eMule tra mod e filtri contro il P2P

CiccioBastardo, uno dei più celebri programmatori di eMule e un'autorità in fatto di P2P, in una intervista descrive la scena in cui si muovono le mod eMule e avverte: i filtri degli ISP possono vincere

Roma – È uno dei software più popolari sull’intera internet ma in realtà di eMule, come ben sanno i lettori di Punto Informatico , ne esistono tante “versioni” diverse, tante mod personalizzate, spesso molto efficienti e talvolta poco utili. Sia come sia, eMule è in assoluto la piattaforma di sharing più utilizzata ed è per approfondire cosa si muove nell’ambiente che P2PDoctor ha pubblicato una intervista a CiccioBastardo , come è conosciuto uno dei più celebri programmatori di eMule.

Nella lunga intervista, CiccioBastardo racconta come scegliere una mod o come dar vita ad una nuova mod, insistendo soprattutto sulla centralità della comunità dello sviluppo, e approfondisce lo specifico di alcune mod e di certe polemiche sulla loro diffusione. Allo stesso tempo si occupa di offuscamento e traffic shaping .

Come noto, e Punto Informatico ne ha parlato proprio di recente ( qui e qui ), i provider sempre più spesso ricorrono a metodi pensati anche per contenere il traffico P2P , quello di eMule in particolare.

“Quali sono state – chiede P2PDoctor – le contromosse proposte dalla community di eMule, e secondo lei hanno avuto, o avranno successo?”
Risponde CiccioBastardo: “La comunità si è mossa in due direzioni parallele. La prima con un tentativo pionieristico e sperimentale creato dall’autore della NeoMule, David Xanatos, tramite il così detto ISP-T. Si tratta di un metodo che, nel tempo, è diventato abbastanza complesso per criptare il contenuto dei pacchetti inviati da eMule ed evitare di essere riconosciuti come tali (e quindi essere potenzialmente discriminati dai router degli ISPWiki lungo il tragitto dalla sorgente verso la destinazione).
La seconda da parte degli sviluppatori ufficiali, avvenuta a breve distanza dall’introduzione della prima, e da cui ha preso ispirazione, con il così detto Protocol Obfuscation, ovvero un metodo molto simile al precedente, ma molto meno complesso, che si affida ad un semplicissimo algoritmo di alterazione dei dati contenuti nel solo header di un pacchetto inviato da eMule sempre per evitare che venga riconosciuto come tale dai router dei provider”.

Due vie di aggiramento del problema che, avverte però l’intervistato, non sarebbero in grado di evitare il filtraggio. “I provider – spiega CiccioBastardo – sembrano essersi mossi in direzioni diverse dall’ispezione del pacchetto per riconoscere il protocollo (cosa che la criptazione a qualsiasi livello di complessità impedisce). Il controllo delle porte (di destinazione, oltre che di origine) e il numero stesso di connessioni aperte, oltre ad una serie di altri parametri, come la quantità media di dati inviati etc…, può essere un metodo per determinare se un utente usa o no una determinata applicazione e quindi filtrare tutte le sua comunicazioni”.

L’avvertimento è chiaro: ” Non c’è guerra che si possa vincere , tecnicamente parlando, con i provider. Ricordo che questi sono coloro che gestiscono tutti i singoli bit che immettiamo nel cavo del telefono, e quindi è in loro potere (tecnico) di fare di questi bit quello che più desiderano”.

Una possibile soluzione? Chiedere che ai provider siano fatte rispettare le velocità con cui spesso e volentieri sono pubblicizzate le offerte su banda larga. “Oggi – spiega lo sviluppatore – i provider vendono la stessa banda, pubblicizzata per un singolo utente, a decine di utenti, con la considerazione che, normalmente, gli utenti che navigano e leggono la posta usano solo una frazione di tale banda e per poco tempo. Un utente P2P “flat” invece viola questa congettura e pertanto diventa un costo insostenibile per il provider. Il quale si ritiene, non si sa davvero per quale motivo, avere il diritto di difendere il proprio business con azioni discutibili, come permettersi di evitare di consegnare dei pacchetti di dati che un utente ha affidato alla sua rete (pagando)”.

Il futuro del P2P? Con qualche ritocco, qualche upgrade, eMule continuerà a regnare. “Credo – dichiara CiccioBastardo – che vedremo eMule in questa forma per lungo tempo, almeno finché una qualche compagnia ben nota, con interessi nel campo dei diritti di riscossione (o erano quelli di copyright?) non produrrà un attacco di qualche genere che porti la rete ed2k a disintegrarsi”.

L’intervista completa è disponibile a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pippo75 scrive:
    Re: Sono anni...
    perfettamente d'accordo con te.ciaop.s. purtroppo non posso usare sistemi diversi da windows, Balmy mi sta minacciando ( mi vuoel saltare addosso... e sai non e' proprio leggero )
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono anni...
      Certe sottili ironie dimostrano che winz e microsoft meritano il loro primato perchè se tutto quello che può sviluppare un ottimo topic come questo sono una perseveranza degna di don chisciotte vs i mulini a vento allora serve ben poco cercare un approccio intelligente al problema (ovvero non a linux in se quanto ai suoi utenti)
  • Anonimo scrive:
    Sono d'accordo
    Come sopra, credo che l'autore abbia ragione.CiaoLuca
  • Anonimo scrive:
    Re: Concorrenza?

    concorrenza? Provate ad inserire nel processo di
    sviluppo qualcosa che non sia
    MS.Facilissimo. Noi sviluppiamo usando solo il sistema operativo. Tutto il resto non è MS. Ed è questo che MS vuole impedire.
  • Enjoy with Us scrive:
    La trovo molto comprensibile!
    MS continuamente abusa della propria posizione dominante, si è arrivati perfino a imporre ai vari produttori di PC di rilasciare i propri sistemi con Windows preinstallato, solo di recente, visto il sempre maggior interesse nei confronti di Linux le cose stanno incominciando a cambiare.La politica delle licenze è sempre più vessatoria nei confronti dell'utente e Ms si sta preparando ad un pieno supporto del Tc per poter implementare licenze ancora più limitative.Vedo che finalmente anche a livello di PA (anche se non italiana), parlo di Inglesi e Tedeschi in particolare si sta sempre più diffondendo Linux, nelle scuole inglesi addirittura è stato proibito l'acquisto di Vista.Che Linux abbia dei problemi di compatibilità Hw e che le numerose Distro siano un fattore di confusione è vero, ma è anche vero che solo 6-7 anni fa l'installazione di Linux difficilmente poteva essere alla portata di un utente medio, mentre oggi nella maggior parte dei casi lo è, addirittura esistono CD/DVD Live con cui testare la compatibilità del proprio Hardware prima di installare una distribuzione di Linux.Concludendo penso che se Microsoft non cambierà radicalmente rotta su tre punti: Costo licenza, Limitazioni licenza, Supporto Tc; farà la fine di IBM con OS2
    • Anonimo scrive:
      Re: La trovo molto comprensibile!
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Concludendo penso che se Microsoft non cambierà
      radicalmente rotta su tre punti: Costo licenza,
      Limitazioni licenza, Supporto Tc; farà la fine di
      IBM con
      OS2Perché dovrebbe farlo ha sempre il 98% del mercato... finche' non scende sotto il 50% non ha nessun senso cambiare.
  • Anonimo scrive:
    libero mercato
    si ma in un libero mercato l'antitrust non dorme...solo perche qualcuno ha finanziato la campagna elettorale al presidente di turno.la UE ha risultati fallimentare perche non sarebbe il suo compito fermare MS ma qualcun'altro.
    Evidentemente se la massa ha optato per utilizzare i
    prodotti Microsoft, un motivo ci sarà pure stato!
    Non credo che Microsoft abbia costretto nessunosecondo iltuo ragionamento le cose vanno cosi perche non potevano andare meglio? e pensi che l'unico modo per costringere qualcuno sia puntargli una pistola alla tempia? e soprattutto la maggioranza ha sempre ragione?
  • Epimenide scrive:
    Re: Sono anni...
    - Scritto da:
    Mac - Sopravviveva e adesso vive solo grazie alle
    politiche protezioniste di Apple che ha
    ricostruito intorno a questo computer
    un'invidiabile immagine di marketing e oggetto
    del desiderio (soprattutto grazie alle continue
    pubblicità dentro film e serie
    tv)Sbagliato: non solo vive ma sta crescendo perché è l'unico sistema che è veramente interoperabile con qualsiasi altro.E, non mi considero il fanatico di turno, so bene di che parlo: non posso fare nomi pubblicamente, ma vedo, da interno ad un'azienda che di supporto a Windows ha fatto la sua vita e ragion d'essere, che sul Mac ci sono sempre più richieste, e da realtà sempre più grandi.Prima che me lo si faccia notare, no, non sto parlando di realtà italiane.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono anni...
      Infatti il mac è l'unica vera alternativa se si ha la fortuna di utilizzare programmi non esclusivi al mondo win
  • Anonimo scrive:
    Il problema è a prescindere...
    ...dal fatto che i provvedimenti sino pro, contro, o neutrali rispetto a MS.Il problema è che in ogni caso la preparazione informatica dei politici è così bassa che il più delle volte i loro provvedimenti in materia sono dei pastrocchi.Per contenere le spinte monopoliste di MS basterebbe imporle di non mettere i suoi siti e programmi come default nell'installazione, di non ridefinire in maniera proprietaria gli standard aperti, di mettere standard aperti come default per i documenti e di non abusare della sua posizione dominante nei rapporti con le aziende, per esempio punendo con prezzi maggiorati chi offre altri SO come opzione, PUNTO.
  • monmartre scrive:
    Re: Sono anni...
    - Scritto da:
    Ogni volta che si parla di os alternativi a winz ...Pienamente concorde
  • Anonimo scrive:
    Re: Sono anni...
    Eppure i contratti killer, come li chiami tu, sono esistiti ed ampiamente documentati da sentenze di tribunale.Ed hanno fatot in modo, anni fa, che il mercato prendesse una precisa direzione.Eppure le applicazioni generiche (browser, media player) vengono inserite come un cancro nel cuore del sistema operativo contribuendo a renderlo instabile ed influenzato dai bug di tali applicazioni.Eppure le informazioni per interfacciarsi con il sistema operativo vengono fornite con il contagocce, o in ritardo, o incomplete.A suo tempo ho seguito un corso per creare applicazioni certificate Windows. Chissà perchè tutte le regole che ci davano erano palesemento disattese dai prodotti office.La domanda è: in un mercato rovinato dal cancro Microsoft e volto alla lobotomia degli utenti, che speranze ci sono?
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono anni...
      I contratti killer li ha fatti nell'ambito dei programmi (IE vs Netscape, WMP vs Realplayer) e solo una volta documentata nell'ambito degli OS e neppure su scala mondiale (il famoso preinstallato vessatorio in giappone contro BeOS prima che diventasse un os di riferimento per il multimedia con tutto quello che avrebbe comportato in una terra dove si sfornano quotidianamente videogiochi e anime).Dopo, finish !A conti fatti, non ha fatto la furba nè più nè meno di molte altre compagnie.
  • MeX scrive:
    tutto merito di questa pubblicità
    si capisce già da subito il migliore no?http://www.youtube.com/watch?v=676q1XjfJzc
  • ilgorgo scrive:
    Re: Concorrenza?
    - Scritto da: [...]
    Ecco, per me MS fa troppo. Il sospetto che si
    approfitti di questa 'pervasività' è forte. Ogni
    componente ha bisogno e funziona bene con gli
    altri: hai bisogno di office? allora ti serve
    windows; hai windows? allora anche IE, Outlook,
    mediaplayer.
    Naturalmente il fatto che MS faccia tutto rende
    le cose più facili: per lavoro sviluppo
    applicazioni su MS: uso visual studio, .Net, C#,
    SQLServer, IIS, WinCE, office, ecc. Certo tutto
    fila liscio, ben integrato quanto volete, ma la
    concorrenza? Provate ad inserire nel processo di
    sviluppo qualcosa che non sia
    MS.
    Il punto è che MS si trova in una posizione
    dominante sul mercato, per cui molto spesso si è
    'costretti' ad usare MS, e d'altra parte MS ha la
    possibilità di influenzare il mercato rendendo
    incompatibili i concorrenti. E' un cane che si
    morde la
    coda.Concordo in pieno.Ormai MS ha creato un sistema integrato di prodotti in cui lavori bene se resti fedele, ma se decidi di usare componenti alternativi hai delle difficoltà o delle limitazioni.Saluti
  • Anonimo scrive:
    Microsoft deve rispettare l'antitrust
    C'e' poco da scrivere e lamentarsi. Nessuna "guerra contro MS": semplicemente le leggi vanno rispettate, e in particolare le aziende con posizione dominante in un mercato devono rispettare le leggi sull'antitrust.
  • Anonimo scrive:
    O invece è comprensibile?
    Per l'utente finale probabilmente il modus operandi di MS non è un grosso problema, anzi, si sente rassicurato dal fatto di non dover avere a che fare con sistemi diversi.Un po' come molte persone pensano che un "dittatore illuminato" farebbe funzionare una nazione meglio di un accrocchio di presidenti, premier e deputati.Poi si trova a dover pagare 600 euro per un sistema operativo, ma non si preoccupa perché pensa di poterlo ottenere "aggratis", così come buona parte del software applicativo.Ma la storia è molto diversa per tutti coloro che invece il software lo scrivono. MS ha una lunga abitudine, a partire dal DOS, nel tenere nascoste buona parte delle API usate per lo sviluppo di applicazioni, API che i programmi MS usano - e pertanto non sono API non documentate perché riservate al sistema e modificabili da una versione ad un'altra.Per gli sviluppatori avere accesso ad una documentazione precisa ed aggiornata è essenziale per produrre applicativi per Windows. Basta poco per tagliare fuori i concorrenti. Basta nascondere un po' di API essenziali, non documentare i protocolli di comunicazione, oppure venderle a caro prezzo, magari solo in bundle con i prodotti di sviluppo MS.Ricordiamo che il successo di MS, e di Windows in particolare, è dovuto al grande numero di applicazioni che sono sempre state disponibili, gran parte delle quali non prodotte da MS. Molto spesso queste applicazioni sono state sottovalutate da Microsoft, che però quando ha visto una certa area esplodere, ha sempre cercato di occuparla con qualsiasi mezzo - compresi alcuni al limite della legalità, e probabilmente ogni tanto anche oltre. Diciamo che spesso "assumere personale qualificato" si è spesso tradotto in "portarlo via ai concorrenti più pericolosi ad ogni costo" - il caso Hejlsberg è probabilmente il più eclatante, ed è uno dei tanti.Mi meraviglio che chi inneggia alle liberalizzazioni, ad esempio le ricariche dei cellulari, poi difenda MS. Se MS Perché allora Telecom non dovrebbe essere libera di farsi pagare le ricariche?
  • ruppolo scrive:
    Per cortesia,
    Signor Andrea Moro, va bene non sputare sul piatto dove si mangia, ma un minimo di rispetto per le vittime di questo vergognoso monopolio, questo ce lo deve!
  • Anonimo scrive:
    Siamo in un regime di libera concorrenza
    Questa frase, che compare nell'articolo, purtroppo non corrisponde a verità. Il ricorso massiccio alla brevettazione nel capo del software distorge questo concetto e rende la competizione impossibile. Delle due l'una: o la UE sancisce una volta per tutte ed inequivocabilmente la non brevettabilità dei concetti espressi da un software, che questo venga eseguito o meno, o deve porre in atto misure alternative per cercare di compensare il problema. Personalmente preferirei la prima delle due, perchè la seconda non porta ai risultati sperati, anzi, con più è grande la multa e con più MS ri rifarà sugli utenti, che continuereanno a non avere alternative.
  • Anonimo scrive:
    La massa ha optato?!?!?
    Dice: "Evidentemente se la massa ha optato per utilizzare i prodotti Microsoft, un motivo ci sarà pure stato!"Il motivo e' che se compri un PC il software M$ ti viene spacciato come se fosse di fatto un firmware... questo e' optare? Questa e' libera concorrenza?Quelli che hanno "optato" sono i fabbricanti, non "la massa" - sembra assurdo nel XXI secolo dovere ancora spiegare queste cosePer favore...
  • Anonimo scrive:
    Consiglio un libro per farsi una idea
    "Alla ricerca della Stupidita'"Gli ultimi 30 anni dell'industria informatica e dell'HiTech, viste da un consulente di marketing che ha lavorato per grandi aziende del mondo hitech.Si legge in una giornata. Il sunto e' che MS e' stata piu' brava a fare meno cappelle degli altri ed a sfruttare le imputature ideologico-tecnocratiche di grandi case che, grazie a queste impuntature, sono letteralmente scomparse.Questo e' il passato.Il futuro? Illuminante e' l'intervista, in una delle ultime pagine, in cui project-manager di MS dice chiaramente: "Word? E' solo la piattaforma base di servizi a disposizione del cliente". Ed il commento e': preparatevi a pagare per l'aggiornamento del correttore ortografico.L'autore (che non e' sicuramente pro-Linux), quindi, ipotizza che in futuro per utilizzare qualsiasi cosa IN PIU' della base si paghera'.Il libro e' del 2005. Non vi pare un po' profetico?Apriamo gli occhi!-- Cesare
    • Anonimo scrive:
      Re: Consiglio un libro per farsi una ide
      - Scritto da:
      "Alla ricerca della Stupidita'"
      Gli ultimi 30 anni dell'industria informatica e
      dell'HiTech, viste da un consulente di marketing
      che ha lavorato per grandi aziende del mondo
      hitech.

      Si legge in una giornata. Il sunto e' che MS e'
      stata piu' brava a fare meno cappelle degli altri
      ed a sfruttare le imputature
      ideologico-tecnocratiche di grandi case che,
      grazie a queste impuntature, sono letteralmente
      scomparse.

      Questo e' il passato.

      Il futuro?
      Illuminante e' l'intervista, in una delle ultime
      pagine, in cui project-manager di MS dice
      chiaramente: "Word? E' solo la piattaforma base
      di servizi a disposizione del cliente". Ed il
      commento e': preparatevi a pagare per
      l'aggiornamento del correttore
      ortografico.

      L'autore (che non e' sicuramente pro-Linux),
      quindi, ipotizza che in futuro per utilizzare
      qualsiasi cosa IN PIU' della base si
      paghera'.
      Il libro e' del 2005. Non vi pare un po'
      profetico?

      Apriamo gli occhi!
      --
      CesareQuoto. Anch'io ho letto quel libro. Molto interessante.
    • Anonimo scrive:
      Re: Consiglio un libro per farsi una idea

      ed a sfruttare le imputature
      ideologico-tecnocratiche di grandi case che,
      grazie a queste impuntature, sono letteralmente
      scomparse.Vero. Capire perché aziende come WordPerfect o Lotus abbiano deciso di commettere harakiri è difficilmente comprensibile. Spesso MS ha avuto la strada spianata da errori madornali dei concorrenti. Sarà anche solo fortuna..Però è anche vero che altre come Borland sono state "attaccate" da MS con una violenza incredibile, pur di non permettergli di fare concorrenza.Una delle poche a resistere è stata Oracle, anche perché poggia una gamba su un terreno che per ora MS non è ancora in grado di attaccare.
      l'aggiornamento del correttore
      ortografico.Ovvio. Quando hai il monopolio fissi il prezzo. È questo il semplice motivo per il quale si tenta di evitare i monopoli. Ed è per questo che le aziende tentano di imporre il monopolio, massimizza i profitti senza sforzo.
      • pippo75 scrive:
        Re: Consiglio un libro per farsi una ide


        Però è anche vero che altre come Borland sono
        state "attaccate" da MS con una violenza
        incredibile, pur di non permettergli di fare
        concorrenza.Borland ci ha messo del suo per farsi del male e si e' anche impegnata a fondo.a: comprare Dbase.b: Inprise, sperando che cambiare nome.c: Delphi 3 e 4 ( lo hanno ammesso anche loro ).d: un IDE all'anno ( come se si dovesse sempre cambiare, considerando le incompatibilita' ).e: Documentazione sempre peggio........
        • Anonimo scrive:
          Re: Consiglio un libro per farsi una ide

          Borland ci ha messo del suo per farsi del male e
          si e' anche impegnata a fondo.Questo è successo dopo. La vera lotta si svolse prima, quando Borland osò sfidare la "gallina dalle uova d'oro" di MS, aka Office. Credo che in quel momento MS capì che Borland doveva essere fermata, perché era il concorrente più pericoloso. Borland uscì malmessa dallo scontro, e da allora ha inanellato una serie di pessimi CEO (da Yocam a Nielsen), senza una visione.Il solo fatto che siano rimasti in piedi comunque dimostra il valore di certi prodotti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Consiglio un libro per farsi una ide
      Il concetto è:Tu cliente, quello con i soldi per intenderci, cerchi qualcosa da un determinato prodotto X che io produttore posso offrirti ?Io produttore, visto che voglio i tuoi soldi, farò in modo di accontentare la tua richiesta con un grosso sorriso.Quando arriverò a casa bestemmierò contro la tua immensa stupidità, non me ne farò una ragione, ma poi il mio sguardo cadrà sul portafoglio che s'è gonfiato di parecchi cm dei tuoi soldi e lì mi passerà tutto.Chiaro perchè microsoft vale vagonate di miliardi di dollari ?
  • Msdead scrive:
    Tutti addosso ad MS e alla fine...
    Anch'io ho seguito da vicino il percorso dell'antitrust contro Microsoft, ho visto come la Kroes vuole parità e accessibilità per tutti i concorrenti di Microsoft e, nonostante gli sforzi della stessa, ci sono molte cose che sono tenute all'oscuro.Neelie Kroes, come tutta la commissione europea, sta cercando inutilmente di fermare abusi che ormai,se ci sono stati e ci sono stati da sempre, non può contrastarli adesso.Ora Microsoft è potente, conosciuta come i suoi prodotti, ha rivoluzionato tutto e...perchè no, sta aprendosi molto lentamente verso l'opensource (per supportarlo o farlo fuori non lo so) e sopratutto si preoccupa di un problema che, nella situazione attuale, non può essere fermato ma solo rallentato.Microsoft ha usato abusi?Se sì, da quanto?Da sempre credo...non certo da due giorni o due mesi o due anni.Il mio nick "msdead" non è assolutamente per dire che voglio Microsoft defunta, schiacciata o chissà che altro, questo nick lo ho scelto perchè sono contro ogni limitazione che ci viene imposta ora e in futuro, sono contro il DRM, le attività che le major e chi detiene il potere stanno promuovendo per un mondo dove non esiste scelta, libertà e privacy.Un mondo che anche l'Europa, tramite la commissione, ha scelto di voler appoggiare, dimostrando insieme alle major, associazioni, artisti che noi non serviamo per nessuno o quasi.Serviamo ai loro scopi e stiamo facendo il loro gioco, il gioco in cui ci vedremo rinchiusi in una grande prigione.La commissione europea invece di pensare, appunto, ai reali problemi, all'evoluzione del modo di pensare degli utenti, di internet, di come la gente ha scelto di procurarsi materiale come musiche, film, software illegalmente o legalmente via internet, invece di pensare sul serio ai suoi utenti (già depenalizzare il download privato è un passo avanti), sta cercando di ostacolare un'azienda che ormai è impossibile correggere, Microsoft può ammettere da sola di aver abusato di alcuni metodi e autocorreggersi, ma ho seri dubbi che lo faccia, sopratutto se questo gli ha consentito di prevalere sul mercato.La commissione europea dovrebbe invece pensare come RIAA, MPAA e altre associazioni annesse, stiano in tutti i modi creando terrorismo su internet, stiano cercando di aggrapparsi a qualunque sciocchezza per recuperare gli introiti,la UE dovrebbe pensare ai suoi utenti e consumatori che vengono messi con sempre più limitazioni, libertà e privacy distrutte, non sanno più cosa è giusto e cosa è sbagliato, invece di migliorare la UE sta contribuendo alla distruzione di qualche legge Costituzionale, leggi sulla privacy e quant'altro.Certo, se uno ha commesso un reato penale, ucciso o rapinato deve essere punito, ma quando sono milioni e milioni le persone che scaricano, che nonostante le sanzioni e le misure per proteggere i diritti d'autore (sacrosanti intendiamoci) non bastano, nessuno si chiede e si è chiesto "Perchè nonostante le nostre leggi, sanzioni, multe, i consumatori continuano con il download da reti P2P?", nessuno si domanda "perchè tutte le protezioni create sino ad ora vengono deliberatamente massacrate?", no loro pensano a distruggere Microsoft, promuovono DRM, distruggono i nostri diritti civili, lasciano le cose più importanti fuori dalla porta perchè hanno il potere e i soldi, di chi è sotto non gli frega, ma pensano invece a mettere i bastoni fra le ruote ad un'azienda che, onestamente, mi piace per tante cose, ci vorrei fare un bel giro esplorativo all'interno (magari in un'altra vita)e che avrà abusato in tutti questi anni e non gli hanno mai fatto niente di serio come ora però pensano alla distruzione della libertà dei consumatori, di limitare in tutti i modi gli utenti stessi, di privilegiare le associazioni che tranquillamente vengono a vedere cosa abbiamo di bello (e di brutto) nei nostri computer, preferiscono vederci in prigione che migliorare la situazione dell'Europa e delle nuove tendenze di internet.Lasciate perdere Microsoft e pensate a cose molto più importanti, come noi per esempio!
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutti addosso ad MS e alla fine...
      - Scritto da: Msdead

      Un mondo che anche l'Europa,
      tramite la commissione, ha scelto di voler
      appoggiare, dimostrando insieme alle major,
      associazioni, artisti che noi non serviamo per
      nessuno o quasi.L'UE pensa soprattutto all'economia, e per l'economia le Major sono più importanti di noi.
      la UE dovrebbe pensare ai suoi utenti e
      consumatori che vengono messi con sempre più
      limitazioni, libertà e privacy distrutte, non
      sanno più cosa è giusto e cosa è sbagliato,
      invece di migliorare la UE sta contribuendo alla
      distruzione di qualche legge Costituzionale,
      leggi sulla privacy e quant'altro.Perchè dovrebbe pensare ai consumatori? La "libertà" e la "privacy" non generano introiti. Il Mercato è vitale, i nostri "diritti" no.
      quando sono milioni e
      milioni le persone che scaricanoSolo perchè sono tanti che lo fanno non significa che sia legale. La legalità consiste anche nell'imporre comportamenti alla maggioranza, volente o nolente.
      preferiscono vederci in prigione che migliorare
      la situazione dell'Europa e delle nuove tendenze
      di
      internet.Cosa c'è da migliorare? Internet verrà ricondotto entro i binari fortemente voluti da politica ed economia. Non c'è niente da dire o da fare.
      • Msdead scrive:
        Re: Tutti addosso ad MS e alla fine...
        Sono tante le cose da migliorare invece, anche se una cosa non genera profitto non vuol dire che non sia importante, se ragioni così allora anche la tua vita non genera profitto alle major quindi potrebbero pure farti fuori che tanto non gliene frega, come la vita di un bambino o di chiunque.Nel mondo informatico ma anche più in generale, ci sono cose molto più importanti che massacrare o rendere la vita difficile ad un'azienda che forse ha abusato da molto tempo e che comunque sia, ormai, è molto potente e famosa...L'Europa ha bisogno di nuove centrali elettriche, nuove strutture di comunicazione e tante altre cose, che migliorano la vita e la salute di tutta l'europa e delle persone stesse.Ce ne sono tante di cose che non generano profitto a nessuno ma che sono ugualmente importanti più dei soldi e del potere, la vita è una di queste.L'Europa cresce ed è indietro in tecnologia, le strutture sono obsolete, c'è bisogno di rinnovare ogni cosa, migliorare la vita di tutti, perchè ora la situazione è pericolosa e rimandare sempre può portare gravi conseguenze o comunque dei problemi.Il primo problema più importante è il pianeta in cui viviamo, si sta scaldando e dobbiamo riparare immediatamente la faccenda.Black-Out, poca acqua...dobbiamo riparare questa situazione e subito, prima di ogni altra cosa.Ricordatevi tutti che una cosa non può essere ritenuta meno importante se non genera profitto, qualunque sia il campo.
      • Alessandrox scrive:
        Re: Tutti addosso ad MS e alla fine...
        - Scritto da:
        - Scritto da: Msdead

        Un mondo che anche l'Europa,

        tramite la commissione, ha scelto di voler

        appoggiare, dimostrando insieme alle major,

        associazioni, artisti che noi non serviamo per

        nessuno o quasi.
        L'UE pensa soprattutto all'economia, e per
        l'economia le Major sono più importanti di
        noi.Cosa intendi per "economia"?
        Perchè dovrebbe pensare ai consumatori? La
        "libertà" e la "privacy" non generano introiti.
        Il Mercato è vitale, i nostri "diritti"
        no.Ma il mercato e' sempre associato all' idea di liberta' (il cosiddetto "libero mercato" che poi non e' mai libero del tutto e per fortuna), quindi la liberta' e' vitale al mercato.Quel che succede e' un altra cosa: per CERTE aziende e' Vitale che iol mercato sia libero per LORO e basta. Questa e'ì un altra faccenda e tutt altro che scontata. l' UE non puo' fare gli interessi di pochi a scapito della collettivita'.
        Cosa c'è da migliorare? Internet verrà ricondotto
        entro i binari fortemente voluti da politica ed
        economia. Non c'è niente da dire o da
        fare.IO non credo.
  • erossini scrive:
    Sono d'accordo
    Desideravo solamente esprimere la mia opinione in merito: sono d'accordo con te su tutta la linea.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono d'accordo
      - Scritto da: erossini
      Desideravo solamente esprimere la mia opinione in
      merito: sono d'accordo con te su tutta la
      linea.Io no
  • Zaclist scrive:
    mapeccarità...
    Si chiama sindrome di Stoccolma. :-))
  • Anonimo scrive:
    Presupposti
    Hai detto benissimo, viviamo in una societa' democratica, pertanto vorrei dirTi la mia:1 - Per prima cosa, i presupposti sono errati: nel tuo articolo scrivi "Parliamoci chiaro. Siamo in un regime di libera concorrenza e chiunque potrebbe fare concorrenza a Microsoft.". NO! Non e' libera concorrenza, infatti l'Antitrust e' intervenuto per questo;2 - Tuttavia una azienda, in un Paese libero, puo' assumere il monopolio in un settore a patto che lo faccia lealmente e per propri meriti. Insomma, perche' e' piu' bravo degli altri. E' gia' stato dimostrato in altri processi che questo non e' il caso MS: licenze per processore/sistema, dumping, boicottaggio dei concorrenti, vaporware e tutto il resto hanno reso grande la MS. L'antitrust, giustamente, indaga. Anzi fa ben poco poiche' non ha ancora fatto cessare molti comportamenti illegali;3 - Esempio: dalle mail interne della MS (acquisite ai processi) si leggeva chiaramente che DR-DOS 5 era superiore all'MS-DOS. Parola di Microsoft, e riscontrabile negli atti dei processi. Windows (al tempo 3.1) fu modificato in modo da risultare instabile e andare in crash se veniva fatto girare su DR-DOS (piu' performante). Inoltre veniva chiesto all'utente di contattare la hot line Microsoft, riportando un determinato codice di errore.La hot line Microsoft rispondeva che il problema era dovuto a DR-DOS e SCHEDAVA il cliente. Doppio risultato: cambiare SO e schedare richieste. NOTA - non e' un parere, e' quanto e' stato scientificamente dimostrato in processo, sorgenti alla mano;4 - Comunque il nostro esempio e' utile per analizzare anche la politica del vaporware: quando DR-DOS 5 usci', tutti si accorsero della sua superiorita' tecnica (ed economica oltretutto, poiche' usciva anche come upgrade).Microsoft, pur non avendo nessun aggiornamento in casa, niente di pronto, dichiaro' che il suo MS-DOS 5 stava uscendo ed aveva caratteristiche incredibili! Niente di quanto visto prima! Questo fu il classico vaporware: la battaglia non era piu' sul piano tecnico, DR-DOS era pronto e li' sullo scaffale, pronto per essere acquistato. Nessuno pero' lo acquistava, perche' a giorni sarebbe uscito MS-DOS 5. Peccato che non usciva mai, e tutti aspettavano e credevano al Billy. I mesi passavano, passavano senza che niente succedesse. Quando MS-DOS usci', non aveva alcuna caratteristica innovativa (anzi faceva schifo) ma DR-DOS era morto d'inedia sullo scaffale. Risultato: Microsoft RADDOPPIO' il prezzo di MS-DOS;5 - Attualmente il prezzo di MS-DOS e' raddoppiato ancora. Lo paghi acquistando un qualsiasi PC;6 - Parliamo di OS/: era sviluppato da IBM e Microsoft. Ti ricordi delle dichiarazioni congiunte: "Windows sara' per l'home computing e OS/2 per i sistemi professionali". Parola di Bill Gates, che come sai, vale quanto il letame sul badile. OS/2 non usciva mai, sempre in ritardo. IBM si lamentava con Microsoft, cosi' come anche tutte le altre software house, impegnate a PORTARE I LORO SOFTWARE SU OS/2!. Infatti era Billy stesso ad insistere: portate i vostri software alla nuova piattaforma!!!! Risultato: OS/2 usci' con Windows NT. Tutti si sorpresero: cos'e' Windows NT? Mentre il team di OS/2 veniva privato della sue migliori menti, Billy segretamente preparava il nuovo software che lo avrebbe ucciso, e lo foraggiava con i migliori programmatori.Le nuove applicazioni erano gia' pronte! IBM era spiazzata, ovviamente in maniera illegale, cosi' come erano spiazzate tutte le altre aziende (sempre in maniera illegale) che avevano portato i loro software su una piattaforma gia' morta!7 - Questo e' solo l'inizio. Ovviamente e' tutto documentato dai processi, dai libri, dalle biografie e tutto il resto.Perche' l'Antitrust indaga? Perche' il comportamento dell'aziendina di Redmond e' altamente illegale. Mi sembra un buon motivo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Presupposti
      quoto
    • Anonimo scrive:
      Re: Presupposti
      Ovviamente questa e' una lista minima delle "cosette" che potrebbero essere imputate alla Microsoft. Probabilmente l'autore del post si e' fermato a 7 perche' e' il numero magico, ma:- come dimenticare la diatriba Apple-Microsoft? alla stessa maniera, quando Apple aveva una fame esagerata di applicazioni, fecero un patto con MS in modo da passare informazioni sensibili per lo sviluppo di applicazioni su quella piattaforma. Risultato: nacque Windows,e nacque male. Macintosh comunque aveva almeno 7 anni di vantaggio. Venne uccisa con le applicazioni, giusto?- I famosi produttori di pen pad furono costretti a chiudere per un accordo sicuramente non tecnico stretto dalla Microsoft con i produttori di PC: "se volete continuare a vendere i nostri prodotti (i.e. Windows, MS-DOS e le applicazioni Office) e a montarli sui vostri PC NON potete vendere i pen-pad altrui". (anche se Microsoft non aveva alcun prodotto nel settore). C'erano dei prodotti pen-pad sicuramente validi e tecnicamente vincenti, ma le aziende che le producevano si vedevano sbattere la porta in faccia dai rivenditori.Avevano tutti paura della minaccia Microsoft. Siccome MS ha il monopolio dei sistemi operativi e delle applicazioni Office, non puoi vendere un PC senza il software MS.Quindi, sfruttando il monopolio, hanno chiuso e per sempre il discorso delle applicazioni pen-pad! Questa NON E' LIBERA CONCORRENZA e non e' nemmeno legale. Anni dopo sarebbe arrivato WinCE;- Vobis vendeva, al tempo, Windows for Workgroup e PC-DOS. La scelta era dettata dal fatto che PC-DOS era indiscutibilmente superiore all'MS-DOS.Peccato che questa scelta costo' loro la ritorsione di Microsoft: "se volete continuare nella vostra [scellerata] scelta, ne pagherete le conseguenze". Microsoft triplico' il prezzo di Windows for Workgroup per Vobis, il quale si ritrovo' fuori mercato. D'altronde era impossibile vendere un PC senza Windows. Pertanto i nostri cugini tedeschi (siamo nell'UE) dovettero rinunciare a MS-DOS ed il prezzo di Windows torno' normale. Risultato: un prodotto tecnicamente superiore non riusciva a trovare un rivenditore che lo adottasse, per paura di ritorsioni da parte di MS.C'e' tanta carne al fuoco per l'antitrust, pensa a quanti posti di lavoro sono stati bruciati per arricchire il Guglielmino...
    • Anonimo scrive:
      Re: Presupposti
      - Scritto da:
      Hai detto benissimo, viviamo in una societa'
      democratica, pertanto vorrei dirTi la
      mia:

      1 - Per prima cosa, i presupposti sono errati:
      nel tuo articolo scrivi "Parliamoci chiaro. Siamo
      in un regime di libera concorrenza e chiunque
      potrebbe fare concorrenza a Microsoft.". NO! Non
      e' libera concorrenza, infatti l'Antitrust e'
      intervenuto per
      questo;Se intendi questohttp://www.aduc.it/dyn/documenti/docu_mostra.php?id=126588leggi bene cosa dichiara la denuncia:"ADUC - associazione per i diritti degli utenti e consumatoriCONTRO:MICROSOFT in persona del legale rappresentante p.t., in qualità di proprietario del sistema operativo per Personal Computer Windows, nonchéACER, ASUS, COMPAQ, DELL, FUJITSU-SIEMENS, HP, IBM, PACKARD BELL, SONY, TOSHIBA, ovvero tutti i principali produttori di Personal Computer che operano sul mercato italiano, tutti in persona dei loro rappresentanti legali. "Ci sono tutti, non c'e' solo il lupo contro gli agnellini.Se invece intendi altre denunce, tira fuori anche TUTTE le cause tra i vari attori dell'ITC negli ultimi 25 anni (tipo AMD-Intel, ma ce ne sono a centinaia), ti accorgerai che MS si e' solo allineata ai concorrenti...

      2 - Tuttavia una azienda, in un Paese libero,
      puo' assumere il monopolio in un settore a patto
      che lo faccia lealmente e per propri meriti.
      Insomma, perche' e' piu' bravo degli altri. E'
      gia' stato dimostrato in altri processi che
      questo non e' il caso MS: licenze per
      processore/sistema, dumping, boicottaggio dei
      concorrenti, vaporware e tutto il resto hanno
      reso grande la MS. L'antitrust, giustamente,
      indaga. Anzi fa ben poco poiche' non ha ancora
      fatto cessare molti comportamenti
      illegali;Scusa, quali sono? Un conto sono le controversie del passato, un conto e ' dire che ora "non ha ancora fatto cessare molti comportamenti illegali" senza elencare quali sono... e' vaporware anche questo?

      3 - Esempio: dalle mail interne della MS
      (acquisite ai processi) si leggeva chiaramente
      che DR-DOS 5 era superiore all'MS-DOS.[cut]Questo e' un esempio corretto, peccato che sia vecchio di 17 ANNI !!E peccato che Wikipedia non la racconti come te la storia e non riporti la stessa cosa sul problema di avvio di Windows 3.1 su DR-DOS, perche' era gia' stato patchato.Insomma, mettetevi d'accordo almenohttp://it.wikipedia.org/wiki/DR-DOS"Patching per contrastare MicrosoftFu semplice per Digital Research patchare DR-DOS per evitare il 'controllo di autenticità' di Windows 3.1 beta, e la versione corretta fu disponibile 6 settimane dopo il rilascio di Windows 3.1. Con una strategia di pubblicità migliorata e una confezione riveduta, un sistema di gestione della memoria molto avanzato, compressione del disco e il software di caching Super PC-Kwik, DR-DOS 6.0 aveva un valore innegabile e riscosse facilmente un grandissimo successo."

      4 - Comunque il nostro esempio e' utile per
      analizzare anche la politica del vaporware:[cut]
      DR-DOS era morto d'inedia sullo scaffale.
      Risultato: Microsoft RADDOPPIO' il prezzo di
      MS-DOS;Veramente Wiki dice diversamente, semplicemente DR fu mangiata da Novell, ma questa e' cosa buona e giusta..."In questo periodo, il gigante del networking Novell acquistò Digital Research, allo scopo di utilizzare la linea di prodotti DR come leva nella sua complessa strategia per interrompere il monopolio Microsoft. (Si trattò di una campagnia acquisti massiccia, coronata da un severo fallimento, per Novell: la ditta acquisì WordPerfect Corporation quasi nello stesso momento, alcuni prodotti Borland, e investì massicciamente anche in Unix.)"Insomma, Novell, che non era proprio piccolina come azienda, ci ha provato, chissa' mai che la fronda interna del networking non abbia invece remato contro per paura di perdere potere?

      5 - Attualmente il prezzo di MS-DOS e'
      raddoppiato ancora. Lo paghi acquistando un
      qualsiasi
      PC;Ma non mi dire, il license agreement di XP o Vista mi permette di installare anche MS-DOS?O bella, non lo sapevo! :)

      6 - Parliamo di OS/2[cut]Anche qui Wiki non riporta quello che dici tu, anzi...http://it.wikipedia.org/wiki/OS/2"Nel 1989 viene rilasciata la versione 1.2 (nome in codice Sloop), con un PM migliorato: nella versione EE compaiono il nuovo file system HPFS e il linguaggio REXX. Intanto si stanno affermando i processori 80386 e IBM mette in cantiere OS/2 2.0, che dovrà essere interamente a 32 bit e solo per processori 80386, abbandonando i vecchi 286. Ormai però l'alleanza con la Microsoft è sempre più tesa a causa dei tempi lunghi che la IBM impone, ritardando l'adozione definitiva di una interfaccia grafica per il nuovo sistema operativo, e poco dopo decide di staccarsi dal progetto per sviluppare una propria versione di OS/2, che più tardi verrà ribattezzata Windows NT. Dalla fine del 1990 in poi la IBM si fa carico da sola dello sviluppo di OS/2."Insomma, tra il 1989 e il 1992 abbiamo un prodotto che e' gia' superiore a DOS+Windows, con tanto di emulatore per supportare le applicazioni Windows (quindi i programmatori non dovevano riscrivere le loro applicazioni...), eppure non vince... Perche'?Prova ad indovinare, anche li', la fronda interna dell'HW e dei sistemi mini non vide di buon occhio il possibile successo di un pezzo di SW, daltronde si sa, in IBM i soldi si fanno col ferro e con i contratti di assistenza, mica con gli OS nudi e crudi...

      7 - Questo e' solo l'inizio. Ovviamente e' tutto
      documentato dai processi, dai libri, dalle
      biografie e tutto il
      resto.

      Perche' l'Antitrust indaga? Perche' il
      comportamento dell'aziendina di Redmond e'
      altamente illegale. Mi sembra un buon
      motivo.Senti, la tua visione e' praticamente inversa a quelle trovate su Wiki, delle due l'una:1. o MS ha comprato anche quella (e allora non ce n'e' per nessuno, vuol dire che tutti hanno un prezzo...), quindi prova a fare modificare gli articoli2. tu hai letto le notizie come meglio ti aggradava, avrai un buon futuro come giornalista (e quelli hanno un prezzo per definizione, politico o economico che sia)
      • Anonimo scrive:
        Re: Presupposti
        http://www.aduc.it/dyn/documenti/docu_mostra.php?i

        leggi bene cosa dichiara la denuncia:

        "ADUC - associazione per i diritti degli utenti e
        consumatori

        CONTRO:

        MICROSOFT in persona del legale rappresentante
        p.t., in qualità di proprietario del sistema
        operativo per Personal Computer Windows,
        nonché
        ACER, ASUS, COMPAQ, DELL, FUJITSU-SIEMENS, HP,
        IBM, PACKARD BELL, SONY, TOSHIBA, ovvero tutti i
        principali produttori di Personal Computer che
        operano sul mercato italiano, tutti in persona
        dei loro rappresentanti legali.
        "

        Ci sono tutti, non c'e' solo il lupo contro gli
        agnellini.

        Se invece intendi altre denunce, tira fuori anche
        TUTTE le cause tra i vari attori dell'ITC negli
        ultimi 25 anni (tipo AMD-Intel, ma ce ne sono a
        centinaia), ti accorgerai che MS si e' solo
        allineata ai concorrenti...Grazie dell'esempio: ovviamente i consumatori se la prendono con chi gli vende il sistema HW+SW. Per fortuna, a perorare la mia tesi, ci sono un sacco di venditori di personal computer (tutti i piu' importanti) ed un solo produttore del software.Se hai degli altri esempi del genere, per favore, postali qui.
        Scusa, quali sono? Un conto sono le controversie
        del passato, un conto e ' dire che ora "non ha
        ancora fatto cessare molti comportamenti
        illegali" senza elencare quali sono... e'
        vaporware anche
        questo?Le licenze "per processore" furono cambiate "per sistema" in modo da aggirare la legge.
        Questo e' un esempio corretto, peccato che sia
        vecchio di 17 ANNI
        !!
        E peccato che Wikipedia non la racconti come te
        la storia e non riporti la stessa cosa sul
        problema di avvio di Windows 3.1 su DR-DOS,
        perche' era gia' stato
        patchato.
        Insomma, mettetevi d'accordo almeno

        http://it.wikipedia.org/wiki/DR-DOSBeh, occorre fare una ricerca. La cosa e' famosa, riportata sui giornali e nelle aule di tribunale, con tanto di nome del programmatore che fece quel piccolo pezzo di codice che mandava in crash Windows in maniera random quando riconosceva DR-DOS.Il termine "patchato" indica un'altra cosa: quando trovi un baco nel sistema scrivi del codice per correggerlo e lo distribuisci.E' ben diverso, qui: l'"errore" e' stato fatto di proposito per scoraggiare l'uso del software concorrente. Quando sono poi stati scoperti, essendo pratica illegale, e' uscita la patch. Occorreva pero' mettere una patch anche alle mail interne che sono state acquisite come prova in tribunale.
        DR fu mangiata da Novell, ma questa e' cosa buona
        e
        giusta...

        "In questo periodo, il gigante del networking
        Novell acquistò Digital Research, allo scopo di
        utilizzare la linea di prodotti DR come leva
        nella sua complessa strategia per interrompere il
        monopolio Microsoft. Scusa, ma come fai a non ricordare? La notizia e' errata: non fu "In questo periodo" bensi' molto tempo dopo.Non ti ricordi? Al tempo dell'acquisizione Gary Kildall era gia' stato assassinato in circostanze piuttosto misteriose.
        (Si trattò di una campagnia
        acquisti massiccia, coronata da un severo
        fallimento, per Novell: la ditta acquisì
        WordPerfect Corporation quasi nello stesso
        momento, alcuni prodotti Borland, e investì
        massicciamente anche in
        Unix.)"

        Insomma, Novell, che non era proprio piccolina
        come azienda, ci ha provato, chissa' mai che la
        fronda interna del networking non abbia invece
        remato contro per paura di perdere
        potere?
        Grazie per proporre un altro esempio: al tempo Microsoft non aveva alcun prodotto di rete valido per competere con Novell. Praticamente era causa persa.A questo punto si invento' una "fusione" con Novell. La Novell non avrebbe mai voluto, ma il colosso di Redmond si dimostrava interessato e gli interessi degli azionisti venivano prima.Risultato: la fusione non fu mai fatta, ma Novell fu costretta a stare in attesa... l'obiettivo era ritardare l'acquisizione della Digital Research fintanto che il DR-DOS fu ucciso completamente.D'altronde se Microsoft propone una fusione, nessuna azienda e' libera di tirarsi indietro, visto che ci sono gli azionisti a premere.Per questo motivo l'antitrust indaga, no?



        5 - Attualmente il prezzo di MS-DOS e'

        raddoppiato ancora. Lo paghi acquistando un

        qualsiasi

        PC;

        Ma non mi dire, il license agreement di XP o
        Vista mi permette di installare anche
        MS-DOS?
        O bella, non lo sapevo! :)
        Leggi bene: quando lo acquisti, devi acquistare SIA Windows SIA MS-DOS. C'e' una licenza separata che sei costretto comunque ad acquistare.O bella, non lo sapevi?



        6 - Parliamo di OS/2
        [cut]

        Anche qui Wiki non riporta quello che dici tu,
        anzi...

        http://it.wikipedia.org/wiki/OS/2

        "Nel 1989 viene rilasciata la versione 1.2 (nome
        in codice Sloop), con un PM migliorato: nella
        versione EE compaiono il nuovo file system HPFS e
        il linguaggio REXX. Intanto si stanno affermando
        i processori 80386 e IBM mette in cantiere OS/2
        2.0, che dovrà essere interamente a 32 bit e solo
        per processori 80386, abbandonando i vecchi 286.
        Ormai però l'alleanza con la Microsoft è sempre
        più tesa a causa dei tempi lunghi che la IBM
        impone, ritardando l'adozione definitiva di una
        interfaccia grafica per il nuovo sistema
        operativo, e poco dopo decide di staccarsi dal
        progetto per sviluppare una propria versione di
        OS/2, che più tardi verrà ribattezzata Windows
        NT. Dalla fine del 1990 in poi la IBM si fa
        carico da sola dello sviluppo di
        OS/2."??? Hai mai lavorato su OS/2? Come fai a dire che OS/2 e' stata ribattezzata Windows NT? Non c'entravano proprio niente.

        Insomma, tra il 1989 e il 1992 abbiamo un
        prodotto che e' gia' superiore a DOS+Windows, con
        tanto di emulatore per supportare le applicazioni
        Windows (quindi i programmatori non dovevano
        riscrivere le loro applicazioni...), eppure non
        vince...
        Perche'?Non erano per niente compatibili, neppure nell'interfaccia utente. Fra l'altro OS/2 era bella macchinosa.
        Senti, la tua visione e' praticamente inversa a
        quelle trovate su Wiki, delle due
        l'una:La mia e' la versione risultante dai processi, che Bill Gates HA PERSO!Che poi la pena sia stata ridicola e non abbia portato al giusto smembramento (come successo nei casi simili, per esempio nelle 7 sorelle) e' un altro paio di mutande.
        • Anonimo scrive:
          Re: Presupposti -1
          - Scritto da:
          http://www.aduc.it/dyn/documenti/docu_mostra.php?
          Per fortuna, a perorare la mia tesi, ci sono un
          sacco di venditori di personal computer (tutti i
          piu' importanti) ed un solo produttore del
          software.E allora posta, io ho una mia idea, che MS si sia adeguata all'andazzo del mercato ICT degli ultimi 25 anni, ed abbia ottenuto migliori risultati, che ora bruciano a tutti perche' dimostrano chiaramente la pochezza e la scarsa lungimiranza di alcuni dirigenti, tu invece pensi che MS sia l'unico Satana del sistema.
          Le licenze "per processore" furono cambiate "per
          sistema" in modo da aggirare la
          legge.Da quando in Italia o in Europa c'e' una legge che controlla il Licencing per Core, per CPU o per System?Giusto perche' anche Oracle, HP, SUN ed altre aziendine dovrebbero esserne informate, visto che usano, o hanno usato alla stessa maniera questo tipo di licensing ...

          La patch del DR-DOS
          http://it.wikipedia.org/wiki/DR-DOS
          Beh, occorre fare una ricerca. La cosa e' famosa,Se e' famosa postami i link, non la tua versione, perche' io ti porto Wikipedia, tu nemmeno quella.E se Wiki non ti soddisfa, vai a modificarla, e Open Source...


          DR fu mangiata da Novell, ma questa e' cosa
          buona

          e

          giusta...



          Scusa, ma come fai a non ricordare? La notizia e'
          errata: non fu "In questo periodo" bensi' molto
          tempo
          dopo.
          Non ti ricordi? Al tempo dell'acquisizione Gary
          Kildall era gia' stato assassinato in circostanze
          piuttosto
          misteriose.Ed anche qui le ricerche le devi fare tu e non io, poiche Wiki ti smentisce clamorosamentehttp://en.wikipedia.org/wiki/Gary_Kildall"Novell acquired DRI in 1991 in a deal that netted millions for Kildall."Capito, ci ha fatto pure milioni di dollari nella vendita, chiaru stu fattu?In quanto alla morte, la versione di Wiki e' meno criptica della tua, ma la devo citare io:"On July 8, 1994, Kildall sustained an injury at a Monterey restaurant and refused treatment. [cut]He died three days later at the Community Hospital of Monterey Peninsula"Il resto leggitelo da solo


          (Si trattò di una campagnia

          acquisti massiccia, coronata da un severo

          fallimento, per Novell: la ditta acquisì

          WordPerfect Corporation quasi nello stesso

          momento, alcuni prodotti Borland, e investì

          massicciamente anche in

          Unix.)"



          Insomma, Novell, che non era proprio piccolina

          come azienda, ci ha provato, chissa' mai che la

          fronda interna del networking non abbia invece

          remato contro per paura di perdere

          potere?



          Grazie per proporre un altro esempio: al tempo
          Microsoft non aveva alcun prodotto di rete valido
          per competere con Novell. Praticamente era causa
          persa.
          A questo punto si invento' una "fusione" con
          Novell. La Novell non avrebbe mai voluto, ma il
          colosso di Redmond si dimostrava interessato e
          gli interessi degli azionisti venivano
          prima.Postami i link, ti prego, non ne posso piu' dei tuoi riassuntini senza riferiemnti, voglio i documenti ufficiali visibili da internet, please!To Be Continued - 1
        • Anonimo scrive:
          Re: Presupposti -2

          D'altronde se Microsoft propone una fusione,
          nessuna azienda e' libera di tirarsi indietro,
          visto che ci sono gli azionisti a
          premere.
          Per questo motivo l'antitrust indaga, no?Se l'antitrust dovesse indagare su ogni beota che sta in giro e che spera di arricchirsi facendo una speculazione e poi rimane col culo per terra perche' questa non e' andata a buon fine, non si finirebbe mai.Si chiama Insider Trading, se qualcuno in Novell sapeva notizie riservate doveve forzare l'OPA o contrastare attivamente questabolla, si vede c'hanno provato e gli e' andata male (a Killdall no, visti i milioni della vendita del DR-DOS)






          5 - Attualmente il prezzo di MS-DOS e'


          raddoppiato ancora. Lo paghi acquistando un


          qualsiasi


          PC;



          Ma non mi dire, il license agreement di XP o

          Vista mi permette di installare anche

          MS-DOS?

          O bella, non lo sapevo! :)


          Leggi bene: quando lo acquisti, devi acquistare
          SIA Windows SIA MS-DOS. C'e' una licenza separata
          che sei costretto comunque ad
          acquistare.
          O bella, non lo sapevi?Se te lo dico io da subito che non lo sapevo, e' perche' volevo un link alla EULA di MS, non una tua mera ripetizione, ma ovviamente e' chiedere troppo...







          6 - Parliamo di OS/2[cut]

          ??? Hai mai lavorato su OS/2? Come fai a dire che
          OS/2 e' stata ribattezzata Windows NT? Non
          c'entravano proprio
          niente.Non lo dico io, infatti quello e' un punto di Wiki che potrai sottoporre a revisione (ti ho servito la mossa su di un piatto d'argento, che vuoi di piu'), visto che Windows NT, come Kernel, deriva dal VMS di Dec, a cui MS aveva sottratto molti ottimi programmatori, tra cui Dave Cutlerhttp://en.wikipedia.org/wiki/Dave_CutlerMa l'interfaccia grafica di Windows 3.x, sia 16 che 32 bit, era proprio quella destinata a OS/2...




          Insomma, tra il 1989 e il 1992 abbiamo un

          prodotto che e' gia' superiore a DOS+Windows,
          con

          tanto di emulatore per supportare le
          applicazioni

          Windows (quindi i programmatori non dovevano

          riscrivere le loro applicazioni...), eppure non

          vince...

          Perche'?
          Non erano per niente compatibili, neppure
          nell'interfaccia utente. Fra l'altro OS/2 era
          bella
          macchinosa.Balle, ho lavorato in Vobis nel periodo in cui proponevano senza sovrapprezzo OS/2 al posto di DOS+WIN, indovina qual era la proporzione di OS richiesti?E comunque tu potevi installare Office in OS/2 sfruttando i sottosistemi di emulazione, se poi il tutto era inusabile causa carenza di risorse, non e' colpa di MS ma del marketing di IBM che mai spinse per una ribasso generalizzato del costo dell'HW compatibile e soprattutto della RAM (te credo, senno' a chi lo vendevano l'esosissimo HW originale IBM), cosa invece che MS pianifico' in anticipo per il lancio di Windows95 (poche storie, 8 MB di RAM erano pochi anche per Windows95, ce ne volevano almeno 16 per lavorare decentemente)



          Senti, la tua visione e' praticamente inversa a

          quelle trovate su Wiki, delle due

          l'una:
          La mia e' la versione risultante dai processi,
          che Bill Gates HA
          PERSO!Mi pareva che dal generico MS tu arrivassi prima o poi a citare Belzebu' in persona :)Che ci devi fare, brucia vedere come un "ragazzotto di campagna" sia riuscito, sfruttando gli stessi meccanismi e pratiche discutibile dei concorrenti, ad emergere in soli 30 anni di attivita'...Cosa vuoi che ti dica di piu'? Ripeto, impegnati a far modificare Wiki invece di citare senza linkare.
          Che poi la pena sia stata ridicola e non abbia
          portato al giusto smembramento (come successo nei
          casi simili, per esempio nelle 7 sorelle) e' un
          altro paio di
          mutande.Allora guarda bene nelle tue di mutande, perche' se non l'hai capito le 7 sorelle ci sono ancora e sono vive e vegete e lavorano di comune accordo, altro che storie di smembramenti.Ovviamente fa' piu' comodo cercare le pagliuzze nell'occhi altrui che la trave nel proprio... occhio ovviamente, nessun riferimento alle mutande, per carita' :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Presupposti

        Insomma, tra il 1989 e il 1992 abbiamo un
        prodotto che e' gia' superiore a DOS+Windows, con
        tanto di emulatore per supportare le applicazioni
        Windows (quindi i programmatori non dovevano
        riscrivere le loro applicazioni...), eppure non
        vince...
        Perche'?1) OS/2 era pesantuccio per buona parte dei sistemi allora in commercio. 2) La versione veramente compatibile con Win3.1 fu OS/2 3.0 - ma ormai MS aveva già deciso di abbandonare e lanciò Windows 95. Le applicazioni a 32 bit non giravano sotto OS/2.Il vero motivo che portò MS a rompere con IBM fu semplice. OS2 aveva un'API ridisegnata per essere più coerente con quell'accozzaglia di chiamate che è l'API di Windows. Questo però significava incompatibilità. Quando Win 3.1 decollò a partire dal 1991, MS si rese conto che non gli conveniva cambiare API. Così sulla base di una parte di OS/2 costruì un sistema con le stesse API - NT.IBM poi si suicidò puntando su OS/2 senza favorire lo sviluppo di applicazioni. Addirittura acquistò Lotus e invece di focalizzarla su OS/2 lasciò che producesse pessime applicazioni per Windows (ad esempio l'inutilizzabile WordPro 95).Comunque il mio primo Pentium/90 era più veloce con OS/2 3.0 che con Windows 95. Peccato che non ci fosse software, tranne quello Win3.1.
  • Anonimo scrive:
    complimenti per le vedute (...ristrette!
    Eh sì davvero complimenti per questa tua ricostruzione ch eparte da parecchi punti di vista... peccato che siano un po' sballati!Tu parli di comportamento oppressivo? Ma se una ditta VIOLA LA LEGGE che vogliamo fare? Lasciarla libera di continuare? Vogliamo dire povera microsoft facciamo finta di nulla? Fammi capire, tu sei pa la legalità, o no???...E non è questione di opinioni, è questione di sapere un po' le cose come stanno... di essere disincantati ma a quanto pare o sei parecchio giovane o non hai mai capito veraemtne cosa è successo in questi anni...DOVE LO VEDI un prodotto innovativo???? DOVE, dimmi dove, se hanno sempre o copiato o comprato le ditte che facevano qualcosa di interessante...Dove la vedi la competenza in un sistma che ha più bachi di un colabrodo??E meno male che te ne accorgi da te che esplorer è un impiastro!!!Sì siamo in un regime di libera concorrenza ma se l'ANTITRUST h adeliberato che microsoft non rispeta le regole del libero mercato? La vuoi smentire tu?... FAmmi capire...E comunque mostri di ignorare completamente tutte le pratiche sleali, anticoncorrenziali da squali che hanno praticato in tutti questi anni, favorendo anche la pirateria, pur di diffonderw i loro prodotti. Nno si può dire che siano un'azienda corretta!Se lo fossero probabilmente pagherebbero le multe che gli son state fatte e la smeterebbero, invece continuano a fare quello che vogliono. Perchè? Spiegamelo per favore...Non sai che microsoft invece HA sempre COSTRETTO e COSTRINGE ancora i venditori a istallare windope nei loro pc?? Non lo sai??? INFORMATI!!!Apri gli occhietti, dai!!...E tu saresti consulente informatico? Alla faccia!!!...
    • uguccione500 scrive:
      Re: complimenti per le vedute (...ristre
      ...io in parte mi associo al "consulente informatico" che si rimette a winzozz perchè "ready 2 use", facendogli però un appunto: se l'antitrust corregge eventuali comportamenti "scorretti" ci sarà un perchè: se winzozz ha fatto morire tecnologie e innovazioni concorrenti solo perchè poteva permettersi di inglobare un mezzo simile (peggiore?) all'interno del suo windowz questo non lo vede nessuno, che tu non guardi altro che microzozz anche questo invece è abbastanza evidente, insomma: combina le due cose e vedrai che il buon consulente non è quello che consiglia un pezzo di sw che solo dopo anni di patch diventa veramente "ready to use" ma anche quello che al momento è meglio per l'utente finale...e non mi sembra che tu sia uno che appartiene a questa categoria, visto il punto di vista abbastanza ristretto che hai dimostrato...Buon lavoro...
    • Anonimo scrive:
      Re: complimenti per le vedute (...ristre
      Secondo questa filosofia, la Web-Ma ha scelto di utilizzare prodotti Microsoft, che − dato di fatto − sono tra i più diffusi al mondo, in grado di rispondere sia alle esigenze dell’utente casalingo che a quelle della più grande azienda. Questo appare sul suo sito.Il classico "trappolone" nato, cresciuto e ingrassato sulla pelle dell'utonto winzozz.Il classico "esperto" del punta e clicca...ma vada a caghèr!!!! (geek)
    • Anonimo scrive:
      Invece il disincanto a senso unico...
      - Scritto da:
      Eh sì davvero complimenti per questa tua
      ricostruzione ch eparte da parecchi punti di
      vista... peccato che siano un po'
      sballati!Sentiamo i tuoi allora

      Tu parli di comportamento oppressivo? Ma se una
      ditta VIOLA LA LEGGE che vogliamo fare? Lasciarla
      libera di continuare? Vogliamo dire povera
      microsoft facciamo finta di nulla? Fammi capire,
      tu sei pa la legalità, o
      no???...Io penso che tutti i comportamenti scorretti debbano essere sanzionati in assoluto, quindi nel novero dei possibili imputati dovresti mettere buona parte delle aziende IT degli ultimi 25 anni: per esempio, oggi abbiamo un duopolio Intel-AMD, che fine hanno fatto i processori di classe 486 e 586 che 10 fa esistevano e vivevano alla pari?Tipo i "Cyrix" o gli "UMC" o gli "It's ST"?http://cpu-museum.prv.pl/Cucu', i produttori di MB hanno subito la pressione di AMD e Intel, che imposero i loro socket1/slotA per la sesta generazione delle loro CPU, tagliando fuori gli altri concorrenti...Proprio un giochino corretto, vero? Per non parlare di tutte le cause tra Intel e AMD, Intel e DEC, IBM e altri, etc.

      E non è questione di opinioni, è questione di
      sapere un po' le cose come stanno... di essere
      disincantati ma a quanto pare o sei parecchio
      giovane o non hai mai capito veraemtne cosa è
      successo in questi
      anni...Eh, infatti tu si' che sei disincatato, ma a senso unico, altro che storie
      DOVE LO VEDI un prodotto innovativo???? DOVE,
      dimmi dove, se hanno sempre o copiato o comprato
      le ditte che facevano qualcosa di
      interessante...Novell compro' il DR-DOS da DR, IBM compro' il DOS di MS per non comprare il CP/M da Digital Research, Apple copio' l'interfaccia dai sistemi sperimentali della Xerox, MS ha comprato e copiato, ha unito le migliori strategie degli avversari, mi pare: insisto, il tuo disincanto e' a senso unico.Prima di Windows 3.x, quanti PC erano dotati di un windows manager? Pochi, stando ai miei ricordi.Prima di Windows95, quanti PC erano pensati per essere piattaforme multimediali interconnesse in rete?Pochi direi.Per non dire che prima di WindowsNT (1993), i sistemi a 32bit puri per architetture intel si contavano sulle dita di una mano ( e non dico come versioni, ma come installato, vista la spocchia e la sottovalutazione di questo mercato da parte di SUN, HP e IBM stesse)Chi ha detto platealmente "Un pc su ogni scrivania"? Apple, IBM, HP?No, c'ha creduto MS, che a parte la mazzata di MSNetwork (quello si' che fu un flop) seppe recuperare il cammino perduto sulle reti e l'interconnessione ad Internet in brevissimo tempo.Ma tutto questo non e' innovazione, ovvio...
      Dove la vedi la competenza in un sistma che ha
      più bachi di un
      colabrodo??
      E meno male che te ne accorgi da te che esplorer
      è un
      impiastro!!!Giusto giusto, parliamo di sistemi colabrodo...http://www.csoonline.com/pdf/Vista_Vuln_Report.pdfovviamente sei libero di controbattere con argomentazioni serie e strutturate come le sue.

      Sì siamo in un regime di libera concorrenza ma se
      l'ANTITRUST h adeliberato che microsoft non
      rispeta le regole del libero mercato? La vuoi
      smentire tu?... FAmmi
      capire...
      E comunque mostri di ignorare completamente tutte
      le pratiche sleali, anticoncorrenziali da squali
      che hanno praticato in tutti questi anni,
      favorendo anche la pirateria, pur di diffonderw i
      loro prodotti. Nno si può dire che siano
      un'azienda
      corretta!
      Se lo fossero probabilmente pagherebbero le multe
      che gli son state fatte e la smeterebbero, invece
      continuano a fare quello che vogliono. Perchè?
      Spiegamelo per
      favore...Forse perche' una multa da 500 milioni di EURO merita di essere controbattuta?Secondo, perche' a Bruxelles stanno cominciando a grattare il fondo, prima accusano di mettere sw nell'OS che danneggia la concorrenza, ora pretendono che MS pubblichi, magari in GPL, protocolli e codici per permettere alle aziende terze di sviluppare applicazioni.Vedi un po' tu, un fenomeno "cattivo" cerchi di arginarlo, non provi a farlo espandere ancora di piu', giusto?Incoerenti

      Non sai che microsoft invece HA sempre COSTRETTO
      e COSTRINGE ancora i venditori a istallare
      windope nei loro pc?? Non lo sai???
      INFORMATI!!!
      Apri gli occhietti, dai!!...Forza, dammi un solo link di una condanna in cui si prova la coercizione, il sopruso e l'abusto di MS nel proporre i bundle OEM, io so solo di denunce che coinvolgono anche i produttori HW come rei partecipanti, altro che storie:http://www.aduc.it/dyn/documenti/docu_mostra.php?id=126588"SEGNALAZIONE DI ABUSO DI POSIZIONE DOMINANTE EFFETTUATA DA: ADUC - associazione per i diritti degli utenti e consumatoriCONTRO:MICROSOFT in persona del legale rappresentante p.t., in qualità di proprietario del sistema operativo per Personal Computer Windows, nonchéACER, ASUS, COMPAQ, DELL, FUJITSU-SIEMENS, HP, IBM, PACKARD BELL, SONY, TOSHIBA, ovvero tutti i principali produttori di Personal Computer che operano sul mercato italiano, tutti in persona dei loro rappresentanti legali."Il "nonche'" e' congiunzione, non separa i buoni dai cattivi, solo il produttore del sw e i compari di merende dell'HW...
      E tu saresti consulente informatico? Alla
      faccia!!!...E tu che sei anonimo, cosa saresti?
  • Anonimo scrive:
    Le tasse da M$? no grazie
    Tante belle parole, ma nei fatti sono stufo di pagare le tasse a M$ per ogni pc, rete o ufficio della PA.
  • Anonimo scrive:
    Mi piace, quindi va bene
    Piangi per te, ma soprattutto per i tuoi figli:la legislazione in materia antitrust non e' frutto di una favoletta per bambiniAppurato questo fatto banale, e' il caso che tu ti renda conto che come per le sigarette ed il fumo che non causa il cancro (cosa nota piu' di tutte alle aziende che lo vendono e per secoli pagavano studi favorevoli), anche le aziende che si buttano anima e corpo in una gestione "unfair" del mercato, conoscono piu' che bene i guai in cui rischiano di infilarsi (cioe' nessuno, dopotutto non fanno nulla di male): tu nel mentre puoi piangere se fumi, e per il resto in misura minore
  • Xseven scrive:
    Il problema non è (solo) Microsoft...
    ...principalmente, ma le aziende e le pubbliche amministrazione che non permetto di uscire fuori da questi standard. Spesso, spessimo siti di aziende e PA (faccio qualche esempio tanto per citare entrambi i versanti: Le banche e l'agenzia delle entrate)offrono servizi online che obbligano il cittadino/cliente a utilizzare piattaforme ben conosciute, e senza la necessità di tirare fuori tecnologie strane basti pensare alla necessità di utilizzare file come .doc ed .xls che seppur supportanti da piattaforme open, non sempre riescono a creare file completament einteroperabili con i software che gestiscono questi servizi ( soprattutto se ci sono formattazioni perticolari), questo solo per parlare di cose semplici che un cittadino vive ogni giorno. Eppure un semplice supporto a file come i pdf posso risolvere il problema, almeno in parte.Come può un povero "ignorante" in materia sobbarcarsi, oltre al peso di avere un sistema operativo alternativo (con conseguenti difficoltà da parte sua nel gestire periferiche e problemi), il peso dell'inutilità del suo "investimento informatico" che non gli permette di semplificarsi la vita nella gestione dei servizi? Forse con l'avvento dei formati basati sull'xml potremmo vedere dei frutti in interoperabilità, ma cmq è necessario del tempo, e nel mentre magari dare una smossa alle PA..
    • Anonimo scrive:
      Re: Il problema non è (solo) Microsoft...
      Un altro vantaggio che ha Windows nei confronti degli altri OS? I driver.
      • Epimenide scrive:
        Re: Il problema non è (solo) Microsoft..
        - Scritto da:
        Un altro vantaggio che ha Windows Un altro ... e i primi quali sarebbero, di grazia?
        I driver.Punti di vista: personalmente preferisco molto di più avere un sistema in cui debba preoccuparmi di driver il meno possibile (leggi, non ne ho bisogno perché inclusi nell'OS o si installano facilmente e se ne stanno zitti e buoni a fare il loro lavoro), che dover ammucchiare uno sopra l'altro driver di fabbricanti diversi ad ogni aggiornamento di sistema. Fabbricanti che poi, chissà perché, si sentono tutti in dovere di aggiungere features , configurazioni e programmi aggiuntivi assolutamente non consistenti tra loro invece di usare un'interfaccia comune, creando una confusione in cui l'utente si perde...
    • shevathas scrive:
      Re: Il problema non è (solo) Microsoft..

      non sempre riescono a creare file completament
      einteroperabili con i software che gestiscono
      questi servizi ( soprattutto se ci sono
      formattazioni perticolari), questo solo per
      parlare di cose semplici che un cittadino vive
      ogni giorno. Eppure un semplice supporto a file
      come i pdf posso risolvere il problema, almeno in
      parte.dipende, per i documenti che dovrebbero venire solamente letti si potrebbe fare, altrimenti se è anche neccessario elaborare i documenti dell'utente è difficile da un PDF ricostruire il foglio di lavoro excel.
      Come può un povero "ignorante" in materia
      sobbarcarsi, oltre al peso di avere un sistema
      operativo alternativo (con conseguenti difficoltà
      da parte sua nel gestire periferiche e problemi),
      il peso dell'inutilità del suo "investimento
      informatico" che non gli permette di
      semplificarsi la vita nella gestione dei servizi?generalmente le aziende pubbliche cercano di comunicare nel/nei linguaggi maggiormente diffusi, visto che correre dietro a tutte le alternative può essere dispersivo e antieconomico.L'unica soluzione a mio avviso è l'adozione di standard aperti, stadard che chiunque può adottare senza dover pagare royalty a chicchessia.
      Forse con l'avvento dei formati basati sull'xml
      potremmo vedere dei frutti in interoperabilità,
      ma cmq è necessario del tempo, e nel mentre
      magari dare una smossa alle
      PA..Basterebbe una legge che da mandato al ministero dell'innovazione di fissare, mediante regolamento, i formati di documento elettronico che la P.A. è obbligata a dover accettare.
      • reXistenZ scrive:
        Re: Il problema non è (solo) Microsoft..

        dipende, per i documenti che dovrebbero venire
        solamente letti si potrebbe fare, altrimenti se è
        anche neccessario elaborare i documenti
        dell'utente è difficile da un PDF ricostruire il
        foglio di lavoro
        excel.Immagino si riferisse a pdf come alternativa l doc. Oggi alternative open a excel che possono fare da standrd ci sono.
        generalmente le aziende pubbliche cercano di
        comunicare nel/nei linguaggi maggiormente
        diffusi, visto che correre dietro a tutte le
        alternative può essere dispersivo e
        antieconomico.Non sono del tutto d'accordo. Le aziende pubbliche *devono* comunicare con un formato universale e libero, cioè gratuito e aperto.Ciò che fanno ora lo fanno semplicemente per comodità propria, non per la comodità degli utenti. Che poi per la maggior parte degli utenti sia comunque comodo dipende anche dalla larghissima diffusione della pirateria che viene incoraggiata (almeno indirettamente) dal comportamento della pubblica amministrazione.E' un po' come se un annuncio ai cittadini venisse mandato su un canale satellitare a pagamento, contando che tutti o quasi tutti lo vedono, non importa se in regola o no.
        L'unica soluzione a mio avviso è l'adozione di
        standard aperti, stadard che chiunque può
        adottare senza dover pagare royalty a
        chicchessia.Appunto.

        Forse con l'avvento dei formati basati sull'xml

        potremmo vedere dei frutti in interoperabilità,

        ma cmq è necessario del tempo, e nel mentre

        magari dare una smossa alle

        PA..

        Basterebbe una legge che da mandato al ministero
        dell'innovazione di fissare, mediante
        regolamento, i formati di documento elettronico
        che la P.A. è obbligata a dover
        accettare.Accettare in entrata ed erogare in uscita.D'altronde, c'è una legge severissima sugli standard web degli enti pubblici, sarebbe anche ora di estenderlo a tutta la modulistica.
  • Anonimo scrive:
    Apri gli occhi
    Il tuo post è la prova più lampante di quanto tu sia vittima di una monocultura, di un lavaggio del cervello e di un approccio consumistico acritico.Non solo non sai quel che dici, ma il fatto che tu lo dica è terrorizzante (no, non si tratta di essere "antidemocratici", parla pure, ma fai cascare le p@lle).Torna a belare nel gregge
    • Anonimo scrive:
      Re: Apri gli occhi
      Complimenti, questa e' la risposta giusta ad un articolo che, se fosse scritto da una persona che non avesse subito il lavaggio del cervello, sarebbe offensiva,
    • Anonimo scrive:
      Re: Apri gli occhi
      Bla bla bla...ma perchè non ti sviluppi da solo un sistema operativo e lo piazzi su tutti i pc del mondo? E ci lavori su tutta la vita...e magari lo fai gratis...e vai a mangiare alla mensa dei poveri...NON SOPPORTO CHI PARLA CON L'IDEOLOGIA IN TESTA
      • Anonimo scrive:
        Re: Apri gli occhi
        - Scritto da:
        Bla bla bla...ma perchè non ti sviluppi da solo
        un sistema operativo e lo piazzi su tutti i pc
        del mondo? E ci lavori su tutta la vita...e
        magari lo fai gratis...e vai a mangiare alla
        mensa dei poveri...NON SOPPORTO CHI PARLA CON
        L'IDEOLOGIA IN
        TESTAPer parlare credo servano idee. Se non si hanno idee (e quindi un'ideologia) è meglio restar zitti, non credi?
        • Anonimo scrive:
          Re: Apri gli occhi
          - Scritto da:
          Per parlare credo servano idee.per fare credo serva la fatica e il tempo.Qui però tutti parlano e nessuno fa.
          • Anonimo scrive:
            Re: Apri gli occhi
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Per parlare credo servano idee.

            per fare credo serva la fatica e il tempo.
            Qui però tutti parlano e nessuno fa.Ma tu credi davvero che il sig. Gugliemo Cancelli da Redmond abbia realizzato il suo impero lavorando onestamente?In soli vent'anni, poi?Credi davvero che sia accaduto grazie alle sue capacità?Credi davvero al mito della Grande America, patria di ogni opportunità?Ma per favore!!!Quando si ha per socio un uomo la cui madre riparò in Svizzera coi genitori perché, pur essendo ebrei, erano amici di un potente gerarca nazista (portandosi dietro milioni di marchi) e il cui padre altri non era che il banchiere svizzero di tale famiglia, non è affatto difficile creare il popò di azienda che ha creato.Stia solo attento alla menorah che gli hanno acceso sotto gli attributi, però.A Mark Hughes, ad esempio, ha poi fatto una brutta fine, quando non ha servito più allo scopo....
  • Anonimo scrive:
    uhmmmm
    "Evidentemente se la massa ha optato per utilizzare i prodotti Microsoft, un motivo ci sarà pure stato!"... ha chiuso gli occhi e ha fatto copiare il suo software a cani e porci ... e la concorrenza che non ha fatto questo gioco ... poff ... svanita ... mentre il movimento "open" ... beh quello è arrivato alla massa dopo, con la diffusione di internet."ad una azienda che - con tanto di cappello - nel corso di oltre 30 anni si è saputa conquistare il mercato."... questo è vero lo devo riconoscere ... in maniera un po' sporca ma a livello commerciale nulla da ridire ..."Però non scordiamo che questi rendono il pc "ready to use""direi "ready without think" ... la gente si abitua al fatto che tutto funzioni senza metterci la testa ... senza capire, e poi arrivano le fregature ... "Onestamente, come consulente informatico, mi ritrovo invece a combattere tutti i giorni con l'arroganza e la presunzione della gente che - leggendo una rivista da pochi euro comprata in edicola - si atteggia a grande scienziato informatico senza avere quell'umiltà di ammettere che c'è invece sempre da imparare, specie in un settore come quello informatico."e questa? ... fa parte dello stesso articolo???(pur non potendo darti torto non vedo il legame con l'articolo)"Allora vorrei tanto che questi signori a Bruxelles si preoccupassero di questioni un po' più intelligenti, invece che rompere le scatole e sprecare tempo e denaro per niente."Ogni copia di windows preinstallata significa soldi regalati agli stati uniti e questo è negativo per l'economia europea e se ti metti a fare 2 conti vedresti che l'Europa con quei soldi potrebbe svilupparsi un sistema/programmi suoi (o finanziare progetti open) e distribuirli gratuitamente.Questa questione "poco intelligente" costa miliardi di euro ogni hanno alle tasche dell'EuropaHai mai valutato la cosa da questo punto di vista?
    • Anonimo scrive:
      Re: uhmmmm (ARGHHHHHHHH)
      scusate l'erroraccio imperdonabile ... ma è tardi e il sonno vince"ogni hanno alle" :Dmerito il premio "sgrammatica" per il 2007!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: uhmmmm
      - Scritto da:
      "Onestamente, come consulente informatico, mi
      ritrovo invece a combattere tutti i giorni con
      l'arroganza e la presunzione della gente che -
      leggendo una rivista da pochi euro comprata in
      edicola - si atteggia a grande scienziato
      informatico senza avere quell'umiltà di ammettere
      che c'è invece sempre da imparare, specie in un
      settore come quello
      informatico."

      e questa? ... fa parte dello stesso articolo???
      (pur non potendo darti torto non vedo il legame
      con
      l'articolo)Perché non hai capito il senso. Traduco: c'è gente che legge sulle riviste che ci sono alternative a Internet Explorer e Media Player, e mi chiede di installare Firefox e WinAmp, e ciò mi innervosisce e mi rode non poco.
      • danieleMM scrive:
        Re: uhmmmm

        Perché non hai capito il senso. Traduco: c'è
        gente che legge sulle riviste che ci sono
        alternative a Internet Explorer e Media Player, e
        mi chiede di installare Firefox e WinAmp, e ciò
        mi innervosisce e mi rode non
        poco.scusa.. e perché ti rode?
        • Anonimo scrive:
          Re: uhmmmm
          - Scritto da: danieleMM

          Perché non hai capito il senso. Traduco: c'è

          gente che legge sulle riviste che ci sono

          alternative a Internet Explorer e Media Player,
          e

          mi chiede di installare Firefox e WinAmp, e ciò

          mi innervosisce e mi rode non

          poco.

          scusa.. e perché ti rode?Non a me. A quello che ha scritto l'articolo. Io ho solo tradotto il senso della frase.
  • Anonimo scrive:
    si capisce tutto
    si capisce tutto da una frase che hai scritto.... : "... una rivista da pochi euro ...".Puff ... sei vecchio
  • madel28 scrive:
    Microsoft: bene il passato. E il futuro?
    Sono d'accordo con te nel riconoscere i meriti di Microsoft per le cose buone che ha fatto. Questo però non vuol dire che in cambio noi si debba chiudere gli occhi di fronte alle porcate che ogni tanto combina. Essere in una posizione dominante può farti venire in mente "strane idee".Credo che la Commissione faccia bene a tenere d'occhio Microsoft.I motivi per i quali va tenuta d'occhio sono numerosi, e basta seguire un po' Punto Informatico per trovarne di nuovi ogni mese che passa.Se ne vuoi trovare qualcun altro fatti pure un giro su http://t40.no-ip.org, è gratis ^_^.
  • Anonimo scrive:
    L'ambiguita' della parola standard.
    Gia' negli anni '80 era un mezzo inferno.Un sacco di piattaforme chiuse in loro stesse ed incomunicabili,costi relativamente alti.Scommetto di non essere stato l'unico a gridare "Forza procedete con la standarizzazione!".Una piattaforma unica in grado di raccogliere buona parte degli utilizzi generici e che contemporaneamente abbassase i costi di gestione dell'informatica.Ebbene abbiamo avuto quello che cercavamo,la soluzione completa e standarizzata da parte di Microsoft.Ma allora cosa c'e' di sbagliato? Semplice,abbiamo sostituito le molteplici piattaforme chiuse con una sola.Abbiamo guadagnato da una parte abbiamo perso dall'altra.Eppure lo standard e' anche un qualcosa che ci esprime l'idea di condivisione e apertura...e allora? Allora continuiamo a sbagliare l'approccio,a sbagliare la battaglia.Oggi si parla di OpenSource.Ma siamo certi che la standarizzazione all'OpenSource non sia una semplice sostituzione di una piattaforma chiusa con un'altra? (L'open e' chiuso in se' stesso perche' secondo la GPL della FSF non ammette approccio differente al problema...)Insomma a mio avviso il mercato perche' lo si consideri tale e lo si voglia tale,ha bisogno prima di tutto di una cosa precisa: lo standard nel senso di entita' capace di creare condivisione ed apertura,qualcosa che metta tutti i concorrenti alla pari. Credo sia la condizione imprescindibile da tutto.I formati dei file,protocolli di comunicazione ne sono un esempio chiaro e limpido. Senza il sistema TCP/IP non si comunicherebbe,eppure e' implementato dovunque sui sistemi free e proprietari.Per il resto lasciamo che siano gli utenti a decretare il miglior software che per inciso non e' detto sia necessariamente uno solo,anzi.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'ambiguita' della parola standard.
      - Scritto da:
      Gia' negli anni '80 era un mezzo inferno.Un sacco
      di piattaforme chiuse in loro stesse ed
      incomunicabili,costi relativamente alti.Scommetto
      di non essere stato l'unico a gridare "Forza
      procedete con la standarizzazione!".Una
      piattaforma unica in grado di raccogliere buona
      parte degli utilizzi generici e che
      contemporaneamente abbassase i costi di gestione
      dell'informatica.Ebbene abbiamo avuto quello che
      cercavamo,la soluzione completa e standarizzata
      da parte di Microsoft.Ma allora cosa c'e' di
      sbagliato? Semplice,abbiamo sostituito le
      molteplici piattaforme chiuse con una
      sola.Abbiamo guadagnato da una parte abbiamo
      perso
      dall'altra.
      Eppure lo standard e' anche un qualcosa che ci
      esprime l'idea di condivisione e apertura...e
      allora? Allora continuiamo a sbagliare
      l'approccio,a sbagliare la battaglia.Oggi si
      parla di OpenSource.Ma siamo certi che la
      standarizzazione all'OpenSource non sia una
      semplice sostituzione di una piattaforma chiusa
      con un'altra? (L'open e' chiuso in se' stesso
      perche' secondo la GPL della FSF non ammette
      approccio differente al
      problema...)

      Insomma a mio avviso il mercato perche' lo si
      consideri tale e lo si voglia tale,ha bisogno
      prima di tutto di una cosa precisa: lo
      standard nel senso di entita' capace di creare
      condivisione ed apertura,qualcosa che metta tutti
      i concorrenti alla pari. Credo sia la
      condizione imprescindibile da tutto.I formati dei
      file,protocolli di comunicazione ne sono un
      esempio chiaro e limpido. Senza il sistema TCP/IP
      non si comunicherebbe,eppure e' implementato
      dovunque sui sistemi free e
      proprietari.

      Per il resto lasciamo che siano gli utenti a
      decretare il miglior software che per inciso non
      e' detto sia necessariamente uno
      solo,anzi.spiego meglio:
      (L'open e' chiuso in se' stesso
      perche' secondo la GPL della FSF non ammette
      approccio differente al
      problema...)Cioe' la GPL non ammette codice che non possa essere rilicenziato nella sua specifica licenza.Questo significa che anziche' esistere una NDA abbiamo una DA imposta,ecc,ecc.I metodi e l'approccio sono identici a quelli usati dalle licenze commerciali.
      • Anonimo scrive:
        Re: L'ambiguita' della parola standard.
        - Scritto da:
        ...

        Insomma a mio avviso il mercato perche' lo si

        consideri tale e lo si voglia tale,ha bisogno

        prima di tutto di una cosa precisa: lo

        standard nel senso di entita' capace di creare

        condivisione ed apertura,qualcosa che metta
        tutti

        i concorrenti alla pari. Credo sia la

        condizione imprescindibile da tutto.I formati
        dei

        file,protocolli di comunicazione ne sono un

        esempio chiaro e limpido. Senza il sistema
        TCP/IP

        non si comunicherebbe,eppure e' implementato

        dovunque sui sistemi free e

        proprietari.



        Per il resto lasciamo che siano gli utenti a

        decretare il miglior software che per inciso non

        e' detto sia necessariamente uno

        solo,anzi.

        spiego meglio:Per fortuna... chissà se avessi pensato a spiegare peggio... Comunque provo a capire qualche cosa...

        (L'open e' chiuso in se' stesso

        perche' secondo la GPL della FSF non ammette

        approccio differente al

        problema...)Ma dove ?!?!?!?La GPL è UNA licenza open e non LA licenza open. E comunque riguarda il codice e non i formati dei file o i protocolli di comunicazione. Quindi è perfettamente compatibile con la creazione di 'standard' che tu stesso auspichi.
        Cioe' la GPL non ammette codice che non
        possa essere rilicenziato nella sua specifica
        licenza.Questo significa che anziche' esistere
        una NDA abbiamo una DA imposta,ecc,ecc.I metodi e
        l'approccio sono identici a quelli usati dalle
        licenze
        commerciali.Qua ci ho provato (a capire), ma ho dovuto abbandonare l'impresa...
        • Anonimo scrive:
          Re: L'ambiguita' della parola standard.
          - Scritto da:

          - Scritto da:


          ...


          Insomma a mio avviso il mercato perche' lo si


          consideri tale e lo si voglia tale,ha bisogno


          prima di tutto di una cosa precisa: lo


          standard nel senso di entita' capace di creare


          condivisione ed apertura,qualcosa che metta

          tutti


          i concorrenti alla pari. Credo sia la


          condizione imprescindibile da tutto.I formati

          dei


          file,protocolli di comunicazione ne sono un


          esempio chiaro e limpido. Senza il sistema

          TCP/IP


          non si comunicherebbe,eppure e' implementato


          dovunque sui sistemi free e


          proprietari.





          Per il resto lasciamo che siano gli utenti a


          decretare il miglior software che per inciso
          non


          e' detto sia necessariamente uno


          solo,anzi.



          spiego meglio:


          Per fortuna... chissà se avessi pensato a
          spiegare peggio... Comunque provo a capire
          qualche
          cosa...La ringrazio della sua benevolenza.Ma dico che cosa dici? Ma cosa credi?




          (L'open e' chiuso in se' stesso


          perche' secondo la GPL della FSF non ammette


          approccio differente al


          problema...)

          Ma dove ?!?!?!?Viralita' totale.Ne conosci il significato,oppure fai solo finta di sapere le cose?

          La GPL è UNA licenza open e non LA licenza open.Dovrebbe essere UNA licenza open ma nei fatti e' LA licenza open in termini di quanti la usano (secondo me a causa della viralita' indotta,ma e' un mio parere..)Smentiamo anche questo perche' fa' comodo? Valuta i fatti,no??
          E comunque riguarda il codice e non i formati dei
          file o i protocolli di comunicazione. Quindi è
          perfettamente compatibile con la creazione di
          'standard' che tu stesso
          auspichi.Allora per me la piattaforma open e' una piattaforma chiusa perche' si impone l'uso totale della GPL ovunque che grazie alla sua viralita' si completa,chiaro?Il fatto che una GPL protegga e mantenga indipendente uno standard aperto e condiviso (formati non codice) NON vuol dire che vada altrettanto bene per un'applicazione qualsiasi (codice),chiara la differenza?



          Cioe' la GPL non ammette codice che non

          possa essere rilicenziato nella sua specifica

          licenza.Questo significa che anziche' esistere

          una NDA abbiamo una DA imposta,ecc,ecc.I metodi
          e

          l'approccio sono identici a quelli usati dalle

          licenze

          commerciali.

          Qua ci ho provato (a capire), ma ho dovuto
          abbandonare
          l'impresa...Si e' troppo per te.Se la capiresti forse non vedreati piu' FSF come una volta.
          • Anonimo scrive:
            Re: L'ambiguita' della parola standard.
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:




            ...



            Insomma a mio avviso il mercato perche' lo
            si



            consideri tale e lo si voglia tale,ha
            bisogno



            prima di tutto di una cosa precisa: lo



            standard nel senso di entita' capace di
            creare



            condivisione ed apertura,qualcosa che metta


            tutti



            i concorrenti alla pari. Credo sia la



            condizione imprescindibile da tutto.I
            formati


            dei



            file,protocolli di comunicazione ne sono un



            esempio chiaro e limpido. Senza il sistema


            TCP/IP



            non si comunicherebbe,eppure e' implementato



            dovunque sui sistemi free e



            proprietari.







            Per il resto lasciamo che siano gli utenti a



            decretare il miglior software che per inciso

            non



            e' detto sia necessariamente uno



            solo,anzi.





            spiego meglio:





            Per fortuna... chissà se avessi pensato a

            spiegare peggio... Comunque provo a capire

            qualche

            cosa...

            La ringrazio della sua benevolenza.Ma dico che
            cosa dici? Ma cosa
            credi?Lo stesso che evidentemente credi tu, visto che hai ritenuto di dover aggiungere la precisazione alla precisazione...



            (L'open e' chiuso in se' stesso



            perche' secondo la GPL della FSF non ammette



            approccio differente al



            problema...)



            Ma dove ?!?!?!?

            Viralita' totale.Ne conosci il significato,oppure
            fai solo finta di sapere le
            cose?Esistono parole e frasi ripetute a pappagallo. "viralità" è una di queste. Spiega quello che pensi. Possibilmente con parole tue...Il fatto che la GPL richieda di utilizzare codice GPL o compatibile non c'entra un fico. E comunque questo non toglie che non si stava parlando di codice ma di protocolli e formati.

            La GPL è UNA licenza open e non LA licenza open.

            Dovrebbe essere UNA licenza open ma nei fatti e'
            LA licenza open in termini di quanti la usano
            (secondo me a causa della viralita' indotta,ma e'
            un mio
            parere..)Appunto. E' un tuo parere. Di licenze open ne esistono tante e alcune utilizzate forse anche più della GPL.
            Smentiamo anche questo perche' fa' comodo? Valuta
            i
            fatti,no??"Valuta i fatti"... altro slogan ripetuto a pappagallo... Chissà da dove proviene...

            E comunque riguarda il codice e non i formati
            dei

            file o i protocolli di comunicazione. Quindi è

            perfettamente compatibile con la creazione di

            'standard' che tu stesso

            auspichi.

            Allora per me la piattaforma open e' una
            piattaforma chiusa perche' si impone l'uso totale
            della GPL ovunque che grazie alla sua viralita'
            si
            completa,chiaro?No. Per tutti i motivi che ho già spèiegato in precedenza.
            Il fatto che una GPL protegga e mantenga
            indipendente uno standard aperto e condiviso
            (formati non codice) NON vuol dire che vada
            altrettanto bene per un'applicazione qualsiasi
            (codice),chiara la
            differenza?Perfetto. Se e quando scriverai un programma open vorrà dire che adotterai un'altra licenza.Però vorrei che anche i programmi closed utilizzassero standard di intercomunicazione aperti. Eppure non lo fanno. Quindi la GPL mi sembra già un notevole passo in avanti.


            Cioe' la GPL non ammette codice che non


            possa essere rilicenziato nella sua specifica


            licenza.Questo significa che anziche' esistere


            una NDA abbiamo una DA imposta,ecc,ecc.I
            metodi

            e


            l'approccio sono identici a quelli usati dalle


            licenze


            commerciali.



            Qua ci ho provato (a capire), ma ho dovuto

            abbandonare

            l'impresa...

            Si e' troppo per te.Se la capiresti forse non
            vedreati piu' FSF come una
            volta.Si. In effetti anche quest'ultima frase è decisamente troppo per me...
      • Anonimo scrive:
        Re: L'ambiguita' della parola standard.
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Gia' negli anni '80 era un mezzo inferno.Un
        sacco

        di piattaforme chiuse in loro stesse ed

        incomunicabili,costi relativamente
        alti.Scommetto

        di non essere stato l'unico a gridare "Forza

        procedete con la standarizzazione!".Una

        piattaforma unica in grado di raccogliere buona

        parte degli utilizzi generici e che

        contemporaneamente abbassase i costi di gestione

        dell'informatica.Ebbene abbiamo avuto quello che

        cercavamo,la soluzione completa e standarizzata

        da parte di Microsoft.Ma allora cosa c'e' di

        sbagliato? Semplice,abbiamo sostituito le

        molteplici piattaforme chiuse con una

        sola.Abbiamo guadagnato da una parte abbiamo

        perso

        dall'altra.

        Eppure lo standard e' anche un qualcosa che ci

        esprime l'idea di condivisione e apertura...e

        allora? Allora continuiamo a sbagliare

        l'approccio,a sbagliare la battaglia.Oggi si

        parla di OpenSource.Ma siamo certi che la

        standarizzazione all'OpenSource non sia una

        semplice sostituzione di una piattaforma chiusa

        con un'altra? (L'open e' chiuso in se' stesso

        perche' secondo la GPL della FSF non ammette

        approccio differente al

        problema...)



        Insomma a mio avviso il mercato perche' lo si

        consideri tale e lo si voglia tale,ha bisogno

        prima di tutto di una cosa precisa: lo

        standard nel senso di entita' capace di creare

        condivisione ed apertura,qualcosa che metta
        tutti

        i concorrenti alla pari. Credo sia la

        condizione imprescindibile da tutto.I formati
        dei

        file,protocolli di comunicazione ne sono un

        esempio chiaro e limpido. Senza il sistema
        TCP/IP

        non si comunicherebbe,eppure e' implementato

        dovunque sui sistemi free e

        proprietari.



        Per il resto lasciamo che siano gli utenti a

        decretare il miglior software che per inciso non

        e' detto sia necessariamente uno

        solo,anzi.

        spiego meglio:


        (L'open e' chiuso in se' stesso

        perche' secondo la GPL della FSF non ammette

        approccio differente al

        problema...)

        Cioe' la GPL non ammette codice che non
        possa essere rilicenziato nella sua specifica
        licenza.Questo significa che anziche' esistere
        una NDA abbiamo una DA imposta,ecc,ecc.I metodi e
        l'approccio sono identici a quelli usati dalle
        licenze
        commerciali.esempio:mio.c GPLtuo.c GPLaltro.c (secondo voi il file altro.c che per esempio e' coperto dalla licenza "xyx" che licenza dovra' avere? Adesso si capisce il senso della viralita' totale e quindi della "chiusura in senso di opensource" della "piattaforma FSF"?Mi si impone una licenza come nelle piattaforme commerciali mi si impone di non rialsciare i sorgenti.Non e' la stessa cosa,in pratica???)totale.exe (sara' GPL)
    • danieleMM scrive:
      Re: L'ambiguita' della parola standard.
      hai iniziato bene...
      Eppure lo standard e' anche un qualcosa che ci
      esprime l'idea di condivisione e apertura...e
      allora? Allora continuiamo a sbagliare
      l'approccio,a sbagliare la battaglia.Oggi si
      parla di OpenSource.Ma siamo certi che la
      standarizzazione all'OpenSource non sia una
      semplice sostituzione di una piattaforma chiusa
      con un'altra? (L'open e' chiuso in se' stesso
      perche' secondo la GPL della FSF non ammette
      approccio differente al
      problema...)e finito male..ti spiego perchétu parli di STANDARDora.. uno standard DEVE essere per definizione apertoancor meglio se una sua modifica resta aperta, ti pare?ora..prendiamo lo standard OpenDocumented immaginiamo che sia uno standard coperto da GPLqualunque programma può utilizzare quello standard, anche se ha una licenza completamente diversaprendiamo una API qualunque.. stesso discorsoun filesystem.. idemlo stesso kernel Linux, è GPL ma puoi usarlo con applicazioni chiuse e proprietariela GPL ti da la certezza che se quello è uno standard resterà uno standard anche nelle evoluzioni future
      • Anonimo scrive:
        Re: L'ambiguita' della parola standard.

        la GPL ti da la certezza che se quello è uno
        standard resterà uno standard anche nelle
        evoluzioni
        futureVallo spiegare ad asus che nei cd delle sue schede madri ti infila almeno 3 versioni dei stessi driver per 3 versioni diverse del kernel di linux ma si guarda bene dal pubblicizzare la cosa sulla scatola.Se veramente ci fosse questo rispetto degli standard ci sarebbe un set solo di driver compatibile al 100% con tutte le distro e la cosa sarebbe estremamente fatta pesare sulla scatola.
        • danieleMM scrive:
          Re: L'ambiguita' della parola standard.

          Vallo spiegare ad asus che nei cd delle sue
          schede madri ti infila almeno 3 versioni dei
          stessi driver per 3 versioni diverse del kernel
          di linux ma si guarda bene dal pubblicizzare la
          cosa sulla
          scatola.
          Se veramente ci fosse questo rispetto degli
          standard ci sarebbe un set solo di driver
          compatibile al 100% con tutte le distro e la cosa
          sarebbe estremamente fatta pesare sulla
          scatola.non fare il trolli driver non si scrivono per versioni diverse del kernelle uniche differenze che *potrebbero* incorrere sono tra la generazione 2.4.* del kernel e la 2.6.*con buona probabilità quello di cui parli sono pacchetti diverse per diverse distro..e ti informo che puoi installare uno qualsiasi di quei pacchetti su una qualsiasi distro, semplicemente ogni distro ha il suo sistema di "pacchettizzazione" preferito
          • Sgabbio scrive:
            Re: L'ambiguita' della parola standard.
            Io vorrei propio sapere come mai le 2 risposte di DanieleMM siano state bollate come Inutile e Troll..... Non mi sembra che abbia detto delle cose stupide. (scusate OT)
          • danieleMM scrive:
            Re: L'ambiguita' della parola standard.
            - Scritto da: Sgabbio
            Io vorrei propio sapere come mai le 2 risposte di
            DanieleMM siano state bollate come Inutile e
            Troll..... Non mi sembra che abbia detto delle
            cose stupide. (scusate
            OT)me lo sono chiesto anche io...la risposta la sappiamo credo :)i moderatori sono scelti a random tra quelli registrati con "un tot" di punti e periodicamente..e vedo spesso delle moderazioni di parte o perfettamente assurdegrazie comunque Sgabbio
      • Ekleptical scrive:
        Re: L'ambiguita' della parola standard.
        - Scritto da: danieleMM
        qualunque programma può utilizzare quello
        standard, anche se ha una licenza completamente
        diversaA parte che la GPL è una licenza per programmi, non per standard... Cmq aspetta che esca la GPL3, prima di parlare... Stallman ha tutta l'intenzione di renderla una licenza chiusa e manichea.
        • danieleMM scrive:
          Re: L'ambiguita' della parola standard.
          - Scritto da: Ekleptical
          A parte che la GPL è una licenza per programmi,
          non per standard... Cmq aspetta che esca la GPL3,
          prima di parlare... Stallman ha tutta
          l'intenzione di renderla una licenza chiusa e
          manichea.una licenza si può applicare a qualunque cosa.. esistono persino alcuni hardware a cui è applicata la GPL (non dico che sia cosa buona)si parlava di standard nel post a cui ho risposto, e poi si citava la GPL.. quindi ho ripreso quell'andazzo, poco sensato a dire il veroper la GPL3.. sono un po' scettico anche io.. vedremo
  • Anonimo scrive:
    "Soluzioni Informatiche"
    Sa tanto di sparagestionaliVB e/o sparasiti asp. E' chiaro che il tipo non ne ha capito niente, basta leggere certe allucinanti affermazioni:" chiunque potrebbe fare concorrenza a Microsoft ". Penso non ci sia neanche bisogno di commentare. Come fai a fare concorrenza a un'azienda che ha il potere di avere preinstallato il proprio sistema operativo su tutti i PC? Ma ci sei mai andato in un supermarket?" agli inizi, parlo del DOS o di Windows 3.0 o anche dei suoi predecessori, non esisteva niente in grado di rendere il pc "utile" e alla portata di tutti "Ma quanti anni hai 18? Ai tempi di Windows 3.0 già Mac era anni avanti, per non parlare di Amiga che era DECENNI avanti a tutti... Ed erano entrambi assolutamente "alla portata di tutti"... Mah...Vatti a leggere un po' di storia e vedi come Microsoft "si è saputa conquistare il mercato"...
    • shevathas scrive:
      Re: "Soluzioni Informatiche"
      - Scritto da:
      Sa tanto di sparagestionaliVB e/o sparasiti asp.
      E' chiaro che il tipo non ne ha capito niente,
      basta leggere certe allucinanti
      affermazioni:

      " chiunque potrebbe fare concorrenza a
      Microsoft ". Penso non ci sia neanche bisogno
      di commentare. Come fai a fare concorrenza a
      un'azienda che ha il potere di avere
      preinstallato il proprio sistema operativo su
      tutti i PC? Ma ci sei mai andato in un
      supermarket?
      Che differenza c'è rispetto al mac ? perchè se compravo un Apple devo per forza usare MacOS ? perchè la Apple non ha fatto uscire il MacOS per PC ?
      " agli inizi, parlo del DOS o di Windows 3.0 o
      anche dei suoi predecessori, non esisteva niente
      in grado di rendere il pc "utile" e alla portata
      di
      tutti "

      Ma quanti anni hai 18? Ai tempi di Windows 3.0
      già Mac era anni avanti, per non parlare di Amiga
      che era DECENNI avanti a tutti... Ed erano
      entrambi assolutamente "alla portata di tutti"...
      Mah...
      Il pc si è affermato perchè aveva un'architettura aperta, l'Amiga era anni luce avanti ma è stato terminato dalla politica commerciale demenziale della commodore, l'Apple invece era di nicchia e costava molto di più, per i lavori semplici da ufficio che non coinvolgevano in maniera pesante la grafica il PC ibm compatibile era la scelta migliore come rapporto costo prestazioni.Ovviamente aumentando i volumi di vendita della ferraglia questa è diventata molto più economica, quindi ha venduto di più e via via ha conquistato quote maggiori di mercato.
      Vatti a leggere un po' di storia e vedi come
      Microsoft "si è saputa conquistare il
      mercato"...La cosa peggiore è vedere la microsoft come la fonte di tutti i mali e non vedere le cavolate fatte dai diretti concorrenti: la ibm e la sua politica demenziale su OS/2, la ashton-tate e la sua "guerra" contro la comunità di sviluppo di dbIII tanto per fare due esempi classici.Spesso dipingere la M$, che per inciso non cosidero molto innocente, come il satana serve ai concorrenti per evitare di ammettere anche la loro parte di colpe.Per il resto la M$ ha avuto il pregio di aver reso "facile come un MAC" un computer che invece aveva i prezzi di un PC ibm compattibile, è stato questo il fatto che ha lanciato la M$.
      • Alessandrox scrive:
        Re: "Soluzioni Informatiche"
        - Scritto da: shevathas
        - Scritto da:

        Sa tanto di sparagestionaliVB e/o sparasiti asp.

        E' chiaro che il tipo non ne ha capito niente,

        basta leggere certe allucinanti

        affermazioni:



        " chiunque potrebbe fare concorrenza a

        Microsoft ". Penso non ci sia neanche bisogno

        di commentare. Come fai a fare concorrenza a

        un'azienda che ha il potere di avere

        preinstallato il proprio sistema operativo su

        tutti i PC? Ma ci sei mai andato in un

        supermarket?
        Che differenza c'è rispetto al mac ? perchè se
        compravo un Apple devo per forza usare MacOS ?
        perchè la Apple non ha fatto uscire il MacOS per
        PC ?Una bella differenza: Apple non vende S.O. Ma macchine (con componenti prodotti da altri ma con sue specifiche) con sopra un S.O., vendono un prodotto completo con un proprio brand. NOn e' affatto la stessa cosa. Perche' dovrebbe vendere PC con un S.O. della concorrenza?Per il rsto sono daccordo.
  • Anonimo scrive:
    Non lavoro per Microsoft...
    L' ho giò detto un sacco di volte.Spero solo che la microsoft adesso mi assuma per evidente e manifesta manifestazione di fedeltà e giubilo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non lavoro per Microsoft...
      Pero mi girano un sacco tutti questi prodotti di nicchia che non mi obbligano a controllare che i miei sitarelli funzionino a dovere, se tutti avessero IE sarebbe piu facile... ad esempio quella ciofeca di Safari che non mi fa vedere bene il mio sito personale...W Microspot M tutti gli altri
      • Anonimo scrive:
        Re: Non lavoro per Microsoft...
        - Scritto da:
        Pero mi girano un sacco tutti questi prodotti di
        nicchia che non mi obbligano a controllare che i
        miei sitarelli funzionino a dovere, se tutti
        avessero IE sarebbe piu facile... ad esempio
        quella ciofeca di Safari che non mi fa vedere
        bene il mio sito
        personale...
        W Microspot M tutti gli altrise non sei capace di fare siti internet devi prendertela con te stesso
  • Anonimo scrive:
    Concorrenza...
    "Siamo in un regime di libera concorrenza e chiunque potrebbe fare concorrenza a Microsoft."Si certo, sono d'accordo.Solo se i pc venissero venduti "naked", ovvero senza OS preinstallato.Il fatto che obbligatoriamente si debba subire un OS preinstallato stronca la concorrenza sul nascere.
    • Anonimo scrive:
      Re: Concorrenza...
      è giusto mettere sui pc in vendita un SO che ne permetta l'utilizzo da subito. E, almeno per l'italia, considerando l'utente medio sarebbe pressapoco inutile metterci una distro linux. Come unico risultato si farebbe cristonare il povero utente la prima volta che deve aprire il terminale per fare qualcosa.
      • Anonimo scrive:
        Re: Concorrenza...
        e quando c'era il dos e solo quelloallora deve essere venduto un pc con il sitema operativo che desidero compreso il nessun sistemasaltrimenti vengono meno propio le liberta di consumatori ..ops limoni
    • Anonimo scrive:
      Re: Concorrenza...
      Si certo intanto non c'è un solo concorrente che sia capace attraverso accordi commerciali o per capricci di licenza di attrarre a se un supporto ufficiale da parte dei produttori di hardware.Supponiamo anche un pc "naked". Quanti sarebbero quelli che comprato questo pc: A- non ci penserebbero due volte a rimanere con winzB- tenterebbero una strada alternativa e non vedendosi soddisfatti a lv. di supporto hw (cicci belli, cicci cari, non tutti sono disposti a spendere un pacco di soldi in hardware e ad accettare di non poterlo sfruttare perchè mancano i driver seri solo in nome di un'ideologica, ficcatevelo bene in testa)C- passano ad un os alternativo e riescono veramente ad esserne soddisfatti senza essere accecati da strambe ideologieQuesto è il problema da risolvere senza pretendere di fare il lavaggio di cervello alla gente a posto
    • danieleMM scrive:
      Re: Concorrenza...

      "Siamo in un regime di libera concorrenza e
      chiunque potrebbe fare concorrenza a
      Microsoft."
      Si certo, sono d'accordo.io no..microsoft si adopera per rendere chiusi i formati, i protocolli, le specifiche proprio per evitare la libera concorrenza
      Solo se i pc venissero venduti "naked", ovvero
      senza OS
      preinstallato.
      Il fatto che obbligatoriamente si debba subire un
      OS preinstallato stronca la concorrenza sul
      nascere.
      anche qui non sono d'accordovendere pc naked significa:- il negoziante ti vende il pc e ti dice che devi comprare anche windows "vattelapesca" perché se no non lo puoi usarepiuttosto ci vorrebbe più informazione, prima di tutto, ed obbligare i produttori/distributori a fornire delle alternative a microsoft agli acquirenti!obbligare microsoft a fornire la specifica di formati quali: .doc, .xls, .pptla specifica del file system ntfsrilasciare le specifiche dei driver directXe tante altre "piccole" coseQuesto si che produrrebbe libero mercato..
      • Anonimo scrive:
        Re: Concorrenza...
        - Scritto da: danieleMM
        piuttosto ci vorrebbe più informazione, prima di
        tutto, ed obbligare i produttori/distributori a
        fornire delle alternative a microsoft agli
        acquirenti!La tua non si chiama informazione ma coercizione.Obbligare? E perché mai? Questa è la solita soluzione idiota di chi non riesce a farsi apprezzare per quello che è. Da che mi ricordo io, una buona idea nell'informatica alla fine ha sempre avuto la meglio.

        obbligare microsoft a fornire la specifica di
        formati quali: .doc, .xls,
        .pptE dagli con l'"obbligare". Microsoft già dalla versione 2003 consente salvataggi in formati XML aperti. Ora sta pure portando avanti un formato aperto come Open XML. Certo, perché non obbligare MS ausare OpenDocument. In fin dei conti meglio una bella economia pianificata alla sovietica che la libera concorrenza.
        la specifica del file system ntfsE perché mai?
        rilasciare le specifiche dei driver directXCerto, e permettere di perdere il vantaggio di una piattaforma buona anche per giocare.
        e tante altre "piccole" coseCerto: ci aggiungerei obbligare MS a permettere a chiunque di utilizzare il codice sorgente di Windows per scrivere software concorrente, obbligare MS a regalare l'Office, obbligare Bill Gates e tutta la dirigenza MS a bere la cicuta. Niente di infattibile, tutto sommato.

        Questo si che produrrebbe libero mercato..ummmm.... oppure una "repubblica popolare"
        • danieleMM scrive:
          Re: Concorrenza...

          La tua non si chiama informazione ma coercizione.forse sono un po' estremoma sono stufo di andare nei negozi e di sentirmi rispondere che non sanno se una periferica è compatibile con Linux o meno! Certo, posso cercare su google prima di acquistare, ciò non toglie che mi sarebbe più comodo leggerlo all'acquisto..che li obblighino almeno a segnalare la compatibilità bene in chiaro sulle confezioni dei prodotti!e comunque ti pare corretto che quasi non si trovino computer con preinstallato qualcosa di diverso da Microsoft Windows??almeno che si mettano gli utenti davanti alla scelta!
          Obbligare? E perché mai? Questa è la solita
          soluzione idiota di chi non riesce a farsi
          apprezzare per quello che è. Da che mi ricordo
          io, una buona idea nell'informatica alla fine ha
          sempre avuto la
          meglio.mi basta una parola per invalidare il tuo discorso: "OpenGL"

          obbligare microsoft a fornire la specifica di

          formati quali: .doc, .xls,

          .ppt

          E dagli con l'"obbligare". Microsoft già dalla
          versione 2003 consente salvataggi in formati XML
          aperti. Ora sta pure portando avanti un formato
          aperto come Open XML. Certo, perché non obbligare
          MS ausare OpenDocument. In fin dei conti meglio
          una bella economia pianificata alla sovietica che
          la libera
          concorrenza.le PA e tutti quelli che utilizzano Microsoft Office sono rimasti legati dai formati chiusi a quella piattaforma per anni.. Ora forse qualcosa sta cambiando.. comunque ci sono diverse perplessità sul formato OpenXML, se fa così fatica ad essere accettato come standard qualche motivo ci sarà..

          la specifica del file system ntfs
          E perché mai?perché è assurdo che la specifica di un filesystem sia mantenuta segretaa me utente Linux sinceramente non interessase però TU utente windows volessi ridimensionare la partizione o spostarla? Sei consapevole del fatto che NON ESISTE un software in grado di farlo in sicurezza? è molto probabile che perderai i dati.. o se è la partizione di avvio che il tuo sistema si comprometta e non sia più riparabile..se poi un giorno decidessi di voler migrare ad altra piattaforma? l'NTFS ti creerebbe non pochi problemi di migrazione

          rilasciare le specifiche dei driver directX

          Certo, e permettere di perdere il vantaggio di
          una piattaforma buona anche per
          giocare.rilasciare le specifiche dei driver DirectX permetterebbe a terzi o ad altre piattaforme di sviluppare driver directX, permettendo quindi di utilizzarli su Linux o Mac per esempio..inoltre OpenGL è fatta molto meglio di DirectX, anche se in questo preciso istante lo standard DirectX 10 è superiore ad OpenGL 2.1 (escluse estensioni) Il motivo per cui si usa DirectX è che microsoft ha fatto valere la sua posizione di monopolio e ha giocato sporco in passato

          e tante altre "piccole" cose

          Certo: ci aggiungerei obbligare MS a permettere a
          chiunque di utilizzare il codice sorgente di
          Windows per scrivere software concorrente,
          obbligare MS a regalare l'Office, obbligare Bill
          Gates e tutta la dirigenza MS a bere la cicuta.
          Niente di infattibile, tutto
          sommato.no.. niente del genere

          Questo si che produrrebbe libero mercato..

          ummmm.... oppure una "repubblica popolare"sei masochista per opporti all'interoperabilità e al libero mercato?
          • Anonimo scrive:
            Re: Concorrenza...
            - Scritto da: danieleMM

            La tua non si chiama informazione ma
            coercizione.

            forse sono un po' estremo
            ma sono stufo di andare nei negozi e di sentirmi
            rispondere che non sanno se una periferica è
            compatibile con Linux o meno! Certo, posso
            cercare su google prima di acquistare, ciò non
            toglie che mi sarebbe più comodo leggerlo
            all'acquisto..

            che li obblighino almeno a segnalare la
            compatibilità bene in chiaro sulle confezioni dei
            prodotti!Ma è colpa di Microsoft o dei produttori?

            e comunque ti pare corretto che quasi non si
            trovino computer con preinstallato qualcosa di
            diverso da Microsoft
            Windows??Come no! Si chiamano Macintosh. E sono pure su Intel, se vuoi.Per i PC x686, è una questione di richiesta di mercato. Se vuoi un PC naked invece ne trovi quanti ne vuoi (ovviamente non da Trony o Mediaworld).

            almeno che si mettano gli utenti davanti alla
            scelta!Voglio poter scegliere le gomme della macchina della marca che voglio io quando la compro dal concessionario. E' possibile? No.


            Obbligare? E perché mai? Questa è la solita

            soluzione idiota di chi non riesce a farsi

            apprezzare per quello che è. Da che mi ricordo

            io, una buona idea nell'informatica alla fine ha

            sempre avuto la

            meglio.

            mi basta una parola per invalidare il tuo
            discorso:
            "OpenGL"Guarda che continui a fare esempi per i quali Microsoft non c'entra nulla. Microsoft supporta OpenGL in Windows e poi ha fatto DirectX. Evidentemente il mercato degli sviluppatori preferisce DirectX perché OpenGL non è poi così pratico. Non sempre "standard" = "pratico". Guarda che fine ha fatto X400...

            le PA e tutti quelli che utilizzano Microsoft
            Office sono rimasti legati dai formati chiusi a
            quella piattaforma per anni.. Ora forse qualcosa
            sta cambiando.. comunque ci sono diverse
            perplessità sul formato OpenXML, se fa così
            fatica ad essere accettato come standard qualche
            motivo ci
            sarà..Ovvio che c'è: è stato proposto da Microsoft. E per qualcuno qualsiasi cosa faccia Microsoft è lo sterco del demonio. Anche se è bello o funzinale si deve per "etica" trovarci dei difetti.



            la specifica del file system ntfs

            E perché mai?

            perché è assurdo che la specifica di un
            filesystem sia mantenuta
            segreta
            a me utente Linux sinceramente non interessa
            se però TU utente windows volessi ridimensionare
            la partizione o spostarla? Sei consapevole del
            fatto che NON ESISTE un software in grado di
            farlo in sicurezza? è molto probabile che
            perderai i dati.. o se è la partizione di avvio
            che il tuo sistema si comprometta e non sia più
            riparabile..
            se poi un giorno decidessi di voler migrare ad
            altra piattaforma? l'NTFS ti creerebbe non pochi
            problemi di
            migrazioneScusa ma se a te non frega niente e non frega niente nemmeno alla stragrande maggioranza degli utenti Windows (che nemmeno sanno che cosa sia un File System) mi spieghi di cosa stiamo ciarlando?
            rilasciare le specifiche dei driver DirectX
            permetterebbe a terzi o ad altre piattaforme di
            sviluppare driver directX, permettendo quindi di
            utilizzarli su Linux o Mac per
            esempio..Scusa. Visto che a detta dei Macchisti e dei Linari MS fa tutta merda,che questi geni dello sviluppo su Linux o Mac si rimbocchino le maniche e inventino qualcosa di loro. Troppo semplice mangiare dal piatto altrui.Inoltre come consumatore dovresit anche tu essere d'accordo perché è solo così che si migliorano i prodotti: MS inventa DirectX e Apple inventa qualcosa di meglio tanto da costingere MS a migliorare DirectX il che obbliga Apple a migiorare il suo prodotto etc. etc. etc.

            inoltre OpenGL è fatta molto meglio di DirectX,
            anche se in questo preciso istante lo standard
            DirectX 10 è superiore ad OpenGL 2.1 (escluse
            estensioni) Il motivo per cui si usa DirectX è
            che microsoft ha fatto valere la sua posizione di
            monopolio e ha giocato sporco in
            passatoMa non diciamo minchiate. OpenGL era supportato da Windows prima che Microsoft inventasse DirectX. Se gli sviluppatori hanno scelto DirectX sarà, come è successo per Visual Basic a suo tempo, a causa degli strumenti di sviluppo migliori e più efficienti.
            sei masochista per opporti all'interoperabilità e
            al libero
            mercato?No. E' solo che mi rendo conto che nel libero mercato ci sono i leader e lo accetto. Altri vorrebbero un intervento "de iure" per correggere le regole di mercato. In questi forum si legono le peggiori sciocchezze. Sono addirittura riuscito a leggere una bestialità come imporre per legge una quota minima di mercato per i concorrenti di Microsoft.
          • danieleMM scrive:
            Re: Concorrenza...


            che li obblighino almeno a segnalare la

            compatibilità bene in chiaro sulle confezioni
            dei

            prodotti!

            Ma è colpa di Microsoft o dei produttori?questo ovviamente dei produttori

            e comunque ti pare corretto che quasi non si

            trovino computer con preinstallato qualcosa di

            diverso da Microsoft

            Windows??

            Come no! Si chiamano Macintosh. E sono pure su
            Intel, se
            vuoi.
            Per i PC x686, è una questione di richiesta di
            mercato. Se vuoi un PC naked invece ne trovi
            quanti ne vuoi (ovviamente non da Trony o
            Mediaworld).Io vorrei semplicemente che un utente non sia penalizzato perché sceglie una piattaforma diversa!penalizzato perché quel particolare sito/servizio funziona solo con IE (in barba agli standard), penalizzato perché i driver vengono prodotti solo per windows.. ecc.. ecc..l'utente "comune" non si sà costruire un pc Naked o non sa neppure cosa sia un machintosh segnale che l'informazione manca.. e parecchio!

            almeno che si mettano gli utenti davanti alla

            scelta!

            Voglio poter scegliere le gomme della macchina
            della marca che voglio io quando la compro dal
            concessionario. E' possibile?
            No.l'esempio non calza, nel settore delle gomme da automobile non c'è un monopolio come quello che ha microsoftinoltre sciegliere una gomma piuttosto che l'altra non implica complicazioni non direttamente correlate alla gomma stessa

            mi basta una parola per invalidare il tuo

            discorso:

            "OpenGL"

            Guarda che continui a fare esempi per i quali
            Microsoft non c'entra nulla. Microsoft supporta
            OpenGL in Windows e poi ha fatto DirectX.
            Evidentemente il mercato degli sviluppatori
            preferisce DirectX perché OpenGL non è poi così
            pratico. Non sempre "standard" = "pratico".
            Guarda che fine ha fatto
            X400...ti sbagli di grosso, DirectX faceva pena, ed è tuttora più difficile da usare che OpenGLti invito a leggere questo per sapere davvero perché oggi i produttori di giochi usano directxhttp://natonelbronx.wordpress.com/2007/03/10/storia-di-un-ingiustizia-che-paghiamo-tutti-opengl-vs-directx/
            Ovvio che c'è: è stato proposto da Microsoft. E
            per qualcuno qualsiasi cosa faccia Microsoft è lo
            sterco del demonio. Anche se è bello o funzinale
            si deve per "etica" trovarci dei
            difetti.non è questione di eticase ho un .doc e un giorno volessi cambiare piattaforma non lo posso fare, se non con delle rinuncie, sono legato ad una società, e questo è inaccettabile per una PA
            Scusa ma se a te non frega niente e non frega
            niente nemmeno alla stragrande maggioranza degli
            utenti Windows (che nemmeno sanno che cosa sia un
            File System) mi spieghi di cosa stiamo
            ciarlando?ma ti hanno fatto il lavaggio del cervello? un file system non ha motivo di essere chiuso! l'unico motivo perché quel file system è chiuso è rendere difficile le migrazioni
            Scusa. Visto che a detta dei Macchisti e dei
            Linari MS fa tutta merda,che questi geni dello
            sviluppo su Linux o Mac si rimbocchino le maniche
            e inventino qualcosa di loro. Troppo semplice
            mangiare dal piatto
            altrui.qui non ho bisogno di rispondertiuna trollata più grossa non l'ho mai vista
            Inoltre come consumatore dovresit anche tu essere
            d'accordo perché è solo così che si migliorano i
            prodotti: MS inventa DirectX e Apple inventa
            qualcosa di meglio tanto da costingere MS a
            migliorare DirectX il che obbliga Apple a
            migiorare il suo prodotto etc. etc.
            etc.aahahah.. microsoft non ha inventato directxne ha comprato il codice.. davvero leggiti il link che ti ho passatocomunque come tu dici la concorrenza è cosa buona, e sono perfettamente d'accordo..infatti quello che io chiedo è che si metta il mercato in condizione di concorrenza, ora non lo è!
            Ma non diciamo minchiate. OpenGL era supportato
            da Windows prima che Microsoft inventasse
            DirectX. Se gli sviluppatori hanno scelto DirectX
            sarà, come è successo per Visual Basic a suo
            tempo, a causa degli strumenti di sviluppo
            migliori e più
            efficienti.sbagliato.. leggiti quel linkOpenGL era supportata si da microsoft, ma solo nel campo dei server: grafica scientifica, ed il motivo era: togliere fette di mercato ai sistemi unix che a quel tempo avevano il controllo di quel settoreVisual Basic non farmelo commentare.. .Net (la sua evoluzione) è molto meglio..
            No. E' solo che mi rendo conto che nel libero
            mercato ci sono i leader e lo accetto. Altri
            vorrebbero un intervento "de iure" per correggere
            le regole di mercato. In questi forum si legono
            le peggiori sciocchezze. Sono addirittura
            riuscito a leggere una bestialità come imporre
            per legge una quota minima di mercato per i
            concorrenti di
            Microsoft.alcune sciocchezze le hai dette anche tu in questo tuo post che è stato valutato "interessante"microsoft è un monopolioil monopolio più grande del pianeta (viene usato come esempio quando si studia in economia)il monopolio è un male! Oggi non c'è un libero mercato soprattutto perché il monopolista utilizza la sua posizione dominante per mantenerla, con pratiche scorrette..l'antitrust dovrebbe (e avrebbe dovuto) lavorare molto di più per evitarlo
        • MeDevil scrive:
          Re: Concorrenza...
          - Scritto da:

          - Scritto da: danieleMM

          piuttosto ci vorrebbe più informazione, prima di

          tutto, ed obbligare i produttori/distributori a

          fornire delle alternative a microsoft agli

          acquirenti!

          La tua non si chiama informazione ma coercizione.La conoscenza di sistemi operativi alternativi a windows è informazione, non coercizione. Il sapere che "Internet Explorer" non è internet, è informazione, non coercizione.Credo parlasse di questo...
          Obbligare? E perché mai? Questa è la solita
          soluzione idiota di chi non riesce a farsi
          apprezzare per quello che è. Da che mi ricordo
          io, una buona idea nell'informatica alla fine ha
          sempre avuto la
          meglio.Giusto. Non obblighiamo il consumatore a scegliere con la sua testa ed informarsi. In fondo... stiamo solo comprando un elettrodomestico!Chissà cosa accadrebbe se domani la fiat, la renault, la peugeot ed il 99% delle restanti decidesse che si può usare solo il carburante della "esso", o le gomme della michelin...



          obbligare microsoft a fornire la specifica di

          formati quali: .doc, .xls,

          .ppt

          E dagli con l'"obbligare". Microsoft già dalla
          versione 2003 consente salvataggi in formati XML
          aperti. Ora sta pure portando avanti un formato
          aperto come Open XML. Certo, perché non obbligare
          MS ausare OpenDocument. In fin dei conti meglio
          una bella economia pianificata alla sovietica che
          la libera
          concorrenza.Ma certo! Perchè non c'ho pensato prima... reinventiamo la ruota, no? (almeno poi posso brevettarla!)


          la specifica del file system ntfs
          E perché mai?Xkè così posso recuperare i miei files o quelli di qualcun'altro senza avere una licenza windows?


          rilasciare le specifiche dei driver directX

          Certo, e permettere di perdere il vantaggio di
          una piattaforma buona anche per
          giocare.No, sbagliato: buona SOLO per giocare. Per lavorare qualsiasi altra piattaforma va bene.


          e tante altre "piccole" cose

          Certo: ci aggiungerei obbligare MS a permettere a
          chiunque di utilizzare il codice sorgente di
          Windows per scrivere software concorrente,
          obbligare MS a regalare l'Office, obbligare Bill
          Gates e tutta la dirigenza MS a bere la cicuta.Uhm... ReactOS ti dice nulla? Il clone c'è già... non serve il codice sorgente! Regalare l'office? piratarlo è uguale (non era il ceo che diceva di piratare prodotti ms? e cos'è la cicuta?
          Niente di infattibile, tutto
          sommato.Già...Saluti, MeDevil
          • Anonimo scrive:
            Re: Concorrenza...
            - Scritto da: MeDevil
            Giusto. Non obblighiamo il consumatore a
            scegliere con la sua testa ed informarsi. In
            fondo... stiamo solo comprando un
            elettrodomestico!Ma allora non vi rassegnerete mai. Quello che per voi è un prolungamento del pene, per la maggior parte dei comuni mortali è e sottolineo È un elettrodomestico.
            Chissà cosa accadrebbe se domani la fiat, la
            renault, la peugeot ed il 99% delle restanti
            decidesse che si può usare solo il carburante
            della "esso", o le gomme della
            michelin...Guarda che è già così. Hai mai provato a dire al concessionario che vuoi quel tipo di gomme Pirelli e non quelle che arrivano dalla casa? Semplicemente non è previsto. Al limite te lo fa in postvendita (e quindi a pagamento) il concessionario. Peggio ancora per le autoradio. Ho comprato un anno fa un Ulysse della Fiat e l'autoradio è integrata in modo tale con la strumentazione di bordo che semplicemente NON PUOI montarne un'altra.Almeno su un PC puoi montare anche Linux e su un Windows puoi installare anche OpenOffice. Mi sembra che ci sia già un livello di scelta che altri settori (tecnologici e non) se lo sognano.
            Ma certo! Perchè non c'ho pensato prima...
            reinventiamo la ruota, no? (almeno poi posso
            brevettarla!)Ma certo. Usiamo tutti quanti OpenDocument che è bello solo perché è aperto. Chissenefrega se c'è qualcosa di meglio e chissenefrega della possibilità di scelta.
            No, sbagliato: buona SOLO per giocare. Per
            lavorare qualsiasi altra piattaforma va
            bene.Eh certo, è arrivato il professore. Tutto il mondo usa Windows giocano, solo gli altri lavorano.Vabbè, sei di un'arroganza insopportabile, ma diciamo che sono punti di vista.
            Uhm... ReactOS ti dice nulla? Il clone c'è già...
            non serve il codice sorgente! Regalare l'office?
            piratarlo è uguale (non era il ceo che diceva di
            piratare prodotti ms? e cos'è la
            cicuta?Mai sentito parlare di Socrate e di come i suoi nemici lo abbiano eliminato? Da qui si capisce che o hai sì e no 14 anni o sei un ignorante stratosferico. Vabbé, per voi per i quali il PC è un prolungamento del pene, prova a cercare su Wikipedia.
          • MeDevil scrive:
            Re: Concorrenza...
            - Scritto da:

            - Scritto da: MeDevil

            Giusto. Non obblighiamo il consumatore a

            scegliere con la sua testa ed informarsi. In

            fondo... stiamo solo comprando un

            elettrodomestico!

            Ma allora non vi rassegnerete mai. Quello che per
            voi è un prolungamento del pene, per la maggior
            parte dei comuni mortali è e sottolineo
            È un
            elettrodomestico.Punti di vista. Perchè non dici al MIT che il pc è un elettrodomestico?

            Chissà cosa accadrebbe se domani la fiat, la

            renault, la peugeot ed il 99% delle restanti

            decidesse che si può usare solo il carburante

            della "esso", o le gomme della

            michelin...

            Guarda che è già così. Hai mai provato a dire al
            concessionario che vuoi quel tipo di gomme
            Pirelli e non quelle che arrivano dalla casa?
            Semplicemente non è previsto. Al limite te lo fa
            in postvendita (e quindi a pagamento) il
            concessionario. Peggio ancora per le autoradio.
            Ho comprato un anno fa un Ulysse della Fiat e
            l'autoradio è integrata in modo tale con la
            strumentazione di bordo che semplicemente NON
            PUOI montarne
            un'altra.

            Almeno su un PC puoi montare anche Linux e su un
            Windows puoi installare anche OpenOffice. Mi
            sembra che ci sia già un livello di scelta che
            altri settori (tecnologici e non) se lo
            sognano.Hahaha sei di una arroganza unica... e non hai compreso una ceppa di quello che ho scritto. ;)Rileggi meglio. Anzi no, te lo spiego in parole più semplici. La fiat, l'audi, la mercedes, TUTTE le case decidono di usare la STESSA marca di autoradio o la stessa marca di gomme...Capito il concetto?


            Ma certo! Perchè non c'ho pensato prima...

            reinventiamo la ruota, no? (almeno poi posso

            brevettarla!)

            Ma certo. Usiamo tutti quanti OpenDocument che è
            bello solo perché è aperto. Chissenefrega se c'è
            qualcosa di meglio e chissenefrega della
            possibilità di
            scelta.Informato male? Rileggiti la storia di OpenDocument e quella di OpenXML... vedrai che quando OOXML era in stato embrionale, OpenDocument era già al vaglio ISO/IEC... Reinventiamo la ruota solo per brevettarla?


            No, sbagliato: buona SOLO per giocare. Per

            lavorare qualsiasi altra piattaforma va

            bene.

            Eh certo, è arrivato il professore. Tutto il
            mondo usa Windows giocano, solo gli altri
            lavorano.E' vero... sono professore! Ma come hai fatto a scoprirmi? E vabbè... ti do ragione su una cosa: ho usato le parole sbagliate. Ti riscrivo la frase."No, sbagliato: buona SOLO per giocare. Tutto il resto si focalizza sul lavoro."

            Vabbè, sei di un'arroganza insopportabile, ma
            diciamo che sono punti di
            vista.Bravo! Io rispetto il tuo, nonostante sia fermamente convinto che tu sia molto di parte... (quale lo lascio decidere a te ;) )


            Uhm... ReactOS ti dice nulla? Il clone c'è
            già...

            non serve il codice sorgente! Regalare l'office?

            piratarlo è uguale (non era il ceo che diceva di

            piratare prodotti ms? e cos'è la

            cicuta?

            Mai sentito parlare di Socrate e di come i suoi
            nemici lo abbiano eliminato? Da qui si capisce
            che o hai sì e no 14 anni o sei un ignorante
            stratosferico. Vabbé, per voi per i quali il PC è
            un prolungamento del pene, prova a cercare su
            Wikipedia.Ops, scusami... ma sai com'è... non tutti abbiamo studiato in un liceo classico...E poi non è bello dare dell'ignorante a chi non conosci! Tu potresti essere molto più ignorante di me in altro, non credi? (Per esempio sul prolungamento del pene :D )Saluti, MeDevil
        • Anonimo scrive:
          Re: Concorrenza...
          Da qual pulpito viene la predica!Accusare altri di coercizione, detto proprio da un fan di MS, è il colmo!Una società impone coercitivamente i propri prodotti, qualcuno propone che per legge vengano eliminate tali coercizioni, e qualcun altro arriva a dire che si tratta di leggi coercitive...(il bue disse cornuto all'asino....)
      • danieleMM scrive:
        Re: Concorrenza...
        - Scritto da: pippo75ho scritto un post infelice...e giustamente mi avete criticatoho perso di vista il focus e ho divagato..comunque ti rispondo a quanto qui sotto

        la specifica del file system ntfs

        rilasciare le specifiche dei driver directX

        e tante altre "piccole" cose

        Se tutti riescono a fare driver windows o sono
        tutti dei maghi oppure le specifiche
        esistono.stavo parlando di directX ed opengl, non di "altri driver"ci credo che un produttore hardware sa fare i driver per la sua periferica.. ha le specifiche della sua periferica!ntfs non è un driver, è un filesystemdirectx è un driver, e le specifiche per crearlo le ha microsoft, se non fossero segrete potrebbero essere adottate anche da altri sistemi (magari dietro pagamento a microsoft ma potrebbero esserlo)
        Libero mercato e' quando una ditta puo' vendere
        il suo
        prodotto.certo, ma quando c'è un monopolio l'antitrust DEVE intervenire a impedire comportamenti scorretti del monopolista tesi esclusivamente a mantenere il monopolio
        Mandrake puo' vendere il suo prodotto, certo che
        si, solo che pochi lo
        comprano.
        Io ero tentato di prenderlo, peccato che da
        MandrakeLinux 10.0 che ho problemi ad usarlo ( si
        impalla allegramente), forse con la 2007 qualcosa
        e'
        cambiato.????cosa vuol dire "si impalla"? il kernel è lo stesso per una mandrake o una debian o qualunque altra distro! Se non si impallano le altre non si impalla neppure quella... sarà stato un problema di driver forse..
        Vuoi il libero mercato, non vuoi che le ditte
        chiudano, allora queste devono
        vendere.
        Ti piace il PC senza Os, ma quante volte hai
        comprato un OS staccato dalla
        macchina?
        Lo vuoi gratis, poi non lamentarti se le ditte
        che sviluppano chiudono, non dare la colpa a
        Bill, dai la colpa a chi vuole la Moglie Piena e
        la Botte
        Ubriaca.non lo voglio gratis! lo voglio "libero" nel senso che voglio mi permetta di migrare da un sistema all'altro a costi quasi nulli, che la mia scelta del sistema non mi pregiudichi l'accesso ad alcuni servizi perché girano solo su IE o cose simili
        Vuoi un mercato di Os alternativi a Windows,
        comincia tu a dare il
        conrtibuto.lo sto già facendo grazie
    • Alessandrox scrive:
      Vero fino ad un certo punto...
      - Scritto da:
      "Siamo in un regime di libera concorrenza e
      chiunque potrebbe fare concorrenza a
      Microsoft."
      Si certo, sono d'accordo.
      Solo se i pc venissero venduti "naked", ovvero
      senza OS
      preinstallato.
      Il fatto che obbligatoriamente si debba subire un
      OS preinstallato stronca la concorrenza sul
      nascere.PRECISIAMO:Le prenistallazioni di Windows ci sono forzatamente solo su certi PC di marca e sui portatili, certo non e' poco ma un PC NUOVO senza preinstallazione si trova comunque facilmente.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 marzo 2007 11.29-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: Vero fino ad un certo punto...
        Si, vero (sono quello che ha iniziato il thread).Ma ;a cosiddetta "casalinga di voghera" che vuole un pc cosa fa?Va su siti specializzati tipo chl/bow/frael e si costruisce il pc naked o si lascia accalappiare dalle solite offertissime dei centri commerciali dove ci sono solo pc di marca con win preinstallato?
Chiudi i commenti