          Stesso discorso per la musica.....


          Suvvia case produttrici fate la prova
          di


          abbassare i prezzi ed aumenterete di

          sicuro


          le vendite....
  • Anonimo scrive:
    Ma allora hanno la faccia come...il c.... !!!!!
    Scusate ..... ma quando ci vuole ci vuole !!!!Invece di versare lacrime , da coccodrillo, e lanciare accuse poco dimostrabili, vedano di giustificare la cifra di circa 40.000 lire per un CD !!!!!!!!Giuseppe
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma allora hanno la faccia come...il c.... !!!!!
      ....1° salasso...SIAE, + di 1500 lire a copia2° 600 lire di supporto (CD)3° Stampa Copertina e Book interno( varia da dimensioni e colori ) ma costa piu' di 2000 lire4° celofanatura ...anche questo ha un costo5° Spedizione e distribuzione.6° Campagnia di promozione con ricche percentuali a varie radio e Dj, nonche'dirigenti di varie reti TV ( vi siete chiesti perche' c'e' sempre la stessa gente in TV?E i gruppi indipendenti??)Non ho citato il costo dei diritti di autore anche del:Fotografo o studio fotografico che eventualmente ha fatto il servizio fotografico...Il grafico e/o illustratore che ha fatto disegni o cover ( sembra strano, ma c'e' del lavoro dietro un disco....) e anche il bravo artista prende delle royalty sulle vendite... Considerando che ci sono le spese di produzione per la creazione vera e propria del CD..preproduzione,registrazione,mastering,promo video,.....Naturalmente c'e' anche il povero rivenditore...che un suo guadagno lo vorrebbe fare...se no che ci sta a fare??sicuramente ho dimenticato qualcosa....- Scritto da: Giuseppe
      Scusate ..... ma quando ci vuole ci vuole
      !!!!
      Invece di versare lacrime , da coccodrillo,
      e lanciare accuse poco dimostrabili, vedano
      di giustificare la cifra di circa 40.000
      lire per un CD !!!!!!!!

      Giuseppe
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma allora hanno la faccia come...il c.... !!!!!

        ....1° salasso...SIAE, + di 1500 lire a copia
        2° 600 lire di supporto (CD)
        3° Stampa Copertina e Book interno( varia da
        dimensioni e colori ) ma costa piu' di 2000
        lire
        4° celofanatura ...anche questo ha un costo
        5° Spedizione e distribuzione.Mah.. da quello che so' io per esperienza diretta, la copia di CD-Rom con libretto, In-Lay card serigrafia in quadricromia e celofanatura costa c.a. 1200-1500 lire a copia per un numero minimo di 1000 pezzi. A questo si deve aggiungere il costo del Glass-master (500.000 lire) se il numero di copie e' inferiore a 5000 (dubito che un disco venga realizzato in meno di 5000 copie)altrimenti te lo fanno pure gratis.. :)
        6° Campagnia di promozione con ricche
        percentuali a varie radio e Dj,
        nonche'dirigenti di varie reti TV ( vi siete
        chiesti perche' c'e' sempre la stessa gente
        in TV?E i gruppi indipendenti??)

        Non ho citato il costo dei diritti di autore
        anche del:
        Fotografo o studio fotografico che
        eventualmente ha fatto il servizio
        fotografico...
        Il grafico e/o illustratore che ha fatto
        disegni o cover ( sembra strano, ma c'e' del
        lavoro dietro un disco....)
        e anche il bravo artista prende delle
        royalty sulle vendite...
        Considerando che ci sono le spese di
        produzione per la creazione vera e propria
        del
        CD..preproduzione,registrazione,mastering,pro
        Naturalmente c'e' anche il povero
        rivenditore...che un suo guadagno lo
        vorrebbe fare...se no che ci sta a fare??

        sicuramente ho dimenticato qualcosa....
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma allora hanno la faccia come...il c.... !!!!!
        - Scritto da: Nick

        ....1° salasso...SIAE, + di 1500 lire a copia
        2° 600 lire di supporto (CD)
        3° Stampa Copertina e Book interno( varia da
        dimensioni e colori ) ma costa piu' di 2000
        lire
        4° celofanatura ...anche questo ha un costo
        5° Spedizione e distribuzione.
        6° Campagnia di promozione con ricche
        percentuali a varie radio e Dj,
        nonche'dirigenti di varie reti TV ( vi siete
        chiesti perche' c'e' sempre la stessa gente
        in TV?E i gruppi indipendenti??)

        Non ho citato il costo dei diritti di autore
        anche del:
        Fotografo o studio fotografico che
        eventualmente ha fatto il servizio
        fotografico...
        Il grafico e/o illustratore che ha fatto
        disegni o cover ( sembra strano, ma c'e' del
        lavoro dietro un disco....)
        e anche il bravo artista prende delle
        royalty sulle vendite...
        Considerando che ci sono le spese di
        produzione per la creazione vera e propria
        del
        CD..preproduzione,registrazione,mastering,pro
        Naturalmente c'e' anche il povero
        rivenditore...che un suo guadagno lo
        vorrebbe fare...se no che ci sta a fare??

        sicuramente ho dimenticato qualcosa....
        E ALLORA PERCHE' NEGLI ALTRI PAESI COSTANO DI MENO I CD????????????QUESTO ME LO PUOI SPIEGARE?Vedrai che quando scoprono che non vendono tutti i "giullari" che ruotano attorno al mondo della musica si accontenteranno di meno soldiCon simpatia
  • Anonimo scrive:
    Qualità e promozione
    sia benedetta la diffusione delgi mp3! da quando ho lapossibilità di ascoltare _prima_ un album, non ho più comperato un solo disco che mi abbia deluso!forse è anche questo che non va giù alle majors: non possono più sperare di vendere dischi basandosi solo sulla promozione pubblicitaria, ora i consumatori comprano _solo_ quello che ritengono valido.
    • Anonimo scrive:
      Re: Qualità e promozione
      - Scritto da: Rek
      sia benedetta la diffusione delgi mp3! da
      quando ho lapossibilità di ascoltare _prima_
      un album, non ho più comperato un solo disco
      che mi abbia deluso!
      forse è anche questo che non va giù alle
      majors: non possono più sperare di vendere
      dischi basandosi solo sulla promozione
      pubblicitaria, ora i consumatori comprano
      _solo_ quello che ritengono valido.Quindi il calo delle vendite è dovuto al fatto che ultimamente fanno solo m...a.Come sospettavo...... chissa perchè ultimamente i CD più venduti sono i vari Greatest Hits degli artisti del passato.....
  • Anonimo scrive:
    "Impatto negativo?"
    Ma se non ho mai visto niente di più positivo! Le case discografiche dovrebbero fallire!
    • Anonimo scrive:
      Re:
      dovrebbe fallire anche l'azienda o ditta dove tu lavori, o dove lavora tuo padre, o la tua famiglia......- Scritto da: Veritas
      Ma se non ho mai visto niente di più
      positivo! Le case discografiche dovrebbero
      fallire!
      • Anonimo scrive:
        Re:
        - Scritto da: felix

        dovrebbe fallire anche l'azienda o ditta
        dove tu lavori, o dove lavora tuo padre, o
        la tua famiglia......Se continueranno ad esistere ladri come voi che fanno la cresta su qualsiasi cosa (vedi SIAE sui CD con software gratuito) non fallirò soltanto io, purtroppo... :-(((
  • Anonimo scrive:
    gli avevamo avvertiti
    E dire che gli avevamo avvertitiAbbassate i prezzi.. abbassate i prezzi.. guardate che cosi i cd non li compra nessuno..no no no no.. chiudiamo napster.ecco i risultati.Comunque sono contento.. anche se un calo dell'1% non è poi cosi terribile.. sono sicuro che in passato ci sono stati altri crolli ben più consistenti di questo anche senza napster..Mah!
    • Anonimo scrive:
      Re: "gli" avevamo avvertiti: quanto sei ignorante?
      - Scritto da: matteo
      E dire che gli avevamo avvertitiDove hai "studiato": per corrispondenza?"li" avevamo avvertiti: non "gli"!
  • Anonimo scrive:
    ...hanno ragione
    ...OK, hanno venduto meno ...e allora ?Anche Microsoft, Nokia, Del e un sacco di altra gente....Un calo dell' 1% non e' poi cosi allarmante...
    • Anonimo scrive:
      Re: ...hanno ragione
      infatti, è un calo ridicolo, che viene strumentalizzato dai ritardati mentali degli uffici stampa delle majors per dare addoso a napster e a chi copia i cd, i loro incubi notturni!!poi leggendo bene scopriamo che in Gran Bretagna le vendite invece sono aumentate..ma va a caghèr, allora...- Scritto da: Nick
      ...OK, hanno venduto meno ...e allora ?Anche
      Microsoft, Nokia, Del e un sacco di altra
      gente....
      Un calo dell' 1% non e' poi cosi
      allarmante...
  • Anonimo scrive:
    Il consumatore non è un ladro, ma neppure un fesso
    Nessuno (salvo qualche frangia di nullatenenti) si sognerebbe di farsi il paiolo per ricercare e scaricare qualche brano di musica (che non è mai della stessa qualità di quella dei CD) se i dischi fossero venduti a un prezzo equo.Ma, data l'esosità dei baroni delle note soprattutto in Italia, è giusto aggirare gli acquisti e fruire di un prodotto che, se pur imperfetto, ha comunque un ottimo rapporto qualità/prezzo. Tenuto anche conto dei costi di connessione tale rapporto (per chi ha qualche reminiscenza di matematica) tende all'infinito.Ergo: chi è causa del suo mal pianga se stesso.
  • Anonimo scrive:
    Voglio la musica Open Source
    Non sarebbe bello?. Faccio una bella canzone, la pubblico sotto licenza GPL e la distribuisco a mari e monti, in campagan ed in città, dappertutto, senza limiti. Gli altri potranno arrangiare sulle mie parole, sui miei scritti.Apriamo una casa discografica Open Source!
    • Anonimo scrive:
      Re: Voglio la musica Open Source

      Non sarebbe bello?. Faccio una bella
      canzone, la pubblico sotto licenza GPL e la
      distribuisco a mari e monti, in campagan ed
      in città, dappertutto, senza limiti.

      Gli altri potranno arrangiare sulle mie
      parole, sui miei scritti.

      Apriamo una casa discografica Open Source!Se fosse la prima casa discografica al mondo ok, ma sfortunatamente il mondo è pieno di gente che, una volta sentita la tua musica si piglia il giro che gli piace e ci fa i milioni alle tue spalle.Non intendo con questo difendere SIAE o altro, dico solo che concettualmente il pagamento di una prestazione (esecuzione o creazione) è cosa più che giusta. Il problema è che una volta questo era, ora s'è trasformato solo su speculazione delle capacità artistiche altrui...
    • Anonimo scrive:
      Re: Voglio la musica Open Source
      ...Usa un programma musicale come Logic Audio o Cubase VST e vau su rocketnetwork. Puoi farti lo studio in rete ,scambiarti i file ,far suonare gente che sta dalla parte opposta del mondo.http://www.rocketnetwork.com/- Scritto da: ©
      Non sarebbe bello?. Faccio una bella
      canzone, la pubblico sotto licenza GPL e la
      distribuisco a mari e monti, in campagan ed
      in città, dappertutto, senza limiti.

      Gli altri potranno arrangiare sulle mie
      parole, sui miei scritti.

      Apriamo una casa discografica Open Source!
  • Anonimo scrive:
    Lacrime di coccodirillo
    Si, è innegabile che il mercato discografico risenta dei danni economici per questo fenomeno incontrollabile definito pirateria, ma questo è il prezzo che paga oggi , per tutti i diritti negati agli artisti e al consumatore nel tempo, per tutte le "violenze" che perpetra quotidianamente nei confronti dei ragazzini dai 14 ai 18 anni, (l'unica specie protetta che compera ancora i dischi), spero ancora per poco.E allora viva l'arte di arrangiarsi, quando l'impero discografico sarà in ginocchio, verrà a chiederci scusa, magari abbassando il costo dei CD o, nella migliore delle ipotesi, ridando alla musica il suo giusto valore, quella dignità calpestata ormai da troppo tempo da produzioni che definisco da sempre esperimenti da laboratorio mal riusciti.
  • Anonimo scrive:
    Il vinile non si compra piu' a causa di Napster???
    Un'analisi intelligente, non c'e' che dire, quella dei managers della IFPI.Dovremo per forza aspettare il cambio generazionale: tranne alcuni isolatissimi over 40 illuminati, gli uomini alle leve di comando di queste monolitiche istituzioni (cosi' come quelli addetti alla cosa pubblica) sono del tutto incapaci di capire i concetti che soggiacciono alla rete, di vedere in prospettiva, di concepire nuovi scenari di business. Hanno a malapena imparato a maneggiare word & excel, non aspettiamoci troppo da chi è nato in un mondo senza computer, senza cellulari e con la tv in bianco e nero...GHIBlip.s.=Ovviamente questo ci sia di monito: e' un mondo che gira di corsa, e bisogna tenersi allenati....chissa' cosa ci aspetta tra vent'anni!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il vinile non si compra piu' a causa di Napster???
      GHIBli non crucciarti tanto...E' gente di altri tempi...- Scritto da: GHIBli
      Un'analisi intelligente, non c'e' che dire,
      quella dei managers della IFPI.

      Dovremo per forza aspettare il cambio
      generazionale: tranne alcuni isolatissimi
      over 40 illuminati, gli uomini alle leve di
      comando di queste monolitiche istituzioni
      (cosi' come quelli addetti alla cosa
      pubblica) sono del tutto incapaci di capire
      i concetti che soggiacciono alla rete, di
      vedere in prospettiva, di concepire nuovi
      scenari di business. Hanno a malapena
      imparato a maneggiare word & excel, non
      aspettiamoci troppo da chi è nato in un
      mondo senza computer, senza cellulari e con
      la tv in bianco e nero...

      GHIBli

      p.s.=Ovviamente questo ci sia di monito: e'
      un mondo che gira di corsa, e bisogna
      tenersi allenati....chissa' cosa ci aspetta
      tra vent'anni!
  • Anonimo scrive:
    VI STA BENE !
    questa è la conseguenza a anni di politiche di prezzo monopolistiche da parte delle majors, assolutamente non giustificate.VI STA BENE ! se la musica costava meno da sempre, non ci sarebbe stato bisogno di questo !
    • Anonimo scrive:
      Re: VI STA BENE !
      ma vai a °cagare....!- Scritto da: donax
      questa è la conseguenza a anni di politiche
      di prezzo monopolistiche da parte delle
      majors, assolutamente non giustificate.
      VI STA BENE ! se la musica costava meno da
      sempre, non ci sarebbe stato bisogno di
      questo !
      • Anonimo scrive:
        Re: VI STA BENE !
        Compimenti per la dialettica forbita e la spiegazione chiara delle tue idee.Come mi risponderai,con un "fanculo"??- Scritto da: Siae
        ma vai a °cagare....!

        - Scritto da: donax

        questa è la conseguenza a anni di
        politiche

        di prezzo monopolistiche da parte delle

        majors, assolutamente non giustificate.

        VI STA BENE ! se la musica costava meno da

        sempre, non ci sarebbe stato bisogno di

        questo !
Chiudi i commenti