Esplode il caso droga musicale

L'allarme del GAT viene ripreso da agenzie e siti, su YouTube i video. Il sito del pusher digitale
L'allarme del GAT viene ripreso da agenzie e siti, su YouTube i video. Il sito del pusher digitale

Gli esperti del Gruppo Antifrodi Telematiche della Guardia di Finanza, il GAT, han messo in guardia nelle scorse ore dall’ascolto di certe musiche al buio di una stanza associate magari all’assunzione di alcol. Un avvertimento dovuto alla diffusione in rete di musiche come quelle fornite da i-doser.com e che sull’ANSA poco dopo è diventato “allarme cyber-droghe”.

Di cyber, in realtà, c’è ben poco: i brani scaricabili a pagamento ed ascoltabili – e quelli del tutto simili che vengono diffusi da tempo sul peer-to-peer e su siti specializzati – sono pensati per indurre effetti psicotropi. Il fatto che in alcuni casi ci riescano, come spiegano al GAT, è da legarsi a specifiche condizioni ambientali e all’assunzione di altre sostanze.

La nuova “era psichedelica”, che si potrebbe etichettare come l’ennesimo fenomeno di costume, da tempo si anima in rete, al punto che non sono pochi i clip video che ritraggono le presunte “reazioni da ascolto”, pubblicati ormai da mesi. Un fenomeno che, giungendo a qualche decennio dall’emergere della musica psichedelica, sta certamente rimpinguando le casse di siti come i-doser.

Qui sotto uno dei tanti filmati che si trovano online:

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

01 07 2008
Link copiato negli appunti