Estate, tempo di censure

Appuntamento immancabile per il Vietnam: per il secondo anno consecutivo, la calura estiva accompagnerà numerose azioni di cyberenforcement. Crackdown nazionale annunciato nei prossimi giorni


Roma – Ogni estate, immancabilmente, il governo di Hanoi parte all’assalto dei cyberdissidenti . Si tratta del secondo crackdown nazionale per contrastare la proliferazione di sacche digitali di resistenza antigovernativa. Nell’ottica della gerarchia socialista, l’ombrello dell’illegalità telematica comprende ogni sito o servizio on-line attraverso cui siano diffuse informazioni non autorizzate dall’amministrazione.

Forti di una recente legislazione ad hoc , che bandisce inequivocabilmente ogni forma di dissidenza telematica, le autorità Vietnamite incalzano la diffusione della cosiddetta informazione malevola . Un insieme onnicomprensivo che va dai portali delle grandi testate giornalistiche occidentali fino ai forum autogestiti, uniche oasi per la libertà d’espressione dei cittadini vietnamiti.

Il Ministero per la Cultura e l’Informazione, a capo di ogni infrastruttura comunicativa digitale e tradizionale, ha lanciato l’allarme alle 64 prefetture regionali che compongono il Vietnam. Entro la prossima settimana inizieranno controlli a tappeto in tutte le maggiori città. La task-force per la sicurezza telematica inizierà i controlli partendo dagli Internet-cafè, frequentati per lo più dai giovani. In Vietnam, nonostante le dichiarazioni delle autorità, si ritiene che solo una minima parte di tutti gli utenti utilizzi la Rete per cercare informazioni e notizie. La maggior parte dei cittadini (oltre il 70%) fa un uso limitato della Rete: email, chat, ma sopratutto i videogiochi multigiocatore.

Entro tempi brevissimi circa 7.000 siti vietnamiti saranno sottoposti comunque ad attenti e spietati controlli. Questo innovativo ufficio censura , incaricato di salvaguardare l’integrità culturale dei Vietnamiti, è costato dobloni in quantità all’erario di Hanoi. E’ dotato di tecnologie occidentali e può contare sull’appoggio di un sistema di firewall governativi, del tutto simile a quello della vicina Cina. Infatti, ogni ISP sul territorio (nonché ciascuno dei numerosi Internet-cafè), è alle dipendenze dell’unico gateway nazionale che apre l’accesso alla Rete: si tratta di Vietnam Data Communications, a gestione completamente statale.

Questo significa irrimediabilmente una vita assai difficile per il popolo della Rete vietnamita, in crescita costante sin dal 1997 (anno in cui iniziò l’informatizzazione di massa). Reporters Sans Frontiers ha sottolineato ripetutamente la criticità della situazione in Vietnam: nel solo 2003 sono stati chiusi e censurati numerosissimi portali di informazione, tra cui il promettente Viet.net , che si proponeva di essere la prima testata digitale libera.

Il 17 giugno del 2003 venne arrestato Pham Hong Son per un reato gravissimo: infrazione all’articolo 80 del Codice Penale vietnamita. La sua colpa: aver tradotto e messo on-line un documento dell’ambasciata statunitense di Hanoi, intitolato “Cos’è la democrazia?”. Per i tribunali vietnamiti si trattò di spionaggio , un reato punito con molti anni di carcere. Quanti dissidenti finiranno stavolta nella rete ordita dal governo?
(Tommaso Lombardi)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Spezziamo una lancia per il DDT
    Ho comperato da circa 2 settimane il decoder versione Zapper (non interattivo), e vivo in una casa indipendente priva di antenna sul tetto (utilizzo la classica antenna da interni). Qual'è il risultato ? Prima vedevo la televisione con molti disturbi, provocati anche dai motorini che passavano vicino alla mia abitazione.Ora, con il decoder, alla faccia dei disturbi, posso vedere perfettamente la TV, o almeno i canali Mediaset e La7, poichè la RAI ancora non da copertura nella mia zona.Giudizio ? Molto, molto, molto soddisfatto (per adesso).Altre esperienze di questo tipo ???? Scrivete.
  • Anonimo scrive:
    Re: La mia esperienza con il DTT
    personalmente ritengo il dtt sia una cosa inutile, ma cmq apparte questo hai ragione tu la sperimentazione e' stata poca e i risultati si vedono certo non vale per tutti, infatti ci sono dei post che lo dimostrano.Ma la sua inutilita' per adesso lo dimostra il fatto che non copre tutto il territorio nazionale, che debbo pagare un sacco di soldi per avere cio' che gia' ho, che come detto in un post precedente il fatto e' tutto di sintonizzazione, ma come ha ricordato lo stesso vai a sintonizzare tutte le antenne dei condomini, quando gia' e' difficile mettersi d'accordo per fare una riunione figuriamoci ritarare le antenne.cmq berlusca sara' contento, (una societa' controllata da mediaset produce dei componenti per il nostro box interattivo) e' solo il tempismo di una cosa inutile ha salvato rete 4, in poche parole ragazzi ogni volta che comprate un box dtt, pagate anche una tamtum per far restare quella rete abusiva che e' rete 4.E' investire su qualcosa di utile, dal software libero alla ricerca, ad altre cose utili, guia non saremmo italiani.piccolo anedota di perche' L' italia e un paese di geni ma in campo tecnologico non e' tra i primi (marconi quando invento' la radio, per pratiotismo regalo' la sua invenzione alle poste, ma la risposta fu' "non sappiamo che farcene") sono queste le cose belle della vita.
  • Anonimo scrive:
    Re: La mia esperienza con il DTT
    Invece la mia è tutta diversa. Appena acceso, ho scoperto che da me, lo Stato o Mediaset come vogliamo chiamarlo, non riavrà mai indietro il suo bonus oltre ad altri guadagni con l'interattività. Ho provato a sbirciare e ho visto -finora, ma magari mi sbaglio- che si interagisce tramite telefono e a 'pagamento' di cifre non proprio modeste. Questo per votare Il grande fratello ed altre amenità del genere. Prendo la sfera di cristallo: una volta terminate le trasmissioni analogiche e avviate quelle digitali, appariranno dei fastidiosi 'banner' sullo schermo che andranno via solo se si interagirà con la tv. E a pagamento.
  • Mariobusy scrive:
    Re: La mia esperienza con il DTT
    - Scritto da: Anonimo

    In realta' il decoder non l'ho preso ma fra
    amici e colleghi ne ho installati piu' di
    uno e li ho programmati, mitivo per cui ho
    deciso al momento di non prenderli.

    Riassumendo in breve:

    Impianto di ricezione , in 3 casi su 4 ha
    funzionato subito, nel quarto ancora
    irrisolto c'e' un proble,a di riflessi per
    cui squadretta l'immagine pesantemente;megaCUT
    svantaggio. Ho raccolto informazioni sul
    tipo di compressione avendo esperienza nel
    campo per lavoro e a conti fatti assumo che
    il massimo che si possa chiedere ad un
    canale uhf e' di 2 canali Dtt mentre qui ne
    mettono 4 per frequenza e il risultato si
    vede.

    La mia conclusione e' che oltre a risentire
    dei limiti della mancata sperimentazione il
    sistema e' stato gestito male infilando su
    pochi dati piu' canali di quanti ne potesse
    reggere, per il momento non penso che lo
    aquistero' perche' finirebbe fermo come
    soprammobile come quelli che ho montato che
    dopo 2-3 giorni praticamente non li hanno
    piu' accesi.Puoi dirci in quale zona hai fatto queste brutte esperienze?Grazie
  • Anonimo scrive:
    Re: il digitale terrestre... uno specchi
    - Scritto da: Anonimo
    il digitale terrestre, e una e propria
    trappola per polli.
    il perchè e presto detto. il cliente
    si prende il decoder con contributo statale
    e bla bla bla. e a questo punto scatta la
    trappola. quando si al atto del contratto di
    vendita, si deve rilasciare il proprio codce
    fiscale e la ricevuta del'ultimo pagamento
    della Rai. e a questo punto, vi siete messi
    il cappio al collo da soli! con il codice
    fiscale, vi inseguiranno per
    l'eternità obbligandovi a pagare la
    tassa per la Rai!seppure a mio avviso ingiusto, il canone rai è in realtà una tassa sul possesso di apparecchi radiotelevisivi, quindi antenna terrestre, dtt o satellite la devi pagare comunque...cosa vorresti dirmi che hanno investito milioni di euro nel digitale terrestre per essere sicuri che tutti paghino il canone?
  • Anonimo scrive:
    Re: La mia esperienza con il DTT
    Io sono un appassionato di home-cinema ed oltre a DVD, impianto audio dolby ecc... ho anche il decoder digitale terrestre.Mi spiace dissentire su quanto hai detto in merito alla qualità video ma una delle cose che vado a cercare sono proprio gli artefatti e su tutte le 3 reti Mediaset (le uniche che per ora riesco a prendere con il DT) e altri canali multiplexati sulle stesse frequenze non ho trovato un solo artefatto... salvo rarissimi casi in cui vi sono scene molto moivimentate. Nel complesso la qualità è sì inferiore ai DVD (media 5Mbit) ma di gran lunga superiore all'analogico !Per quanto riguarda la ricezione si tratta solo di sintonizzare l'antenna... nel mio caso essendo condominiale è purtroppo un problema non indifferente ma questo non significa che la tecnologia non rende, anche allo tato attuale.
  • Anonimo scrive:
    Re: Interattività e ricezione, ecco il p
    Fintanto che trovano imbecilli disposti a pagare tanti bei soldini per un voto che non vale nulla...Personalmente già guardo poco la TV, figuriamoci se mi metto a butar via soldi per il voto interattivo 8)
  • Anonimo scrive:
    il digitale terrestre... uno specchietto
    il digitale terrestre, e una e propria trappola per polli.il perchè e presto detto. il cliente si prende il decoder con contributo statale e bla bla bla. e a questo punto scatta la trappola. quando si al atto del contratto di vendita, si deve rilasciare il proprio codce fiscale e la ricevuta del'ultimo pagamento della Rai. e a questo punto, vi siete messi il cappio al collo da soli! con il codice fiscale, vi inseguiranno per l'eternità obbligandovi a pagare la tassa per la Rai!quindi gente, non fatevi fregare. e prendetevi la parabola piuttosto.P.S. se vi capita il canone da pagare e scoprite che Sky, a dato i vostri dati personali alla Rai senza il vostro consenso,( quando fate il contratto non autorizzate l'uso dei vostri dati personali), gli spedite una bella denuncia. perche è un reato bello e buono!
  • Anonimo scrive:
    Datemi retta meglio la parabola
    Ne ho montati e settati 10 a casa di alcuni amici che non volevano darmi retta sono una cosa inutile la qualità è penosa l'audio è uno stereo normale e la scelta è veramnte limitataCONCLUDENDO COMPRATE SOLO IL SATELLITARE LA SPESA ORMAI è SIMILE MA LA QUALITà MOLTO MAGGIORE
  • Anonimo scrive:
    Re: Digitale terrestre: la grande bufala
    secondo voi esiste il modo di sapere quanto costa avere un canale su satellite?Come fanno alcune emittenti locali ad essere su satellite?
  • Anonimo scrive:
    Re: Interattività dell'abat-jour
    Beh, guarda che tempo fa avevano fatto una specie di gioco o sondaggio usando proprio l'abat-jour come "feedback" da parte dei telespettatori. :-DIn realtà monitoravano il consumo totale di corrente dell'italia (mah, scrivendolo mi viene da ridere, mi sa che era una blinda!!) e dicendoti "se voti SI spegni tutto ora!" avevano un responso.Esperimento naufragato...Chissà se me lo sono sognato o e' successo veramente?Cacchio, devo revisionare il cervello non riconosco piu le mie caxxate dai ricordi "veri"....
  • Anonimo scrive:
    Re: Digitale terrestre: la grande bufala
    - Scritto da: johndoe

    2) E' assai + costoso del satellite. Per

    coprire l'italia occorrono centinaia di

    ripetitori, il satellite costa una
    frazione.

    A pelle faccio fatica a crederci, hai
    sottomano qualche link a qualche case study
    serio?

    Sul resto, ahimè, concordo...Purtroppo non ho trovato nulla, ma allo stato di sviluppo attuale, è certamente + onerosohttp://www.sat-net.org/cgi-bin/coranto/viewnews.cgi?id=EpyukVuVukTJGKiwEf
  • Anonimo scrive:
    La mia esperienza con il DTT
    In realta' il decoder non l'ho preso ma fra amici e colleghi ne ho installati piu' di uno e li ho programmati, mitivo per cui ho deciso al momento di non prenderli.Riassumendo in breve:Impianto di ricezione , in 3 casi su 4 ha funzionato subito, nel quarto ancora irrisolto c'e' un proble,a di riflessi per cui squadretta l'immagine pesantemente; i ripetitori tv sono disposti su 180 gradi e la vicinanza e' tale che pasta toccare la presa antenna per un dito per vedere a colori e sentire bene almeno 25 canali, alcuni affirittura si vedono come con l'antenna attaccata quindi la prova e' poco significativa visto l'abbondanza di segnali tv che inquina la zona come denunciano periodicamente gli abitanti della zona.Disponibilita' dei canali, ne ho contati 16 di cui tolti gli ordinari ne rimangono alcuni di nuovi; in realta' a casa ho un vecchio dvb satellitare come quelli che vedono a 99 euro e quei canali ri prendo gia' da hotbird, potrei anche usare il dtt al posto del satellite se non fosse per il mostruoso calo qualitativo.La disponibilita' di canale del Dvb e' nettamente superiore, se vi vanno bene anche i canali non italiani con il dualfeed almeno 300-400 gratuiti li trovate, contante anche qualche centinaio radio gratuiti. Lo svantaggio del Dvb e' che i canali Rai e Mediaset codificano alcuni programmi mentre sul Dtt restano comunque visibili come sull'analogico.Portabilita': Dvb e Dtt richiedono entrambi un ricevitore per tv, il Dvb ha lo svantaggio di richiedere dei convertitori/illuminatori a piu' uscite di cui una per ogni ricevitori con cavi addizionali; ogni uscita extra sono 8 euro in piu' di spesa ad occhio e croce. Qualita': pessima, sul Dtt solarizzazione elevata e artifatti visibili a 5 metri su tutti i canali mentre sul plasma da 42" e' pressoche' inguardabile, la qualita' media e' pari a quella del peggiore canale satellitare dvb che si possa trovare zappando sengno che i bitrate in uso sono estremamente bassi; il rapporto qualitativo con i canali analogici e' disarmante, almeno considerando che qui essendo il segnale fortissimo la ricezione dei canali analogici e' ottima, l'unico vantaggio del Dtt e' un minore rumore di fondo che di fronte alla solarizzazione pesante diventa uno svantaggio. Ho raccolto informazioni sul tipo di compressione avendo esperienza nel campo per lavoro e a conti fatti assumo che il massimo che si possa chiedere ad un canale uhf e' di 2 canali Dtt mentre qui ne mettono 4 per frequenza e il risultato si vede.La mia conclusione e' che oltre a risentire dei limiti della mancata sperimentazione il sistema e' stato gestito male infilando su pochi dati piu' canali di quanti ne potesse reggere, per il momento non penso che lo aquistero' perche' finirebbe fermo come soprammobile come quelli che ho montato che dopo 2-3 giorni praticamente non li hanno piu' accesi.
  • johndoe scrive:
    Re: Digitale terrestre: la grande bufala

    2) E' assai + costoso del satellite. Per
    coprire l'italia occorrono centinaia di
    ripetitori, il satellite costa una frazione.A pelle faccio fatica a crederci, hai sottomano qualche link a qualche case study serio?Sul resto, ahimè, concordo...
  • TPK scrive:
    Re: Interattività e ricezione, ecco il p
    - Scritto da: Anonimo
    E' sempicemente assurdo costringere (spesso
    ingannare) le persone a pagare una
    connessione Internet tra l'altro verso
    numeri a tariffazione speciale per poter
    utilizzare l'interattività quando un
    numero sempre crescente di famiglie
    possiedono già una connessione flat
    ADSL o FastWeb !Invece uno degli scopi e' proprio quello di farsi pagare per fornire l'interattivita'.Se ci fai caso, per votare ai reality show (GF & company) devi chiamare un numero a tariffazione speciale o inviare un sms che ti abilita a ricevere un sms "di contenuto" (un modo per fare micropagamenti via cellulare).Non vorrai mica che con il digitale terrestre Mediaset e Rai rinuncino ai soldi degli spettatori che telefonano per votare per il loro personaggio preferito!
  • Anonimo scrive:
    Digitale terrestre: la grande bufala
    1) E' una tecnologia allo stato embrionale, il decoder che compri oggi è ben lontano dall' essere quello definitivo.2) E' assai + costoso del satellite. Per coprire l'italia occorrono centinaia di ripetitori, il satellite costa una frazione. 3) Ha l'interattività di un lampadario4) E' stato spinto così spudoratamente dal governo x salvare rete 4, che già da un pezzo doveva andare sul satellite per lasciare la sua frequenza a una delle reti di Francesco di Stefano.http://www.disinformazione.it/intervistadistefano.htmhttp://www.igirotondi.it/distefano.htmo, per il video, cercate con il p2p "intervista a Francesco di Stefano", o simili...Da rabbrividire...Ciao Pier
  • Anonimo scrive:
    Re: E' ovvio...
    - Scritto da: Anonimo
    ma il 14 di questo mese il nanetto lo
    mandiamo a casa!!!;)Al massimo lo mandiamo in Europa :pAnche se perdesse le europee ti ricordo che le elezioni politiche italiane sono nel 2006. Pensi che il governo cadra' prima di allora?
  • Anonimo scrive:
    Re: E' ovvio...
    ma il 14 di questo mese il nanetto lo mandiamo a casa!!!;)
  • johndoe scrive:
    Interattività dell'abat-jour
    Signori, ma credete veramente che ci sarà una vera interattività? Che sarà possibile svolgere un ruolo attivo (o, almeno, reattivo) su temi di sostanza?Faccio una previsione: per un programma che magari sonderà le opinioni in modo serio (qualunque significato si voglia attribuire al termine) ve ne saranno 100 nei quali si dovrà optare per il taricone di turno.Come da subject, la mia abat-jour ha la stessa interattività.
  • Anonimo scrive:
    Interattività e ricezione, ecco il punto
    Il discorso ricezione è quanto di più complesso vi possa essere in quanto le realtà sono diverse.C'è chi ha un impianto vecchio e mal sintonizzato, quindi in un caso o nell'altro dovrà adeguarlo e c'è chi ha un impianto più recente e perfettamente sintonizzato ma anche in questo caso potrebbe non ricevere tutti i canali digitali perché i ripetitori non sempre sono gli stessi delle frequenze analogiche quindi l'antenna adrebbe nuovamente orientata.In un caso o nell'altro i più fortunati saranno coloro che abitano in una villetta perchè convincere tante famiglie di un condominio che nel 90% dei casi neppure sanno cosa significa "digitale" a chiamare l'antennista e cacciar fuori i soldi è impresa titanica !Nel mio caso riesco perfettamente a ricevere i canali trasmessi da Mediaset (le 3 reti del Berlusca oltre ad una manciata di altri canali trasmessi sulle stesse frequenze) ma non c'è verso di vedere i canali RAI o La7 ne tantomeno di convincere gli altri condomini a chiamare l'antennista...Ad ogni modo essendo nel settore delle telecomunicazioni sapevo di questo problema già prima ma senza avere un decoder in mano o costosi strumenti di misurazione del segnale non puoi sapere a priori cosa riceverai e cosa no. Prima grande pecca di questo sistema !Per i canali che riecevo tuttavia la qualità del digitale è ottima e senza paragoni con quella analogica... immagini pulite, audio senza alcun fruscio (e finalmente in stereo anche per Mediaset) applicazioni interattive molto limitate per ora ma con diverse possibilità per il futuro.Qui però viene fuori l'altra pecca nella quale però l'Italia in questo caso non ha colpa (sebbene qualcuno su questo ci mangia sopra). Da specifiche MHP l'interattività bidirezionale viene implementata tramite connessione modem !!! Poteva andare bene 10 anni fa... ma ora anche da noi è fuori luogo ! Avessi progettato io le specifiche come minimo avrei reso obbligatori tre sistemi:- Modem analogico- Modem ADSL- Connessione EthernetE' sempicemente assurdo costringere (spesso ingannare) le persone a pagare una connessione Internet tra l'altro verso numeri a tariffazione speciale per poter utilizzare l'interattività quando un numero sempre crescente di famiglie possiedono già una connessione flat ADSL o FastWeb !Purtroppo non tutte le ciambelle escono con il buco e il DT se da un lato è natto con le migliori intenzioni dall'altro rimane pieno di pecche che andrebbero riviste/corrette !
  • Anonimo scrive:
    Non la dicono tutta sull'interattività
    Spot su spot e trasmissioni varie...Mai sentito dire che l'interattività avviene attraverso un modem connesso alla linea telefonica.Altro che tutto gratuito come dicono.
  • Anonimo scrive:
    non la dicono tutta sulla copertura
    e già.. i decoder li dovrebbero vendere solo nelle zone con copertura verificata Il digitale richiede una copertura ottima sul territorio ..se no non se vede ..praticamente ci sono zone d'italia in cui già oggi non sono coperte da quello analogico figuriamoci per il digitale..dovrebbero inserire nuovi ripetitori non credo che lo faranno..perchè vorrebbe dire spendere tanti soldini..quindi tentano di rifilarlo a tutti prima di acquistarlo verificate se c'è la copertura ma non fidatevi della cartina che fanno vedere loro chiedete se nellla zona in cui abitate la copertura c'è veramente e se è ottima se no vi consiglio di non acquistarlo
  • Anonimo scrive:
    Re: E' ovvio...
  • cico scrive:
    Re: E' ovvio...
    updated: post seppellito nella fossa comune delle ics rosse-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 aprile 2006 22.26-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    Re: E' ovvio...
  • Anonimo scrive:
    Re: E' ovvio...

    In quale estero? In tutti gli Stati esteri
    si sta sviluppando il DTT.
    Forse non lo sai, ma lo switch-off (lo
    spegnimento delle freq. analogiche) a breve
    coinvolgerà tutta l'Europa. Noi
    ovviamente (secondo te) dovremmo rimanere a
    guardare. Ma è giusto...cosìLo so benissimo... non dico che non dovevamo passare al dtt... era inevitabile che ci passassimo anche noi.Vedi caro mio... negli alti paesi europei a differenza dell'italia non c'è un presidente del consiglio che possiede metà delle tv nazionali e controlla la restante metà !!!!!E negli altri paesi non sta succedendo che il passaggio al dtt stia avvenendo in cosi poco tempo e in maniera cosi male organizzaza (si parla di switch off spostato al 2010) !!!!E negli altri paesi europei non stanno avvenendo le tante porcherie descritte prima che il tuo caro Berlusca sta combinando !!!In definitiva accendi il cervello prima di parlare!Ciao ciao schiavo del cavaliere !
  • Anonimo scrive:
    Re: E' ovvio...

    Che schifo.... ho tanta voglia di vivere all'estero !!!In quale estero? In tutti gli Stati esteri si sta sviluppando il DTT.Forse non lo sai, ma lo switch-off (lo spegnimento delle freq. analogiche) a breve coinvolgerà tutta l'Europa. Noi ovviamente (secondo te) dovremmo rimanere a guardare. Ma è giusto...così era colpa di Berlusconi se non c'era stato lo switch off anche da noi. Ma va...ma va...
  • Anonimo scrive:
    E' ovvio...
    che si tratta di spot ingannevoli.d'altronde ormai anche i muri sanno che gli spot li fanno così per fare sembrare questa tecnologia tutta rose e fiori quando in realtà sappiamo tutti che è una tecnologia che Berlusconi sta spingendo solo per continuare indisturbato nel rafforzamento delle sue TV !!D'altronde come si spiegano gli enormi finanziamenti per i decoder interattivi dai prezzi supergonfiati (chissa come mai) di 300 e rotti euro a decoder !!!!Ma dico io.... è chiaro che le case costruttrici speculano sul prezzo visto che c'è un finanziamento così grosso e tempi cosi stretti.... voglio vedere se quando la situazione sarà a regime i decoder interattivi costeranno 300 350 euro... ma per favore !!!!Il prezzo giusto è 100-150 euro non di + !Quindi, non solo stiamo letteralmente "regalando" soldi pubblici alle case costruttrici, ma dobbiamo anche pagare la differenza e pagare l'antennista nel caso (molto frequente) che si debba aggiornare l'impianto centralizzato !E dobbiamo pagare anche per comprare altri decoder dtt per le altre tv della casa (un decoder per tv), o sostituire le tv vecchie con tv nuove col dtt incorporato !!!!E non parliamo dell'acquisto delle frequenze del DTT.... la RAI le sta acquistando coi nostri soldi (canone), MEDIASET invece le ha comprate tramite l'enorme aumento delle sue quote pubblicitarie che il SIC della legge gasparri prevede !!!E in tutto questo marasma chi ci guadagna a dismisura ????Ma è ovvio, Berlusconi !!!!!Rafforza le sue reti, continua a tenere rete4 a tempo indefinito con frequenze abusive, si rafforza sulla rai... e molto altro ancora che mi astengo dal riportare perchè ci vorrebbero ore e ore !!!!Che schifo.... ho tanta voglia di vivere all'estero !!!
Chiudi i commenti