eMule festeggia le prime cinque candeline

Il popolare client di file sharing arriva al primo lustro della sua vita al punto più alto della sua popolarità. E festeggia il traguardo con una nuova versione

Roma – eMule è uno dei fenomeni più duraturi cresciuti in seno al vasto sottobosco di programmi per la condivisione e il download di file sul P2P: nato come alternativa open source al client eDonkey di MetaMachine, è diventato nei fatti l’unica possibile via per connettersi ai server del popoloso network eDk2000 dopo la chiusura della società inventrice del suddetto protocollo.

La sua natura gratuita e aperta ne ha permesso lo sviluppo e la crescita costanti, tanto che ora il Mulo è una delle fonti primarie per gli utenti del file sharing , indipendentemente dalla legalità o meno dei contenuti scambiati. Odiato dall’industria dell’intrattenimento che spesso e volentieri gli dedica le sue attenzioni alla ricerca di condivisori da denunciare alle autorità, amato dalla ricca comunità che lo tiene in vita, eMule è arrivato ai cinque anni di età, un traguardo invidiabile per un settore che corre notoriamente più di altri.

Oggi faranno forse più notizia video portali come GoogleTube o simili, ma il Mulo continua a rimanere un punto di riferimento per gli utenti del P2P: per celebrare degnamente il quinto anniversario , eMule-Project ha reso disponibile la nuova release 0.48a.

Tra gli aggiornamenti inclusi nella revisione spiccano le migliorie necessarie a traghettare il software verso la piena compatibilità con Windows Vista , il supporto per il protocollo UPnP, un filtro anti-spam per i risultati delle ricerche. E ancora diverse migliorie all’interfaccia grafica come il supporto degli smiley per i canali IRC e i messaggi istantanei, più ovviamente i fix a svariati bug e piccole aggiunte al codice di programma.

Il download di eMule 0.48a è disponibile assieme all’annuncio della release-compleanno, con inclusivo un esteso changelog riportante tutte le modifiche apportate al software in questi mesi.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Quindi...
    ... Quando ammazzerò il drago e mi sentirò soddisfatto, verrà calato un cartellone pubblicitario di qualche merendina? (newbie)
  • Anonimo scrive:
    Pubblicità
    Guadagnare attraverso i propri video non è mai stato così facile: http://www.plugadplay.com
  • Anonimo scrive:
    avatar...
    .. cioè da adesso io dovrò stare attento che se mi "vesto" da troiona in Second Life e vado a fare la schiava, chissà che pubblicità mi becco !!!
  • Anonimo scrive:
    Ma è fantastico!!!
    Ma dai!Pensiamoci un attimo, prima di condannare Google!Cioè...Sei lì in GTA che stai rubando un'auto e ti compaiono spot di carrozzieri per farla riverniciare.Oppure sei in Half Life 2, hai appena massacrato qualche sorvegliante e ti compaiono spot della più vicina rivendita di munizioni e armi e della più vicina impresa di pulizie specializzata in cadaveri e scene del crimine.Hai appena vinto una corsa in uno dei tanti giochi del genere? magari su strada trafficata? Bene, ti compaiono gli spot dell'officina più vicina, di un corso di guida sicura e di un fabbricante di bare...Ma... Ma... Ma si!Secondo me è stupendo.Così, finalmente, saprò dove posso trovare un bel RPG per far fuori il campanile di fronte a casa che inizia a suonare alle 7, tutti i giorni, sabati e domeniche incluse.Alla faccia di Gordon Freeman e dei suoi elicotteri...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma è fantastico!!!
      - Scritto da:
      Ma dai!
      Pensiamoci un attimo, prima di condannare Google!
      Cioè...
      Sei lì in GTA che stai rubando un'auto e ti
      compaiono spot di carrozzieri per farla
      riverniciare.
      Oppure sei in Half Life 2, hai appena massacrato
      qualche sorvegliante e ti compaiono spot della
      più vicina rivendita di munizioni e armi e della
      più vicina impresa di pulizie specializzata in
      cadaveri e scene del
      crimine.
      Hai appena vinto una corsa in uno dei tanti
      giochi del genere? magari su strada trafficata?
      Bene, ti compaiono gli spot dell'officina più
      vicina, di un corso di guida sicura e di un
      fabbricante di
      bare...
      Ma... Ma... Ma si!
      Secondo me è stupendo.
      Così, finalmente, saprò dove posso trovare un bel
      RPG per far fuori il campanile di fronte a casa
      che inizia a suonare alle 7, tutti i giorni,
      sabati e domeniche
      incluse.
      Alla faccia di Gordon Freeman e dei suoi
      elicotteri...Andare al mcdonald e ordinare un filetofish con la carta di credito in gta.. NON HA PREZZO!
    • logiq scrive:
      Re: Ma è fantastico!!!
      mi sa che non hai capito.. i carrozzieri in gta costano soldi virtuali, quindi google non sarebbe affatto interessata a pubblicizzare uno invece che un altro.. qui si parlaa. di pubblicita' del mondo realeb. di giochi in cui si comprano oggetti e servizi con soldi veri
  • Anonimo scrive:
    violazione della privacy
    si tratta di dati sensibili in quanto la psichiatria e' una "scienza medica" e puo portare alla raccolta di informazioni sui disturbi mentali (dati sensibili), google e' un azienda e non una casa di cura non sono solo modelli corportamentali.immaginatevi se le gli avatar fossero lo psiconano o la mortadella e sono analizzati da psichiatri per indurli ad una decisione nel "mondo reale"the manciurian candidate
    • Anonimo scrive:
      Re: violazione della privacy
      - Scritto da:
      si tratta di dati sensibili in quanto la
      psichiatria e' una "scienza medica" e puo portare
      alla raccolta di informazioni sui disturbi
      mentali (dati sensibili), google e' un azienda e
      non una casa di cura non sono solo modelli
      corportamentali.
      immaginatevi se le gli avatar fossero lo
      psiconano o la mortadella e sono analizzati da
      psichiatri per indurli ad una decisione nel
      "mondo
      reale"

      the manciurian candidatequoto in pieno
    • Anonimo scrive:
      Re: violazione della privacy
      - Scritto da:
      si tratta di dati sensibili in quanto la
      psichiatria e' una "scienza medica" e puo portare
      alla raccolta di informazioni sui disturbi
      mentali (dati sensibili), google e' un azienda e
      non una casa di cura non sono solo modelli
      corportamentali.ahahahah.... bella questa.Aspetta, la mia è più forte... nome e cognome sono dati sensibili. Ti piace?Beh. se mi chiamo Isaac Toaf, probabilmente sono ebreo, quindi nome-
      religione-
      sensibile.Aspetta, anche l'indirizzo è sensibile! Metti che ho la residenza in un istituto per tossicodipendenti. Probabilmente sono tossico! Indirizzo-
      tossico-
      sensibile!Per favore, l'analisi dei comportamenti (di consumo, di scelte, di preferenze, etc) è fatto da quasi cento anni da tutte le aziende del mondo - ma non c'è niente a che vedere con i dati sensibili.Al massimo potrebbe porsi un problema nel momento in cui fai delle elezioni virtuali con candidati pseudo-reali.... al limite dico, anche se a priori tenderei ad escluderlo.
      • Anonimo scrive:
        Re: violazione della privacy
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        si tratta di dati sensibili in quanto la

        psichiatria e' una "scienza medica" e puo
        portare

        alla raccolta di informazioni sui disturbi

        mentali (dati sensibili), google e' un azienda e

        non una casa di cura non sono solo modelli

        corportamentali.

        ahahahah.... bella questa.
        Aspetta, la mia è più forte... nome e cognome
        sono dati sensibili. Ti
        piace?
        Beh. se mi chiamo Isaac Toaf, probabilmente sono
        ebreo, quindi
        nome-
        religione-
        sensibile.

        Aspetta, anche l'indirizzo è sensibile! Metti che
        ho la residenza in un istituto per
        tossicodipendenti. Probabilmente sono tossico!
        Indirizzo-
        tossico-
        sensibile!

        Per favore, l'analisi dei comportamenti (di
        consumo, di scelte, di preferenze, etc) è fatto
        da quasi cento anni da tutte le aziende del mondo
        - ma non c'è niente a che vedere con i dati
        sensibili.

        Al massimo potrebbe porsi un problema nel momento
        in cui fai delle elezioni virtuali con candidati
        pseudo-reali.... al limite dico, anche se a
        priori tenderei ad
        escluderlo.Guarda che invece ha perfettamente ragione sotto molti punti, ha sbagliato solo di dire dati sensibili al posto di dati personali, ma c'è comunque un problema di trattamento di quei dati e rispetto della privacy, almeno per la legge italiana.
  • Anonimo scrive:
    Siamo al delirio
    Lo scopo di google è palesemente creare modelli comportamentali il più possibile fedeli a quello dell'utente per poter prevedere come si comporteranno. A loro serve per fornirvi la giusta pubblicità nella giusta modalità nel giusto istante temporale per avere un ritorno il più possibile vicino al 100%, ma gli stessi dati potrebbero essere usati in milioni di altri modi ancora più schifosi, e l'articolo ne ha citati un paio. Pensate di essere così imprevedibili? Io comincerei a dubitarne, l'essere umano è più prevedibile di quello che pensa di essere, in particolare avendo a disposizione una mole di dati così impressionante come è quella che google vuole raccogliere e sta raccogliendo, mole di dati composta da siti visitati, email ricevute e scritte, link cliccati, acquisti effettuati, atteggiamenti in videogiochi o metamondi, documenti, chat con persone, conversazioni, note, eccetera eccetera.Se continua così tra un po' saremo manipolati senza nemmeno sapere di esserlo, per fini politici ed economici. Se la TV serve a tenere buone le masse, quanto google potrebbe offrire in futuro potrebbe permettere di trasformare le masse in automi.
  • Anonimo scrive:
    hype
    Se si può capire la psicologia di uno guardando come gioca a PONG allora tanto vale prendere tutti i testi di Freud e buttarli nel cesso
    • Anonimo scrive:
      Re: hype
      - Scritto da:
      Se si può capire la psicologia di uno guardando
      come gioca a PONG allora tanto vale prendere
      tutti i testi di Freud e buttarli nel
      cessoI testi di freud per conto mi si possono già buttare nel cesso o quasi non essendo scientifici. Il modo di procedere di chi sta dietro a google probabilmente è più scientifico di quanto freud non lo sia mai stato.
      • Anonimo scrive:
        Re: hype
        non è scientifico, e allora?
        I testi di freud per conto mi si possono già
        buttare nel cesso o quasi non essendo
        scientifici. Il modo di procedere di chi sta
        dietro a google probabilmente è più scientifico
        di quanto freud non lo sia mai
        stato.
        • Anonimo scrive:
          Re: hype
          appunto sara' scientifico e razionale l'essere umano allora p)- Scritto da:
          non è scientifico, e allora?


          I testi di freud per conto mi si possono già

          buttare nel cesso o quasi non essendo

          scientifici. Il modo di procedere di chi sta

          dietro a google probabilmente è più scientifico

          di quanto freud non lo sia mai

          stato.
    • Anonimo scrive:
      Re: hype
      - Scritto da:
      Se si può capire la psicologia di uno guardando
      come gioca a PONG allora tanto vale prendere
      tutti i testi di Freud e buttarli nel
      cessoLa maggior parte dei testi di Freud sono da buttare nel cesso indipendentemente
    • baronz scrive:
      Re: hype
      - Scritto da:
      Se si può capire la psicologia di uno guardando
      come gioca a PONG allora tanto vale prendere
      tutti i testi di Freud e buttarli nel
      cessoNon penso riguardi PONG, ma magari giochi un pochettino più complessi e strutturati.Però i libri di Freud buttiamoli nel cesso comunque :p
Chiudi i commenti