EFF, auto-difesa contro la cybersorveglianza

I dati sul proprio computer, quelli che viaggiano sulle reti, quelli che risiedono su database di terzi. Una guida di EFF aiuta i cittadini a proteggerli dalle intrusioni governative

Roma – Una guida per tutelare i propri dati personali di fronte agli sconfinamenti delle autorità pubbliche: è questo l’obiettivo del Surveillance Self-Defense Project di Electronic Frontier Foundation, lanciato in partnership con Open Society Institute . Vi si trovano informazioni e dritte su come difendere i dati sul proprio computer, lungo le reti telematiche, all’interno dei database di terzi.

Le ragioni che presiedono alla creazione della guida vengono espresse con grande chiarezza da Peter Eckersley, staff technologist presso la stessa EFF: “La rete è un grande aspirapolvere, che si porta via tutte le informazioni che lasciamo nei paraggi – spiega – Con il progetto vogliamo mostrare ai cittadini gli strumenti che possono impiegare per cifrare e anonimizzare i propri dati, nonché per difendersi da ogni forma di sorveglianza governativa”.

Di qui la scelta di una guida dettagliata, organizzata per sezioni tematiche, che secondo i responsabili del progetto può fornire risposte a due domande fondamentali: quali sono le strategie del governo in materia di sorveglianza sulle attività informatiche e telefoniche dei cittadini, e quali sono le contromisure che i cittadini possono prendere per tutelarsi.

Dopo una prima parte introduttiva, in cui vengono esplorati i concetti di sicurezza e risk management , il sito presenta tre capitoli, dedicato ciascuno ad una tipologia di dati. Il primo tratta dei rischi per i dati che risiedono sul computer dell’individuo, esaminando in dettaglio la normativa in materia e i “trucchetti” impiegabili dai cittadini per difendersi. A seguire, un lavoro analogo viene svolto con riferimento alle informazioni inviate lungo le reti di telecomunicazione (sia Internet che telefoniche) e poi sui dati personali contenuti all’interno dei database di terze parti.

Trasversalmente alle sezioni vengono poi offerte indicazioni e tips su temi come il security assessment dei propri dati, le strategie per massimizzare la propria protezione restando aderenti alle leggi federali, i singoli tool impiegabili per difendersi. “A dispetto dei reiterati casi di abuso dei propri poteri di sorveglianza che hanno costellato la storia del governo in questo paese, molti cittadini statunitensi sanno molto poco sulle tutele offerte loro dalla legge, o sui passi che possono compiere per difendersi” ha detto il responsabile dei servizi legali di EFF Kevin Bankston. “Questa guida offre ai cittadini una cassetta per gli attrezzi”.

Certo, in alcuni casi i consigli forniti sono puro buon senso (“Pensa prima di comunicare”, “Evita per quanto possibile di lasciare dati a terze parti”), ma anche in questo caso lo strumento è senza dubbio molto utile. Unico neo, allo stato corrente: il progetto non prevede alcun tipo di forum di discussione o blog.

L’attualità della guida – e dell’implicita denuncia – formulata da EFF è stata confermata nel passato recente da alcuni eclatanti casi di cronaca, tra cui quello relativo alle intercettazioni illegali da parte dell’Amministrazione Bush . Per sua parte Barack Obama, che durante la campagna elettorale si era espresso chiaramente a favore della neutralità della rete e contro ogni forma di controllo sui dati individuali, sembra intenzionato a continuare su questa linea anche nella sua funzione di presidente. O perlomeno, sostengono gli osservatori , sembra potersi leggere in questo senso la fresca nomina di Julius Genachowski a guida della Federal Communication Commission. Genachowski ha collaborato alla campagna elettorale di Obama, occupandosi proprio delle proposte riguardanti la tutela della net neutrality .

Giovanni Arata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Gabbrix scrive:
    Sempre la solita storia
    ragazzi io sono un patito dell'elettronica e dei pc come penso tutti qui in questo forum a tal punto da spendere anche tanti soldi per tenere aggiornato al massimo il mio pc.... solo che ora mi sono stufato e mi fermo a pensare un attimo .... Come mai la xbox ha un hardware non di M**** rispetto ad un normale pc ma di più che di M**** e tira i giochi in fullHD e totale cinema surround a 90 frame al secondo ???? e i pc hanno un Hardware a bordo di una potenza imbarazzante e non va mai un XXXXX a partire dai sitemi operativi??? Non sarebbe il caso di farli fallire no eh ? va bè...
    • Antonio Mela scrive:
      Re: Sempre la solita storia
      La risposta è insita nella stessa natura del mercato dei videogiochi su pc: le software house di adesso non sono più costituite da sparuti gruppi di amici che si trovavano in garage a programmare un gioco, adesso sono tutte multinazionali quotate in borsa, gestite da gente a cui non frega minimamente il valore artistico del prodotto, l'importante è tagliare i costi, produrre in tempi assai brevi (oramai il cosiddetto "orologio della morte" è un componente d'arredamento fondamentale in ogni ufficio in cui si ritrovano a lavorare i team di programmatori), incassare tanto in modo che si abbia qualche milione di dollari di utili per far contenti gli azionisti (e se il prodotto vende anche poco meno di quanto previsto il team di sviluppo viene dismesso ed eventuali sequel passano ad altri sventurati).Il risultato di ciò sono prodotti che potrebbero girare molto meglio anche su macchine datate se il loro codice fosse stato anche un po' ottimizzato (tanto a loro non frega, è dovere del consumatore comprare nuovo hardware che sarebbe pure sovradimensionato se accadesse quanto detto sopra), oltre alla caterva di bug che forse saranno sistemati con future patch (dico forse perché finché le vendite van bene le patch possono aspettare, al limite ci pensano gli utenti sul forum della compagnia a segnalare come risolvere i bug, così i programmatori e quelli del supporto tecnico fan meno fatica ad aiutare chi è in difficoltà, vedi Fallout 3 ad esempio: i comuni utenti/consumatori si sono organizzati per risolvere a costo zero per Bethesda molti bug del gioco in assenza di patch ufficiali).
    • blackshard scrive:
      Re: Sempre la solita storia
      beh xbox avrà hardware di XXXXX, ed infatti non tutti i giochi sono full-hd come risoluzione, alcuni infatti sono clamorosamente riscalati a risoluzione full-hd. Halo 3 mi pare che non è nemmeno "hd-ready", ma addirittura la risoluzione verticale è 640 linee o qualcosa del genere.Poi il framerate non è 90 fps, di solito sulle console il framerate è fisso sui 30fps.Una attuale scheda video da 100 euro ti fa girare tutto o quasi a risoluzioni quantomeno da "hd-ready" (tipo 1024x768) a framerate ben superiori ai soliti 30fps.
      • Kiuzzo scrive:
        Re: Sempre la solita storia
        No, non avete centrato del tutto il problema: non e' solo un problema di ottimizzazione software, ma soprattutto hardware. Anche se la XBOX ha hardware ormai vecchio, e' ottimizzata per lavorare SOLO in una idrezione: il videogioco. Tutto e' pensato in funzione di quello. Il pc invece risente della sua ecletticita', in termini di flessibilita' di calcolo. Semplicemente, non e' ottimizzato per un compito specifico. Tutto qui. Niente di che.. c'e' poco da dire, volete grafica assurda? console.. volete fluidita' di gioco a costo minimo per un tot di anni? console.. tutto qui. Senza stare a lamentarsi per il fatto che i giochi per pc siano poco ottimizzati. e' vero anche il discorso che ha fatto Antonio Mela, ma e' leggermete OT.saluti
        • Kiuzzo scrive:
          Re: Sempre la solita storia
          mi quoto da solo: aggiungo, data la quantita' di hardware e la velocita' con cui si sta evolvendo quella parte di mercato, avete MINIMAMENTE idea d i quanto sia non produttivo in termini di rapporto costi/benefici cercare di creare software ottimizzato per un determinato hardware? i giochi per XBOX costano, e c'e' un motivo. E costano per uno solo tipo di hardware. Moltiplicate quel costo (naturalmente il calcolo deve essere pesato, ovvio) per tutti i dispositivi (hardware , quindi) attualmente esistenti.. giochi a 300 euro? li comprate.. o meglio, non vi farebbe un po girare le palle?altra cosa, comprare giochi: le aziende perdono un sacco di soldi dalla pirateria... cosa che aggiunge altro peso al costo totale del gioco. E' un indennizzo..Ragionate solo un secondo..
  • Pino scrive:
    Con la mia GTX295 sto godendo!
    E' veramente una scheda spaziale!!!!!!!!!!!!!
  • Beppe scrive:
    Assorbimento?
    Tranttandosi di chip destinati ai portatili, le prestazioni sono ben elencate ma non si fa cenno ai consumi, se abbiano una doppia modalita "word e 3D" in modo da non dileguare tutta l'energia delle batterie in due minuti, sono senza dubbio dei chip potentissimi, persino troppo per un sistema "portable", se fossero anche risparmiosi di energia sarebbero fantastici, anche se dubito sulla seconda opzione....
    • ZIP scrive:
      Re: Assorbimento?
      E' sempre lo stesso g92b delle 9800gtx+ (che a sua volta e' lo stesso g92 delle 8800gt in versione 55nm), non e' un chip specificamente dedicato ai portatili...qualcuno tiene una lista di tutte le "nuove" schede di nvidia che montano lo stesso identico chip dall'ottobre 2007 (lancio 8800gt) ad oggi?
      • Beppe scrive:
        Re: Assorbimento?
        - Scritto da: ZIP
        E' sempre lo stesso g92b delle 9800gtx+ (che a
        sua volta e' lo stesso g92 delle 8800gt in
        versione 55nm), non e' un chip specificamente
        dedicato ai
        portatili...
        qualcuno tiene una lista di tutte le "nuove"
        schede di nvidia che montano lo stesso identico
        chip dall'ottobre 2007 (lancio 8800gt) ad
        oggi?A bene allora, non è un chip progettato per i portatili, molto bene, voglio vedere l'autonomia di gioco che si avrà su un portatile equipaggiato con questo chip, ma che senso ha avere un superchip che non puoi alimentare?
        • ZIP scrive:
          Re: Assorbimento?
          mi immagino dipenda dal concetto di portatile... pochissimi in realta' li usano fuori casa senza la spina collegata, molti li comprano perche' occupano meno spazio di un normale desktop o perche' hanno un'estetica piu' gradevole o perche' il commesso del supermercato li ha abbindolati in qualche modo.ci sono "portatili" con display da 22" in giro (transpallet incluso nella confezione).
          • ... scrive:
            Re: Assorbimento?
            e sono unaXXXXXta!io lavoro come consulente informatico e sotto il 17" non li guardo nemmeno i portatili.un 22" rimane comunque portatile in quanto1) ci sta' benissimo in macchina per il viaggio da casa all'ufficio2) non ha cavi cavetti o ammenicoli da montare, lo apri e lo accendi3) ha una maniglia per portarlo e in una borsa grande ci sta' luie l'alimentatore.è un mercato di nicchia sicuramente ma ha un suo perche'.
          • Cryon scrive:
            Re: Assorbimento?
            - Scritto da: ...
            e sono unaXXXXXta!
            io lavoro come consulente informatico e sotto il
            17" non li guardo nemmeno i
            portatili.
            un 22" rimane comunque portatile in quanto
            1) ci sta' benissimo in macchina per il viaggio
            da casa
            all'ufficio
            2) non ha cavi cavetti o ammenicoli da montare,
            lo apri e lo
            accendi
            3) ha una maniglia per portarlo e in una borsa
            grande ci sta'
            lui
            e l'alimentatore.

            è un mercato di nicchia sicuramente ma ha un suo
            perche'.bhè anch'io quando ero consulente avevo il mio bel portatile 17" slo che tra una cosa e l'altra pesava quasi 15 chili e non erano poi così comodi da portare! ^^e poi cmq per lavoro che mi serve avere una scheda che può far girare gli ultimi giochi?ovvio che se voglio giocare utilizzando un unico sistema è una soluzione ma io ho sempre preferito avere sistemi differenti tra casa ed ufficio per avere il necessario quando lavoro ma avere il massimo (o quasi) quando sono a casa e voglio giocare.senza contare gli aggiornamenti hardware! ;)
      • guast scrive:
        Re: Assorbimento?
        Visto che sono uscite il giorno dopo la presentazione delle nuove schede AMD è chiaramente una operazione di marketing. Era un piccolo aggiornamento pronto da tempo da usare solo per controbattere AMD.Quanto a una scheda con consumi migliori bisognerà aspettare per i veri aggiornamenti. Per ora quindi straparlano di prestazioni
        • blackshard scrive:
          Re: Assorbimento?
          Beh, piazzano un chip vecchissimo (credo abbia 2 anni o di più) pensato per desktop in un portatile, gli cambiano nome in qualcosa di più figo (peccatto che la vera gtx 280 per desktop abbia qualcosa come il DOPPIO delle unità esecutive) e voilà! Vecchio progetto, nuovo prodotto, giusto per infinocchiare quei quattro incompetenti che se lo compreranno...
Chiudi i commenti