Emergenza terrorismo e Internet (II)

di F. Sarzana di S.Ippolito Guido Villa (Lidis.it) - Seconda parte di un approfondimento sulle novità introdotte dal Governo che toccano direttamente anche Internet. Ecco quali sono le novità e l'orientamento


(vedi prima parte ) – Per affrontare nello specifico le problematiche relative alla generazione ed alla conservazione dei log occorre tener ben presente la finalità delle norme appena approvate che è quella di consentire all’Autorità Giudiziaria di associare un “volto” ad ogni attività compiuta su Internet originata nel nostro Paese. In realtà tale attività – anche se ad un’ analisi superficiale potrebbe sembrare non particolarmente complessa, presenta alcune problematiche di difficile risoluzione, anche perché le modalità tecniche di collegamento ad Internet sono le più varie e per di più sono in continua evoluzione. Nel prosieguo, dunque, analizzeremo alcune situazioni che, in un certo senso, sfuggono alle recenti disposizioni anti-terrorismo: preliminarmente, tuttavia, forniremo una panoramica delle novità apportate dalle stesse nel campo del trattamento dei dati personali e, più in generale, nella raccolta dei dati relativi al traffico.

Occorre innanzitutto effettuare una distinzione tra i log di “accesso” ed i log di “attività” Internet: benché non vi sia una definizione univoca, per semplificare è possibile affermare che, mentre i primi consistono nell’associazione tra un indirizzo IP ed utente (ad es. log radius) in un determinato istante temporale, i secondi registrano nel dettaglio l’attività Internet compiuta da un determinato utente in un certo arco temporale. Il primo tipo di log consente perciò di rintracciare un utente che abbia compiuto una determinata attività sulla rete solo se questo sia collegato con un indirizzo IP pubblico assegnato ad esso in esclusiva in quel dato istante, il secondo consente di conoscere quale, tra “n” utenti collegati ad Internet con lo stesso indirizzo pubblico (es. più PC collegati ad Internet in NAT tramite router), abbia compiuto una certa attività in un determinato istante.
Questa distinzione sembra essere stata tenuta in considerazione dal legislatore, non si sa quanto volontariamente.

I log di accesso
Con riferimento ai log di “accesso”, le norme odierne modificano le disposizioni già introdotte con il codice della privacy: il comma 1 dell’art. 6 della legge 155 del 2005, innanzitutto, sospende l’applicazione delle disposizioni di legge che prescrivono o consentono la cancellazione dei dati del traffico telefonico o telematico (restano comunque esclusi i contenuti delle comunicazioni), limitatamente alle informazioni che consentono la tracciabilità degli accessi (nonchè, qualora disponibili, dei servizi) sino al 31 dicembre 2007. Tali dati devono essere conservati dai fornitori di una rete pubblica di comunicazioni o di un servizio di comunicazione elettronica accessibile al pubblico (quindi, essenzialmente, dagli ISP).

Questa disposizione incide profondamente sull’impianto normativo dell’art. 123 del D.Lgs. 196 del 2003 (Codice della privacy), che dispone invece che i dati siano solo cancellati o resi anonimi quando non più necessari ai fini della trasmissione della comunicazione elettronica.

Il comma 2 dell’art. 6, poi, modifica l’art. 132 del Codice della Privacy (Conservazione di dati di traffico per altre finalità). L’articolo, nella versione precedente (peraltro già risultato di una precedente modifica, apportata dal decreto legge n° 354 del 2003), disponeva la conservazione dei dati relativi al traffico telefonico per finalità di accertamento e repressione dei reati per 24 mesi, nonché la conservazione degli stessi per ulteriori 24 mesi per l’accertamento e la repressione dei delitti di cui all’articolo 407, comma 2, lettera a) del codice di procedura penale, nonché dei delitti in danno di sistemi informatici o telematici. Le norme anti-terrorismo hanno esplicitamente esteso l’applicazione di tali norme anche al traffico telematico (che si aggiunge dunque a quello telefonico); per quest’ultimo, tuttavia, sono previsti tempi di conservazione di 6 mesi + 6 mesi (invece dei 24 + 24 previsti per il traffico telefonico).

Il monitoraggio delle attività in rete
Quanto ai log “di attività”, occorre dire che, mentre le modifiche agli articoli 123 e 132 del codice della privacy interessano soprattutto i fornitori di reti pubbliche di comunicazioni e di servizi di comunicazione elettronica accessibile al pubblico, la disciplina del monitoraggio dell’attività in rete riguarda invece i soggetti che offrono connettività in locali pubblici quali Internet Point con la predisposizione di misure che questi ultimi sono tenuti ad adottare per monitorare l’attività in rete della clientela. L’articolo 2 del recente decreto ministeriale, infatti, obbliga i titolari o gestori di un esercizio pubblico o di un circolo privato di qualsiasi specie, nel quale sono poste a disposizione del pubblico, dei clienti o dei soci, apparecchi terminali utilizzabili per le comunicazioni, anche telematiche, ad adottare le misure necessarie a memorizzare e mantenere i dati relativi alla data ed ora della comunicazione e alla tipologia del servizio utilizzato, abbinabili univocamente al terminale utilizzato dall’utente, esclusi comunque i contenuti delle comunicazioni effettuate dal cliente.

Tale misura si è evidentemente resa necessaria poiché, di norma, nei locali quali gli Internet Point il traffico Internet viene effettuato “uscendo” sulla rete attraverso un unico indirizzo IP pubblico (quello del router che consente la navigazione alla rete interna), che dunque risulta essere l’unico visibile dall’esterno. Gli indirizzi IP dei singoli PC utilizzati dai clienti rimangono dunque “mascherati” e, in caso di mancato monitoraggio dell’attività dei singoli PC, sarebbe impossibile risalire, ad es., all’autore di un messaggio di rivendicazione di un attentato inviato ad un “web forum”: si individuerebbe solo l’Internet Point, ma non il PC da cui è partito il messaggio.

E’ bene ricordare che il monitoraggio, tuttavia, deve riguardare solo i dati relativi alla data ed ora della comunicazione e alla tipologia del servizio utilizzato, mentre resta escluso il contenuto della comunicazione. Una volta individuato il PC da cui è partito il messaggio grazie ai log di monitoraggio, sarà dunque possibile identificare chi lo stava utilizzando in quel momento grazie al sistema di identificazione e registrazione degli accessi che i gestori sono tenuti ad approntare ai sensi dell’art. del D.M. 16 agosto 2005.

Il trattamento dei dati personali
E’ innegabile che molte delle disposizioni contenute nelle norme poc’anzi citate, seppur giustificate dalla situazione contingente, suscitino qualche perplessità, soprattutto considerando le caratteristiche di molti Internet Point: di sovente nati in corrispondenza di “phone center”, destinati ad un pubblico straniero e gestiti da stranieri; ci si chiede ad esempio se un’attività così delicata di trattamento di dati personali e di identificazione degli avventori possa essere effettuata senza problemi di sorta.
Alcuni problemi sono già stati evidenziati dagli operatori (si veda Punto Informatico del 7 settembre ) altri inevitabilmente si presenteranno con la prassi.

L’aspetto più delicato della questione riguarda sicuramente il trattamento dei dati personali: non solo, infatti, i soggetti interessati dalle nuove norme saranno tenuti a trattare tutti i dati di navigazione dei loro utenti (con tutto quello che ne consegue dal punto di vista della profilazione e della riservatezza in generale) e a conservarli e trattarli in conformità con quanto prescritto dal codice della privacy, ma i gestori dovranno, come si è già evidenziato in precedenza, anche identificare i clienti acquisendo copia del documento di identità e “certificare” che un PC, in un determinato lasso di tempo, è stato utilizzato da un certo cliente e non da un altro.

Più in generale, poi, gli adempimenti relativi alla protezione dei dati personali a carico dei gestori divengono molteplici e possono comportare, tra l’altro, la notificazione del trattamento all’Autorità Garante, l’obbligo di redazione del Documento Programmatico sulla Sicurezza, la richiesta di consenso al trattamento dei dati, nonché la resa di un’adeguata informativa.

D’altro lato le norme presentano l’innegabile merito di riproporre l’urgenza di disporre di sistemi informatici sicuri e compatibili con la disciplina del trattamento dei dati personali, che quasi tutti gli operatori, siano essi provider o titolari di internet point, o gestori di biblioteche, etc. e molti utenti dimostrano di non volere in alcun modo applicare.

Questo stato di cose non può essere protratto ulteriormente poiché l’attuale situazione di emergenza rende necessari sistemi di protezione delle infrastrutture ed un’organizzazione della sicurezza informatica molto più elevati che in passato.

Occorre ora focalizzare l’attenzione sugli obblighi e responsabilità dei gestori di connettività internet senza fili. (continua)

Fulvio Sarzana di S.Ippolito e Guido Villa
www.lidis.it

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    che mondo creeerà linux?
    se domani linux si diffondesse e con lui la sua filosofia cosa succederebbe. sicuramente i giovani cresciuti con questa idea del tutto gratis maturerebbero tendenze comunsite o anarcoidi con conseguente nascita di gruppi armati. quindi è inevitabile che l' open source porterà l' italia e il mondo sull' orlo di una guerra civile che magari qualche giornalista chiamerà "gli anni di silicio". quindi boicottatare linux è un dovere di qualsiasi persona che tenga a Dio, Patria e Famiglia.
    • Simone scrive:
      Re: che mondo creeerà linux?
      Questo commendo non sarebbe neppure degno di risposta tanto è stupido. E' evidende l'ignoranza che trapela da tale commento e quindi sarebbe oppurtono che certe persone si documentessero prima di parlare a sproposito. Legare l'open source al fatto che il software sia gratis è sbagliato (errato) ...l'open source non è sinonimo di gratis!!! poi di legare linux al comunismo non sta ne in cielo ne in terra!!! Se tale commento fosse una provocazione (e credo che sia proprio così visto il numero di scemenza scritte) allora ci stà in caso contrario sarebbe la conferma della mediocrità e ignoranza dell'utente medio che fa uso del pc
  • Anonimo scrive:
    quando sarà diffuso vedrete
    si si lasciate che si diffonda. una volta diffuso il buon linus renderà tutto proprietario e nascerà il nuovo bill gates. la cosa bella che però bill almeno gli stipendi li paga qui invece i poveri gonzi avranno creato un moniopolista gratis. quanti scemi ci sono al mondo:'(:'(:'(
    • Anonimo scrive:
      Re: quando sarà diffuso vedrete
      - Scritto da: Anonimo
      si si lasciate che si diffonda. una volta diffuso
      il buon linus renderà tutto proprietario e
      nascerà il nuovo bill gates. la cosa bella che
      però bill almeno gli stipendi li paga qui invece
      i poveri gonzi avranno creato un moniopolista
      gratis. quanti scemi ci sono al mondo:'(:'(:'(fai una cosa:leggiti le licenze prima di parlare e in ognicasoOPENSOURCE =! GRATIS
      • Anonimo scrive:
        Re: quando sarà diffuso vedrete
        se te che non capisci una mazza. il simpatico linus diventerà il padrone del mondo e distruggerà tutte le software house del pianeta. bill gates al confontro è stato un filantropo
  • Anonimo scrive:
    neanche gratis
    ma dove volete andare che la gente il pinguiono non lo vuole neache gratis.:D:D:D
  • Anonimo scrive:
    Promuoviamo "l'italianità" del sw!!!
    Mi sembra tanto il ragionamento di BankItalia per sulle scalate estere fatte a banche italiane.Così continuiamo a tenerci in nostro sistema bancario del cazzo e addio evoluzione e vantaggi per gli utenti!Ma allora, visto che non abbiamo hw vendor in Italia dobbiamo rinunciare ai componenti provendienti dall'estero e tornare alle macchine da scrivere Olivetti??Questa assurda motivazione per la quale con Linux i soldi rimangono in Italia mi sembra una stronzata.Ma qualcuno lo sa che per ogni dollaro fatturato da MS in Italia c'è un partner o un vendor locale che ne fattura 8??
    • Anonimo scrive:
      Re: Promuoviamo "l'italianità" del sw!!!
      vorrei vedere l' azienda dove lavori fatta a pezzi dai cinesi e tu in mezzo ad una strada. purtroppo mi sa che tu sei il classico dipendente statale che fa il finocchio col culo delgi altri:@
  • francescone scrive:
    Imposizione di standard aperti? Magari
    Tutte le strutture pubbliche dovrebbero obbligatoriamente adottare esclusivamente prodotti costruiti su standard aperti e condivisi, altro che storie.Badate bene, non necessariamente Linux, ma prodotti con tali caratteristiche. Questo è il principio di fondo che molti non vogliono capire, a partire da quelli che parlano di "imposizioni politiche" e "linari insistenti". Poi il privato sceglie quello che vuole, anche di legarsi mani e piedi a prodotti ed aziende che utilizzano formati chiusi e proprietari. Scelta comunque infelice, ma in quel caso legittima.
    • nietzsche scrive:
      Re: Imposizione di standard aperti? Maga

      prodotti costruiti su standard aperti e condivisiinfatti nei paesi civili sono gia pronte norme di leggeper impedire che la comunicazione entro la pa e trapa e cittadino venga gestita tramite formati proprietarinella fattispecie di excel e doc (norvegia a partire dal2006, poi di seguito altri), come consigliato dall'Unione Europea (xml oasis)
      non necessariamente Linuxovvio, l'importante è poter comunicare in modo apertoa prescindere dalla marca dello strumento che si usa,secondo standard di interoperabilitàhai letto la notizia vergognosa e spaventosa deisopravissuti di new orleans che si rivolgevano inrete all'ufficio federale dedicato (FEMA), ma nonriuscivano a collegarsi perchè era possibile solocon IE 6 e javascript abilitato ? Ne mac, ne linux,ne ff. Uno scandalo pazzesco ! In UE NON VOGLIAMO QUESTO !!
      sceglie quello che vuole, anche di legarsi mani e
      piedi a prodotti ed aziende che utilizzano formati
      chiusi e proprietariquotociao
    • Anonimo scrive:
      Re: Imposizione di standard aperti? Maga
      avresti ragione solo che questo può creare problemi. Esempio:linux, aperto, gratis perfetto. Mettiamoli nei comuni (obbligo). Fatti: porti problemi alle aziende che devono migrare (e non per vantaggi tecnici ma perchè il governo ha deciso così) e ai privati che giustamente portano avanti un prodotto. Ti faccio un esempio: mi invento un formato per i documenti di testo che è uno spettacolo: occupa 1 decimo, è velocissimo e tiene la formattazione perfetta. Fantastico, lo metto sul mercato e lo vendo dopo 2 anni di sviluppo a pane e acqua. Una legge del genere mi ammazza, perderò i vantaggi di aver creato questo formato. Non sottovalutare i vantaggi dei formati proprietari, per l'economia è importante. Quindi il problema è meno facile da risolvere di quanto credi. Ora tu dici: sono soldi che vanno all'estero. Se la microsoft fosse italiana il governo ragionerebbe così? Non si può fare sempre i propri comodi. Le regole dovrebbero valere per tutti e microsoft mi pare gli stanno dando troppo addosso lasciando impuniti molti altri
      • francescone scrive:
        Re: Imposizione di standard aperti? Maga
        - Scritto da: Anonimo
        avresti ragione solo che questo può creare
        problemi. Esempio:
        linux, aperto, gratis perfetto. Mettiamoli nei
        comuni (obbligo).
        Fatti: porti problemi alle aziende che devono
        migrare (e non per vantaggi tecnici ma perchè il
        governo ha deciso così) e ai privati che
        giustamente portano avanti un prodotto. E' ovvio che non sarebbe indolore, ma va fatto. I vantaggi sarebbero poi a lunga gittata. Il problema c'è: il pubblico è ostaggio di soggetti che usano formati proprietari (Microsoft od altri, non è una crociata anti-MS). Prima si rimedia meglio è. Più si va avanti è più sarà complicato (e costoso).
        Ti faccio
        un esempio: mi invento un formato per i documenti
        di testo che è uno spettacolo: occupa 1 decimo, è
        velocissimo e tiene la formattazione perfetta.
        Fantastico, lo metto sul mercato e lo vendo dopo
        2 anni di sviluppo a pane e acqua. Una legge del
        genere mi ammazza, perderò i vantaggi di aver
        creato questo formato. Non sottovalutare i
        vantaggi dei formati proprietari, per l'economia
        è importante.Perche? Se il tuo prodotto è valido può attirare l'attenzione di molte aziende private. E' il pubblico che deve essere svincolato, i privati devono essere liberi di rivolgersi a te, se hai una soluzione adatta alle loro esigenze.
        Quindi il problema è meno facile da
        risolvere di quanto credi. Ora tu dici: sono
        soldi che vanno all'estero.Non l'ho detto, non è questo il punto. Almeno secondo me.
        Se la microsoft fosse
        italiana il governo ragionerebbe così? Non si può
        fare sempre i propri comodi. Le regole dovrebbero
        valere per tutti e microsoft mi pare gli stanno
        dando troppo addosso lasciando impuniti molti
        altriCerto, le regole devono essere uguali per MS e per gli altri, ovvio. Ti ripeto che non si tratta di una crociata contro una singola azienda, si tratta di applicare un principio generale: l'indipendenza delle strutture pubbliche da un singolo fornitore e da formati chiusi e proprietari. Perchè si deve preservare nel tempo lo status-quo?
        • Anonimo scrive:
          Re: Imposizione di standard aperti? Maga

          Perche? Se il tuo prodotto è valido può attirare
          l'attenzione di molte aziende private. E' il
          pubblico che deve essere svincolato, i privati
          devono essere liberi di rivolgersi a te, se hai
          una soluzione adatta alle loro esigenze.chi userà però il mio formato se le istituzioni devono usarne altri? Non riuscirà ad imporre. Flash ad esempio, non mi pare sia aperto, non conosco altri strumenti e se macromedia vende il suo kit è proprio per il flash.
          Certo, le regole devono essere uguali per MS e
          per gli altri, ovvio. Ti ripeto che non si tratta
          di una crociata contro una singola azienda, si
          tratta di applicare un principio generale:
          l'indipendenza delle strutture pubbliche da un
          singolo fornitore e da formati chiusi e
          proprietari. Perchè si deve preservare nel tempo
          lo status-quo?è un problema da risolvere. Così facendo si danneggia un settore chiave dell'informatica, per chi ci lavora è un problema. Dall'altra però il formato dovrebbe essere libero. La cosa non è tanto immediata da risolvere come qui su punto vorrebbero (tipo quel tizio che dice winzozz)
          • francescone scrive:
            Re: Imposizione di standard aperti? Maga
            - Scritto da: Anonimo

            Perche? Se il tuo prodotto è valido può attirare

            l'attenzione di molte aziende private. E' il

            pubblico che deve essere svincolato, i privati

            devono essere liberi di rivolgersi a te, se hai

            una soluzione adatta alle loro esigenze.
            chi userà però il mio formato se le istituzioni
            devono usarne altri? Non riuscirà ad imporre.Dipende dal contesto. Sicuramente non potrai aspirare ai numeri di MS Word o simili. Però potresti, è il primo esempio che mi viene in mente, creare un prodotto eccellente per trattare determinati dati, salvandoli poi in un formato aperto. Le possibilità e le opportunità non verranno a mancare come conseguenza dell'adozione di formati aperti nel pubblico.
            Flash ad esempio, non mi pare sia aperto, non
            conosco altri strumenti e se macromedia vende il
            suo kit è proprio per il flash.E probabilmente continuerebbe ad avere grandi numeri. Però su un sito istituzionale l'utente non può trovare documenti ufficiali solo in .doc. E' una prepotenza ed una assurdità.

            Certo, le regole devono essere uguali per MS e

            per gli altri, ovvio. Ti ripeto che non si
            tratta

            di una crociata contro una singola azienda, si

            tratta di applicare un principio generale:

            l'indipendenza delle strutture pubbliche da un

            singolo fornitore e da formati chiusi e

            proprietari. Perchè si deve preservare nel tempo

            lo status-quo?
            è un problema da risolvere. Così facendo si
            danneggia un settore chiave dell'informatica, per
            chi ci lavora è un problema. Dall'altra però il
            formato dovrebbe essere libero. La cosa non è
            tanto immediata da risolvere come qui su punto
            vorrebbero (tipo quel tizio che dice winzozz)Concordo sul fatto che non sarebbe un passaggio indolore. Ma andando avanti sarà sempre peggio.
          • Anonimo scrive:
            Re: Imposizione di standard aperti? Maga
            - Scritto da: Anonimo
            chi userà però il mio formato se le istituzioni
            devono usarne altri? Non riuscirà ad imporre.Ma il tuo formato è aperto?Perchè se non ci sono altre aziende che possono produrre software in grado di aprire o registrare il tuo formato, tu ritroverai facilmente sia la P.A. che altre aziende o privati in pugno. Potrai fare il bello e il cattivo tempo e questi dovranno venire da te per avre il lettore/creatore di documenti...E se te dopo qualche periodo fallisci?O se ti vengono strani grilli per la testa e decidi di aumentare i prezzi?E' proprio questo che si vuole evitare, che P.A. e utenti siano nelle mani e debbano seguire le imposizioni di una sola azienda.Apri il tuo formato e vedrai che sarà adottabile dalla P.A. ma a quel punto te la dovrai vedere anche con chi sarà in grado di fare software migliori o più economici dei tuoi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Imposizione di standard aperti? Maga
        - Scritto da: Anonimo
        avresti ragione solo che questo può creare
        problemi. Esempio:
        linux, aperto, gratis perfetto. Mettiamoli nei
        comuni (obbligo).
        Fatti: porti problemi alle aziende che devono
        migrare (e non per vantaggi tecnici ma perchè il
        governo ha deciso così) e ai privati che
        giustamente portano avanti un prodotto. Ti faccio
        un esempio: mi invento un formato per i documenti
        di testo che è uno spettacolo: occupa 1 decimo, è
        velocissimo e tiene la formattazione perfetta.
        Fantastico, lo metto sul mercato e lo vendo dopo
        2 anni di sviluppo a pane e acqua. Una legge del
        genere mi ammazza, perderò i vantaggi di aver
        creato questo formato. Non sottovalutare i
        vantaggi dei formati proprietari, per l'economiaProva allora a scrivere il TrollOffice con il suo strafico formato proprietario e soffiare il mercato a MSOffice... e vediamo quale è il tuo diritto all'imprenditoria. E magari evita di far confusione fra sorgenti aperti e formati aperti...Se tu scrivi un programma è un tuo diritto proteggerlo chiudendone i sorgenti (ma attenzione, non è affatto tuo diritto criticare chi fa scelte diverse), ma se io scrivo un documento è mio diritto sapere come viene scritto anche per avere la certezza di poterlo sempre leggere in futuro, anche senza il programma che lo ha generato. E' vero che un privato non si può permettere di pagare un programmatore che scriva un convertitore per poter riprendere un formato obsoleto, ma un'amministrazione pubblica si. Non capisco perchè l'amministrazione pubblica per accedere ai suoi documenti debba dipendere dalle scelte (e dai possibili ricatti) di un'azienda privata (per di più straniera), e non capisco perchè debba essere criticata se decide di levarsi da questa situazione. Il diritto all'imprenditoria come vedi non c'entra un fico secco, visto che viene comunque mantenuto (anzi semmai viene ulteriormente esteso), ma se anche venisse limitato lo sarebbe in nome di un altro diritto, quello alla proprietà del proprio lavoro intellettuale (i documenti che scrivo io sono miei e non di Microsoft), e del bene comune (le amministrazioni pubbliche non possono legarsi mani e piedi ad un'azienda privata straniera in regime di monopolio).
        • Anonimo scrive:
          Re: Imposizione di standard aperti? Maga
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          avresti ragione solo che questo può creare

          problemi. Esempio:

          linux, aperto, gratis perfetto. Mettiamoli nei

          comuni (obbligo).

          Fatti: porti problemi alle aziende che devono

          migrare (e non per vantaggi tecnici ma perchè il

          governo ha deciso così) e ai privati che

          giustamente portano avanti un prodotto. Ti
          faccio

          un esempio: mi invento un formato per i
          documenti

          di testo che è uno spettacolo: occupa 1 decimo,
          è

          velocissimo e tiene la formattazione perfetta.

          Fantastico, lo metto sul mercato e lo vendo dopo

          2 anni di sviluppo a pane e acqua. Una legge del

          genere mi ammazza, perderò i vantaggi di aver

          creato questo formato. Non sottovalutare i

          vantaggi dei formati proprietari, per l'economia

          Prova allora a scrivere il TrollOffice con il suo
          strafico formato proprietario e soffiare il
          mercato a MSOffice... e vediamo quale è il tuo
          diritto all'imprenditoria.pdf ti dice niente?parliamo piuttosto del suo diritto a esprimere la propria opinione senza essere insultato...
          E magari evita di far
          confusione fra sorgenti aperti e formati
          aperti...

          Se tu scrivi un programma è un tuo diritto
          proteggerlo chiudendone i sorgenticerto infatti si diceva esattamente la stessa cosa per i server multiplayer di wow....coerenza questa sconosciuta
          (ma
          attenzione, non è affatto tuo diritto criticare
          chi fa scelte diverse),certo che è un suo diritto!e dovresti pure essere contento...anche grazie alle critiche si cresce e matura....evidentemente tu parli di dogmi: quelle cose così in moda tra i sostenitori oss
          ma se io scrivo un
          documento è mio diritto sapere come viene scrittoma facci il piacereil 95% della popolazione terrestre quando usa un sw vuole solo che il sw sia adatto al compito da svolgere.sapere quali formati usa o vedere il codice per l'utente finale è inutile!se poi non ti sta bene basta che scegli formati aperti.......attenzione però ho detto scegli non imponi a tutti la tua scelta.la scelta sarebbe di carattere ideologico e non tecnico s eperò è una tua scelte individuale affari tuoi...quando invece viene imposta alla collettività con agravio considerevole delle spese (spreco di soldi che si potevano usare per altre cose invece di fare gli 'alternativi'); scegliendo un formato a bassa diffusione con applicati che non supportano il formato più diffuso e giustificando; senza nessun vantaggio in temini di funzionalità ma giustificando il tutto in base a ideologie spicce allora non solo è un mio diritto criticare ma è anche un mio diritto andare su tutte le furie.
          anche per avere la certezza di poterlo sempre
          leggere in futuro,la fantascienza lasciala ai registi hollywoodiani.il formato doc lo leggevi anni fa come lo leggi adessoe lo leggerai anche in futuro visto che ms non ha voglia di perdere utenti per seguire le idee complottistiche che partorite
          anche senza il programma che
          lo ha generato.affari tuoi le tue ideologie...solo non sperperare i soldi dei cittadini
          E' vero che un privato non si può
          permettere di pagare un programmatore che scriva
          un convertitore per poter riprendere un formato
          obsoleto, ma un'amministrazione pubblica si.come buttare soldi..
          Non
          capisco perchè l'amministrazione pubblica per
          accedere ai suoi documenti debba dipendere dalle
          scelte (e dai possibili ricattima quali ricatti?sveglia!!!
          ) di un'azienda
          privatacomunismo?
          (per di più stranieraxenofobia?
          ), e non capisco
          perchè debba essere criticata se decide di
          levarsi da questa situazione.perchè per farlo butta i soldi dei cittadini.soldi che invece era molto meglio usare per altro che non per una migrazione a linux e ooffice solo perchè va di moda o per farsi pubblicità sotto elezioni....che ne dici se invece di buttarli in cretinate qui soldi si usano per la sanità?ma si che ci frega se una vecchia schiatta in attesa di fare un elettrocardiogramma tanto poi lo stato di morte lo scriviamo in un formato aperto :e se invece di dare un cd di debian che chiunque può procurarsi se lo desidera davano invece i libri di testo o altro materiale?e se invece di pagare i docenti per frequentare corsi di formazione in 'prodotti alternativi' usavano qui soldi per altre strutture?insomma l'ideologia può anche essere discutibile ma qui si cade nella cecità fanatica della relione.
          Il diritto
          all'imprenditoria come vedi non c'entra un fico
          secco, visto che viene comunque mantenuto (anzi
          semmai viene ulteriormente esteso), ma se anche
          venisse limitato lo sarebbe in nome di un altro
          diritto, quello alla proprietà del proprio lavoro
          intellettuale (i documenti che scrivo io sono
          miei e non di Microsoftinfatti ms neanche sa che li stai scrivendomamma mia che minestrone di superficialità che traspare
          ), e del bene comune si come no...il bene supremo ...piuttosto il male della comunità visto che si buttano soldi
          (le
          amministrazioni pubbliche non possono legarsi
          mani e piedi ad un'azienda privata straniera in
          regime di monopolio).1) nessuno lega niente a nessuno: troppi dispacci nei lug mi sa;2) qualcosa contro la proprietà privata? dal comunismo ci siamo vaccinati per fortuna (lo diceva anche il papa).le amministrazioni dipendono in tantissimi settori da aziende private.la storia ci ha insegnato avere solo aziende statali e dannoso in tutte le sue forme da quella più estrema del comunismo russo a quella sperperone degli ex-enti stati ora privatizzati o in via di privatizzazione3) xenofobia?ostruzionismo? speriamo che l'america si mette a coltivare pomodori e produrre pasta così non manda più soldi all'estero.smettila!!spendere 10 in america è meglio che sperperare 200 in italia specie se i 90 in più escono dalle tasse.
          • Anonimo scrive:
            Re: Imposizione di standard aperti? Maga
            ..

            Prova allora a scrivere il TrollOffice con il
            suo

            strafico formato proprietario e soffiare il

            mercato a MSOffice... e vediamo quale è il tuo

            diritto all'imprenditoria.

            pdf ti dice niente?Mi dice che non è lo strafico formato proprietario di cui parlava. Provaci di nuovo.
            parliamo piuttosto del suo diritto a esprimere la
            propria opinione senza essere insultato...E dove lo avrei insultato ?

            E magari evita di far

            confusione fra sorgenti aperti e formati

            aperti...



            Se tu scrivi un programma è un tuo diritto

            proteggerlo chiudendone i sorgentiSe tu rispondi ad un post dovrebbe essere tuo dovere averlo letto, e magari anche capito, prima.

            (ma

            attenzione, non è affatto tuo diritto criticare

            chi fa scelte diverse),

            certo che è un suo diritto!Ok. Questa te la passo. Mi sono espresso male. Intendevo dire che non è un diritto pensare di vietare scelte diverse. Non è una critica diretta a lui, ma è un discorso generale verso tutti quelli che dicono che le amministrazioni pubbliche non dovrebbero ricorrere all'open source perchè così si danneggerebbe, secondo loro, il libero mercato.
            tu parli di dogmi: quelle cose così in moda tra i
            sostenitori ossMi sembra invece che un dogma sia quello che tu hai appena espresso...

            ma se io scrivo un

            documento è mio diritto sapere come viene
            scritto

            ma facci il piacere
            il 95% della popolazione terrestre quando usa un
            sw vuole solo che il sw sia adatto al compito da
            svolgere.Il fatto che il 95% della gente decide di rinunciare ai propri diritti perchè, in quel momento, non gli servono non vuol dire che i diritti esistano. Ad esempio le donne hanno il diritto di partorire in ospedale e non riconoscere il figlio, ma questo non vuol dire che tutte le donne lo facciano. Evidentemente alcuni utenti, fra i quali anche alcune amministrazioni pubbliche, hanno deciso di rientrare nel restante 5%. Quindi come vedi il piacere non te lo faccio...
            se poi non ti sta bene basta che scegli formati
            aperti...?Ma fino ad ora abbiamo di pizza&fichi o cosa ? Ma lo leggi un post prima di rispondere ?
            affari tuoi...quando invece viene imposta alla
            collettività con agravio considerevole delle
            spese (spreco di soldi che si potevano usare per
            altre cose invece di fare gli 'alternativi');Opinione del tutto personale la tua... evidentemente se un'amministrazione pubblica decide diversamente è perchè si sarà fatta i suoi calcoli.
            il formato doc lo leggevi anni fa come lo leggi
            adessoSi, perchè secondo te il formato doc è rimasto lo stesso in tutti questi anni... L'unica cosa che è rimasta uguale è l'estensione, e non è affatto detto che Office XP apra un documento scritto con Word 1.
            e lo leggerai anche in futuro visto che ms non ha
            voglia di perdere utenti per seguire le idee
            complottistiche che partoriteAmmesso che nel frattempo non fallisca o che non decida di 'ricattare' qualche amministrazione pubblica.Tralascio poi di commentare i vomitevoli triti e ritriti discorsi sulle idee complottiste e ti faccio notare che proprio oggi sull'Ansa puoi leggere questa notizia:http://www.ansa.it/main/notizie/awnplus/mondo/news/2005-09-11_1234104.htmlEvidentemente a certi livelli è d'obbligo essere un po' paranoici e prendere in considerazione anche ipotesi remote.

            anche senza il programma che

            lo ha generato

            affari tuoi le tue ideologie...solo non
            sperperare i soldi dei cittadiniOpinioni del tutto personali.Ad ogni modo io sto parlando di fatti e invece tu ti limiti a ripetere come un pappagallo una serie di luoghi comuni. Evidentemente sei tu che ti basi su delle ideologie e non io.

            Non

            capisco perchè l'amministrazione pubblica per

            accedere ai suoi documenti debba dipendere dalle

            scelte (e dai possibili ricatti

            ma quali ricatti?
            sveglia!!!Quali ricatti ? MS che fa ricatti ?Non si è mai visto... vero ?GUARDA CHE E' STATA PROCESSATA E CONDANNATA NEGLI STESSI USA !SVEGLIATI TU !E comunque in generale un'amministrazione pubblica deve prendere in considerazione non solo i fatti già avvenuti, e neppure solo quelli probabili, ma anche quelli improbabili ma comunque possibili.

            ) di un'azienda

            privata

            comunismo?Ma piantala ! Levati i paraocchi e vedi di ragionare con la tua testa, ammesso che ne abbia una e che serva a qualche cosa in più che a reggere la forfora. Ah, per tua informazione sono di destra.

            (per di più straniera

            xenofobia?No. Figurati. Però un soggetto italiano se viola una legge può essere condannato da un tribunale italiano. Un soggetto straniero no. Così come un soggetto italiano se dovesse fallire potrebbe essere rilevato dallo Stato in modo che quest'ultimo possa continuare ad utilizzarne le tecnologie. Lo stesso non si può dire per un soggetto straniero.

            ), e non capisco

            perchè debba essere criticata se decide di

            levarsi da questa situazione.

            perchè per farlo butta i soldi dei cittadini.Ovviamente continua ad essere una tua opinione. Un'altra opinione potrebbe essere che spendere 500? per una suite Office quando serve solo per scrivere una letterina è un po' troppo. Ma questo dipende anche dal fatto che qualcuno ha deciso che se devi scrivere una letterina non puoi solo acquistare un wordprocessor, ma devi anche aquistare un foglio elettronico, un database, un software per presentazioni e quant'altro. Salvo poi doverli rispendere dopo un paio di anni perchè è uscita la versione nuova che quasi identica alla precedente ma che, guarda caso, sfrutta un formato diverso.
            soldi che invece era molto meglio usare per altro
            che non per una migrazione a linux e ooffice
            solo perchè va di moda o per farsi pubblicità
            sotto elezioni....che ne dici se invece di
            buttarli in cretinate qui soldi si usano per la
            sanità?500? a botta e di soldi se ne risparmierebbero parecchi.
            ma qui si cade nella cecità fanatica della
            relione.La religione è credere ciecamente ai 'gets the facts' di MS...

            intellettuale (i documenti che scrivo io sono

            miei e non di Microsoft

            infatti ms neanche sa che li stai scrivendo
            mamma mia che minestrone di superficialità che
            traspareDai tuoi discorsi certamente, visto che non capisci quello che leggi ma pensi di poterti permettere di offendere il prossimo.Evito di commentare il resto, visto che tanto non c'è nulla di meglio e di diverso di ciò che hai scritto in precedenza...
          • Mechano scrive:
            Re: Imposizione di standard aperti? Maga
            - Scritto da: Anonimo
            Dai tuoi discorsi certamente, visto che non
            capisci quello che leggi ma pensi di poterti
            permettere di offendere il prossimo.

            Evito di commentare il resto, visto che tanto non
            c'è nulla di meglio e di diverso di ciò che hai
            scritto in precedenza...
            Attenzione quel tizio li è un noto astroturfer...I suoi discorsi sono improntati a distogliere l'attenzione da quelli che sono i difetti dei prodotti M$ e l'oppressività del suo monopolio.Dice che i soldi andrebbero spesi meglio che per la migrazione a Linux, e intanto si continua ad essere una rendita certa per quell'azienda.E' abbastanza furbo e preparato, molto probabilmente è un commerciale.__Mr. Mechano
      • Anonimo scrive:
        Re: Imposizione di standard aperti? Maga

        Mettiamoli nei comuni (obbligo). allora non hai proprio capito nulla di quello di cui siparla ovvero di formati aperti
        mi invento un formatonon sei tu che devi inventarti il formato che codificai dati dei cittadini, ma un organismo di standardizzazione neutrale, come nel caso di xml oasis, o come nel caso del filetto della vite o della presa di corrente: queste cose sono affidate astrutture del genere proprio per evitare il caosnello svolgersi della corretta competizione economica, in modo che l'azienda possa dedicarsia fare un prodotto che sia il miglore possibile sullabase di regole certe e uguali per tuttisi chiama competizione economica e avvienenegli stati liberali a economia capitalistala competizione va fatta sul prodotto migliore, nonsull'impossibilità di competere data a abusi di posizione per i quali la microsoft per es devepagare e pagare tutto: siamo in uno stato liberalenon in un'oligarchia in cui pochi soggetti economicifanno il bello e il cattivo tempo
        per l'economia è importante.si, è importante toglierli finalmente di mezzo in mododa liberare la competizione tra aziende sui prodotti,che ora non c'è: quanto al pubblico, è assurdo chei dati dei cittadini siano su formati proprietati di unasola azienda, scandalo che sta per finire almenonei paesi piu civili: noi ci arriveremo solo tra qualcheanno, perché siamo terzo mondo, ma ci arriveremoSi chiama civiltà e tu non puoi farci niente
    • Anonimo scrive:
      Re: Imposizione di standard aperti? Maga
      - Scritto da: francescone
      Tutte le strutture pubbliche dovrebbero
      obbligatoriamente adottare esclusivamente
      prodotti costruiti su standard aperti e
      condivisi, altro che storie.ti ricordo che viviamo in una società democratica e pertanto lo stato non può ignorare l'imprenditoria privatacerto che avete una bella testa voi dell'open source a tutti i costi
      Badate bene, non necessariamente Linux, ma
      prodotti con tali caratteristiche. Questo è il
      principio di fondo che molti non vogliono capire,
      a partire da quelli che parlano di "imposizioni
      politiche" e "linari insistenti". Poi il privato
      sceglie quello che vuole, anche di legarsi mani e
      piedi a prodotti ed aziende che utilizzano
      formati chiusi e proprietari. Scelta comunque
      infelice, ma in quel caso legittima.infelice per chi, lo decidi tu?ma fammi il piacere...
      • Anonimo scrive:
        Re: Imposizione di standard aperti? Maga
        Mi dici dove sta la contraddizione fra formati aperti ed iniziativa privata?
      • Anonimo scrive:
        Re: Imposizione di standard aperti? Maga

        e pertanto lo stato non può ignorare l'imprenditoria
        privataè vero, proprio per questo in Europa e in tutti gli altristati liberali esistono regole per proteggere l'economiada comportamente scorretti che ledono la competizionee rovinano l'economia danneggiando gli imprenditoriproprio per questo microsoft, colpevole di abuso diposizione monopolista, è stata condannata: per difendere l'imprenditoria dandogli la possibilità dicompetereaspettiamo ancora che paghi per i suoi abusi e cheottemperi alle altre disposizioni che le sono stateingiunte per pratiche contro la libera competizioneeconomica
        certo che avete una bella testa certo che tu in fatto di sproloqui sei l'asso di briscolasi parla di una mucca tu rispondi citano una lanterna
        infelice per chiinfelice da un punto di vista economico: prova amettere in commercio un elettrodomestico con unaspina che non si infila in nessuna presa e vediamose vendi qualcosalo stesso vale per gli standard di qualsiasi tipoin ogni categoria merceologica: vengono decisida organismi neutrali di standardizzazione, perevitare il caos
  • Anonimo scrive:
    semi OT - e ora i libri digitali
    estraniandomi completamente dalla sterile diatriba che qui coinvolge gli aficionados di uno o dell'altro sistema operativo, è innegabile notare il risparmio nei costi delle licenze, ma un'altro passo avanti sono sicuro si farebbe sul piano libri:posto che ormai cani e gatti hanno un pc a casa, e qualora non l'avessero, usato con 50 euro qualcosa di completo si trovaposto che i libri di scuola costano un botto, e si pagano a parte una certa cifra..facciamo x=100posto che l'anno dopo sono già inutilizzabili e quindi non rivendibiliposto che ci sono degli accordi sottobanco fra docenti ed editori per la sceltanon sarebbe una cattiva idea far gravare la spesa dei libri dentro la tassa di iscrizione scolastica, ad un costo dimezzato rispetto a quello cartaceo, fornendo i suddetti testi scolastici in formato digitaleci sarebbeun guadagno netto dell'editore, perchè non andrebbe a sostenere costi fissi per i macchinari di stampa, e se è vero che i libri anche l'anno dopo cambiano, ciò che ha prodotto digitalmente è inusabile dai nuovi studenti quindi non potrebbe esistere un mercato dell'usato che danneggerebbe loroun guadagno per le famiglie, dato che il costo scenderebbe sensibilmenteun guadagno per la natura..meno libri= meno alberi abbattutisarò visionario, ma dipendesse da me, adotterei questa possibilitàper chi fosse interessato: uso windows da anni e mi ci trovo bene, ma già da qualche anno provo man mano le varie distro di linux, senza addentrarmi per ora nelle cose complesse, perchè è qualcosa che mi affascina, e se riesco a trovare un imac crt a poco mi farebbe piacere provare anche mac os, non me la sento di dire uno è meglio di un altro in assoluto perchè così non è, ma in ambito scolastico possono andar bene tutti indifferentemente(sempre se dipendesse da me io adibirei una sala pc con sistemi operativi multipli, se è vero che a scuola ci si va per apprendere, non vedo perchè devo capirne solo di win o solo di linux o solo di apple, devo riuscire a muovermi bene in tutti, ma siccome le licenze anche in ambito scolastico vanno pagate la scelta fatta da questi di bolzano la capisco)distinti saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: semi OT - e ora i libri digitali
      - Scritto da: Anonimo
      ci sarebbe
      un guadagno netto dell'editore, perchè non
      andrebbe a sostenere costi fissi per i macchinari
      di stampa, e se è vero che i libri anche l'anno
      dopo cambiano, ciò che ha prodotto digitalmente è
      inusabile dai nuovi studenti quindi non potrebbe
      esistere un mercato dell'usato che danneggerebbe
      loroNon consideri la pirateria: i libri verrebbero copiati durante l'anno corrente. Lo prende uno e lo copia tutta la classe.Per evitare ciò i libri dovrebbero essere provvisti di qualche protezione stile drm.... :s
      un guadagno per le famiglie, dato che il costo
      scenderebbe sensibilmenteIo non credo.
      un guadagno per la natura..meno libri= meno
      alberi abbattutiPc più accesi = più consumi.E' possibile studiare su un libro (fino a quando non si collassa) gratuitamente, utilizzando il pc no.
      sarò visionario, ma dipendesse da me, adotterei
      questa possibilitàIo no ;)Studiare per tre, quattro ore di fila al computer è impossibile:- rumore (anche utilizzando il pc più silenzioso non è come stare in camera/biblioteca in silenzio)- occhi (anche avendo un lcd l'effetto negativo si sente, figurati per i crt)- impossibilità di evidenziare (e magari scrivere accanto) parti di testo
      • Anonimo scrive:
        Re: semi OT - e ora i libri digitali
        ehm io ho scritto faceno sostenere a monte alle famiglie il costo dei libri digitali,a ogni alunno spetterebbero come gli spetta il banco e la sedia, e poi perche' al pc?, potrebbero leggerli sul cell o palmare, comunque i pc fanless esistono gia' e mi pare che anche intel si stia movendo in quella direzione.ciao
  • Anonimo scrive:
    windows ? da formattare, non serve piu
    Chiunque provi distro come ubuntu breezyche uscirà tra meno di un mese capisce subitoche windows è finitoLa mia penna usb da giga è stata riconosciuta,un'icona mi è comparsa sul desk, si è aperto ilfile manager per mostrarmi il contenuto.I miei dvd lo stesso, tutti i tipi di file audio e videogestiti senza nessun problema, la mia vecchiaepson 480 usb, che con win98/2000 andava ungiorno si e un giorno no, funziona perfettamentesenza che io abbia installato nessun driverLa mia fotocamera con gqcam e programmi similinon mi ha dato il benché minimo problema.L'update manager mi mostra un pulsante rossosul pannello nel caso rilevi programmi da aggiornare, cosa che si puo fare con unsemplice clickIl nuovo Installa Applicazioni si avvia dal menucon un click e mi mostra una selezione deiprogrammi piu importanti che posso installare/disinstallare, con relativa icona e descrizione,cosa possibile con un semplice clickopenoffice.org2 è molto bello e ha un moduloper fare db e form in maniera facilissima che si appoggia su un ottimo db, ma puo anche collegarsi a tutti i piu importanti dbms, comemysql, postgres e oracle: inotre salva in xmloasis, ovvero il formato aperto di documenticonsigliato e supportato dall'Unione Euroea,che diverrà il nuovo standard di interscambiodati (in alcuni paesi quali la norvegia gia dal2006)....e tantissime altre cose che sono realmentesemplicissime e divertentiChe dire ! Ora capisco perché HP ha deciso di vendere notebook con questa distro ! Non rimane altro che fare un formattone di hda1 per liberare spazio disco altrimenti sprecato !Non c'è niente da fare, è inutile vuotare il mare,gente come b & b ha avuto il suo momento,che sta finendo: che male c'è, e naturale Tra un po ci sarà il ricambio generazionale ei presunti tecnici del format c: e del cleaningdi xp dal cuggino per scroccare quattro soldiandranno a raccogliere i pomodori, mentreragazzi come quelli che usciranno dalle scuoledi bolzano, molto piu preparati e appassionati,ne prenderanno il posto con grande beneficioper tutti...sarebbe ora
    • Anonimo scrive:
      Problema aggiornamenti Linux
      Io ho Ubuntu sul notebook, e sto avendo grossi problemi con gli aggiornamenti.Mi spiego: ho la 56k, non sono coperto dall'adsl.Quando devo fare degli aggiornamenti corposi, con Synaptic, lascio connesso ed i pacchetti ad uno ad uno vengono scaricati.Quando è stato scaricato un pacchetto viene indicato "Fatto", a volte però indica "Fallito" e non riesco a capire il perchè. La connessione sono certo che è perfetta : ho sempre scaricato da Win XP e non mi ha mai dato problemi. La stessa ISO di Ubuntu l'ho scaricata in un colpo (lungo) solo.Quindi, quando scarico una pacchetto di aggiornamento come quello di Open Opffice : 40 Mb e alla fine mi dice "Fallito" e quando riprendo devo iniziare da zero a me cascano i cosiddetti per terra.Allo stato delle cose ho la ISO installata in originale e pochi altri aggiornamenti di piccola dimensione, per il resto (il sistema me ne consiglia 53 per un totale di 117 Mb), sono in un vicolo cieco.Quindi, con 'sto Linux, che devo fare ???XP invece si autoaggiorna che è una meraviglia, manco devo dare il comando, lascio attivi gli aggiornamenti automatici e fa tutto lui, senza andare a tentativi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Problema aggiornamenti Linux

        Quindi, con 'sto Linux, che devo fare ???mai avuto nessun problema con modem analogiciesterni in cinque anni con almeno 30 distroche dire, sei sfortunato (o usi un modem interno chefunziona male con linux)posta comunque su it.comp.os.linux citandola distro che hai e il modem che usi: qualcunoche ti dia una risposta esauriente lo trovi senz'altrociao
        • Anonimo scrive:
          Re: Problema aggiornamenti Linux
          - Scritto da: Anonimo

          Quindi, con 'sto Linux, che devo fare ???

          mai avuto nessun problema con modem analogici
          esterni in cinque anni con almeno 30 distro

          che dire, sei sfortunato (o usi un modem interno
          che
          funziona male con linux)

          posta comunque su it.comp.os.linux citando
          la distro che hai e il modem che usi: qualcuno
          che ti dia una risposta esauriente lo trovi
          senz'altro

          ciaoè un modem seriale esterno, più di cosìnon ci penso nemmeno a postare su un forum di linux, quelli volano troppo alto per i miei gusti
          • Anonimo scrive:
            Re: Problema aggiornamenti Linux
            - Scritto da: Anonimo
            non ci penso nemmeno a postare su un forum di
            linux, quelli volano troppo alto per i miei gusti:|
      • Anonimo scrive:
        Re: Problema aggiornamenti Linux
        - Scritto da: Anonimo
        Quando devo fare degli aggiornamenti corposi, con
        Synaptic, lascio connesso ed i pacchetti ad uno
        ad uno vengono scaricati.
        Quando è stato scaricato un pacchetto viene
        indicato "Fatto", a volte però indica "Fallito" e
        non riesco a capire il perchè. La connessione
        sono certo che è perfetta : ho sempre scaricato
        da Win XP e non mi ha mai dato problemi. La
        stessa ISO di Ubuntu l'ho scaricata in un colpo
        (lungo) solo.Guarda non credo proprio che tu sia un vero utente Linux.Penso che tu sia un troll infiltrato che si spaccia per utente Linux.Primo perchè i download di file non falliscono bisogna ripartire da zero con Ubuntu semplicemente perchè apt si appoggia wget per i download, e viene utilizzata l'opzione -c per il resuming dei download.Secondo hai citato lo scaricamento di interi pacchetti come openoffice.org e paragoni la cosa a semplici aggiornamenti e bugfix di Windows XP che invece dici ti funzionano bene.Permettimi di ricordarti che a windows xp se gli spegni il modem durante il download non ti fa il resuming e ricomincia daccapo, a differenza di Linux che continua da dove aveva lasciato.P.S. tutti i repository debia/ubuntu supportano il resuming dell'ftp.
    • pippo75 scrive:
      Re: windows ? da formattare, non serve p
      Troppo forte, sto per abboccare..... abboccato
      Chiunque provi distro come ubuntu breezy
      che uscirà tra meno di un mese capisce subito
      che windows è finitoprocedure nuovadistro(txt:string).begin writeln (' sta per uscire la distro ' + txt + ' Windows e' finito '); end;Se lo usi per i 4 programmi inseriti nella distro allora OK, altrimenti....
      I miei dvd lo stesso, tutti i tipi di file audio
      e video
      gestiti senza nessun problema, la mia vecchia
      epson 480 usb, che con win98/2000 andava un
      giorno si e un giorno no, funziona perfettamente
      senza che io abbia installato nessun drivermi sembra una cosa quasi normale....

      La mia fotocamera con gqcam e programmi simili
      non mi ha dato il benché minimo problema.Un solo nome c'e' un programma che permette di modificare i file mjpeg delle macchinette, con windows MovieMaker

      L'update manager mi mostra un pulsante rosso
      sul pannello nel caso rilevi programmi da
      aggiornare, cosa che si puo fare con un
      semplice clickqui confermo, comodo.
      Il nuovo Installa Applicazioni si avvia dal menu
      con un click e mi mostra una selezione dei
      programmi piu importanti che posso installare/
      disinstallare, con relativa icona e descrizione,
      cosa possibile con un semplice clickLe distro mettono di default un elenco di programmi dal loro sito.Secondo me se MS preconfigurasse un programma che propone di default i programmi presenti solo sul loro sito orde di linari insorgerebbero al grido di concorrenza sleale (devono preconfigurare anche altri link).

      Che dire ! Ora capisco perché HP ha deciso di
      vendere notebook con questa distro ! Non rimane
      altro che fare un formattone di hda1 per liberare
      spazio disco altrimenti sprecato !quello si poteva fare anche prima che HP decidesse questo.
      Non c'è niente da fare, è inutile vuotare il mare,
      gente come b & b ha avuto il suo momento,
      che sta finendo: che male c'è, e naturale non so perche ma dubito, almeno nel breve periodo (diciamo 5 anni)Tutto sommato un dimezzaento di MS nel Dekstop penso non dispiaccia a nessuno
      ragazzi come quelli che usciranno dalle scuole
      di bolzano, molto piu preparati e appassionati,
      ne prenderanno il posto con grande beneficio
      per tutti

      ...sarebbe orasta tranquillo se succedesse una cosa simile, ci sarebbe sempre il solito cugggino di turno che farebbe le stesse cose.ciao
    • lroby scrive:
      Re: windows ? da formattare, non serve piu
      - Scritto da:
      Chiunque provi distro come ubuntu breezy
      che uscirà tra meno di un mese capisce subito
      che windows è finito hahahaah...sono passati 4 anni e la tua visione del futuro non è molto azzeccata ;)
  • Anonimo scrive:
    BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E DESK
    Cari "tecnici" vinari, rosicate. Un altro pezzo di panese ne va alla concorrenza, altri di voi, c.d. ingegnericertificati ms e balle varie alla portata dei bambinidelle elementari, impugneranno badile e rastrello.Alla fin fine i nodi vengono al pettine e la realtàdi quello che vale si impone rispetto al cessame."Hp ha svelato a Johannesburg i suoi prossimi passi nel mondo OSS, e si tratta della decisione di vendere sistemi PC con Ubuntu Linux preinstallato.Il tecnologo open source Michael Schulz di HP ha aperto la presentazione con una sorta di introduzione a come Hp stia già usando GNU/Linux. Secondo Schulz ormai sono oltre 15000 i sistemi Linux-based in HP, e viene usato free software per moltissime applicazioni critiche, quali mail system, DNS servers, ed anche nei laboratori di sviluppo delle stampanti LaserJet. Anche tutta la posta elettronica di HP si basa su GNU/Linux e gestisce oltre tre TB (terabyte=1024GB) di posta all'anno. HP quindi rilascierà sia desktop che portatili con Ubuntu Linux, il notebook NX6110 sarà il primo modello, a cui seguira il desktop. Attualmente HP ha 6500 dipendenti come staff su GNU/linux, ma conta di incrementarlo a breve, vista la forte crescita prevista del settore."HP ha seimilacinquecento dipendenti che si occupanodi linux !!! Linux crea lavoro per ingegneri di alto livello togliendolo finalmente ai poveretti che campanoripulendo i virus dall Parrucchiera GiovannonaGrazia Bozen, Grazia HP
    • Anonimo scrive:
      Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D
      molto interessante.In questo modo risparmio sulla licenza windows, a casa tanto già c'è l'ho. E' brutto quando devi cambiare portatile e ti costringono a ricomprare la licenza.Viva queste iniziative
      • Anonimo scrive:
        Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D
        - Scritto da: Anonimo
        molto interessante.
        In questo modo risparmio sulla licenza windows, a
        casa tanto già c'è l'ho. E' brutto quando devi
        cambiare portatile e ti costringono a ricomprare
        la licenza.
        Viva queste iniziativeHai capito tutto tu, eh? Non ti si può nascondere niente, vecchia volpe... :|La licenza OEM di un portatile è ILLEGALE se usata su un altro PC. Equivale a comprare Windows dal marocchino o da un "mulo".Io piuttosto direi che "è brutto quando devi cambiare portatile" e insisti a rimanere nella stessa fuffa. Al prossimo portatile prendine uno senza licenza per installarci Linux, o almeno un laptop Mac con OSX.....tutto ma non quella fuffa rabberciata del Bill
        • Anonimo scrive:
          Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D
          io invece mi continuo a tenere felice windows. Perchè devi obbligarmi a cambiare?
          • Anonimo scrive:
            Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D
            - Scritto da: Anonimo
            io invece mi continuo a tenere felice windows.
            Perchè devi obbligarmi a cambiare?Nessuno ti obbliga a cambiare ognuno è padrone della propria infelicità...Ma non venire a criticare la scelta di passare a Linux di aziende, enti e scuole.O le iniziative delle comunità Linux.
          • Anonimo scrive:
            Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D

            Nessuno ti obbliga a cambiare ognuno è padrone
            della propria infelicità...manteniamo in memoria infelicità
            Ma non venire a criticare la scelta di passare a
            Linux di aziende, enti e scuole.
            O le iniziative delle comunità Linux.e te perchè critichi definendo la mia scelta infelice? Se tu dici che la mia scelta è infelice io dico che la tua è peggio della mia.Che coerenza
    • Anonimo scrive:
      Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D
      IBM nelle sue aziende ha molti pi+ LINUX installati e molti più suoi dipendenti che li usano da anni ormai.Chiamali fessi, non pagano più costosissime licenze e lavorano sicuri al riparo da virus e da problemi di eventuali back-door.Solo gli stolti possono contuinaure a usare sistemi CLOSED quando sono disponibili e perfettamente funzionanti e funzionali sistemi Open Source.
      • Anonimo scrive:
        Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D
        - Scritto da: Anonimo
        IBM nelle sue aziende ha molti pi+ LINUX
        installati e molti più suoi dipendenti che li
        usano da anni ormai.
        Chiamali fessi, non pagano più costosissime
        licenze e lavorano sicuri al riparo da virus e da
        problemi di eventuali back-door.
        Solo gli stolti possono contuinaure a usare
        sistemi CLOSED quando sono disponibili e
        perfettamente funzionanti e funzionali sistemi
        Open Source.Secondo te microsoft cosa usa nel reparto masterizzazione di windos? (sempre per la storia di virus e worm)
      • Anonimo scrive:
        Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D

        molti pi+ LINUXibm non vende portatili con linux(tanto meno con una debian-custom come ubuntu)questo vuol dire che la distro deve essere ingrado di supportare pienamente tutte le tecnologie dei notebook hp
        • Mechano scrive:
          Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D
          - Scritto da: Anonimo

          molti pi+ LINUX

          ibm non vende portatili con linux
          (tanto meno con una debian-custom come ubuntu)
          questo vuol dire che la distro deve essere in
          grado di supportare pienamente tutte le
          tecnologie dei notebook hpIBM ha i computer meglio compatibili con Linux.Non li vende con distro preinstallate è vero, ma li vende a richiesta senza sistema operativo.Il lavoro di IBM non si vede, è dietro le quinte ed è fatto di forniture di specifiche e informazioni e al finanziamento di progetti di driver e software per farlo funzionare al meglio sui suoi prodotti.__Mr. Mechano
    • Mechano scrive:
      Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D
      - Scritto da: Anonimo
      HP ha seimilacinquecento dipendenti che si
      occupano
      di linux !!! Linux crea lavoro per ingegneri diZitto non lo fare sentire in giro sennò arriva Mc Bride quello di SCO e gli dice che deve pagare le licenze perchè Linux e copiato dal suo SCO(jonamentux).__Mr. Mechano
    • Anonimo scrive:
      Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D
      - Scritto da: Anonimo

      HP ha seimilacinquecento dipendenti che si
      occupanoadesso saranno molti di menohttp://www.azpoint.net/news/Internet_News_11586.asporamai è certo, linux è la scelta dei perdenti (win)
      • Anonimo scrive:
        Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo



        HP ha seimilacinquecento dipendenti che si

        occupano

        adesso saranno molti di meno

        http://www.azpoint.net/news/Internet_News_11586.as

        oramai è certo, linux è la scelta dei perdenti

        (win)magari se avessero smesso prima di foraggiare MS i conti sarebbero stati un po' più in ordinema del senno di poi ne son pieni gli hard disk....
      • bouncey2k scrive:
        5 --
    • frizzo scrive:
      Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D
      - Scritto da: Anonimo

      Cari "tecnici" vinari, rosicate. Un altro pezzo
      di pane
      se ne va alla concorrenza, altri di voi, c.d.
      ingegneri
      certificati ms e balle varie alla portata dei
      bambini
      delle elementari, impugneranno badile e rastrello.
      Alla fin fine i nodi vengono al pettine e la
      realtà
      di quello che vale si impone rispetto al cessame.

      "Hp ha svelato a Johannesburg i suoi prossimi
      passi nel mondo OSS, e si tratta della decisione
      di vendere sistemi PC con Ubuntu Linux
      preinstallato.
      Il tecnologo open source Michael Schulz di HP ha
      aperto la presentazione con una sorta di
      introduzione a come Hp stia già usando GNU/Linux.
      Secondo Schulz ormai sono oltre 15000 i sistemi
      Linux-based in HP, e viene usato free software
      per moltissime applicazioni critiche, quali mail
      system, DNS servers, ed anche nei laboratori di
      sviluppo delle stampanti LaserJet. Anche tutta la
      posta elettronica di HP si basa su GNU/Linux e
      gestisce oltre tre TB (terabyte=1024GB) di posta
      all'anno. HP quindi rilascierà sia desktop che
      portatili con Ubuntu Linux, il notebook NX6110
      sarà il primo modello, a cui seguira il desktop.
      Attualmente HP ha 6500 dipendenti come staff su
      GNU/linux, ma conta di incrementarlo a breve,
      vista la forte crescita prevista del settore."

      HP ha seimilacinquecento dipendenti che si
      occupano
      di linux !!! Linux crea lavoro per ingegneri di
      alto livello togliendolo finalmente ai poveretti
      che campano
      ripulendo i virus dall Parrucchiera Giovannona

      Grazia Bozen, Grazia HPBen venga,ma non potevano mettere Debian Stable al posto di Ubuntu ?
      • Anonimo scrive:
        Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D
        - Scritto da: frizzo

        - Scritto da: Anonimo



        Cari "tecnici" vinari, rosicate. Un altro pezzo

        di pane

        se ne va alla concorrenza, altri di voi, c.d.

        ingegneri

        certificati ms e balle varie alla portata dei

        bambini

        delle elementari, impugneranno badile e
        rastrello.

        Alla fin fine i nodi vengono al pettine e la

        realtà

        di quello che vale si impone rispetto al
        cessame.



        "Hp ha svelato a Johannesburg i suoi prossimi

        passi nel mondo OSS, e si tratta della decisione

        di vendere sistemi PC con Ubuntu Linux

        preinstallato.

        Il tecnologo open source Michael Schulz di HP ha

        aperto la presentazione con una sorta di

        introduzione a come Hp stia già usando
        GNU/Linux.

        Secondo Schulz ormai sono oltre 15000 i sistemi

        Linux-based in HP, e viene usato free software

        per moltissime applicazioni critiche, quali mail

        system, DNS servers, ed anche nei laboratori di

        sviluppo delle stampanti LaserJet. Anche tutta
        la

        posta elettronica di HP si basa su GNU/Linux e

        gestisce oltre tre TB (terabyte=1024GB) di posta

        all'anno. HP quindi rilascierà sia desktop che

        portatili con Ubuntu Linux, il notebook NX6110

        sarà il primo modello, a cui seguira il desktop.

        Attualmente HP ha 6500 dipendenti come staff su

        GNU/linux, ma conta di incrementarlo a breve,

        vista la forte crescita prevista del settore."



        HP ha seimilacinquecento dipendenti che si

        occupano

        di linux !!! Linux crea lavoro per ingegneri di

        alto livello togliendolo finalmente ai poveretti

        che campano

        ripulendo i virus dall Parrucchiera Giovannona



        Grazia Bozen, Grazia HP



        Ben venga,ma non potevano mettere Debian Stable
        al posto di Ubuntu ?Penso che bastino solo tre motivi:- la facilità di ubuntu rispetto alla debian- i programmi più aggiornati- kernel della debian stabile: 2.6.8 (+patch sicurezza), contro l'ultimo kernel presente su ubuntu.
        • frizzo scrive:
          Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D
          - Scritto da: Anonimo


          - Scritto da: frizzo



          - Scritto da: Anonimo





          Cari "tecnici" vinari, rosicate. Un altro
          pezzo


          di pane


          se ne va alla concorrenza, altri di voi, c.d.


          ingegneri


          certificati ms e balle varie alla portata dei


          bambini


          delle elementari, impugneranno badile e

          rastrello.


          Alla fin fine i nodi vengono al pettine e la


          realtà


          di quello che vale si impone rispetto al

          cessame.





          "Hp ha svelato a Johannesburg i suoi prossimi


          passi nel mondo OSS, e si tratta della
          decisione


          di vendere sistemi PC con Ubuntu Linux


          preinstallato.


          Il tecnologo open source Michael Schulz di HP
          ha


          aperto la presentazione con una sorta di


          introduzione a come Hp stia già usando

          GNU/Linux.


          Secondo Schulz ormai sono oltre 15000 i
          sistemi


          Linux-based in HP, e viene usato free software


          per moltissime applicazioni critiche, quali
          mail


          system, DNS servers, ed anche nei laboratori
          di


          sviluppo delle stampanti LaserJet. Anche tutta

          la


          posta elettronica di HP si basa su GNU/Linux e


          gestisce oltre tre TB (terabyte=1024GB) di
          posta


          all'anno. HP quindi rilascierà sia desktop che


          portatili con Ubuntu Linux, il notebook NX6110


          sarà il primo modello, a cui seguira il
          desktop.


          Attualmente HP ha 6500 dipendenti come staff
          su


          GNU/linux, ma conta di incrementarlo a breve,


          vista la forte crescita prevista del settore."





          HP ha seimilacinquecento dipendenti che si


          occupano


          di linux !!! Linux crea lavoro per ingegneri
          di


          alto livello togliendolo finalmente ai
          poveretti


          che campano


          ripulendo i virus dall Parrucchiera Giovannona





          Grazia Bozen, Grazia HP







          Ben venga,ma non potevano mettere Debian Stable

          al posto di Ubuntu ?

          Penso che bastino solo tre motivi:
          - la facilità di ubuntu rispetto alla debian
          - i programmi più aggiornati
          - kernel della debian stabile: 2.6.8 (+patch
          sicurezza), contro l'ultimo kernel presente su
          ubuntu.Una volta installata e confiogurata Debian tutto è trannche difficleprogrammi più aggiornati vero-
          ,ma DEbian stable è Debian StableQuindi il kernel è "standard"????almeno compilarlo su Desktop!
          • Anonimo scrive:
            Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D
            - Scritto da: frizzo
            Una volta installata e confiogurata Debian tutto
            è trannche difficle
            programmi più aggiornati vero-
            ,ma DEbian stable
            è Debian Stable
            Quindi il kernel è "standard"????almeno
            compilarlo su Desktop!La Ubuntu Hoary e la nuova Breezy hanno un kernel e delle patch che già appena installata supportano alla grande i chipset dei portatili e l'ACPI per i sistemi di ibernazione e suspend in ram dei moderni portatili.Per esempio sul chipset intel 915GM c'è un controller SATA anche se poi il portatile monta degli EIDE. Allora spesso fanno il boot e tutto funziona ma non sono in grado di ripartire da un resume dopo un suspen in ram perchè il modulo viene scaricato, e dopo non si sa da dove ricaricarlo perchè è un su un disco pilotato da un controller che deve essere controllato da quel moduloPoi ha qualche problema con X.org il chipset video di questo nuovo chipset, e a quanto pare la Ubuntu ha una patch che lo fa funzionare bene.
          • Anonimo scrive:
            Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D

            Una volta installata e confiogurata Debian tutto
            è trannche difficleproprio una cosina facile facile. configurare debian è qualcosa di mostruoso. già il fatto che per mettere la risoluzione a 1024x768 devi modificare a manina un file di configurazione la dice lunga sulla sanità mentale dei creatori di debian. windows è e rimane il top!!!!! (win)(win)consiglio ai linari di vivere la propria vita e di non passarla davanti all' editor di testo.:Dpsma come mai non esiste un cad a linea di comando? forse l' interfaccia aiuta??
          • Anonimo scrive:
            Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D
            - Scritto da: Anonimo

            Una volta installata e confiogurata Debian
            tutto

            è trannche difficle

            proprio una cosina facile facile. configurare
            debian è qualcosa di mostruoso. già il fatto che
            per mettere la risoluzione a 1024x768 devi
            modificare a manina un file di configurazione la
            dice lunga sulla sanità mentale dei creatori di
            debian.Non capisci un ca$$o e si nota da questo commento...
            windows è e rimane il top!!!!! (win)(win)...
            consiglio ai linari di vivere la propria vita e
            di non passarla davanti all' editor di testo.:DOld.
            ps
            ma come mai non esiste un cad a linea di comando?
            forse l' interfaccia aiuta??Forse bisogna vedere la grafica, non ci arrivi? :D
          • Anonimo scrive:
            9 --
            sei un cretino linaro
          • Anonimo scrive:
            9 --
          • frizzo scrive:
            Re: BOMBA DA HP: LINUX SUI PORTATILI E D
            Configurare una debian se non si ha competenza hardware non è immediato,e tanto meno a livello di sfw(ci sono molte possibilità),ma non è così difficlecerto,occorre conoscere un minimo il proprio hw,altrimenti se uno non lo conosce è meglio che punti su altre distro come ad esempio Ubuntu)
  • Anonimo scrive:
    linari troppo insistenti
    onestamente non capisco cosa ci guadagnino. Sia tra i colleghi che su PI noto una cosa:chi usa windows non cerca mai di far usare windows agli altri, si limita a dire che preferisce windows perchè più semplice, più pratico, meno politico chi usa linux ti vuole costringere a usare linux a tutti i costi (vedi gli uffici, all'epoca ognuno scelse microsoft in base alle proprie esigenze, oggi i politici vogliono forzare ad usare linux). Chi lo fa propone come argomenti principali:Gates è un individuo poco qualificabile (per andarci leggero) insieme a tutta l'aziendaLinux è libertàLinux costa pocoSu linux non ci sono i virus (ma non dicono però i pregi che ci sono)insomma linux users, non è un pò pretenzioso obbligare la gente, deridendola per altro, ad usare linux? State organizzando movimenti per obbligare la gente. Scusate: una scuola ha professori, un ufficio degli amministratori ed ognuno degli interessi, perchè non lasciate decidere a loro invece di decidere voi? Alla fine la tirannia la volete creare voi. Abbiate fiducia, il giorno in cui linux sarà pronto saranno direttamente gli utenti a passarci, ora una forzatura rompe solo le scatole a chi vuole usare windows in santa pace ed ha un collega che ti fa una testa così tutti i giorni per passare a linux
    • gian_d scrive:
      Re: linari troppo insistenti
      Apparentemente il tuo ragionamento non fa una grinza, perciò cerco di risponderti.Quando dici che chi usa windows non ti impone alcuna scelta (contrariamente a quanto farebbero gli utenti linux) stai facendo un errore. E' vero che non cerca di convincermi in modo diretto ad usare Windows, ma esercita una pressione inconsapevole sulla mia libertà di scelta. Faccio solo due esempi:1) se becco un sito che m'impedisce l'accesso perché è impostato sulle specifiche di Internet Explorer succede perché il 99% delle persone usa Internet Explorer e si da per scontato (o si pretende) che lo faccia anche il restante 1%. Stranamente, io linaro mi preoccupo che il sito Web sia accessibile non solo per Firefox o Konqueror ma anche per Explorer (evitiamo la battuta della serie "conviene renderlo accessibile ad explorer altrimenti....", ok?)2) se scarico un file in formato .doc e la tabella sballa con Open Office succede perché il 99% delle persone usa Word e si da per scontato ecc... Basterebbe usare un formato aperto come il RTF. Non parliamo poi della banda in più che assorbe un file .doc rispetto ad un altro formato, lo sappiamo tutti, no?. In ogni caso, quando invio un allegato per posta o metto un file da aprire con un word processor in un download non voglio obbligare nessuno ad usare open office: di solito invio un allegato in formato RTF o se voglio una precisione nella formattazione in PDF, mentre un testo da scaricare dal Web lo metto in più formati: oltre al .doc (già, anch'io ho MS Word, pagato regolarmente per giunta), ci metto anche il sxw perché è molto più leggero e qualcuno potrebbe apprezzare il fatto. Ma non obbligo nessuno ad usare open office.Potrei continuare con piccole cosette di tutti i giorni in cui sono pressato dal fatto che in un modo o nell'altro devo usare qualcosa che ha a che fare con Windows. La cosa non mi disturba più di tanto visto che uso già Windows per altri motivi, però quegli stessi motivi non è detto che possa averli necessariamente qualsiasi utente Linux.Ora dov'è che vogliamo imporre a tutti i costi le nostre scelte? Personalmente voglio documenti in formati aperti e non fare i salti mortali per dovervi accedere. Voglio siti accessibili dal mio browser e non accessibile da Internet Explorer che fra l'altro non posso neppure usare all'occorrenza, ecc. ecc.E' imporre una scelta? no, è solo la richiesta in base ad un sacrosanto diritto. E dato che questo diritto continuerà ad essere negato finché Microsoft continuerà ad avere questa posizione di mercato, Microsoft sarà uno scenario che nel nostro piccolo cerchiamo di cambiare.Per quanto riguarda il discorso scuola... beh, se non lo sai sono un insegnante perciò posso anche decidere di fare una scelta in una direzione. Anche imponendola: visto che mi occupo io dei piccì della mia scuola e lo faccio aggratis lo faccio *alle mie condizioni*. Altrimenti:1) mi paghi (tu, sistema scolastico italiano) per fare quello che vuoi tu2) mollo tutto e i piccì te li gestisci tu (tu, sistema scolastico italiano)Quando vado in un'altra scuola non pretendo mai che mi facciano trovare il software che voglio, uso quello che mi offrono. Così quando qualcuno viene da me si deve adeguare.Se ci fosse libertà di scelta questi problemi e queste incompatibilità non esisterebbero neppure, invece se da un lato un linaro è spesso anche utente windows, lo stesso non si può dire in senso inverso. Risultato? che la tendenza di windows e di chi usa windows è di cancellare dalla faccia della terra chi usa altro, mentre la tendenza di linux e di chi usa linux è di rendere compatibili e interoperabili contesti differenti.
    • barbanera scrive:
      Re: linari troppo insistenti
      - Scritto da: Anonimo
      onestamente non capisco cosa ci guadagnino. Sia
      tra i colleghi che su PI noto una cosa:
      chi usa windows non cerca mai di far usare
      windows agli altri,non è che questo mi meravigli ;) si limita a dire che
      preferisce windows perchè più semplice, più
      pratico, meno politico
      meno politico? ma che vuol dire? :D
      chi usa linux ti vuole costringere a usare linux
      a tutti i costi Menzogna. Sui portatili ci trovi preinstallato win non linux. e non è possibile avere un portatile senza win. dimmi chi è che costringe?(vedi gli uffici, all'epoca
      ognuno scelse microsoft in base alle proprie
      esigenze, oggi i politici vogliono forzare ad
      usare linux). i politici vogliono forzare? ti ricordo che linux è di tutti. mentre win è di bill. la conoscenza è di tutti. e tutti hanno diritto di avere libero accesso alla conoscenza.non si parla di prodotti. si parla di opensource.;)Chi lo fa propone come argomenti
      principali:
      Gates è un individuo poco qualificabile (per
      andarci leggero) insieme a tutta l'azienda
      Linux è libertà
      Linux costa poco
      Su linux non ci sono i virus (ma non dicono però
      i pregi che ci sono)

      insomma linux users, non è un pò pretenzioso
      obbligare la gente, deridendola per altro, ad
      usare linux? obbligare la gente? ma quando mai? deridere le persone? per me potete tenervi win tutta la vita, a me non importa di certo, io ormai non ho piu problemi.State organizzando movimenti per
      obbligare la gente. Scusate: una scuola ha
      professori, un ufficio degli amministratori ed
      ognuno degli interessi, perchè non lasciate
      decidere a loro invece di decidere voi?idem come sopra riguardo ai pc portatili. fortunatamente in ambito accademico si sono dati una svegliata.
      Alla fine la tirannia la volete creare voi.tirannia? Microsoft your money our passion!
      Abbiate fiducia, il giorno in cui linux sarà
      pronto saranno direttamente gli utenti a
      passarci,no windows rimarrà in eterno per permettere ai bambini di giocare con l'ultimo videogioco succhiarisorse. ora una forzatura rompe solo le scatole
      a chi vuole usare windows in santa pace ed ha un
      collega che ti fa una testa così tutti i giorni
      per passare a linux
      • Anonimo scrive:
        Re: linari troppo insistenti
        - Scritto da: barbanera

        ti ricordo che linux
        è di tutti. mentre win è di bill. la conoscenza è
        di tutti. e tutti hanno diritto di avere libero
        accesso alla conoscenza.fino a prova contraria il pc nel 99.9% dei casi serve per svolgere qualche compito specifico, il fatto che si possano leggere i sorgenti di un software non da di fatto alcun vantaggio aggiuntivo all'utente comune... è tutta una bufalainoltre ti ricordo che anche la macchina che usi per andare a lavoro non è tua come credi, ma è della casa produttrice che ne detiene diritti e brevettise poi vogliamo usare il pc per soddisfare la nostra sete di ideologie e fanatismi, allora ben venga linux e tutti i santoni che ci stanno dietro
        • Anonimo scrive:
          Re: linari troppo insistenti
          - Scritto da: Anonimo
          se poi vogliamo usare il pc per soddisfare la
          nostra sete di ideologie e fanatismi, allora ben
          venga linux e tutti i santoni che ci stanno
          dietrolascia perdere l'informatica: non fa per te.
          • Anonimo scrive:
            Re: linari troppo insistenti
            - Scritto da: Anonimo

            lascia perdere l'informatica: non fa per te.mi chiedo con quale criterio dai queste affermazionisi, mi convinco ancora di più, siete solo un branco di fanatici presuntuosi... pessima specie che durerà poco
          • Anonimo scrive:
            Re: linari troppo insistenti
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            lascia perdere l'informatica: non fa per te.

            mi chiedo con quale criterio dai queste
            affermazioni

            si, mi convinco ancora di più, siete solo un
            branco di fanatici presuntuosi... pessima specie
            che durerà pocolascia perdere anche il resto
          • Anonimo scrive:
            Re: linari troppo insistenti
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            lascia perdere l'informatica: non fa per te.

            mi chiedo con quale criterio dai queste
            affermazioni

            si, mi convinco ancora di più, siete solo un
            branco di fanatici presuntuosi... pessima specie
            che durerà pocoInvece purtroppo la specie degli ignorati boriosi durerà a lungo...
        • Rex1997 scrive:
          Re: linari troppo insistenti
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: barbaneracut
          inoltre ti ricordo che anche la macchina che usi
          per andare a lavoro non è tua come credi, ma è
          della casa produttrice che ne detiene diritti e
          brevetti
          Se la macchina l'hai acquistata regolarmente, dato che firmi davanti ad un notaio l'acquisto, è tutta tua civilmente e legalmente, se hai l'auto in leasing è della società che ti concede il leasing..in ogni caso "appartiene" fisicamente a qualcuno.Solo il software closed di certe sw-house è dato in licenza e tu non sei padrone di niente...Quindi prima di postare accertati almeno di sapere di cosa parli..:(
          se poi vogliamo usare il pc per soddisfare la
          nostra sete di ideologie e fanatismi, allora ben
          venga linux e tutti i santoni che ci stanno
          dietroTu si che hai capito tutto dell'informatica e della libertà di conoscenza...:(==================================Modificato dall'autore il 10/09/2005 12.55.47==================================Modificato dall'autore il 10/09/2005 12.55.58
        • Anonimo scrive:
          Re: linari troppo insistenti
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: barbanera



          ti ricordo che linux

          è di tutti. mentre win è di bill. la conoscenza
          è

          di tutti. e tutti hanno diritto di avere libero

          accesso alla conoscenza.

          fino a prova contraria il pc nel 99.9% dei casi
          serve per svolgere qualche compito specifico, il
          fatto che si possano leggere i sorgenti di un
          software non da di fatto alcun vantaggio
          aggiuntivo all'utente comune... è tutta una
          bufalaChiedilo ha chi ha scritto tonnellate di documenti in un qualche formato proprietario per poi scoprire che l'azienda che ha scritto il programma è fallita...
          inoltre ti ricordo che anche la macchina che usi
          per andare a lavoro non è tua come credi, ma è
          della casa produttrice che ne detiene diritti e
          brevettiUna FIAT la puoi comprare, vendere, smontare come credi e nessuno ti viene a dire su quali strade si possa girare e su quali no. Lo stesso non si può dire per il software proprietario.Forse faresti meglio a dare una ripassata alla distinzione fra proprietà materiale e proprietà intellettuale, e magari anche alle diverse forme di quest'ultima.
          se poi vogliamo usare il pc per soddisfare la
          nostra sete di ideologie e fanatismi, allora ben
          venga linux e tutti i santoni che ci stanno
          dietroOvviamente quando non si sa cosa dire si ricorre alle sciocchezze...
          • Anonimo scrive:
            Re: linari troppo insistenti
            - Scritto da: Anonimo

            Una FIAT la puoi comprare, vendere, smontare come
            credi e nessuno ti viene a dire su quali strade
            si possa girare e su quali no. Lo stesso non si
            può dire per il software proprietario.la licenza d'uso non è certo un contratto di vendita, se ti sta bene la compri, altrimenti ti fai tutto da solo oppure cerchi qualche povero cristo che lavora gratisimho la sete di conoscenza non va quasi mai di pari passo con la necessità di utilizzare un software, pertanto i vostri discorsi non reggono se rapportati alla realtà
          • Anonimo scrive:
            Re: linari troppo insistenti
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo




            Una FIAT la puoi comprare, vendere, smontare
            come

            credi e nessuno ti viene a dire su quali strade

            si possa girare e su quali no. Lo stesso non si

            può dire per il software proprietario.

            la licenza d'uso non è certo un contratto di
            vendita,....Certo che no. L'acquisto di un'automobile invece si. Come vedi hai fatto un paragone del tutto sballato.
            se ti sta bene la compri, altrimenti tiCompri cosa ? Ma se hai appena finito di dire che non è un contratto di vendita...
            fai tutto da solo oppure cerchi qualche povero
            cristo che lavora gratisE infatti ho fatto così... anche se non la vedo esattamente in questi termini...
            imho la sete di conoscenza non va quasi mai di
            pari passo con la necessità di utilizzare un
            software, pertanto i vostri discorsi non reggono
            se rapportati alla realtàIn effetti, vedendo quanti ignoranti totali utilizzino il PC, anche a costo di disastri inimmaginabili, non posso non darti ragione...
          • Anonimo scrive:
            Re: linari troppo insistenti

            Chiedilo ha chi ha scritto tonnellate di
            documenti in un qualche formato proprietario per
            poi scoprire che l'azienda che ha scritto il
            programma è fallita...tutti i programmi esistenti hanno formati proprietari ma normalmente forniscono formati di conversione. Avere il codice significa comunque che se la comunità si ferma tu resti fregato come utente. Io ci sono rimasto fregato. C'era ODE, buono, stava andando bene, ora si è fermato. Da solo non posso continuarlo, non ho ne il tempo ne le competenze per aggiungere nuove features. Se non continueranno il lavoro avrò un motore fisico vecchio e dovrò quindi trovare un nuovo motore, imparare ad usarlo e riscrivere un mare di codice. Al contrario quelli chiusi come tokamak e newton stanno continuando perchè credo che abbiano progetti di venderlo quando sarà maturo. Come vedi a me l'open non ha risolto il problema e questo punto spero in un prodotto su licenza ad un costo sostenibile da me ed adatto ai miei scopi
            Una FIAT la puoi comprare, vendere, smontare come
            credi e nessuno ti viene a dire su quali strade
            si possa girare e su quali no. Lo stesso non si
            può dire per il software proprietario.ma io non posso comprare una fiat e duplicarla, ecco perchè. Se esistesse il modo lo farebbero ed è giusto. Progettare una fiat costa (chi lavora in open source stranamente sembra trascurare i costi di ricerca su ogni cosa), se si potesse duplicare senza alcun problema la gente ne comprebbe una e la copierebbero in tutto il quartiere.
            Ovviamente quando non si sa cosa dire si ricorre
            alle sciocchezze...perchè non si vuole rispettare il lavoro di una azienda. Non è possibile ammortizzare i costi di sviluppo con il codice open source. Se lo fai devi sapere che i soldi non ti entreranno dalla vendita del software e molti settori non avrebbe introiti sufficienti. Chi difende linux sono principalmente chi adopera il software (i server web ad esempio). Non conosco nessuna persona che vende prodotti a sostenerlo.
          • Anonimo scrive:
            Re: linari troppo insistenti
            - Scritto da: Anonimo

            Chiedilo ha chi ha scritto tonnellate di

            documenti in un qualche formato proprietario per

            poi scoprire che l'azienda che ha scritto il

            programma è fallita...
            tutti i programmi esistenti hanno formati
            proprietari ma normalmente forniscono formati diAffatto. E questo si applica anche a molti programmi closed che però utilizzano formati aperti. Tra il resto l'uso di formati aperti è la base della libera concorrenza e dell'economia di mercato. Altrimenti prima o poi si finisce nel monopolio.
            conversione. Avere il codice significa comunque
            che se la comunità si ferma tu resti fregato come
            utente. Io ci sono rimasto fregato. C'era ODE,Se c'è interesse qualcun'altro potrà scrivere qualche cosa che utilizza lo stesso formato. Comunque noto che continui a confondere formati aperti con sorgenti aperti. Sono due cose ben diverse, quindi è inutile che continui su questa strada.Ad ogni modo se una software house fallisce non ti fornisce più alcun programma, quindi la conversione non la fai....

            Una FIAT la puoi comprare, vendere, smontare
            come

            credi e nessuno ti viene a dire su quali strade

            si possa girare e su quali no. Lo stesso non si

            può dire per il software proprietario.
            ma io non posso comprare una fiat e duplicarla,
            ecco perchè. Se esistesse il modo lo farebbero ed
            è giusto. Progettare una fiat costa (chi lavora
            in open source stranamente sembra trascurare i
            costi di ricerca su ogni cosa), se si potesse
            duplicare senza alcun problema la gente ne
            comprebbe una e la copierebbero in tutto il
            quartiere. Vedo con dispiacere che non hai seguito il mio consiglio di informarti delle differenze fra proprietà materiale ed intellettuale.

            Ovviamente quando non si sa cosa dire si ricorre

            alle sciocchezze...
            perchè non si vuole rispettare il lavoro di una
            azienda. Non è possibile ammortizzare i costi diInvece tu con uscite del tipo: "se poi vogliamo usare il pc per soddisfare la nostra sete di ideologie e fanatismi, allora ben venga linux e tutti i santoni che ci stanno dietro" dimostri veramente di rispettare il lavoro e le scelte altrui.
            sviluppo con il codice open source. Se lo fai
            devi sapere che i soldi non ti entreranno dalla
            vendita del software e molti settori non avrebbe
            introiti sufficienti. Chi difende linux sonoPuò essere. Saranno problemi di chi lo sviluppa se e dove reperire i soldi, non credi ? O pensi di vietare per legge la scrittura di codice open ?
            principalmente chi adopera il software (i server
            web ad esempio). Non conosco nessuna persona che
            vende prodotti a sostenerlo.Allora fatti un giro in internet e troverai un sacco di aziende che vendono e sviluppano codice open. A cominciare dalla Suse che in qualche altro post è stata infatti accusata da qualche altro win-troll di vendere codice open...
        • gian_d scrive:
          Re: linari troppo insistenti
          - Scritto da: Anonimo

          fino a prova contraria il pc nel 99.9% dei casi
          serve per svolgere qualche compito specifico, il
          fatto che si possano leggere i sorgenti di un
          software non da di fatto alcun vantaggio
          aggiuntivo all'utente comune... è tutta una
          bufalail fatto che si possano leggere i sorgenti di un software non obbliga l'utente a modificarli, però offre l'occasione di farlo se si presenta l'opportunità

          inoltre ti ricordo che anche la macchina che usi
          per andare a lavoro non è tua come credi, ma è
          della casa produttrice che ne detiene diritti e
          brevettiil tuo concetto di proprietà è un po' sfasato: essere proprietari dei brevetti non implica automaticamente la proprietà dei beni prodotti con quei brevetti. Se acquisti l'auto X diventi proprietario a tutti gli effetti, puoi rivenderla o farla usare a chi cavolo vuoi, puoi farci i cavoli che vuoi sul motore sulla carrozzeria e su tutto quello che vuoi purché sia permesso dalle norme relative al codice della strada (e non da norme su brevetti, diritti e balle varie). Non hai invece alcun diritto di produrre una macchina uguale a quella che hai acquistato.Mi sembra un caso *completamente* diverso dall'acquisto di una licenza software

          se poi vogliamo usare il pc per soddisfare la
          nostra sete di ideologie e fanatismi, allora ben
          venga linux e tutti i santoni che ci stanno
          dietroquale fanatismo? io uso sia software libero sia software proprietario, uso sia Windows sia Linux. Per convinzioni personali sono più favorevole ad un determinato contesto e desidero che si sviluppi di più e che abbia una maggiore tutela. E' fanatismo questo?Fanatismo è quello di chi si oppone a priori a qualsiasi cambiamento che non gli vada bene.Fatti un esame di coscienza, ne hai bisogno.
  • Anonimo scrive:
    Una visione un po' più filosofica...
    ...sapete lo statuto speciale...sapete non si sà bene chi controllae qualcuno si è messo in tasca la differenza al posto di usarla nella scuola.Tanto la moda dice che Linux và bene.Tanto c'è chi dice che Linux vada pure meglio....Ed io senza cambiare i budget, risparmio e mi metto i soldi in tasca.Funzionerà?Si o no per me è lo stesso...I soldi sempre io me li intasco....Meditate gente...Che un approcio filosofico senza dire di più, nasconde anche una sana truffa!!!ED IO PAGO..... (le tasse)
    • Anonimo scrive:
      Re: Una visione un po' più filosofica...
      bingo
    • gian_d scrive:
      Re: Una visione un po' più filosofica...
      - Scritto da: Anonimo
      ...sapete lo statuto speciale
      ...sapete non si sà bene chi controlla

      e qualcuno si è messo in tasca la differenza al
      posto di usarla nella scuola.
      Tanto la moda dice che Linux và bene.
      Tanto c'è chi dice che Linux vada pure meglio....

      Ed io senza cambiare i budget, risparmio e mi
      metto i soldi in tasca.

      Funzionerà?
      Si o no per me è lo stesso...
      I soldi sempre io me li intasco....


      Meditate gente...
      Che un approcio filosofico senza dire di più,
      nasconde anche una sana truffa!!!


      ED IO PAGO..... (le tasse)non è detto che sia così: la quota di budget risparmiata può essere impiegata per potenziare gli strumenti o, perché no (anche se ne dubito) per contribuire al finanziamento di Debian, o per pagare professionisti o associazioni locali nell'offrire l'assistenza tecnica.Certo puoi avere anche ragione, ma sarebbe uno dei tanti casi di malaffare che esistono già anche senza software libero.
    • Anonimo scrive:
      Re: Una visione un po' più filosofica...
      - Scritto da: Anonimo
      ...sapete lo statuto speciale
      ...sapete non si sà bene chi controlla

      e qualcuno si è messo in tasca la differenza al
      posto di usarla nella scuola.
      Tanto la moda dice che Linux và bene.
      Tanto c'è chi dice che Linux vada pure meglio....

      Ed io senza cambiare i budget, risparmio e mi
      metto i soldi in tasca.

      Funzionerà?
      Si o no per me è lo stesso...
      I soldi sempre io me li intasco....


      Meditate gente...
      Che un approcio filosofico senza dire di più,
      nasconde anche una sana truffa!!!Ah si? e lo sai? fai un bell'esposto/denucia allora. Peccato che a me l'operazione sembri più che trasparente:In vista della scadenza dell'accordo fra le scuole di bolzano e MS hanno pensato di non rinnovarlo e passare a linux. Poi la cosa magari a te da fastidio e quindi ci vedi chissachecosa.
    • bouncey2k scrive:
      5 --
      • gian_d scrive:
        5 --
        c'era solo uno spazio vuoto-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 aprile 2006 00.56-----------------------------------------------------------
  • AnyFile scrive:
    Ma di quali computer si parla?
    Ma di quali cojmputer si parla?Di quelli che c'erano gia' a scuola? Di quelli destinati agli studenti o di quelli che ci sono in segreterie e simili?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma di quali computer si parla?
      computer utilizzati nei laboratori didattici- Scritto da: AnyFile
      Ma di quali cojmputer si parla?

      Di quelli che c'erano gia' a scuola? Di quelli
      destinati agli studenti o di quelli che ci sono
      in segreterie e simili?
  • nietzsche scrive:
    Re: Curiosità - sicurezza

    mi pare che abbia ancora probilemi con il locking se
    usato da client linuxsbagliato: nessun problema e velocità superiori aiserver windows con hw inferiore, nonché interoperabilità con mac e windows
    Mi interesserebbe moltousi samba con ldap, ma mi sembra che tu debba unattimo documentarti==================================Modificato dall'autore il 09/09/2005 15.38.03
    • Anonimo scrive:
      Re: Curiosità - sicurezza

      sbagliato: nessun problema e velocità superiori ai
      server windows con hw inferiore, nonché
      interoperabilità con mac e windows che sia più velce non ne dubitavo. Mi chiedevo se fosse adatto a gestire le homes dogli utenti montate via rete su client linux. Io mi riferivo a questo problema: pare che smbmount non locki i files:http://lists.samba.org/archive/smb-clients/2005-March/000556.htmlhttp://crossover.codeweavers.com/pipermail/discuss/2005-June/008692.html


      Mi interesserebbe molto

      usi samba con ldap, ma mi sembra che tu debba un
      attimo documentartiVisto che non posso fare a meno di kerberos pesavo infatti a nfsv4 + ldap + kerberos.
      • nietzsche scrive:
        Re: Curiosità - sicurezza

        Mi chiedevo se fosse adatto a gestire le homes dogli
        utenti montate via rete su client linux. Io mi riferivo a
        questo problema: pare che smbmount non locki i files:sai che mi incuriosisce la cosa ? bisogna che ci guardidue utenti samba gigi, su due macchine diverse, chesi loggano come gigi, entrano in conflitto di scrittura suun file non lockato né da samba né da unix: la cosaè stranaho capito bene ?beh, basta provare....
  • Anonimo scrive:
    2500 LINUX IN PIU ANCHE OGGI - GRAZIE
    Non c'è niente da fare, linux è in continuacrescita in tutto il mondo. Basta scorrere le notizie giorno dopo giorno.E' inutile nascondere la testa sotto terra.Offendere e denigrare non modifica la realtàLa verità è che in tutto il mondo si cerca discappare dallo scomodo e supercostosomonopolio microsoft e dovunque si possa viene introdotto linuxGrazie ai bolzanini, comunque
  • Anonimo scrive:
    5 --
    ...vedere quanta gente parla solo perche' gli e' stata data una bocca... non sanno niente, non si sono degnate di leggere una riga a proposito delle fasi del progetto... e sparano stupidaggini. Prima o poi voglio scoprire quanti soldi si prendono a fare il troll su questi forum!
  • Anonimo scrive:
    OT mechano, ma linux non funzionava?
    girando per i forum ho trovato questo messaggio. Mi pare opera tua, c'è pure la firma"Ciao! Sono Mr. Mechano, mi presentero' meglio presto in qualche altro messaggio. Intanto passo al sodo col mio problema. Ho un PC di quelli con scheda video integrata nel chipset SiS740. E' un K7 2600+ 512MB di ram DDR266, e la memoria video condivisa. Xfree 4.3.0 (diverse distribuzioni ma prevalentemente Mandrake 9.1). Funziona tutto molto bene tranne che il playback video. Qualsiasi programma che fa il play di AVI, MPEG, DVD ecc. Mostra uno schermo nero-bluastro, si sente l'audio ma non si vede il filmato. Funziona se si usa il framebuffer con una Knoppix. Ho gia' sentito di problemi del genere ma nonostante abbia provato diverse versioni del sis_drv.o i risultati sono sempre gli stessi. -- Saluti. Mr. Mechano"allora anche il fenomeno mechano ha problemi, strano eh, mi avevi detto che linux era perfetto.
    • Anonimo scrive:
      Re: OT mechano, ma linux non funzionava?
      Toglimi una curiosità: tu vai in giro per forum linux per dare contro a chi usa linux e legge PI?Veramente sei a questo livello?Io o Windows e OsX, ma mi verrebbe da abbandonare win solo per non essere equiparato a te...(scherzo, ti compatisco e basta, troll di professione...)
      • Anonimo scrive:
        Re: OT mechano, ma linux non funzionava?
        veramente basta scrivere Mr mechano su googlecomunque voglio capire se linux è buono davvero o ci spera solo per spillare un pò di soldi ai clienti che cavalcheranno l'onda di linux
        • Anonimo scrive:
          Re: OT mechano, ma linux non funzionava?
          - Scritto da: Anonimo
          veramente basta scrivere Mr mechano su google
          comunque voglio capire se linux è buono davvero o
          ci spera solo per spillare un pò di soldi ai
          clienti che cavalcheranno l'onda di linuxcavalcare l'onda ? mache fai surf ? scegli il SO che va bene per te e non rompere i @**##...
        • Anonimo scrive:
          Re: OT mechano, ma linux non funzionava?
          - Scritto da: Anonimo
          veramente basta scrivere Mr mechano su google
          comunque voglio capire se linux è buono davvero o
          ci spera solo per spillare un pò di soldi ai
          clienti che cavalcheranno l'onda di linuxO scusa.Quindi cerchi in internet roba da usare contro quelli che non usano il tuo sistema operativo e che leggono PI?La sostanza non cambia, sei infantile.PS: chi ti dice che linux non costa nulla esagera, sia che usi windows o che usi linux, perché le informazioni per far funzionare un sistema operativo si pagano (manuali, riviste etc).Ma mente anche chi dice che windows è semplice: le ondate di worm e trojan sono causate da utenti inesperti che credono che win sia facile e non fanno aggiornamenti, non installano firewall e non usano antivirus (e sono tanti). E questo causa l'innalzamento dei costi di windows (chiamare un tecnico per reinstallare windows: cosa diffusissima, chiedi nei negozzi tipo vobis o PCcity, costa 30 euro).Quindi e vuoi usare un computer dei spendere comunque per l'istruzione, qualunque os usi.Con linux semplicemente risparmi sul software e non hai problemi di virus.
        • jojob scrive:
          Re: OT mechano, ma linux non funzionava?
          - Scritto da: Anonimo
          veramente basta scrivere Mr mechano su google
          comunque voglio capire se linux è buono davvero o
          ci spera solo per spillare un pò di soldi ai
          clienti che cavalcheranno l'onda di linuxE per sapere se windows e' "buono" cosa dovrei scrivere su google?
          • Anonimo scrive:
            Re: OT mechano, ma linux non funzionava?
            - Scritto da: jojob
            E per sapere se windows e' "buono" cosa dovrei
            scrivere su google?Facilissimo!http://www.microsoft.com/windowsserversystem/facts/default.mspxLi è pieno di tanti studi indipendenti e imparziali che dimostrano la qualita di windows! :D:D:D
    • Anonimo scrive:
      Re: OT mechano, ma linux non funzionava?
      - Scritto da: Anonimo
      girando per i forum ho trovato questo messaggio.
      Mi pare opera tua, c'è pure la firma
      http://216.239.59.104/search?q=cache:EoIINfi7nvwJ:fermolug.altervista.org/modules.php%3Fname%3DForums%26file%3Dviewtopic%26p%3D22+%22mi+presentero%27+meglio+presto+in+qualche+altro+messaggio%22&hl=en&client=firefoxInviato: Mer Nov 26, 2003 4:00 pmE il giorno successivo ha trovato risposta
      • Mechano scrive:
        Re: OT mechano, ma linux non funzionava?
        - Scritto da: Anonimo
        http://216.239.59.104/search?q=cache:EoIINfi7nvwJ:

        Inviato: Mer Nov 26, 2003 4:00 pm

        E il giorno successivo ha trovato rispostaInfatti ha funzionato a meraviglia una versione successiva di X.org dove è stato creato un work around per il bug del chipset SiS740.Tutt'ora uso quel chipset su uno dei miei computer e funziona bene.Ah funziona tutto bene anche su quel computer di cui ho scritto in quel messaggio.__Mr. Mechano
    • Anonimo scrive:
      Re: OT mechano, ma linux non funzionava?

      Qualsiasi programma che fa il play di AVI, MPEG,
      DVD ecc. Mostra uno schermo nero-bluastro, si
      sente l'audio ma non si vede il filmato.
      Funziona se si usa il framebuffer con una
      Knoppix.
      installare i codec ??????????????????????????????
    • Mechano scrive:
      Re: OT mechano, ma linux non funzionava?
      - Scritto da: Anonimo
      allora anche il fenomeno mechano ha problemi,
      strano eh, mi avevi detto che linux era perfetto.Non credevo d'essere così famoso che tanta gente è curiosa di conoscere me e il mio passato.Ma è qualcuno che ti ci manda o sei solo curioso di tuo?__Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    una battaglia come quella dei brevetti
    Via Microsoft dalla scuola pubblica.Via i formati proprietari dalla scuola pubblicaVia i programmi del monopolista dalla scuola pubblicaCome abbiamo vinto la battaglia sui brevetti controi lecchini della microsoft, cosi possiamo vincereanche questa.
    • Anonimo scrive:
      Re: una battaglia come quella dei brevet
      come si può credere che linux sia tecnologicamente migliore quando parlate solo di monopolio e di altre cavolate. I professionisti usano solo i prodotti che gli servono. La marca del software non ha importanza, ne tanto meno le idee di 4 scemi, rispetto chi usa linux seriamente ma per questi ci vorrebbe davvero la fiamma ossidrica.
  • Anonimo scrive:
    Re: Elezioni in vista? (non ms vista)

    si sta parlando di 2500 scuole, quindi vorra'
    dire: elementari, medie inferiori e medie
    superiori.No 2500 PC, non scuole
    una volta si sarebbe fatta une sperimentazione e
    magario un graduale passaggio, oggi hanno
    scoperto che queste cose non sono piu' di moda,
    oggi sa va di botto.

    prima cosa: tutte le postazioni in cui il
    precedente sistema funzionava (non e' detto che
    ci sia sempre windows), non potevano essere
    mantenuti, andava bene ma si butta (viva lo
    spreco, in italia e' abitudine).1) non è Italia (per mentatlità)2) le licenze MS scadono a dicembre 2005 (si c'era windows prima), quindi si, è stato un rischio,ma chi non risica non rosica.
    elezioni in vista?Per raccogliere i voti di chi? Di tre nerd linuxari?
    Sicuramente si sono informati prima presso
    insegnati, alunni e genitori per sapere quali
    erano le vere necessita' e la maggiornza ha
    risposto Linux.Invece prima di usare windows si erano informati. Cmq se chiedi ai genitori, l'unica cosa che vogliono, ahimé, dalla scuola e che essa sostituisca la famiglia, che sia un parcheggio. E per questo si dovrebbe trasformare le scuola in un parcheggio di ragazzi?

    La provincia bolzanina si conferma così tra

    le realtà scolastiche all'avanguardia in tema

    di tecnologie, con un rapporto di un pc per ogni

    cinque alunni, ben più del rapporto 1/15

    che il ministero dell'Istruzione ha indicato

    come obiettivo per il 2007.

    da quanto la qualita' si misura con il metro.Si misuare ANCHE con il metro. Vedi lo studio PISA

    funzionalità differenti a seconda della scuola

    (elementare, media, superiore) all'interno

    della quale si trova il computer. Per favorire
    il

    passaggio da Windows a Linux,

    i nuovi pc sono stati dotati di una grafica

    molto simile a quella a cui gli studenti

    erano abituati sino ad ora.

    allora:

    Scuole elementari: quello che importa e' avere il
    computer come supporto alla didattica, open
    closed linux windows mac non ha importanza,
    quello che serve e' altro, per maggiori info

    http://www.didattica.org/

    Scuole medie inferiori: stesso discorso, con un
    una maggiore complessita'.

    Scuole Medie superiori: dipende dalla
    specializzazione:

    Meccaninica: serve anche un processo del tipo
    Cad-Cam che si interfacci con le macchine
    presenti, sono sicuro che il nostro buon Luigi ha
    pensato a fornire anche di quello.per le funzionalità non sostituibili sono state tenute macchine con windos, mica sono dei talebani.
    frettoloso lo vedo come campagna elettorale.....Ma a che elettori interessa una cosa così?
    un enciclopedia forse era troppo utile?
    Magari una cosa simile a Wikipedia, no meglio che
    le gente abbia Debian ma compri libri a caro
    prezzo.Si vero, perche la provincia poteva mandare gli Schützen ad occupare le case editirici per fare abbassare i prezzi... mi pare che già dia cospiqui contributi
    Libri di testo liberi e non che cambiano ogni
    anno?Liberi? intendi tipo creative commons? sarebbe una figata, ma esistono?
    • pippo75 scrive:
      Re: Elezioni in vista? (non ms vista)


      No 2500 PC, non scuoleops, ho letto male.
      2) le licenze MS scadono a dicembre 2005 (si
      c'era windows prima), quindi si, è stato un
      rischio,ma chi non risica non rosica.in che senso scadono le licenze?
      Per raccogliere i voti di chi? Di tre nerd
      linuxari?per farsi sentire, la politica sembra che ultimamente viva di visibilita', coindicenza il nonstro amato presidente del consiglio cura non male la sua immagine
      Cmq se chiedi ai genitori, l'unica cosa che
      vogliono, ahimé, dalla scuola e che essa
      sostituisca la famiglia, che sia un parcheggio. E
      per questo si dovrebbe trasformare le scuola in
      un parcheggio di ragazzi?purtroppo devo darti ragione :-( .......La didattica oramai e fuori moda..............
      per le funzionalità non sostituibili sono state
      tenute macchine con windos, mica sono dei
      talebani.spero bene, purtroppo piu' questi politici sono in posizioni altolocate e meno mi fido.

      Libri di testo liberi e non che cambiano ogni

      anno?

      Liberi? intendi tipo creative commons? sarebbe
      una figata, ma esistono?http://www.scuolaonline.wide.it/comunque per molte materie potrebbero mettere testi standard editi dal ministero (storia, antologia, meccanica, fisica, ....) poi tu decidi quale prendere (edizione economica, media, deluxe, ......)ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Elezioni in vista? (non ms vista)

        in che senso scadono le licenze?Che sono coperti fino a fine 2005. Poi devono rifare un contrattone pluriennale e dare tanti $$$ a MS
        per farsi sentire, la politica sembra che
        ultimamente viva di visibilita', coindicenza il
        nonstro amato presidente del consiglio cura non
        male la sua immagineBhe, allora a Bolzano ci sono ben altri problemi su cui farsi belli. Sappi che di tutto ciò a Bolzano quasi non se ne parla.
        purtroppo devo darti ragione :-( .......
        La didattica oramai e fuori moda..............;)
        http://www.scuolaonline.wide.it/
        comunque per molte materie potrebbero mettere
        testi standard editi dal ministero (storia,
        antologia, meccanica, fisica, ....) poi tu decidi
        quale prendere (edizione economica, media,
        deluxe, ......)

        ciaoGià si potrebbeCiao
  • Anonimo scrive:
    GRAZIE BOLZANO ! TUTTI COME VOI !!
    Facciamo un'iniziativa nazionale che emuliin tutt'italia quello che è stato fatto nella provinciadi bolzano !!Forza ragazzi, togliamo di mezzo le fetecchiedalla scuola pubblica: basta con la propagandamicrosoft nelle scuole !!!
    • Anonimo scrive:
      Re: GRAZIE BOLZANO ! TUTTI COME VOI !!
      - Scritto da: Anonimo
      Facciamo un'iniziativa nazionale che emuli
      in tutt'italia quello che è stato fatto nella
      provincia
      di bolzano !!

      Forza ragazzi, togliamo di mezzo le fetecchie
      dalla scuola pubblica: basta con la propaganda
      microsoft nelle scuole !!!si si hai ragione EMULI su tutti i computer della pubblica amministrazione:D:D:D:D:D:D
  • Anonimo scrive:
    Molti "tecnici" win cambieranno lavoro
    E' inutile, ormai la tendenza è chiarissimaC'è poco da fare, guardate la realtà in facciao presto farete una brutta fine.Linux guadagna terreno giorno dopo giornoPurtroppo questo per molti presunti tecniciche si sono improvvisati in formattoni e repulisti per scroccare qualche soldo agliutenti inesperti, questa è la FINE, ma èmeglio cosi.Ne abbiamo abbastanza di gente incompetenteche campa rimescolando le frattaglie di xp allaricerca di qualche trojan per far su il cinquantonealla zia giuseppaAbbiamo bisogno di gente competente, e con linuxnelle scuole l'avremo in pochi anni.Ringraziamo quanti hanno collaborato al progetto della provincia di Bolzano. E' cosi che si fa
    • Anonimo scrive:
      Re: Molti "tecnici" win cambieranno lavo
      - Scritto da: Anonimo
      E' inutile, ormai la tendenza è chiarissima
      C'è poco da fare, guardate la realtà in faccia
      o presto farete una brutta fine.
      Linux guadagna terreno giorno dopo giorno
      Purtroppo questo per molti presunti tecnici
      che si sono improvvisati in formattoni e
      repulisti per scroccare qualche soldo agli
      utenti inesperti, questa è la FINE, ma è
      meglio cosi.

      Ne abbiamo abbastanza di gente incompetente
      che campa rimescolando le frattaglie di xp alla
      ricerca di qualche trojan per far su il
      cinquantone
      alla zia giuseppa

      Abbiamo bisogno di gente competente, e con linux
      nelle scuole l'avremo in pochi anni.

      Ringraziamo quanti hanno collaborato al progetto
      della provincia di Bolzano. E' cosi che si fastai tranquillo che tanto chiunque sia un mezzo esperto di windows saprebbe destreggiarsi con i problemi più comuni delle distribuzioni pri friendlyresta il fatto che linux fa cagare
      • nietzsche scrive:
        Re: Molti "tecnici" win cambieranno lavo

        resta il fatto che linux fa cagaretua opinione personale per nulla motivataquindi aria ai denti cariati e basta==================================Modificato dall'autore il 09/09/2005 15.46.33
    • Anonimo scrive:
      Re: Molti "tecnici" win cambieranno lavo
      è come con le macchine, i meccanici sanno riparare quelle a benzina e le diesel..i tecnici si dovranno adeguare, oppure faranno meno affari- Scritto da: Anonimo
      E' inutile, ormai la tendenza è chiarissima
      C'è poco da fare, guardate la realtà in faccia
      o presto farete una brutta fine.
      Linux guadagna terreno giorno dopo giorno
      Purtroppo questo per molti presunti tecnici
      che si sono improvvisati in formattoni e
      repulisti per scroccare qualche soldo agli
      utenti inesperti, questa è la FINE, ma è
      meglio cosi.

      Ne abbiamo abbastanza di gente incompetente
      che campa rimescolando le frattaglie di xp alla
      ricerca di qualche trojan per far su il
      cinquantone
      alla zia giuseppa

      Abbiamo bisogno di gente competente, e con linux
      nelle scuole l'avremo in pochi anni.

      Ringraziamo quanti hanno collaborato al progetto
      della provincia di Bolzano. E' cosi che si fa
      • Anonimo scrive:
        Re: Molti "tecnici" win cambieranno lavo
        io non capisco come un apersona possa perdere tempo con quella fetecchia di linux che non riesce a imporsi neache agrattiss. :D:D:D
  • Anonimo scrive:
    Linux a scuola ormai tendenza mondiale
    E' inutile sputare contro vento: le scuole e in generalele amministrazioni non vogliono piu essere totalmentedipendenti da un monopolio, per lo piu condannato per abusi un po dappertutto e che ancora adesso,in europa, nicchia, non vuol pagare le multe per i suoicomportamenti illeciti e non vuole adempiere alleingiunzioni dell'UE per ripristinare una liberaconcorrenza. E noi dovremmo addirittura continuarea insegnare e propagandare nelle scuole i prodottidi questa gente ? Dovremmo formattare in fat icervelli dei ragazzi dandogli un imprinting che spesso li rende clienti a vita di questo monopolio chetutti al mondo cercano di togliersi dalle scatole ?NO GRAZIE, e complimenti a Bozen.E' una tendenza mondiale, non ci si puo far niente.Succede un po dappertutto: pensate a cina e india,dove linux ha numeri enormi sui server e importantisui desktop. Questi sono i paesi dove si deciderannole sorti dei sistemi operativi del futuro !Denigrare e far finta di nulla, non servirà a evitareche chi opera con le fetecchione di gates si vedatogliere pian piano il boccone dalla bocca. Che sarà !Due o trecento consulenti o fornitori windows a Bolzano e provincia cambieranno mestiere, nasceranno fornitori linux e quelli esistenti avranno un fatturato piu alto: mi sembra piu che giusto un sano ricambio generazionale (perché di solito è anchequesto, giovani che fanno la loro strada con linux eche non avrebbero mai potuto farlo con windowsin quanto tutto è gia occupato)Grazie Bolzano: lavoriamo tutti per trasferire questaesperienza in tutte le città italiane.
  • awerellwv scrive:
    Re: CLAP CLAP
    Ti rispondo io, dato che sono Altoatesino (aka provincia di Bolzano) e devo dirti che questo é solo una delel ultime iniziative che si sono effettuate qui in Alto adige. la Sad (societá che gestisce gli autotrasporti pubblici) gira con linux da quasi 10 anni (le segretarie venivano formate a programmare in latex per i documenti) e ora su tutti gli autobus della sad sono equipaggiati con un minipc linux che tramite un collegamento gsm spedisce in tempo reale lo status di andamento di ogni singola machcina. p.s. il tempo minimo di crash é stato 1 volta su 2 anni di attivitá costante 24/24, causata da un cedimento hardware. p.s. i pc sono equipaggiati ancora con vecchie cpu 486... ecco il perché del crash. la provincia autonoma sta spingendo openoffice.org come alternativa a Msoffice su tutti i pc in gestione nella sua pubblica amministrazione (4700 installazioni circa) con un notevole abbattimento dei costi di licenza. tutti i 186 server del consorzio dei comuni altoatesini girano su linux. cmq c'é anche da dire che il sistema Fuss-Soledad verrá installato soltanto nelle scuole italiane (qui il bilinguismo é un obbligo e ci sono anche le scuole tedesche) le scuole tedesce al momento useranno ancora sistemi windows, anche se pure loro stanno macinando una migrazione. queste non sono soltanto parole, sono fatti...
    • bouncey2k scrive:
      Re: CLAP CLAP
      Ho sempre stimato gli altoatesini.
    • Rex1997 scrive:
      Re: CLAP CLAP
      - Scritto da: awerellwv
      Ti rispondo io, dato che sono Altoatesino (aka
      provincia di Bolzano)

      e devo dirti che questo é solo una delel ultime
      iniziative che si sono effettuate qui in Alto
      adige.

      la Sad (societá che gestisce gli autotrasporti
      pubblici) gira con linux da quasi 10 anni (le
      segretarie venivano formate a programmare in
      latex per i documenti) e ora su tutti gli autobus
      della sad sono equipaggiati con un minipc linux
      che tramite un collegamento gsm spedisce in tempo
      reale lo status di andamento di ogni singola
      machcina. p.s. il tempo minimo di crash é stato 1
      volta su 2 anni di attivitá costante 24/24,
      causata da un cedimento hardware. p.s. i pc sono
      equipaggiati ancora con vecchie cpu 486... ecco
      il perché del crash.

      la provincia autonoma sta spingendo
      openoffice.org come alternativa a Msoffice su
      tutti i pc in gestione nella sua pubblica
      amministrazione (4700 installazioni circa) con un
      notevole abbattimento dei costi di licenza.

      tutti i 186 server del consorzio dei comuni
      altoatesini girano su linux.

      cmq c'é anche da dire che il sistema Fuss-Soledad
      verrá installato soltanto nelle scuole italiane
      (qui il bilinguismo é un obbligo e ci sono anche
      le scuole tedesche) le scuole tedesce al momento
      useranno ancora sistemi windows, anche se pure
      loro stanno macinando una migrazione.

      queste non sono soltanto parole, sono fatti...Mi sembra un'ottima cosa... :)[O.T.] Solo un piccolo appunto:potresti correggere latex in LaTex? Non verrei che qualche frequentatore di siti "trasgressivi " capisse fischi per fiaschi.....:(==================================Modificato dall'autore il 09/09/2005 15.05.22
    • gian_d scrive:
      Re: CLAP CLAP
      - Scritto da: awerellwv
      Ti rispondo io, dato che sono Altoatesino (aka
      provincia di Bolzano) interessanti informazioni :-)hai ragione, il contesto della notizia non è altro che un adeguamento nella scuola ad una realtà che si sta evolvendo
      • awerellwv scrive:
        Re: CLAP CLAP
        beh, oddio, c'é ancora molto da fare, ma se si continua cosí, si prospetta un bel futuro aperto per l'alto adige.. .cmq si intendevo LaTex, solo che per fare + svelto non conto le maiuscole-minuscole... e poi il frequentatore trasgressivo magari si fa quanche ideuzza diversa che il solito porno :-P
        • gian_d scrive:
          Re: CLAP CLAP
          - Scritto da: awerellwv
          beh, oddio, c'é ancora molto da fare, ma se si
          continua cosí, si prospetta un bel futuro aperto
          per l'alto adige.. .Un cambiamento di questo genere non può essere certo immediato anche perché creerebbe grossi problemi, soprattutto ma non solo da un punto di vista finanziario.Inoltre un cambiamento che interessa il modo di vivere è per sua natura graduale.Faccio un esempio: hanno distribuito 20000 CD, ma quanti di questi saranno usati? metti che almeno 5000 di quei CD entreranno almeno una volta nel cassetto del lettore, ma probabilmente nei primi tempi potrebbero essere solo 100. E magari saranno solo 10 le persone che penseranno di fare subito un dual boot per un'installazione sul disco fisso. Ebbene, nessun problema: l'obiettivo non deve assolutamente essere quello di imporre un sistema operativo bensì quello di offrire un supporto gratuito, un'informazione, un'opzione di scelta, cose che spesso sono negate dal contesto attuale:- il supporto è rappresentato da una spesa più o meno ingente (dipende naturalmente dalle condizioni economiche delle famiglie) o dalla pirateria: se a scuola devo usare MS office e voglio farlo anche a casa c'è poco da fare, o pago i 150 euri o giù di lì o lo pirato. Quante famiglie sono in realtà utenti MS in regola? Quanti degli office presenti in quasi tutti i pc italiani sono stati installati alla volemose bene dal rivenditore o masterizzati dal cd dell'ufficio o dal cd dell'amico? una piattaforma libera e gratuita risolve il problema alla radice- l'informazione è virtualmente inesistente: diciamocelo chiaro, nei giornali, nei TG, nei libri word è sinonimo di videoscrittura, internet explorer è sinonimo di browser, outlook è sinonimo di posta elettronica, ecc. Gli stessi rivenditori si guardano bene dal dire: guarda che il pc te lo posso vendere senza sistema operativo o con un sistema operativo diverso. Anche perché molti di loro non sarebbero neppure in grado non dico di installare (me lo auguro per lo meno) ma di configurare un sistema linux- l'opzione di scelta attualmente non c'è o è ridotta ai minimi termini. Non sto a spiegare il perché altrimenti sarei ancora più prolisso di quanto lo sono già, in ogni modo chiunque abbia un briciolo di comprendonio e obiettività sa fare le sue valutazioni autonome.Poi quello che sarà il futuro dipenderà dalla validità della sperimentazione: qualche ragazzino dopo due o tre anni di Linux a scuola sarà in grado di farsi il suo dual boot, di assistere la nonna mentre si legge la ricetta on line per la prima volta con firefox invece di internet explorer, nel far usare al papà open office per scrivere la stessa lettera che scriverebbe con word. Probabilmente i pc con il dual boot fra due o tre anni diventano 500 e così via.Se invece non è così non importa: l'alternativa Windows esiste sempre perché contrariamente a Bill Gates la comunità del free software non ha né i mezzi né l'interesse né la filosofia di cancellare windows dalla faccia della terra. E' questa la sottile ma fondamentale differenza fra un monopolio che combatte la libertà di scelta per interesse e un qualcosa di non meglio definito (ma sicuramente ben diverso dal monopolio stile MS) che invece la difende per principio
  • jojob scrive:
    Re: ai bambini piace piu usare linux che
    - Scritto da: Anonimo
    certo che voi linari siete peggio dei
    fondamentalisti.... non pensate ad altro che a
    questo dannato pinguino

    ok linux è bellissimo, io domani lascio windows e
    vado a lavorare in campagna e tu divenderai il
    dio dell'informatica del tuo quartiere, sei
    contento? Bene e adesso....

    ...0
    ....1
    ....2
    ....3
    MA VAI A LAVORARE !!!Dai non fare cosi'.Titolo dell'articolo: A Bolzano l'open source irrompe a scuola.Ti aspettavi forse che i commenti dei "linari" potessero essere diversi? Cosa ti preoccupa? Continua ad usare windows se lo preferisci, non te lo rubano mica.Gli inviti a lavorare poi cosa c'entrano?Pensa un po' che il 90% del mio lavoro lo svolgo su macchine Linux, mica invito te ad andare a lavorare per quel 10% Windows.
  • Anonimo scrive:
    Re: Elezioni in vista? (non ms vista)
    Puoi riscrivere tutto in modo che un qualunquelettore italiano possa capire il senso di quantovorresti esprimere e non solo che covi astioper gli strumenti didattici aperti, i formati non proprietari e l'informatica open ?
    • pippo75 scrive:
      Re: Elezioni in vista? (non ms vista)


      e' importante), mi viene in mente, ma prima non

      funzionava, allora perche' cambiare.


      Scusa ma se una cosa non funziona tu la tieni
      così com'è o la cambi? Non è ben chiaro cosa
      intendi dire...:sad esempio prima usavano windows oppure macos, oppure unix, se questo non dava problemi perche' cambiare OS? (considera il costo dei programmi aggiuntivi).

      Falso i formati standard esistono, ci sono
      addirittura dei comitati a livello internazionale
      che li stabiliscono, il problema è quandoEsistono ma non di tutto, mi sapresti dire il formato standard per i programmi di gestione biblioteche (archivio libri, soci, prestiti......)?
      qualcuno vi aggiunge di suo e se questo qualcuno
      ha di fatto un monopolio immagina cosa succede...
      Non ti sembra sia così? Pensa che il formato doc
      (proprietario!) è una modifica pesante, senza
      specifiche note, di un formato standard..:( non lo sapevo, quello ufficiale, che standard e'?ciao
  • Anonimo scrive:
    Bene: ora sono in pugno agli alchimisti
    Sarà interessante verificare l'effettivo vantaggio della provincia nel passaggio a questa storica migrazione.A fronte di un risparmio nel costo delle licenze vorrei sapere quanto costeranno i responsabili della migrazione, quelli che garantiranno il supporto e l'assistenza, gli aggiornamenti e la formazione: scommettiamo che dietro c'è sempre la stessa società di furbacchioni bene agganciata nella P.A.?I miei complimenti: un gran bel business e per di più abilmente mascherato da rivoluzione copernicana.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi
      Metti pure che i costi siano anche solo uguali o un pelo maggiori. Almeno però i nostri soldi rimangono in Italia, e non appesantiamo ultriormente la nostra bilancia commerciale già più che oberata.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi
        - Scritto da: Anonimo
        Metti pure che i costi siano anche solo uguali o
        un pelo maggiori. Almeno però i nostri soldi
        rimangono in Italia, e non appesantiamo
        ultriormente la nostra bilancia commerciale già
        più che oberata.veramente il 99% delle distribuzioni di questa cagata di OS proviene dagli USA e molte di queste distro di pagano mentre i muli lavorano gratisPOLLI !
        • Anonimo scrive:
          Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi
          Si ma la distribuzione che usano loro è basta su GNU/Debian, non pagano nulla ai cugini americani per usarla. Quindi, informati! E si, i soldi rimangono qui da noi.
        • Santos-Dumont scrive:
          Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Metti pure che i costi siano anche solo uguali o

          un pelo maggiori. Almeno però i nostri soldi

          rimangono in Italia, e non appesantiamo

          ultriormente la nostra bilancia commerciale già

          più che oberata.

          veramente il 99% delle distribuzioni di questa
          cagata di OS proviene dagli USA e molte di queste
          distro di pagano mentre i muli lavorano gratis

          POLLI !Veramente l'unico pennuto qui sei tu, se non ti rendi conto che possiamo comprare una sola distro e replicarla all'infinito. Possiamo pure farci la distribuzione di stato, se vogliamo, a partire per esempio da una Debian, permettendo a personale specializzato nostrano di lavorare in Italia anziché migrare chissà dove.
        • lele2 scrive:
          Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi

          veramente il 99% delle distribuzioni di questa
          cagata di OS proviene dagli USAnon e' vero e molte di queste
          distro di pagano mentre i muli lavorano gratis
          se lavorano gratis e una loro scelta
          POLLI !quella cagata di OS c'e nei supercomputer di tutto il mondo
        • bouncey2k scrive:
          Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi
          - Scritto da: Anonimo
          veramente il 99% delle distribuzioni di questa
          cagata di OS proviene dagli USA e molte di queste
          distro di pagano mentre i muli lavorano gratis

          POLLI !Ok, noi siamo dei polli, te invece sei una bella capra ignorante. TUTTE LE DISTRIBUZIONI LINUX SONO GRATIS... uffa ma quante volte dovremmo dirlo? Poi certo, se vuoi tutta l'assistenza devi pagare qualcosa. Ma per quello ci sono i classici tecnici.La prossima volta che insulti conta fino a 10! Winzozziano dei miei stivali.
    • Santos-Dumont scrive:
      Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi
      - Scritto da: Anonimo
      Sarà interessante verificare l'effettivo
      vantaggio della provincia nel passaggio a questa
      storica migrazione.
      A fronte di un risparmio nel costo delle licenze
      vorrei sapere quanto costeranno i responsabili
      della migrazione, quelli che garantiranno il
      supporto e l'assistenza, gli aggiornamenti e la
      formazione: scommettiamo che dietro c'è sempre la
      stessa società di furbacchioni bene agganciata
      nella P.A.?
      I miei complimenti: un gran bel business e per di
      più abilmente mascherato da rivoluzione
      copernicana.Qui bisogna chiarire un punto, secondo me.Non é che, siccome ci si rivolge ai sistemi proprietari, si può fare a meno di personale esperto. Di quello c'è sempre bisogno, che piaccia o no. Allora, spesi per spesi i soldi della consulenza, che sia migrazione, addestramento o aggiornamento, é meglio darli a gente che lavora su software libero o a quelli che lavorano sui software proprietari? Quale scelta garantisce alle istituzioni pubbliche, e quindi a noi cittadini, la maggior libertà (che non consiste nell'installare l'ultimo videogame, sia ben chiaro) e il maggior controllo su quel che stiamo usando?
    • lele2 scrive:
      Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi
      - Scritto da: Anonimo
      Sarà interessante verificare l'effettivo
      vantaggio della provincia nel passaggio a questa
      storica migrazione.
      A fronte di un risparmio nel costo delle licenze
      vorrei sapere quanto costeranno i responsabili
      della migrazione, quelli che garantiranno il
      supporto e l'assistenza, gli aggiornamenti e la
      formazione: scommettiamo che dietro c'è sempre la
      stessa società di furbacchioni bene agganciata
      nella P.A.?questo c'e anche nel software closed
      I miei complimenti: un gran bel business e per di
      più abilmente mascherato da rivoluzione
      copernicana.anche comprare licenze non e' un bel businessoltretutto sono soldi che migrano all'estero e non fanno piu' ritorno
      • Anonimo scrive:
        Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi
        - Scritto da: lele2
        - Scritto da: Anonimo

        Sarà interessante verificare l'effettivo

        vantaggio della provincia nel passaggio a questa

        storica migrazione.

        A fronte di un risparmio nel costo delle licenze

        vorrei sapere quanto costeranno i responsabili

        della migrazione, quelli che garantiranno il

        supporto e l'assistenza, gli aggiornamenti e la

        formazione: scommettiamo che dietro c'è sempre

        la stessa società di furbacchioni bene agganciata

        nella P.A.?
        questo c'e anche nel software closedInoltre c'e' bisogno di molta meno manutenzione, quindi probabilmente dopo i costi iniziali anhce quella sara' inferiore, aspettiamo un paio di anni e vedremo.

        I miei complimenti: un gran bel business e per

        di più abilmente mascherato da rivoluzione

        copernicana.
        anche comprare licenze non e' un bel business
        oltretutto sono soldi che migrano all'estero e
        non fanno piu' ritorno
      • Paul Atreides scrive:
        Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi
        - Scritto da: lele2
        anche comprare licenze non e' un bel business
        oltretutto sono soldi che migrano all'estero e
        non fanno piu' ritornoE che vuoi fare?Mettere le barriere doganali?Facciamo pagare il dazio a tutto ciò ( e sarebbe moltissimo ) che non viene prodotto in Italia?Software libero e confini nazionali non vanno mica tanto d'accordo, lo sai?Un SO operativo va scelto per le sue caratteristiche e per la libertà che ti garantisce ( o ti nega ). Niente altro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi
      - Scritto da: Anonimo
      Sarà interessante verificare l'effettivo
      vantaggio della provincia nel passaggio a questa
      storica migrazione.
      A fronte di un risparmio nel costo delle licenze
      vorrei sapere quanto costeranno i responsabili
      della migrazione, quelli che garantiranno il
      supporto e l'assistenza, gli aggiornamenti e la
      formazione: scommettiamo che dietro c'è sempre la
      stessa società di furbacchioni bene agganciata
      nella P.A.?
      I miei complimenti: un gran bel business e per di
      più abilmente mascherato da rivoluzione
      copernicana.Passando a LINUX e a SO Open Sorcio hanno tutti da guadagnarci, per primi gli studenti che finalmente avranno l' oppiurtunità di imparare veramente qualcosa di utile per se stessi oltre che ad aprire le propri menti.Ovvio che non intendo pecunia come intende un bamba come te abituato a ragionare così causa bloccaggio del cervello provocato sapientemente dal famigerato DRAGASACCOCCE di REDMOND!
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi
      - Scritto da: Anonimo
      Sarà interessante verificare l'effettivo
      vantaggio della provincia nel passaggio a questa
      storica migrazione.
      A fronte di un risparmio nel costo delle licenze
      vorrei sapere quanto costeranno i responsabili
      della migrazione, quelli che garantiranno il
      supporto e l'assistenza, gli aggiornamenti e la
      formazione: scommettiamo che dietro c'è sempre la
      stessa società di furbacchioni bene agganciata
      nella P.A.?
      I miei complimenti: un gran bel business e per di
      più abilmente mascherato da rivoluzione
      copernicana.Non credo uno di quelli era Marco d'Itri che non è l'ultimo dei pirla, nè mi sembra un furbacchione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi
      - Scritto da: Anonimo...Veramente gli alchimisti sono quelli dell'assistenza che quando gli chiami la prima volta ti dicono di fare una scansione con l'antivirus... La seconda volta passano.. e fanno loro la scansione con l'antivirus... La terza volta passano... e fanno un defrag... La quarta volta passano e si portano via il PC... quando lo restituiscono scopri che senza dirtelo hanno fatto un bel formattone (per fortuna avevi fatto il backup)... La quinta volta passano e si portano nuovamente via il PC... quando lo restituiscono ti dicono che hanno cambiato la scheda madre, la CPU e la RAM perchè era un problema hardware (si... ma quale ?)... cioè esattamente quello che gli ripetevi più o meno da un paio di mesi...P.S. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti è ovviamente puramente voluto...P.S.2 Gli alchimisti in questione chissà come mai si scandalizzano appena sentono il termine 'Linux'...
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi
      ti quoto, e faccio 2 conti:windows xp: 95 euro (venduto alle scuole faranno sicuramente mega scontone)open office: gratuito costo di installazione: zeroqualsiasi scuola ha almeno un professore che ci capisce. Mia sorella al liceo ci ha detto che non hanno chiamato nessun tecnico, ci ha pensato direttamente un professore. Ha installato windows sugli oltre 20 e passa pc della scuola, e li ha anche collegati in rete.quanto mi costa farlo con linux? chi sento sento costa molto di più. Un sistemista linux è molto più pagato di uno windows. E se ci sono problemi? Per telefono con windows risolvete (come al solito un professore può riuscirci da solo), con linux dovete chiamare di nuovo la manutenzione e quindi altri soldi. Ti dò ragione, avranno fatto qualche accordo con ditte che fanno questo tipo di manutenzione
      • bouncey2k scrive:
        Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi
        - Scritto da: Anonimo
        quanto mi costa farlo con linux? chi sento sento
        costa molto di più. Un sistemista linux è molto
        più pagato di uno windows. E se ci sono problemi?
        Per telefono con windows risolvete (come al
        solito un professore può riuscirci da solo), con
        linux dovete chiamare di nuovo la manutenzione e
        quindi altri soldi. Ti dò ragione, avranno fatto
        qualche accordo con ditte che fanno questo tipo
        di manutenzioneTutti i computer Linux della mia scuola li ha istallati una professoressa e li ha anche messi in rete..E ora caro mio Winzoziano dei miei stivali, come la vogliamo mettere?
        • gian_d scrive:
          Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi
          - Scritto da: bouncey2k

          - Scritto da: Anonimo

          quanto mi costa farlo con linux? chi sento sento

          costa molto di più. Un sistemista linux è molto

          più pagato di uno windows. E se ci sono
          problemi?

          Per telefono con windows risolvete (come al

          solito un professore può riuscirci da solo), con

          linux dovete chiamare di nuovo la manutenzione e

          quindi altri soldi. Ti dò ragione, avranno fatto

          qualche accordo con ditte che fanno questo tipo

          di manutenzione

          Tutti i computer Linux della mia scuola li ha
          istallati una professoressa e li ha anche messi
          in rete..
          E ora caro mio Winzoziano dei miei stivali, come
          la vogliamo mettere?Toh, un dejà-vu
      • gian_d scrive:
        Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi
        - Scritto da: Anonimo
        ti quoto, e faccio 2 conti:
        windows xp: 95 euro (venduto alle scuole faranno
        sicuramente mega scontone)
        open office: gratuito

        costo di installazione: zero
        qualsiasi scuola ha almeno un professore che ci
        capisce. Mia sorella al liceo ci ha detto che non
        hanno chiamato nessun tecnico, ci ha pensato
        direttamente un professore. Ha installato windows
        sugli oltre 20 e passa pc della scuola, e li ha
        anche collegati in rete.Hai mai visto le schifezze che ci sono nei computer di una rete scolastica non amministrata a dovere? Sai, ci sono molte scuole che hanno una rete semplice semplice con i pc puntati direttamente al router senza proxy, senza firewall, senza antivirus, senza policy di amministrazione utenti.E' chiaro che così diventa facile usare Windows. Bella forzaPoi salta fuori che dall'aula d'informatica di una scuola media vai in qualsiasi tipo di chat, scarichi mp3, vai su siti porno e warez, scarichi crack e seriali a manetta, ecc. ecc.Per non parlare di come sono imballati alla grande i piccì di molte scuole perché nessuno ci mette mano per ripararli. Al massimo un formattone all'occorrenza oppure lo porti in assistenza.Un paio d'anni fa, facendo un corso presso un nostro fornitore, nel laboratorio che avevano c'era un tecnico che stava riparando un server di una scuola incasinato da un virus che - almeno così diceva - aveva anche danneggiato non ricordo quale firmware. Tu pensi che l'abbiano riparato a gratis? Quanto deve essere costata la semplicità e la leggerezza di gestione di quel server?I problemi finanziari della scuola non li risolvi facendo usare i giocattolini agli insegnanti. Ci saranno insegnanti testoni, ma ci sono anche molti insegnanti che se si rimboccano le maniche e si mettono a studiare un minimo d'informatica ti mandano avanti i piccì anche con il linozzo.E te lo dice uno che conosce linux solo da tre anni eppure sta tirando su una rete non trascendentale ma dignitosa basata su linux.

        quanto mi costa farlo con linux? chi sento sento
        costa molto di più. Un sistemista linux è molto
        più pagato di uno windows. E se ci sono problemi?magari procedo lentamente perché non fa parte del mio lavoro principale, ma quando ho messo a punto un sistema con linux difficile che ci siano problemi e che ci debba rimettere mano.
        Per telefono con windows risolvete (come al
        solito un professore può riuscirci da solo), con
        linux dovete chiamare di nuovo la manutenzione e
        quindi altri soldi. Ti dò ragione, avranno fatto
        qualche accordo con ditte che fanno questo tipo
        di manutenzioneper far funzionare una piattaforma in modo decente credo che l'accordo lo debba fare in ogni caso. E un buon sysadmin per Windows (uno vero per favore non uno dei tanti improvvisati sysadmin) dici che costa meno di un sysadmin per Linux? mah...
      • Anonimo scrive:
        Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi
        - Scritto da: Anonimo
        ti quoto, e faccio 2 conti:
        windows xp: 95 euro (venduto alle scuole faranno
        sicuramente mega scontone)
        open office: gratuito

        costo di installazione: zero
        qualsiasi scuola ha almeno un professore che ci
        capisce. Mia sorella al liceo ci ha detto che non
        hanno chiamato nessun tecnico, ci ha pensato
        direttamente un professore. Ha installato windows
        sugli oltre 20 e passa pc della scuola, e li ha
        anche collegati in rete.

        quanto mi costa farlo con linux? chi sento sento
        costa molto di più. Un sistemista linux è molto
        più pagato di uno windows. E se ci sono problemi?Tipo?
        Per telefono con windows risolvete (come al
        solito un professore può riuscirci da solo), con
        linux dovete chiamare di nuovo la manutenzione e
        quindi altri soldi. Mi devi credere sulla parola, quindi dagli il peso che vuoi, ma sui desktop Debian che gestisco la manutenzione e' a livelli nulli.
        Ti dò ragione, avranno fatto
        qualche accordo con ditte che fanno questo tipo
        di manutenzioneAndrea
      • Anonimo scrive:
        Re: Bene: ora sono in pugno agli alchimi

        quanto mi costa farlo con linux? chi sento sento
        costa molto di più. Un sistemista linux è molto
        più pagato di uno windows. Certo, perchè un sistemista Windows in genere è solo un cacciavitaro che ha comprato qualche numero di "Computer Idea" e ha memorizzato dove cliccare. Un sistemista linux ha dovuto studiare sul serio per amministrare il server e lo fa con cognizione di causa, non come il cacciavitaro di cui sopra che prima o poi si scoccerà e si "evolverà" in pseudoprogrammatore sparagestionaliVB...
  • Anonimo scrive:
    finiranno con l'odiarlo
    un bambino di un computer apprezza:i giochi (che non ci sono)l'interfaccia (più bella e semplice)la semplicità (il bambino di 6 anni vedrà a casa la differenza tra un doppio click ed un apt etc etc).pensa, il bambino arriva a casa e si scontra subito con hardware che non funziona, fotocamere che non si collegano e giochi che non ci sono.poi immaginate il genitore, va in edicola, vede un Cd, lo compra e vede che non funziona. Il bambino và al negozio, compra un gioco e non funziona.Allora tu gli vai a dire, questo non funziona, questo non funziona, questo non funzionama andiamo, insegnate al bambino a stare attenti ai virus e otterranno maggiori vantaggi
    • Paul Atreides scrive:
      Re: finiranno con l'odiarlo
      - Scritto da: Anonimo
      un bambino di un computer apprezza:

      i giochi (che non ci sono)ci sono ci sono.pochi sparaspara è vero, ma non è un grave danno
      l'interfaccia (più bella e semplice)in effetti l'interfaccia di linux e meglio
      la semplicità (il bambino di 6 anni vedrà a casa
      la differenza tra un doppio click ed un apt etc
      etc).????

      pensa, il bambino arriva a casa e si scontra
      subito con hardware che non funziona, fotocamere
      che non si collegano e giochi che non ci sono.???? poi immaginate il genitore, va in edicola, vede
      un Cd, lo compra e vede che non funziona. Il
      bambino và al negozio, compra un gioco e non
      funziona.
      Allora tu gli vai a dire, questo non funziona,
      questo non funziona, questo non funziona????
      ma andiamo, insegnate al bambino a stare attenti
      ai virus e otterranno maggiori vantaggia suo tempo imparerà anche questo
    • Anonimo scrive:
      Re: finiranno con l'odiarlo

      Allora tu gli vai a dire, questo non funziona,
      questo non funziona, questo non funzionaUn genitore serio direbbe che non funzionano per via dei monopoli e del closed source.
    • carbonio scrive:
      Re: finiranno con l'odiarlo
      - Scritto da: Anonimosiccome da quello che scrivi si deduce che non hai figli ti do' due dritte:
      un bambino di un computer apprezza:
      i giochi (che non ci sono)per i giochi preferiscono la PS o Xbox (piu facile da usare e piu' titoli da scambiare con amici vari )il computer invece lo apprezzano soprattutto per la parte creativa.
      l'interfaccia (più bella e semplice)Kde e' talmente personalizzabile che dubito abbia rivali: http://www.kde-look.org/
      la semplicità (il bambino di 6 anni vedrà a casa
      la differenza tra un doppio click ed un apt etc
      etc).Al contrario di "certi" adulti, i bambini, imparano ad usare un sistema ( ad esempio che esistono i programmi nel menu' ordinati per tipo e genere in maniera automatica, invece che il classico mondezzaio sul desktop )
      pensa, il bambino arriva a casa e si scontra
      subito con hardware che non funziona, fotocamere
      che non si collegano e giochi che non ci sono.Come no? un bambino ogni giorno ha una fotocamera nuova o un hardware esotico da montare, cmq vanno tutte le fotocamere ( escluse forse quelle dei punti della Esso ) e senza strani driver o programmi assurdi tipo hpsmart ( quasi 1Gb di software!!! ) o simila .
      poi immaginate il genitore, va in edicola, vede
      un Cd, lo compra e vede che non funziona. Il
      bambino và al negozio, compra un gioco e non
      funziona.Tipo 1001 programmi shareware o i 100 demo piu' belli? Se mi parli dei CD in omaggio con Riviste/Biscotti/Cereali/Cioccolate sono quasi sempre solo Demo-giocabili ( tempo 15min e i genietti non se ne fanno piu' niente ) o giochi vecchi, che a Junior fanno ribrezzo a confronto di quelli della Console.Se mi parli di Giochi Nuovi vale sempre il discorso Console se proprio vuoi buttare i soldi.
      Allora tu gli vai a dire, questo non funziona,
      questo non funziona, questo non funzionaGuarda che basta una volta, sono piccoli mica ottusiUna volta che gli hai spigato che le cassette nel DVD non ci stanno sei a posto
      ma andiamo, insegnate al bambino a stare attenti
      ai virus e otterranno maggiori vantaggiInsegnate al Bambino ad essere Libero innanzitutto, giovera' alla sua salute, alla sua personalita' e perche' no, anche alle vostre tasche.
      • Anonimo scrive:
        Re: finiranno con l'odiarlo
        Soprattutto per le vostre tasche :p
      • Anonimo scrive:
        Re: finiranno con l'odiarlo
        - Scritto da: carbonio

        - Scritto da: Anonimo
        siccome da quello che scrivi si deduce che non
        hai figli ti do' due dritte:


        un bambino di un computer apprezza:

        i giochi (che non ci sono)

        per i giochi preferiscono la PS o Xbox (piu
        facile da usare e piu' titoli da scambiare con
        amici vari )
        il computer invece lo apprezzano soprattutto per
        la parte creativa.siccome da quello che scrivi si deduce che tu i soldi non sai proprio come sprecarli (si vede che famiglia non c'è l'hai e non sai cosa significa mentenerla) ti do io 2 diritte:su un buon pc (a patto di non metterci su linux) fai girare molti videogames probabilmente molti più di quanti ne esistano per le due console messe insieme.nella spesa del pc però rientrano anche altre funzionalita: studio, ricerche, internetinsomma perchè essere costretti a spendere anche per una console solo per fare il figo con gli amici del lug che tuo figlio usa già linux...per la creatività te credo...ne deve avere veramente per usare ogni volta un apt invece di un click :


        l'interfaccia (più bella e semplice)

        Kde e' talmente personalizzabile che dubito abbia
        rivali: http://www.kde-look.org/ infatti sto bambino è già un genio dell'informatica...anzi vedrai che dopo 2 giorni ricompila tutto alla ricerca dell'1% di prestazioni in più


        la semplicità (il bambino di 6 anni vedrà a casa

        la differenza tra un doppio click ed un apt etc

        etc).

        Al contrario di "certi" adulti, i bambini,
        imparano ad usare un sistema ( ad esempio che
        esistono i programmi nel menu' ordinati per tipo
        e genere in maniera automatica, invece che il
        classico mondezzaio sul desktop )bla bla bla


        pensa, il bambino arriva a casa e si scontra

        subito con hardware che non funziona, fotocamere

        che non si collegano e giochi che non ci sono.

        Come no? un bambino ogni giorno ha una fotocamera
        nuovane basta una sola
        o un hardware esotico da montare,per linux la maggioranza dell'hw è esotico :D
        cmq vanno
        tutte le fotocamerela solita disinformazione del fun linux di turno
        ( escluse forse quelle dei
        punti della Esso ) e senza strani driver o
        programmi assurdi tipo hpsmart ( quasi 1Gb di
        software!!! ) o simila .


        poi immaginate il genitore, va in edicola, vede

        un Cd, lo compra e vede che non funziona. Il

        bambino và al negozio, compra un gioco e non

        funziona.

        Tipo 1001 programmi shareware o i 100 demo piu'
        belli? Se mi parli dei CD in omaggio con
        Riviste/Biscotti/Cereali/Cioccolate sono quasi
        sempre solo Demo-giocabili ( tempo 15min e i
        genietti non se ne fanno piu' niente )mia nipote ci si diverte un sacco....ma per la causa linara la priverò volentieri anche di questo :D
        o giochi
        vecchi, che a Junior fanno ribrezzo a confronto
        di quelli della Console.la favoletta della volpe e dell'uva
        Se mi parli di Giochi Nuovi vale sempre il
        discorso Console se proprio vuoi buttare i soldi.tu li vuoi buttare pur di rompere le scatole pure ai bambini con 'sto linux


        Allora tu gli vai a dire, questo non funziona,

        questo non funziona, questo non funziona

        Guarda che basta una volta, sono piccoli mica
        ottusisi una volta per ogni cosa che non funziona..altrimenti gli dico direttamente: guarda che grazie all'os linux che stai utilizzando tantissime cose non funzioneranno quindi non scocciare, non sarà bello ma serve per una causa buona e quanto sarai grande capirai :D
        Una volta che gli hai spigato che le cassette nel
        DVD non ci stanno sei a postohai capito tutto vero :


        ma andiamo, insegnate al bambino a stare attenti

        ai virus e otterranno maggiori vantaggi

        Insegnate al Bambino ad essere Libero
        innanzitutto,si insegnamoli a scegliere gli os in base a quello che ci devono fare e non in base a delle ideologie ridicole.la libertà è un'altra cosa che sentirsi costretti ad usare linux.libertà significa anche essere liberi di usare windows se mi serve per giocarci ai videogames o per interscambiare file tipo doc che il resto del mondo continua ad utilizzare.spiacente non voglio costruire le farneticazioni dei lug sulle ossa dei miei figli fosse anche per questioni così semplici.iniza ad avere figli e poi mi dici se sei ancora capace di mettere le esigenze dell'oss davanti a quelle di tuo figlio :
        giovera' alla sua salute, alla sua
        personalita' e perche' no, anche alle vostre
        tasche.troppi convegni con stallman o riunioni nei lug.impara a vedere le cose in maniera meno politica
        • Anonimo scrive:
          Re: finiranno con l'odiarlo
          questa è pura disinformazione. Secondo me te non sai neanche di cosa stai parlando.....apri la bocca solo per dire le solite cose che girano e rigirano su sto "forum" Anzi, ti dirò di + sempre IMHO la tua è semplicissma paura di provare nuove esperienze. (newbie)(newbie)
          • Anonimo scrive:
            Re: finiranno con l'odiarlo
            - Scritto da: Anonimo
            questa è pura disinformazione. Secondo me te
            non sai neanche di cosa stai parlando.....apri
            la bocca solo per dire le solite cose che girano
            e rigirano su sto "forum"
            Anzi, ti dirò di + sempre IMHO la tua è
            semplicissma paura di provare nuove
            esperienze. (newbie)(newbie) Per fortuna i bambini non cel'hanno, lasciamoli parlare 'sti nonnetti che se non hanno il clikka -
            avanti vanno in panico. Capita ai vecchietti con le nuove tecnologie.
          • Anonimo scrive:
            Re: finiranno con l'odiarlo
            - Scritto da: Anonimo
            questa è pura disinformazione.ma che stai blaterandocosa sarebbe disinformazione.troll del menga smettila di fare il politichetto dei centri sociali che sa solo criticare le argomentazioni altrui ma non ne ha di proprie
            Secondo me te non
            sai neanche di cosa stai parlando.....questo è il tuo ritratto bello.io ho fornito argomentazioni tu spari a vanvera
            apri la
            bocca solo per dire le solite cose che girano e
            rigirano su sto "forum" ma va la.tu apri bocca solo per dire fesserietroll


            Anzi, ti dirò di + sempre IMHO la tua è
            semplicissma paura di provare nuove esperienze.
            (newbie)(newbie)
            nuove esperienze?ma smettila troll
          • Anonimo scrive:
            Re: finiranno con l'odiarlo
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            questa è pura disinformazione.
            ma che stai blaterando
            cosa sarebbe disinformazione.
            troll del menga smettila di fare il politichetto
            dei centri sociali che sa solo criticare le
            argomentazioni altrui ma non ne ha di proprie

            Secondo me te non

            sai neanche di cosa stai parlando.....
            questo è il tuo ritratto bello.
            io ho fornito argomentazioni tu spari a
            vanveraHahahahahaha, bellissima questa battuta, complimenti... Dopo aver letto tutto il trad arrivato a questa frase mi sto ancora arrotolando dalle risate.
          • Anonimo scrive:
            Re: finiranno con l'odiarlo


            Anzi, ti dirò di + sempre IMHO la tua è
            semplicissma paura di provare nuove esperienze.
            (newbie)(newbie)
            Certo, la nuova esperienza di usare un sistema operativo diverso... ecin un po' che ti fa bene !
        • Anonimo scrive:
          Re: finiranno con l'odiarlo
          - Scritto da: Anonimo
          nella spesa del pc però rientrano anche altre
          funzionalita: studio, ricerche, internet
          insomma perchè essere costretti a spendere anche
          per una console solo per fare il figo con gli
          amici del lug che tuo figlio usa già linux...
          per la creatività te credo...ne deve avere
          veramente per usare ogni volta un apt invece di
          un click :sveglia, esiste synaptic.






          l'interfaccia (più bella e semplice)



          Kde e' talmente personalizzabile che dubito
          abbia

          rivali: http://www.kde-look.org/

          infatti sto bambino è già un genio
          dell'informatica...anzi vedrai che dopo 2 giorni
          ricompila tutto alla ricerca dell'1% di
          prestazioni in piùNon sapevi cosa rispondere, eh? :s

          Al contrario di "certi" adulti, i bambini,

          imparano ad usare un sistema ( ad esempio che

          esistono i programmi nel menu' ordinati per tipo

          e genere in maniera automatica, invece che il

          classico mondezzaio sul desktop )

          bla bla blaNon sapevi cosa rispondere, eh? Numero 2. :s


          pensa, il bambino arriva a casa e si scontra


          subito con hardware che non funziona,
          fotocamere


          che non si collegano e giochi che non ci sono.



          Come no? un bambino ogni giorno ha una
          fotocamera

          nuova

          ne basta una solaIronia, sveglia.

          o un hardware esotico da montare,

          per linux la maggioranza dell'hw è esotico :DAh, l'ignoranza.

          cmq vanno

          tutte le fotocamere

          la solita disinformazione del fun linux di turnola solita disinformazione del troll anti linux di turno

          Tipo 1001 programmi shareware o i 100 demo piu'

          belli? Se mi parli dei CD in omaggio con

          Riviste/Biscotti/Cereali/Cioccolate sono quasi

          sempre solo Demo-giocabili ( tempo 15min e i

          genietti non se ne fanno piu' niente )

          mia nipote ci si diverte un sacco....ma per la
          causa linara la priverò volentieri anche di
          questo :DTuo nipote si accontenta veramente di molto poco.E' uno dei pochi ad accontentarsi.


          Allora tu gli vai a dire, questo non funziona,


          questo non funziona, questo non funziona



          Guarda che basta una volta, sono piccoli mica

          ottusi

          si una volta per ogni cosa che non
          funziona..altrimenti gli dico direttamente:
          guarda che grazie all'os linux che stai
          utilizzando tantissime cose non funzioneranno
          quindi non scocciare, non sarà bello ma serve per
          una causa buona e quanto sarai grande capirai :DBravo disinformatore dei bambini. Colpa dell'os, mica dei produttori.


          ma andiamo, insegnate al bambino a stare
          attenti


          ai virus e otterranno maggiori vantaggi



          Insegnate al Bambino ad essere Libero

          innanzitutto,

          si insegnamoli a scegliere gli os in base a
          quello che ci devono fare e non in base a delle
          ideologie ridicole.Scelgono un os solo per giocare? Allora è meglio la console.
          la libertà è un'altra cosa che sentirsi costretti
          ad usare linux.Dagli un multiboot win-linux e lo lascerai libero da qualsiasi costrizione.
          libertà significa anche essere liberi di usare
          windows se mi serve per giocarci ai videogames o
          per interscambiare file tipo doc che il resto del
          mondo continua ad utilizzare.libertà significa anche essere liberi di usare/provare linux.
          troppi convegni con stallman o riunioni nei lug.
          impara a vedere le cose in maniera meno politicaTroppo troll.
          • Anonimo scrive:
            9 --
          • Anonimo scrive:
            Re: finiranno con l'odiarlo
            Non sono quello a cui hai riposto, ma è uguale...- Scritto da: Anonimo

            sveglia, esiste synaptic.

            ooooooo che innovazione a casa linuxPensa che in casa microsoft non esiste nulla di simile. Synaptic è una vera innovazione.
            ma che ti devo rispondere stai solo a trollare.
            linux è così semplice da usare che....a Monaco
            hanno dovuto ritardare la migrazione Ritardare non significa che non viene fatta... comunque leggiti questi:(yahoo notizie) http://it.news.yahoo.com/050826/201/3cz5n.html(ComputerWorld) http://www.azpoint.net/news/Software_News_10785.asp(La repubblica) http://www.repubblica.it/online/tecnologie_internet/linux1/cina/c[...]"(RAI IT) http://www.rai.it/news/articolonews/0,9217,79290,00.html(INTERNETNEWS) http://www.internetnews.com/dev-news/article.php/3486921(NETWORKWORLD) http://www.nwi.it/showPage.php?template=notizie&id=7465ecc... ecc... ecc...



            o un hardware esotico da montare,


            per linux la maggioranza dell'hw è esotico :D



            Ah, l'ignoranza.

            ah il fanatismobeata ignoranza ;-)
            no pura e semplice realta visto che 2 fotocamere
            ho avuto e non andavano ne su redhat ne su ubuntuFammi capire, con tutte le fotocamere supportate da linux (tutte le USB Mass Storage) e Gphoto, tu sei lo sfigato che ha comprato una fotocamera non supportata?!?Solamente Gphoto supporta 600 modelli di fotocamere differenti:http://www.gphoto.org/proj/libgphoto2/support.phpA queste sopra devi aggiungere queste:http://www.teaser.fr/~hfiguiere/linux/digicam.html.... ma dai.... non dire fesserie che poi fai brutta figura.Ma che red-hat avevi, la 8? e che ubuntu? e le tue due fotocamere che modello sono? dai più info per favore...
            migra costringendo i docenti a corsi di
            formazione (che paga il cittadino)....bella roba
            :I corsi di aggiornamento li fanno comunque (e mi sembra il minimo)
            e chi te lo vieta?
            se però non è adatto alle esigenze libertà
            significa anche continuare ad usare windowsLibertà significa liberi formati e tecnologie libere per permettere a chiunque l'accesso alle informazioni. Questo è ciò che la microsoft NON vuol fare. Chiudere i formati, chiudere le tecnologie e modificare i formati standard per renderli incompatibili. Questo è ciò che fa microsoft al solo obbiettivo di renderti schiavo dei suoi prodotti. Se non capisci questa cosa sei un po' ottuso. Esistono direttive chiare, ad esempio, per l'accesso alle informazioni delle pubbliche amministrazioni (formati dei documenti, siti ecc...). Queste son state fatte perchè ci si è resi conto del problema... quello che tu non vedi o fai finta di non vedere.
          • Anonimo scrive:
            Re: finiranno con l'odiarlo
            - Scritto da: Anonimo
            Non sono quello a cui hai riposto, ma è uguale...

            - Scritto da: Anonimo


            sveglia, esiste synaptic.



            ooooooo che innovazione a casa linux

            Pensa che in casa microsoft non esiste nulla di
            simile.
            Synaptic è una vera innovazione.


            ma che ti devo rispondere stai solo a trollare.

            linux è così semplice da usare che....a Monaco

            hanno dovuto ritardare la migrazione

            Ritardare non significa che non viene fatta... no significa che tanto facile da usare non lo è se hanno porblemi a farlo usare a loro impegati
        • carbonio scrive:
          Re: finiranno con l'odiarlo
          - Scritto da: Anonimo
          siccome da quello che scrivi si deduce che tu i
          soldi non sai proprio come sprecarli (si vede che
          famiglia non c'è l'hai e non sai cosa significa
          mentenerla) ti do io 2 diritte:di do un consiglio:Guardati intorno e cerca di capire chi sei, forse sei gia' solo un target giusto-giusto per le solite aziende==================================Modificato dall'autore il 11/09/2005 15.35.45
    • Anonimo scrive:
      Re: finiranno con l'odiarlo
      ma ti rendi conto delle boiate che vai scrivendo?Ho un'utenza qui ma non la uso da tempo (Oldgoblin)Ma ti rendi conto, anonimo, delle boiate stratosferiche che scrivi?1 mi sa che tu non hai figli2 non hai MAI installato linux, e manco l'hai visto con il binocolo3 i giochi ci sono4 NON hai bisogno di porcate aggiuntive da pagare $cifrone$ per scrivere una lettera, rischiando così di perdere i documenti via virus macro...5 a dicembre, metti la testa dentro una scuola dove si svolge il LINUX DAY e poi puoi scrivere nuovamente.salut.
      • Anonimo scrive:
        Re: finiranno con l'odiarlo
        solo per chiarire: linux non c'entra coi centri sociali. e neanche coi soldi: se vuoi, lo puoi pure pagare, e con meno di 90 euro di porti a casa un cd con supporto muuuuultilingue, applicativi vari e manualone, più supporto telefonico...e se sei bravo, ti fai tutte le modifiche che vuoi e diventa davvero produttivoe poi, anche i cari .doc ci riesci ad aprire con la grande openofficetutti i plugin mancanti te li scarichi da interneteh...l'avete visto quel tizio che ha riconfigurato un desktop kde su fedora dandogli l'aspetto di xp?così pure la moglie "windista" non avrà problemi...saluti
    • Guybrush scrive:
      Re: finiranno con l'odiarlo
      - Scritto da: Anonimo
      un bambino di un computer apprezza:

      i giochi (che non ci sono)Che ci sono, ma non sono quelli di Playstation nintendo e XboX.
      l'interfaccia (più bella e semplice)Opinione non condivisibile. L'interfaccia di Winzozz e' praticamente blindata, quella di KDE no.
      la semplicità (il bambino di 6 anni vedrà a casa
      la differenza tra un doppio click ed un apt etc
      etc).Non vedra' alcuna differenza, se non icone diverse.
      pensa, il bambino arriva a casa e si scontra
      subito con hardware che non funziona, fotocamere
      che non si collegano e giochi che non ci sono.E imparera' qualcosa.
      poi immaginate il genitore, va in edicola, vede
      un Cd, lo compra e vede che non funziona.Genitore orgoglione, che prende CD a caso in edicola senza leggere i requisiti di sistema, potrebbe prendere anche un CD Macintosh.E ovviamente sul tuo bel PC Wintel non funzionera' comunque.
      Il
      bambino và al negozio, compra un gioco e non
      funziona.A differenza dell'adulto orgoglione il bambino va a negozio, chiede un gioco per linux e non ne trova. Al limite. Poi scopre che da internet puo' scaricare, legalmente, cose come Enemy Territory, America's Army e Quake III.
      Allora tu gli vai a dire, questo non funziona,
      questo non funziona, questo non funzionaDagli un po' di tempo (qualche mese) e scoprira' Wine.
      ma andiamo, insegnate al bambino a stare attenti
      ai virus e otterranno maggiori vantaggiIo preferisco insegnargli perche' un virus puo' funzionare: lo capisce meglio di un adulto.
      GT
      • Anonimo scrive:
        Re: finiranno con l'odiarlo
        - Scritto da: Guybrush

        - Scritto da: Anonimo

        un bambino di un computer apprezza:



        i giochi (che non ci sono)
        Che ci sono, ma non sono quelli di Playstation
        nintendo e XboX.si si lo sanno tutti che linux è l'os di riferimento per l'industria dei videogames :D


        l'interfaccia (più bella e semplice)
        Opinione non condivisibile. L'interfaccia di
        Winzozz e' praticamente blindata, quella di KDE
        no.quindi?si parlava di semplicità di utilizzo ma tu ,......


        la semplicità (il bambino di 6 anni vedrà a casa

        la differenza tra un doppio click ed un apt etc

        etc).
        Non vedra' alcuna differenza, se non icone
        diverse.si si


        pensa, il bambino arriva a casa e si scontra

        subito con hardware che non funziona, fotocamere

        che non si collegano e giochi che non ci sono.
        E imparera' qualcosa.lo impara anche su windows senza bisogno di buttare soldi che potevano essere usati per altro


        poi immaginate il genitore, va in edicola, vede

        un Cd, lo compra e vede che non funziona.
        Genitore orgoglione,parla per te
        che prende CD a caso in
        edicola senza leggere i requisiti di sistema,no genitore che vuole accedere alla maggioranza dei contenuti.
        potrebbe prendere anche un CD Macintosh.
        E ovviamente sul tuo bel PC Wintel non
        funzionera' comunque.


        Il

        bambino và al negozio, compra un gioco e non

        funziona.
        A differenza dell'adulto orgoglione il bambino va
        a negozio, chiede un gioco per linux e non ne
        trova. Al limite. Poi scopre che da internet puo'
        scaricare, legalmente, cose come Enemy Territory,
        America's Army e Quake III.akkio ha 3 giochi :D


        Allora tu gli vai a dire, questo non funziona,

        questo non funziona, questo non funziona
        Dagli un po' di tempo (qualche mese) e scoprira'
        Wine.ma usare windows con wmware?


        ma andiamo, insegnate al bambino a stare attenti

        ai virus e otterranno maggiori vantaggi
        Io preferisco insegnargli perche' un virus puo'
        funzionare: lo capisce meglio di un adulto.


        GT
      • bouncey2k scrive:
        A 6 ANNI LE MACCHININE
        Io a 6 anni giocavo con le macchinine, andavo ai giardini della mia scuola elementare a giocare a pallone, facevo i puzzle, mi leggevo il battello a vapore...Fate crescere i vostri figli nel modo più corretto e non fate loro bruciare le tappe. Solo quando saranno un po' più grandi fategli capire cos'è un computer e come funziona, cos'è un monopolio, cos'è la libertà.Ciao.
        • carbonio scrive:
          Re: A 6 ANNI LE MACCHININE
          - Scritto da: bouncey2k
          Io a 6 anni giocavo con le macchinine, andavo ai
          giardini della mia scuola elementare a giocare a
          pallone, facevo i puzzle, mi leggevo il battello
          a vapore... si fa anche adesso che ti credi, ma molti preferiscono "parcheggiare" i figli davanti al video ( qualsiasi tipo va bene, basta che non escano fuori che ci sono i maniaci ) :(
          Fate crescere i vostri figli nel modo più
          corretto e non fate loro bruciare le tappe. Solo
          quando saranno un po' più grandi fategli capire
          cos'è un computer e come funziona, cos'è un
          monopolio, cos'è la libertà.

          Ciao.Parole santePS: Il problema non esisterebbe se non fosse che oramai si spara ad altezza d'uomo ( anzi di bimbo in questo caso ), gia' alle elementari e' un fiorire di firme e di paranoie esagerate, a volte cercare di prevenire per mantenere le "distanze" e' solo puro istinto di sopravvivenza.
    • Anonimo scrive:
      Re: finiranno con l'odiarlo
      Un bambino che va a scuola NON ci va per giocare, anche i pc windows gli possono risultare pallosi- Scritto da: Anonimo
      un bambino di un computer apprezza:

      i giochi (che non ci sono)
      l'interfaccia (più bella e semplice)
      la semplicità (il bambino di 6 anni vedrà a casa
      la differenza tra un doppio click ed un apt etc
      etc).

      pensa, il bambino arriva a casa e si scontra
      subito con hardware che non funziona, fotocamere
      che non si collegano e giochi che non ci sono.

      poi immaginate il genitore, va in edicola, vede
      un Cd, lo compra e vede che non funziona. Il
      bambino và al negozio, compra un gioco e non
      funziona.
      Allora tu gli vai a dire, questo non funziona,
      questo non funziona, questo non funziona

      ma andiamo, insegnate al bambino a stare attenti
      ai virus e otterranno maggiori vantaggi
      • Anonimo scrive:
        Re: finiranno con l'odiarlo
        - Scritto da: Anonimo
        Un bambino che va a scuola NON ci va per giocare,
        anche i pc windows gli possono risultare pallosiinvece quelli con quelli linux xhe axxo cambia


        - Scritto da: Anonimo

        un bambino di un computer apprezza:



        i giochi (che non ci sono)

        l'interfaccia (più bella e semplice)

        la semplicità (il bambino di 6 anni vedrà a casa

        la differenza tra un doppio click ed un apt etc

        etc).



        pensa, il bambino arriva a casa e si scontra

        subito con hardware che non funziona, fotocamere

        che non si collegano e giochi che non ci sono.



        poi immaginate il genitore, va in edicola, vede

        un Cd, lo compra e vede che non funziona. Il

        bambino và al negozio, compra un gioco e non

        funziona.

        Allora tu gli vai a dire, questo non funziona,

        questo non funziona, questo non funziona



        ma andiamo, insegnate al bambino a stare attenti

        ai virus e otterranno maggiori vantaggi
    • Anonimo scrive:
      Re: finiranno con l'odiarlo
      - Scritto da: Anonimo
      i giochi (che non ci sono)A scuola non si gioca col pc. Comunque i giochi per linux ci sono, tra cui bellissimi mod:http://www.happypenguin.orghttp://www.tuxgames.com/
      l'interfaccia (più bella e semplice)Appunto, Gnome e KDE
      la semplicità (il bambino di 6 anni vedrà a casa
      la differenza tra un doppio click ed un apt etc
      etc).Appunto, i DE di linux
      poi immaginate il genitore, va in edicola, vede
      un Cd, lo compra e vede che non funziona.
      bambino và al negozio, compra un gioco e non
      funziona.Il bambino ed il genitore installano giochi e programmi con synaptic su repository certificati (un click e vai). Risparmiano e hanno i soldi per farsi una sana vacanza al mare quando viene l'estate. Invece chi usa windows compra i giochi a 50 euro il botto, il padre è costretto a spendere 400 euro per office + 200 per xp + 100 per l'antivirus e chi più ne ha più ne metta.
  • Anonimo scrive:
    finalmente l'informatica nelle scuole it
    era ora che qualcuno di decidesse a introdurrestrumenti informatici nelle scuole invece difare propaganda ai prodotti di una ditta privataera ora che enti seri si preoccupassero dellaformazione dei ragazzi e togliessero di mezzoquelle fetecchie costose e inutili ora, finalmente, i ragazzi potranno imparare qualcosa, anziche perder tempo a cliccarele icone di vordSi apprezza soprattutto quanto segue:"A tutti gli alunni (circa 20mila in totale) e gli insegnanti (oltre un migliaio) sarà distribuito un cd gratuito in modo da consentire agli utenti di ritrovare gratuitamente a casa"Bellissima inziativa, soldi spesi bene, anzichèbuttati nella tazza in ciofeche della microsoftcomplimenti
    • Paul Atreides scrive:
      Re: finalmente l'informatica nelle scuol
      - Scritto da: Anonimo
      era ora che qualcuno di decidesse a introdurre
      strumenti informatici nelle scuole invece di
      fare propaganda ai prodotti di una ditta privata

      era ora che enti seri si preoccupassero della
      formazione dei ragazzi e togliessero di mezzo
      quelle fetecchie costose e inutili

      ora, finalmente, i ragazzi potranno imparare
      qualcosa, anziche perder tempo a cliccare
      le icone di vord

      Si apprezza soprattutto quanto segue:

      "A tutti gli alunni (circa 20mila in totale) e
      gli insegnanti (oltre un migliaio) sarà
      distribuito un cd gratuito in modo da consentire
      agli utenti di ritrovare gratuitamente a casa"

      Bellissima inziativa, soldi spesi bene, anzichè
      buttati nella tazza in ciofeche della microsoft


      complimentiSì, ma stai esagerando.Cero che se davvero in tutte le scuole italiane si decidesse DAVVERO di insegnare l'informatica sarebbe un vantaggio e una ricchezza per tutti.L'Italia, paese che passa per essere tra i più ricchi , è dal punto di vista scolarizzazione informatica a livelli da terzo mondo ( senza offendere gli abitanti di quelle sfortunate parti del globo ) Ma Bolzano non è l'Italia...
    • Anonimo scrive:
      Re: finalmente l'informatica nelle scuol
      - Scritto da: Anonimo
      era ora che qualcuno di decidesse a introdurre
      strumenti informatici nelle scuole invece di
      fare propaganda ai prodotti di una ditta privata

      era ora che enti seri si preoccupassero della
      formazione dei ragazzi e togliessero di mezzo
      quelle fetecchie costose e inutili

      ora, finalmente, i ragazzi potranno imparare
      qualcosa, anziche perder tempo a cliccare
      le icone di vord

      Si apprezza soprattutto quanto segue:

      "A tutti gli alunni (circa 20mila in totale) e
      gli insegnanti (oltre un migliaio) sarà
      distribuito un cd gratuito in modo da consentire
      agli utenti di ritrovare gratuitamente a casa"

      Bellissima inziativa, soldi spesi bene, anzichè
      buttati nella tazza in ciofeche della microsoft


      complimentiok ma a cosa serve imparare linux se per lavorare serve windows? Non vorranno mica che tutte le persone di bolzano sappiano cosa sia e come funzioni un kernel... :o e un po' come se si volesse insegnare fisica nucleare a tutti gli studenti d'italiamah... a me sta storia mi puzza
      • Rex1997 scrive:
        Re: finalmente l'informatica nelle scuol
        - Scritto da: Anonimocut
        ok ma a cosa serve imparare linux se per lavorare
        serve windows? Non vorranno mica che tutte le
        persone di bolzano sappiano cosa sia e come
        funzioni un kernel... :o
        e un po' come se si volesse insegnare fisica
        nucleare a tutti gli studenti d'italia
        Magari TUTTI gli Italiani fossero fisici nucleari...a quest'ora certi produttori di combustibili farebbero la fame, mentre l'Italia esporterebbe tecnologia (a caro prezzo i brevetti costano!! :@ :D ) in tutto il mondo per produrre energia a costi ragionevoli...
        mah... a me sta storia mi puzzaAnche a me...
      • Anonimo scrive:
        Re: finalmente l'informatica nelle scuol
        - Scritto da: Anonimo
        Non vorranno mica che tutte le
        persone di bolzano sappiano cosa sia e come
        funzioni un kernel... :o Ciao trolletto.Vuoi dirmi che tutti quelli che usano win sanno come funziona shell32.dll o altri componenti di win?
        • gian_d scrive:
          Re: finalmente l'informatica nelle scuol
          - Scritto da: Anonimo


          - Scritto da: Anonimo

          Non vorranno mica che tutte le

          persone di bolzano sappiano cosa sia e come

          funzioni un kernel... :o

          Ciao trolletto.

          Vuoi dirmi che tutti quelli che usano win sanno
          come funziona shell32.dll o altri componenti di
          win?:D
      • nietzsche scrive:
        Re: finalmente l'informatica nelle scuol

        a cosa serve imparare linux se per lavorare serve
        windowsserve a te: io lavoro con linux quindi la cosa che puzza è la tua mancanza di comprensione del fatto cheesiste altro oltre a quello che usi TU(e che si sta espandendo non poco)==================================Modificato dall'autore il 09/09/2005 15.43.28
  • Anonimo scrive:
    Re: ai bambini piace piu usare linux che

    certo che voi linari...bla bla bla blaassenza totale di argomenti, frasi trite e ritriteincapacità perfino di quotare un postreazioni di panico di fronte a link seriubriachezza alle una di pomeriggio ?
  • Anonimo scrive:
    9 --
    ma vai a cagare!!!!
  • Anonimo scrive:
    fine della vergogna di ms nelle scuole
    I sistemi scolastici degli stati piu civili europeistanno abbandondando, o hanno abbandonatol'insegnamento di windows nelle scuole,come accade nei paesi scandinavi, con grandirisparmi e con un enorme miglioramentopedagogicoProgetti come:http://www.skolelinux.org/portal/about/whatmolto diffusi, insegnanofinirà anche questo scandalo che nelle scuole dell'obbligo si faccia propaganda per un'aziendaprivata, "insegnando" ai bambini a diventare suoiclienti: che schifo
    • Paul Atreides scrive:
      Re: fine della vergogna di ms nelle scuo
      - Scritto da: Anonimo

      finirà anche questo scandalo che nelle scuole
      dell'obbligo si faccia propaganda per un'azienda
      privata, "insegnando" ai bambini a diventare suoi
      clienti: che schifose insegnassero a diventare clienti non ci sarebbe niente di male: un cliente è consapevole dei suoi diritti e ne pretende il rispetto, il fatto è che insegnano a diventare fedeli sudditi....
      • Anonimo scrive:
        Re: fine della vergogna di ms nelle scuo
        - Scritto da: Paul Atreides

        - Scritto da: Anonimo




        finirà anche questo scandalo che nelle scuole

        dell'obbligo si faccia propaganda per un'azienda

        privata, "insegnando" ai bambini a diventare
        suoi

        clienti: che schifo
        se insegnassero a diventare clienti non ci
        sarebbe niente di male: un cliente è consapevole
        dei suoi diritti e ne pretende il rispetto, il
        fatto è che insegnano a diventare fedeli
        sudditi....il problema è che chi diventa cliente ora potrebbe essere costretto a diventare suddito domani ... leggiti un po' il TCPA e l'EUCD se vuoi saperne di più
        • Paul Atreides scrive:
          Re: fine della vergogna di ms nelle scuo
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Paul Atreides



          - Scritto da: Anonimo







          finirà anche questo scandalo che nelle scuole


          dell'obbligo si faccia propaganda per
          un'azienda


          privata, "insegnando" ai bambini a diventare

          suoi


          clienti: che schifo

          se insegnassero a diventare clienti non ci

          sarebbe niente di male: un cliente è consapevole

          dei suoi diritti e ne pretende il rispetto, il

          fatto è che insegnano a diventare fedeli

          sudditi....

          il problema è che chi diventa cliente ora
          potrebbe essere costretto a diventare suddito
          domani ... leggiti un po' il TCPA e l'EUCD se
          vuoi saperne di piùNe so già qualcosa, purtroppo. :@
  • Anonimo scrive:
    L'andazzo è questo. MS lo sa.
    Pare che anche la stessa Microsoft si stia adeguando a questo andazzo.http://esr.ibiblio.org/index.php?p=208La prossima volta proveranno ad assumere Torvalds in persona.Ma che allora si sappia: MS ama Linux e chi lo conosce, tanto proporre l'assunzione.A Bolzano, quindi, stanno formando i nuovi dipendenti di Microsoft
  • ciko scrive:
    e se si creasse una community?
    ... sarebe una svolta...immaginate se ogni studente dedicasse parte del suo tempo libero (e di tempo libero loro ne hanno molto...) a debuggare / migliorare / proporre nuove idee...forse a livello di coding non ci si puo' aspettare granchè, ma l'informatica nn e' fatta solo di codice...alla fine questa potrebbe diventare una grande opportunità...
    • Anonimo scrive:
      Re: e se si creasse una community?
      un ragazzo per fare una cosa ne deve trarre piacere. con linux al massimo si può incazzare.:D:D
      • ciko scrive:
        Re: e se si creasse una community?
        ??? incazzare ???e perche'?forse puo' essere un po' ostico da configurare (cosa di cui tra l'altro nn sono neanche tato convinto), ma una volta funzionante non e' certo piu' difficile da utilizzare...prova una distribuzione live (es. knoppix, per citarne una) e dimmi se ti fa incazzare...quello che al massimo si incazza e' l'assistente di laboratorio che deve mettere mano all X86Config :p
      • Anonimo scrive:
        Re: e se si creasse una community?
        - Scritto da: Anonimo
        un ragazzo per fare una cosa ne deve trarre
        piacere. con linux al massimo si può
        incazzare.:D:DInstallazione di XP. Tra le prime cose che fa c'è il caricamento di tutti i driver, tra cui i RAID, pure che non hai nessun dispositivo RAID. E passi quella mezz'oretta ad aspettare.Poi crei l'account (Administrator, e senza password, mi raccomando), e apro interdet esploder. Prima cosa si installano un po' di trojan, poi il computer mi si riavvia da solo.Quando si riavvia cerco di andare a scaricare un firewall e un antivirus, sperando che il computer non si riavvii di nuovo durante i download. Nel frattempo qualche altro virus mi ha contagiato e si sta diffondendo nella rete locale.Installo antivirus e firewall, poi vado su Windowsupdate e scarico il tanto osannato SP2. Riavvio il computer... porc, l'antivirus e il firewall non sono compatibili! :@E chi è che si incazza di più?
        • Anonimo scrive:
          Re: e se si creasse una community?

          Installazione di XP.E tra i vari problemi che hai elencato hai dimenticato quelli incomprensibili come ad esempio la scheda di rete che e' installata con indirizzo IP fisso ma non compare alcun indirizzo IP assegnato od il sistema che non si installa su una partizione se e' ad oltre 10 gigabyte dall'inizio del disco e cosi' via verso l'infinito.Tutto il tempo che si butta per risolvere o tentare di risolvere i problemi incomprensibili di windows e' effettivamente tempo buttato che non porta ad alcun arricchimento della propria esperienza
          • Anonimo scrive:
            Re: e se si creasse una community?

            E tra i vari problemi che hai elencato hai
            dimenticato quelli incomprensibili come ad
            esempio la scheda di rete che e' installata con
            indirizzo IP fisso ma non compare alcun indirizzo
            IP assegnato od il sistema che non si installa su
            una partizione se e' ad oltre 10 gigabyte
            dall'inizio del disco e cosi' via verso
            l'infinito.
            Tutto il tempo che si butta per risolvere o
            tentare di risolvere i problemi incomprensibili
            di windows e' effettivamente tempo buttato che
            non porta ad alcun arricchimento della propria
            esperienza
            Non dimentichiamo poi tutto il tempo che certa gente perde a fare evangelismo opensorciaro.
          • Anonimo scrive:
            Re: e se si creasse una community?
            - Scritto da: Anonimo

            E tra i vari problemi che hai elencato hai

            dimenticato quelli incomprensibili come ad

            esempio la scheda di rete che e' installata con

            indirizzo IP fisso ma non compare alcun
            indirizzo

            IP assegnato od il sistema che non si installa
            su

            una partizione se e' ad oltre 10 gigabyte

            dall'inizio del disco e cosi' via verso

            l'infinito.

            Tutto il tempo che si butta per risolvere o

            tentare di risolvere i problemi incomprensibili

            di windows e' effettivamente tempo buttato che

            non porta ad alcun arricchimento della propria

            esperienza


            Non dimentichiamo poi tutto il tempo che certa
            gente perde a fare evangelismo opensorciaro.E non dimentichiamo neanche tutto il tempo che certa gente perde a fare troll winaro.
      • Santos-Dumont scrive:
        Re: e se si creasse una community?
        - Scritto da: Anonimo
        un ragazzo per fare una cosa ne deve trarre
        piacere. con linux al massimo si può
        incazzare.:D:DQuando un ragazzo appassionato di meccanica mette mano al motore per aumentarne le prestazioni, ne trae piacere? Cosa cambia tra lo "smanettare" su oggetti materiali o sul software? E' sempre amore per la comprensione piú profonda di un soggetto. Chi si incazza, per usare la tua espressione, con certezza é un alienato senza interessi nella vita e lo compatisco; oppure, ma ho seri dubbi in merito, ha altri interessi, il che comunque non gli da il diritto di contestare chi si occupa d'altro.
        • Anonimo scrive:
          Re: e se si creasse una community?

          Quando un ragazzo appassionato di meccanica mette
          mano al motore per aumentarne le prestazioni, ne
          trae piacere? Cosa cambia tra lo "smanettare" su
          oggetti materiali o sul software? E' sempre amore
          per la comprensione piú profonda di un soggetto.
          Chi si incazza, per usare la tua espressione, con
          certezza é un alienato senza interessi nella vita
          e lo compatisco; oppure, ma ho seri dubbi in
          merito, ha altri interessi, il che comunque non
          gli da il diritto di contestare chi si occupa
          d'altro.
          Hai seri dubbi che qualcuno possa avere altri interessi mah.
  • Anonimo scrive:
    poveracci..
    do un mese di tempo alla scuola....poi torneranno su win..
  • Anonimo scrive:
    la condanna di una generazione
    voglio vederli questi ragazzi quando una volta affaciatisi sul mondo del lavoro verrà chiesto loro se sanno usare i prodotti ms. questi geni che hanno deciso questa cosa hanno condannato una generazione al fallimento lavorativo. io vorrei sapere come si fa a imporre alla gente di imparare un sistema operativo preistorico come linux quando il mondo si basa sul top della tecnologia che viene sfornato da ms che tanto lo sappiamo tutti che l' innovazione viene da ms e tutti gli altri gli vanno dietro.
    • Anonimo scrive:
      Re: la condanna di una generazione
      Urge una risposta:ATTENZIONE IL SISTEMA HA INDIVIDUATO L'ENNESIMO TROLL.Si prega di non continuare questo thread per evitare di sprecare tempo grazie.
    • gian_d scrive:
      Re: la condanna di una generazione
      - Scritto da: Anonimo
      voglio vederli questi ragazzi quando una volta
      affaciatisi sul mondo del lavoro verrà chiesto
      loro se sanno usare i prodotti ms. questi geni
      che hanno deciso questa cosa hanno condannato una
      generazione al fallimento lavorativo. io vorrei
      sapere come si fa a imporre alla gente di
      imparare un sistema operativo preistorico come
      linux quando il mondo si basa sul top della
      tecnologia che viene sfornato da ms che tanto lo
      sappiamo tutti che l' innovazione viene da ms e
      tutti gli altri gli vanno dietro.La differenza tra un utente windows e un utente linux è che il primo per passare a linux deve espiare le pene del purgatorio, il secondo lo fa tranquillamente all'occorrenza. Magari deve smadonnare un po' perché si trova a che fare con una ciofeca di sistema operativo, però stai tranquillo che il 99% dei linari sanno cosa fare quando c'hanno un windows davanti.Va be' continua crogiuolarti nel tuo brodo trollazzo (mi auguro che sia un troll perché altrimenti il tuo status è decisamente più preoccupante)
    • Anonimo scrive:
      Re: la condanna di una generazione
      - Scritto da: Anonimo
      voglio vederli questi ragazzi quando una volta
      affaciatisi sul mondo del lavoro verrà chiesto
      loro se sanno usare i prodotti ms. questi geni
      che hanno deciso questa cosa hanno condannato una
      generazione al fallimento lavorativo. io vorrei
      sapere come si fa a imporre alla gente di
      imparare un sistema operativo preistorico come
      linux quando il mondo si basa sul top della
      tecnologia che viene sfornato da ms che tanto lo
      sappiamo tutti che l' innovazione viene da ms e
      tutti gli altri gli vanno dietro.esatto, è un po' come quando a scuola ci insegnavano (o volevano insegnarci) il turbo pascal... ma io sentivo già da allora che era tutta una bufala per far lavorare quegli obsoletissimi insegnanti di matematica (rotfl) fuori dalla scuola la realtà è sempre un'altra e l'italia non cambierà mai :s
      • Anonimo scrive:
        Re: la condanna di una generazione
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        voglio vederli questi ragazzi quando una volta

        affaciatisi sul mondo del lavoro verrà chiesto

        loro se sanno usare i prodotti ms. questi geni

        che hanno deciso questa cosa hanno condannato
        una

        generazione al fallimento lavorativo. io vorrei

        sapere come si fa a imporre alla gente di

        imparare un sistema operativo preistorico come

        linux quando il mondo si basa sul top della

        tecnologia che viene sfornato da ms che tanto
        lo

        sappiamo tutti che l' innovazione viene da ms e

        tutti gli altri gli vanno dietro.

        esatto, è un po' come quando a scuola ci
        insegnavano (o volevano insegnarci) il turbo
        pascal... ma io sentivo già da allora che era
        tutta una bufala per far lavorare quegli
        obsoletissimi insegnanti di matematica (rotfl)

        fuori dalla scuola la realtà è sempre un'altra e
        l'italia non cambierà mai :sIl pascal a tutt'oggi resta il miglior linguaggio in assoluto per insegnare a programmare ...
        • Anonimo scrive:
          Re: la condanna di una generazione
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          voglio vederli questi ragazzi quando una volta


          affaciatisi sul mondo del lavoro verrà chiesto


          loro se sanno usare i prodotti ms. questi geni


          che hanno deciso questa cosa hanno condannato

          una


          generazione al fallimento lavorativo. io
          vorrei


          sapere come si fa a imporre alla gente di


          imparare un sistema operativo preistorico come


          linux quando il mondo si basa sul top della


          tecnologia che viene sfornato da ms che tanto

          lo


          sappiamo tutti che l' innovazione viene da ms
          e


          tutti gli altri gli vanno dietro.



          esatto, è un po' come quando a scuola ci

          insegnavano (o volevano insegnarci) il turbo

          pascal... ma io sentivo già da allora che era

          tutta una bufala per far lavorare quegli

          obsoletissimi insegnanti di matematica (rotfl)



          fuori dalla scuola la realtà è sempre un'altra e

          l'italia non cambierà mai :s


          Il pascal a tutt'oggi resta il miglior linguaggio
          in assoluto per insegnare a programmare ...toh guarda, un professore di matematica! :D
        • Anonimo scrive:
          Re: la condanna di una generazione
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          voglio vederli questi ragazzi quando una volta


          affaciatisi sul mondo del lavoro verrà chiesto


          loro se sanno usare i prodotti ms. questi geni


          che hanno deciso questa cosa hanno condannato

          una


          generazione al fallimento lavorativo. io
          vorrei


          sapere come si fa a imporre alla gente di


          imparare un sistema operativo preistorico come


          linux quando il mondo si basa sul top della


          tecnologia che viene sfornato da ms che tanto

          lo


          sappiamo tutti che l' innovazione viene da ms
          e


          tutti gli altri gli vanno dietro.



          esatto, è un po' come quando a scuola ci

          insegnavano (o volevano insegnarci) il turbo

          pascal... ma io sentivo già da allora che era

          tutta una bufala per far lavorare quegli

          obsoletissimi insegnanti di matematica (rotfl)



          fuori dalla scuola la realtà è sempre un'altra e

          l'italia non cambierà mai :s


          Il pascal a tutt'oggi resta il miglior linguaggio
          in assoluto per insegnare a programmare ...Si... ma da uno che, per sua stessa ammissione, non è riuscito ad imparare il Pascal, cosa vorresti pretendere con il C++ ?Fortunatamente su questa terra oltre che di programmatori c'è bisogno anche di contadini...
        • Anonimo scrive:
          Re: la condanna di una generazione

          Il pascal a tutt'oggi resta il miglior linguaggio
          in assoluto per insegnare a programmare ...e non solo, vedi delphi :)
      • Anonimo scrive:
        Re: la condanna di una generazione
        Beh, vorrei ben vedere: sarebbe davvero la fine dell'Italia se le aziende cercano soltanto impiegati in grado di scrivere due lettere con Word o qualche tabella con Excel, e basta.
        • Anonimo scrive:
          Re: la condanna di una generazione
          - Scritto da: Anonimo
          Beh, vorrei ben vedere: sarebbe davvero la fine
          dell'Italia se le aziende cercano soltanto
          impiegati in grado di scrivere due lettere con
          Word o qualche tabella con Excel, e basta.
          prova ad installare OpenOffice negli uffici e poi vedi quanti inizieranno a lamentarsi perche' non sono in grado di scrivere "due lettere" I primi sono quelli che ti fanno il colloquio
    • Anonimo scrive:
      Re: la condanna di una generazione
      - Scritto da: Anonimo
      voglio vederli questi ragazzi quando una volta
      affaciatisi sul mondo del lavoro verrà chiesto
      loro se sanno usare i prodotti ms. questi geni
      che hanno deciso questa cosa hanno condannato una
      generazione al fallimento lavorativo. io vorrei
      sapere come si fa a imporre alla gente di
      imparare un sistema operativo preistorico come
      linux quando il mondo si basa sul top della
      tecnologia che viene sfornato da ms che tanto lo
      sappiamo tutti che l' innovazione viene da ms e
      tutti gli altri gli vanno dietro.Notoriamente le genetrazioni precedenti abitute a confondere un wordprocessor con word, uno spreadsheet con excel, un database con access hanno trovato immediatamente lavoro... finalmente l'istruzione pubblica la finisce di fare l'ufficio marketing pagante della MS.Che si insegni ad usar programmi,( di scrittura, di calcolo,database...) e non prodotti.
      • Paul Atreides scrive:
        Re: la condanna di una generazione
        - Scritto da: Anonimo
        Notoriamente le genetrazioni precedenti abitute a
        confondere un wordprocessor con word, uno
        spreadsheet con excel, un database con access
        hanno trovato immediatamente lavoro... finalmente
        l'istruzione pubblica la finisce di fare
        l'ufficio marketing pagante della MS.
        Che si insegni ad usar programmi,( di scrittura,
        di calcolo,database...) e non prodotti.
        Frena!Guarda che per il momento succede solo a Bolzano.
          • Anonimo scrive:
            5 --
          • Anonimo scrive:
            9 --
            lui è un cretino ma un po' ha ragione: il mondo del lavoro vuole WINDOWS
          • TADsince1995 scrive:
            Re: la condanna di una generazione
            - Scritto da: Anonimo
            lui è un cretino ma un po' ha ragione: il mondo
            del lavoro vuole WINDOWSMa dove sta scritto?! Io ho visto montagne di candidature in cui la conoscenza di linux era fondamentale e, personalmente, a me è servita molto ed è sempre stata apprezzata.Chiaro che, ovviamente, ancora oggi la conoscenza di Windows è imprescindibile, ma uno che impara a usare linux di sicuro non ha problemi a usare Windows.TAD
          • Anonimo scrive:
            Re: la condanna di una generazione
            ma che cazzo dici? fammela vedere una candidatura che richiede linux. non sto parlando di candidature per sistemisti ma per qualsiasi altra posizione
          • TADsince1995 scrive:
            Re: la condanna di una generazione
            - Scritto da: Anonimo
            ma che cazzo dici? fammela vedere una candidatura
            che richiede linux. non sto parlando di
            candidature per sistemisti ma per qualsiasi altra
            posizioneBasta cercare tra le aziende di informatica. Certo, se ti candidi per fare la segretaria magari ancora non serve, ma in un'azienda di informatica è spesso un requisito importante, forse non per la sparagestionaliVB, ma per una web agency seria è spesso apprezzatissimo.TAD
          • Anonimo scrive:
            Re: la condanna di una generazione
            - Scritto da: Anonimo
            ma che cazzo dici? fammela vedere una candidatura
            che richiede linux. non sto parlando di
            candidature per sistemisti ma per qualsiasi altra
            posizioneSe vuoi parliamo di Ingegneri,matematici,fisici tutto il mondo della ricerca è unix .....nel settore dei servizi invece trovi di tutto un OS vale l'altro e anche le certificazioni generiche come l'ECDL si sono adeguate.
          • Anonimo scrive:
            Re: la condanna di una generazione
            - Scritto da: Anonimo
            lui è un cretino ma un po' ha ragione: il mondo
            del lavoro vuole WINDOWSMica vero il mondo del lavoro vuole che tu abbia competenze è il mondo della scuola che per anni ha insegnato,sbagliando, che se non usi il prodotto x o y sei tagliato fuori con il bel risultato che ti tagliava fuori dalle realtà produttive dove trovi veramente di tutto.Prendi ad esempio i CAD ce ne sono una marea e quando arrivi in azienda ne trovi di mai visti e che a scuola non ci sono nè saranno mai.I prodotti cambiano si rinnovano e se sei fossilizzato su un solo prodotto hai buone possibilità di restare indietro.
          • Anonimo scrive:
            Re: la condanna di una generazione
            - Scritto da: Anonimo
            lui è un cretino ma un po' ha ragione: il mondo
            del lavoro vuole WINDOWSNo, vuole qualcuno che sappia usare quello che hanno.Se avessero altri programmi, chiederebbero persone che vogliono altri programmi.A venezia ogni tanto spunta qualche ditta che vuole programmatori in cobol...Comunque insegnare ai bambini un solo programma è tagliargli le gambe: quando andranno a lavoro troveranno un'altra versione di word e non sapranno cosa fare.Sarebbe meglio insegnargli le basi: cosa deve cercare per fare quello, non dove si trova. Altrimenti se la MS cambia posizione ai menù questi non capiscono più un cavolo. Io i programmi li imparo velocemente perché so cosa cercare, non so solo delle combinazioni standard di tasti.
          • Anonimo scrive:
            Re: la condanna di una generazione

            Altrimenti se la MS cambia posizione ai menù
            questi non capiscono più un cavolo. la microsoft le posizione le ha cambiate + di una volta ma vedo che continua a vendere le nuove versioni di office e nessuno si lamenta. il problema è che le icone di office, a prescindere da dove si trovino, fanno quello che l' utente vuole.:D:Dsiete veramente dei coglionazzi e volete che io faccia diventare mio figlio come voi. ma andate a lavorare:D
          • Anonimo scrive:
            Re: la condanna di una generazione

            la microsoft le posizione le ha cambiate + di una
            volta ma vedo che continua a vendere le nuove
            versioni di office e nessuno si lamenta.Il tuo amico che ha iniziato il discorso invece crede che il cambiamento di interfaccia crei disfunzione ai bambini... e sapendo che i bambini hanno come genitori tipi come lui gli dò ragione.Io in verità non ho avuto nessun problema a usare MsOffice per anni, passare a OpenOffice e fare qualche lavoro in AppleWork, ma ricordo che da piccolo zippavo i miei giochi con arj, su dos, il che mi rende un "genio" rispetto ai bambini di adesso, a cui i genitori negano le delizie del "leggi le istruzioni".Ma la cosa vale anche con quelli della mia generazione e a quelli più vecchi, che se perdono la palette della formattazione del testo non sanno dove premere per farla riapparire o trovano difficile spulciare il menù Formato...D'altra parte Word non viene spesso usato al massimo delle sue potenzialità, viene usato come "blocco note con i titoli colorati"La gente si lamenta ad ogni aggiornamento di ogni programma, non vedo perché MsOffice debba fare differenza.
            il problema è che le icone di office, a prescindere
            da dove si trovino, fanno quello che l' utente
            vuole.:D:DInvece se premi l'icona di salva su OpenOffice si apre un nuovo documento? O cambia corpo al carattere?O forse intendi dire che se l'utente vuole salvare può premere un'icona a caso tanto MSOffice CAPISCE che lui vuole salvare?
          • Anonimo scrive:
            9 --
    • TADsince1995 scrive:
      Re: la condanna di una generazione
      - Scritto da: Anonimo
      voglio vederli questi ragazzi quando una volta
      affaciatisi sul mondo del lavoro verrà chiesto
      loro se sanno usare i prodotti ms. questi geni
      che hanno deciso questa cosa hanno condannato una
      generazione al fallimento lavorativo. Mi sembra un'esagerazione. Quì si sta dando possibilità di scelta, di sicuro questi ragazzi impareranno anche a usare Windows, dato che è così diffuso, ma è giusto che imparino a usare un sistema la cui importanza e diffusione sta crescendo, o anche giusto per dare un'alternativa.
      io vorrei
      sapere come si fa a imporre alla gente di
      imparare un sistema operativo preistorico come
      linux quando il mondo si basa sul top della
      tecnologia che viene sfornato da ms che tanto lo
      sappiamo tutti che l' innovazione viene da ms e
      tutti gli altri gli vanno dietro.Spero per te che sia un messaggio promozionale ben pagato, perchè altrimenti non fa ridere.TAD==================================Modificato dall'autore il 09/09/2005 11.48.35
      • Anonimo scrive:
        Re: la condanna di una generazione

        ma è giusto che imparino a usare un
        sistema la cui importanza e diffusione sta
        crescendo, o anche giusto per dare
        un'alternativa.si sta diffondendo solo nella tua testa ... come un cancro. ma svegliatevi il comunismo è finito!!!!!!!!
        • TADsince1995 scrive:
          Re: la condanna di una generazione

          si sta diffondendo solo nella tua testa ... come
          un cancro. ma svegliatevi il comunismo è
          finito!!!!!!!!Se lavori nell'informatica non puoi non rendertene conto. Proprio ieri parlavo con un professionista della mia zona di un eventuale progetto di applicazione web da fare insieme a lui e, insieme, si conveniva sul fatto di non prendere neanche in considerazione l'idea di fare girare il tutto su sistemi microsoft. Nell'azienda di formazione dove occasionalmente tengo delle lezioni, un mese fa hanno cominciato la migrazione in massa a linux e opensource per almeno l'80% delle macchine. L'anno scorso ho lavorato per un breve periodo per una web agency che da anni va avanti in asp/vbscript e appena hanno sentito linux/apache/php gli si sono illuminati gli occhi.E potrei continuare ancora a lungo...TAD
          • Anonimo scrive:
            Re: la condanna di una generazione

            hanno sentito linux/apache/php gli si sono
            illuminati gli occhi.chissa quanto le tue fatturine gli scalderanno il didietro come si illumineranno:D:D
        • Anonimo scrive:
          Re: la condanna di una generazione
          - Scritto da: Anonimo
          si sta diffondendo solo nella tua testa ... come
          un cancro. ma svegliatevi il comunismo è
          finito!!!!!!!!Il comunismo è definito un sistema totalitario ... come Microsoft, più o meno...
          • Anonimo scrive:
            Re: la condanna di una generazione

            Il comunismo è definito un sistema totalitario
            ... come Microsoft, più o meno...A questo ti rispondono che MS no produce latte e non fa i gulag come il comunismo...Come se per loro linux lo facesse...
        • Anonimo scrive:
          Re: la condanna di una generazione

          si sta diffondendo solo nella tua testa ... come
          un cancro. ma svegliatevi il comunismo è
          finito!!!!!!!!E anche il capitalismo, e tu ne sei la prova.Esiste solo il monopolismo capital-comunista.In cina hai più speranze di creare una nuova industria che in usa, ma lo stato è una dittatura, in usa lo stato è libero, ma è colluso con le aziende monopolistiche (stato+azinede monopolistiche= comunismo) e non ti aiuta a creare nuove aziende, anzi, ti mette i bastoni nelle ruote.In pratica la cina comunista si è capitalisticizzata e gli usa capitalisti si sono comunistizzati.Prendendo il peggio da ognuno, ovvio.Alla fine, gridando al comunismo ogni cinque minuti, gli avete dato una mano.
        • Anonimo scrive:
          Re: la condanna di una generazione
          che c'entra il comunismo ?poi guarda che non usare prodotti closed non vuol dire non volere che si arricchiscano gli altri, e' non volerci impoverire noi- Scritto da: Anonimo

          ma è giusto che imparino a usare un

          sistema la cui importanza e diffusione sta

          crescendo, o anche giusto per dare

          un'alternativa.

          si sta diffondendo solo nella tua testa ... come
          un cancro. ma svegliatevi il comunismo è
          finito!!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: condannato alla menzogna
      - Scritto da: Anonimo
      sappiamo tutti che l' innovazione viene da ms e
      tutti gli altri gli vanno dietro.grazie della dimostrazione di ignoranza allo stato puro
      • Anonimo scrive:
        5 --
        Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti Comunisti
    • Gusbertone scrive:
      9 --
      se sei un troll mi sei simpatico, se non lo sei allora sei un cretino
      • Anonimo scrive:
        Re: la condanna di una generazione
        - Scritto da: Gusbertone
        se sei un troll mi sei simpatico, se non lo sei
        allora sei un cretinoperchè ti starei simpatico?
    • Anonimo scrive:
      Re: la condanna di una generazione
      Una sola curiosità! Ma quanto ti pagano per scrivere ste fregnacce? :DSe rende bene potrei farci un pensierino anche 8)
    • alex.tg scrive:
      Re: la condanna di una generazione
      - Scritto da: Anonimo
      ...quando il mondo si basa sul top della
      tecnologia che viene sfornato da ms che tanto lo
      sappiamo tutti che l' innovazione viene da ms e
      tutti gli altri gli vanno dietro.Ragazzi, sta cascandomi il lampadario.Questo thread e` PIENO, ma PIENO, di bombe.E di quelle all'idrogeno, come minimo.Mai vista una cosa del genere, datevi una regolata.Allora.Io Linux lo amo? No.Lo uso? Poco.Lo odio? MA PER NULLA, PERCHE` DIAVOLO DOVREI? Se lo odiate e` un vostro problema mentale .Quell'altro che viene a dire che e` difficile da installare... ma se la Suse 9 pro l'ho installata in 20 minuti e a parte chiedermi di indicare che cavolo di tastiera e mouse avevo, e in quale partizione installarla, ha fatto tutto da sola? Ma tutto. C'era anche Openoffice gia` pronto all'uso (che non ne ho fatto, d'altronde non uso applicativi per l'ufficio). C'e` YaST per installare con pochi click un Apache, metterci anche il PHP nello stesso modo, e fa tutto da solo, cacchio, basta dirgli che fra i pacchetti installabili "voglio il php", e ti ritrovi gia` pronto (come a me occorreva) per fare delle prove con gli scripts. Ma e` tremendo... se non e` addirittura piu` semplice che usare un installshield per Windows, come "difficolta`" siamo li`, se di "difficolta`" si puo` parlare. Vede da solo le partizioni NTFS. Vede da solo le flash cards connesse attraverso un lettore USB. M'ha preparato da solo la Deskjet 450 della Hewlett-Packard, cosa che mi chiedo ancora come abbia fatto a avere un driver compatibile, visto che e` un modello portatile particolarissimo.Windows e Linux: ora poi mi chiedo che differenza ci sia sul "preistorico". Sono entrambi preistorici: che e`, ora la Microsoft per scrivere XP ha rinunciato che so, al gestore delle interrupts che aveva su Win95? No, l'avra` aggiornato, l'avra` ottimizzato, l'avra` migliorato, ma cavolo e` sempre il solito gestore, come dovrebbe fare per "innovarsi"? Le innovazioni dove starebbero, nelle skin per l'interfaccia?
      • Anonimo scrive:
        Re: la condanna di una generazione
        - Scritto da: alex.tg
        Windows e Linux: ora poi mi chiedo che differenza
        ci sia sul "preistorico". Sono entrambi
        preistorici: che e`, ora la Microsoft per
        scrivere XP ha rinunciato che so, al gestore
        delle interrupts che aveva su Win95? No, l'avra`
        aggiornato, l'avra` ottimizzato, l'avra`
        migliorato, ma cavolo e` sempre il solito
        gestore, come dovrebbe fare per "innovarsi"? Le
        innovazioni dove starebbero, nelle skin per
        l'interfaccia?calmati calmati, linux ha un kernel monolitico, il che gli farà perdere sempre più strada rispetto ai microkernel e ibridi (vedi NT), almeno per ciò che riguarda le nuove periferiche (a detta di molti esperti non dipendenti MS)ma questo credo che sia abbastanza evidente
        • Anonimo scrive:
          9 --
          IL KERNEL MONOLITICO E' LA ROVINA DI LINUX. SOLO UNO STUDENTELLO POTEVA CREARE UN SISTEMA DEL GENERE E TUTTI GLI SONO ANDATI DIETRO. LA COSA POTREBBE ANCHE ESSERE GIUSTIFICABILE SE ERA IL PREZZO NECESSARIO PER AVERE UN SISTEMA LIBERO MA SENTIR DIRE DAI LINARI CHE QUELLA È LA SOLUZIONE MIGLIORE E' UNA COSA IMMONDA. COME PUOI DISCUTERE CON QUESTA GENTE CHE NON VUOLE AMMETTERE L' EVIDENZA?
          • Anonimo scrive:
            Re: la condanna di una generazione
            allora compila tutti drivers e le features come moduli: linux permette ANCHE un approccio modulare tipo microkernel, pensa che con l'open source se hai tempo e voglia da dedicargli o se puoi aspettare egoisticamente che lo facciano altri per te PUOI SCEGLIERE
            IL KERNEL MONOLITICO E' LA ROVINA DI LINUX.
        • Anonimo scrive:
          Re: la condanna di una generazione
          - Scritto da: Anonimo
          calmati calmati, linux ha un kernel monolitico,veramente Linux è un kernel monolitico e nulla più
          il che gli farà perdere sempre più strada
          rispetto ai microkernel e ibridi (vedi NT),
          almeno per ciò che riguarda le nuove periferiche
          (a detta di molti esperti non dipendenti MS)per fortuna che hanno adottato questa strada, altrimenti che figuraccia facevano fare ai microkernel ;-)Se si paragonano prestazioni e affidabilità risulta che window$ praticamente non è mai in gara ... probabilmente Linus ha voluto con questa mossa del kernel monolitico dare un po' di vantaggio a chi, pur avendo scelto la strada migliore, non è in grado di concludere nulla di positivo ;-)
        • alex.tg scrive:
          Re: la condanna di una generazione
          Ehm... e il microkernel (per quanto una buonissima idea) sarebbe un'innovazione?Comunque su questo punto e` vero: l'idea che Torvalds ebbe per Minix di mettere un kernel monolitico che va ricompilato per aggiungere moduli, era una pessima mossa se... si fosse guardato davanti. Ma non sapeva cosa sarebbe diventata la sua idea. Per quel che gli serviva, il monolitico era probabilmente la scelta migliore per non complicare troppo le cose.
    • Anonimo scrive:
      Re: la condanna di una generazione
      - Scritto da: Anonimo
      voglio vederli questi ragazzi quando una volta
      affaciatisi sul mondo del lavoro verrà chiesto
      loro se sanno usare i prodotti ms. questi geni
      che hanno deciso questa cosa hanno condannato una
      generazione al fallimento lavorativo. io vorrei
      sapere come si fa a imporre alla gente di
      imparare un sistema operativo preistorico come
      linux quando il mondo si basa sul top della
      tecnologia che viene sfornato da ms che tanto lo
      sappiamo tutti che l' innovazione viene da ms e
      tutti gli altri gli vanno dietro.prima di tutto il sistema operativo usato si chiama GNU/Linux e poi non è affatto preistorico, è ciò di più innovativo c'è sul mercato dato che ogni sua parte è continuamente aggiornata/ampliata e quindi è molto recente.Chi impara ad usare un sistema GNU/Linux alla fine capisce cosa è un sistema operativo, capisce cosa ci stà dietro, come funziona ... non deve solo imparare a premere pulsanti colorati. Se poi vogliamo guardare agli stipendi ... chi sa usare un sistema GNU/Linux, ove richiesto, mediamente prende molto di più di uno che invece sa usare solo win-dows ... te lo posso assicurare.Infine tieni presente che fra un po' sarà in arrivo il TCPA e molte aziende inizieranno a cercare di evitarlo il più possibile ...
      • Anonimo scrive:
        Re: la condanna di una generazione

        prima di tutto il sistema operativo usato si
        chiama GNU/Linux e poi non è affatto preistorico,
        è ciò di più innovativo c'è sul mercato dato che
        ogni sua parte è continuamente
        aggiornata/ampliata e quindi è molto recente.se aggiorni una 500 sempre una cinquecento rimane. non evitare la mia domanda diretta sul kernel monolitico. abbia la decenza di ammettere che linux ha un o meglio IL difetto
        • Anonimo scrive:
          Re: la condanna di una generazione
          - Scritto da: Anonimo

          prima di tutto il sistema operativo usato si

          chiama GNU/Linux e poi non è affatto
          preistorico,

          è ciò di più innovativo c'è sul mercato dato che

          ogni sua parte è continuamente

          aggiornata/ampliata e quindi è molto recente.

          se aggiorni una 500 sempre una cinquecento
          rimane. non evitare la mia domanda diretta sul
          kernel monolitico. abbia la decenza di ammettere
          che linux ha un o meglio IL difettoveramente a me risulta che nt c'era prima di GNU/Linux e quindi se GNU/Linux è una cinquecento, allora winzozz è una carrozza a cavalli.In winzozz ci saranno di sicuro molte parti scritte prima che nascesse il kernel Linux e che ancora sono li a mettere in bella mostra i loro bug ;-)
        • Rex1997 scrive:
          Re: la condanna di una generazione
          - Scritto da: Anonimocut
          se aggiorni una 500 sempre una cinquecento
          rimane. non evitare la mia domanda diretta sul
          kernel monolitico. abbia la decenza di ammettere
          che linux ha un o meglio IL difetto
          Ma a quale era preistorica risale l'ultima volta volta che hai "guardato" GNU/Linux?
        • Mechano scrive:
          Re: la condanna di una generazione
          - Scritto da: Anonimo

          se aggiorni una 500 sempre una cinquecento
          rimane. non evitare la mia domanda diretta sul
          kernel monolitico. abbia la decenza di ammettere
          che linux ha un o meglio IL difettoQuesto sistema operativo difettoso ha dimostrato prestazioni superiori a qualsiasi windoze.Ha battuto in prestazioni di rete anche Solaris e BSD.Ha superato in velocità di qualsiasi applicazione di database e webserver, e applicazioni che necessitano di potenza di calcolo e dialogo con le periferiche anche Darwin e MacOSX.Ha le migliori prestazioni sui cluster, sui router, sui PDA, sulle schede PLC.Solo nel realtime ha ancora qualche problema rispetto a sistemi studiati appositamente per questo scopo, viene utilizzato comunque per alcune applicazioni RT.__Mr. Mechano==================================Modificato dall'autore il 10/09/2005 14.46.09
    • Anonimo scrive:
      la tua generazione di psicolesi

      top della tecnologia che viene sfornato da ms e con questo hai gia detto tuttoscambiare il peggior prodotto sul mercato con iltop ti qualifica come povero psicopatico
    • Anonimo scrive:
      la generazione di zombi è la tua
      vatti a fare un formattone che ti hannozombato la fetecchia, povero uomo
    • Anonimo scrive:
      Re: la condanna di una generazione
      - Scritto da: Anonimo
      voglio vederli questi ragazzi quando una volta
      affaciatisi sul mondo del lavoro verrà chiesto
      loro se sanno usare i prodotti ms. questi geni
      che hanno deciso questa cosa hanno condannato una
      generazione al fallimento lavorativo. io vorrei
      sapere come si fa a imporre alla gente di
      imparare un sistema operativo preistorico come
      linux quando il mondo si basa sul top della
      tecnologia che viene sfornato da ms che tanto lo
      sappiamo tutti che l' innovazione viene da ms e
      tutti gli altri gli vanno dietro.Cioè stai dicendo che Windows è così 'facile' da utilizzare che deve addirittura essere insegnato a scuola ? Stai dicendo che le ben note instabilità e insicurezza non sono neppure bilanciate dalla facilità d'uso ? E sarebbe questo il top della tecnologia ?
  • Anonimo scrive:
    La verità è...
    ...che l'hanno messo per evitare che gli studenti si mettano i videogames sui computer di sQuola (finché non scoprono WINE). Forse anche per i virus e il P2P (chi lavora nella PA lo sa) che sennò i tecnici devono stà sempre a reinstallà !BrUtE AiD
    • gian_d scrive:
      Re: La verità è...
      - Scritto da: Anonimo
      ...che l'hanno messo per evitare che gli studenti
      si mettano i videogames sui computer di sQuola
      (finché non scoprono WINE). Forse anche per i
      virus e il P2P (chi lavora nella PA lo sa) che
      sennò i tecnici devono stà sempre a reinstallà !

      BrUtE AiDe perché no? anche quelli sono buoni motivise poi nel frattempo gli studenti scoprono Wine e sanno installarlo e far girare l'emulazione allora si può dire che la sperimentazione è su un'ottima strada.Spiacente ma il tuo tentativo maldestro di denigrare la notizia in realtà è un commento positivo Ritenta, sarai più fortunato :D
    • francescor82 scrive:
      Re: La verità è...
      - Scritto da: Anonimo
      Forse anche per i
      virusSe (anche) questo non è un ottimo motivo...! :-D
    • Anonimo scrive:
      Re: La verità è...
      molti vanno anche in chat..quindi continueranno a cazzeggiare allegramente dalle aule di informatica- Scritto da: Anonimo
      ...che l'hanno messo per evitare che gli studenti
      si mettano i videogames sui computer di sQuola
      (finché non scoprono WINE). Forse anche per i
      virus e il P2P (chi lavora nella PA lo sa) che
      sennò i tecnici devono stà sempre a reinstallà !

      BrUtE AiD
    • bouncey2k scrive:
      Re: La verità è...
      - Scritto da: Anonimo
      ...che l'hanno messo per evitare che gli studenti
      si mettano i videogames sui computer di sQuola
      (finché non scoprono WINE). Forse anche per i
      virus e il P2P (chi lavora nella PA lo sa) che
      sennò i tecnici devono stà sempre a reinstallà !

      BrUtE AiDmi par di capire ke tu non sia mai stato seriamente a scuola... le unità didattiche sono fatte di ora, spesso 50 minuti.. uno dovrebbe portarsi i cd da casa, istallarli, e giocarci come se nulla fosse..... nemmeno un kamikaze lo farebbe.. per i virus è una buona ragione. Cmq gli altoatesini sono molto + intelligenti per dare ragioni così banali, difatti ne hanno fatto una questione filosofica a cui credo pienamente.
      • Anonimo scrive:
        Re: La verità è...
        L' ultimo anno di liceo ci avevano piazzato un pc in aula (forse avanzava da qualche laboratorio) : ci abbiamo messo Doom, e altre belle cosuccie e durante la ricreazione ci andavamo giù di tornei.... :D
  • Mechano scrive:
    Piccoli pinguini crescono
    Ottima idea!Iniziare dalle scuole per scongiurare il pericolo di formare futuri utilizzatori e consumatori di pseudo-tecnologie made in Redmond.Motivo per cui la scuola fa gola anche al dragasaccocce, dove si è visto aggirarsi regalando bustine di droga a base di licenze Win e Office per studenti e inseganti da iniziare alla futura dipendenza dai suoi sistemi...__Mr. Mechano
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Piccoli pinguini crescono
      - Scritto da: Mechano
      Ottima idea!

      Iniziare dalle scuole per scongiurare il pericolo
      di formare futuri utilizzatori e consumatori di
      pseudo-tecnologie made in Redmond.Sì, è una gran bella cosa! Spero che, in particolare, l'utilizzo di linux a scuola abbia successo non solo nelle scuole tecniche tipo scientifico o industriale, ma anche in quelle non tecniche e, soprattutto, nelle elementari e medie, è lì che avviene l' "imprinting" e le menti dei bambini sono più fresche e portate all'apprendimento. L'unica cosa che temo è che cominceranno a lamentarsi quando scopriranno che il "CD multimediale" trovato su l'Espresso e rigorosamente fatto in Flash, non gira su Linux...
      Motivo per cui la scuola fa gola anche al
      dragasaccocce, dove si è visto aggirarsi
      regalando bustine di droga a base di licenze Win
      e Office per studenti e inseganti da iniziare
      alla futura dipendenza dai suoi sistemi...Il dragasaccocce sa bene che la scuola è un punto strategico dove spacciare i suoi sistemi, per creare futuri dipendenti dalle sue tecnologie. Sembra, però, che i tempi stiano lentamente cambiando, speriamo che non sia solo un fuoco di paglia e che l'iniziativa abbia successo e si diffonda il più possibile, specialmente per il bene di questi giovani che avranno la possibilità di conoscere e, di conseguenza, scegliere il sistema che più preferiscono.In ogni caso penso che i ragazzi di Bolzano in futuro saranno molto avvantaggiati da questa iniziativa, in quanto saranno già pratici dei sistemi free e potranno spendere questa esperienza nel mondo del lavoro e, checche se ne dica, linux è sempre più richiesto nel mondo del lavoro.TAD
      • gian_d scrive:
        Re: Piccoli pinguini crescono
        - Scritto da: TADsince1995

        - Scritto da: Mechano

        Ottima idea!



        Iniziare dalle scuole per scongiurare il
        pericolo

        di formare futuri utilizzatori e consumatori di

        pseudo-tecnologie made in Redmond.

        Sì, è una gran bella cosa! Spero che, in
        particolare, l'utilizzo di linux a scuola abbia
        successo non solo nelle scuole tecniche tipo
        scientifico o industriale, ma anche in quelle non
        tecniche e, soprattutto, nelle elementari e
        medie, è lì che avviene l' "imprinting" e le
        menti dei bambini sono più fresche e portate
        all'apprendimento. L'unica cosa che temo è che
        cominceranno a lamentarsi quando scopriranno che
        il "CD multimediale" trovato su l'Espresso e
        rigorosamente fatto in Flash, non gira su
        Linux...mah... io penso che con un minimo d'informazione nelle scuole questi problemini si possano superare. Il CD distribuito è sicuramente una Live perciò potranno continuare a "beneficiare" del winsupporto alla flashchincaglieria. E' invece importante che possano rendersi conto che il baubau prospettato dalle wincassandre in realtà può convivere tranquillamente con wincoz
        Sembra, però, che i tempi stiano lentamente
        cambiando, sic... conosci il progetto M@rte? Quello che manderà l'utenza informatica sarda su Marte (non in senso positivo purtroppo...)Te lo riassumo:1) circa 600 aule multimediali in altrettante scuole della regione, ciascuna composta da 12 postazioni (10 studente, una docente, una stazione multimedia, in realtà configurazioni hardware del tutto uguali), 256 MB di RAM/2,5 GHz di CPU (che bombe!!!).2) su tutte le postazioni gira Windows XP Professional, software installato il solito: Acrobat Reader, Quicktime, Office XP (Edizione Standard, quella senza A' cess per intenderci), Internat esploder)3) divieto assoluto di modifica della configurazione intendendo anche l'installazione del software. Per capirci non puoi neppure installare Firefox o installare una patch di microsoft 4) accesso al setup di sistema con password, perciò non si può modificare la sequenza di boot che naturalmente è impostata sull'HD. Ergo, non ci fai girare neppure i live CD.5) Collegamento ad Intranet regionale con linee (secondo le scuole) ISDN o HDSL. Il collegamento attualmente è gratuito, ma fra due o tre anni l'onere delle attrezzature e servizi M@rte cade sulle scuole che dovranno pagare probabilmente il balzello ad una delle società che gestisce la connettività (indovinate quale...?). Non so se questo vale attualmente per l'uscita fuori dalla intranet attraverso il proxy della intranet (ogni volta che una scuola si deve connettere a internet dalla intranet regionale il referente tecnico deve contattare il servizio di supporto per ottenere il via libera, non so per quale motivo). In ogni caso questo è un aspetto che conosco pochissimo perciò ritiro ogni maldicenza malcelata :D6) Controllo totale di tutto il traffico e tutto materiale didattico AUTOPRODOTTO e pubblicato nella rete interna. Col casso che metto roba mia in quella rete... Magari non potrei neppure applicare la GNU/FDL. Che vadano a farsi F... continuo a usare la Rete, quella con la r maiuscolaOra spiegami che crescita informatica possono avere quelle migliaia di studenti e insegnanti che per anni saranno cresciuti a biberonate di XP, Internet Explorer, Word, PowerPoint, Excel?Per fortuna nella nostra rete, quella dei giusti, ci gira la slackware, altrimenti mi sarei sparato un colpo in testa
    • Anonimo scrive:
      Re: Piccoli pinguini crescono
      - Scritto da: Mechano
      Ottima idea!

      Iniziare dalle scuole per scongiurare il pericolo
      di formare futuri utilizzatori e consumatori di
      pseudo-tecnologie made in Redmond.

      Motivo per cui la scuola fa gola anche al
      dragasaccocce, dove si è visto aggirarsi
      regalando bustine di droga a base di licenze Win
      e Office per studenti e inseganti da iniziare
      alla futura dipendenza dai suoi sistemi...

      __
      Mr. Mechanocaro mechano come al solito spari delle gran sciocchezze. l' unico risultato che otterremo sarà quello di fare odiare i computer ai raggazzi. quella fetecchia di linux già risulta ostica per gli esperti figuriamoci per i bambini. comunque continua a vivere nel tuo bel mondo dove linux funziona a patto di eprderci delle giornate. ciaooo
      • gian_d scrive:
        Re: Piccoli pinguini crescono
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Mechano

        Ottima idea!



        Iniziare dalle scuole per scongiurare il
        pericolo

        di formare futuri utilizzatori e consumatori di

        pseudo-tecnologie made in Redmond.



        Motivo per cui la scuola fa gola anche al

        dragasaccocce, dove si è visto aggirarsi

        regalando bustine di droga a base di licenze Win

        e Office per studenti e inseganti da iniziare

        alla futura dipendenza dai suoi sistemi...



        __

        Mr. Mechano

        caro mechano come al solito spari delle gran
        sciocchezze. l' unico risultato che otterremo
        sarà quello di fare odiare i computer ai
        raggazzi. quella fetecchia di linux già risulta
        ostica per gli esperti figuriamoci per i bambini.
        comunque continua a vivere nel tuo bel mondo dove
        linux funziona a patto di eprderci delle
        giornate. ciaooosi certo come no?
        • Mechano scrive:
          Re: Piccoli pinguini crescono
          - Scritto da: gian_d

          linux funziona a patto di eprderci delle

          giornate. ciaooo

          si certo come no?Con Linux si diventa protagonisti dell'informatica. Perchè hai miriadi di linguaggi e documentazione e puoi capire come funziona il computer e i programmi grazie ai sorgenti. Con Windows si è solo dei clienti fruitori di tecnologie che restano chiuse e sconosciute a parte la sua interfaccia con l'utilizzatore...__Mr. Mechano
      • francescor82 scrive:
        Re: Piccoli pinguini crescono

        io il dos l' ho usato e devo dire che in qunato a
        complessità non era neanche parente di linux.
        linux è una ciofeca immonda che serve solo ad
        arricchire i consulenti. queste merde dicono che
        bill gates ti da la prima dose gratis e poi zac.
        loro fanno la stessa cosa: prima ti dicono che il
        tutto costa poco e poi quando ti hanno creato un'
        infrastruttura che solo loro sanno usare allora
        ti RICATTANO.Ma quale parte di Linux hai usato per rimanere così impressionato dalla sua difficoltà???
        • Anonimo scrive:
          Re: Piccoli pinguini crescono
          - Scritto da: francescor82

          io il dos l' ho usato e devo dire che in qunato
          a

          complessità non era neanche parente di linux.

          linux è una ciofeca immonda che serve solo ad

          arricchire i consulenti. queste merde dicono che

          bill gates ti da la prima dose gratis e poi zac.

          loro fanno la stessa cosa: prima ti dicono che
          il

          tutto costa poco e poi quando ti hanno creato
          un'

          infrastruttura che solo loro sanno usare allora

          ti RICATTANO.

          Ma quale parte di Linux hai usato per rimanere
          così impressionato dalla sua difficoltà???ho provato a installarlo :D:D:D:D:D:D:D
          • Anonimo scrive:
            Re: Piccoli pinguini crescono
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: francescor82


            io il dos l' ho usato e devo dire che in
            qunato

            a


            complessità non era neanche parente di linux.


            linux è una ciofeca immonda che serve solo ad


            arricchire i consulenti. queste merde dicono
            che


            bill gates ti da la prima dose gratis e poi
            zac.


            loro fanno la stessa cosa: prima ti dicono che

            il


            tutto costa poco e poi quando ti hanno creato

            un'


            infrastruttura che solo loro sanno usare
            allora


            ti RICATTANO.



            Ma quale parte di Linux hai usato per rimanere

            così impressionato dalla sua difficoltà???

            ho provato a installarlo :D:D:D:D:D:D:DE magari era la Mandriva :DNon è un problema del pinguino, pensaci :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Piccoli pinguini crescono


        io il dos l' ho usato e devo dire che in qunato a
        complessità non era neanche parente di linux.
        linux è una ciofeca immonda che serve solo ad
        arricchire i consulenti. queste merde dicono che
        bill gates ti da la prima dose gratis e poi zac.beh mi sembra un giudizio un tantino lapidario... ;) io sono un utente medio del pc e ho il doppio boot perchè penso che entrambi gli OS hanno i loro pregi a seconda di cosa devo fare in quel momento
        loro fanno la stessa cosa: prima ti dicono che il
        tutto costa poco e poi quando ti hanno creato un'
        infrastruttura che solo loro sanno usare allora
        ti RICATTANO.bisogna vedere a chi ti rivolgi...anche qui mi sembra che tu non perda il vizietto dell' estremismo integralista...dammi ascolto gli opposti alla fine si incontrano sempre...
        • Anonimo scrive:
          Re: Piccoli pinguini crescono
          - Scritto da: Anonimo



          io il dos l' ho usato e devo dire che in qunato
          a

          complessità non era neanche parente di linux.

          linux è una ciofeca immonda che serve solo ad

          arricchire i consulenti. queste merde dicono che

          bill gates ti da la prima dose gratis e poi zac.

          beh mi sembra un giudizio un tantino lapidario...
          ;)
          io sono un utente medio del pc e ho il doppio
          boot perchè penso che entrambi gli OS hanno i
          loro pregi a seconda di cosa devo fare in quel
          momento


          loro fanno la stessa cosa: prima ti dicono che
          il

          tutto costa poco e poi quando ti hanno creato
          un'

          infrastruttura che solo loro sanno usare allora

          ti RICATTANO.

          bisogna vedere a chi ti rivolgi...anche qui mi
          sembra che tu non perda il vizietto dell'
          estremismo integralista...dammi ascolto gli
          opposti alla fine si incontrano sempre...a tutti gli installatori linux che inculano la gente con la fuffa del software libero
          • Anonimo scrive:
            Re: Piccoli pinguini crescono
            E poi c'è gente che dice che sono i "linari" quelli che mandano insulti gratuiti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Piccoli pinguini crescono

      Non è un problema del pinguino, pensaci :Dinfatti io ho il problema di volere un sistema che funzioni senza farmi impazzire. ma sai io sono solo un coglione che deve lavorare per vivere e quindi non può passare le giornate a ricompilare il kernel
      • Anonimo scrive:
        Re: Piccoli pinguini crescono
        - Scritto da: Anonimo

        Non è un problema del pinguino, pensaci :D

        infatti io ho il problema di volere un sistema
        che funzioni senza farmi impazzire. ma sai io
        sono solo un coglione che deve lavorare per
        vivere e quindi non può passare le giornate a
        ricompilare il kernelSei solo un troll, e neanche tanto bravo.Ricompilare il kernel non serve, basta quello fornito dalla distribuzione, già compilato.
      • jojob scrive:
        Re: Piccoli pinguini crescono
        - Scritto da: Anonimo

        Non è un problema del pinguino, pensaci :D

        infatti io ho il problema di volere un sistema
        che funzioni senza farmi impazzire. ma sai io
        sono solo un coglione che deve lavorare per
        vivere e quindi non può passare le giornate a
        ricompilare il kernel.Non sei un coglione, sei solo male informato. I casi in cui sei obbligato a ricompilare il kernel sono eccezioni, non la norma. Dimmi piuttosto quanto tempo passi a fare la scansione del disco e la deframmentazione, queste si sono la norma in un sistema windows.
        • Anonimo scrive:
          Re: Piccoli pinguini crescono

          Non sei un coglione, sei solo male informato. I
          casi in cui sei obbligato a ricompilare il kernel
          sono eccezioni, non la norma. Dimmi piuttosto
          quanto tempo passi a fare la scansione del disco
          e la deframmentazione, queste si sono la norma in
          un sistema windows.non capisci una sega e lo dimostri. il tempo che passo a fare queste cose è quel minuto che ci metto a farle partire poi fa tutto il computer. non come con linux dove per fare anche la + piccola cosa devo perdere una giornata. se linux avesse bisogno del defrag sta sicura che non esisterebbe una utility apposita ma ti dovresti mettere a utilizzare un hex editor:D:D:D
          • francescor82 scrive:
            Re: Piccoli pinguini crescono

            il tempo che
            passo a fare queste cose è quel minuto che ci
            metto a farle partire poi fa tutto il computer.Sì ma quanto tempo ci mette, quanto tempo ti obbliga a non usare il disco?
            non come con linux dove per fare anche la +
            piccola cosa devo perdere una giornata. se linux
            avesse bisogno del defrag sta sicura che non
            esisterebbe una utility apposita ma ti dovresti
            mettere a utilizzare un hex editor:D:D:DFammi un esempio, forza. Fai un esempio, e vediamo se piuttosto è incapacità tua.
          • Anonimo scrive:
            Re: Piccoli pinguini crescono
            - Scritto da: francescor82

            il tempo che

            passo a fare queste cose è quel minuto che ci

            metto a farle partire poi fa tutto il computer.

            Sì ma quanto tempo ci mette, quanto tempo ti
            obbliga a non usare il disco?


            non come con linux dove per fare anche la +

            piccola cosa devo perdere una giornata. se linux

            avesse bisogno del defrag sta sicura che non

            esisterebbe una utility apposita ma ti dovresti

            mettere a utilizzare un hex editor:D:D:D

            Fammi un esempio, forza. Fai un esempio, e
            vediamo se piuttosto è incapacità tua.ti dirò con linux ci ho spippolato molto e con grande divertimento. tra le cose che ho fatto ho anche creato un server di posta, creatoi una rete mista win e unix, configurarto apache e altre cosette. l' unica cosa è che mi sono reso conto che per fare queste cose che ho fatto con windoes in pochi minuti in linux ho dovuto perdere giorni. ho potuto farlo percghè l' ho fatto poer divertimernto ma se avessi dovuto rispettare tempi stretti con cazzo che lo avrei fatto.
          • francescor82 scrive:
            Re: Piccoli pinguini crescono
            E per fare queste cose che programmi hai usato? Avevano un'interfaccia grafica che ti ha aiutato a configurarli più velocemente? Da cosa dipende il tempo minore, secondo te?
          • Anonimo scrive:
            Re: Piccoli pinguini crescono

            ti dirò con linux ci ho spippolato molto e con
            grande divertimento. tra le cose che ho fatto hoGia' quando dici "spippolato" parti col dire che hai fatto l'approccio del tipo "Vediamo un po' se clickoclicko e riesco a far qualcosa"...
            anche creato un server di posta, creatoi una rete
            mista win e unix, configurarto apache e altre
            cosette. l' unica cosa è che mi sono reso contoEditare httpd.conf, smb.conf, sendmail.confservice apache startservice smb startservice sendmail restarttotale: ca 20 minuti ad andare adagio, con una mano sola mentre mi mangio una brioche con ripieno di nutella con l'altra, lavorando col vi, senza i/f grafica.
            che per fare queste cose che ho fatto con windoes
            in pochi minuti in linux ho dovuto perdere
            giorni. ho potuto farlo percghè l' ho fatto poer
            divertimernto ma se avessi dovuto rispettare
            tempi stretti con cazzo che lo avrei fatto.Perdere giorni? RTFM cocco... ogni tanto fa bene sai?EB
          • Anonimo scrive:
            Re: Piccoli pinguini crescono

            Editare httpd.conf, smb.conf, sendmail.conf
            service apache start
            service smb start
            service sendmail restart
            totale: ca 20 minuti ad andare adagio, con una mano
            sola mentre mi mangio una brioche con ripieno di nutella
            con l'altra, lavorando col vi, senza i/f grafica.lo fai in 20 minuti se lo hai già fatto altre volte mentre su windows , gurada un po', anche se ne sai poco c'è un qualcosa, mi pare si chiami intefaccia EB:D, che ti aiuta.
            Perdere giorni? RTFM cocco... ogni tanto fa bene sai?fallo tu io volgio pagare e non perdere tempo
          • Anonimo scrive:
            Re: Piccoli pinguini crescono
            i piccoli pinguini di oggi saranno i TERRORISTI di domani. cresceranno con concetto che tutto è di tutti e inizieranno una nuova deriva comunista della società. chi utilizza linux incoraggia il terrorismo!!!
          • jojob scrive:
            Re: Piccoli pinguini crescono
            - Scritto da: Anonimo

            Non sei un coglione, sei solo male informato. I

            casi in cui sei obbligato a ricompilare il
            kernel

            sono eccezioni, non la norma. Dimmi piuttosto

            quanto tempo passi a fare la scansione del disco

            e la deframmentazione, queste si sono la norma
            in

            un sistema windows.

            non capisci una sega e lo dimostri. tu quelle le capisci benissimo e continui a fartele mentali.Io ti ho risposto senza offenderti ma evidentemente non lo meritavi.
            il tempo che
            passo a fare queste cose è quel minuto che ci
            metto a farle partire poi fa tutto il computer.si parlava di compilazione del kernel, ti comunico che e' un'operazione che fa la macchina, nel frattempo puoi fare le stesse cose che fai quando con windows defframenti o scansioni con l'antivirus.
            non come con linux dove per fare anche la +
            piccola cosa devo perdere una giornata. ma quando mai? io non sono un genio ma la giornata la perdo solo per cose non piccole.
            se linux
            avesse bisogno del defrag sta sicura che non
            esisterebbe una utility apposita ma ti dovresti
            mettere a utilizzare un hex editor:D:D:Dse ... ma non ne ha bisogno quindi le tue sono soltanto ipotesi basate sul nulla.Saluti
          • francescor82 scrive:
            Re: Piccoli pinguini crescono


            il tempo che

            passo a fare queste cose è quel minuto che ci

            metto a farle partire poi fa tutto il computer.

            si parlava di compilazione del kernel, ti
            comunico che e' un'operazione che fa la macchina,
            nel frattempo puoi fare le stesse cose che fai
            quando con windows defframenti o scansioni con
            l'antivirus.Sbagli, perchè se durante la deframmentazione del disco crei/modifichi altri file mandi tutto "a putonio" (citazione da un famoso film). Per gli antivirus non so, immagino dipenda da AV ad AV.
          • jojob scrive:
            Re: Piccoli pinguini crescono
            - Scritto da: francescor82


            il tempo che


            passo a fare queste cose è quel minuto che ci


            metto a farle partire poi fa tutto il
            computer.



            si parlava di compilazione del kernel, ti

            comunico che e' un'operazione che fa la
            macchina,

            nel frattempo puoi fare le stesse cose che fai

            quando con windows defframenti o scansioni con

            l'antivirus.

            Sbagli, perchè se durante la deframmentazione del
            disco crei/modifichi altri file mandi tutto "a
            putonio" (citazione da un famoso film). Per gli
            antivirus non so, immagino dipenda da AV ad AV.Si, lo so, hai ragione, sono stato superficiale nella risposta, intendevo dire che poteva andare a prendersi un caffe', fermo restando che mentre la macchina compila puo' continuare a lavorare. Non volevo scombussolargli troppo la vita :-)
          • Mechano scrive:
            Re: Piccoli pinguini crescono
            - Scritto da: Anonimo
            non capisci una sega e lo dimostri. il tempo che
            passo a fare queste cose è quel minuto che ci
            metto a farle partire poi fa tutto il computer.
            non come con linux dove per fare anche la +
            piccola cosa devo perdere una giornata. se linux
            avesse bisogno del defrag sta sicura che non
            esisterebbe una utility apposita ma ti dovresti
            mettere a utilizzare un hex editor:D:D:DDeframmentare il disco in winzozz significa non poter più usare il computer fino ad operazione ultimata. Qualsasi operazione di scrittura lo obbliga a ricominciare, se addirittura non crea dei gravi danni.Quindi lo lanci in un minuto, ma ti ci vorrà molto tempo dipendente dalla dimensione del disco e dalla quantità di dati che ci sono dentro, prima di poterlo riutilizzare.In Linux non solo non si frammenta il file system, ma la rarissima compilazione del kernel che fanno solo pochi utenti per motivi specifici, si può far fare in background mentre che si continua a lavorare col computer.Un sistema operativo che ha 35 anni (Unix) e uno che ne ha 13 (Linux) che hanno componenti più avanzati di uno che ne ha 5-6.__Mr. Mechano
          • Anonimo scrive:
            Re: Piccoli pinguini crescono
            - Scritto da: Mechano

            - Scritto da: Anonimo


            non capisci una sega e lo dimostri. il tempo che

            passo a fare queste cose è quel minuto che ci

            metto a farle partire poi fa tutto il computer.

            non come con linux dove per fare anche la +

            piccola cosa devo perdere una giornata. se linux

            avesse bisogno del defrag sta sicura che non

            esisterebbe una utility apposita ma ti dovresti

            mettere a utilizzare un hex editor:D:D:D

            Deframmentare il disco in winzozz significa non
            poter più usare il computer fino ad operazione
            ultimata. Qualsasi operazione di scrittura lo
            obbliga a ricominciare, se addirittura non crea
            dei gravi danni.Ciao Mechano. Quello che hai detto non è corretto: operazioni sul disco non obbligano a ricominciare dall'inizio (si in 95,98,Me; no in 2k, xp).Comunque durante la deframmentazione il computer diventa inutilizzabile, causa l'utilizzo intenso della cpu e della ram.
          • Anonimo scrive:
            Re: Piccoli pinguini crescono

            Comunque durante la deframmentazione il computer
            diventa inutilizzabile, causa l'utilizzo intenso
            della cpu e della ram.E del disco stesso, ovviamente
          • Rex1997 scrive:
            Re: Piccoli pinguini crescono
            - Scritto da: Anonimo
            Ciao Mechano. Quello che hai detto non è
            corretto: operazioni sul disco non obbligano a
            ricominciare dall'inizio (si in 95,98,Me; no in
            2k, xp).
            Invece confermo che su finestre Xp se hai il defrag in funzione e tocchi per un qualsiasi motivo un file rincomincia da capo....:(In pratica occorre che sia in funzione solo il defrag, altrimenti funziona come sulle versioni precedenti.Idem c.s. per finestre 2kLo posso testimoniare perché in ufficio c'e il 2k e a casa devo ancora usare finestre Xp per alcune cose che manutengo sui pc dell'ufficio.
            Comunque durante la deframmentazione il computer
            diventa inutilizzabile, causa l'utilizzo intenso
            della cpu e della ram.Questo è vero.==================================Modificato dall'autore il 10/09/2005 22.38.50
    • Anonimo scrive:
      Re: Ed i vecchi cercano di fare i soldi
      sei un gran furbone mechano, sai che di linux, specie lo sviluppo, non ci capisce niente nessuno. Portare velocemente il mondo linux può farti guadagnare tanti bei soldi. I costi di qualsiasi cosa che funziona "a linux" sono più alti, c'è meno concorrenza e quindi tanti soldini in più per te. Al contrario, dato che ormai ho capito che fai cose che qualsiasi azienda che usa windows può benissimo fare meglio e a prezzi più concorrenziali, avresti non pochi problemi. L'unica cosa che può stupire del tuo lavoro è che lo fai con linux. Se lavorassi con windows saresti un pinco pallino qualunque ed è questo che vuoi evitare non è vero?Poi ormai la tua professionalità è stata dimostrata dai tuoi termini dragasaccocce e winzozz o come hai risposto a quel tizio in cerca di lavoro. Ho letto che fate consulenza, quando spieghi usi anche li i termini winzozz e dragasaccocce? Mi sa che passi per un bel comunistone (capirai, in sicilia).Noto anche una cosa: hai tolto la foto con te in motocicletta da quando ti ho criticato, segno che quella volta ho colpito pesante
      • Anonimo scrive:
        Re: Ed i vecchi cercano di fare i soldi
        bravo cantagliele a quel dragasaccocce di mechano. vorrei sapere i soldi che drena dai portafogli della gente dopo che gli ha portato l' infrastruttura su linux.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ed i vecchi cercano di fare i soldi
          davvero, bella idea,mi dai le tariffe della tua azienda.Facciamo un esempio scemo:ho una supermercato con magazzino, uffici ordini e cose simili. Mi serve qualcosa che mi gestisca gli ordini e le scorte in magazzino. Una cosa abbastanza banale. Quanto mi costa e quanto mi costa una manutenzione (tipo mi si rompe un pc e devo risistemarlo).Dammi il tariffario
      • Mechano scrive:
        Re: Ed i vecchi cercano di fare i soldi
        - Scritto da: Anonimo
        nessuno. Portare velocemente il mondo linux può
        farti guadagnare tanti bei soldi. I costi diGuadgnare solo io?Ma la documentazione di qualsiasi componente e servizio di Linux è lì disponibile su Internet libera e gratuita. Anche tu la puoi scaricare, la studi e diventi un esperto che ci può guadgnare.Quindi perchè te la prendi con me che non ho fatto nulla di verso che stare su Internet a studiare?
        L'unica cosa che può stupire del tuo lavoro è che
        lo fai con linux.
        Se lavorassi con windows saresti un pinco pallino
        qualunque ed è questo che vuoi evitare non è
        vero?Ma quando progetto qualche software da sviluppare in PHP/MySQL/Apache, questo può girare benissimo anche in winzozz. Non vedo problema ci sia... Io al cliente sconsiglio sempre winzozz, e il più delle volte riesco a mettergli Linux.Il prezzo non è più alto, è identico. Ma con la differenza che Linux una volta installato non lo tocchi più e non è vulnerabile a virus e porcate (specie se sta su una intranet). Quindi alla fine ci ho guadagnato meno che con winpuzz perchè poi non ho manutenzione continua che potrei farmi pagare.In realtà poi mi prendo un contratto di assistenza che è piuttosto simile, solo un pizzico più basso di quello di Winzozz, ma in fondo è un guadagno lievemente maggiore perchè non avendo problemi il server, mi lascia una liquidità annuale maggiore in tasca.Beh si in parte è vero che con Linux ci si guadagna qualcosa in più, ma solo per le sue qualitò intrinseche superiori. E tieni conto che io Linux non lo faccio mai pagare. Quindi c'è un contratto di assistenza simile a Winzozz ma senza il costo delle licenze di Winzozz. E un Linux che ha meno manutenzione e che quindi in definitva è costato meno al cliente ed ha fatto gudagnare qualcosa in più a me, che non devo preoccuparmi della manutenzione.
        Poi ormai la tua professionalità è stata
        dimostrata dai tuoi termini dragasaccocce e
        winzozz o come hai risposto a quel tizio in cerca
        di lavoro. Mi pare di avere spiegato più volte che le storpiature e i nomignoli servono per evitare ripercussioni e guai legali quando dico apertamente che Micro$oft ricatta i produttori di hardware, fa azioni illegali e viola la legge in vari stati.E' vero, è stata condannata, ma sai com'è in Italia ormai tira un'aria di merda dove non è più chi ha ragione o dice la verità ad avere la meglio o semplice libertà di parola...
        Ho letto che fate consulenza, quando spieghi usi
        anche li i termini winzozz e dragasaccocce? Mi sa
        che passi per un bel comunistone (capirai, in
        sicilia).Se con i clienti c'è un rapporto di collaborazione vecchio e solido e si è anche un pò amici, perchè no?
        Noto anche una cosa: hai tolto la foto con te in
        motocicletta da quando ti ho criticato, segno che
        quella volta ho colpito pesanteLa foto l'ha tolta P.I. in un ultima manutenzione e aggiornamento del sito e dei profili. Ma se mi da il tuo indirizzo anche in privato nella messaggistica interna di P.I. te ne mando quante ne vuoi, anche con la parrucca e i calzoni alla zuava... :-)__Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    adesso vediamo quando ritornanto su Win
    come accade in tutte le installazione di Linux su desktop...lo si prova e poi lo si butta via...
    • bouncey2k scrive:
      te quando torni sulla terra?
      - Scritto da: Anonimo
      come accade in tutte le installazione di Linux su
      desktop...lo si prova e poi lo si butta via...te hai già fatto la stessa cosa col tuo cervello.. Sono mesi che ho linux.. l'unica cosa che ho buttato via è stato il cd di winzoz.. aveva preso la muffa.'notte
    • Mechano scrive:
      Re: adesso vediamo quando ritornanto su
      - Scritto da: Anonimo
      come accade in tutte le installazione di Linux su
      desktop...lo si prova e poi lo si butta via...Non mi pare di aver mai visto migrazioni massicce di Linux tornare a winzozz.Ho visto piccoli server, aziendine che sono state un pò beffate da qualche consulente che li ha fatti migrare e poi li ha lasciati nei guai o che lo ha fatto in malafede per poi diventare monopolista esoso per l'assistenza.Ma mai da installazioni così vaste.Se si adotta Linux lo si fa dopo aver ponderato con attenta analisi la decisione.__Mr. Mechano
      • Anonimo scrive:
        Re: adesso vediamo quando ritornanto su
        - Scritto da: Mechano

        - Scritto da: Anonimo

        come accade in tutte le installazione di Linux
        su

        desktop...lo si prova e poi lo si butta via...

        Non mi pare di aver mai visto migrazioni massicce
        di Linux tornare a winzozz.
        Ho visto piccoli server, aziendine cutpurtroppo (o per fortuna) il mondo della scuola è totalmente diverso da quello aziendale.Sò per eperienza che dopo l'impulso iniziale queste esperienze si esauriscono negli anni proprio per la mancanza di un supporto interno agli istituti.Cioè tra il personale della struttura scolastica non si trova nessuno che vuole (o può) occuparsi dello sviluppo.
        Se si adotta Linux lo si fa dopo aver ponderato
        con attenta analisi la decisione.D'accordissimo su questo.Ma dubito molto che gli insegnanti degli istituti sappiano fare queste valutazioni.Mentre, chi le sà fare, non conosce le realtà scolastiche.Parlando in soldoni:Un sistemista, win o linux, poco importa guadagna circa 50 euro (+iva) l'ora viene quando vuole e se si stufa manda a quel paese la dirigenza scolastica e tutto il consiglio di istituto.Un insegnate guadagna 1500 euro (lorde) ogni anno per la funzione aggiuntiva INDIPENDENTEMENTE dalle ore fatte e deve continualmente (visto che ci lavora) rendere conto di quello che fa...secondo voi può andare avanti un sistema del genere?
        • gian_d scrive:
          Re: adesso vediamo quando ritornanto su
          - Scritto da: Anonimo
          fa...secondo voi può andare avanti un sistema del
          genere?CLAP CLAP CLAPDevo fare un solo appunto: come ben sai le funzioni aggiuntive (in realtà si chiamano "funzioni strumentali all'offerta formativa") non sono poi così tante e purtroppo nella scuola ci sono parecchi sysadmin amatoriali che lo fanno senza godere neppure di quei 1500 lordi all'anno.Insomma, nella maggior parte dei casi il "riconoscimento incentivante" consiste in una manciata di ore aggiuntive pagate con il fondo d'istituto fruttando la cifra stratosferica di 2-300 euro all'anno.
      • Anonimo scrive:
        Re: adesso vediamo quando ritornanto su
        - Scritto da: Mechano

        - Scritto da: Anonimo

        come accade in tutte le installazione di Linux
        su

        desktop...lo si prova e poi lo si butta via...

        Non mi pare di aver mai visto migrazioni massicce
        di Linux tornare a winzozz.
        Ho visto piccoli server, aziendine che sono state
        un pò beffate da qualche consulente che li ha
        fatti migrare e poi li ha lasciati nei guai o che
        lo ha fatto in malafede per poi diventare
        monopolista esoso per l'assistenza.
        Ma mai da installazioni così vaste.

        Se si adotta Linux lo si fa dopo aver ponderato
        con attenta analisi la decisione.

        __
        Mr. MechanoE non solo, se si adotta Linux, è perché proprio non se ne può più di Windows. Se un'azienda decide di migrare, sa i costi che dovrà sostenere, sia per la transizione delle macchine, si aper la preparazione dei propri impiegati.Eppure sono costi che molte aziende sono ben volentieri di affrontare, poiché Windows è arrivato proprio al limite della schifezza.
    • bandg4p scrive:
      Re: adesso vediamo quando ritornanto su
      Guarda che non ci devono cazzeggiare su quei pc . Per scrivere relazioni/tesine basta openoffice o una suite simile, e su win non ci tornano più. Argomento diverso sarebbe se dovessero usare strumenti CAD, ma non credo che sia il loro caso.
    • Anonimo scrive:
      Re: adesso vediamo quando ritornanto su
      - Scritto da: Anonimo
      come accade in tutte le installazione di Linux su
      desktop...lo si prova e poi lo si butta via...te non conti essenzialmente le implicazioni POSITIVE, essenzialmente quelle ECONOMICHE:se una scuola usa PC con Windows son fior di soldoni,s enza considerare le licenze di Office ecc ecc altrimenti sò ca....i amari!prendi Linux con KDE e OpenOffice, usi il tema Noia 1.0 ed ecco un sistema operativo gratuito e divertente che fa risparmiare miliardi alle scuole sempre in penuria monetaria..
      • Anonimo scrive:
        Re: adesso vediamo quando ritornanto su
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        come accade in tutte le installazione di Linux
        su

        desktop...lo si prova e poi lo si butta via...

        te non conti essenzialmente le implicazioni
        POSITIVE, essenzialmente quelle ECONOMICHE:
        se una scuola usa PC con Windows son fior di
        soldoni,s enza considerare le licenze di Office
        ecc ecc altrimenti sò ca....i amari!
        prendi Linux con KDE e OpenOffice, usi il tema
        Noia 1.0 ed ecco un sistema operativo gratuito e
        divertente che fa risparmiare miliardi alle
        scuole sempre in penuria monetaria..questo discorso sarebbe valido se gli acquisti fossero fatti da zero...ma in queste scuole sono state sostituite regolari licenze win con linux... che fine faranno queste licenze? a parer mio diversi soldi buttati via... e credimi, non hanno solo win98, ma anche 2k e xp... quindi anche licenze e pc recenti...avrebbero dovuto adottare il dual boot per uno o due anni e poi la migrazione....al fine di preparare gli insegnanti e soprattutto tutti quei tecnici di laborat di info ignoranti o incompetenti
        • Anonimo scrive:
          Re: adesso vediamo quando ritornanto su
          - Scritto da: Anonimo

          questo discorso sarebbe valido se gli acquisti
          fossero fatti da zero...
          ma in queste scuole sono state sostituite
          regolari licenze win con linux... che fine
          faranno queste licenze? a parer mio diversi soldi
          buttati via... e credimi, non hanno solo win98,
          ma anche 2k e xp... quindi anche licenze e pc
          recenti...Le licenze educational per le scuole non sono come quelle aziendali. Costano meno e possono anche scadere.
      • Anonimo scrive:
        Re: adesso vediamo quando ritornanto su
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        come accade in tutte le installazione di Linux
        su

        desktop...lo si prova e poi lo si butta via...

        te non conti essenzialmente le implicazioni
        POSITIVE, essenzialmente quelle ECONOMICHE:
        se una scuola usa PC con Windows son fior di
        soldoni,s enza considerare le licenze di Office
        ecc ecc altrimenti sò ca....i amari!
        prendi Linux con KDE e OpenOffice, usi il tema
        Noia 1.0 ed ecco un sistema operativo gratuito e
        divertente che fa risparmiare miliardi alle
        scuole sempre in penuria monetaria..Oddio, è vero quel che dici, ma non sempre si applica.Nel mio caso, quando studiavo disegno industriale all'Università (fino a quattro anni fa), avevamo una quarantina di PC (per il CAD) con tanto di Windows 2000 e vari programmi come AutoCad, Photoshop, 3D Studio Max, Rhinocerox e Office per le tesine.Ebbene, di Windows effettivamente c'era un CD originale per ogni postazione, ma degli altri programmi c'era un solo CD, E NON TUTTI ORIGINALI!Solo 3D Studio Max era originale, gli altri erano tutti copiati e installati con disinvoltura dall'amministratore di sistema.Alla faccia delle licenze!E ti parlo di un'Università. Figuriamoci le scuole.
    • Anonimo scrive:
      Re: adesso vediamo quando ritornanto su
      - Scritto da: Anonimo
      come accade in tutte le installazione di Linux su
      desktop...lo si prova e poi lo si butta via...LINUX non è tua sorella USA & GETTA.
  • Anonimo scrive:
    Ma siamo sicuri che i tirolesi...
    ...siano Italiani ? Sono troppo intelligenti questi... Oggi poi in TV è risultato che gli studenti di matematica sempre del Trentino sono tra i i migliori del mondo e se purtroppo sono tra gli ultimi è solo perchè fanno media con il resto d'Italia risultando così al livello della Turchia...:'(:'(
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma siamo sicuri che i tirolesi...
      - Scritto da: Anonimo
      ...siano Italiani ? Sono troppo intelligenti
      questi... Oggi poi in TV è risultato che gli
      studenti di matematica sempre del Trentino sono
      tra i i migliori del mondo e se purtroppo sono
      tra gli ultimi è solo perchè fanno media con il
      resto d'Italia risultando così al livello della
      Turchia...:'(:'(Ringraziamo i '68ttini con i loro 18 politici che hanno creato generazioni di ignoranti che non hanno nulla da insegnare e crescono dei somari. E che dicono che se l'alunno è un somaro è colpa del prof e quindi il prof che boccia va nelle beghe.Qui bisogna mettersi in testa che se non si può più bocciare non si crea un futuro!Per nessuno.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma siamo sicuri che i tirolesi...

        Per nessuno.in primo luogo per steve ballmerabbiamo bisogno di crescere
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma siamo sicuri che i tirolesi...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ...siano Italiani ? Sono troppo intelligenti

        questi... Oggi poi in TV è risultato che gli

        studenti di matematica sempre del Trentino sono

        tra i i migliori del mondo e se purtroppo sono

        tra gli ultimi è solo perchè fanno media con il

        resto d'Italia risultando così al livello della

        Turchia...:'(:'(

        Ringraziamo i '68ttini con i loro 18 politici che
        hanno creato generazioni di ignoranti che non
        hanno nulla da insegnare e crescono dei somari. E
        che dicono che se l'alunno è un somaro è colpa
        del prof e quindi il prof che boccia va nelle
        beghe.
        Qui bisogna mettersi in testa che se non si può
        più bocciare non si crea un futuro!
        Per nessuno.Certo!!! Può capitare che se uno studente è un somaro sia colpa dell'insegnante, perché ce ne sono certi che non stanno lì a perdere tempo a spiegarti per esigenze di programma: per loro basta che abbia capito il 98% degli alunni di una classe e gli altri possono attaccarsi.....Poi c'è anche la categoria di quelli che invece sono talmente str.... che la loro materia te la fanno odiare e così ti stanno sulle p@lle tutti e 2!!!! :@ :@ :@
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma siamo sicuri che i tirolesi...
        Tutta gente uscita da scuola l'altro ieri vero ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma siamo sicuri che i tirolesi...
          - Scritto da: Anonimo
          Tutta gente uscita da scuola l'altro ieri vero ?Cosa c'entra??? Hanno fatto grande questo posto, mentre invece voi amate fare solo progammi annaqquati....Vai in biblioteca va, e studia la storia del nostro paese con i suoi grandi vate ( sempre se sai cosa vuol dire vater ???).
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma siamo sicuri che i tirolesi...
            Infatti tutti questi grandi nomi che ora sono passati a miglior vita si stanno rigirando nella tomba al pensiero che i loro discendenti gli rendano così poco onore
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma siamo sicuri che i tirolesi...
            - Scritto da: Anonimo
            Infatti tutti questi grandi nomi che ora sono
            passati a miglior vita si stanno rigirando nella
            tomba al pensiero che i loro discendenti gli
            rendano così poco onoreForse non ti sei accorto che ha messo anche Cossiga,Pomicino e la Bindi!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma siamo sicuri che i tirolesi...
            Infatti che centrano questi tre con gli altri veri geni ? :|
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma siamo sicuri che i tirolesi...
        Cossiga? Pomicino?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma siamo sicuri che i tirolesi...
          Dante, Galileo, Cesare, Leonardo Da Vinci, Raffaello, Michelangelo, Donatello, Augusto, Machiavelli... non erano "italiani" perché non esisteva una Nazione denominata "Italia" all'epoca della loro nascita. Se proprio vogliamo usare definizioni geografiche prima che geopolitiche, la maggior parte di costoro erano toscani... e non è un caso. :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma siamo sicuri che i tirolesi...
            - Scritto da: Anonimo
            Dante, Galileo, Cesare, Leonardo Da Vinci,
            Raffaello, Michelangelo, Donatello, Augusto,
            Machiavelli... non erano "italiani" perché non
            esisteva una Nazione denominata "Italia"
            all'epoca della loro nascita. Se proprio vogliamo
            usare definizioni geografiche prima che
            geopolitiche, la maggior parte di costoro erano
            toscani... e non è un caso. :DGrande W IL GRANDUCATO , w GLI ETRUSCHI ,(P.s. i Pisani però sono alieni che hanno colonizzato una parte della Toscana imbastardendola di brutto)cmq grandi figure storiche non del granducato le abbiamo :Toto riina e amici , (grande inventore della finanza al piombo) De Mita illuminato Banchiere (ha scambiato il governo per la sua banca , un po' come succede a mediolanum)e tanti tantissimi altri illustrissimi figuri che hanno datofama alla ns. patria negli ultimio 50anni.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma siamo sicuri che i tirolesi...
            - Scritto da: Anonimo
            (P.s. i Pisani però sono alieni che hanno
            colonizzato una parte della Toscana
            imbastardendola di brutto)E livornesi sono un popolo di scimmie arrivate per mare che hanno colonizzato la località costiera dove sorge la città omonima.
  • Anonimo scrive:
    Io credo che...
    ...sia una buona cosa.Credo perché con Linux gli alunni possono capire cos'è e come funziona un computer.Mi spiego.1988, alle superiori che frequentavo, ci facevano lezioni di informatica con (adesso) vecchi Olivetti 386 (non ricordo bene il modello) dove girava DOS 3.2.Cosa facevamo di bello? Programmazione in Basic e Pascal, con i quali dovevamo creare degli algoritmi capaci di risolvere problemi di matematica. I nostri libri spiegavano la semantica operativa dei linguaggi e la logica da adottare nella stesura di un programma.Per fare tutto ciò era necessario capire come lavora un computer, ecc, ecc.2005, mia cugina di 14 anni e la figlia di 12 anni della mia compagna, una in 3° e l'altra in 1° media, hanno (avevano) le loro lezioni di informatica nelle rispettive scuole.Cosa fanno di bello? Scrivere lettere con Word, raccontando con piccoli temi le loro esperienze quotidiane. Difatti i loro libri di informatica parlano un po' dei disketti, di cos'è il CD-Rom, di come avviare Windows (come se fosse l'unico sistema operativo al mondo), e di Word, Excel, Access, PowerPoint e Outlook.Con questo confronto, vorrei dirvi come, anche se siamo avanti di 17 anni, il PC nei ragazzi sia diventato qualcosa di così noioso e poco invogliante da portarli soltanto a giocarci e scaricare da Internet.Cosa possono imparare i ragazzi di oggi? E non solo, chissà la qualità culturale degli insegnanti che seguono certi corsi. E poi, se mettiamo che le migliaia di PC acquistate dalle scuole (a chissà quali prezzi, con chissà quali appalti) che poi paghiamo noi, servono solo a consumare corrente elettrica...Grazie alla Moratti, comunque.Ah, dimenticavo, io ho fatto le superiori in Venezuela, paese considerato del terzo mondo e molto arretrato rispetto l'Italia. Eppure già 17 anni fa...
    • Anonimo scrive:
      Re: Io credo che...

      Ah, dimenticavo, io ho fatto le superiori in
      Venezuela, paese considerato del terzo mondo e
      molto arretrato rispetto l'Italia. Eppure già 17
      anni fa...Io non ti capisco, perchè ci hai abbandonato??? Perchè hai abbandonato il tuo paese?? Ci hai lasciati mentre tutto stava decadendo e la corruzione dilagava.Vergognati!
    • Anonimo scrive:
      Re: Io credo che...
      - Scritto da: Anonimo

      Grazie alla Moratti, comunque.La quale ha preso la riforma Berlinguer, ha cambiato 2 cose 2 (la suddivisione degli anni), le ha dato il suo nome e l'ha mandata in parlamento. Sono identici persino gli stanziamenti.E questo i sinistri non lo sanno. Sono andati in piazza a dimostrare contro la Moratti quando era la stessa riforma Berlinguer che, secondo loro, era un gioiello, cioè senza sapere che erano all'incirca la stessa cosa. Come con la riforma Dini: fatta dalle destre, tutti in piazza; fatta identica dalle sinistre, gran riforma.Siete proprio un gregge di pecoroni, il gregge umano di cui parla Nietsche al confronto è una comunità di genii.Vai, va', tenetevi il vostro cretino che dice che nessuno è stato in Cina o in India; o che i danni causati dalle catastrofi naturali sono da imputare alla mancanza di stato sociale. Neanche la minima intelligenza di tacere...
      • Anonimo scrive:
        Re: Io credo che...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo



        Grazie alla Moratti, comunque.

        La quale ha preso la riforma Berlinguer, ha
        cambiato 2 cose 2 (la suddivisione degli anni),
        le ha dato il suo nome e l'ha mandata in
        parlamento. Sono identici persino gli
        stanziamenti.

        E questo i sinistri non lo sanno. Sono andati in
        piazza a dimostrare contro la Moratti quando era
        la stessa riforma Berlinguer che, secondo loro,
        era un gioiello, cioè senza sapere che erano
        all'incirca la stessa cosa. Come con la riforma
        Dini: fatta dalle destre, tutti in piazza; fatta
        identica dalle sinistre, gran riforma.
        Siete proprio un gregge di pecoroni, il gregge
        umano di cui parla Nietsche al confronto è una
        comunità di genii.
        Vai, va', tenetevi il vostro cretino che dice che
        nessuno è stato in Cina o in India; o che i danni
        causati dalle catastrofi naturali sono da
        imputare alla mancanza di stato sociale. Neanche
        la minima intelligenza di tacere...Dipende....Ci sono tante sinistre, ma voi di destra non sapete manco fare le distinzioni...Solo i comunisti esistono per voi...che tristezza...
        • Anonimo scrive:
          Re: Io credo che...
          hei, ma di due non ne fate uno, lasciamo pure rivoltare Nietsche nella tomba, ma dire che destra e sinistra sono uguali ( come se fosse vero a priori per dimostrare cose a posteriori " ... " ) e' proprio da deficienti ( etimologicamente parlando: http://www.etimo.it/ ) , ma chi sei gasparri per scrivere tali fesserie?

          umano di cui parla Nietsche al confronto è una

          comunità di genii.

          Vai, va', tenetevi il vostro cretino che dice
          che

          nessuno è stato in Cina o in India; o che i
          danni

          causati dalle catastrofi naturali sono da

          imputare alla mancanza di stato sociale. Neanche

          la minima intelligenza di tacere...

          Dipende....Ci sono tante sinistre, ma voi di
          destra non sapete manco fare le
          distinzioni...Solo i comunisti esistono per
          voi...che tristezza...
          • Anonimo scrive:
            Re: Io credo che...

            Nietsche nella tomba,non mettiamo neppure in dubbio che Nietszschepossa neppure lontanamente avere un qualsiasisussulto per le boiate di ceffi del genere, poi andiamo avanti
    • Gusbertone scrive:
      Re: Io credo che...
      è veramente pazzesco lo so, ma è sempre più bello vedere questo paese sprofondare nella ignoranza, basta vedere quello che è diventata una istituzione come il Politecnico di Milano per capire dove stiamo andando...
    • Anonimo scrive:
      Re: Io credo che...

      Credo perché con Linux gli alunni possono capire
      cos'è e come funziona un computer.

      Mi spiego.

      1988, alle superiori che frequentavo, ci facevano
      lezioni di informatica con (adesso) vecchi
      Olivetti 386 (non ricordo bene il modello) dove
      girava DOS 3.2.

      Cosa facevamo di bello? Programmazione in Basic e
      Pascal, con i quali dovevamo creare degli
      algoritmi capaci di risolvere problemi di
      matematica. I nostri libri spiegavano la
      semantica operativa dei linguaggi e la logica da
      adottare nella stesura di un programma.Caspita! Sapevo che dovevo nascere Venezuelano!!La semantica operativa dei linguaggi di programmazione l'ho capita dopo laureato! Magari erano lezioni condite anche con disquisizioni sulla teoria della computabilità, su P e NP etc etc... A seguirle avrei certo risparmiato un sacco di tempo...Ed immagino che risolvere sistemi lineari, ricerca degli zeri di funzione e dell'integrazione numerica sia la strada più semplice per capire come funziona un pc. Ma non diciamo cavolate! Ogni giorno in università vedo orde di studenti di scienze giuridiche alle prese con la programmazione C, con il compl. a 2 e con la macchina di Von Neumann: e credete che questo li aiuterà a scrivere lettere o a impostar ei margini della tesi in word?? Come siete illusi...
      • Anonimo scrive:
        Re: Io credo che...
        Penso che il problema sia diverso. Tralasciando il fatto che non si impara a spostare un margine scrivendo piccoli programmi, quello che è certo è che si capisce, lavorando in questo modo, che il computer non è "Word, Excel e Powerpoint", ma una macchina in grado di eseguire delle operazioni. Questa mentalità permette poi alle persone di comprendere meglio tante altre cose; dai problemi di sicurezza al fatto che per certi lavori è meglio usare LaTeX piuttosto che Word, mentre per certi altri va bene anche il Notepad. Io purtroppo vedo persone che sanno "spostare i margini" ma quando devono fare dei calcoli, aprono una tabella in word vi scrivono i numeri e poi fanno i calcoli con la calcolatrice. Altre che se trovano un XP con impostato il tema "classic" vanno in panico perchè non è come il loro a casa ("XP"). Madder
    • Anonimo scrive:
      Re: Io credo che...
      - Scritto da: Anonimo
      E poi, se
      mettiamo che le migliaia di PC acquistate dalle
      scuole (a chissà quali prezzi, con chissà quali
      appaltiSai, qui non siamo in Venezuela. Gli appalti della PA sono pubblici e trasparenti... chiunque può verificare tutte le varie carte e cartacce, anche a distanza di anni.
      Grazie alla Moratti, comunque.Ringrazia la Moratti se nelle scuole ci sono i PC: qualche anno fa non se ne parlava neppure... sai, mentre tu eri in Venezuela, in questo paese per quasi 40 anni la scuola pubblica è stata totalmente abbandonata in mano ai sindacati di sinistra ed alla Egemonia Culturale delle sinistre umanistiche, scientificamente e tecnologicamente analfabete nonché orgogliosamente sessantottarde, con la complice connivenza di una DC che se ne è sempre strafregata del problema istruzione, potendo contare per i propri rampolli su un ramificato sistema parallelo di "scuole dei preti" di ogni ordine e grado, fino al post-lauream.
      • bouncey2k scrive:
        Re: Io credo che...
        - Scritto da: Anonimo
        Ringrazia la Moratti se nelle scuole ci sono i
        PC: qualche anno fa non se ne parlava neppure...
        sai, mentre tu eri in Venezuela, in questo paese
        per quasi 40 anni la scuola pubblica è stata
        totalmente abbandonata in mano ai sindacati di
        sinistra ed alla Egemonia Culturale delle
        sinistre umanistiche, scientificamente e
        tecnologicamente analfabete nonché
        orgogliosamente sessantottarde, con la complice
        connivenza di una DC che se ne è sempre
        strafregata del problema istruzione, potendo
        contare per i propri rampolli su un ramificato
        sistema parallelo di "scuole dei preti" di ogni
        ordine e grado, fino al post-lauream.Ringrazia la moratti se i ragazzi di 13 anni devono decidere cosa fare della loro vita dopo le medie.
        • Anonimo scrive:
          Re: Io credo che...

          se i ragazzi di 13 anni devono deciderebeati loro che vivono nel mondo dei sogni !in germania il percorso scolastico si decide a 10 anni.o sei fuori o sei dentroamen
          • teddybear scrive:
            Re: Io credo che...
            - Scritto da: Anonimo
            in germania il percorso scolastico si decide a 10
            anni.
            o sei fuori o sei dentroTi prego, non dire boiate.In Germania, ***l'orientamento*** del percorso scolastico lo si decide a 10 anni. Non il percorso.E comunque, qualsiasi orientamento prendi, la cultura generale che ti viene fornita, è sufficientemente ampia per poter cambiare da un momento all'altro senza dover perdere più di un anno (entro certi limiti, ovviamente).Bisogna anche dire che in Germania, non si studiano, ad esempio, in storia per tre volte le stesse identiche cose, idem per geografia, per scienze ecc.Però hanno anche molte più materie, che vengono gestite in modo alquanto differente.
        • matcion scrive:
          Re: Io credo che...
          - Scritto da: bouncey2k

          - Scritto da: Anonimo


          Ringrazia la Moratti se nelle scuole ci sono i

          PC: qualche anno fa non se ne parlava neppure...

          sai, mentre tu eri in Venezuela, in questo paese

          per quasi 40 anni la scuola pubblica è stata

          totalmente abbandonata in mano ai sindacati di

          sinistra ed alla Egemonia Culturale delle

          sinistre umanistiche, scientificamente e

          tecnologicamente analfabete nonché

          orgogliosamente sessantottarde, con la complice

          connivenza di una DC che se ne è sempre

          strafregata del problema istruzione, potendo

          contare per i propri rampolli su un ramificato

          sistema parallelo di "scuole dei preti" di ogni

          ordine e grado, fino al post-lauream.

          Ringrazia la moratti se i ragazzi di 13 anni
          devono decidere cosa fare della loro vita dopo le
          medie.Perchè, tu finite le medie non hai scelto che scuola fare?E questo non significava già decidere se poi andare all'università o no? Non credo che molta gente che ha fatto il professionale di 3 anni abbia poi continuato!
        • Anonimo scrive:
          Re: Io credo che...
          - Scritto da: bouncey2k

          Ringrazia la moratti se i ragazzi di 13 anni
          devono decidere cosa fare della loro vita dopo le
          medie.Ringrazia la tua abissale ignoranza storica che ti permette di ignorare che le cose sono sempre andate così, fino a che qualche ottuso burocrate ha deciso di chiudere le "scuole professionali". Questo è solo un ritorno alla normalità dopo una parentesi di ubriacatura politically correct.
      • Anonimo scrive:
        Re: Io credo che...

        è stata totalmente abbandonatahai ragione !lontano da noi l'idea che nel 40ennio precedente, chesso dal 20 al 60, fosse un paradiso, e cosi anchecome dici tu, seppure un po meno, ma semprecriminalmente, come in questo momento,
      • Anonimo scrive:
        Re: Io credo che...
        Incredibile che la maggior parte dei thread di questo forum sfoci sempre in banali discorsi politici... alcuni davvero patetici.
        • gian_d scrive:
          Re: Io credo che...
          - Scritto da: Anonimo
          Incredibile che la maggior parte dei thread di
          questo forum sfoci sempre in banali discorsi
          politici... alcuni davvero patetici.non ho capito, stai dicendo a me? guarda che il mio post intendeva dire che la politica non c'entra un cavolo
      • Gallone scrive:
        Re: Io credo che...
        - Scritto da: Anonimo

        Ringrazia la Moratti se nelle scuole ci sono i
        PCIo la ringrazio soprattutto perchè voleva togliere dai programmi scolastici le teorie sull'evoluzione di un certo Darwin.Darwin? e come si permette questo qua di insegnare a noi la teoria dell'evoluzione, nono questa teoria non mi piace e i nuovi bambini non dovranno conoscerla e vivere nell'ignoranza.Ah la ringrazio anche perchè dopo aver decantato a squarciagola l'inglese, adesso ci ritroviamo con in media meno ore di inglese nelle scuole.Complimentoni :)Ma per favore..
        • Anonimo scrive:
          Re: Io credo che...

          Io la ringrazio soprattutto perchè voleva
          togliere dai programmi scolastici le teorie
          sull'evoluzione di un certo Darwin.
          Darwin? e come si permette questo qua di
          insegnare a noi la teoria dell'evoluzione, nono
          questa teoria non mi piace e i nuovi bambini non
          dovranno conoscerla e vivere nell'ignoranza.
          Quoto! Ma come è possibile nel 2005 mettere in dubbio la teoria dell'evoluzionismo? Cos'è siamo tornati all'epoca vittoriana? Comunque questo revisionismo è partito tutto dall'America bigotta del signor Bush e il belllo è che ci sono fior di scienziati disposti ad appoggiarla...incredibile! Ma cos'è ci prendono per stupidi?
        • Anonimo scrive:
          Re: Io credo che...
          - Scritto da: Gallone
          - Scritto da: Anonimo



          Ringrazia la Moratti se nelle scuole ci sono i

          PC

          Io la ringrazio soprattutto perchè voleva
          togliere dai programmi scolastici le teorie
          sull'evoluzione di un certo Darwin.
          Darwin? e come si permette questo qua di
          insegnare a noi la teoria dell'evoluzione, nono
          questa teoria non mi piace e i nuovi bambini non
          dovranno conoscerla e vivere nell'ignoranza.non mi sembra importante che i ragazzini delle squole conoscano Bonolis e il suo programma tv...
      • Anonimo scrive:
        Re: Io credo che...
        Probabilmente qualcuno dovrebbe spiegare a questo tizio il concetto di statistica e di campione, nonché l'irrilevante importanza a livello nazionale della sardegna, che per miriadi di motivi è un'eccezione anche alle eccezioni, e non certo la "regola".Le scuole adesso hanno i mezzi perché qualcuno ha tirato fuori i soldi, a livello nazionale ed europeo. Una spiegazione semplicissima, che non richiede immersioni in ottusità burocratiche e acronimi balordi.
        • gian_d scrive:
          Re: Io credo che...
          - Scritto da: Anonimo
          Probabilmente qualcuno dovrebbe spiegare a questo
          tizio il concetto di statistica e di campione,
          nonché l'irrilevante importanza a livello
          nazionale della sardegna, che per miriadi di
          motivi è un'eccezione anche alle eccezioni, e non
          certo la "regola".

          Le scuole adesso hanno i mezzi perché qualcuno ha
          tirato fuori i soldi, a livello nazionale ed
          europeo.
          Una spiegazione semplicissima, che non richiede
          immersioni in ottusità burocratiche e acronimi
          balordi.Io ti ho parlato di fatti, saranno locali ma sono sempre fatti. Ora tocca a te.E non parlarmi genericamente di statistiche e campioni, altrimenti non stai facendo altro che sfiatare aria.Te l'ho detto prima chi ha tirato fuori gran parte dei soldi negli ultimi anni: l'Europa. Ora dimostrami che le favolette sono realtà che io non conosco. Possibilmente senza citare i termini di statistica o campione. Mi basta che mi citi anche tre o quattro casi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Io credo che...
      - Scritto da: Anonimo
      ...sia una buona cosa.

      Credo perché con Linux gli alunni possono capire
      cos'è e come funziona un computer.

      Mi spiego.

      1988, alle superiori che frequentavo, ci facevano
      lezioni di informatica con (adesso) vecchi
      Olivetti 386 (non ricordo bene il modello) dove
      girava DOS 3.2.

      Cosa facevamo di bello? Programmazione in Basic e
      Pascal, con i quali dovevamo creare degli
      algoritmi capaci di risolvere problemi di
      matematica. I nostri libri spiegavano la
      semantica operativa dei linguaggi e la logica da
      adottare nella stesura di un programma.

      Per fare tutto ciò era necessario capire come
      lavora un computer, ecc, ecc.

      2005, mia cugina di 14 anni e la figlia di 12
      anni della mia compagna, una in 3° e l'altra in
      1° media, hanno (avevano) le loro lezioni di
      informatica nelle rispettive scuole.

      Cosa fanno di bello? Scrivere lettere con Word,
      raccontando con piccoli temi le loro esperienze
      quotidiane. Difatti i loro libri di informatica
      parlano un po' dei disketti, di cos'è il CD-Rom,
      di come avviare Windows (come se fosse l'unico
      sistema operativo al mondo), e di Word, Excel,
      Access, PowerPoint e Outlook.

      Con questo confronto, vorrei dirvi come, anche se
      siamo avanti di 17 anni, il PC nei ragazzi sia
      diventato qualcosa di così noioso e poco
      invogliante da portarli soltanto a giocarci e
      scaricare da Internet.
      infatti la programmazione non deve e non può interessare tutti gli studenti italianiesistono due tipi di informatica, ma voi linari non ne avete capito un ca*zo
  • Anonimo scrive:
    COMPLIMENTI AI CRUCHHI
    Mi sa che gli scemi siamo noi che spandiamo merda a destra e a manca e invece siamo i più rintronati di tutti perchè al palo nella innovazione vera e al palo nello sviluppo intellettuale.Complimenti ai responsabili delle scuole pubbliche dell' Alto Adige che anche nelle motivazioni date sull' adozione di SO Linux e SW Open Source sono stati esemplari.
    • bouncey2k scrive:
      Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
      - Scritto da: Anonimo
      Mi sa che gli scemi siamo noi che spandiamo merda
      a destra e a manca e invece siamo i più
      rintronati di tutti perchè al palo nella
      innovazione vera e al palo nello sviluppo
      intellettuale.

      Complimenti ai responsabili delle scuole
      pubbliche dell' Alto Adige che anche nelle
      motivazioni date sull' adozione di SO Linux e SW
      Open Source sono stati esemplari.Esatto. Altro che soldi! Loro parlano di filosofia. Bravi. W Linux e W L'Altoadige (che tra l'altro ha dei paesaggi fantastici :) )
    • Anonimo scrive:
      Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
      Sai com'è: una provincia autonoma, piccola e piena di soldi, estremamente coesa a livello di comunità per origine, lingua, tradizioni e allo stesso tempo diversa dal resto d'Italia. Non è difficile che le cose evolvano bene con queste premesse.
      • Anonimo scrive:
        Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI

        estremamente coesa a livello di comunità per origine,
        lingua, tradizioni hhahahahahahahahahaahhahahaha!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!ùche ignorante con quattro patenti comprate a vibo valentia bolzanina!!!!!!!!!!!!!!!!!!1coesa ? si sparerebbero in bocca da vicini di casalingua? sei fatto di funghi settembrini ? gli uni sonoteteski, gli altri furlan o giu di litradizioni ? vai a darglielo in faccia alle due di nottequando sono breschi de grapasiamo piu vicini voi romagnoli coi terroni che loro lialtro che
      • Anonimo scrive:
        Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
        - Scritto da: Anonimo
        Sai com'è: una provincia autonoma, piccola e
        piena di soldi, estremamente coesa a livello di
        comunità per origine, lingua, tradizioni e allo
        stesso tempo diversa dal resto d'Italia. Non è
        difficile che le cose evolvano bene con queste
        premesse.Come non quotarti sapessi quanto ci sono rimasto quando sono andato nella mia vecchia scuola...cmq alcune licence Microsoft le dovranno lo stesso comprare perché servriranno per alcune cose...soltato che adesso il rappresentante farà meno lo sbruffone...asd!!!
      • awerellwv scrive:
        Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
        - Scritto da: Anonimo
        Sai com'è: una provincia autonoma, piccola e
        piena di soldi, estremamente coesa a livello di
        comunità per origine, lingua, tradizioni e allo
        stesso tempo diversa dal resto d'Italia. Non è
        difficile che le cose evolvano bene con queste
        premesse.principalmente é grazie ai governi (sia di destra che di sinistra) degli ultimi 50 anni che ne hanon decretato lo status di regione a statuto speciale e ci hanno inondato di soldi. cmq non é coesa é divisa in 2 gruppi (sono 3 in realtá ma il terzo non fa testo) quello italiano e quello tedesco, e quello tedesco ha la maggioranza da almeno 20 anni quindi comandano loro...
    • Anonimo scrive:
      Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
      - Scritto da: Anonimo
      Mi sa che gli scemi siamo noi che spandiamo merda
      a destra e a manca e invece siamo i più
      rintronati di tutti perchè al palo nella
      innovazione vera e al palo nello sviluppo
      intellettuale.Guarda che quelli sono italiani come noi quindi non dovresti parlare in termini di noi/loro. Il progetto riguarda solo le scuole di lingua italiana e i soldi arrivano dagli italiani.Quelle di lingua tedesca sono gestite dalla provincia autonoma e non fanno parte del progetto.
      • Anonimo scrive:
        Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
        ad esser precisi non sono crucchi :) bensì "tàmochi" :Dmi chiedo cosa ne abbiano fatto delle licenze windows, di cui almeno l'80% erano in regola....a parer mio han buttato solo via soldi della provincia...questa non è stata una mossa "filosofica" ma una trovata per aumentare la risonanza della provincia di bz in Italia...sono anni che in tutta la regione (incluso il trentino) molti ass. di lab di info e non solo "combattono" per portare linux (e cmq l'open source) nelle scuole senza (grandi) successi....ora come ora, il passare completamente a linux, vorrebbe dire buttare nel cesso tutte (e molte) le licenze win, office etc etc che sono già state regolarmente acquistate...aver troppi soldi, alle volte, non è un bene, anzi.....
        • Anonimo scrive:
          Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
          - Scritto da: Anonimo
          le licenze win, office etc etc che sono già state
          regolarmente acquistate...Le scuole usufruiscono di contratti licenza diversi e molto complicati. Possono fare pagamenti suddivisi in anni e poi non rinnovarli quando raggiungono la scadenza.Quindi può darsi che fossero scadute le licenze che avevano.
          • Anonimo scrive:
            Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            le licenze win, office etc etc che sono già
            state

            regolarmente acquistate...

            Le scuole usufruiscono di contratti licenza
            diversi e molto complicati. Possono fare
            pagamenti suddivisi in anni e poi non rinnovarli
            quando raggiungono la scadenza.
            Quindi può darsi che fossero scadute le licenze
            che avevano.Infatti possono avere le licenze educational anche per alcuni programmi che valgono 1 anno! 8)
          • Anonimo scrive:
            Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
            dici bene... "possono avere..." ma non le hanno...hanno le OEM, indi per cui, senza scadenza, ma legate al pc acquistato...
          • Anonimo scrive:
            Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
            - Scritto da: Anonimo
            dici bene... "possono avere..." ma non le hanno...

            hanno le OEM, indi per cui, senza scadenza, ma
            legate al pc acquistato...
            Non lo leggo nell'articolo, però anche se fosse vero amen.L'installazione è stata finanziata dal Fondo Sociale Europeo, un sacco di volte quei fondi non vengono utilizzati da nessuno qui in Italia, almeno questa volta a qualcosa sono serviti.
        • Anonimo scrive:
          Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI

          mi chiedo cosa ne abbiano fatto delle licenze windows, di cui almeno l'80% erano in regola....Il contratto di licenza scadeva a dicembre 2006,si hanno buttato via 3 mesi di licenze... sai che roba. Mica potevano migrare a capodannoC.
          • Anonimo scrive:
            Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
            - Scritto da: Anonimo

            mi chiedo cosa ne abbiano fatto delle licenze
            windows, di cui almeno l'80% erano in regola....

            Il contratto di licenza scadeva a dicembre 2006,
            si hanno buttato via 3 mesi di licenze... sai che
            roba. Mica potevano migrare a capodanno

            C.Ops 2005!C.
      • Anonimo scrive:
        Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
        Abito a Trento e ho a che fare spesso con gente dell'Alto Adige. E' vero che sono italiani, però la maggior parte di essi si comportano, parlano e hanno gusti "tedeschi" e sono ben fieri di ciò. La lingua più parlata è il tedesco, prova ad uscire ad un casello dell'autostrada in A.A. o a fare una telefonata ad un albergo e vedrai in che lingua ti parlano... Quindi anche io dico che "sono tedeschi" in quanto fanno di tutto per esserlo e si guardano bene dal "mischiarsi" con gli "italiani".
        • Anonimo scrive:
          Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
          - Scritto da: Anonimo Quindi anche io dico che
          "sono tedeschi" in quanto fanno di tutto per
          esserlo e si guardano bene dal "mischiarsi" con
          gli "italiani"....e di questi tempi, FANNO BENE!!
        • Anonimo scrive:
          Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
          e chissà come mai... :D
      • awerellwv scrive:
        Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
        - Scritto da: Anonimo
        Guarda che quelli sono italiani come noi quindi
        non dovresti parlare in termini di noi/loro. Il
        progetto riguarda solo le scuole di lingua
        italiana e i soldi arrivano dagli italiani.
        Quelle di lingua tedesca sono gestite dalla
        provincia autonoma e non fanno parte del
        progetto. Tutte le scuole altoatesine sono gestite dalla Provincia autonoma...
        • Anonimo scrive:
          Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
          - Scritto da: awerellwv
          Tutte le scuole altoatesine sono gestite dalla
          Provincia autonoma...Invece no, quelle di lingua tedesca sono gestite dalla provincia autonoma e se ci tieni a saperlo hanno anche un bel po' di soldini in più delle altre.
          • Anonimo scrive:
            Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
            Soi soldi non so. Cmq sono entrambe gestite dalla provincia, ma da due assessorti diversi.
          • Anonimo scrive:
            Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
            - Scritto da: Anonimo
            Soi soldi non so. Cmq sono entrambe gestite dalla
            provincia, ma da due assessorti diversi.Io parlavo a livello economico.
          • awerellwv scrive:
            Re: COMPLIMENTI AI CRUCHHI
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: awerellwv

            Tutte le scuole altoatesine sono gestite dalla

            Provincia autonoma...

            Invece no, quelle di lingua tedesca sono gestite
            dalla provincia autonoma e se ci tieni a saperlo
            hanno anche un bel po' di soldini in più delle
            altre.tanti soldi in + che gli studenti devono pure pagarsi le fotocopie scolastiche (non quelle a scopi personali)
  • Gusbertone scrive:
    edizione pro OSS oggi?
    come da subject
  • flamer scrive:
    Bel rischio
    Il rischio è questo: tutto molto bello, tutto molto affascinante, ma i giovani allievi non si troveranno poi in difficoltà nel mondo produttivo. Sicuramente saranno migliori come informatici rispetto agli utenti legati a M$. Ma il mondo del lavoro non è ancora pronto a queste "rivoluzioni".
    • Anonimo scrive:
      Re: Bel rischio

      Ma il mondo del lavoro non è ancora pronto a queste
      "rivoluzioni".hahaha!!!!caro flamer, sei proprio nato ieriquando ero piccolo per "rivoluzioni" si intendeva benaltro che imparare cosa sia un computersi perchè i ragazzi di queste scuole avranno finalmente un'idea di cosa sia quel coso che finorahanno usato solo per giocare e si spera che alcunidi loro diventino bravi, enormemente piu bravi dellagenerazione penosa di vbnari che ha rovinato l'informatica italiotasolo ora stiamo piano piano riprendendoci, congente come Arcangeli e tipi similisolo ora alcuni programmatori italiani, grazie alinux e all'oss, stanno acquisendo fama internazionale, al contrario dei vecchi vbnari anonimi e decerebratisi spera che questa generazione produca qualcosa di un po piu rilevante, e che in generale, grazie alinux, acquisisca una concezione meno ludica edisimpegnata della comunicazione digitale, conditacon piu coscienza e conoscenza, e meno marketinginsulso e platinatogrande iniziativa: quali altre realtà saranno all'altezza di copiarla ? d'altra parte in norvegia e svezia ormaiè così dappertutto....
      • Anonimo scrive:
        Re: Bel rischio
        - Scritto da: Anonimo

        Ma il mondo del lavoro non è ancora pronto a
        queste
        "rivoluzioni".

        hahaha!!!!
        caro flamer, sei proprio nato ieri
        quando ero piccolo per "rivoluzioni" si intendeva
        ben
        altro che imparare cosa sia un computerE' arrivato il Che Guevara dei poveri...
        si perchè i ragazzi di queste scuole avranno
        finalmente un'idea di cosa sia quel coso che
        finora
        hanno usato solo per giocare e si spera che alcuni
        di loro diventino bravi, enormemente piu bravi
        della
        generazione penosa di vbnari che ha rovinato
        l'informatica italiotaPeccato funzionino...
        solo ora stiamo piano piano riprendendoci, con
        gente come Arcangeli e tipi simili
        solo ora alcuni programmatori italiani, grazie a
        linux e all'oss, stanno acquisendo fama
        internazionale, al contrario dei vecchi vbnari
        anonimi e decerebrati

        si spera che questa generazione produca qualcosa
        di un po piu rilevante, e che in generale, grazieCome no...
        a
        linux, acquisisca una concezione meno ludica e
        disimpegnata della comunicazione digitale, condita
        con piu coscienza e conoscenza, e meno marketing
        insulso e platinato

        grande iniziativa: quali altre realtà saranno
        all'altezza di copiarla ? d'altra parte in
        norvegia e svezia ormai
        è così dappertutto....Come no...Grazie, mi hai messo di buonumore
    • Anonimo scrive:
      Re: Bel rischio

      il mondo del lavoro non è ancora prontospesso il mondo del lavoro non è pronto perchè nonpuo contare su certe competenzeil primo argomento dei tartufari è sempre quello:passare a linux non si puo perche la gente non losa usarefine
  • Anonimo scrive:
    [OT] La misfatta di Microsoft
    Siamo solo all'inizio, e queste sono le prime mosse.Fortunatamente la divuglazione dei sistemi alternativi comincia a fare i suoi effetti.Intanto si assite al declino inesorabile di Redmond.Good Lucky Bill!
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] La misfatta di Microsoft
      - Scritto da: Anonimo
      Siamo solo all'inizio, e queste sono le prime
      mosse.
      Fortunatamente la divuglazione dei sistemi
      alternativi comincia a fare i suoi effetti.
      Intanto si assite al declino inesorabile di
      Redmond.
      Good Lucky Bill!
      Propongo una petizione contro il futuro monopolio di linux.
      • bugybugy scrive:
        Re: [OT] La misfatta di Microsoft
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Siamo solo all'inizio, e queste sono le prime

        mosse.

        Fortunatamente la divuglazione dei sistemi

        alternativi comincia a fare i suoi effetti.

        Intanto si assite al declino inesorabile di

        Redmond.

        Good Lucky Bill!


        Propongo una petizione contro il futuro monopolio
        di linux.Eheheehe nessun vuole un monopolio, ce ne è uno tutt'ora ed ha effetti catastrofici!!
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] La misfatta di Microsoft

          Eheheehe nessun vuole un monopolio, ce ne è uno
          tutt'ora ed ha effetti catastrofici!!
          Strano l'articolo parla proprio di alternative, deve essere un monopolio a corrente alternata.
          • bugybugy scrive:
            Re: [OT] La misfatta di Microsoft
            Ahahaa stai negando che oggi M$ ha un monopolio?Sempre più ridicoli...- Scritto da: Anonimo

            Eheheehe nessun vuole un monopolio, ce ne è uno

            tutt'ora ed ha effetti catastrofici!!


            Strano l'articolo parla proprio di alternative,
            deve essere un monopolio a corrente alternata.
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] La misfatta di Microsoft

            Ahahaa stai negando che oggi M$ ha un monopolio?
            Sempre più ridicoli...Meglio un monopolio, che 56 marche inutili con 35435325 driver da installare e 324325432 processori da far coincidere.E poi con igames come facciamo??? Sviluppiamo 4353532532 patch e versioni?????Sempre più ridicoli...
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] La misfatta di Microsoft
            - Scritto da: Anonimo
            Sempre più ridicoli...Ma ridicoli saranno i tuoi argomenti contro Linux.Le diverse versioni sono solo per pacchettizzazione e target.Poi il kernel è sempre quello, il formato dei binari anche e le pure le librerie principali.Il problema che vuoi far credere, in realtà non esiste ed è pura propaganda dei detrattori di Linux, come Micro$oft che faceva quella stupida pubblicità dove mostrava i pinguini mutanti... Dicendo le stesse cazzate che stai dicendo tu.
          • Anonimo scrive:
            5 --
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] La misfatta di Microsoft
            - Scritto da: Anonimo

            Eheheehe nessun vuole un monopolio, ce ne è uno

            tutt'ora ed ha effetti catastrofici!!


            Strano l'articolo parla proprio di alternative,
            deve essere un monopolio a corrente alternata.Mica è un monopolio di stato...
          • bouncey2k scrive:
            Re: [OT] La misfatta di Microsoft
            - Scritto da: Anonimo
            Mica è un monopolio di stato...Il monopolio è sbagliato di per sè, non per forza deve essere di stato..Hai studiato al cepu, vero?
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] La misfatta di Microsoft

            Il monopolio è sbagliato di per sèDimostralo dal punto di vista econometrico e senza inquinare il discorso con seghe mentali "etiche", invece di fare affermazioni apodittiche e totalmente gratuite.E magari, già che ci sei, leggiti qualche howto sul perché Akerlof si è portato a casa un premio Nobel.
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] La misfatta di Microsoft

            Dimostralo dal punto di vista econometrico e senza
            inquinare il discorso con seghe mentali "etiche", invece
            di fare affermazioni apodittiche e totalmente gratuite.mi sa che sia tu quello che devi spiegare alcunecosine che sproloqui senza avere una minima idea diquanto blateri
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] La misfatta di Microsoft

            Dimostralo dal punto di vista econometrico e
            senza inquinare il discorso con seghe mentali
            "etiche"La cncorrenza fa abbassare i costi e migliora il prodotto.Esempio: da quando fronteggia linux, alla Microsoft pensano di più alla sicurezza e ne fanno versioni che costano meno.E' bastato mettere in discussione questo monopolio per vedere segnali positivi, quando sarà ridotto al 60% di diffusione Windows sarà migliore di adesso.Ma forse ti interessa un prodotto diffuso più che un prodotto migliore...Riguardo ad un monopolio linux... ne dubito, però se MS avesse evitato di uccidere sistemi operativi come Beos la situazione sarebbe di certo migliore.Riguardo alla compatibilità: in giro ci sono molti tipi di macchine, ma la benzina e le ruote bene o male sono le stesse, e anche buona parte dei ricambi. Basando i propri prodotti su standard solitamente ci si rende la vita più facile.
          • bouncey2k scrive:
            PALLADIUM E' CONCORRENZA?
            - Scritto da: Anonimo
            La cncorrenza fa abbassare i costi e migliora il
            prodotto.KE KAZZO DICI? La concorrenza SI, il monopolio NO!Palladium per te è concorrenza!!????
          • pippo75 scrive:
            Re: [OT] La misfatta di Microsoft

            La cncorrenza fa abbassare i costi e migliora il
            prodotto.almeno si spera, perche' se guardi tra i gornali per PC, i prezzi sono bassi, la qualita'........
            Esempio: da quando fronteggia linux, alla
            Microsoft pensano di più alla sicurezza e ne
            fanno versioni che costano meno.Questo e' vero, ineffetti dal mio punto di vista direi: ben venga linux.anche se porgo maggior fiducia in OsX per x86.
            E' bastato mettere in discussione questo
            monopolio per vedere segnali positivi, quando
            sarà ridotto al 60% di diffusione Windows sarà
            migliore di adesso.
            Ma forse ti interessa un prodotto diffuso più che
            un prodotto migliore...speriamo che non ci sia solo windows vs linux ma anche altrimacos,zeta,altri nuovi....
            se MS avesse evitato di uccidere sistemi
            operativi come Beos la situazione sarebbe di
            certo migliore.BeOS secondo me e' morto per altri motivi, MS non l'ha certo aiutato ma i problemi erano piu' grossi, considerando che e' morto per 3 volte.

            Riguardo alla compatibilità: in giro ci sononon me ne intendo di linux, al tempo cercavo un pacchetto ed avevo visto che ogni distro aveva il suo e per ogni distro intendo:uno per la suse 8.1uno per la suse 8.2uno per la suse 9.0uno per la suse 9.1.....stesso discorso per mandrakeCon windows ho programmi che mi tiro dietro da win95, in alcuni casi potrei dire dai tempi del dos.Da una parte trovo pacchetti per ogni distro dall'altra lo stesso programma che gira da anni.ciao
          • Rex1997 scrive:
            Re: [OT] La misfatta di Microsoft
            - Scritto da: Anonimo

            Il monopolio è sbagliato di per sè

            Dimostralo dal punto di vista econometrico e
            senza inquinare il discorso con seghe mentali
            "etiche", invece di fare affermazioni apodittiche
            e totalmente gratuite.

            E magari, già che ci sei, leggiti qualche howto
            sul perché Akerlof si è portato a casa un premio
            Nobel.(newbie).......(idea)Normalmente un sistema premia chi lo sostiene, non chi lo critica...:-o==================================Modificato dall'autore il 09/09/2005 9.42.56
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] La misfatta di Microsoft
      - Scritto da: Anonimo
      Siamo solo all'inizio, e queste sono le prime
      mosse.
      Fortunatamente la divuglazione dei sistemi
      alternativi comincia a fare i suoi effetti.
      Intanto si assite al declino inesorabile di
      Redmond.E' chiaro ormai a tutti che la trippa x gatti per il DRAGA è finita!!! Così come per il suo ciccione e lanciasedia braccio destro Ballmer e la banda bassotti di REDMOND.
      Good Lucky Bill!Ormai solo la fortuna gli resta!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] La misfatta di Microsoft

        Ormai solo la fortuna gli resta!!!Anche 53 miliardi di dollari.....
        • bouncey2k scrive:
          Re: [OT] La misfatta di Microsoft
          - Scritto da: Anonimo


          Ormai solo la fortuna gli resta!!!

          Anche 53 miliardi di dollari.....per pulircisi il culo ogni volta che si cacherà sotto..
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] La misfatta di Microsoft
          - Scritto da: Anonimo


          Ormai solo la fortuna gli resta!!!

          Anche 53 miliardi di dollari.....non scherziamo, almeno il triplo, me lo ha dettoil clippy (che spesso gli fa da giardiniere e ruffiano)
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] La misfatta di Microsoft
      Ma mi spiegate cosa è una misfatta???
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] La misfatta di Microsoft
        - Scritto da: Anonimo
        Ma mi spiegate cosa è una misfatta???Un ibrido tra misfatto e disfatta.
    • Anonimo scrive:
      La disfatta della lingua italiana
      come da subject.
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] La misfatta di Microsoft
      Impara l'inglese e vai a lavorare in cava!
Chiudi i commenti