Editoria, inizia la spartizione

Come previsto dalla legge, agevolazioni e contributi potranno arrivare anche a certi giornali elettronici, compresi quelli di partito. Anche se non sono letti
Come previsto dalla legge, agevolazioni e contributi potranno arrivare anche a certi giornali elettronici, compresi quelli di partito. Anche se non sono letti


Roma – In Gazzetta Ufficiale sono arrivate le norme con cui gli editori che rientrano in certi parametri si spartiranno agevolazioni e contributi previsti dalla legge sull’editoria, la contestatissima 62/2001.

Un decreto di attuazione, infatti, spiega che ai contributi potranno accedere anche i giornali elettronici dei partiti. Questi potranno godere delle agevolazioni, come i “colleghi” della carta stampata, se dispongono dell’appoggio di un gruppo parlamentare o di almeno due europarlamentari. Anche in questo caso, come già sulla carta, vengono dunque finanziate attività editoriali indipendentemente dall’esistenza o meno di un pubblico interessato alle stesse.

Questa è una delle numerose storture presenti nella nuova legge sull’editoria, che il Governo come noto considera ottima , che è stata rilevata ieri in una nota anche dall’ ADUC , l’associazione per i diritti dei consumatori e degli utenti. Secondo l’ADUC, il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale è significativo perché, in fondo, “l’aspetto principale di quella legge era proprio questo: come spartire i contributi dello Stato in considerazione delle nuove dinamiche e strumenti di comunicazione.”

Secondo ADUC, il mantenimento ad oltranza di strutture editoriali che non fanno i conti col mercato ma che sono sorrette dai contribuenti si traduce, tra l’altro, “per i giornalisti e aspiranti tali” in “presunte palestre di giornalismo dove ci si perfeziona o si impara a scrivere testi che saranno letti essenzialmente solo dai dirigenti dei partiti proprietari delle testate, senza alcun riscontro del gradimento”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

07 01 2002
Link copiato negli appunti