Eldy, il Pinguino incontra gli over 55

A Vicenza un'associazione non profit sta creando una distribuzione Linux espressamente dedicata ai meno giovani, e in particolare a coloro che hanno superato la soglia dei 55 anni senza aver mai utilizzato un computer

Vicenza – “Colmare un vuoto significativo nel contesto dell’open source”. È quanto si propone di fare l’associazione vicentina non profit Eldy con lo sviluppo di quella che, secondo gli ideatori, sarà la prima distribuzione Linux tagliata su misura per gli over 55 a digiuno d’informatica.

“Nel panorama delle distribuzioni Linux esistenti si trovano molti software adeguati per i giovani principianti completamente digiuni di informatica. Invece non si trova nulla per un principiante non più giovanissimo, che per velocità di apprendimento e peculiarità fisiche e cognitive può avere reazioni diverse da chi si avvicina da piccolo all’uso del computer”, si legge in un comunicato diffuso da Eldy. “Eppure questa parte della popolazione avrebbe molto da guadagnare da un atteggiamento più attento nei confronti delle sue esigenze e delle sue peculiarità nell’utilizzo delle apparecchiature elettroniche”.

Eldy, che ha dato nome al sistema operativo, ha come scopo la promozione dell’alfabetizzazione informatica e dell’accesso alle nuove tecnologie per le persone meno giovani. La sua distribuzione Linux promette di essere facile e intuitiva sia da usare che da installare e configurare. Sebbene queste siano caratteristiche sbandierate anche da altre distribuzioni Linux consumer, gli sviluppatori affermano che Eldy è il solo sistema operativo ad utilizzare un linguaggio scevro da tecnicismi e voci gergali e un’interfaccia studiata per essere “a prova di errore” e fornire all’utente “scelte ridotte ma molto chiare”.

Eldy Eldy fa notare come termini anche molto diffusi e scontati fra la popolazione più giovane, quali ad esempio “e-mail”, “blog”, “chat”, “forum” e “voip”, possano essere del tutto sconosciuti “ai nostri nonni o ai papà e alle mamme meno giovani”. Secondo l’associazione, l’uso di un linguaggio depurato dalle parole inglesi e dallo slang di Internet può consentire a queste persone di avvicinarsi al computer e alla Rete senza traumi e di utilizzare risorse come l’e-commerce, i siti web delle istituzioni locali o la telefonia via IP.

Oltre a quello verbale, Eldy promette di semplificare anche il linguaggio grafico , e per farlo ha creato interfacce molto sobrie con icone e caratteri di dimensioni generose.

“Ciò che molti giovani possono trovare cool ed esteticamente intrigante può intralciare l’usabilità o la comprensione di chi non sia un addetto ai lavori o abbia qualche deficit visivo”, afferma Eldy. “Per questo è difficile per dei professionisti dell’informatica realizzare programmi e componenti hardware che siano centrati sull’utilizzatore finale”.

Per ovviare a questo problema, l’associazione ha coinvolto nel proprio progetto un certo numero di over 55 con nessuna esperienza nel campo dei computer: queste persone hanno guidato lo sviluppo dell’interfaccia e fornito suggerimenti su come renderla il più semplice e chiara possibile.

Eldy afferma che i concetti applicati alla propria distribuzione possono essere estesi anche ad altri software e dispositivi , come ad esempio i dispositivi mobili. Insieme a Vegan, l’associazione ha già progettato e realizzato un telefono cellulare di semplice utilizzo, con tasti e numeri grandi, adatto anche per chi porta un apparecchio acustico.

Eldy è una distribuzione live basata su SLAX che includerà Xfce e applicativi per navigare su Internet, gestire le e-mail, chattare, riprodurre file multimediali e consultare i gruppi di discussione. Gli applicativi saranno in parte compresi nella distribuzione e in parte forniti come servizi web-based.

Il sistema operativo, il cui sviluppo è sponsorizzato da Vegan Solutions e appoggiato dall’organizzazione non profit Linux International , verrà rilasciato a breve su Sourceforge.net . Nel frattempo tutte le informazioni su Eldy, incluse le istruzioni su come collaborare al progetto, sono disponibili su sito www.eldy.org .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Irina Guerrieri scrive:
    LG HP270
    Buongiorno, desidero comperare con la promozione Vodafone questo cellulare ma non trovo nulla sulla SAR di questo telefonino. Qualcuno sa darmi più info precise in merito?Grazie milleL'incredibile é che dal portale LG non sanno!!Ecco la risposta!!Gentile Cliente, relativamente alla Sua e-mail, La informiamo che ancora non abbiamo i dati SAR per questo modello, la invitiamo a ricontattarci tra qualche settimana. Cordialmente, LG Electronics assistenza clienti 199.600099 Per eventuali altre consulte in merito alla Sua richiesta, La invitiamo ad allegare sempre il contenuto delle precedenti e-mails. www.lge.it
    • Marcello Magnoni scrive:
      Re: LG HP270
      Sei fortunata io cerco un cavo USB per il HP270, per potermi collegare al Portatile non esiste, come accessorio
  • Anonimo scrive:
    Ok, ma quelli EUROPEI?
    Non ne ho trovato uno!Ne' nokia 3210, ne' nokia 6630...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ok, ma quelli EUROPEI?
      c'è nokia 1100, il mio t68i che è europeissimo c'è! ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ok, ma quelli EUROPEI?
        - Scritto da:
        c'è nokia 1100, il mio t68i che è europeissimo
        c'è!
        ;) scusate ho dimenticato un non, volevo dire che non c'è il nokia 1100.
  • Anonimo scrive:
    Re: Emissioni, ecco i cellulari più atti
    La notizia secondo me è posta male, perchè Motorola oltre ad avere cellulari con emissioni più alte, nè ha anche molti altri con emissioni medie o basse. Da una prima lettura pare invece che tutti i cellulari Motorola siano ai vertici delle emissioni! ;)Indagando un poco ho trovato questa tabella sui Motorola americani:http://msn-cnet.com.com/4520-6602_7-6258775-4.html?tag=nav(disponibili tabelle anche per altre marche)In fatto di emissioni ce ne sono per tutti i gusti, insomma come al solito non si può fare di tutta l'erba un fascio...Ho fatto questa ricerca perchè ho un Motorola Razor V3. Scomodissimo per scrivere sms, trovare la punteggiatura, autocompletamento pessimo ecc. ma ha un bel design ed è il primo cellulare che anche parlandoci 30 minuti non mi fa male all'orecchio.Credo che il grosso dell'emissione causata dall'antenna sia nella parte bassa, che durante l'uso intelligentemente è la parte meno vicina all'orecchio/cervello. :)Per cui dico a Motorola: migliorate il software interno, ma è un bel telefono che sono contento di avere.... e poi non vediamo l'ora di vedere in Italia i cellulari con Linux dentro, come i Motorola della serie A7XX. (linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: Emissioni, ecco i cellulari più attivi
    Qui c'e' un link utile:http://www.universonline.it/_scienza/articoli_tec/00_12_05_a.php
    • Anonimo scrive:
      Re: Emissioni, ecco i cellulari più atti
      - Scritto da:
      Qui c'e' un link utile:
      http://www.universonline.it/_scienza/articoli_tec/ Stai scherzando vero??? Cos'ha di utile? E' solo una pseudonotizia su un sito di pseudoinformazione: c'è una lista dei "cellulari più pericolosi", dove il valore di SAR è indicato come "indice di pericolosità" (!) e va da valori medio-alti (1,27, cmq meno dei Motorola presenti nella lista pubblicata da Cnet) e include persino valori bassi!!! (0,22).Insomma, non solo non è un link utile, è un link inutile e pure dannoso perché fa disinformazione!!!
  • Anonimo scrive:
    Evitate Motorola
    D'altronde gli unici cellulari che abbiano mai bruciato e dico bruciato con le radiazioni orecchie umane sono stati i Motorola.Andate a vedere le cause intentate contro questa azienda in America...
    • Anonimo scrive:
      Re: Evitate Motorola
      - Scritto da:
      D'altronde gli unici cellulari che abbiano mai
      bruciato e dico bruciato con le radiazioni
      orecchie umane sono stati i
      Motorola.
      America...Mi piacerebbe avere la fonte di questa fantanotizia :)
      • reXistenZ scrive:
        Re: Evitate Motorola


        D'altronde gli unici cellulari che abbiano mai

        bruciato e dico bruciato con le radiazioni

        orecchie umane sono stati i

        Motorola.


        America...

        Mi piacerebbe avere la fonte di questa
        fantanotizia
        :)http://tinyurl.com/ogtru
  • Anonimo scrive:
    Perchè noi di più?
    Non ho capito perchè noi ci dobbiamo puppare più radiazioni degli americani.E sì che loro ci sono abituati...(cylon)J.J.
  • Anonimo scrive:
    Applicazione Symbian che misura SAR.
    Farebbe davvero furore!Anche a pagamento, se paghi 10$ la misurazione e' piu' accurata e fornira' una proiezione di un data in cui ti verra' diagnosticato eventuale tumore.
  • Anonimo scrive:
    Re: Emissioni, ecco i cellulari più attivi
    Come faccio a sapere quanti SAR emana il mio telefono ? Lo uso pochissimo e voglio saperlo tanto per curiosità. E' un C25, marca Siemens.Ciao,Piwi
    • DomFel scrive:
      Re: Emissioni, ecco i cellulari più atti
      Lo puoi leggere sul manuale. Alla fine o all'inizio c'e' una pagina sulle emissioni e specifiche!Ciao!
      • Anonimo scrive:
        Re: Emissioni, ecco i cellulari più atti
        Grazie !Sul manuale c'è scritto così :GSM Classe 4 (2 Watt) campo di frequenze 880 - 960 MHzGSM Classe 1 (1 Watt) campo di frequenze 1710 - 1880 MHzSono quelli espressi in Watt i valori ?Ciao,Piwi
    • delano scrive:
      Re: Emissioni, ecco i cellulari più atti
      qui dice 0,72 http://www.mobile-phones-uk.org.uk/sar.htm
Chiudi i commenti