Effetti "Dolby" sui cellulari

Il "mitico" Thomas Dolby si lancia sui cellulari che integrano la sua tecnologia audio. Niente home theater, ma qualche effettino Beatnik per il gioco ed il Web

San Mateo (USA) – Thomas Dolby, questo e niente di meno è il nome che sta dietro la prossima piattaforma audio per dare al cellulare e alle piattaforme wireless un nuovo “mondo” di effetti sonori.

Dolby, notissimo musicista e cuore pulsante di alcune delle più importanti innovazioni nel settore delle tecnologie audio, vuole proporre al mondo della telefonia mobile e del wireless la versione “lite” della tecnologia che ha sviluppato assieme alla sua Beatnik.

Il “porting” della piattaforma Dolby sarà assicurato dal gigante dei chippetti wireless, Texas Instruments, che ne implementerà alcune funzionalità in hardware.

Non è ancora ben chiaro che tipo di effetti audio verranno integrati nel nuovo chip di TI, ma Dolby parla di un motore audio in grado di esaltare ed aggiungere effetti sonori al gioco mobile e migliorare la navigazione vocale dei siti Web.

L’azienda di Dolby si è mossa già da qualche tempo sul mercato wireless, dove conta di portare algoritmi di compressione e di ottimizzazione del suono che possano migliorare l’utilizzo dei dispositivi mobili nel campo delle applicazioni business ed entertainment.

Texas Instruments, che produce quasi la metà dei chip per cellulari oggi in commercio, ha spiegato di ritenere che i primi telefoni mobili dotati delle nuove funzionalità audio potranno essere sul mercato già entro la fine del 2001.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Basta!
    E mo' basta con 'ste ca...te! E' come avere la foto di Pippo Baudo sopra il televisore... mi dite a che serve???? L'unica cosa veramente utile, cioe' un player di CD-Mp3 da auto FUNZIONANTE ancora non s'e' vista (lasciamo perdere quello dell'AIWA che costera' anche poco ma e' di fatto inutilizzabile).Qualcuno mi spieghi a che serve una boiata del genere se non a far fuori un po' di componenti che prendevano polvere nei magazzini della Philips...
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta!

      L'unica cosa veramente utile, cioe' un
      player di CD-Mp3 da auto FUNZIONANTE ancora
      non s'e' vista Hai ragione... ma guarda un po ISS-AMERICA....Secondo me è una figata.... c'è su MP3car.com.Autoradio modello estraibile a forma di Harddisk estraibile. La togli dalla macchina, la metti sul PC, ci carichi i dati come fosse un HD esterno. E in più c'è la versione senza HD, così ci metti dentro un HD ide magari vecchio... tanto anche con 1.3Gb ne hai di posto....Lo metti nascosto, lo attacchi ad un'autoradio con l'entrata AUX, ci metti il controller esterno (stupendo) e secondo me fa la suo figura.Io non ce l'ho, magari non va neanche bene, però a vederlo in foto..... E' da 3 mesi che ci sto' facendo un pensierino.Poi... se penso che un sintolettore normale costa sulle 3/400.000, non penso ci voglia un grande sforzo a inserire un chippino che decodifica MP3.Eppure..... secondo me è dovuto al fatto che le major delle autoradio sono anche proprietarie di case discografiche. Sai il calo delle vendite.Finorqa Aiwa e Kenwood solamente anno realizzato autoradio con MP3.Kenwqood dicono che va bene... ma... non ti dico il costo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Basta!
        - Scritto da: l


        L'unica cosa veramente utile, cioe' un

        player di CD-Mp3 da auto FUNZIONANTE
        ancora

        non s'e' vista

        Hai ragione... ma guarda un poHai ragione si, e mettici anche tra i catorci il lettore portatile Olidata cd/mp3 (che e' poi lo stesso di quello Waitec), non legge 3 cd su 4, e quando li legge ci mette un tempo esagerato x leggerli, muoversi nelle tracce, skippare... e poi salta, gli mp3 fanno suonacci. bah , squallore.ormai mp3 e internet fanno notizia e quindi bisogna x forza infilarlo (MALE) ovunque. a quando il microonde che riproduce gli mp3 ???e poi si parla di connessione con internet a banda larga. in italia l'unica cosa larga che ci sono sono le pa..e... che ci siamo fatti ad aspettarla.....
Chiudi i commenti