Ergonomia e PC in sei punti

Li detta una società che produce monitor, CTX, rivolgendosi ai lavoratori italiani ed europei che, secondo le rilevazioni effettuate, spesso il PC lo usano male


Milano – La ricerca “Ergonomic Survey” condotta da CTX, produttore di monitor per computer, rivela che tre lavoratori europei su quattro soffrono di problemi di salute legati all’uso del PC. Un segnale, secondo CTX , che l’attenzione dedicata all’ergonomia e alla formazione sugli accorgimenti da prendere sul posto di lavoro è insufficiente.

Il 44 per cento degli intervistati ha dichiarato di trascorrere più di 40 ore alla settimana davanti a un monitor e, viste le conseguenze talvolta nefaste sullo stato di salute causate da un errato approccio al computer e alla postazione di lavoro, CTX ha invitato le imprese ad informare al meglio i propri dipendenti sui principi dell’ergonomia. “Può sembrare banale – ha dichiarato Jordan Popov, product development manager di CTX – ma mostrare alle persone come sedere correttamente e spiegare loro come regolare il monitor dovrebbe essere una delle priorità”.

Va detto che in tutta Europa le istituzioni prestano sempre più attenzione ai rischi per la salute che possono derivare dall’ambiente di lavoro. Ad esempio, si stanno introducendo linee-guida relative al corretto utilizzo dei monitor e delle apparecchiature elettroniche negli uffici pubblici.

Da parte sua, la ricerca di CTX individua sei regole ergonomiche che possono contribuire a ridurre eventuali disturbi. Eccole:

1. Assicurarsi che il monitor sia all’altezza degli occhi. Se non è possibile regolare il piedistallo, regolare l’altezza della sedia;
2. Fare in modo che la luminosità degli schermi sia sufficiente a impedire l’affaticamento della vista, ma non tanto alta da abbagliare. Un rivestimento speciale può essere utile, così come regolare l’intensità del colore in funzione del tipo di lavoro;
3. Utilizzare sedie comode che supportino la colonna vertebrale;
4. Assicurarsi che sia possibile inclinare il monitor, invece di essere costretti a inclinare il collo per ottenere il miglior angolo di visuale;
5. Assicurarsi che i monitor siano dotati di una tecnologia moderna con un alto rapporto di contrasto e buoni angoli di visuale al fine di evitare l’affaticamento della vista;
6. Prendere brevi pause o in ogni caso mettere a fuoco lo sguardo su punti a distanze diverse.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: sai che forza !
    - Scritto da: Anonimo
    M$ con i DDOS non c'entra nulla,ah no?
  • Anonimo scrive:
    Re: Chi è il responsabile?
    Allora mettiamola in questo modo: se tu compri una macchina e poi scopri che le serrature delle portiere sono finte, e che con la tua chiave apri la tua e tutte le macchine della tua stessa serie, e che quando azioni il comando a distanza lampeggiano le luci di tutte le 2000 macchine nel parcheggio in quel momento, che ne pensi?Oppure metti che scopri che mentre vai in giro basta che uno per la strada faccia un solco di 1 cm di profondita` ma inclinato di un certo numero di gradi, e tu passi e ti si staccano tutte e quattro le ruote, come la prenderesti?Proprio perche` non sei un meccanico hai la pretesa di avere un minimo di garanzie su quello che ti hanno venduto. Non si capisce perche` queste garanzie le pretendiamo dai costruttori di automobili, o di frullatori, ma non per quelli di sistemi operativi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Chi è il responsabile?
    - Scritto da: fancu
    Chi è il responsabile per un pc reso
    zombie?
    Il produttore del software o l'utente?

    Io direi un po' tutti e due...per il produttore c'e' la famosa eula con cui si stracautelanoper l'utente non sono sicuro al 100 pe' 100 ma potrebbe essere come il discorso delle email per cui se ti infetti e mi fai un danno causato dalla tua incuria (no antivirus o aggiornato al 1988) ti posso citare per dannip.s. qualcuno esperto in giurisprudenza che apporti qualche consiglio/nozione visto che oramai anche in questo settore tra privacy, responsabilita' di utenti e amministratori e simili a leggere alcuni articoli sembra si rischi anche la crocifissione sarebbe molto utile e sarebbe una novita' rispetto ai flame soliti
  • Anonimo scrive:
    Re: Provocazio
    Beh, non basterebbe crackare opportunamente lo screen saver del seti@home per fare tutte le nefandezze possibili?
  • Anonimo scrive:
    Causa internazionale
    Ma possibile che con tutti gli avvocati predatori (detti anche layers-of-prey) che ci sono in giro, nessuno di loro ha pensato di organizzare una causa internazionale contro la m$ per i danni causati dalle documentatissime debolezze del suo sistema operativo?Ogni volta che esce un nuovo worm, o si scatena un attacco ddos o c'e' una congiunzione astrale che manda in crash windows, si parla dei bilioni di danni causati.... e nessuno fa causa alla casa produttrice del prodotto che con tutte le sue mancanze causa i danni lamentati?Boh!
  • Anonimo scrive:
    Re: Molto grave
    - Scritto da: CalicoJack
    Siamo alla mafia internettiana, spero che
    chi ha ne ha il potere fermi questa cosa e
    non parlo dei governi e delle polizie il cui
    potere su internet è prossimo a zero
    anche se vogliono far credere la cosa
    opposta con leggi e indagini ridicole.e perchè???? fin che se la prendono con dei biscazzieri rovina famiglie a me va solo bene.
  • Anonimo scrive:
    Gli sta solo bene!
    ... in fin dei conti la città si chiama Alice:D :D :D
  • Collimate scrive:
    Re: Molto grave
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho un dubbio sull'indagine


    - "affitto di pc compromessi" ... uhm...
    interessante coem aspetto... se un pc
    è compromesso , quindi infetto, che
    bisogno ho ,"io" cracker, di affittarlo
    quando ho gia ottenuto lo stato di zombie su
    quella macchina?
    Ma tu lo sai che "affittare" può anche voler dire "cedere in affitto"?
    - il metodo di pagamento??? (tutti per
    assurdo) che faccio un bonifico ??
    così mi vengono a beccare tramite
    codicce bancario; mando i soldi in busta?
    così mi vengono a beccare tramite
    indirizzo ; paypal? non so come funziona ma
    anche qui di sicuro ci saranno dei dati da
    depositare per avvalersi del servizio. e
    via dicendo..
    Secondo te come pagano i trafficanti di armi? O di droga? Sei ancora fermo alla valigetta di contanti alla Starsky e Hutch?
    questi sono solo i primi due dubbi che mi
    sono venuti in mente e che mi fanno credere
    che questa indagine sia farlocca e atta a
    propositi che mirano ben più lontano.
    come per esempio il terrorismo informatico
    da parte della propaganda mediatica per "la
    sicurezza" coni fini di avvantaggiare le
    teorie del trusted computing.....

    Barone dello Zwanlandshire
    (linux)
  • Anonimo scrive:
    mmm vediamo....
    si vorrebbe rendere illegali i software P2P perché *possono* essere usati per commettere un reato ora, e' ragionevole pensare che la stragrandissima maggioranza dei sistemi "zombie" siano macchine windows, per di piu' infettate a causa di difetti del sistema operativo.un attacco ddos e' un reato piu' o meno ovunque.arrivera' un giorno in cui windows diventera' illegale? :D(non prendetemi sul serio, vi prego :D)
  • Anonimo scrive:
    Ho un dubbio sull'indagine
    P.I scrive: Di queste ore, peraltro, i risultati di una prima indagine sul mercato dei PC zombie sfruttati per i DDoS. Un'inchiesta sviluppata da Sandvine per conto di un piccolo provider americano ha evidenziato un fenomeno che potrebbe essere in rapida espansione: l'affitto di armate di PC compromessi e controllabili da remoto, i cosiddetti zombie, connessi ad Internet e pronti per essere utilizzati per effettuare attacchi distribuiti via Internet. Ad affittare, evidentemente, cracker senza scrupoli. I prezzi? Per mobilitare un'armata di 2-3mila zombie non servono che 15-20mila dollari.e io mi chiedo:- "affitto di pc compromessi" ... uhm... interessante coem aspetto... se un pc è compromesso , quindi infetto, che bisogno ho ,"io" cracker, di affittarlo quando ho gia ottenuto lo stato di zombie su quella macchina? - il metodo di pagamento??? (tutti per assurdo) che faccio un bonifico ?? così mi vengono a beccare tramite codicce bancario; mando i soldi in busta? così mi vengono a beccare tramite indirizzo ; paypal? non so come funziona ma anche qui di sicuro ci saranno dei dati da depositare per avvalersi del servizio. e via dicendo..questi sono solo i primi due dubbi che mi sono venuti in mente e che mi fanno credere che questa indagine sia farlocca e atta a propositi che mirano ben più lontano. come per esempio il terrorismo informatico da parte della propaganda mediatica per "la sicurezza" coni fini di avvantaggiare le teorie del trusted computing.....Barone dello Zwanlandshire(linux)
  • HotEngine scrive:
    Re: 2000 pc a 15-20000 $
    - Scritto da: Anonimo
    Piuttosto che pagare per degli zombi a quel
    prezzo compri lo stesso numero di pc di
    fascia bassa. Manca solo la
    connettività .....Ok, affare fatto. Dove vengo a ritirare i 2000 PC? Ho già l'assegno firmato da 20000$ da consegnare.
  • Anonimo scrive:
    Re: Provocazio
    Aspetta che si diffonda il grid computing e poi il tuo nuovo business morirà dato che basterà crackare nei dovuti modi una griglia per disporre di tutta la sua potenza!!!Quasi quasi brevetto l'idea e poi chiedo ai cracker le royalties! :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: Chi è il responsabile?
    Altro esempio:Mi compero una pistola perché voglio fare tiro a segno. Mi ci divertto solo, cerco di fare 10 e basta, non la uso come arma.Ma è mia responsabilità tenerla sottochiave, al sicuro, in modo che nessuno possa appropiarsene, controllare che sia sempre scarica ogni volta che la prendo in mano e non puntarla in giro come se fosse un giocattolo. Se la lascio incustodita ed un ladro la ruba, certo che il reato l'ha commesso il ladro, solo che non vorrei poi trovarmi nella situazione di dover spiagare al questore come mi hanno rubato la pistola....Ora... non voglio dire che un computer sia potenzialmente pericoloso come una pistola, ma comunque può causare danni a terzi se non trattato come si deve. Quindi è responsabilità del produttore e dell'utilizzatore fare in modo che sia il più sicuro possibile.
  • Anonimo scrive:
    Re: Provocazio
    Andata, dammi il tuo cc (linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: sai che forza !
    Lui ha scritto sicuramente male ma in quanto a non capire nulla ve la giocate.Qui si parla di computer usati come zombie da usare poi per attacchi quindi il suo consiglio è più che legittimo: non usare software che "aiuta" i cracker a bucarti il sistema per poi usarlo come zombie. In questo caso mamma M$ c'entra eccome!!
  • Anonimo scrive:
    Provocazio
    Affitto il mio pc per 10 euro/giorno per fare attacchi distribuiti, offro linea adsl 512/512, win95 osr1 senza service pack...Hai visto mai che nasce un nuovo business...;-)
  • CalicoJack scrive:
    Re: Molto grave
    Non parlavo di fermarli tecnicamente, ma ci sono persone dell'underground digitale che sicuramente conoscono questi tizi...- Scritto da: Anonimo


    Siamo alla mafia internettiana, spero
    che

    chi ha ne ha il potere fermi questa
    cosa ....

    Nessuno ha questo potere.
    Per la natura stessa di internet che e' di
    tipo best-effort.
  • Anonimo scrive:
    Re: Chi è il responsabile?
    - Scritto da: Anonimo
    Ora non cambiamo il responsabile. uno il pc
    lo usa per lavorare , per giocare e
    divertirsi... mica per passare la vita a
    controllare se ha l'ultimo aggiornamento o
    ha controllato che la sicurezza interna sia
    tutta a posto. Mica siamo tutti sistemisti ,
    tra l'altro anche qualche espertone è
    caduto in fallo perchè gli bucano il
    server ma non perchè è idiota
    lui eh.Ehy, io la macchina la prendo per lavorare, per giocare, per .... divertirmi mica per passare la vita a controllare se la sicurezza interna e' tutta a posto.Mica siamo tutti meccanici, tra l'altro anche qualche espertone e' caduto in fallo perche' si bucano le gomme ma non perche' e' idiota lui eh.
  • Anonimo scrive:
    Re: 2000 pc a 15-20000 $

    Manca solo la connettività .....Hai detto niente :D
  • Anonimo scrive:
    Re: sai che forza !
    - Scritto da: Anonimo
    non sei normale! vedi troll ovunque!!!

    NON usate INTERET EXPLORER e OUTLOOKEXPRESS
    sono i principali veicoli di virus e malawareAttento (troll) che se stai troppo lontano dalla tua caverna qualcuno potrebbe entrare e ciularsi tua moglie.... (troll)(troll)(troll)
  • Anonimo scrive:
    Re: 2000 pc a 15-20000 $

    Piuttosto che pagare per degli zombi a quel
    prezzo compri lo stesso numero di pc di
    fascia bassa. Manca solo la
    connettività .....quest'uomo e' un genio.
  • Anonimo scrive:
    Re: sai che forza !
    - Scritto da: Anonimo
    2000 pc che si collegano sono una goxxia in
    un oceano
    telestra e' mirror si fourceforge quindi
    banda ne ha
    per ottenere quel risultato ne occorrono
    almeno 10000 di pc

    questo e' un attacco che per il momento e'
    impossibile da fermare

    comunque M$ puo fare le cose meglio, e anche
    le leggi sono fatte a cazzo (vedi spyware)

    non usate explorer per navigare in genere a
    meno che il sito non sia affidabileMa cosa hai scritto ?? Non ci si capisce nulla, e probabilmente non sei neanche conscio tu stesso di ciò che scrivi... M$ con i DDOS non c'entra nulla, anche i sistemi Linux sono vulnerabili al DDOS.
  • Anonimo scrive:
    Re: 2000 pc a 15-20000 $
    - Scritto da: Anonimo
    Piuttosto che pagare per degli zombi a quel
    prezzo compri lo stesso numero di pc di
    fascia bassa. Manca solo la
    connettività .....La matematica non è il tuo forte, visto che con 10$ un pc non lo compri di certo.L'acutezza poi manco a parlarne, il bello di un DDOS è proprio il fatto di essere ampiamente distribuito, altrimenti è relativamente semplice bloccarne la sorgente.A quanto pare gli zombi non si impersonificano solo nei pc...
  • Anonimo scrive:
    Re: 2000 pc a 15-20000 $
    DDOS - distributed denial of serviceperchè sia efficace tale tipo di attacco deve partire da più sorgenti, è inutile avere 20000 pc che escono con lo stesso ip, basta 1 access list per bloccarli tutti.invece 20000 ip di attaccanti sono più difficili da filtrare.my 2 centsbyeRogue
  • Anonimo scrive:
    Re: Chi è il responsabile?
    Hai ragione, condivido il tuo pensiero,però tu prenderesti un auto sapendo che più di qualcuno può comprometterla senza che tu possa fare nulla, mettendo quindi a rischio la tua vita?Ovviamente anche questa è una mezza provocazione, però er a per rendere l' idea seguendo il tuo esempio.Ciao- Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: fancu

    Chi è il responsabile per un pc
    reso

    zombie?

    Il produttore del software o l'utente?



    Io direi un po' tutti e due...

    bhe non è tanto corretto.
    Il problema è che c'è una
    forzatura di fondo su quello che dici.

    ti faccio un'esempio , se compri la solita
    "macchina" il venditore ti vende quello che
    ti dice , una macchina per viaggiare e
    funziona.
    il guidatore la usa per andarci in giro e ci
    và.
    ma se qualcuno mi rompe i freni è
    ovvio che prima o poi mi vado a sbattere
    contro qualcuno o qualcosa.

    Ora non cambiamo il responsabile. uno il pc
    lo usa per lavorare , per giocare e
    divertirsi... mica per passare la vita a
    controllare se ha l'ultimo aggiornamento o
    ha controllato che la sicurezza interna sia
    tutta a posto. Mica siamo tutti sistemisti ,
    tra l'altro anche qualche espertone è
    caduto in fallo perchè gli bucano il
    server ma non perchè è idiota
    lui eh.

    il produttore di software ti dà un
    prodotto che comunque può avere dei
    difetti , ragiona sempre con l'idea che sono
    prodotti fatti dall'uomo e come tali
    soggetti ad errori.
    Ovvio c'e' quello fatto meglio di altri.

    Il discorso è che ci sono delle
    organizzazioni criminali che sanno sfruttare
    bene le debolezze sia umane che quelle dei
    sistemi. Sennò la prossima che sali
    sull'aereo e non ti porti il paracadute ti
    si potrebbe dare del " pazzo " ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Molto grave

    Siamo alla mafia internettiana, spero che
    chi ha ne ha il potere fermi questa cosa ....Nessuno ha questo potere. Per la natura stessa di internet che e' di tipo best-effort.
  • CalicoJack scrive:
    Molto grave
    Siamo alla mafia internettiana, spero che chi ha ne ha il potere fermi questa cosa e non parlo dei governi e delle polizie il cui potere su internet è prossimo a zero anche se vogliono far credere la cosa opposta con leggi e indagini ridicole.
  • CalicoJack scrive:
    Re: sai che forza !
    - Scritto da: Anonimo

    non usate explorer per navigare in genere a
    meno che il sito non sia affidabileQuoto in pieno dall'alto del mozzillone
  • Anonimo scrive:
    Re: 2000 pc a 15-20000 $
    - Scritto da: Anonimo
    Piuttosto che pagare per degli zombi a quel
    prezzo compri lo stesso numero di pc di
    fascia bassa. Manca solo la
    connettività .....dimmi dove li trovi (dei pc a 10$ l'uno) che ne prendo 2000 anch'io.....
  • Anonimo scrive:
    Re: Chi è il responsabile?
    - Scritto da: fancu
    Chi è il responsabile per un pc reso
    zombie?
    Il produttore del software o l'utente?

    Io direi un po' tutti e due...bhe non è tanto corretto.Il problema è che c'è una forzatura di fondo su quello che dici.ti faccio un'esempio , se compri la solita "macchina" il venditore ti vende quello che ti dice , una macchina per viaggiare e funziona.il guidatore la usa per andarci in giro e ci và.ma se qualcuno mi rompe i freni è ovvio che prima o poi mi vado a sbattere contro qualcuno o qualcosa.Ora non cambiamo il responsabile. uno il pc lo usa per lavorare , per giocare e divertirsi... mica per passare la vita a controllare se ha l'ultimo aggiornamento o ha controllato che la sicurezza interna sia tutta a posto. Mica siamo tutti sistemisti , tra l'altro anche qualche espertone è caduto in fallo perchè gli bucano il server ma non perchè è idiota lui eh.il produttore di software ti dà un prodotto che comunque può avere dei difetti , ragiona sempre con l'idea che sono prodotti fatti dall'uomo e come tali soggetti ad errori.Ovvio c'e' quello fatto meglio di altri.Il discorso è che ci sono delle organizzazioni criminali che sanno sfruttare bene le debolezze sia umane che quelle dei sistemi. Sennò la prossima che sali sull'aereo e non ti porti il paracadute ti si potrebbe dare del " pazzo " ?
  • Anonimo scrive:
    Re: sai che forza !
    - Scritto da: Anonimo
    trolla da qualche altra parte

    grazie????non sei normale! vedi troll ovunque!!!NON usate INTERET EXPLORER e OUTLOOKEXPRESSsono i principali veicoli di virus e malaware
  • Anonimo scrive:
    2000 pc a 15-20000 $
    Piuttosto che pagare per degli zombi a quel prezzo compri lo stesso numero di pc di fascia bassa. Manca solo la connettività .....
  • RiKkArDo scrive:
    Re: NON servono USER-PASS per MANDARE e-
    Io direi che il responsabile rimane il cracker.Cerchiamo di non iniziare a confondere i buoni con i cattivi ...
  • fancu scrive:
    Chi è il responsabile?
    Chi è il responsabile per un pc reso zombie?Il produttore del software o l'utente?Io direi un po' tutti e due...
  • Anonimo scrive:
    Re: sai che forza !
    trolla da qualche altra partegrazie
  • Anonimo scrive:
    sai che forza !
    2000 pc che si collegano sono una goxxia in un oceanotelestra e' mirror si fourceforge quindi banda ne haper ottenere quel risultato ne occorrono almeno 10000 di pcquesto e' un attacco che per il momento e' impossibile da fermarecomunque M$ puo fare le cose meglio, e anche le leggi sono fatte a cazzo (vedi spyware)non usate explorer per navigare in genere a meno che il sito non sia affidabile
Chiudi i commenti