Esplorando Pianeta Amiga

di Pietro Bianchi. Piccolo viaggio nella principale fiera italiana dedicata alla storica piattaforma multimediale, tra nuove macchine, porting ed emulatori, appassionati e smanettoni


Firenze – Come tutti gli anni, entrare a Pianeta Amiga, la principale manifestazione italiana dedicata a questa piattaforma alternativa, svoltasi sabato 20 e domenica 21 ottobre al Palaesposizioni di Empoli (Firenze) organizzata da Jasa Comunications in collaborazione con Virtual Works , dà quasi l’idea di ritornare al passato, quando le fiere di informatica erano frequentate soprattutto da appassionati e smanettoni, punto di ritrovo obbligato per chi voleva sbarcare su questo nuovo pianeta da esplorare. Lontano dal caos che regnava allo SMAU, tenutosi negli stessi giorni, qui ci si poteva incontrare con tranquillità e parlare appassionatamente con gente “innamorata” (se mi si concede il temine) di questo sistema in particolare, e del mondo del computer in generale.

Aspettando eclatanti novità attese (già da troppo tempo) dalla casa madre del sistema, erano molte quelle proposte da produttori ed importatori, sia di Hardware che di Software. Sul fronte Hardware la principale novità era esposta da bPlan, che mostrava la scheda Pegasos in funzione. Questa nuova scheda madre, basata su CPU PowerPC G3-G4, permetterà in congiunzione con le annunciate release 4.x di Amiga OS o con il nuovo SO MorphOS, sia l’uso di programmi per PPC che l’uso delle vecchie applicazioni in maniera molto veloce tramite l’emulazione del vecchio processore 68k. La scheda, ancora un esemplare di preserie, mostrava delle prestazioni non eccelse, dovute probabilmente al fatto di dover funzionare con un SO non ancora definitivo e con il modulo di debug attivo. Molto interessante il prezzo annunciato, che dovrebbe aggirarsi intorno ai 2.000 DM per una macchina con processore G3 completa di RAM, HD, DVD e scheda video. Virtual Works presentava invece le nuove schede Mediator 4000 e G-rex, di cui è importatrice ufficiale per l’Italia. Queste schede permettono ai computer attuali di montare schede in standard PCI. Gli Amiga, infatti, usano schede con standard proprio, lo ZorroIII, ma il poter usare schede PCI standard consente di utilizzare a prezzi abbordabili tutto ciò che viene presentato sul mercato. Assenti invece le annunciate schede acceleratrici SharkPPC, dotate di processori G3-G4.

Questa edizione sarà però ricordata, sul fronte del Software, come l’edizione dei porting-emulatori. Infatti, oltre al già citato MorphOS, che permette l’uso del software attuale su PPC, la tedesca Haage & Partner ha presentato il suo Amiga OS XL , che permette di usare Amiga OS e le sue applicazioni su macchine dotate di processore x86. Il pacchetto presenta ben due emulatori, Amithlon e OS XL, funzionanti rispettivamente su di un kernel Linux e sopra QNX, che consentono l’uso di PC e laptop come se fossero delle macchine Amiga. Oltre a ciò risulta possibile utilizzare moduli ed applicazioni scritte in codice nativo x86, per massimizzare la velocità di esecuzione. In bundle vengono dati alcuni programmi di H&P, tra cui il wordprocessor Amiga Writer, il programma di disegno e fotoritocco Art Effect e il compilatore C/C++ StormC. La Cloanto presentava l’ultima versione di Amiga Forever, la suite di emulazione Amiga basata su UAE (Universal Amiga Emulator), l’emulatore di Amiga sviluppato in PD, disponibile sia per Windows, per Mac che per Linux ed altri sistemi. Questa versione, oltre ai numerosi programmi in bundle, ha come cuore dell’emulatore la versione JIT (con traduzione del codice Just In Time) di UAE.

Nel campo dell’editoria è stata presentata la nuova rivista dedicata alla piattaforma Amiga, Bitplane . A periodicità bimestrale, la rivista presenta un CD allegato come parte integrante della rivista stessa, e sarà disponibile solo per abbonamento. Presentato anche il nuovo numero della rivista su CD Amiga.it .

L’appuntamento è, in ogni caso, fissato per il prossimo anno con la nuova edizione, con l’auspicio che presenti quelle novità già da tempo preannunciate ed a lungo attese dalla comunità Amighista.

Pietro Bianchi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti