Facebook, altra gaffe sulla privacy?

In fase di sperimentazione una nuova feature per l'aggiornamento in tempo reale delle attività di condivisione social. Ma un bug permetterebbe la visione selvaggia di contenuti ristretti ai soli amici. Il sito in blu prova a chiarire

Roma – Rivelazioni cinguettanti , che hanno portato alla luce un nuovo bug tra i vasti meandri di Facebook. Un gruppo di utenti della piattaforma di microblogging Twitter ha sottolineato come una pericolosa falla affligga l’ennesima feature annunciata dal sito in blu, attualmente in fase di sperimentazione per una cerchia ristretta di profili .

Il nuovo servizio lanciato da Facebook si chiama Happening Now ed è un flusso d’aggiornamento parallelo a quello principale posizionato al centro della homepage di un singolo profilo. Un secondo riquadro è stato infatti piazzato sulla destra di un numero selezionato di bacheche, contenente le ultimissime novità in tempo reale dei vari amici .

Aggiornamenti di stato, condivisione di link e fotografie, check-in sociali . Happening Now intende dunque aggiornare gli utenti su tutto quello che accade in un preciso istante dell’esistenza virtuale. Un bug pare però affliggere la feature , scatenando subito la girandola delle critiche da parte dei difensori della privacy. Oltretutto già piuttosto adirati per il precedente servizio di riconoscimento facciale.

In sostanza , il suddetto bug permetterebbe ad un determinato utente di visionare contenuti – ad esempio, fotografie – precedentemente limitati ai soli amici . Da Happening Now è dunque possibile aggirare le restrizioni qualora un amico in comune abbia commentato una foto caricata da un profilo X e destinata alla visione dei soli profili amici.

Un portavoce di Facebook ha subito sottolineato come non si tratti di un bug, ma semplicemente del solito meccanismo di condivisione dei contenuti sul sito in blu. Gli utenti potranno disabilitare la feature attraverso le impostazioni a tutela della privacy . E ancora una volta Facebook ha implementato di default un suo servizio, anche se ristretto a pochi utenti.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • marino rossi scrive:
    io lo uso da 45 giorni
    e sono contentissimo! il mio browser che supporta flash non ha paragoni: 100 volte meglio di ipad!!
  • Findi scrive:
    non lo so....
    ho pochissima fiducia....non credo che sfonderà mai...:-)
  • Doh scrive:
    No, non è andato malissimo...
    ...è stato un disastro epico: crollo in borsa di RIM il giorno dopo l'annuncio dell'apparecchio, vendite del 90% inferiori al target prefissato, centinaia di macchine ritirate dai negozi per un grave problema software... ci credo che il management RIM si sia detto "proviamo a venderlo nel terzo mondo (cioè fuori USA), che là sono di bocca buona: hanno comprato iPad, figuriamoci se non riusciamo a vendergli questa ciofeca"...
  • bellali scrive:
    Un table coi fiocchi...
    Che continua a migliorare col passare del tempo e degli aggiornamenti dell'os qnx.
    • sadness with you scrive:
      Re: Un table coi fiocchi...
      fiocchi d'avena...
    • Francesco scrive:
      Re: Un table coi fiocchi...
      Purché RIM spetta di rincorrere le pippe di Apple e simili.Purtroppo il BB continua sempre più ad assomigliare ad uno smartphone da adolescenti, con l'ultima versione del SO ci sono delle clausule capestro sulla geolocalizzazione, ed infine continuano a non farti sfruttare appieno le connessione WiFi.Ubi strumento business deve permetterti anceh di andare su Twitter o FB, ma non trovo inteligente dare la precminenza a questi servizi e poi rilegare in secondo piano gli strumenti di produttività.Che continuino a curare il mercato business, altrimenti non ha senso rimanere ingabbiati dentro un HW ed un SO chiusi e nemmeno tanto performanti.
Chiudi i commenti