Egitto, gravissimo caso di censura web

Rete in tumulto per la decisione delle autorità egiziane di arrestare un celebre blogger, notissimo nel suo paese. Già partite alcune iniziative, compresi petizione internazionale e Googlebombing

Roma – Le autorità egiziane questa volta l’hanno fatta grossa: l’arresto lo scorso 7 maggio del celebre blogger egiziano Alaa Abd El-Fatah sta infatti sollevando molta più attenzione di quanto probabilmente preventivato dall’efficiente polizia de Il Cairo.

La notizia, diffusa da Human Rights Watch , sta rapidamente facendo il giro della rete. Nei giorni scorsi la polizia ha infatti arrestato Alaa insieme ad altri 10 attivisti superando così quota 100 negli arresti nelle ultime due settimane di cittadini che si battono per la libertà di espressione.

Il presidente egiziano “Metà degli arrestati – spiega l’organizzazione internazionale sui diritti umani – sono membri della Fratellanza Musulmana che distribuiscono volantini e affiggono poster contro l’estensione decisa il 30 aprile per altri due anni delle leggi di emergenza”. Si tratta di leggi che restringono sostanzialmente la libertà degli egiziani e che sono in vigore dal 1981, da quando è arrivato al potere il presidente Hosni Mubarak (nella foto). Secondo il vicedirettore della divisione mediorientale di Human Rights Watch, Joe Stork, “questi nuovi arresti indicano che il presidente Mubarak intende costringere al silenzio tutta l’opposizione pacifica”.

Se tre degli arrestati sono stati rilasciati poco dopo il fermo, questo non è accaduto ad Alaa, un blogger che ha acquisito fama internazionale non solo per le sue battaglie, l’ultima delle quali rivolta proprio alla liberazione degli arrestati di queste settimane, ma anche per aver realizzato un sito, manalaa.net , studiato per “raccogliere” la blogosfera egiziana e avvicinare le molte voci, spesso isolate, dei sostenitori delle libertà civili. Anche per questo lo scorso dicembre Alaa era stato premiato da Reporters sans frontières con l’award Best of Blogs . Sul suo capo, ora, pesano accuse che vanno dalla turbativa dell’ordine pubblico alla diffusione di notizie false, alla sedizione fino alle ingiurie al presidente.

Il blogger arrestato E mentre una parte degli arrestati ha iniziato uno sciopero della fame in molti sulla rete si mobilitano. È partita già una campagna che chiede a tutti di sottoscrivere una petizione sostenuta anche da HAMSA (Hands Across the Mideast Support Alliance), un documento che verrà trasmesso al Primo ministro egiziano, al ministro degli Interni e agli ambasciatori egiziani negli USA.

Molti i siti che in queste ore vanno pubblicando i banner della mobilitazione, come quello pubblicato qui a fianco, che ritraggono Alaa. Altre iniziative in corso comprendono un’ operazione di Googlebombing sul termine Egypt in modo tale che il primo risultato su Google con la parola Egypt dia la home page del blog Free Ala che in queste ore dà conto delle diverse iniziative in atto. Il Googlebombing, come noto, consiste nella promozione di certi termini associati a determinati link da parte di molti siti, un’operazione che finisce per condizionare i risultati di Google.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma visto che è un ufologo...
    ...non bastava applicare un TSO? :D :D :D(troll2)(cylon)(rotfl)
    • VxV scrive:
      Re: Ma visto che è un ufologo...
      - Scritto da:
      ...non bastava applicare un TSO? :D :D
      :D(troll2)(cylon)(rotfl)Se pensi che gli ufologi, in quanto tali, siano malati di mente forse devi rivedere un attimino le tue conoscenze in materia...
  • Anonimo scrive:
    l'impero (non britanico) colpisce ancora
    peccato che di jedi manco l'ombra quindi
  • Anonimo scrive:
    Senso unico
    Senza entrare nel merito dei reati commessi dal cracker e dalla sentenza del giudice britannico, mi domando "par condicio" se e quando sarà possibile estradare quei cittadini a stelle e strisce che sono responsabili di fatti ben più atroci (mi riferisco ai fatti del Cermis e a Callipari).Cordialità
    • Anonimo scrive:
      Re: Senso unico

      mi riferisco ai fatti del Cermis Assolti giusto qualche anno fa, i vari processi erano una presa per il culo e dovevano stare in piedi finche' la faccenda perdevadi visibilita'.Idem riguardo al caso della bambina stuprata a Vicenza da un soldato della base nella zona; avevano detto che sarebbe stato processato da una corte italiana poi passato il ciclone l'hanno trasferito.
    • Anonimo scrive:
      Re: Senso unico
      Hai perfettamente ragione....
    • Anonimo scrive:
      Re: Senso unico
      - Scritto da:
      Senza entrare nel merito dei reati commessi dal
      cracker e dalla sentenza del giudice britannico,
      mi domando "par condicio" se e quando sarà
      possibile estradare quei cittadini a stelle e
      strisce che sono responsabili di fatti ben più
      atroci (mi riferisco ai fatti del Cermis e a
      Callipari).

      CordialitàMi trovi in perfetto accordo..per non parlare poi delle innumerevoli basi Nato in cui i soldati Americani possono fare quello che vogliono e rifugiarvisi tranquillamente (vedi appunto il Cermis).
  • Anonimo scrive:
    BUTTARE VIA LA CHIAVE
    le perone così biosgna solo improgionarle, e buttare via la chiave.Gli hacker causano solo dei danni, quante vlte ho dovuto reinstallare windows per colpa dei loro virus. Una volta tanto le cose funzionanno
    • Anonimo scrive:
      Re: BUTTARE VIA LA CHIAVE
      Ma tu credi che un hacker perda tempo nel frugare nel TUO pc a vedere le foto del tuo cagnolino ? o della donnina poco vestita che hai messo nella cartella "segretissimo personale che nessuno deve vedere eccetto me" ?Mi sa invece che sei un'impedito alle prime armi... piantala di andare di nascosto nei siti porno, la maggior parte delle porcherie che entrano nel tuo pc arrivano da li, arrivano anche da giochini rifilati dall'amico.Oggi lo sanno tutti, che per essere un po protetti ci vuole Antivirus (elimina programmi che potrebbero infierire su altri programmi o files senza il tuo consenso) e Firewall (blocca l'accesso alle intrusioni, ma solo al livello di programma non di casa tua).Vedi un po la situazione dall'altra parte, uno cerca informazioni, le trova senza divieti o password(a quanto dice lui), di fronte a lui c'è un'istituzione con tanto di cravattari, pagati fior fior di quatrini, che pavaneggiono vantandosi di guerre al terrorismo e sicurezza nazionale, che s'intascano i quatrini, invece di spenderli in protezioni adeguate.Loro sono dalla parte del potere e non devono fare brutta figura, allora sto povero figliolo incappato volente o nolente davanti alla porta sbagliata, adesso passa per... fratello di bin ario, o bin lader... brutto cattivone!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: BUTTARE VIA LA CHIAVE
        - Scritto da:
        Ma tu credi che un hacker perda tempo nel frugare
        nel TUO pc a vedere le foto del tuo cagnolino ? o
        della donnina poco vestita che hai messo nella
        cartella "segretissimo personale che nessuno deve
        vedere eccetto me"
        ?

        Mi sa invece che sei un'impedito alle prime
        armi... piantala di andare di nascosto nei siti
        porno, la maggior parte delle porcherie che
        entrano nel tuo pc arrivano da li, arrivano anche
        da giochini rifilati
        dall'amico.

        Oggi lo sanno tutti, che per essere un po
        protetti ci vuole Antivirus (elimina programmi
        che potrebbero infierire su altri programmi o
        files senza il tuo consenso) e Firewall (blocca
        l'accesso alle intrusioni, ma solo al livello di
        programma non di casa
        tua).

        Vedi un po la situazione dall'altra parte, uno
        cerca informazioni, le trova senza divieti o
        password(a quanto dice lui), di fronte a lui c'è
        un'istituzione con tanto di cravattari, pagati
        fior fior di quatrini, che pavaneggiono
        vantandosi di guerre al terrorismo e sicurezza
        nazionale, che s'intascano i quatrini, invece di
        spenderli in protezioni
        adeguate.

        Loro sono dalla parte del potere e non devono
        fare brutta figura, allora sto povero figliolo
        incappato volente o nolente davanti alla porta
        sbagliata, adesso passa per... fratello di bin
        ario, o bin lader... brutto
        cattivone!!!be tutto vero eccetto una cosa l'introsione nei sistemi informatici altrui è reato punibile dalla legge.non nascondiamoci dietro specchi di carta chi viola la legge deve essere punitoil fatto che non metto la catena alla moto non autorizza nessuno a rubarmelal'incompetenza delle persone di cui parli sara punita in altro modo, probabilmente con la perdita del posto di lavoroe visto che configurare male una rete non è reato non capisco proprio cos'altro aspettarsiun secondo appunto: dici che bisogna avere un antivirus e un firewall (sono d'accordo) ma l'hacking è l'azione di penetrare all'interno del tuo pc con o senza queste difese e con o senza difese è un reatoil case-study te lo puoi fare pure su una rete domestica se invece vai a rompere le scatole a reti reali allora non ci sono più giustificazioni quello è un reato
        • Anonimo scrive:
          Re: BUTTARE VIA LA CHIAVE

          non nascondiamoci dietro specchi di carta chi
          viola la legge deve essere
          punito
          il fatto che non metto la catena alla moto non
          autorizza nessuno a
          rubarmela
          l'incompetenza delle persone di cui parli sara
          punita in altro modo, probabilmente con la
          perdita del posto di
          lavoro
          e visto che configurare male una rete non è reato
          non capisco proprio cos'altro
          aspettarsi
          un secondo appuntostate perdendo di vista la situazione.In pratica lui ha frugato su 12 macchine malprotette in cerca di informazioni, non ha rubato dati e non ha danneggiato o cancellato dati, e' come se trovato un buco su un muro sia entrato, si sia fatto il giro nel parco interno piu' volte senza calpestare le aiuole per scoprire cosa c'e' dentro e poi se ne sia andato via come e' entrato pero' adesso finisce sotto una corte militare dove e' probabile che becchi da 30 a 70 anni e un buon 30% possibilita' di farsi tutta questa detenzione a Guantanamo (per favore approfondite le news online qualche volta).Adesso vi domando che fine ha fatto la proporzionalita' fra delitto e pena!!Ma gli Usa non dovevano essere un paese portatore di democrazia?Non era la Cina che effettuava le esecuzioni negli stadi per dare l'esempio?
          • Riot scrive:
            Re: BUTTARE VIA LA CHIAVE

            Adesso vi domando che fine ha fatto la
            proporzionalita' fra delitto e
            pena!!Non esiste più da molto tempo.Dovrebbero scrivere "la legge è uguale per tutte le persone di pari reddito".
            Ma gli Usa non dovevano essere un paese portatore
            di
            democrazia?Infatti. Ma a forza di esportarla in USA l'hanno finita ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: BUTTARE VIA LA CHIAVE
            - Scritto da:



            non nascondiamoci dietro specchi di carta chi

            viola la legge deve essere

            punito

            il fatto che non metto la catena alla moto non

            autorizza nessuno a

            rubarmela

            l'incompetenza delle persone di cui parli sara

            punita in altro modo, probabilmente con la

            perdita del posto di

            lavoro

            e visto che configurare male una rete non è
            reato

            non capisco proprio cos'altro

            aspettarsi

            un secondo appunto

            state perdendo di vista la situazione.non credo
            In pratica lui ha frugato su 12 macchine
            malprotette in cerca di informazioni,e questo è reato!violi la legge = paghi le conseguenzeche le macchine siano mal protette non costituisce attenuante.non devo mettere trappole e mine antiuomo nel gardino di casa per essere protetto dalla legge contro i ladri
            non ha
            rubato datiquesto chi lo dice?
            e non ha danneggiato o cancellato
            dati,non mi frega molto.la legge dice che è vietato anche solo entrare nelle macchine altruipoi pensa su macchine di quel tipo che potrebbero avere dati di 'sicurezza nazionale'
            e' come se trovato un buco su un muro sia
            entrato, si sia fatto il giro nel parco interno
            piu' volte senza calpestare le aiuole per
            scoprire cosa c'e'in ambito militare questo è un reato gravissimo
            dentro e poi se ne sia andato
            via come e' entrato pero' adesso finisce sotto
            una corte militarebastava pendarci prima e non fare reati su server militari e vedi che non ci finiva sotto una corte militare
            dove e' probabile che becchi
            da 30 a 70 anni e un buon 30% possibilita' di
            farsi tutta questa detenzione a Guantanamo (per
            favore approfondite le news online qualche
            volta).guantanamo è una vergogna per la razza umana!!!
            Adesso vi domando che fine ha fatto la
            proporzionalita' fra delitto e
            pena!!ma questo è un'altro discorso.la proporzionalità di pena non è mai esistitaper un mp3 preso in p2p ti prendi 3 anni di carcere e per evasioni miliardarie di rifai la leggein una discussione tiri uno schiaffo e ti prendi anni di condanna poi se con la macchina uccidi qualcuno ti ritirano la patentesi potrebbe andare avanti per oreil punto è che la proporzionalità non c'è mai stata.quello che bisognerebbe fare è protestare per la mancata proprorzionalità della penastrano però che certe cose vi tocchino solo quando si parla di mp3 o dell'ennesimo deliquente che viola le reti
            Ma gli Usa non dovevano essere un paese portatore
            di
            democrazia?(rotfl)
            Non era la Cina che effettuava le esecuzioni
            negli stadi per dare
            l'esempio?be qui non si sta giustiziando nessuno (per ora)
      • Anonimo scrive:
        Re: BUTTARE VIA LA CHIAVE
        - Scritto da:
        Mi sa invece che sei un'impedito alle prime
        armi... piantala di andare di nascosto nei siti
        porno, la maggior parte delle porcherie che
        entrano nel tuo pc arrivano da li, arrivano anche
        da giochini rifilati
        dall'amico.Certo che a maleducazione, boria e autostima sei proprio un campione... Torna a farti le pippe davanti al tuo PC, che conosci perfettamente, e rifatti vivo quando l'educazione ti sarà entrata nella testa.Saper installare l'antivirus non ti da il diritto di insultare la gente che, per quanto ne puoi sapere tu, pivello borioso, potrebbe avere una cultura vicino alla quale le tue nozioni sono acqua fresca.
        Loro sono dalla parte del potere e non devono
        fare brutta figura, allora sto povero figliolo
        incappato volente o nolente davanti alla porta
        sbagliata, adesso passa per... fratello di bin
        ario, o bin lader... brutto
        cattivone!!!Sto povero figliolo ha fatto una cosa che non doveva fare. Pagherà le conseguenze di quello che ha fatto o sei convinto che un trentenne non sappia che a questo mondo forzare, anche in modo semplice, un server della NASA non è un'azione ben vista?O ci nascondiamo sempre dietro alla convinzione che se uno ruba lo fa perchè il padrone di casa doveva essere più attento?Se ti entrano in casa, e tu hai tapparelle blindate e antifurto, cani e telecamere, e ti svuotano anche i cassetti della cucina cosa fai? chiedi la libertà per il ladro che è stato così bravo da fregarti oppure chiedi che gli diano 50 vergate sotto le piante dei piedi?Ma dai, per favore, pensa prima di parlare!
        • Anonimo scrive:
          Re: BUTTARE VIA LA CHIAVE
          - Scritto da:

          Sto povero figliolo ha fatto una cosa che non
          doveva fare. Pagherà le conseguenze di quello
          che ha fatto o sei convinto che un trentenne
          non sappia che a questo mondo forzare, anche
          in modo semplice, un server della NASA non è
          un'azione ben vista?
          O ci nascondiamo sempre dietro alla
          convinzione che se uno ruba lo fa perchè il
          padrone di casa doveva essere più attento?Qui non si parla di punire o meno! Qui si parla di punire secondo le leggi Inglesi o Americane. Se lo processi in UK è punito in un certo modo, se lo processi in USA in un altro che lui può legittimamente non conoscere perchè non è americano non vive in USA. Inoltre il reato è stato commesso in UK, non lo ha commesso in USA e poi è scappato (come Do Nascimento per il quale sarebbe giusto chiedere l'estradizione).

          Se ti entrano in casa, e tu hai tapparelle
          blindate e antifurto, cani e telecamere, e ti
          svuotano anche i cassetti della cucina cosa
          fai? Chiedi la libertà per il ladro che è
          stato così bravo da fregarti oppure chiedi
          che gli diano 50 vergate sotto le piante dei
          piedi?Sbaglio o le vergate qua in Italia non sono ammesse?, Dai, telebano, se pretendi di predicare bene, almeno comportati altrettanto bene (almeno nello stesso POST!)

          Ma dai, per favore, pensa prima di parlare!Anche tu.................Enrico (c64) (linux)
          • Anonimo scrive:
            Re: BUTTARE VIA LA CHIAVE
            - Scritto da:
            Qui non si parla di punire o meno! Qui si parla
            di punire secondo le leggi Inglesi o Americane.
            Se lo processi in UK è punito in un certo modo,
            se lo processi in USA in un altro che lui può
            legittimamente non conoscere perchè non è
            americano non vive in USA. Inoltre il reato è
            stato commesso in UK, non lo ha commesso in USA e
            poi è scappato (come Do Nascimento per il quale
            sarebbe giusto chiedere
            l'estradizione).Beh, la questione del "dove viene commesso il reato" su Internet può avere molte interpretazioni. Violare un server italiano dalle isole cayman è un reato per l'italia ma non per le cayman... dunque non è perseguibile? Questo significherebbe che gli hacker russi (quelli che estorcono denaro minacciando DDOS) se si trasferissero in uno stato dove questa pratica non è reato potrebbero non essere perseguibili...Io credo che se tu, da casa tua, distruggi un server in Libia, hai commesso un atto illegale in Libia e li devi venire perseguito.Allo stesso modo altrimenti telefonando dalle Cayman (che non è detto siano un paradiso per i banditi, è solo un esempio) per chiedere il riscatto di un rapimento non avresti commesso alcun reato se la legislazione del posto non lo prevede...E' una questione delicata... Io credo sia giusto che venga punito laddove ha creato il danno, come se avesse "lanciato un missile a distanza"... E' dove il missile è caduto che è giusto che venga processato e condannato...
    • Anonimo scrive:
      Re: BUTTARE VIA LA CHIAVE
      - Scritto da:
      le perone così biosgna solo improgionarle, e
      buttare via la
      chiave.
      Gli hacker causano solo dei danni, quante vlte ho
      dovuto reinstallare windows per colpa dei loro
      virus. Una volta tanto le cose
      funzionannoGuarda tu... io butterei te in galera anziché lui... per pura e semplice incompetenza e per essere così un rischio per tutti gli altri.
    • Anonimo scrive:
      Re: BUTTARE VIA LA CHIAVE
      - Scritto da:
      le perone così biosgna solo improgionarle, e
      buttare via la
      chiave.
      Gli hacker causano solo dei danni, quante vlte ho
      dovuto reinstallare windows per colpa dei loro
      virus. Una volta tanto le cose
      funzionannoGià, e ad uno che ti entra in casa di notte e ti ammazza la moglie o il figlio invece concediamo la libertà vigilata. Andiamo pure avanti così ...
      • Anonimo scrive:
        Re: BUTTARE VIA LA CHIAVE
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        le perone così biosgna solo improgionarle, e

        buttare via la

        chiave.

        Gli hacker causano solo dei danni, quante vlte
        ho

        dovuto reinstallare windows per colpa dei loro

        virus. Una volta tanto le cose

        funzionanno

        Già, e ad uno che ti entra in casa di notte e ti
        ammazza la moglie o il figlio invece concediamo
        la libertà vigilata. Andiamo pure avanti così
        ...Quoto.In questo paese stiamo davvero perdendo (tra le altre cose) il senso delle proporzioni ...
    • Anonimo scrive:
      Re: BUTTARE VIA LA CHIAVE
      - Scritto da:
      le perone così biosgna solo improgionarle, e
      buttare via la
      chiave.
      Gli hacker causano solo dei danni, quante vlte ho
      dovuto reinstallare windows per colpa dei loro
      virus. Una volta tanto le cose
      funzionannoQuello che è capitato a lui potrebbe benissimo capitare anche a te. Usare dei computer di 'sti tempi comporta dei rischi ...Inoltre, se dopo il primo virus che ti ha fatto sudare ci sei ricascato molte altre volte forsesarebbe il caso che tu ti attrezzassi meglio,specie se le tue macchine contengono datipersonali o sensibili, perchè esistono anche ireati di incuria e di colpa.In 25 anni di informatica (si, sono vecchio) ame nessun virus ha mai fatto nessun danno, lospam lo filtro praticamente tutto e il phishingè inesistente. Vedi un pò tu ...La maggior parte delle leggi che riguardano ilsettore informatico vengono fatte in nome di benaltri interessi che non l'integrità dei sistemiinformatici o la difesa della "pubblica morale"(basta guardare 10 minuti di TV negli orari adelevato ascolto per convincersi che di questanon frega nulla a nessuno).E tieni a mente: può capitare benissimo anchea te, e senza neppure che tu te la vada acercare più di tanto ...
    • Anonimo scrive:
      Re: BUTTARE VIA LA CHIAVE
      Possiamo mandargli anche il cesarone nazionale?Almeno la se mettono qualcuno in galera ci RESTA!!! :D
    • Anonimo scrive:
      Re: BUTTARE VIA LA CHIAVE
      Io penso in casi di questa gravità (nel senso che la pena inflitta potrebbe disintegrare una persona) dovrebbe essere quantomeno considerato l'argomento del 'personal gain'. Intendo dire che se la persona che ha violato le macchine NON lo ha fatto per guadagnarci e NON ha provocato danni (esclusi ovviamente quelli derivanti dai costi di forensiche, pen testing ed eventuale, sacrosanto, hardening) dovrebbe essere trattato in maniera differente da un phisher. Ovvio è che invece, la spia industriale o colui che cmq cerca un vantaggio dalle sua azioni di hacking (si f*tta la differenziazione tra hacker e cracker) debba essere trattato alla stregua di un delinquente comune, in quanto commette reati comuni usando una tastiera al posto di una pistola. Il punto è che chi fa hacking per guadagno personale ad un certo livello mette in piedi tutta una serie di protezioni che rendono estremamente difficile e costoso il tracciarlo, al punto di essere pressocchè impossibile.E' quindi evidente che per persone che di tecnologia e di hacking non capiscono nulla e che non riescono MAI a beccare chi la fa veramente sporca, sia molto più semplice e reditizio fare un ragionamento di 'pena dimostrativa' e provare a curare i sintomi, invece che la malattia.
      • Anonimo scrive:
        Re: BUTTARE VIA LA CHIAVE
        - Scritto da:
        Io penso in casi di questa gravità (nel senso che
        la pena inflitta potrebbe disintegrare una
        persona) dovrebbe essere quantomeno considerato
        l'argomento del 'personal gain'.


        Intendo dire che se la persona che ha violato le
        macchine NON lo ha fatto per guadagnarci e NON ha
        provocato danni (esclusi ovviamente quelli
        derivanti dai costi di forensiche, pen testing ed
        eventuale, sacrosanto, hardening) dovrebbe essere
        trattato in maniera differente da un phisher.


        Ovvio è che invece, la spia industriale o colui
        che cmq cerca un vantaggio dalle sua azioni di
        hacking (si f*tta la differenziazione tra hacker
        e cracker) debba essere trattato alla stregua di
        un delinquente comune, in quanto commette reati
        comuni usando una tastiera al posto di una
        pistola.


        Il punto è che chi fa hacking per guadagno
        personale ad un certo livello mette in piedi
        tutta una serie di protezioni che rendono
        estremamente difficile e costoso il tracciarlo,
        al punto di essere pressocchè
        impossibile.

        E' quindi evidente che per persone che di
        tecnologia e di hacking non capiscono nulla e che
        non riescono MAI a beccare chi la fa veramente
        sporca, sia molto più semplice e reditizio fare
        un ragionamento di 'pena dimostrativa' e provare
        a curare i sintomi, invece che la
        malattia.
        Anche perche' cosi' e' un invito a farlo per denaro : mi hanno beccato, se mi facevo i soldi magare mi beccavano lo stesso e mi davano la stessa pena pero' avevo i soldi !!!La prossima volta come si comportera ??
    • Anonimo scrive:
      Re: BUTTARE VIA LA CHIAVE
      idiota
    • Anonimo scrive:
      Re: BUTTARE VIA LA CHIAVE
      allora ritengo che queste persone non debbano essere censurate o "imprigionate" penso invece che debbano essere incitate a creare nuovi virus in modo da farti reinstallare più e più volte il tuo caro winzozz, almeno non avrai tempo per procreare ed il mondo sarà salvo dalle menti sottosviluppate come la tua...
  • Anonimo scrive:
    mentre ce lo portano...
    chissà, magari mentre ce lo portano fanno una deviazione in un paese dove le leggi sono diverse... dato che magari guantanamo oggi è un po' in vista e non sta bene... eh.... su su ....due bottarelle , un po' di terrore... un attimino di morte... in fondo come cazzo osa, no?
    • Anonimo scrive:
      Re: mentre ce lo portano...
      - Scritto da:
      chissà, magari mentre ce lo portano fanno una
      deviazione in un paese dove le leggi sono
      diverse... dato che magari guantanamo oggi è un
      po' in vista e non sta bene...in una situazione come la sua converrebbe fuggire dagli UK e chiedere asilo politico in un altro paese dato che qui viene a mancare la proporzionalita' fra pena e reato
      • Anonimo scrive:
        Re: mentre ce lo portano...
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        chissà, magari mentre ce lo portano fanno una

        deviazione in un paese dove le leggi sono

        diverse... dato che magari guantanamo oggi è un

        po' in vista e non sta bene...

        in una situazione come la sua converrebbe fuggire
        dagli UK e chiedere asilo politico in un altro
        paese dato che qui viene a mancare la
        proporzionalita' fra pena e
        reatoah, riassumo la storia:a prescindere dalle cagate che sparano gli americani, lui e' entrato su 12 macchine sfruttando un buco comune in quei sistemi non coperto e si e' fatto dei giretti alla ricerca di informazioni; non ne ha rubate o cancellate pero' i militari americani vogliono dare l'esempio e processarlo in un tribunale militare americano dove rischia fino a 70 anni di carcere con il rischio di passarli a Guantanamo.Sono molto deluso invece del comportamento degli Uk vista la situazione; era sufficente che lo processassero nel loro paese e lo punissero secondo le leggi locali perche' una punizione la merita ma deve essere proporzionata al reato.Nemmeno ai pedofili recidivi si comminano pene del genere, possibile che in nome della sicurezza paesi democratici come l'america calpestino in questo modo i diritti delle persone?Che fine ha fatto la democrazia che gli Usa tanto vogliono esportare?
        • Anonimo scrive:
          Re: mentre ce lo portano...

          ....Che fine ha fatto la democrazia che gli Usa tanto
          vogliono
          esportare?.........l'hanno usata tutta per caricare le bombe....eeheheheh :D :D :D
        • Anonimo scrive:
          Re: mentre ce lo portano...
          - Scritto da:
          Sono molto deluso invece del comportamento degli
          Uk La Gran Bretagna è da molti anni uno dei paesi più illiberali e polizieschi del mondo per quanto riguarda il controllo di Internet e Blair è un noto "fedele cagnolino" di Bush (non riesco davvero a capire come ci sia chi lo possa ancora considerare "di sinistra" ...).Nessuna sorpresa, da parte mia, per questa vicenda, neanche per la parte giocata dalla giustizia britannica.
          • Anonimo scrive:
            Re: mentre ce lo portano...
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            Sono molto deluso invece del comportamento
            degli


            Uk

            La Gran Bretagna è da molti anni uno dei paesi
            più illiberali e polizieschi del mondo per quanto
            riguarda il controllo di Internet e Blair è un
            noto "fedele cagnolino" di Bush (non riesco
            davvero a capire come ci sia chi lo possa ancora
            considerare "di sinistra"
            ...).
            Nessuna sorpresa, da parte mia, per questa
            vicenda, neanche per la parte giocata dalla
            giustizia
            britannica.
            Non mi sorprende affatto che sia di sinistra, casomai è sorprendente che un sinistro metta la sua illiberalità al servizio di Bush, insomma, mi sorprendo del dettaglio, ma non della sostanza (troll2)
  • Anonimo scrive:
    Re: McKinnon sarà estradato negli USA
    .. classico! Visto che loro si sentono i padroni del mondo e gli altri paesi glielo lasciano fare... ma allora significa anche che se io mi vado a guardare un sito hard che è su un server in arabia saudita rischio che mi vengano a prendere e mi mettano in una galera araba solo perchè li la pornografia è illegale (ok, non so se ci siano leggi a riguardo, ma era solo per rendere l'idea), ritengo giusto essere processati ed eventualmente condannati nel paese da cui si è compiuto il reato, e se manca una legislazione internazionale a riguardo, che la facciano, come hanno fatto per il commercio.Dovrebberro secondo me darsi + da fare dal punto di vista della sicurezza ed evitare di collegare computer con info riservate ad internet o creare una rete alternativa (internet non l'anno forse inventata li?).Sono sempre più convinto che gli americani che comandano la baracca-America sono dei gran cialtroni
    • Anonimo scrive:
      Re: McKinnon sarà estradato negli USA
      - Scritto da:
      Dovrebberro secondo me darsi + da fare dal punto
      di vista della sicurezza ed evitare di collegare
      computer con info riservate ad internet o creare
      una rete alternativa (internet non l'anno forse
      inventata
      li?).No, Internet è stata "inventata" in Svizzera.
      • Anonimo scrive:
        Re: McKinnon sarà estradato negli USA

        No, Internet è stata "inventata" in Svizzera.No, il world wide web è stato "inventato" in Svizzera.
    • Anonimo scrive:
      Re: McKinnon sarà estradato negli USA
      - Scritto da:
      ritengo giusto essere processati ed
      eventualmente condannati nel paese da cui si è
      compiuto il reato, e se manca una legislazione
      internazionale a riguardo, che la facciano, come
      hanno fatto per il
      commercio.La giurisdizione è un problema controverso e a doppio taglio. Se qualcuno dal burundi meridionale si collega via satellite con il superPhenix francese e lo fa esplodere (estremizzo), e in burundi non esistono i crimini informatici (perchè il computer neanche sanno cos'è) la fa franca?E se uno stato canaglia (USA a parte) si rifiuta di aderire alla legislazione internazionale, diventa zona franca?

      Dovrebberro secondo me darsi + da fare dal punto
      di vista della sicurezza ed evitare di collegare
      computer con info riservate ad internet o creare
      una rete alternativa (internet non l'anno forse
      inventata
      li?).Già lo fanno. E' solo una prova di forza, devono dare l'esempio e hanno scelto questo come sfigato in carica.
  • Anonimo scrive:
    Ciao ciao USA
    Appena lo avranno estradato potranno dire addio a tutti i loro server... il potere non è dei burocrati ma chi lavora (teoricamente) per loro
Chiudi i commenti