EFF, la Cina e i sette giganti IT

Si punta il dito contro un pugno di aziende statunitensi sospettate di aver fornito alle autorità di Pechino strumenti di tecnocontrollo. Con molti profitti e scarso rispetto per i diritti umani
Si punta il dito contro un pugno di aziende statunitensi sospettate di aver fornito alle autorità di Pechino strumenti di tecnocontrollo. Con molti profitti e scarso rispetto per i diritti umani

C’è un recente articolo apparso sul sito ufficiale di Electronic Frontier Foundation (EFF) che ha chiamato in causa sette corporations of interest , da tenere sotto controllo perché ritenute intrattenere oscuri rapporti commerciali con la Cina, in esportazioni di svariate tecnologie di sorveglianza e censura . Aziende del calibro di Cisco, Motorola e Oracle sarebbero dunque per EFF sotto indagine: nessuna accusa formale, nessuna certezza, solo densi sospetti.

Nell’articolo in questione EFF si è innanzitutto mostrata particolarmente soddisfatta delle recenti dichiarazioni del Segretario di Stato statunitense Hillary Clinton, che aveva fatto pressioni sul settore privato affinché pensasse a tutelare la libertà d’espressione sempre al di sopra del facile e immediato profitto economico. Ma – stando alle parole di EFF – Clinton si era rivolta a colossi dei media come Google e Yahoo!.

Bisognerebbe invece prestare attenzione ad alcune aziende statunitensi impegnate nel settore della tecnologia, dell’IT. A partire da Cisco , che sarebbe stata certamente al corrente degli utilizzi a sfondo repressivo dei suoi prodotti esportati nel paese asiatico. Stando a quanto riportato dal Guardian , si tratterebbe di un giro d’affari che varrebbe oltre 350 milioni di euro l’anno .

Nella lista dei cattivi di EFF c’è anche Oracle : un terzo del suo business in Cina sarebbe condotto in stretta relazione con il governo. Poi, Motorola , che avrebbe venduto alle autorità di Pechino una serie di dispositivi mobile da girare al corpo di polizia con lo scopo di controllare le attività dei cittadini cinesi.

Per EFF , si tratterebbe soltanto di piccoli pezzi di un più vasto puzzle, quasi certamente comprendente un numero ben maggiore delle sette aziende citate (tra le altre, Nortel, EMC e Sybase ). Queste dovrebbero – ha poi concluso l’articolo – denunciare pubblicamente tutti i dettagli delle proprie attività in Cina, dal tipo di tecnologie vendute al loro scopo ultimo, dai guadagni ottenuti ai propositi per il futuro.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

02 02 2010
Link copiato negli appunti