ES5, se il file sharing è anonimo

Un nuovo software P2P vuole mandare gambe all'aria i piani di attacco dell'industria del copyright adottando una serie di meccanismi di sicurezza e privacy capaci, parrebbe, di garantire l'anonimato degli utenti


Vanuatu – “La prossima rivoluzione nel file sharing P2P è qui. Ogni resistenza è futile”. E’ questo lo slogan con cui EarthStation5 ha lanciato, da una piccola isola-stato dell’Oceano Pacifico meridionale, un nuovo software di file sharing gratuito, ES5, che promette di sconfiggere “le Forze Malvagie del Lato Oscuro che hanno invaso i Palazzi di Giustizia e minacciano di svelare le identità del popolo del file sharing e di catturare i loro leader”.

Quando parla di “lato oscuro” la minuscola società che si cela dietro al nuovo software, e che risulta registrata nell’isola di Vanatu, si riferisce ovviamente all’industria del copyright, la stessa che, soprattutto per mano dei giganti del mercato discografico, sta tentando di contrastare con ogni mezzo il dilagante fenomeno dello scambio di file peer-to-peer attraverso Internet.

La ricetta proposta da EarthStation5 per rispondere agli attacchi dell’industria consiste nel garantire agli utilizzatori del proprio client di file sharing anonimato e privacy, questo in congiunzione alla totale assenza – almeno così promette l’azienda – di programmi spyware o adware all’interno del proprio software.

“E’ il Santo Graal del file sharing”, ha proclamato Ras Kabir, presidente di EarthStation5. “Gli utenti non dovranno più preoccuparsi di cosa condividono e con chi, dato che ora saranno del tutto anonimi”.

Kabir ha spiegato che ES5 ha richiesto oltre un anno di sviluppo ed include meccanismi di sicurezza quali la crittografia SSL (Secure Socket Layer), in grado di prevenire che qualcuno controlli le attività degli utenti, e l’uso di server proxy, capaci di nascondere l’indirizzo IP degli “scambisti” digitali. Grazie all’integrazione con il noto tool gratuito PGPDisk, ES5 è poi in grado di criptare l’intera cartella di condivisione dei file così che solo l’utente possa visualizzarne il contenuto.

Al fine di rendere assai più difficile la vita a quei provider che tentassero di bloccare il traffico dati relativo alle attività di file sharing, EarthStation5 ha fatto in modo che il proprio client utilizzi porte di comunicazione casuali, firewall, IP Multicast e connessioni criptate basate su UDP (User datagram Protocol), un protocollo di Internet che non richiede il collegamento diretto fra mittente e ricevente per l’invio dei dati.

Accanto alle funzionalità per la sicurezza e la privacy, ES5 include funzioni per fare l’anteprima dei file in download, integra un server Web, supporta il resume e mostra solo i file effettivamente on-line. ES5 integra poi dei filtri che i genitori possono utilizzare per bloccare l’accesso ai propri figli di alcuni tipi di contenuti. In un client di file sharing di nuova generazione non potevano poi mancare le funzionalità di messaggistica e chat, quest’ultima anche audio/video.

Nel proprio sito Web EarthStation5 sottolinea come il suo team sia costituito da giordani, israeliani, palestinesi, indiani, americani e russi. “Che ci crediate o no – afferma l’azienda – ci amiamo e rispettiamo a vicenda”.

Qualunque sia l’etnia o la religione delle persone che compongono lo staff di EarthStation5, non è chiaro come questa piccola azienda si finanzi o intenda finanziarsi nel futuro: per il momento il client sembra effettivamente “pulito”, ossia privo di sponsorizzazioni o programmi spioni, e non contiene servizi a pagamento. L’azienda tuttavia già fornisce, sul proprio sito, un contatto commerciale (sales@earthstationv.com) che lascia intuire la volontà, da parte dei creatori di ES5, di generare profitti dalla propria attività. Sarebbe d’altro canto davvero curioso il contrario.

La versione 1.0 del software ha una dimensione di quasi 4 MB e può essere scaricata da qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    GOOGLE? E GLI ALTRI?
    Cara Polizia & C., avete MAI navigato?Avete mai utilizzato MSN o meglio acceduto ad un qualsiasi portale "ufficializzato" italiano? Programmi di SISTEMA e LINK DI DEFAULT che portano DRITTI DRITTI verso programmi .EXE e così via.... Ma di cosa stiamo parlando ? E TUTTO SOTTO L'OCCHIO DI TUTTI !!!Conoscete per esempio il file sotto C:\WINDOWS\TEMP\LINKS.TXT ??? ( chi usa MSN... ) [*]E' solo un esempio ed un contributo al fine di ottenere una Rete più Pulita !!!scrive: fmr16@netground.com[*] 1) chiudete MSN - 2) cancellate il contenuto del file - 3) rendete il file SOLA LETTURA - 4) ricordate questi passagi se cancellaste i file sotto questa directory. QUESTO EVITA DI FAR APPARIRE I BANNER DI MSN ( x chi li disprezza ).
  • Anonimo scrive:
    Da quando Google se l'è presa coi Dialer
    succede questo. Il mittente è chiaro, non capisco cosa aspettino a denunciarli. La Storia dei dilaer è una vergogna.
    • Anonimo scrive:
      Da quando Google sel'èpresa col Berlusca
      - Scritto da: Anonimo
      succede questo. Il mittente è chiaro, non
      capisco cosa aspettino a denunciarli. La
      Storia dei dilaer è una vergogna.guarda qua:http://images.google.it/images?hl=it&lr=&ie=ISO-8859-1&safe=off&q=berlusconiVisto il primo risultato?hihihi... secondo me Silvio s'è incazzato e li sta punendo dovutamente
      • Anonimo scrive:
        Re: Da quando Google sel'èpresa col Berlusca

        guarda qua:
        http://images.google.it/images?hl=it&lr=&ie=I

        Visto il primo risultato?

        hihihi... secondo me Silvio s'è incazzato e
        li sta punendo dovutamentee incazzato de che?visto che gli anno fatto un favone (ops...favore) ENORME.sai...coi problemi di prostata che ha.8-D
  • Anonimo scrive:
    Google fa paura perchè è il migliore!!
    A mio parere, sì, è il miglioro motore di ricerca, ed evidentemente qualcuno sta giocando sporco per screditarlo... o solo per divertirsi un po', ma spero che cotal divertissement un po' burino gli costi caro...Max M
  • Anonimo scrive:
    Joe Job
    Così si chiama lo spam attuato per vendicarsi di qualcuno che ha danneggiato lo spammer.E non è difficile fare 2+2: questi episodi sono iniziati da quando Google ha costretto i truffatori dei dialer a uscire allo scoperto e a mettere in chiaro il "servizio" che offrivano, così quelli che sono rimasti a farsi sponsorizzare da Google hanno subito una drastica diminuzione dei click - quando la gente si rende conto di che schifosa truffa consistano i dialer, si guarda bene dal cliccare. Mentre gli altri hanno dovuto rinunciare a farsi rimbombare da Google la loro truffaldina attività.Uno di questi, che evidentemente pubblicizzava i suoi dialer con lo spam, e che si è visto finalmente colpito nella cosa a cui più teneva, il portafoglio, e ha attuato così la sua vendetta contro Google diffondendo via spam questi messaggi.
  • Anonimo scrive:
    BUONGIORNO.it = SPAM
    condo il mio modesto parere, BUONGIORNO.it è un fluidificante eccezzionale di spam, sono anni che mi sono disiscritto, ma loro ogni settimana fanno giungere qualcosa......e secondo me la mail in questione era 100% made in buongiorno.buongiorno a tutti.....
  • Terra2 scrive:
    tutta colpa del malvagio dott. K
    «Non attribuire a consapevole malvagità ciò che può essere adeguatamente spiegato come stupidità».Rasoio di Hanlon In poche parole, è inutile sprecare tempo in seghe macchiavelliche, presupponendo che dietro tutto questo ci sia una specie di "malvagio dott. K" schierato dalla parte della microsoft o di Google.Idiozie del genere possono scaturire da qualsiasi imbecille in possesso di un computer (e ce ne sono, dio se ce ne sono)...L'unica cosa logica da fare in questi casi dovrebbe essere il risalire alla fonte dello spammer e dargli una ripassata di sacrosante mazzate.
  • Anonimo scrive:
    Un fondo di falsa verità
    Secondo me il tutto è nato da qualcuno che ha capito male la funzione della GoogleBar (e soprattutto il fatto che sia, diciamo, opt-in). Vero è che vengono tracciati i siti, ma bisogna dare il consenso ed è un vero consenso informato, perchè bisogna cercarla la benedetta googlebar, non salta fuori da sola. Vero è che installa un software, ma anche qui l'utente è pienamente cosciente di quello che fa, o almeno dovrebbe esserlo.
    • Anonimo scrive:
      [OT] Un fondo di falsa verità
      - Scritto da: Anonimo
      Secondo me il tutto è nato da qualcuno che
      ha capito male la funzione della GoogleBarma che utiita' ha la googlebar?(e' una domanda vera, non una provocazione)Ho vantaggi rispetto al search di mozilla o alla barretta in alto a destra di firebird?Tra l'altro e' iperconfigurabile il search di mozilla, puoi farti semplicissimamente dei plugin con 2 righe di codice html
  • Anonimo scrive:
    da molte parti..compresa microsoft...
    alla mia ragazza di queste e mial ne sono arrivate diverse versioni utliamente (un 4/5 diverse) e una addirittura era inviata da microsoft.it (credevo fosse una FAQ ma per quel poco che ho controllato sembrava che nn lo fosse ...) , questo fa seriamente pensare ad un attacco ...
    • Anonimo scrive:
      Re: da molte parti..compresa microsoft...
      - Scritto da: Anonimo
      alla mia ragazza di queste e mial ne sono
      arrivate diverse versioni utliamente (un 4/5
      diverse) e una addirittura era inviata da
      microsoft.it (credevo fosse una FAQ ma per
      quel poco che ho controllato sembrava che nn
      lo fosse ...) , questo fa seriamente pensare
      ad un attacco ...Si, anche secondo me c'e' un attacco mediatico gravissimo in atto
    • Anonimo scrive:
      Re: da molte parti..compresa microsoft..
      - Scritto da: Anonimo...
      diverse) e una addirittura era inviata da
      microsoft.it (credevo fosse una FAQ ma per...Leggasi "e una addirittura sembrava inviata da microsoft.it" oppure "e una addirittura riportava come mittente microsoft.it".Non è la stessa cosa.....
  • Emilio scrive:
    E se fosse una manovra pubblicitaria?
    E' da un po' che me lo domando
    • Anonimo scrive:
      Re: E se fosse una manovra pubblicitaria?
      - Scritto da: Emilio
      E' da un po' che me lo domandoe da parte di chi?? qui prodest?
      • Anonimo scrive:
        Re: E se fosse una manovra pubblicitaria?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Emilio

        E' da un po' che me lo domando

        e da parte di chi?? qui prodest?beh in qualche modo credo che non possa esserlo, perche' comunque danneggia tutti, anche gugol
        • Anonimo scrive:
          Cui prodest
          Non certo a Google, ma a qualche suo concorrente, magari italiano.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cui prodest
            ...ovvero al 90% falliti totali, che non si sono accorti della fine della New Economy e si aggirano come zombie borbottando di uffici Open Space, Fringe Benefits e Stock Options...
      • Anonimo scrive:
        Re: E se fosse una manovra pubblicitaria?
        ANCORA con questo "qui prodest"....CUI prodest.......CUI... CUI... CUI....perche' giocare con il latino?non va bene se si scrive "A chi giova?"o meglio, data la difficolta' della domanda:"A chi potrebbe giovare?"
Chiudi i commenti