Editoria-SIAE: precisazioni di Masi

In una lettera a Punto Informatico, l'ufficio stampa del commissario straordinario della SIAE, Mauro Masi, fa alcune precisazioni sull'articolo pubblicato ieri dal quotidiano. Al centro: editoria e peer-to-peer
In una lettera a Punto Informatico, l'ufficio stampa del commissario straordinario della SIAE, Mauro Masi, fa alcune precisazioni sull'articolo pubblicato ieri dal quotidiano. Al centro: editoria e peer-to-peer


Roma – Mauro Masi, commissario straordinario della SIAE ed estensore della legge sull’editoria ha voluto scrivere a Punto Informatico per precisare alcune affermazioni riportate ieri dal quotidiano e tratte dall’intervista che lo stesso Masi aveva rilasciato a Clarence.com.

“In riferimento all’intervista apparsa da ieri 16 maggio su Clarence – si legge nella nota – il professor Mauro Masi specifica che le espressioni relative al dottor Franco Abruzzo (al quale, peraltro, ha già personalmente chiarito l’equivoco) sono frutto di un fraintendimento”.

Masi ribadisce invece i contenuti da lui espressi riguardo alla nuova legge sull’editoria sostenendo che non tutti coloro che scrivono sulla Rete devono sottostare alla normativa sulla stampa. “Non sono fondati – sottolinea Masi – i timori manifestati dal mondo di Internet. In realtà uno degli obiettivi della legge è proprio quello di favorire l’informazione sul web sia sul piano quantitativo che su quello qualitativo”.

Nella sua interpretazione della legge, Masi afferma: “Se non si vuole usufruire dei contributi non si è obbligati ad iscriversi al registro, né a sottostare alle altre disposizioni della nuova legge sull’editoria. Chi invece vuole accedere al credito agevolato o al credito d’imposta deve rispettare gli adempimenti richiesti e le altre norme generali previste per l’erogazione dei contributi pubblici”.

“Per quanto riguarda, invece, la questione del peer to peer – afferma la nota trasmessa ieri a Punto Informatico – evidentemente c’è nella risposta di Masi un refuso di stampa”. “Al posto di un ‘perché’ – continua la nota – doveva essere scritto un ‘sè che avrebbe permesso di leggere correttamente il senso della frase: “In linea di principio la tecnologia peer to peer non dovrebbe essere in violazione del diritto d’autore, se c’è l’assenso dell’autore all’utilizzo dell’opera”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 05 2001
Link copiato negli appunti